HomeChi siamoContattiComunicatiPrivacyDisclaimer
 Sabato 21 settembre 2019
Boxhdl 250x125
Logo IdeeIdeas
Manchette Destra 250x125

Beauty/Moda Benessere Comunicazione Eventi Food/Beverage Hi-Tech Fotonotizie Media

Motori Programmi Retail Servizi Viaggi Sport Entertainment Digital Riflettori Puntati


 FAST NEWS

Banner Pubblicitario Alto 630x110
Eventi (457)

L'estate 2019 la migliore per frequenza al cinema degli ultimi
otto anni. Successo per MovieMent che diventerà strutturale


della filiera cinematografica di evitare il calo estivo delle presenze con una programmazione forte e un forte investimento in comunicazione ha portato a una crescita al box office tra il 1° maggio e il 29 agosto del 43% rispetto al 2018 per un totale ricavi di 138 milioni. L'annuncio alla presentazione della MilanoMovieWeek, la settimana dedicata al mondo dell'audiovisivo con 150 appuntamenti in 63 sedi di Milano e hinterland. Main partner Banco BPM, partner 2Night, media partner del palinsesto Paramount Network

10 settembre 2019 - Consuntivi in positivo per MovieMent, il progetto triennale voluto dalle associazioni del settore cinematografico quali Anica, Anec e Anem (appena confluita in Anec), dalle major e dai distributori italiani col sostegno del Mibac, per portare la gente al cinema tutto l'anno, evitando il calo di presenze estivo (vedi news del 4 febbraio e del 3 giugno). È stata un'estate di titoli forti e di lanci, col supporto di un forte investimento in comunicazione. In occasione della presentazione della seconda edizione di MilanoMovieWeek (13-20 settembre), la settimana dedicata al mondo dell'audiovisivo, Tomaso Quilleri, vice presidente di Anec nazionale con delega al mercato, ha potuto annunciare che l'estate 2019 è stata “la miglior estate per frequenza al cinema degli ultimi otto anni”, con una crescita al box office tra il 1° maggio e il 29 agosto del 43% rispetto al 2018 e del 40% rispetto al 2017 per un totale ricavi di 138 milioni contro i 96 del 2018 e i 98 del 2017.

Molti sono stati i blockbuster Usa lanciati questa estate, dal Re Leone a Spyder Man, ma, diversamente da quanto progettato – erano stati annunciati 12 blockbuster e 12 film d'autore - poco è arrivato sul fronte del cinema italiano, a parte eccezioni come Il Signor Diavolo di Pupi Avati o ‘5 è il numero perfetto’. Ma ci si organizzerà per l'anno prossimo. “Non esiste un mercato forte se non c'è un cinema italiano forte - dice Quilleri -. Il prodotto italiano si cannibalizza tra autunno e primavera, allungare la stagione ai dodici mesi sarà un bene”. E ancora: “Abbiamo la speranza che l'esperimento di MovieMent vada oltre il triennio iniziale per diventare strutturale".

Confermano il buon risultato i dati forniti da Audimovie per agosto, che attestano che nel ciclo dall'1/8 al 28/8 c'è stato un incremento delle presenze del 33% rispetto al corrispondente ciclo del 2018. Ad agosto i biglietti staccati sono stati 5.338.642, mentre nel periodo cumulato gennaio-agosto sono stati 60.735.313: +11,4% verso il 2018. Nel complesso i biglietti staccati nell'anno sono circa 100 milioni. Le presenze registrate in agosto sono per l'84,1% riconducibili alle sale delle concessionarie di cui Audimovie certifica le presenze: Rai Pubblicità, Moviemedia, DCA-Digital Cinema Advertising. Interessante notare come in agosto ci siano stati incrementi di presenze nelle grandi città come Roma (+13,4%), Milano (+25,4%), Torino (+33,3%), Napoli (+42,9%), Firenze (+39,2%).

Ed ecco il podio dei film più visti ad agosto: ‘Il Re Leone’ seguito da ‘Fast & Furious – Hobbs & Shaw’ e ‘Men in black international'. Completano la top 10 ‘Spider-Man: far From home’, ‘Crawl – Intrappolati’, ‘Il signor Diavolo’, ‘Toy story 4’, ‘Hotel Artemis’, ‘Serenity’, ‘Isabelle – L'ultima evocazione’. Uno solo, come si vede, è un film italiano d'autore.

Quanto a ‘MilanoMovieWeek’,
che segue questa estate forte al cinema (13-20 settembre), si tratta della seconda edizione di un palinsesto di eventi diffuso in diversi luoghi e spazi della città, che vede il coinvolgimento di realtà milanesi: le sale, i festival, le scuole di cinema, le case di produzione, le organizzazioni e le associazioni che promuovono e diffondono l'arte cinematografica. La manifestazione è promossa e coordinata dal Comune di Milano-Cultura in collaborazione con Fuoricinema. Ci saranno proiezioni, conferenze, workshop, mostre, eventi speciali e progetti sperimentali, in un programma unico, arricchito da incontri con attori, registi e protagonisti del mondo dell'audiovisivo. Per un totale di 150 appuntamenti in 63 sedi.

Il programma della settimana comprende anche Le vie del cinema (18-26 settembre), la manifestazione a cura di Agis lombarda che presenta in anteprima in 14 sale cinematografiche milanesi una selezione di film della 76ª Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, del Locarno Film Festival e di altri. Poi ci saranno, solo per citarne alcuni, il Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo - Immagini dalla realtà (dal 12 al 15 settembre), l'appuntamento annuale con il cinema del reale arrivato alla quinta edizione e prodotto dalla società FrankieShow, una giornata del Gran festival del cinema Muto di Milano (17 settembre). Verrà inaugurata la Sala Fuoricinema all'interno della II Casa di Reclusione di Milano – Carcere di Bollate, un vera sala cinematografica e teatrale, che verrà aperta per alcune occasioni anche al pubblico. Tutte le info sono reperibili su www.milanomovieweek.it.

Main partner
di MilanoMovieWeek è BancoBPM, partner 2Night. Paramount Network, media partner del palinsesto, il 20 settembre organizzerà la Paramount Network Grease Experience, esperienza all'interno di Bovisa Drive-In, che permetterà al pubblico di vivere in prima persona le atmosfere di 'Grease', il film musicale Paramount del 1978 con John Travolta e Olivia Newton-John.


Best Brands Italia quinta edizione classifica
anche le marche che ci migliorano la vita nell'era digitale


ricerca condotta da GfK e Serviceplan e patrocinata dall'Upa, che misura l'importanza delle marche italiane secondo quote di mercato e vissuto del consumatore, affianca quest’anno alle tradizionali categorie Best Corporate Brand, Best Product Brand e Best Growth Brand la quarta categoria speciale Best Digital Life Brand. Innovation Award a Satispay. Nasce il Best Brands Club

4 settembre 2019 - È alla quinta edizione in Italia Best Brands, il premio per le performance delle marche ideato e promosso da ServicePlan, che si basa su una ricerca di Gfk che tiene conto di oggettivi dati di mercato e insieme del vissuto del consumatore coniugando razionalità ed emozione. Non a caso la tagline di quest’anno è ‘Quore di mercato’, ovvero quote e cuore insieme, così campeggia nella pagina pianificata sul Sole 24 Ore.

Nato in Germania 16 anni fa, e introdotto Italia nel 2015, Best Brands ha mantenuto nel tempo la metodologia: la classifica delle marche è creata da un algoritmo di proprietà di GfK che integra i risultati economici, come quote di mercato, fedeltà di acquisto e posizionamento di prezzo, con la capacità del marchio di parlare al cuore dei consumatori, sondati c
on interviste dirette, di cui 6.500 solo in Italia. L'iniziativa nel nostro Paese ha il patrocinio dell'Upa e come partner Rai Pubblicità, 24ORE System, IgpDecaux e AdcGroup.

Alle tre classifiche principali - Best Corporate Brand, Best Product Brand, Best Growth Brand – viene affiancata una quarta classifica inedita. Dopo Best Millennials Brand nel 2017 e Best Golden Age Brands nel 2018, quest’anno saranno individuati i Best Digital Life Brand, le marche che più contribuiscono a migliorarci la vita nell'era digitale.

Le classifiche saranno annunciate il 20 novembre durante un Gala ospitato negli studi Rai di via Mecenate a Milano. Verrà consegnato anche l'Innovation Award, che quest’anno andrà a un brand capace di rivoluzionare e semplificare il sistema di pagamenti: Satispay.

ServicePlan e Gfk hanno anche annunciato l'intenzione di capitalizzare i tanti dati raccolti negli anni per approfondire e mettere in condivisione i processi che costruiscono il successo di una marca. Nasce così il Best Brands Club, con le marche invitate a partecipare a tavoli di lavoro per capire come si fa oggi a diventare e rimanere un Best Brand.


Con Luca Lorenzini e Luca Pannese
una doppia presidenza per gli Adci Awards 2019


novità della doppia presidenza accompagna quelle dell'introduzione della categoria 'Health' e dell'inserimento nelle giurie di un professionista under 30. Nominati i tredici presidenti di categoria. Le premiazioni saranno a novembre durante IF! ItaliansFestival

3 sette
Luca Pannese,
Luca Lorenzini
mbre 2019
- Luca Lorenzini e Luca Pannese, fondatori ed executive creative director di Small (agenzia creativa indipendente con base a New York), saranno i presidenti dell'edizione 2019 degli Adci Awards, su designazione del consiglio del Club dei direttori creativi italiani. La novità della doppia presidenza, come ha spiegato il presidente dell'Adci Vicky Gitto, si accompagna a quella dell'introduzione della categoria ‘Health’ e all'inserimento nelle giurie delle diverse categorie da quest'anno di un professionista under 30: "questo a ribadire l'impegno di Adci nella promozione verso i giovani”.

Lorenzini e Pannese a loro volta hanno nominato i tredici presidenti di categoria:

IntegratedMarco Venturelli (Publicis Parigi)
Stampa/OutdoorFrancesco Poletti (VMLY&R)
Radio/CopywritingFrancesco Taddeucci (SuperHumans)
Film/Branded ContentContent Luca Cortesini (DDB)
DesignClaudia Neri (Teikna Design)
Promo&ActivationLivio Basoli (Dude)
Digital 1Alessandro Orlandi (BCube)
Digital 2Carla Leveratto (Google)
StudentiLavinia Francia (Ogilvy)
Direct/MediaMassimo Verrone (FCB)
PRMarisandra Lizzi - (IPress)
Industry Craft/Film Craft   Ada Bonvini (The Family)
HealthFabio De Vecchi (Suddler & Hennessey)


Ogni presidente di categoria dovrà ora nominare il proprio team giudicante. Le giurie saranno composte da sei soci dell'Adci, da un professionista under 30, da un rappresentante di un‘azienda cliente e da un professionista esterno con solida esperienza sullo specifico tema della giuria cui sarà impegnato.

I vincitori saranno annunciati e premiati il 9 novembre, nel contesto di IF! ItaliansFestival, in programma a Milano dal 7 al 9 novembre.


Consumi fermi e investimenti adv a +0,5%. Preoccupa il 2020.
Upa chiede al Governo uno shock che rimetta in moto il Paese


annuale dell'Upa, a tema ‘Ciò che guardi ti riguarda’, ha coniugato riflessioni e suggestioni, mettendo in campo numeri, arte, musica e assistenti virtuali. Ma è partita ritoccando all'ingiù le previsioni di Nielsen di una crescita dell'0,8% degli investimenti pubblicitari in Italia a fine 2019. Preoccupa il sistema Paese, l'incertezza del quadro politico, la piramide demografica rovesciata che incidono sui tipi di consumi, ovvero spingono i servizi ma non i beni durevoli. Per far ripartire Paese e investimenti pubblicitari serve una visione di lungo periodo

4 luglio 2019 - Le dinamiche dei consumi, il trend del settore dell'advertising e dei media, i progetti realizzati e quelli in fieri sono stati al centro della conferenza stampa del presidente dell'Upa, Lorenzo Sassoli de Bianchi, che, come di consuetudine, ha preceduto ieri a Milano l'incontro annuale degli associati investitori pubblicitari al Teatro Strehler. Scenografico, l'evento ha coniugato riflessioni e suggestioni, sconfinando dai numeri all'arte e alla musica. Tema portante di Upa 2019: ‘Ciò che guardi ti riguarda’. “Riassume il momento – spiega Sassoli – in cui si trova la comunicazione, che va in due direzioni. Diamo simbolicamente voce a tutti i mezzi attraverso immagini fisse e in movimento, musica e canto e assistenti virtuali, in modo da presentare plasticamente il tema. Upa non può parlare in modo banale.”.

Si parte dai trend. Upa ritocca all'ingiù,
+0,5%, le previsioni di Nielsen di una crescita dell'0,8% degli investimenti pubblicitari in Italia a fine 2019. Nemmeno male se si pensa che a fine aprile si è registrata crescita zero e che, comunque, sarà il quinto anno di seguito con segno positivo e il tasso di crescita pur contenuto sarà superiore a quello del Pil, che resterà vicino allo zero. Anno dispari, tradizionalmente senza i grandi eventi, ma che si è giovato dell'interesse riscosso dai Mondiali femminili di calcio. “Quello che preoccupa - dice Sassoli – ormai è non tanto il 2019 ma il 2020, col possibile aumento dell'Iva e i rischi della manovra economica, mentre la classe media ha il reddito fermo al 2000”. Preoccupa il sistema Paese, coi consumi stagnanti, con l'incertezza del quadro politico, con la piramide demografica rovesciata (130 anziani ogni 100 giovani e solo il 28% della popolazione under 30). Questo influisce sui consumi: più servizi e meno beni durevoli. Gli anziani spendono poco in vestiario e in beni durevoli che hanno già. Non a caso, invece, vanno bene, e quindi investono di più in comunicazione, settori come i farmaceutici e gli assicurativi. Stagnano gli alimentari. Vanno bene i viaggi, magari se ne fa uno ma si fa.

Sul fronte dei mezzi, la tv è stabile ma ha perso quota ed è scesa sotto la soglia del 50% sugli investimenti complessivi. La tv è cambiata: sta diventando di flusso e multipiattaforma, spacchetta le trasmissioni in pillole e in serie tv che vanno in rete, dove ora vengono rilevate da Auditel (vedi news del 26 giugno). La stampa continua a flettere a due cifre e, in termini di ricavi pubblicitari, vale un terzo del periodo pre-crisi (2008), una situazione che preoccupa anche sul lato della produzione di informazione di qualità. Le piattaforme search, social e video hanno fatto registrare l'ennesimo anno di forte crescita (+9,8%) e oggi pesano per il 30% sulla raccolta pubblicitaria, seconda quota dopo la tv (45,4%). In crescita (+2% a maggio) la radio. “L'aspetto problematico - fa notare Sassoli – è che un quarto degli investimenti sul web è tecnicamente ignoto. Mentre, ad esempio, sulle tv ogni azienda può confrontare i propri investimenti con quelli dei competitor, sulle principali piattaforme digitali non è possibile conoscere né le dimensioni degli investimenti, né la loro ti
pologia”.

Quanto alle attività di Upa per gli associati, Sassoli ha citato il data lake Nessie per la gestione dei big data al servizio del marketing e della comunicazione (vedi Focus del 21 giugno); la creazione di una blockchain mirata alla trasparenza della filiera, in particolare del programmatic (vedi Focus del 7 febbraio); theKPI.pro, la guida online per le strategie di comunicazione aperta a tutte le aziende associate e agli operatori della pubblicità; la dashboard degli investimenti pubblicitari, che raccoglie le informazioni sugli investimenti dal 1962, ed è consultabile da tutti; il Libro bianco sulla Comunicazione digitale, già ampliato con specifiche sulla Brand Safety (vedi news del 30 maggio 2018), che evolverà verso gli standard della viewability e della ‘targetability’; la Upadvertisingraffiti, playlist in collaborazione con l'associazione Civita delle campagne che hanno esaltato l'arte, la cultura e il paesaggio nel nostro Paese.

