HomeChi siamoContattiComunicatiPrivacyDisclaimer
 Domenica 20 gennaio 2019
Boxhdl 250x125
Logo IdeeIdeas
Manchette Destra 250x125

  Beauty/Moda Casa/Benessere Comunicazione Eventi Food/Beverage Hi-Tech Fotonotizie Media Motori

Programmi Retail Servizi Viaggi Sport Entertainment Digital Riflettori Puntati


 FAST NEWS

 FOCUS

GDPR, questo sconosciuto. PHD Italia presenta
’L'insostenibile leggerezza del dato‘


Gli italiani sono preoccupati per la privacy online, ma non così attenti a proteggerla, consapevoli del valore commerciale dei dati personali, ma poco informati sul loro effettivo utilizzo. Uno su tre vorrebbe avere un maggiore controllo sulle informazioni che fornisce alle aziende, anche perché solo il 15% crede nella trasparenza delle aziende rispetto alle politiche di gestione dei dati personali dei clienti. Tre italiani su 5 vorrebbero denaro contante in cambio della cessione dei propri dati, in media 90 euro al mese


(19 novembre 2018) - A sei mesi dall'applicazione nei Paesi europei del nuovo regolamento europeo GDPR (General Data Protection Regulation), PHD Italia (agenzia media, di comunicazione e marketing di Omnicom Media Group ) torna a indagare sull'atteggiamento degli italiani nei confronti della protezione dei dati personali con una nuova tranche della ricerca ‘L'insostenibile leggerezza del dato. La nuova wave conferma il ritratto contraddittorio degli italiani in materia di privacy online: preoccupati ma non così attenti a proteggerla, consapevoli del valore commerciale dei dati personali, ma poco informati sul loro effettivo utilizzo. Desiderosi, comunque, di avere un maggiore controllo sulle informazioni fornite, perché poco convinti della trasparenza delle aziende.

GDPR, questo sconosciuto
La ricerca evidenzia una conoscenza ancora limitata della nuova regolamentazione europea sul trattamento dei dati e una scarsa consapevolezza della sua importanza: il 44% degli intervistati non ha mai sentito parlare del GDPR e un altro 27% l'ha sentito nominare ma non sa di cosa si tratti. Il 55% del campione lo identifica correttamente nel ‘nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali’, ma nel restante 45% regna la confusione tra chi lo indica come la ‘nuova authority per la privacy’ (12%), il ‘nuovo sistema operativo che protegge la privacy’ (9%), ‘una strategia delle aziende per accedere ai dati personali per scopi di marketing’ (6%), un nuovo software per proteggere la privacy online (5%) e chi non ne ha proprio idea (13%). Necessità e utilità del provvedimento, inoltre, non sono unanimemente condivise: a fronte del 32% e del 27% degli intervistati che lo considerano rispettivamente “uno strumento utile per la tutela della privacy” e “uno strumento necessario e fondamentale per porre un freno alle ripetute violazioni della privacy”, per il 24% del campione si tratta solo di “una formalità” e per il 17% di “un'inutile complicazione burocratica”.

Valore e potere dei dati
Più di sette italiani su dieci (73%, in aumento rispetto al 70% della precedente rilevazione) si dichiarano consapevoli del valore commerciale dei propri dati personali, il 50% (sei mesi fa era il 47%) concorda nella definizione di “moneta di scambio per contenuti gratuiti sul web”. Ma alla domanda “In che modo vorresti essere ricompensato per la condivisione delle tue abitudini?” la maggioranza degli intervistati (il 62% del campione) sceglie come risposta “con del denaro” e quando si tratta di dare un “prezzo” a queste informazioni a vincere nella quotazione è la sfera intima: se uno su cinque accetterebbe, infatti, di essere monitorato negli spostamenti per 50 euro al mese, per le abitudini sessuali ne chiederebbe il doppio; più di cento euro, per uno su tre, per le informazioni medico sanitarie. Accanto al concetto di valore del dato si fa strada anche quello di potere del dato: il 59% degli italiani si dice infatti convinto del fatto che un utilizzo improprio dei dati personali possa manipolare la democrazia.

Dati e trasparenza: poca fiducia nelle aziende
Che cosa si aspettano gli italiani? Uno su due (54%) ritiene le istituzioni responsabili della protezione dei dati personali e della privacy, per il 66% il governo dovrebbe intervenire di più nella regolamentazione e il 68% vorrebbe avere un maggiore controllo sulle informazioni che fornisce alle aziende, anche perché solo il 15% del campione si dice convinto della trasparenza delle aziende rispetto alle politiche di gestione dei dati personali dei clienti. Quasi la metà degli italiani, inoltre, (il 45% del campione, in crescita di oltre 20 punti rispetto al 31% di sei mesi fa) prevede che le loro scelte di acquisto potrebbero essere influenzate dal livello di trasparenza sul trattamento dei dati offerto dall'azienda del prodotto o servizio che intendono acquistare.

Preoccupati ma pigri
Preoccupazione e consapevolezza sul tema dei dati personali non si traducono nell'adozione di comportamenti utili a contenere i rischi. Circa sei italiani su dieci (59% del campione contro il 62% di sei mesi fa) si dicono preoccupati per la privacy online e sette su dieci (71% contro il 67% di sei mesi fa) dichiarano che la preoccupazione, rispetto al passato, è sensibilmente aumentata. Solo il 52%, però, si definisce “molto attento” alla protezione della propria privacy online, percentuale che sale invece di molti punti, al 68%, quando si tratta di proteggere la privacy dei minori. Il 42% del campione confessa che condividere informazioni personali in rete lo spaventa, ma una percentuale analoga (40%), quando valuta il consenso al trattamento dei dati personali, dichiara di cliccare su “consenti” leggendo velocemente o non leggendo affatto. Solo uno su cinque (22%) si descrive come “sempre consapevole” per quanto riguarda il trattamento dei propri dati. A proposito della nuova regolamentazione europea, inoltre, la maggioranza del campione dichiara di aver letto “solo alcune” (42%) o addirittura “solo le prime” (28%) delle email che facevano riferimento al GDPR ricevute in questi sei mesi. E a prevalere, dopo la ricezione delle email, è stata la conferma del consenso al trattamento dei dati (35%) o la passività (“non ho fatto niente”, dichiara un intervistato su quattro).

La gestione e lo scambio dei dati personali in rete preoccupano, in particolare, per il furto d'identità (77%), frodi informatiche e phishing (76%) e per l'utilizzo improprio dell'immagine dei minori (74%). Seguono, nella rosa delle preoccupazioni, la scarsa trasparenza sull'utilizzo dei dati personali (72%) e la cessione dei dati a terzi (69%). Eppure, se si vanno ad indagare le misure adottate negli ultimi sei mesi per proteggere la propria privacy, si scopre che anche uno fra gli strumenti più noti, la navigazione in incognito, supera di poco il 25%.

I quattro cluster
Allarme o fiducia, così come controllo o disinvoltura nei confronti dei dati personali e del GDPR, viaggiano a velocità e con sfumature diverse a seconda del “data mindset” degli intervistati che, rivela la ricerca, possono essere raggruppati in quattro profili principali: Protagonisti (16%), Antagonisti (28%), Comparse (29%) e Spettatori (27%). Nel contesto della cosiddetta “data economy”, come nella sceneggiatura di un film in cui tutti siamo chiamati ad avere un ruolo, i Protagonisti hanno maturato un alto livello di consapevolezza sul tema, sono coinvolti in prima persona nella gestione dei propri dati personali, sono attenti e informati sulle strategie e gli strumenti per tutela della privacy; gli Antagonisti sono molto preoccupati per la gestione dei propri dati personali ma incapaci di prendere in mano la situazione, sono diffidenti, ansiosi e sentono di non poter avere nessun controllo; le Comparse prendono le distanze dal tema, che considerano una questione unicamente tecnologica, sono ottimisti e si lasciano sostanzialmente trascinare dal progresso senza particolari attenzioni o strategie; gli Spettatori pensano che il tema della protezione dei dati non sia un loro problema, desiderano un maggior controllo, ma lo demandano completamente ad altri.

Commenta Alessandro Lacovara, managing director di PHD Italia: “Il 73% degli intervistati dice di sapere che i propri dati personali hanno un valore commerciale e il 62% sa bene cosa vorrebbe in cambio una volta ceduti: denaro contante. Novanta euro al mese è il prezzo medio che gli italiani chiederebbero a un'azienda per consentirle di ‘spiare’ le proprie abitudini d'acquisto e le ‘tariffe’ salgono oltre i 100 se a essere monitorate sono informazioni di tipo medico o che riguardano la propria intimità. Troppo poco? Lasciamo tracce online ogni giorno, quasi senza accorgercene, e la tecnologia le utilizza apparentemente senza sforzo. Ma questo lavoro silenzioso sta cambiando tutto e affrontare marketing e comunicazione senza capire la centralità del dato è, oggi e domani, insostenibile: i brand dovranno sempre più concentrarsi su come ottenere la fiducia dei consumatori in merito alla gestione dei dati personali e da questo dipenderà il fallimento o il successo delle aziende del prossimo futuro”.