Tra le novità in arrivo, Upa annuncia la prima edizione del Premio Effie Italia, promosso insieme a UNA, destinato alle campagne che hanno registrato la migliore efficacia rispetto a ben definiti KPI.

Sassoli ha poi ribadito l'impegno di Upa nella formazione delle nuove competenze della comunicazione, annunciando il prossimo Master in data science. E tra le positività del momento non ha mancato di citare la vittoria nell'assegnazione a Milano e Cortina delle Olimpiadi Invernali 2026: “Milano, che ritengo oggi la città più dinamica in Europa, se ne gioverà riallacciandosi a quanto di buono e grande è stato fatto con l'Expo. Le Olimpiadi saranno un volano per consumi, economia e investimenti pubblicitari. Ma adesso chiediamo al Governo uno shock per rimettere in moto il Paese. Non si può più ragionare con la testa di ieri”. Se ne riparlerà a UPA 2020, la data è già fissata: appuntamento allo Strehler il 1° luglio.


CANNESLIONS/Finale. Tredici Leoni per l'Italia con Publicis.
Bertelli, “pagano il forte investimento sulla creatività, il rapporto continuativo coi clienti, l'internazionalità dei progetti”


al global cco di Publicis Groupe e ceo di Publicis Italy, unica agenzia italiana premiata, che in finale prende anche 1 Argento nei Film con Heineken ‘Unmissable’ e chiude con 1 Oro, 8 Argenti e 4 Bronzi per 6 progetti premiati di 4 brand. E ora sta investendo sulla data strategy

24 giug
Bruno Bertelli
no 2019
- I successi dell'Italia al 66° Festival di Cannes che si è appena concluso portano una firma sola, quella di Publicis Italy. Nell'ultima giornata di venerdì 21 è arrivato anche un Argento con Heineken ‘Unmissable’ nella categoria Film e l'agenzia ha conquistato nel complesso 13 Leoni in 4 categorie (Outdoor, Social & Influencer, Brand Experience & Activation e Film) con 6 progetti per 4 brand: 10 Leoni con Diesel (con tre campagne), 1 con Coca Cola, 1 con Leroy Merlin, 1 con Heineken. Per un totale di 1 Oro, 8 Argenti e 4 Bronzi.

Un successo per Publicis ma una débacle per il resto del settore. Come lo spiega Bruno Bertelli, ceo di Publicis Italy e chief creative officer di Publicis Groupe? “Forse non hanno investito tanto quanto noi sulla creatività. Ci siamo assicurati i creativi migliori anche quando i budget non ce l'avrebbero permesso, guardando al futuro”. In tempi di crisi e di tagli di budget tante agenzie si sono adattate, hanno preferito far tornare i conti. “Abbiamo costruito – prosegue Bertelli - partnership continuative con i clienti. E produciamo una creatività di respiro internazionale, siamo stati tra i primi a farlo”. Publicis Italy è oggi agenzia internazionale con sede in Italia, che può contare su una rete di creativi di 41 nazionalità diverse.

Il rapporto felice con Diesel aveva portato a Publicis Italy 13 Leoni anche nel 2018 ( l'Italia ne vinse 22 e si affermarono anche altre agenzie). La forza di Diesel è la coerenza e la costanza della sua comunicazione. Progetti vincenti di quest’anno come 'Be a follower' o 'Be a follower - Side: Biz' sono l'applicazione del mood trasgressivo di sempre nell'area social/influencer dove l'agenzia ha condotto la comunicazione, ora che tanti acquisti si fanno in eCommerce. “Nel fashion la comunicazione tradizionale non funziona più – asserisce Bertelli -. È ancora utile la bella pagina stampa per far vedere il prodotto, ma tutto il resto ruota intorno all'estremo opposto. Diesel entra nella logica dei social e degli influencer scardinando, come sua abitudine, i meccanismi”.

L'Argento nei Film Lions per Heineken premia una piattaforma globale legata alla Uefa Champions League, capace di interessare anche Paesi difficili come Asia e Africa e ha un protagonista come Andrea Pirlo molto noto negli Usa. Con Coca Cola Publicis Italy è tornata a lavorare nel 2018, dopo averlo fatto per tanti anni. “Anche qui è un rapporto di livello internazionale – dice Bertelli - curato dalle agenzie di Milano e di Atene. The Sign è un progetto europeo che verrà portato nei concerti. Ora stiamo lavorando alla campagna globale di Schweppes che partirà nel gennaio 2020”.



Quanto a Leroy Merlin, è un rapporto di lunga data con progetti sempre più impegnativi. L'idea di Lesson For Good (argento negli Outdoor) di portare fuori dallo store le solite lezioni di bricolage per i clienti andando a fare ristrutturazioni benefiche nelle Onlus è arrivata fino in Parlamento, ottenendo sovvenzioni per far proseguire un progetto di forte valenza sociale.

Ora Publicis Italy sta investendo sulla data strategy, un nuovo modo di lavorare sulla creatività a fianco del media, Se i dati sono stati usati finora per indirizzare una creatività già definita, la nuova frontiera è di utilizzarli a monte per indirizzare i contenuti creativi e integrare creatività e media già all'inizio del processo. Publicis Italy sta per inserire nel team due professionisti specialisti: “Sono profili professionali difficili da trovare. Uno verrà dall'India”.

La data strategy così intesa permette di trovare nuovi consumatori, come richiede il marketing, non solo ottimizzare il modo di rivolgersi a quelli già in essere. La creatività diventa motore di nuovo business per le aziende. “Se Publicis Italy va bene al Festival di Cannes – conclude Bertelli – è anche perché oggi l'evento per il 50% è sostenuto dai clienti. I premi vengono assegnati tenendo fortemente conto dei risultati di business. Il caso di Accenture che acquisisce Droga5, agenzia top nel mondo per creatività, è un segnale”.


CANNESLIONS/Finale. GP Film e GP Titanium agli Usa, GP Glass
alla Polonia e GP Sustainable Development Goals all'Australia


grandi protagoniste della 66-esima edizione del Festival sono state la campagna per il New York Times di Droga5 ‘The Truth Is Worth It’, che oltre al GP Film Craft ha vinto in finale il GP Film, e quella per Burger King’s ‘The Whopper Detour’ di Fcb New York che al GP Mobile e al GP Direct ha aggiunto il prestigioso GP Titanium. Agenzia più in vista, Wieden+Kennedy Portland

24 giugno 2019 - Il Festival si è chiuso venerdì con l'assegnazione delle ultime categorie di premi, che, nonostante l'evento sia stato condensato in 5 giorni dall'anno scorso, non hanno mancato di lievitare, da 26 a 27. Come negli ultimi anni, si sono affermate grandi campagne che hanno conquistate più Grand Prix e/o fatto incetta di metalli. I top della 66-esima edizione sono senz’altro la campagna per il New York Times di Droga5 New York ‘The Truth Is Worth It’, vincitrice dei Grand Prix Film e Film Craft, e quella per Burger King’s ‘The Whopper Detour’ di Fcb New York che ne ha vinti tre: Mobile, Direct e il prestigioso Titanium. Non a caso Burger King ha ricevuto il riconoscimento di ‘creative brand of the year’, premio nuovo di zecca dell'edizione 2019.

Nella categoria Film Lions (2.793 entries, 77 Leoni assegnati, ovvero 1 Grand Prix, 11 Ori, 28 Argenti e 37 Bronzi) il Grand Prix è andato agli Usa, a Droga5 New York, per New York Times ‘The Truth Is Worth It’, campagna in cinque soggetti (Rigor, Perseverance, Resolve, Courage, Fearlessness) già vincitrice del Film Craft Grand Prix. Dimostra quanto fare giornalismo originale e indipendente come lo fa il New York Times richieda risorse, tempo , impegno e bravura e come questo aiuti le persone a capire meglio il mondo. La presidente di giuria Margaret Johnson, cco e partner di Goodby Silverstein & Partners Usa, ha commentato: “Come giuria, abbiamo cercato un'idea brillante combinata con un'esecuzione brillante. E questo è stato il miglior esempio. Campagna semplice, potente e onesta, la vera verità. Questo è il suo valore”.



In Glass: The Lion for Change che premia le campagne contro disuguaglianze e pregiudizi (193 entries e 8 Leoni assegnati, ovvero 1 Grand Prix, 1 Oro, 2 Argenti e 4 Bronzi) ha vinto il Grand Prix la Polonia con VMLY&R Varsavia per ‘The Last Ever Issue’ ììGazeta.pl / Mastercard / BNP Paribas, che ha visto l'agenzia collaborare con i clienti per acquistare una delle riviste per adulti più longeve per poi chiuderla.

In Sustainable Development Goals Lions, che celebra la creatività che vuole avere un impatto positivo sul mondo (34 entries e 22 Leoni assegnati ovvero 1 Grand Prix, 3 Ori, 7 Argenti e 11 Bronzi), il GP è andato all'Australia per Clemenger Bbdo Melbourne per Mars Australia’s ‘The Lion's Share’, un'iniziativa per la conservazione della fauna selvatica sostenuta dalle Nazioni Unite. Si sono raccolti fondi chiedendo agli inserzionisti di devolvere una cifra pari allo 0,5% dell'investimento media ogni volta che hanno utilizzato immagini di animali in una loro campagna. Il presidente di giuria David Droga, fondatore di Droga5, ha commentato: "Gli animali sono una parte fondamentale del nostro mondo, della nostra cultura, della nostra società, sono presenti nel cinema e nel marketing. Immagini di animali appaiono in circa il 20% di tutte le pubblicità. Tuttavia, gli animali non ricevono il sostegno che meritano. Fino ad ora. Il denaro raccolto sarà utilizzato in tutto il mondo per salvare le specie dall'estinzione, preservare gli habitat della fauna selvatica, prendersi cura del benessere degli animali. Un programma importante, sostenuto da un grande marchio”.

Il Titanium Grand Prix (171 entries , un Grand Prix e 5 Leoni) ha portato ancor una volta sul podio gli Usa con Fcb New York e Burger King’s ‘The Whopper Detour’, già vincitore del GP Mobile e del GP Direct. Geniale l'iniziativa di vendere i Whopper a solo un centesimo a chi li avesse ordinati nelle immediate vicinanze di un ristorante McDonald's, attraverso un'app georeferenziata. Il presidente della giuria, David Lubars, cco Ww e presidente North America di Bbdo, ha dichiarato: "È un divertente uso della tecnologia per portare i consumatori fuori da uno store rivale e nel proprio. È un attacco tecnologico futurista, mai visto, che ha avuto ottimi risultati di vendita. È un lavoro eseguito in modo impeccabile. È incredibilmente difficile da fare, ma sembra fatto senza sforzo".



Infine è stata assegnata una miriade di premi speciali e d'onore. Citiamo solo: Wieden+Kennedy Portland Agency of the Year e Independent Agency of the Year; McCann Worldgroup Network of the Year; Omnicom Holding Company of the Year e Park Pictures (Usa) vincitrice della Palma d'Oro.


CANNESLIONS/5. Altri 4 Grand Prix per gli Usa
in Brand Experience & Activation, eCommerce, Innovation
e Radio & Audio. Per l'Italia rivince Publicis Italy


a dodici i Leoni vinti dall'Italia nelle prime quattro giornate del Festival, tutti ottenuti da Publicis Italy, di cui dieci con Diesel. Il Grand Prix Creative Effectiveness va alla Francia e quello eCommerce alla Svezia

21 giugno 2019 - Continua la saga vincente di Publicis Italy e Diesel. Dopo dopo aver vinto 6 Leoni in Social & Influencer e 1 in Outdoor, si affermano nella categoria Brand Experience & Activation con “Ha(u)te Couture’ che vince un Argento e un Bronzo e con ‘Be a Follower – Side:biz’ che vince un Argento. Salgono così a dodici i Leoni vinti dall'Italia nelle prime quattro giornate - 1 Oro, 7 Argenti e 4 Bronzi -, tutti ottenuti da Publicis Italy: dieci con Diesel, 1 con Coca Cola e 1 con Leroy Merlin.

Onore al merito, ma qualche riflessione si impone se un'unica agenzia italiana riesce a macinare premi sulla Croisette. Agenzia che resta in corsa ora nei Film Lions con due nomination in Shortlist per ‘Unmissable’, insieme a McCann che si è qualificata nella shortlist dei Sustainable Development Goals con Linkmetoo – LinkedIn Content Platform per A.S.IT.O.I. Onlus.

Il Grand Prix per Brand Experience & Activation Lions (532 entries e 70 Leoni assegnati) è andato agli Usa e precisamente a McCann New York e Microsoft per ‘Changing The Game’ Xbox Adaptive Controller con l'idea di rendere accessibili ai disabili i giochi attraverso la creazione di particolari tool.



Il Grand Prix per i Creative eCommerce Lions (9 premi) è andato alla Svezia, a RBK Communication, Stoccolma con ‘Do Black – The Carbon Limit Credit Card' Doconomy, la prima carta di credito al mondo che aiuta gli utenti a monitorare l'impatto dei loro consumi sul clima.



Nei Creative Effectiveness Lions (227 entries e 12 premi assegnati), il Grand Prix è stato per la Francia con Marcel Paris per la catena retail Carrefour, che ha creato un ‘Black Supermarket’ dove ha sfidato la legge per farla cambiare a favore della biodiversità, mettendo in vendita frutta e verdura illegali.



In Innovation Lions (187 entries e 7 premi assegnati) il Grand Prix è stato assegnato agli Usa con Area 23, agenzia del gruppo Fcb Health, per ‘See Sound' Wavio, un dispositivo domestico smart con tecnologia ad apprendimento automatico che identifica i suoni dentro e fuori casa e avvisa l'utente tramite un'app mobile, ad uso di chi ha problemi di udito.



Gli Usa si confermano leader anche nei Mobile Lions (866 entries e 42 premi) dove ha vinto il Grand Prix Fcb New York, già Grand Prix nei Direct, con Burger King’s ‘The Whopper Detour’, la geniale iniziativa di vendere i Whopper a solo un centesimo a chi li avesse ordinati da un ristorante McDonald's (o a pochissima distanza) facendone un luogo di consumo dei burger del concorrente: un nuovo capitolo della battaglia di comunicazione tra le due catene.



Infine per Radio and Audio Lions (996 entries, 34 premi) vincono il Grand Prix una volta ancora gli Usa con 360i New York per ‘Westworld: The Maze’ HBO, un game Alexa immersivo.



CANNESLIONS /4.
Publicis Italy e Diesel vincono 1 oro, 4 argenti e 1 bronzo
ai Social & Influencer Lions. E Publicis sale a quota 9 Leoni


iper vincente di agenzia e brand, che si affermano con le campagne ‘Be a follower’, ‘Be a follower. Side: Biz’ , ‘Ha(u)te Couture’ e ‘Diesel x Mustafa’, già bronzo negli Outdoor. Publicis vince tutti e soli i premi arrivati per ora all'Italia e continua la corsa con Heineken nella Shortlist Film e ancora con Diesel in quella Brand Experience & Activation, dove è promossa anche Fcb Milan con ‘Continental grip line

20 giugno 2019 - Arriva il primo Oro per l'Italia. Lo conquistano nella categoria Social & Influencer Publicis Italy e Diesel con la campagna ‘Be a follower’. Ma non solo. Nella stessa categoria Publicis e Diesel fanno l'exploit di vincere sei Leoni: oltre all'Oro, arrivano 2 Argenti per ‘Be a follower. Side Biz’ e altri 2 Argenti li conquistano ‘Diesel x Mustafa’ e ‘Ha(u)te Couture’, che vince anche un Bronzo.

Il carnet per l'Italia arriva così a 9 premi, tutti vinti da Publicis Italy che, come già avvenuto negli anni passati, si conferma outsider italiano a CannesLions. Ricordiamo che i primi tre premi li ha vinti in Outdoor: un argento per Leroy Merlin ‘Lessons for Good', un bronzo a ‘The Sign' Coca-Cola e un bronzo ancora per‘Diesel X Mustafa’ (vedi news del 18 giugno).