 VIDEONOTIZIA  
ioNike premia le idee imprenditoriali al femminile, Fab firma il lancio del BioNike Award
<
Fab - La Fabbrica Creativa firma il lancio del BioNike Award, concorso promosso da BioNike a favore delle donne che fanno impresa e che premia le idee imprenditoriali al femminile. Le imprenditrici ci sono e il loro numero è in crescita, ma quando si parla di imprenditoria, quando si pensa a un amministratore delegato, a un giudice a un architetto, difficilmente viene in mente una donna: il video content alla base della campagna, ideato e realizzato dall'agenzia, gioca proprio su questo pregiudizio, per poi raccontare l'impegno di BioNike. Si può partecipare al concorso fino al 15 marzo. Info e canddiature su http://www.bionikeaward.it/.(21 gennaio 2019)
 I MEDIA ALLA BORSA DI MILANO<< <
18.01.2019AperturaMax.Min.ChiusuraΔ %
Cairo Communication3.68003.74503.60503.6500-0.54
Caltagirone Editore1.14001.17001.13501.17000.00
Class Editori0.19250.20100.19100.1935-2.03
Giglio Group3.39003.68003.18003.2900-5.73
Gedi Gruppo Editoriale0.39600.40700.39300.40200.75
Il Sole 24 Ore0.35500.36550.35400.36100.14
Italiaonline2.46502.46502.40002.4000-1.44
Mediacontech0.52600.52600.48900.4890-5.23
Mediaset2.82002.86602.79702.8260-0.67
Mondadori Editore1.72801.76001.72001.7260-0.58
Mondo TV1.53001.55601.51201.5120-1.69
Monrif0.15250.15300.14750.1475-1.67
Poligrafici Editoriale0.21100.22000.20500.21601.89
Ray Way4.39004.49004.39004.40000.11
RCS Mediagroup1.33201.36001.32201.32201.54
Triboo1.86001.91501.75501.7700-4.32
Nostra elaborazione su dati di Borsa Italiana


  FAST NEWS<< <
Tim, main partner di 'Matera 2019 - Capitale europea della cultura, vara il progetto 'Matera Immersiva'. Tim è a main partner della Fondazione Matera Basilicata 2019 per l'avvio di ‘Matera 2019 - Capitale Europea della cultura’ e mette a disposizione dell'evento le più avanzate tecnologie in campo Ict
 
Lidl Italia conferma media e strategie di marketing a Omd dopo una gara a tre. Lidl Italia ha confermato per la gestione del media e delle strategie di marketing Omd dopo una gara a tre, in cui le agenzie si sono confrontate sul planning e sul buying del mezzo tv, dove predominano gli investimenti in comunicazione dell'azienda della Gdo
 
Gaetano Thorel direttore generale di Groupe PSA Italia. Gaetano Thorel diventa dal 1° febbraio direttore generale di Groupe PSA Italia, a diretto riporto di Maxime Picat, executive vice president Europe
 
Alessandro Orlandi direttore creativo esecutivo in BCube. Alessandro Orlandi entra in Bcube col ruolo di direttore creativo esecutivo, andando ad affiancare Andrea Stanich, già direttore creativo esecutivo della struttura appartenente a Publicis Groupe Italia
 
3Dconnexion affida media e digital relations a Sound Pr. Sound Pr si è aggiudicata la consulenza e la gestione delle relazioni con media e influencer per 3Dconnexion, a seguito di una gara
 
Contest della Figb per un video-spot sul gioco del bridge. Con l'obiettivo di avvicinare il bridge quale ‘sport della mente’ a un pubblico giovane, la Federazione Italiana Gioco Bridge (Figb) ha lanciato il concorso ‘Uno spot per la mente’ rivolto a videomarker ed aspiranti tali di meno di 26 anni
 
Address Media vince la gara per il media del Consorzio Melinda. Address Media di Milano, centro guidato da Fabrizio Ferri, si è aggiudicato il media messo in gara dal Corsorzio Melinda, prevalendo su Zenith (Publicis Media), Phd (Omg), InMediaTo (Serviceplan Group) e sull'uscente Mindshare (GroupM-Wpp)
 
Piemme acquisisce la raccolta pubblicitaria in esclusiva di sette testate di San Paolo Editore. Il Gruppo Editoriale San Paolo ha affidato a Piemme, concessionaria del gruppo Caltagirone Editore, la raccolta pubblicitaria in esclusiva di sette testate
 
FPT Industrial affida la gestione dei social ad Hub09. FPT Industrial, brand attivo nella produzione di propulsori per veicoli industriali del gruppo CNH Industrial, ha affidato la gestione dei canali social ad Hub09, a seguito di una consultazione
 
Cem Topçuoğlu presidente Emea di Tbwa. Tbwa \ Worldwide ha promosso Cem Topçuoğlu da presidente di Tbwa\ Central and Eastern Europe, Middle East e Africa a presidente Emea
 
Lorenzo Marini porta la Type Art sulla copertina di Interni. Lorenzo Marini firma la copertina di gennaio di Interni, il mensile di Arnoldo Mondadori dedicato al design contemporaneo italiano e internazionale
 
Giuliana Mantovano entra in Coca-Cola come direttore marketing Italia e Albania. Giuliana Mantovano è stata nominata direttore marketing di Coca-Cola Italia e Albania, col compito di coordinare il team che gestisce le strategie di marketing e comunicazione del brand nei due Paesi
 
Condè Nast apre il Beauty Desk digitale unico sui siti e social dei femminili. Condé Nast inaugura il Beauty Desk digitale per potenziare l'offerta dei contenuti beauty su siti e social delle sue testate femminili
 
Giant Italia affida pr e media relations a Green Media Lab. Giant Italia, filiale del colosso taiwanese produttore di biciclette e relativi accessori, ha scelto Green Media Lab per la comunicazione in Italia
 
Fcb Milan si aggiudica la comunicazione di Corona Extra sul mercato italiano. Fcb Milan ha vinto la gara di AB Inbev per la comunicazione 2019 in Italia di Corona Extra, la storica birra messicana di colore dorato, dal sapore dissetante e che si usa consumare con una fettina di lime
 
Acqua Minerale San Benedetto amplia la gamma dei formati con la lattina Sleek da 33 cl. Acqua Minerale San Benedetto propone per il consumo prêt-à-porter la novità dell'acqua minerale in lattina Sleek da 33 cl
 
The Van Group e L45 per strategia di comunicazione, sito e social della cravatte Ulturale. Ulturale, azienda napoletana produttrice di cravatte artigianali di alta qualità e di accessori per uomo e donna, ha scelto The Van Group e L45 per realizzare una nuova strategia di comunicazione
 
Inventa TRO vince la gara per la nuova comunicazione e il restyling del sito di Assistenza Casa. Assistenza Casa, parte del Gruppo Edison e di HomeServe, ha assegnato a Inventa TRO lo sviluppo della nuova campagna di comunicazione e il restyling del sito, a seguito di una gara
 
Alessandro Izzillo direttore creativo e responsabile dell'area digital di Mosquito. Il reparto creativo dell'agenzia Mosquito di Vincenzo Vigo si rafforza con Alessandro Izzillo, che entra con la carica di direttore creativo e responsabile dell'area digital
 
In Chili Christian Michieletto marketing & communication director e Anna Maria Mazzini B2C revenues director. Nella squadra dei top manager di Chili (servizio di film e programmi in streaming on demand) entrano Christian Michieletto quale marketing & communication director e Anna Maria Mazzini come B2C revenues director
 
News 3.0 affida la raccolta pubblicitaria di Lettera43 a Moving Up. Accordo tra Moving Up, digital hub specializzato in processi di trasformazione digitale, e News 3.0, editore di Lettera43.it, LetteraDonna.it e, attraverso la controllata Studio Editoriale, dei periodici e relativi siti Rivista Studio e Undici
 
Alessandro Picardi responsabile public affairs di Tim. Dal 1° febbraio Alessandro Picardi entrerà a far parte del gruppo Tim col ruolo di responsabile public affairs, a diretto riporto dell'amministratore delegato Luigi Gubitosi
 
Pino Rozzi lascia Grey per altri incarichi in Wpp. Pino Rozzi ha lasciato gli incarichi in Grey Italia, dove era president, ceo ed executive creative director, col progetto di assumerne altri all'interno del medesimo gruppo Wpp
 
Alfasigma presenta NeoBorocillina Gola Junior con un tuffo nella fantasia, firma True Company. True Company firma per NeoBorocillina, brand di Alfasigma per la cura del mal di gola, la campagna di lancio di NeoBorocillina Gola Junior, dispositivo medico ‘formato bambino’
 