‘Be a follower’ (l'Oro) è la
campagna multisoggetto di primavera dedicata al denim in cui Diesel, in linea col suo mood trasgressivo, prende di mira i cliché e le insidie di una vita ’Instagrammabile’, evidenziando come il vero potere non stia nelle mani degli influencer bensì in quelle e nei feed dei follower (vedi news del 4 febbraio). L'evoluzione è ‘Be a follower. Side:Biz’ (2 Argenti) in cui Diesel offre ai follower vantaggi e ricompense in genere riservati agli influencer: la piattaforma Side:Biz permette di aprire un proprio store digitale personale, facendo di un follower un Diesel ambassador (vedi news del 20 febbraio).


Anche ‘Diesel x Mustafa’ (Argento) rientra nel mood unconventional e trasgressivo tipico del brand. Invece di fare partnership importanti come usano fare i brand di moda, Diesel ha creato una capsule collection di magliette in accordo col famoso negozio di Kebab di Mustafà a Berlino, irridendo ai cliché del mondo fashion.


In ‘Ha(u)te Couture’ (1 Argento e 1 Bronzo) Diesel ha dichiarato guerra agli haters. Ha creato una fashion collection con capi che riportano i peggiori commenti che noti influencer hanno ricevuto in rete, per togliere loro forza, all'insegna di ‘The more hate you wear the less you care’. E la collezione è stata messa in vendita in alcuni negozi Diesel e anche in e-commerce (vedi news del 20 settembre 2018).

Ora Diesel ‘Ha(u)te couture’ concorre con 4 nomination nella Shortlist Brand Experience & Activation dove ha 2 nomination anche Diesel ‘Be a follower Sde: biz’. Publicis Italy è inoltre presente 2 volte nella Shortlist Film con Heineken ‘Unmissable’. Nella Shortlist Brand Experience & Activation è entrata anche Fcb Milan con ‘Continental grip line’.

Ieri sono stati assegnati anche i Creative Data Lions, i Creative Strategy Lions, i Direct Lions, i Media Lions e i PR Lions ma l'Italia è risultata assente.

Il Grand Prix Social & Influencer è assegnato agli Usa per ‘Keeping Fortnite Fresh’ di VMLY&R per Wendy’s.



Il Grand Prix Creative Data l'ha vinto il Canada per ‘Go Back To Africa’ di Fcb/Six per Black & Abroad.



Il Grand Prix Creative Strategy è andato alla Svezia con ‘The E.V.A. Initiative’ di Forsman & Bodenfors per Volvo.



Il Grand Prix Direct è degli Usa per ‘The Whopper Detour’ di Fcb New York per Burger King.



Il Grand Prix Media va in Brasile con ‘Air Max Graffiti Stores’ di AKQA per Nike.



Il Grand Prix PR è assegnato alla Germania con ‘The Tampon Book: A Book Against Tax Dicrimination' di Scholz & Friends per The Female Company.



CANNES LIONS/3. Usa in spolvero con 5 GP nei Craft
e negli Entertainment. Alla Danimarca
il GP Digital Craft e al Brasile il 2° GP Entertainment for Music


fuori dai premi ieri, ma solo qualificazioni in Shortlist con 16 presenze. Dodici in Social & Influencer grazie a Diesel e a Publicis Milan con le tre campagne Be a Follower, Ha(u)te Couture, Diesel x Mustafà. Ha(u)te Couture entra anche nella shortlist Direct insieme a ‘Burn Racisti Giga’ per Rolling Stone di ServicePlan Italia e in quella Creative Strategy. Per i Media Lions avanza Sensitive Room Ikea di We are Social Milan

19 giugno 2019 - Italia ferma al palo ieri, quando sono stati assegnati i premi per il Craft track e l'Entertainment track. Avevamo solo un lavoro nella shortlist Entertainment for Sport e non ha avuto ulteriori successi. Sono 16 invece i lavori italiani approdati alle nuoveShortlist. Ne totalizziamo 12 in Social & Influencer (categoria nata lo scorso anno) grazie a Diesel e Publicis Milan che si affermano in varie sotto categorie con le tre campagne ‘Be a Follower, Ha(u)te Couture, Diesel x Mustafà (già vincitrice di un bronzo in Outdoor – vedi news del 18 giugno). Ha(u)te Couture entra anche nella shortlist Direct insieme a ‘Burn Racisti Giga’ per il magazine Rolling Stone di ServicePlan Italia e nei Creative Strategy (unica italiana su 80 promosse). Per i Media Lions avanza Sensitive Room Ikea di We are Social Milan. Italia assente, invece, dalle Shortlist PR e Creative Data.

E veniamo ai premiati di ieri.

Nei Digital Craft Lions
(797 entries) sono stati assegnati 23 Leoni: 1 Grand Prix (alla Danimarca), 4 Ori, 7 Argenti e 11 Bronzi. Il Grand Prix è andato a Virtue ‘Copenhagen for Carlings’ ‘adDRESS THE FUTURE', in cui la catena multi-marca ha creato una collezione di moda digitale per aumentare la consapevolezza del danno ambientale arrecato dal fast fashion. Il presidente di giuria Rei Inamoto, founding partner di Inamoto & Co, ha dichiarato: “Questo Grand Prix ha l'ambizione di affrontare un problema enorme dell'umanità. L'imprevedibilità dell'idea, l'ingegnosità e la scalabilità fanno di questo lavoro un meritato vincitore”.

Nei Film Craft (1.924 entries) sono stati assegnati 1 Grand Prix (agli Usa), 12 Ori, 24 Argenti e 41 Bronzi. Il Grand Prix è andato alla campagna abbonamenti del New York Times in cinque soggetti ‘The Truth Is Worth It’ di Droga 5, che dimostra quanto fare giornalismo originale e indipendente richieda risorse, tempo e impegno. Viene messo il luce lo sforzo del giornalismo investigativo che va in cerca della verità in situazioni critiche del mondo attuale, contro le falsità di stato, come nel caso del genocidio dei rohingya in Myanmar o dell'immigrazione dal Messico in Texas. La presidente di giuria Rebecca Skinner, managing director/executive producer di Supreme Films (Usa), ha commentato: “La giuria ha lavorato per sette giorni, abbiamo discusso su tutto, ma quando si è trattato di assegnare il Grand Prix c'è stata unanimità. È una campagna coraggiosa e realizzata in un modo unico”. In più, come tante campagne in questa categoria, coinvolge temi sociali forti

Negli Industry Craft (1.697 entries) sono stati assegnati 1 Grand Prix (agli Usa), 6 Ori, 14 Argenti e 20 Bronzi. Il Grand Prix è andato a Momentum Worldwide New York per Nike ‘Just Do It HQ at The Church’ in cui il brand ha trasformato una chiesa in un campo di pallacanestro per i ragazzi di Chicago. Il presidente di giuria Trevor Robinson OBE, direttore creativo e fondatore di Quiet Storm, agenzia pubblicitaria e casa di produzione londinese, ha parlato di “un'eredità che vive oltre al premio”.

Negli Entertainment (830 entries) sono stati assegnati 27 Leoni: 1 Grand Prix (agli Usa), 3 Ori, 10 Argenti e 13 Bronzi. UM Studios New York ha vinto il Grand Prix per Johnson & Johnson's ‘5B’, un film che mostra il valore del personale infermieristico, ricordando come curarono nel reparto 5B dell'ospedale di San Francisco nel 1983 i primi malati di Aids. Il presidente di giuria Scott Donaton, global chief creative & content officer di Digitas (Global), ha commentato: "5B è un'idea coraggiosa e una bella storia brillantemente realizzata. È un pezzo di grande entertaiment e un esempio di marketing coraggioso. Abbiamo bisogno di più storie come queste, storie che coinvolgono le persone, riflettono i valori del brand e indicano la via da seguire nel nostro settore". Il brand appare nelle storia solo come produttore dei contenuti.

In Entertainment Lions for Music (391 entries) sono stati assegnati 14 Leoni: 2 Grands Prix (uno agli Usa e uno al Brasile), 2 Ori, 3 Argenti e 7 Bronzi. Doomsday Entertainment di Los Angeles ha vinto un Music Content: Excellence in Music Video Grand Prix per ‘This Is America’ per Childish Gambino che mette in luce come vengono rappresentati i neri in America e i pregiudizi che devono affrontare. Il secondo Grand Prix di questa categoria è stato in Community: Fan Engagement/Community Building ed è andato ad AKQA São Paulo, per ‘Bluesman' del rapper brasiliano Baco Exu Do Blues, che punta a creare unità nel pubblico verso la ricerca di pace ed uguaglianza.

In Entertainment Lions for Sport (702 entries), categoria lanciata quest’anno per celebrare la creatività che sfrutta il potere galvanizzante dello sport e degli eSports per connettere le persone coi brand, sono stati assegnati 29 Leoni: 1 Grand Prix (agli Usa), 4 Ori, 10 Argenti e 14 Bronzi. Il primo Grand Prix della nuova categoria è stato per Wieden+Kennedy Portland per ‘Nike Dream Crazy’, già vincitore negli Outdoor, che mostra il potere dello sport nel far migliorare il mondo. Il video in cui il messaggio è di non rinunciare a ogni più spinto obiettivo ha come speaker lo stesso testimonial: il giocatore di football americano Colin Kaepernick (vedi news del 18 giugno). La giuria, guidata da Steve Stoute, fondatore e ceo di Translation Enterprises, ha sottolineato che molti dei lavori giudicati erano incentrati sulla diversity e l'inclusione nello sport, e in particolare affrontavano il tema delle donne nello sport con un appello a combattere i pregiudizi di genere.


‘Mettetevi scomodi’ a IF! Italians Festival sesta edizione


centro dell'evento, che si terrà dal 7 al 9 novembre a BASE Milano, promosso da Adci e UNA con Google main sponsor, l'analisi dell'attuale scenario che obbliga a cambi di prospettiva, in cui le storie sono sostituite dalle esperienze e i brand sono organismi che si muovono in modo non lineare. Vince chi percorre strade non facili e fa scelte coraggiose

19 giugno 2019 - Dal 7 al 9 novembre ritorna a BASE Milano ‘IF! Italians Festival', promosso da Adci (Art Directors Club Italiano) e da UNA (Aziende della Comunicazione Unite) con main partner Google. Il tema molto unconventional di questa sesta edizione è ‘Mettetevi Scomodi’. Una scelta che il Comitato Organizzatore - Alessandra Lanza direttore generale, Davide Boscacci, Stefano Capraro, Marianna Ghirlanda, Carla Leveratto e Karim Bartoletti – spiega così: ‘In un mondo frammentato, in un panorama sempre più complesso, con consumatori più evoluti e con esigenze continue e mutevoli, fare comunicazione non è mai stato così difficile e avvincente al tempo stesso. Il nuovo scenario obbliga a cambi di prospettiva in cui le storie vengono sostituite dalle esperienze e i brand diventano organismi vivi che si muovono in modo non lineare. Vince chi percorre strade non facili, chi fa scelte coraggiose, chi si avventura in luoghi inesplorati. È proprio questa la scomoda sfida della creatività moderna’.

Tre percorsi declineranno il tema cen
Da sin, Jack Blanga, Davide Boscacci, Paola Marazzini, Emanuele Nenna
trale. In scelte coraggiose saranno raccontati casi e analizzate situazioni scomode che portano fuori dalle comfort zone. In cambio di prospettiva si mostrerà come, per poter continuare a comunicare e accrescere il business, bisogna imparare a ridefinire nuovi paradigmi, scovare nuovi punti di osservazione e disegnare nuove mappe che tengano conto di un mercato e un mondo in continuo fermento e mutamento. ll terzo focus, infine, sarà sulla (dis)intermediazione, con la parentesi che indica che i media e gli intermediari esistono ancora, si moltiplicano e si reinventano.

L'intero evento vedrà alternarsi ospiti italiani e internazionali, mantenendo un focus importante sulle aziende, sempre più ‘partner’ del festival, con progetti di business e networking creati ad hoc nel palinsesto Anche quest'anno grande attenzione verrà data agli studenti con appuntamenti e format a loro dedicati.
Con la presentazione di IF!, avvenuta ieri a Cannes in occasione del Festival presso la Google Beach, prende il via anche l'offerta ticketing che per il primo mese propone la tariffa Super Early Bird di 50 euro + diritti di prenotazione. Altre info su www.italiansfestival.it.


CANNESLIONS/2.
Grand Prix a Israele in Healt&Wellness, alla Cina in Pharma,
agli Usa in Design e all'UAE in Print & Publishing


massimo premio nelle 4 categorie va rispettivamente a McCann Tel Aviv per Ikea’s ‘ThisAbles’, a McCann Health Shanghai per ‘Breath of Life’, a Google Creative Lab di New York per Google’s ‘Creatability’ e a Impact Bbdo Dubai per il quotidiano libanese An-Nahar. Tra le varie shortlist annunciate, si segnala l'ingresso per l'Italia di Fcb Milan in Entertaiment for Sport Lions

18 giugno 2019 - La prima giornata del Festival 2019 si è conclusa con le premiazioni delle categorie Design, Health & Wellness, Outdoor, Pharma, Print & Publishing. L'Italia ha avuto un ruolo solo in Outdoor dove ha vinto 3 Leoni (vedi news).

In Health & Wellness Lions (1.186 entries) sono stati assegnati 33 Leoni: 1 Grand Prix, 5 Ori, 10 Argenti e 27 Bronzi. Il Grand Prix è andato a McCann Tel Aviv per Ikea’s ‘ThisAbles’: il produttore di mobili ha creato componenti aggiuntive a prodotti esistenti per renderli accessibili alle persone con disabilità. Il presidente della giuria, Shaheed Peera, direttore creativo esecutivo di Publicis LifeBrands, Publicis Resolute e Real Science (Global), ha commentato: "Il mondo può essere a volte un luogo crudele e senza cuore. Il Grand Prix ha mostrato come i marchi possano invece aiutare a rendere più facile la quotidianità agli emarginati dalla società”.

In Pharma Lions (363 entries) sono stati assegnati 11 Leoni: 1 Grand Prix, 2 Ori, 3 Argenti e 5 Bronzi. Il Grand Prix è andato a McCann Health di Shanghai per ‘Breath of Life’ strumento diagnostico per la Bpco della GSK Glaxosmithkline. Il presidente di giuria Robin Shapiro di Tbwa World Health (Global) ha commentato: "La Bpco è una delle prime tre cause di morte in Cina, pesantemente mal diagnosticata e insufficientemente trattata. Breath of Life unisce la blow art cinese, la visualizzazione dei dati creativi e la tecnologia mobile in un unico strumento diagnostico coinvolgente. Si tratta di un impegno per la salute altamente personaliz
zato. È l'essenza della creatività che cambia la vita, il che è ciò che sta alla base di un Cannes Lions Health ".

Nei Design Lions (1,469 entries ) sono stati assegnati 47 Leoni: 1 Grand Prix, 6 Ori, 16 Argenti e 24 Bronzi. Google Creative Lab di New York ha vinto il Grand Prix per Google’s ‘Creatability’,
che esplora in che modo gli strumenti creativi (disegno, musica, etc) possono essere più accessibili utilizzando la tecnologie web e AI.

In Print & Publishing Lions (1,252 entries) sono stati assegnati 32 Lions: 1 Grand Prix, 6 Ori, 7 Argenti e 18 Bronzi. Si porta a casa il Grand Prix Impact Bbdo Dubai (UAE) per il principale quotidiano libanese An-Nahar, che ha fatto una forma di protesta contro la situazione politica in Libano. Il presidente della giuria, Olivier Altmann, ceo e chief creative officer di Altmann + Pacreau (Francia), ha commentato: "È un lavoro che celebra la creatività e il giornalismo. Abbiamo visto grandi campagne negli ultimi giorni, in cui riviste e giornali hanno bisogno della nostra creatività per promuovere la libertà di stampa. Il Grand Prix è una pagina bianca di carta, più pagine bianche di carta, che sono la prova che una grande idea può aiutare la democrazia a funzionare meglio ".