Tiziana Pollio head of marketing innovation di Meet. Tiziana Pollio è stata nominata head of marketing innovation di Meet, centro internazionale per diffondere la cultura digitale in Italia con sede a Milano
 
La Triennale di Milano incarica 54words di ufficio stampa e pr. Nuovo incarico per l'agenzia di relazioni pubbliche 54words di Milano
 
Vimeo condannata a risarcire Mediaset per la pubblicazione di programmi tv tutelati da copyright. Vimeo dovrà risarcire con 8,5 milioni di euro Rti, società del gruppo Mediaset, per la pubblicazione e la mancata rimozione di video tratti da programmi tv coperti da diritto d'autore
 
Il portale immobiliare Solobellecase sui social e in tv con Hellodì. A un anno dalla nascita, il portale immobiliare Solobellecase, vetrina online di real estate di livello medio alto/alto, dà il via a una campagna di comunicazione sui social, in affissioni e in tv con un spot di 15” on air su Sky Tv da oggi al 15 febbraio
 



 FOTONOTIZIA  La strana coppia Nigiotti-Maionchi firma i cartigli di Baci Perugina per San Valentino, con spot e web serie
<<<
Lei, produttrice discografica, talent scout della musica italiana e senatrice di X Factor. Lui, cantautore livornese, ex concorrente del talent musicale di Sky e in gara al Festival di Sanremo 2019. Mara Maionchi ed Enrico Nigiotti sono stati scelti da Baci Perugina per riscrivere le frasi d'amore dei cartigli, tra irriverenza (lei) e romanticismo (lui). La Limited Edition per San Valentino conterrà 31 frasi inedite scritte dalla strana coppia: 25 a quattro mani e 6 della Maionchi, ciniche e sfrontate, tipo : “L'amore a volte è una sorpresa, spesso un pacco”. La nascita dei 31 cartigli verrà raccontata da una web-series ideata e prodotta da Billboard Italia, in 4 episodi e un teaser, in cui Maionchi, incaricata dal ‘Signor Baci Perugina’ di scrivere i cartigli, non riuscendo a non metterci una parolaccia, decide di ricorrere all'aiuto di Nigiotti. A supporto del lancio della limited edition ci sarà un campagna in tv e sul digitale firmata da Armando Testa. (21 gennaio 2019)

 

SULLO SCHERMO
<<<
L'UOMO DAL CUORE DI FERRO / Drammatico
‘L'uomo dal cuore di ferro’, ascesa e assassinio di uno dei gerarchi nazisti più spietati, è un film del 2017 diretto da Cédric Jimenez, distribuito nelle sale italiane da Videa dal 24 gennaio. E’ l'adattamento cinematografico del romanzo ‘HHhH’ di Laurent Binet (‘Himmlers Hirn heißt Heydrich’). Reinhard Heydrich è interpretato da Jason Clarke. Nel cast anche Rosamund Pike, Jack Reynor, Mia Wasikowska, Jack O'Connell (II). Dura 119’ 
E’ il biopic di un uomo di poche qualità ma tanto freddo e implacabile, così portato all'efferatezza, da fare una carriera rapidissima nell'Intelligence delle SS sotto Himmler, a cui l'aveva raccomandato l'ambiziosa fidanzata, hitleriana di ferro. Adottata la vocazione, divenne ‘l'uomo dal cuore di ferro’ - così lo definì Hitler -, ma anche 'il boia', ‘la bestia bionda’ e ‘il macellaio di Praga’, una volta nominato protettore di Boemia e Moravia. Là fu tra i principali artefici della ‘soluzione finale’. La seconda parte del film è dedicata all'Operazione Anthropoid in cui i paracadutisti Jozef Gabčík e Jan Kubiš, addestrati in Inghilterra, furono inviati a Praga per ucciderlo, con l'aiuto della resistenza ceca. E il film diventa la storia di due eroi, fatta di coraggio e determinazione, ma anche di umanità e scrupoli morali di fronte all'ineluttabile tragica rappresaglia.  Valutazione:   ***


IdeeIdeas Innovazione Marketing Comunicazione - Via Melchiorre Gioia, 66 20125 Milano - Tel. +39.388.9368151
Direttore responsabile: Valeria Scrivani - Registrazione presso il tribunale di Milano nº 220 dell'11.05.2012
Copyright ©2012 IdeeIdeas - Tutti i diritti riservati