Per completare la cronaca, ricordiamo che sono state annunciate ulteriori shortlist (Entertaiment, Entertaiment for music, Entertaiment fo Sport, Industry Craft, Digital Craft). Per l'Italia si segnala un'unica promozione, quella di FCB Milan per ‘Continental Paint’, in corsa negli Entertaiment fo Sport Lions.


CANNESLIONS/2.
Un argento e 2 bronzi per l'Italia in Outdoor con Publicis Italy.
Boscacci, “l'outdoor come brand experience fuori casa’


5 lavori in shortlist, l'Italia vince un argento con Leroy Merlin ‘Lessons for Good', un bronzo con ‘The Sign' Coca-Cola e un bronzo con Diesel X Mustafa. Il Grand Prix va a ‘Nike dream crazy’ di Wieden + Kennedy, con l'immagine di fortissimo impatto del primo piano del giocatore di football americano Colin Kaepernick che portò la protesta di un afroamericano in campo. Il giurato italiano Boscacci, “premiato il coraggio di Nike, che, invece di rifuggire da una situazione controversa, l'ha cavalcata facendone un'azione di comunicazione fortissima, che ha fatto il giro del mondo”

18 giugno
2019
- Arrivano nella categoria Outdoor i primi tre premi per l'Italia, per lavori firmati tutti e tre da Publicis Italy: un argento per Leroy Merlin ‘Lessons for Good', un bronzo a ‘The Sign' Coca-Cola e un bronzo a Diesel X Mustafa. Come hanno convinto una giuria rigorosa che ha promosso in shortlist solo lavori di alto livello, 263 su 2389 entries, e assegnato solo 65 leoni (10 ori, 20 argenti e 34 bronzi) ? Ne parliamo col giurato italiano Davide Boscacci, executive creative director di Publicis Italy. L'idea della campagna Leroy Merlin è di aver portato fuori dallo store le lezioni di bricolage per i clienti andando a fare ristrutturazioni benefiche in ambienti bisognosi: le lezioni erano le solite ma con finalità sociali e i partecipanti si sono tramutati in volontari, un'idea che è piaciuta molto alla giuria. “È stata premiata quale brand experience – spiega Boscacci -. Oggi l'outdoor va considerato come un out of home dove la marca raggiunge e interagisce col consumatore al di fuori di casa. In più qui c'era il risvolto sociale”.

Final
ità sociale, in un certo senso, anche per Coca Cola ‘The Sign' dove il segno dell'onda grafica Coca Cola diventa un indicatore che invita all'utilizzo dei cassonetti del riciclo secondo materiale. “Coca-Cola, che evidentemente ha un problema di uso di plastica, – spiega Boscacci – ha fatto una campagna coraggiosa. Mentre sta rinnovando il suo ciclo produttivo verso un packaging più sostenibile, invita la gente a collaborare per l'obiettivo della sostenibilità. È piaciuta alla giuria l'iconocità della campagna con questo risvolto di grande attualità”.

Il lavoro per Diesel rientra nel mood unconventional e trasgressivo tipico del brand. “Nella moda – spiega Boscacci – si fanno molte partnership tra brand importanti. Diesel ha deciso, invece, di collaborare con un negozio di Kebab”. Quello di Mustafà a Berlino stato scelto perché aveva davanti la coda più lunga, garanzia di bontà della produzione. “La giuria – dice Boscacci - ha apprezzato l' approccio spregiudicato di un brand di moda”.

Il Grand Prix Outdoor è andato agli Usa, a ‘Nike dream crazy’ di Wieden + Kennedy, campagna che pare destinata a essere una delle pluripremiate alla stessa edizione del Fe
Nike Grand-Prix Outdoor
stival e che, non a caso, le Cannes Predictions di Leo Burnett hanno messo in testa alla classifica (vedi news dell'11 giugno). Qui è stata scelta per l'immagine statica di fortissimo impatto del primo piano del giocatore di football americano Colin Kaepernick, che nel 2016 ha portato sul campo una protesta per il modo in cui erano trattati gli afro-americani non alzandosi durante l'inno americano, facendosi bandire dalla Lega. Un evento che ha fatto il giro del mondo sollevando appoggi e critiche, perfino da parte di Trump. “Un'immagine iconica, di una semplicità assoluta ma di un impatto enorme – fa notare il giurato italiano –. La giuria ha premiato il coraggio di un brand che, invece di rifuggire da una situazione controversa, l'ha cavalcata facendone un'azione di comunicazione fortissima. Anche qui c'è il risvolto sociale che ha fatto parlare della campagna in tutto il mondo”.


CANNESLIONS/1.
Entries a quota 30.953, -4,4%, di cui 369 dall'Italia, -17,6%


ancora in flessione nonostante il ritorno delle iscrizioni di Publicis Groupe e l'introduzione di 2 nuove categorie di premio, arrivate a 27. Aumentano le iscrizioni ai Creative Effectiveness Lions, ai Film ai Creative eCommerce, ai Brand Experience & Activation e ai Digital Craft. Iscrivono di più India e Cina. Già annunciate le prime nove Shortlist con l'Italia presente solo in Outdoor con 5 lavori con Publicis e DlvBbdo. Questa sera i primi premi

17 giugno 2019 - Entries in calo al Cannes Lions International Festival of Creativity 2019 , 66esima edizione, nonostante il ritorno delle iscrizioni da parte di Publicis Groupe e l'introduzione di nuove categorie di premi per un totale di ben 27. Le entries complessive sono 30.953 da 89 nazioni contro 32.372 provenienti da 90 Paesi nel 2018 (-4,4%), anno del ripensamento della formula dell'evento in linea con l'evoluzione dell'industry della comunicazione, col taglio di alcune categorie, introduzione di altre, riduzione a 5 giornate, introduzione dei track sotto cui raggruppare le categorie (con atteso e vistoso calo delle entries del 21,4% rispetto al 2017).

L'organizzazione non commenta il calo complessivo delle iscrizioni, preferisce porre l'accento sulle categorie in cui aumentano e sull'interesse riscontrato dai due nuovi leoni aggiunti quest'anno: i Creative Strategy Lions e gli Entertainment Lions for Sport. Il primo rientra nel Track Reach e intende celebrare l'idea dietro all'idea, ovvero in che modo la strategia di pianificazione possa ridefinire un marchio,
reinventare il business, influenzare i consumatori, ampliare la cultura del brand. Sono stati iscritti 848 lavori. Il secondo, nell'ambito dell'Entertainment Track, celebra la creatività che sfrutta il potere galvanizzante dello sport e degli eSports a favore dei brand: ha ricevuto 702 iscrizioni. L'Entertainment Track, che include anche gli Entertainment Lions e gli Entertainment Lions for Music, ha visto le iscrizioni aumentare nel complesso dell'11%. Crescono ogni anno - fanno sempre notare da CannesLions - le entries da parte dei brand. Crescono inoltre le iscrizioni dalla Cina (+5%) e dall'India (+8%).

Guardando tra le categorie, crescono del 34% le iscrizioni ai Creative Effectiveness Lions, benchmark globale della misurabilità dell'impatto della creatività. Crescono anche le iscrizioni ai Film Lions (+ 29%), ai Creative eCommerce Lions (+12%), ai Brand Experience & Activation Lions (+8%) e ai Digital Craft Lions (+9%).

Quanto all'Italia, le entries sono quest’anno 369 contro le 448 del 2018 (-17,6%) quando erano scese già del 38% rispetto al 2017: è il numero più basso di iscrizioni dall'Italia degli ultimi sei anni. il maggior numero di lavori è stato inviato nella Categoria Brand Experience & Activation (46), poi nei Film (42) e negli Outdoor (42). E proprio in quest’ultima categoria abbiamo 5 promozioni in shortlist: Coca-Cola ‘The Sign' (in due sottocategorie), Diesel x Mustafa e Leroy Merlin – Lessons for Good, tutti e tre lavori di Publicis Italy, a cui si aggiunge Gruppo Selex ‘The Essential Pads’ di DlvBbdo. Nessun lavoro italiano, invece, è stato promosso nelle altre Shortlist già rese note: Innovations Lions, Titanium, Design, Film Craft, Print & Publishing, Health & Wellness e, ovviamente, in Glass e Pharma dove non abbiamo inviato lavori.
Le entries paese per paese …>>



Rai Pubblicità presenta Radio2 Summer Live, tour di musica
e intrattenimento. Dagli eventi il 20% del fatturato radio


che alla presenza nelle tappe, i sei partner commerciali Cantine Maschio, Estra, Fida, Fondazione Matera Basilicata 2019, Orphea e Suzuki si avvarranno della copertura crossmediale su Radio 2, su RaiPlayRadio e sui social di rete. Radio Rai chiude i primi cinque mesi dell'anno col fatturato pubblicitario in crescita del 2%. Sul fronte delle properties digital, Rai Pubblicità registra +15%

12 giugno 2019 - Dopo l'esordio l'anno scorso come Radio2 in Tour, quale spin off del tradizionale CaterRaduno di Senigallia, riparte venerdì 14 ampliato il tour promosso da Rai Pubblicità che quest’anno diventa Radio2 Summer Live. Saranno eventi di musica e intrattenimento con dirette da 5 città, con i concerti di dieci artisti, da Alex Britti a Manuel Agnelli, da Mahamood a Noemi e a Carmen Consoli a seconda della tappa, di spettacoli e programmi con i personaggi della rete come Mauro Casciari, Filippo Solibello, Corrado Nuzzo e Andrea Perroni, di occasioni di gioco che coinvolgeranno i social, di dj-set e molto altro ancora. Le città sono Cervia (il 14 e 15 giugno), Lido di Camaiore (21 e 22 giugno), Senigallia (27 - 29 giugno) col concomitante CaterRaduno giunto alla 22a edizione, Cattolica (5 e 6 luglio) e Porto Recanati (12 e 13 luglio). Ma già si parla di una possibile ulteriore tappa a Matera, città della cultura 2019 per il gran finale.

L'amministratore delegato di Rai Pubblicità, Gian Paolo Tagliavia, ha sottolineato come l'impegno sia stato di organizzare l'evento migliore per ogni tappa, relativamente alle caratteristiche del luogo e della sua storia. Rai Pubblicità ha coinvolto sei partner commerciali di diverse merceologie: Cantine Maschio, Estra, Fida, Fondazione Matera Basilicata 2019, Orphea e Suzuki, già da sei anni auto ufficiale del Festival di Sanremo. Oltre alla presenza
sul territorio, si avvarranno della copertura crossmediale delle varie tappe su Radio 2, con lo streaming su RaiPlayRadio.it/Radio2, sulla app RaiPlayRadio e con contenuti speciali su Facebook, Youtube, Twitter e Instagram di @RaiRadio2. Ma ancora c'è spazio per altri sponsor che volessero aggiungersi a una determinata tappa. Francesco Barbarani, direttore Area Radio, Digital e Cinema di Rai Pubblicità, fa notare come la manifestazione già lo scorso anno abbia mostrato di saper interessare generazioni differenti, dai giovani alle famiglie, dai bambini ai nonni. In più l'evento sul territorio può contare sulla viralizzazione sui social.

Gli eventi già contano per il 20% nel fatturato di Radio Rai. Quanto alla raccolta pubblicitaria vera e propria, dopo un gennaio-aprile chiuso in linea col mercato, maggio è stato molto performante e il fatturato pubblicitario è cresciuto a 2 cifre, portando i primi 5 mesi a chiudere a +2%. Giugno si prospetta invece in linea con giugno 2018.

Ancora meglio – aggiunge Barbarani – sono andate le properties digitali gestite da Rai Pubblicità, che chiuderanno il primo semestre con un fatturato pubblicitario in crescita del 15%, grazie anche ai peak per il Festival di Sanremo in febbraio e per il Giro d'Italia e per The Voice of Italy in maggio: “I tre pilastri della nostra offerta digitale sono RaiPlay, i canali Rai e RaiPlay su YouTube e la pagine sui social”. A luglio sarà su Youtube e social ‘Riccione’, un nuovo short movie di 30 minuti con protagonisti youtuber e personaggi Rai, che punta a replicare il successo di ‘Natale a Roccaraso’ che faceva il verso ai film di genere. “Sono format e prodotti editoriali – sottolinea Barbarani - curati dal team di Rai Pubblicità che prevedono l'inserimento di product placement. In Natale a Roccaraso ci sono stati Caffè Borbone e Brosway gioielli, per Riccione i brand saranno di più”.


Leo Burnett Ww presenta le Cannes Predictions, 20 lavori
destinati a vincere, esempi d'eccellenza dei trend creativi dell'anno


Burnett ha pubblicato la 32esima selezione delle campagne dell'anno potenziali vincitrici di Leoni a CannesLions, lista curata da Mark Tutssel, executive chairman & global c.c.o. Sono esempi di creatività capace di creare valore per le persone. La selezione mette in luce quattro nuove tendenze della creatività globale: Brand Bravery; Mixed Realities; Acts, Not Ads, Reign; Data That Moves

11 giugno 2019 - Come ogni anno da 32 anni, Leo Burnett Worldwide ha pubblicato le Cannes Predictions, in vista del Festival Internazionale della Creatività, che si terrà nella 66-esima edizione dal 17 al 21 giugno. Si tratta dei 20 lavori che si prevede si contenderanno i premi più prestigiosi. Le Predictions hanno dimostrato negli anni un alto livello di precisione, con circa il 90% di accuratezza.

La lista è stata curata per il 17° anno consecutivo da Mark Tutssel, executive chairman & global chief creative officer di Leo Burnett Worldwide. Tutssel ha ricoperto il ruolo di presidente della giuria a Cannes per cinque volte, tra cui quello della giuria Sustainable Development Goals nell'ultima edizione del 2018 e ha vinto oltre 600 Leoni nel corso della carriera.

L'elenco rispecchia le tendenze globali del settore della comunicazione. Quest'anno ne sono emerse quattro. Brand Bravery, ovvero il coraggio delle marche nel guidare i cambiamenti, vedi Nike con la campagna globale ‘Dream Crazy’ e adidas con Billie Jean King in ‘Billie Jean King Your Shoes’, per non parlare di Essity che ha dato un seguito alla campagna “#BloodNormal' vincitrice del Glass Lion con qualcosa di altrettanto audace, come ‘Viva La Vulva’, film visivamente stimolante che sta cambiando il modo di approcciare certi temi.

Una seconda tendenza è il ‘Mixed Realities’. L'avvento di tecnologie come AR e VR ha presentato una sfida per i marchi, vedi Carling con ‘adDRESS the future’ e Microsoft Xbox con ‘Football Decoded'.

La terza è ‘Acts, Not Ads, Reign’. Quando Leo Burnett ha lanciato la sua filosofia HumanKind quasi dieci anni fa, ha invitato a concentrarsi su ‘Azioni, non Annunci’ per creare un valore reale nella vita delle persone. Quasi tutti i competitor di quest'anno sono esempi di questa visione, dalla competizione di troll di Burger King con tattiche di guerriglia in ‘Whopper Detour’ a Ikea che sfida il pubblico a trovare i suoi mobili moderni celati nel ‘Museum of Romanticism’. Ci sono campagne che si sono ispirate a fatti di cui si è parlato tanto come ‘Legal-Ade’ di Country Time Lemonade che si è ispirato a un'ingiustizia in corso in tutta l'America, con la chiusura degli stand di limonate vendute dai bambini, tradizione estiva: il marchio si è impegnato nella difesa legale dei giovani 'imprenditori'. Gli Acts hanno abbondato quest’anno. A Parigi il Centre Pompidou si è legittimato come attrazione turistica con l'agenzia Marcel facendosi il modellino da souvenir (‘Souvenirs de Paris’) venduto ai turisti dagli ambulanti ambassador (vedi news del 16 novembre 2018) .

La quarta tendenza è definita Data That Moves. Se i dati e l'intelligence sono le merci più ricercate o meglio il nuovo petrolio, la magia avviene nella raffineria, dove viene distillato in informazioni utili. Ci sono lavori che utilizzando i dati per indurre le persone ad agire, come ‘ The Time We Have Left’ di Pernod Ricard, che ha creato un algoritmo per calcolare la quantità di tempo che ci rimane da trascorrere con i nostri cari. È stato lo spot spagnolo più visto di tutti i tempi e ha cambiato il comportamento di migliaia di persone nel mondo, dimostrando che i dati, uniti alla creatività, sono una forza formidabile.

Ecco la lista dei ‘Top 20 Cannes Contenders’:

1. Nike “Just Do It ‘Dream Crazy’” // Wieden + Kennedy (Portland, USA)
2. Pernod Ricard – Ruavieja “The Time We Have Left” // Leo Burnett (Madrid, Spain)
3. John Lewis & Partners “The Boy and the Piano” // Adam&eveDDB (London, UK)
4. Bahay Tuluyan “Disgusting Stories” // TBWASantiago Mangada Puno (Makati City, Philippines)
5. Mars Wrigley Confectionary – Skittles “Broadway the Rainbow” // DDB (Chicago, USA)
6. Amazon Prime “Great Shows Stay With You” // Droga5 (London, UK)
7. Centre Pompidou “Souvenirs de Paris” // Marcel (Paris, France)
8. Burger King “Whopper Detour” // FCB (New York, USA)
9. Essity “Viva La Vulva” // AMV BBDO (London, UK)
10. The New York Public Library “Insta Novels” // Mother (New York, USA)
11. HBO “Westworld: The Maze” // 360i (New York, USA)
12. Kraft Heinz – Country Time Lemonade “Legal-Ade” // Leo Burnett (Chicago, USA)
13. Adidas “Billie Jean King Your Shoes” // TBWAChiatDay (New York, USA)
14. Shiseido “My Crayon Project” // R/GA (Tokyo, Japan)
15. IKEA “Museum of Romanticism” // McCann (Madrid, Spain)
16. Microsoft Xbox “Football Decoded” // McCann (London, UK)
17. Carsales.com “AutoAds” // CHE Proximity (Melbourne, Australia)
18. The New York Times “The Truth Is Worth It” // Droga5 (New York, USA)
19. Carlings “adDRESS the Future” // VIRTUE (Copenhagen, Denmark)
20. Netflix “Narcos The Censor’s Cut” // J. Walter Thompson (Bangkok, Thailand)


Per La Notte Rosa 2019 il claim ‘Pink R-evolution'.
Firma Expansion per Visit Romagna


di San Marino ha realizzato la brand identity e la campagna della 14esima edizione della manifestazione che, dal 5 luglio, coinvolgerà 130 km di litorale, con oltre 400 eventi gratuiti e l'obiettivo di far riscoprire le relazioni e il piacere di stare insieme, uniti anche nelle differenze. La R riprende quella del logo di Destinazione Turistica Romagna, ideato della stessa agenzia

3 giugno 2019 - Torna per il 14esimo anno consecutivo il ‘Capodanno dell'estate italiana’ ovvero la Notte Rosa che nel weekend lungo in partenza venerdì 5 luglio coinvolgerà 130 km di costa da Comacchio a Pesaro, e anche l'entroterra, con più di 400 eventi gratuiti tra concerti, spettacoli musicali, feste animate per bambini, mostre d'arte e molto altro. Saranno presenti 140 artisti impegnati in 43 concerti e ci saranno 200 eventi enogastronomici. Saranno coinvolti 8.000 esercizi commerciali e oltre 5.000 strutture turistiche.

Visit Romagna, l'ente voluto alla Regione Emilia-Romagna per la promozione e la valorizzazione del prodotto turistico, parla di riposizionamento di questo grande evento di sistema, nato nel 2006 in contrapposizione alle notti dello sballo. Ora, nel 2019, si parla di ‘nuova rivoluzione’, mentre l'attenzione va a temi forti come il problema del clima, il plastic free, la qualità del mare su cui inve
stire, il non sprecare il cibo che coinvolge alberghi ed eventi, e soprattutto alla fratellanza e all'accoglienza.

La Notte Rosa di quest'anno diventa ‘Pink R-evolution', un inno alle piccole e grandi rivoluzioni di ogni giorno. Riprende nel logo la R di quello di Destinazione Turistica Romagna presentato a fine novembre scorso a Cervia. La nuova immagine coordinata di Destinazione Turistica Romagna (‘Romagna. Lo dici e sorridi’) e quella della 14esima Notte Rosa sono state ideate e realizzate dall'agenzia Expansion Group di San Marino. Il concept è che, a 30 anni dagli eventi storici che hanno segnato la volontà di superare i confini e di abbattere muri, l'obiettivo di questa nuova Notte Rosa è di riscoprire le relazioni e ritrovare il piacere di stare insieme, uniti anche nelle differenze.

Expansion firma anche la campagna su affissioni nazionali che promuove l'evento, con media curato internamente da Visit Romagna.
Il programma …>>



Al via la terza edizione del premio Equal dell'Adci.
Ikea ‘room’ contro la violenza sulle donne vince per il 2018


speciali per Adidas ‘Invisibile Player’ e per Moleskine Foundation ‘Wiki Africa Education'. Il premio, che punta al superamento degli stereotipi e di ogni forma di discriminazione nella comunicazione, ha il sostegno della Commissione Pari Opportunità e Diritti Civili del Comune di Milano

23 maggio 2019 - È alla terza edizione il Premio Equal, promosso dall'Adci - Art Directors Club Italiano e sostenuto dalla Commissione Pari Opportunità e Diritti Civili del Comune di Milano, che riconosce l'impegno di aziende e creativi nel promuovere l'eguaglianza di genere. Il premio punta al superamento degli stereotipi e di ogni forma di discriminazione nella comunicazione al pubblico. "La pubblicità con la sua forza d'urto può davvero incidere sui comportamenti” sostiene Vicky Gitto, presidente dell'Adci.

Potranno partecipare ad Equal 2019 tutte le campagne, i progetti, i contenuti multimediali ideati e sviluppati da creativi italiani e pianificati in Italia. La partecipazione è gratuita. Il premio verrà assegnato al cliente e all'agenzia di comunicazione la cui campagna si è distinta per la capacità di pro
muovere l'evoluzione della rappresentazione di genere.

Quanto all'edizione 2018, il vincitore è Ikea col progetto multimediale ideato di Ddb Milano (e già vincitore di 4 Leoni a CannesLions 2018), che ha avuto il focus nella costruzione all'interno di 23 punti vendita di Milano, Torino e Roma di una stanza chiusa, da cui provenivano i suoni di un litigio domestico che sfociav
a in violenza sulla donna: “La violenza è più vicina di quanto credi. A volte c'è solo una parete tra te e lei".

Due le menzione speciali. Una è andata ad Adidas con la campagna ‘Invisibile Player’ dell'agenzia Accademia – categoria Giovani: una metafora della ‘sotto-rappresentazione’ dei gay e della comunità LGBT nello sport. Una seconda menzione speciale è andata a Moleskine Foundation con la campagna ‘Wiki Africa Education' di Dlv Bbdo che ha avuto l'’obiettivo di produrre il cambiamento sociale e contro gli stereotipi che circondano il continente africano.






Al completo le Giurie di Cannes Lions 2019


27 giurie si è quasi raggiunta la parità di genere. Sono rappresentati oltre 50 Paesi tra cui per la prima volta anche Giordania e Marocco. I giurati rappresentano tutte le specializzazioni dell'industry della comunicazione. Ci sono professionisti di grandi network e di agenzie indipendenti, di aziende innovative e di aziende tecnologiche, di strutture di consulenza, di company dell'intrattenimento. I giurati italiani sono 7

20 maggio 2019 - Cannes Lions ha reso nota la composizione del secondo gruppo di giurie che assegneranno Leoni e Grand Prix al prossimo Festival Internazionale della Creatività, che si terrà dal 17 al 21 giugno. Alle prime 13 giurie annunciante (vedi news del 13 maggio) se ne sono aggiunte ora le altre 14.

L'organizzazione sottolinea di essersi impegnata per migliorare l'equilibrio di genere, infatti nel 2019 il 48% dei membri della giuria è di sesso femminile, da 46% nel 2018, 43% nel 2017 e 40% nel 2016. I giurati provengono da oltre 50 paesi, per la prima volta anche da Giordania e Marocco. Sono professionisti di livello internazionale che rappresentano le diverse specializzazioni dell'industry della comunicazione: rappresentanti di network e di agenzie siedono accanto a rappresentanti di brand innovativi e di aziende tecnologiche, come Samsung, Lego, Amazon e Alibaba, e di strutture di consulenza come Deloitte, Ibm iX e McKinsey. Sono rappresentante anche molte agenzie indipendenti, da Åkestam Holst e Innocean a Wieden + Kennedy, Cheil e M&C Saatch, e company dell'intrattenimento come Netflix e Marvel Entertainment.


Tra le 27 categorie di premi, ce ne sono due del tutto nuove: i Creative Strategy Lions e gli Entertainment Lions for Sport. Il primo rientra nel Track Reach e intende celebrare come la strategia di pianificazione possa ridefinire un marchio, reinventare il business, influenzare i consumatori, ampliare la cultura del brand. Il secondo, nell'ambito dell'Entertainment Track, celebra la creatività che sfrutta il potere galvanizzante dello sport e degli eSports a favore dei brand.

Come già annunciato (vedi news del 23 maggio), i giurati italiani sono 7: Karim Bartoletti, partner/executive producer di Indiana Production Company, per i Film Craft; Davide Boscacci, executive creative director di Publicis Italy, per gli Outdoor; Vincenzo Piscopo, head of media and content di Ciaopeople e Fanpage per la categoria Media; Alessandro Sciarpelletti, executive creative director di We Are Social, per la categoria Direct; Carla Leveratto, creative partnerships manager di Google, per la categoria Brand Experience & Activation; Caterina Tonini, vice president di Havas PR, per la categoria PR e Giovanni Porro, executive creative director di Havas Milan, per la categoria Film.

Ecco le 14 giurie che completano il gruppo di 27:

Communications Track

Film Lions jury
Jury President - Margaret Johnson, Chief Creative Officer & Partner, Goodby Silverstein & Partners, USA
Alex Grieve, Executive Creative Director, AMVBBDO, UK
Alexander Nowak, Executive Creative Director, Droga5, USA
Anita Rios, Founding & Chief Creative Officer, Anita&Vega, Argentina
Felix Del Valle, Chief Creative Officer, Ogilvy, Brazil
Jens Pfau, Executive Creative Director, Jung Von Matt/next Alster, GMB, Germany
Julian Schreiber, Executive Creative Director, Special Group, Australia
Mónica Moro, Chief Creative Officer, McCann, Spain
Olivier Apers, Executive Creative Director, BETC, France
Yuta Okuyama, Creative Director, SIX, Japan
Fran Luckin, Chief Creative Officer, Grey Africa, South Africa
Garima Khandelwal, Executive Creative Director, MullenLowe Lintas Group, India
Giovanni Porro, Chief Creative Officer, Havas Milan, Italy
Hanna Stenwall, Copywriter, Nord DDB, Sweden
Ilkay Gurpinar, Chief Creative Officer, TBWAIstanbul, Turkey
Mike Dubrick, Partner, Creative Director, Rethink, Canada
Pablo Batlle, Founder & Creative Vice President, Nomades, Mexico
Prasert Vijitpawan, Creative Director, Ogilvy, Thailand
Simone Moessinger, Creative Director, 72andsunny, The Netherlands
Thomas Pries, Executive Creative Director, The Unicorn, Denmark

Titanium Lions Jury
Jury President - David Lubars, Chief Creative Officer Worldwide, Chairman North America, BBDO, Global
Claudia Cristovao, Head of Google Brand Studio - APAC, Google, APAC
Fernando Machado, Global Chief Marketing Officer, Burger King, Global
Leslie Sims, Chief Creative Officer, Ogilvy, USA
Lynne Anne Davis, President – Asia Pacific, FleishmanHillard, APAC
Malcolm Poynton, Global Chief Creative Officer, Cheil Worldwide, Global
Pelle Sjoenell, Worldwide Chief Creative Officer, BBH, Global
Susan Credle, Global Chief Creative Officer, FCB Worldwide, Global
Susan Hoffman, Chair, Wieden + Kennedy, Global
Wesley Ter Haar, Co-Founder & Chief Operating Officer, Mediamonks, Global

Craft Track

Digital Craft Lions Jury
Jury President - Rei Inamoto, Founding Partner, IxCo, USA
Audrey Tamic, Executive Creative Director, Proximity BBDO, France
Chris Chen, Chief Creative Officer, Isobar China Group, China
Christian Waitzinger, Vice President, Executive Creative Director, Publicis Sapient, Continental Europe
Fred Siqueira, Co-Founder & Chief Creative Officer, Ampfy, Brazil
Geoffrey Hantson, Chief Creative Director, Happiness Brussels & Happiness Saigon, Belgium & Vietnam
Jax Jung, Global Creative Director, Cheil Worldwide, Global
Julia Dovlatova, Executive Creative Director, Geometry Prague, Czech Republic
Timoni West, Director of XR Research, Unity Technologies, USA
Valentina Culatti, Head of Creative Shop, Northern Europe, Facebook Creative Shop, Northern Europe

Industry Craft Jury
Jury President - Trevor Robinson OBE, Founder & Executive Creative Director, Quiet Storm, UK
Andre Kassu, Partner & Chief Creative Officer, CP+B, Brazil
Asheen Naidu, Executive Creative Director, BWM Dentsu, Australia
Erick Rosa, Chief Creative Officer, Beacon Communications, Japan
John Koay, Executive Creative Director, Ogilvy, Hong Kong
Menno Kluin, Chief Creative Officer, 360i, USA
Mohamed Oudaha, Creative Partner, J.Walter Thompson Casablanca, Morocco
Nene Parsotam, Senior Digital Creative Director, Vine Creatives, UK
Pully Chau, Group CEO Cheil Worldwide, Greater China
Ralf Heuel, Chief Creative Officer/Partner, Grabarz & Partner, Germany

Entertainment Track

Entertainment Lions Jury
Jury President - Scott Donaton, Global Chief Creative & Content Officer, Digitas, Global
Asawin Phanichwatana, Executive Creative Director, GreynJ United, Thailand
Brent Anderson, Chief Creative Officer, TBWAMedia Arts Lab, USA
Daniela Busoli, CEO, Formata Produções e Conteúdo, Brazil
Emily Bull, Cofounder and Managing Director, Hellofuture.TV, Australia
Jenny Orru, Director of Branded Content, No Filter, France
Jesus Revuelta, Chief Creative Officer, FCB&FiRe, Spain
Jill Wilfert, Vice President Global Licensing & Entertainment, LEGO, Global
Matt Hyde, Creative Director and Co-Founder, Glitchers, UK
Mindy Hamilton, Senior Vice President, Global Marketing Partnerships, Marvel Entertainment, Global
Richard Brim, Chief Creative Officer, adam&eveDDB, UK
Ryan McManus, Chief Creative Officer, VML, South Africa
Tamara Howe, Chief Content Officer - EMEA, Vice, EMEA
Thijs Bontje, Managing Creative Director, N=5, The Netherlands
Vivian Yin, CEO, Fremantlemedia, China
Wale Gbadamosi Oyekanmi, Founder and President, Dare.Win, Global

Experience Track

Brand Experience & Activation Lions Jury
Jury President - Jaime Mandelbaum, Chief Creative Officer, VMLY&R, Europe
Bronwyn Van Der Merwe, General Manager, Fjord, Australia
Dany Minaker, Executive Creative Director, Wunderman, Argentina
Emma De La Fosse, Chief Creative Officer, Digitas, UK
Marcelo Lenhard, CEO, Hands, Brazil
Pedro Gallardo, Managing Director & Digital Experience Director, DDB Worldwide, Spain
Sophia Lindholm, Art Director, Forsman & Bodenfors, Sweden
Thomas Murphy, Chief Creative Officer, McCann Worldgroup, USA
Valerie Madon, Chief Creative Officer, Havas Group Singapore, South East Asia
Youri Guerassimov, Executive Creative Director, Marcel, France
Alexis Bronstorph, Executive Creative Director, Taxi, Canada
Álvaro Sepúlveda, CEO / Chief Creative Officer, Media Trends Group, Chile
Andrei Cohn, Creative Director & Partner, Cohn & Jansen, Romania
Arina Avdeeva, Executive Partner and Co-founder, Friends Moscow, Russia
Ariyawat Juntaratip, Executive Creative Director, Leo Burnett, Thailand
Carla Leveratto, Creative Partnerships Manager, Google, Italy
Christie Cooper, Creative Director, DDB Group, New Zealand
Edson Athaíde, CEO and Creative Director, FCB Lisboa, Portugal
Erik Falke, Creative Director, TBWANEBOKO, The Netherlands
Flip Sorée, Head of Creative, Cheil Worldwide, China
Hyo-Jin Kim, Creative Director, HS Ad, South Korea
Janne Brenda Lyso, Executive Creative Director, POL, Norway
Jolien Tuyteleers, Copywriter, Wunderman Thompson, Belgium
Juan Manuel Larco, Chief Creative Officer, McCann Quito, Ecuador
Katja Behnke, Creative Director, Publicis Pixelpark, Germany
Khalid Osman, Creative/Co-founder, BLKJ, Singapore
Marie Claire Maalouf, Creative Director, Impact BBDO, United Arab Emirates
Mario Lagos, Executive Creative Director, Sancho BBDO, Colombia
Marta Fraczek, Associate Creative Director, Saatchi & Saatchi, Poland
Mauricio Fernandez Maldonado Cánepa, Managing Director, Harrison, Peru
Nicola Garrett, Creative Director, TBWA, South Africa
Noritaka Kobuse, Creative Director, Dentsu, Japan
Sandipan Bhattacharyya, Chief Creative Officer, Grey, India
Sebastian Arrechedera, Creative Chairman, AC mcgarrybowen, Mexico
Stephanie Lang, Executive Creative Director, Ogilvy & Mather, Switzerland

Creative eCommerce Lions Jury
Jury President - Daniel Bonner, Global Chief Creative Officer, Wunderman, Global
Cassandra Kelsall, Creative Director, Experience Design, Publicis Sapient, Australia
Daniel Sytsma, Chief Design Officer EMEA, Isobar, EMEA
Joanna Pena-Bickley, Head of Design, Internet of Things (IOT), Amazon, USA
Jon Bird , Chief Retail & Commerce Officer, VMLY&R, Global
Laura Liang, Chief Strategy Officer, DDB China Group, China
Laurence Thomson, Co-President & Chief Creative Officer, McCann London, UK
Lolly Mason, Digital Media & Martech Advisor, Global
Preethi Mariappan, Vice President, Head of Design APAC, VISA, APAC
Renata Bokel, Head of Consumer Engagement, IBM IX, LATAM

Good Track

Sustainable Development Goals Lions Jury
Jury President - David Droga, Founder and Creative Chairman, Droga5, Global
Ariana Stolarz, Global Chief Strategy Officer, MRM//McCann, Global
Atila Francucci, Creative Vice President , nova/sb Comunicação, Brazil
Christoph Becker, Global CEO & Chief Creative Officer, GYRO, Global
Claudia Gonzalez, Chair, We Are All Human Foundation and Co-Host, Global GoalsCast, We Are All Human, Global
Heesun Kim, Vice President, Head of Global Launch Marketing, Samsung, South Korea
Ishteyaque Amjad, Vice President - Public Affairs,Communications & Sustainability, Coca Cola, India
Maha Elbahrawi, Deputy Director (Judging in personal capacity), United Nations, Global
Per Pedersen, Global Creative Chairman, Grey, Global
Thomas Kolster, Mr. Goodvertising, Goodvertising, Denmark
Tina Allan, Executive Vice President Director of Data Solutions, BBDO, USA

Health Track

Pharma Lions Jury
Jury President - Robin Shapiro, Global President, TBWAWorldHealth, Global
Adam Weiss, Managing Director/Creative Director, CDM, Japan
Andrew Spurgeon, Executive Creative Director, Langland, UK
Emily Spilko, Executive Creative Director, Evoke, USA
Bianca Eichner, Vice President & General Manager, WE Communications, Germany
Kathleen Nanda, Executive Vice President, Group Creative Director, FCB Health, USA
Laura Florence, Executive Creative Director, Havas Life, Brazil
Nanda Marth, Creative Director, Sudler, UK
Praful Akali, Founder & Managing Director, Medulla Communications, India
Xavier Sánchez, Founding Partner and Global Chief Creative Officer, Umbilical, Global

Impact Track

Creative Effectiveness Lions Jury
Jury President - John Seifert, Worldwide Chief Executive, Ogilvy, Global
Andrea Diquez, CEO, Saatchi & Saatchi, USA
Clare Hutchinson, Chief Strategy Officer, Havas Media, UK
Jesko Perrey, Senior Partner and Global Knowledge Leader, McKinsey and Company, Global
Joanne Lao, CEO, TBWAShanghai, China
Michael Chadwick, Chief Strategy Officer - APAC, Dentsu Aegis, APAC
Saurabh Varma, CEO, South Asia, Publicis Groupe, South Asia
Suzanne Powers, Global Chief Strategy Officer, McCann Worldgroup, Global
Dara Treseder, Chief Marketing Officer, Carbon, USA

Reach Track

Direct Lions Jury
Jury President - Nicky Bullard, Chairwoman and Chief Creative Officer, MRM McCann, UK
Jesus Lada, Chief Creative Officer, Havas, Spain
Kristal Knight, Creative Director, Saatchi & Saatchi, New Zealand
Myles Lord, Managing Creative Director/Partner, Serviceplan Berlin, Germany
Nathalie Brown, Vice President, Executive Creative Director, VMLY&R, USA
Nellie Kim, Partner, Vice President, Executive Creative Director, LG2, Canada
Rafael Donato, Creative Vice-President, David São Paulo, Brazil
Stephanie Moradi, Senior Copywriter and Partner, Åkestam Holst, Sweden
Stephen De Wolf, Executive Creative Director, Clemenger BBDO Melbourne, Australia
Tristan Daltroff, Creative Director, Buzzman, France
Abi Aquino, Executive Creative Director, MullenLowe, The Philippines
Alejandro Canciobello, Senior Vice President, Creative Director, Moon Rabbit, Singapore
Alessandro Sciarpelletti, Creative Director, We Are Social, Italy
Anders Muurman Holm, Copywriter, Morgenstern, Norway
Aranzazu Muraca, Digital Creative Strategist, The Juju, Argentina
Claudi Potter, Creative Director, Joe Public United, South Africa
Dejan Stajnberger, Creative Director, VCCP Prague, Czech Republic
Dhruv Warrior, Associate Creative Director, VMLY&R, United Arab Emirates
Enrique Renta, Chief Creative Officer, DDB Latina, Puerto Rico
Francisco Xavier Barona Guillén, Executive Creative Director, La Facultad, Ecuador
Gosia Drozdowska, Executive Creative Director, FCBBridge2Fun, Poland
Ignacio Quiñones, Chief Creative Officer, Grey Chile
Ioana Zamfir, Creative Director, Centrade Cheil, Romania
Johanne Bruun Rasmussen, Founding Partner & Creative Director, Hello Monday, Denmark
Karolina Galácz, Creative Director, DDB Budapest, Hungary
Kelly Pon, Executive Creative Director, BBH, China
Klaartje Galle, Creative Director, Darwin BBDO, Belgium
Manolo Techera, Chief Creative Officer, M&C Saatchi, Mexico
Marina Danjo, Copywriter, Dentsu, Japan
Mauricio Sarmiento, Chief Creative Officer, Leo Burnett, Colombia
Mischa Schreuder, Creative Director, Publicis One, The Netherlands
Mohammad Kamal, Managing Director & Creative Director, Memac Ogilvy Advize, Jordan
Oleg Tumanov, Executive Creative Director, Geometry Moscow, Russia
Pallavi Chakravarti, Executive Creative Director, Taproot Dentsu, India
Ricardo Chadwick Matteucci, Chief Creative Director, Fahrenheit DDB, Peru
Sami Basut, Executive Creative Director, Manajans J. Walter Thompson, Turkey
Seulki Lee, Creative Director, Cheil Worldwide, South Korea
Stefan Dätwyler, Creative Director / Partner, Wirz Activation, Switzerland
Steve Babaeko, Chief Creative Officer and CEO, X3M Ideas, Nigeria
Thanasorn Janekankit, Executive Creative Director, CJ Worx, Thailand

Media Lions Jury
Jury President - Karen Blackett OBE, WPP UK Country Manager & MediaCom Chairwoman UK & Ireland, WPP, UK
Christine Removille, Global President, Carat, Global
Emer Fitzgerald, Head of Media Connections, Rothco, Ireland
Karine Courtemanche, President, Touché!, Canada
Kasper Aakerlund, President - APAC, UM, APAC
Mark Murray Jones, Chief Strategy Officer - EMEA, OMD, EMEA
Nickie Scriven, CEO - Australia, Zenith Media, Australia
Paulo Ilha, Vice President, Media, DPZ&T, Brazil
Steve Williams, Global Chief Operations Officer / Americas CEO, Essence, Global
Yean Cheong, Head of Cadreon Asia Pacific, Cadreon, APAC
Alan Vainrub, CEO, PHD, Costa Rica
Atva Van Zanten, Managing Director, Mindshare, The Netherlands
Carlos Rojas Girao, CEO, IPG Mediabrands, Peru
Corinne Verstraete, Managing Director, Mediacom, Belgium
Daniel Bueckman, Executive Director, Hearts & Science, USA
David McCallen, Head of Strategy, OMD, New Zealand
Ernest Riba, Managing Director, Havas Media Group, Argentina
Geovanna Nassar, Head of Trading, Planning & Buying and General Manager GMT, Group M, Colombia
Irina Andreea Stoleru, Senior Art Director, Publicis, Romania
Karin Libowitzky, CEO, Vizeum, Germany
Kate Ivory, Managing Partner, Strategy, OMD, UK
Kelly Huang, CEO, Omnicom Media Group, Taiwan
Lars Samuelsen, Chief Strategy Officer and Head of Digital, Uncle Grey, Denmark
Lee-Ann Morris, Managing Director, PHD, New Zealand
Mallika Shankarnarayan, Chief Strategy Officer, Havas, Singapore
Marie-Esther Mathonnat, Managing Director, Arena Media, France
Michael Zylstra, SSA Chief Strategy Officer, Dentsu Aegis Network, South Africa
Nathalie Diethelm, CEO, Havas Media, Switzerland
Nonora Elmudesi, President, Ogilvy, Dominican Republic
Oscar Dorda, General Manager, PHD, Spain
Peder Mittet, CEO, Publicis Media, Norway
Rachel Forde, CEO, UM, UK
Rathi Gangappa, CEO, Starcom, India
Sargi Mann, Executive Vice President, Head of Digital Strategy, Havas Media Group, USA
Shula Sinclair, Global Head of Strategy, Spark Foundry, Global
Simone Skoog, Former Chief Operations Officer, GroupM, Sweden
Tarek Daouk, CEO, Dentsu Aegis, United Arab Emirates
Tifenn Cloarec, Strategy Partner, Vizeum, USA
Tim Ringel, Global CEO, Reprise Digital, Global
Vincenzo Piscopo, Head of Branded Content, Ciaopeople, Italy
Vivian Zhu, CEO, Zenith, China

PR Lions Jury
Jury President - Michelle Hutton, Managing Director, Global Clients, Edelman, Global
Candace Peterson, Global Managing Director Brand Marketing, FleishmanHillard, Global
Cornelia Kunze, Founder/Managing Partner, i-Sekai, Global
Howard Pulchin, Global Creative Director, APCO Worldwide, Global
Jenna Young, Executive Creative Director, Weber Shandwick, USA
Marta Karlqvist, CEO, Nordics, Burson Cohn & Wolfe, Sweden
Shouvik Prasanna Mukherjee, Executive Creative Director, Golin, Singapore
Simon Shaw, Global Chief Creative Strategy & Innovation Officer, Hill+Knowlton Strategies, Global
Vania Ciorlia, Executive Vice President, Ketchum, Brazil
Yvonne Van Bokhoven, Executive Vice President Europe, LEWIS Communications, The Netherlands
Alexey Fedorov, Executive Creative Director, BBDO, Russia
Angela Spain, Head of PR Activation & Social, FCB Auckland, New Zealand
Carlos Verastegui, Partner and Chief Creative Officer, ACHE, Mexico
Caterina Tonini, CEO, Havas PR Milan, Italy
Deepshikha Dharmaraj, Managing Director, Genesis Burson Cohn Wolfe, India
Diana Littman, CEO, MSLGROUP, USA
Dita Stejskalová, Managing Director, Ogilvy PR, Czech Republic
Kenn Van Lysebeth, Creative / PR, TBWA/Brussels, Belgium
Kilgeun Jung, PR Executive, CJ Corporation, Global
Kotaro Tachiya, The Advisor, Hakuhodo, Japan
Maciej Marasek, Partner / Chief Creative Director, 2012 Agency, Poland
Manuela Munoz, Corporate Communications Manager, Netflix, Latin America
Marie-Josee Gagnon, CEO & Founder, Casacom, Canada
Marith Hartmann, Partner, Senior Advisor, GK Nordic, Norway
Melinda Po, Managing Director, Edelman, China
Murat Lecompte, Chief External Affairs Officer, Socar, Turkey
Rachel Friend, CEO UK & Ireland, Weber Shandwick, UK & Ireland
Rodrigo Freitas, CEO, Central De Informação, Portugal
Russ Tucker, National Creative Director, Digital Arts Network, Australia
Sandrine Cormary, General Manager, Omnicom Public Relations Group, France
Simona Simon, Group Creative Director, McCann PR România, Romania
Sujitra Ketsuwan, Director, Corporate Affairs and Marketing Communications, Dentsu X, Thailand
Suzanne Talhouk, General Manager, J. Walter Thompson, Lebanon
Valerie Tan, Vice President - Public Relations, Social Media and Internal Communications, Emirates, Global
Vanesa Peloche, Managing Director Madrid, Equipo Singular, Spain

Social & Influencer Lions Jury
Jury President - PJ Pereira, Co-Founder & Creative Chairman, Pereira & O'Dell, Global
Anneli Rispens, Director - Content & Social Media, DDB Worldwide, EMEA
Bekah Sirrine, Head of Brand Creative, Instagram, USA
Bia Granja, Founder & Chief Creative Officer, Youpix, Brazil
Mihnea Gheorghiu, Global Creative Director, Publicis, Global
Nicole Holzenkamp, Brand Experience Director, Kolle Rebbe, Germany
Nils Leonard, Founder, Uncommon Creative Studio, UK
Rodrigo Sobral, Global Chief Creative Officer, Oliver, Global
Sandrine Plasseraud, Founder & CEO, We Are Social, France
Toshihiko Tanabe, Creative Director, Dentsu, Japan
Tytus Klepacz, Senior Creative Director, J. Walter Thompson Dubai, United Arab Emirates.


Wired Next Fest compie dieci anni
e dedica l'edizione 2019 a ‘Il futuro’


festival, promosso da Condé Nast e organizzato da Wired Italia con Audi, torna a celebrare a Milano, dal 24 al 26 maggio, la scienza, la tecnologia, la rete, la ricerca, l'innovazione, la voglia di cambiamento. Tra i tanti ospiti, Jimmy Wales, fondatore di Wikipedia, e Edward Snowden, l'ex tecnico della Cia che ha dato il via al Datagate. Ricco il programma musicale. Main partner sono Barbie, E-Distribuzione, Nexi, Reale Mutua, Vodafone

17 maggio 2019 - Torna a Milano dal 24 al 26 maggio presso i Giardini Indro Montanelli il Wired Next Fest, il festival italiano, promosso da Condé Nast e organizzato da Wired Italia, che celebra e racconta la scienza, la tecnologia, il business, la rete, la ricerca, l'innovazione sociale, la voglia di cambiamento e l'evoluzione. L'evento, che compie dieci anni, è ingresso libero e gratuito grazie al sostegno di numerosi sponsor tra cui il principale è Audi.

Il tema dell'edizione milanese 2019 è ‘Il futuro’. “È cruciale che ognuno di noi, a livello individuale e collettivo, - dice il direttore di Wired Italia Federico Ferrazza - si prenda la responsabilità di costruirlo, non pensando che i grandi trend, tecnologici e non, siano ineluttabili e immutabili”.

Tantissimi gli ospiti in programma. Otre a Jimmy Wales, imprenditore e fondatore di Wikipedia, l'altro grande ospite internazionale sarà Edward Snowden, informatico e attivista statunitense noto per essere stato il tecnico della Cia che con le sue rivelazioni ha dato il via al Datagate. Ampio spazio è dato al progetto Dream Gap, promosso da Barbie (Mattel), un segnale concreto per supportare bambine e ragazze a perseguire i propri sogni e ridurre il gender gap in ambiti in cui le donne sono attualmente sotto rappresentate, come quelli Stem (acronimo di Science, Technology, Engineering and Mathematic).

Ricco anche il programma dei workshop e laboratori (tutti gratuiti con registrazione obbligatoria sul sito nextfest.wired.it) che occuperanno gli spazi della Wired School, del Wired Lab e dell'Aula Magna del Museo di Storia Naturale. Il programma sarà completato dalla musica.

Il Wired Next Fest è realizzato col patrocinio del Comune di Milano, in collaborazione con Audi e grazie al supporto del mobile partner Huawei edei main partner Barbie, E-Distribuzione, Nexi, Reale Mutua e Vodafone. Partner sono Adecco, Amaro Montenegro, Autogrill, Asi (agenzia spaziale italiana), Gruppo Cap, Deloitte, Istituto Marangoni, Mastercard, Modis, Nastro Azzurro, Nescafé, Phyd, Roche. Partner scientifico è Fondazione Airc per la ricerca sul cancro. Event supporter sono Fuzetea, Homepal, Lago, Mnd Milano Innovation District, Moleskine, Gruppo Remedia, Wavemaker. Official hotel è NH Hotel Group, official radio è Rds. Media partner, infine, è Urban Vision. Exhibit & design production sono a cura di Piano B.


Karim Bartoletti di Indiana e Davide Boscacci
di Publicis Italy giurati per l'Italia a CannesLions 2019


state annunciate le composizioni di un primo gruppo di giurie che assegneranno Leoni e Gran Prix al prossimo Festival Internazionale della Creatività, che si terrà a Cannes dal 17 al 21 giugno. Karim Bartoletti farà parte della Giuria Film Craft, Davide Boscacci della Giuria Outdoor

13 maggio 2019 - Karim Bartoletti, partner/executive producer di Indiana Production Company, e Davide Boscacci, executive creative director di Publicis Italy, faranno parte rispettivamente della Giuria Film Craft e della giuria Outdoor al prossimo Festival Internazionale della Creatività, che si terrà a Cannes dal 17 al 21 giugno. Sono i primi giurati italiani annunciati dall'organizzazione del Festival che hanno reso noti i componenti di un primo gruppo di giurie.

Simon Cook, managing director di CannesLions, ha dichiarato: "Le nostre giurie sono selezionate per rappresentare un mix diversificato dei più affermati talenti mondiali del settore e svolgono un ruolo fondamentale nella definizione del punto di riferimento globale per la creatività".

Le categorie di assegnazione di Leoni sono 27, organizzate in nove Tracks: Craft, Communication, Experience, Reach, Impact, Good, Innovation, Health and Entertainment.

Ecco le prime 13 giurie annunciate:


Communications Track

Design Lions Jury
Jury President - Richard Ting, Global Chief Experience Officer & US Chief Creative Officer, R/GA, Global
Anna Lukanina, Managing Partner, Depot WPF, Russia
Casey Sheehan, Partner, Design, Work & Company, USA
Christian Doering, Creative Director/Head of Design, Kolle Rebbe, Germany
Dominic Sturm, President, Swiss Design Association, Switzerland
Fiona Leeming, Executive Creative Director, Honey Communications, Australia
Karen Cesar, CEO & Founder, Red Bandana, Brazil
Katherina Tudball, Creative Director, Superunion, United Kingdom
Kheireddine Sidhoum, Global Chief Creative Officer, Dragon Rouge, Global
Kiki Hartmann, Independent Brand, Design, Communication Specialist, Kiki Hartman, The Netherlands
Lisa Greenberg, Executive Creative Director, Leo Burnett, Canada
Malvika Mehra, Chief Creative Officer, Dentsu Aegis Network, India
Masaya Asai, Group Creative Director, TBWAHakuhodo, Japan
Rojana Chuasakul, Founder/Chief Creative Officer, Storyteller Bangkok, Thailand
Vidya Manmohan, Executive Creative Director, Grey, United Arab Emirates

Mobile Lions Jury
Jury President - Ari Weiss, Chief Creative Officer, DDB Worldwide, North America
Adriano Santiago De Matos, Chief Creative Officer, Grey, Brazil
Beth Keamy, Global Director of Digital, TBWAMedia Arts Lab, Global
Ian Mackenzie, Executive Creative Director, FCB/SIX, Canada
Juan Pablo Alvarez, Chief Creative Officer, Ogilvy, Colombia
Krystle Mullin, Creative Director, RPA, USA
Sophie Te Pas, Digital Creative Director, Mediamonks, Singapore
Suzana Apelbaum, Head of Creative, Google, USA
Tijmen Mulder, Founder, Robot Kittens, The Netherlands
Tomohiko Hayashi, Interactive Director, Hakuhodo, Japan

Outdoor Lions Jury
Jury President
Davide Boscacci
, John Patroulis, Worldwide Chief Creative Officer, Grey, Global

Alice Bottaro, Creative Director, Antoni, Germany
Antoinette Beatson, Executive Creative Director, BETC, France
Carlos Moreno, Global Chief Creative Officer, Cossette, Global
Dan Dawson, Chief Creative Officer, Grand Visual, United Kingdom
Davide Boscacci, Executive Creative Director, Publicis, Italy
Ingrid Lira, Chief Creative Officer, Pedro Juan & Diego, Chile
Keka Morelle, Executive Creative Director, ALMAPBBDO, Brazil
Paul Nagy, Chief Creative Officer - Australia & New Zealand, VMLY&R, Australia & New Zealand
Surachai Puthikulangkura, Founder & CEO, Illusion CGI Studio, Thailand

Print & Publishing Lions Jury
Jury President - Olivier Altmann, Co-founder, CEO & Chief Creative Officer, Altmann + Pacreau, France
Ana Balarin, Partner and Executive Creative Director, Mother, United Kingdom
Elena Garcia, Creative Director, PS21, Spain
Fouad Abdel Malak, Executive Creative Director, TBWARAAD, United Arab Emirates
Hannah Smit, Creative Director, Wieden + Kennedy, The Netherlands
Hernan Kritzer, Chief Creative Officer, Grey, Argentina
Mieke Haase, Managing Director, Creation & Partner, Loved, Germany
Monique Lopes Lima, Director of Special Projects, Africa, Brazil
Neo Mashigo, Chief Creative Officer, M&C Saatchi Abel, South Africa
Suzanne Donaldson, Senior Director Creative Production, Nike, USA

Radio & Audio Lions Jury
Jury President - Jose Miguel Sokoloff, Global President and Creative Council and Chief Creative Officer UK, MullenLowe London, Global
Dennis May, Chief Creative Officer, DDB Group, Germany
Icaro Doria, Chief Creative Officer, Arnold Worldwide, USA
Joe Dy, Chief Creative Officer, McCann Manila, The Philippines
Lyranda Martin Evans, Executive Creative Director, Vice President, Dentsubos, Canada
Miriam Martínez, Executive Creative Director, MQWatson, Spain
Pam Myers, Radio & Audio Producer, Rorschach Radio, United Kingdom
Serginho Rezende, Music Director, Comando S Audio, Brazil
Tamara O'Neill, Music & Sound Producer, Liquid Studios, New Zealand
Tseliso Rangaka, Executive Creative Director, Ogilvy SA, South Africa


Craft Track

Film Craft Lions Jury
Jury President - Rebecca Skinner, Managing Director/Executive Producer, Superprime Films, USA
Christiane Dressler, Founder/Managing Director/Executive Producer, Anorak, Germany
Cristiano Pinheiro, Music Supervisor/Sound Designer/CEO, Punch Audio, Brazil
Guillaume Marien, CEO & Owner, Mathematic, France
Jo
Karim Bartoletti
hn Mckelvey, Founder, Executive Creative Director, JohnXHannes New York, USA
Karim Bartoletti, Partner/Executive Producer, Indiana Production Company, Italy
Katie Keith, First Lady, Rattling Stick, United Kingdom
Micah Walker, Co-Founder & Chief Creative Officer, Bear Meets Eagle on Fire, Australia
Mitsuaki Timo Otsuki, Founder/CEO, Connection, Japan
Monika Lenczewska, Director of Photography, Monika Lenczewska, Poland
Sandrine Huijgen, Creative Partner, Cloudfactory, The Netherlands


Entertainment Track

Entertainment Lions for Music Jury
Jury President - Paulette Long OBE, Music Consultant/Board Director/Publisher, Paulette Long, United Kingdom
Brian Yessian, Partner, Chief Creative Officer, Yessian Music, USA
Carlos Jean, Head of Music, Ogilvyone Worldwide, Spain
Christopher Clark, Director of Music, Leo Burnett Chicago, USA
Daniel Kuypers, Senior Vice President, Executive Director of Music, Energy BBDO, USA
Karla Henwood, Executive Creative Producer, Nylon Studios, Australia
Laura Nakhla, Head of Synchronisation, Warner Music Asia, Hong Kong
Lucas Duque, Founding Partner & Creative Music Director, Sonido, Brazil
Sander Van Maarschalkerweerd, Founder & CEO, Sizzer Amsterdam, The Netherlands
Simon Heeger, Composer / Managing Partner, 2WEI Music, Germany

Entertainment Lions for Sport Jury
Jury President - Steve Stoute, Chief Executive Officer, Translation Enterprises, USA
Alberto Ponte, Global Creative Director, Wieden + Kennedy, Global
Ann Wool, Chief Integration Officer, Ketchum Sports & Entertainment, USA
Ben Hartman, Managing Director, APAC, Octagon, APAC
Hidetoshi Maki, Executive Planning Director, Dentsu, Japan
Joao Chueiri, Senior Vice President, Marketing, AB Inbev, USA
Mark Osikoya, Associate Vice President, Global Partnerships, National Basketball Association, United Kingdom
Sheri Barros, Global Strategic Director, Sports Alliances, SVB Group, Global
Tove Okunniwa, CEO, London Sport, United Kingdom
Tyler Deangelo, Executive Creative Director, Strawberryfrog, USA


Good Track

Glass: The Lions for Change Jury
Jury President - Jaime Robinson, Chief Creative Officer, Joan Creative, USA
Ali Rez, Regional Executive Creative Director - Middle East and Pakistan, Impact BBDO, Middle East and Pakistan
Geoff Edwards, Chief Creative Officer, Saturday Morning, USA
Kitty Lun, Director, Head of Creative Shop, Greater China, Facebook, Hong Kong
Lisa Sherman, President & CEO, The Advertising Council, USA
Martina Poulopati, Essity Feminine Care: Global Brand Communications Manager, Essity, Germany
Merlee Jayme, CCO and Chairmom, Dentsu Jayme SYFU, The Philippines
Smita Reddy, Executive Vice President, Global Client Relationship Manager, Edelman, Global
Tista Sen, Regional Creative Director, Wunderman Thompson, India & Sri Lanka
Todd Hunter, Co-Chief Creative Officer, Observatory, USA


Health Track

Health & Wellness Jury
Jury President - Shaheed Peera, Executive Creative Director, Publicis Lifebrands, United Kingdom
Augé Reichenberg, Executive Vice President, Chief Creative Officer, Havas Health, USA
Bernardo Romero, Executive Creative Director, Healthcare & Wellness, Grey, USA
Berta Loran, Creative Director, Global Healthcare, Spain
Carlos André Eyer, Creative Vice President, NBS, Brazil
Christian Geis, Digital Creative Director, Wefra, Germany
Geet Rathi, Creative and Design Director, TBWAIndia
Matt Eastwood, Global Chief Creative Officer, McCann Health, Global
Phyllis Cheng, Vice President – Healthcare, FleishmanHillard, Singapore
Sinead Murphy, Creative Director, Syneos Health, United Kingdom
Toby Pickford, Chief Creative Officer, Ogilvy Commonhealth, Australia


Innovation Track

Innovation Lions Jury
Jury President - Bill Yom, Global Creative Director, Cheil Worldwide, Global
Dillah Zakbah, Technology & Innovation Director, BBH, USA
Elspeth Lynn, Executive Creative Director, Geometry Global, United Kingdom
Eran Gefen, Founder, Gefen Team, Israel
Francisco Samper, CEO, Mullenlowe SSP3, Colombia
Kaitlyn WonJung Chang, Chief Operations Officer, Kobza and the Hungry Eyes / KTHE, Austria
Marcelo Tripoli, Vice President Digital Marketing & Expert Associate Partner, McKinsey & Company, Brazil
Mathias Wikström, Creative Strategy/Head of Innovation, RBK Communication, Sweden
Pete Blackshaw, CEO, Cintrifuse, USA
Zélia Sakhi, Chief Experience Officer, Mullenlowe Group, Japan


Reach Track

Creative Data Lions Jury
Jury President - Yasuharu Sasaki, Head of Digital Creative and Executive Creative Director, Dentsu, Japan
Billy Seabrook, Global Chief Creative Officer, IBM IX, Global
Camilo La Cruz, Chief Strategy Officer, Sparks And Honey, USA
David Fletcher, Chief Data Officer, Wavemaker, United Kingdom
Felipe Simi, Founder/Head of Creative Data, SOKO, Brazil
Hanan Belarbi, Head of Data EMEA, R/GA London, EMEA
Ilina Scott, Creative Strategist, Google, The Netherlands
Stacey Kemp, Principal, Marketing & Customer Strategy, Deloitte Digital, USA
Maurice Riley, Head of Data & Analytics - APAC, Digitas Australia, APAC
Christina Lu, General Manager, Uni Marketing Centre, Alibaba, China

Creative Strategy Lions Jury
Jury President - Tracey Follows, Founder, Futuremade, United Kingdom
Adrian Mills, Partner - Creative, Brand & Media, Deloitte Australia, Australia
Amanda Fève, Partner, Chief Strategy Officer, Anomaly, The Netherlands
Bridget Angear, Chief Strategy Officer, AMVBBDO, United Kingdom
Ian Davidson, Executive Director, Strategy & Insights, VMLY&R, USA
Lucy Jameson, Founder, Uncommon, United Kingdom
Neil Dawson, Chief Strategy Officer - EMEA & APAC, Publicis Sapient, EMEA & APAC
Takeo Shimizu, Brand Experience Design Lead, Senior Manager, Accenture Interactive, Japan
Tom Morton, Chief Strategy Officer, R/GA, USA
Vita Harris, Chief Strategy Officer - Global, FCB, Global


CannesLions introduce il premio Creative Brand of the Year
e assegna il LionHeart Award a Phumzile Mlambo-Ngcuka


nuovo Special Award celebra i singoli marchi, insieme alle relative agenzie, che utilizzano con successo la creatività come leva per progredire nel business. Phumzile Mlambo-Ngcuka di UN Women sarà premiata per la sua azione a favore delle donne, dei diritti umani e della giustizia sociale, e per la sua leadership di Unstereotype Alliance. Infine. l'organizzazione del Festival ha scelto tra i presidenti di Giuria nove Ambassador per i nove Track sotto cui dallo scorso anno sono raggruppate le categorie di premio

30 aprile 2019 - Marcia di avvicinamento a CannesLions 2019 (17-21 giugno). L'organizzazione annuncia una serie di novità. La prima è l'introduzione di un nuovo premio speciale, il Creative Brand of the Year, con cui celebrare i singoli marchi che utilizzano con successo la creatività come leva per progredire nel business. Il premio andrà sia ai brand che alle agenzie partner, riconoscendo il lavoro comune come mission collettiva e verrà assegnato sulla base di un punteggio cumulato: 35 punti per un Titanium and Creative Effectiveness Grand Prix, 30 per ogni altro Grand Prix (incluso il Grand Prix for Good), 30 punti per un Titanium Lion, 15 punti per un Gold Lion, 7 per un Silver, 3 per un Bronzo, 1 per un ingresso in shortlist. Il nuovo Special Award, che sarà assegnato nella cerimonia finale del 21 giugno, si aggiunge a Holding Company of the Year, Network of the Year, Agency of the Year, Independent Agency of the Year, Media Network of the Year, The Palme d'Or, Healthcare Network of the Year and Healthcare Agency of the Year.

E' stato poi annunciato che a Phumzile Mlambo-Ngcuka, United Nations under-secretary-general and executive director di UN Women, verrà assegnato il Cannes LionHeart come riconoscimento della sua azione per la difesa per le donne, per i diritti umani e la giustizia sociale in tutto il mondo, e per la sua leadership di Unstereotype Alliance, iniziativa contro gli stereotipi che spesso vengono portati avanti anche nei contenuti multimediali e pubblicitari. È il sesto anno in cui viene assegnato questo premio onorario, introdotto come riconoscimento per chi ha saputo agire per migliorare la vita delle persone e/o del pianeta. Anche questo premio verrà consegnato nella cerimonia finale di venerdì 21 giugno.

Sono stati poi nominati, scegliendoli tra i presidenti di Giuria, degli Ambassador e garanti dei nove Track introdotti lo scorso anno, sotto cui sono state raggruppate per coerenza e vicinanza le tante categorie di premiazione. Si tratta Margaret Johnson, Chief Creative Officer di Goodby Silverstein & Partners (presidente Film Lions) per il track Communication; Trevor Robinson OBE, Founder & Executive Creative Director di Quiet Storm (presidente Industry Craft Lions), per il track Craft; Steve Stoute, Founder & CEO di Translation Enterprises (Entertainment Lions for Sport), per il track Entertainment; Daniel Bonner, Global Chief Creative Officer Wunderman, Global (presidente Creative eCommerce Lions), per il track Experience; Jaime Robinson, Chief Creative Officer di Joan Creative (presidente Glass Lions), per il track Good; Robin Shapiro, Global President, TbwaWorldHealth (presidente Pharma Lions), per il track Health; John Seifert, Worldwide Chief Executive di Ogilvy (presidente Creative Effectiveness), per il track Impact; Bill Yom, Global Creative Director di Cheil Worldwide (presidente Innovation Lions), per il track Innovation; Tracey Follows, Founder di Futuremade (presidente Creative Strategy Lions), per il track Reach.


Interni presenta Human Spaces, mostra-evento
del Fuorisalone, e lancia il sito interinternimagazine.it


aziende, start-up e istituzioni hanno tradotto in installazioni sperimentali il concetto di ‘spazio umano’ all'Università degli Studi di Milano, all'Orto Botanico di Brera e all'Arco della Pace. Aperta fino al 19 aprile, la mostra è promossa da una campagna di street advertising. Main sponsor sono Audi, Eni e Whirpool. Per il Fuorisalone, inoltre, il sistema Interni si arricchisce del sito con design innovativo e nuovi contenuti e format editoriali

8 aprile 2019 - Apre oggi a Milano Human Spaces, titolo dato quest'anno alla mostra-evento ideata dal mensile Interni del Gruppo Mondadori e da sempre uno degli appuntamento centrali del Fuorisalone milanese. Resterà aperta fino al 19 aprile nei Cortili dell'Università degli Studi di Milano, nell'Orto Botanico di Brera e per la prima volta in Piazza Sempione con l'Arco della Pace e i Caselli Daziari.

ll tema ha preso spunto da un'affermazione del Maestro Oscar Niemeyer: ‘La vita è più importante dell'architettura’. Il magazine ha chiamato grandi protagonisti italiani del progetto, designer e architetti internazionali a tradurre in installazioni sperimentali il concetto di ‘spazio umano’: dagli arredi alla mobilità urbana, dall'ambiente naturale ai macro-sistemi produttivi, come quello virtuoso dell'economia circolare. Aziende, multinazionali, start-up e istituzioni hanno realizzate più di trenta installazioni, design islands, micro-architetture e macro-oggetti, tutti site-specific, che prefigurano un futuro in cui la natura e il Pianeta sono salvaguardati, le risorse risparmiate, l'intelligenza artificiale applicata per il bene comune e per il benessere personale. Anche i main spo
nsor Audi, Eni e Whirpool sono presenti con proprie installazioni.

Human Spaces è promossa da una campagna di street advertising che comprende striscioni in 15 locations nel centro di Milano, 1.000 bandiere per 450 eventi, 10 retro bus shuttle, oltre a totem, edicole vestite, floorgraphic, station domination a Rho e Cadorna e vetrine e ledwall al Megastore Mondadori di Piazza del Duomo e al Rizzoli Store di Galleria Vittorio Emanuele.

Per Salone e Fuorisalone, il sistema integrato di comunicazione di Interni si moltiplica con 3 pubblicazioni cartacee (Interni in 55.000 copie, la free press Interni King Size in 120.000 cop
ie e la Guida FuoriSalone in 250.000 copie che propone una lettura ragionata di oltre 450 eventi ), un grande evento (‘Interni Human Spaces’) e Interni online: sito web, app e social. In particolare, debutta il nuovo sito www.internimagazine.it che si presenta con design innovativo, un sistema integrato con contenuti magazine, digital, eventi e social oltre a nuovi format editoriali arricchiti di video, gallery, dichiarazioni dei protagonisti del design e social post. Non manca il patrimonio di contenuti originali sviluppati negli anni dal magazine. Il sito dà ampio spazio alla Design Week con una sezione dedicata, animata e arricchita in tempo reale con news sull'evento milanese, oltre che sulla mostra.


Lavazza partner della mostra ‘La Nazione delle Piante’
che rivela l'intelligenza diffusa del mondo vegetale


mostra, nell'ambito della XXII Esposizione Internazionale della Triennale di Milano, racconta con un'esperienza immersiva tra installazioni e contenuti multimediali la sorprendente intelligenza delle piante e tutto ciò che gli uomini avrebbero da imparare dal mondo vegetale

28 febb
Stefano Mancuso e
Francesca Lavazza
raio 2019
- Partnership tra Lavazza e la Triennale di Milano per la mostra ‘La Nazione delle Piante’, un'esposizione divulgativa scientifica curata dallo studioso italiano di neurobiologia vegetale Stefano Mancuso, nell'ambito della XXII Esposizione Internazionale in calendario dal 1° marzo al 1° settembre. Racconta, con un'esperienza immersiva tra installazioni e contenuti multimediali, la sorprendente intelligenza delle piante e tutto ciò che gli uomini avrebbero da imparare dal mondo vegetale.

Differentemente da quanto si pensa, le piante sono organismi sociali sofisticati ed evoluti. Spiega Mancuso: “Il 99,7% di ciò che è vivo sul nostro pianeta sono piante, organismi che hanno avuto un'evoluzione parallela a quella degli animali. Hanno una loro vita sociale e un'intelligenza, intesa come capacità di risolvere problemi”. Le piante sono dotate di sensi, memorizzano e comunicano tra loro, sanno acquisire, immagazzinare, condividere, elaborare e utilizzare le informazioni raccolte dall'ambiente circostante.

Un curioso esempio di collaborazione tra il mondo vegetale e quello animale viene dalla pianta del caffè, che è capace di percepire l'abilità impollinatrice dell'insetto e di regolare di conseguenza la quantità di caffeina nel nettare.

La partnership per Lavazza si inserisce nell'impegno a promuovere le arti e i luoghi dove la cultura prende vita. Il connubio tra arte e natura, pensato per ricostruire il rapporto tra uomo e ambiente e per promuovere un impegno diretto nella salvaguardia della Terra, vede da anni il brand in prima linea. Anche il Calendario Lavazza 2019 ‘Good to Earth’ racconta di progetti virtuosi di riforestazioni, di tutela delle biodiversità, di conversioni di zone industriali in aree verdi. “Sono stata personalmente colpita e ispirata dalla mostra ‘La Nazione delle Piante’ - ha dichiarato Francesca Lavazza, board member dell'azienda -. È un'esposizione non convenzionale, capace di rovesciare le prospettive, che mi ha fatto capire come in realtà non sono gli uomini a lasciare spazio alle piante, ma le piante, con la loro intelligenza diffusa e non predatoria, a lasciare spazio agli uomini”.


Make.org e Civico Europa lanciano la campagna #We Europeans
che invita i cittadini Ue a prendere il controllo del progetto europeo


vista delle elezioni Europee di maggio, ogni cittadino è invitato a rispondere alla domanda ‘Quali sono i concreti passi che possiamo percorrere per reinventare l'Europa?’ su siti e social di promotori e media partner. Le 10 proposte più votate di ogni Paese, per un totale di 270, saranno ulteriormente sottoposte a voto per individuarne 10 che andranno a comporre l'Agenda dei Cittadini, che verrà presentata agli attori europei della società politica e civile

25 febbraio 2019 - È nata in vista delle Europee di maggio la campagna civica #We Europeans (www.weeuropeans.eu) che punta a far partecipare i cittadini di tutta Europa alla più grande consultazione popolare mai realizzata nel vecchio continente. L'iniziativa si deve alla piattaforma civica europea Make.org, che ha per mission di coinvolgere i cittadini e la società civile per produrre cambiamenti sociali positivi, e all'associazione civica transnazionale indipendente Civico Europa, che ha per mission di permettere ai cittadini europei di riprendere il controllo del progetto europeo. Fino al 15 marzo nei 27 Stati membri la consultazione permetterà a ogni cittadino di far sentire la propria voce, condividendo proposte per reinventare l'Europa e votando quelle degli altri.

La campagna di informazione e mobilitazione raggiungerà almeno 100 milioni di europei. Si prevede che 10 milioni voteranno e invieranno proposte. Le 10 che otterranno la maggiore approvazione andranno a comporre un'Agenda dei cittadini, che sarà presentata il 22 marzo agli attori della società politica e civile di ogni Paese presso il Parlamento Europeo. Entro le Europee di maggio, WeEuropeans diffonderà l'Agenda dei cittadini a tutta l'Unione Europea.

Si accede alla consultazione sui social media e sui siti internet dei media partner dell'iniziativa. Ogni cittadino è invitato a rispondendo alla domanda: “Quali sono i concreti passi che possiamo percorrere per reinventare l'Europa?”. Fino al 7 marzo si partecipa alla consultazione online, facendo proprie proposte e votando quelle degli altri. Il 7 marzo le 10 proposte più votate di ogni Paese saranno tradotte in tutte le 27 lingue dei Paesi europei e dall'8 al 15 marzo i cittadini dei 27 Paesi voteranno contemporaneamente le 270 proposte così da individuare le 10 più approvate, che andranno a comporre l'Agenda dei Cittadini. Dal 22 marzo, WeEuropeans diffonderà l'Agenda dei Cittadini in Europa così che gli attori europei della società politica e civile possano portare avanti la causa. Il 9 maggio l'Agenda dei Cittadini sarà presentata a Sibiu al Consiglio Europeo, dedicato al futuro dell'Unione Europea.

Il progetto è stato lanciato il 15 dicembre scorso attraverso una pubblicazione firmata da 150 personaggi di diversa estrazione sociale, tra leader politici, ex capi di stato, intellettuali, artisti, sindacalisti. Tra questi, ci sono l'ex ministro degli Affari europei Sandro Gozi, lo scrittore Roberto Saviano, le attrici Anna Bonaiuto e Ottavia Piccolo, il filosofo Massimo Cacciari, l'ex presidente dei Verdi all'Europarlamento Daniel Cohn-Bendit, l'eurodeputata Silvia Costa, il regista Costa Gavras, l'ex premier spagnolo Felipe Gonzalez, la sindaca di Parigi Anne Hidalgo, l'ex premier francese Alain Juppé, l'ex ministro Francesco Profumo, il designer Philippe Starck, il regista Wim Wenders.



Il Salone del Mobile.Milano celebra Leonardo
con AQUA di Balich e con DE-SIGNO di Rampello


le installazioni in omaggio all'ingegno e alla progettualità di Leonardo da Vinci, che ha operato per vent’anni a Milano. La Balich Worldwide Shows realizzerà un'esperienza immersiva in città alla Conca dell'Incoronata che racconterà un piccolo frammento del Rinascimento e del futuro di Milano. DE-SIGNO in Fiera Milano Rho sarà un suggestivo racconto del genio vinciano e del suo rapporto con il design italiano contemporaneo

18 febbraio 2019 - Il 58° Salone del Mobile di Milano (9-14 aprile) anticipa le commemorazioni cittadine per i 500 anni dalla morte di Leonardo con due grandi installazioni in città e in Fiera. Conferma il così il profondo legame con la città rievocando il 'figlio adottivo' più geniale ed eclettico attraverso due installazioni di grande potere evocativo: in città si celebrerà l'originalità e la profondità visionaria delle sue indagini scientifiche, in Fiera l'esperienza del progettare e il sapere fare italiano.

Leonardo ha avuto un legame di circa vent’anni con Milano durante il quale offrì al duca Ludovico il Moro il meglio della sua capacità creativa, tra cui gli studi sull'acqua. All'interno della Conca dell'Incoronata di via San Marco (di cui presumibilmente Leonardo ha sovrainteso i lavori di costruzione oltre a progettare le celebri porte lignee), il Salone offrirà alla città AQUA, un'esperienza immersiva site specific ideata da Marco Balich e sviluppata insieme a Balich Worldwide Shows, che racconterà contemporaneamente, tra ragione e incanto, un piccolo frammento del Rinascimento e del futuro di Milano.

A copertura della Conca, verrà creato un vero e proprio innesto architettonico sotto forma di grande specchio d'acqua, al cui estremo un grande schermo a Led diventerà una finestra sulla Milano del futuro mostrandoci uno skyline mutevole a seconda del momento della giornata. Al di sotto di questa struttura, proprio all'interno del canale, verrà creata una Wunderkammer in cui i visitatori potranno esperire la bellezza, l'energia e la forma dell'acqua in un ambiente che li avvolgerà nell'immagine e nel suono grazie a tecnologie avanzate. In un foyer informativo, situato prima del Ponte delle Gabelle, sarà possibile approfondire il legame di questo luogo storico con il genio di Leonardo.

L'altra in
stallazione è DE-SIGNO in Fiera Milano Rho al pad. 24, dedicata alla cultura del design italiano prima e dopo Leonardo. Sarà un suggestivo racconto del genio vinciano e del suo rapporto con il design italiano contemporaneo. L'installazione immersiva coniugherà in modo coinvolgente ed emozionante i linguaggi del cinema e della scenografia teatrale. Ospiterà all'interno uno show di immagini e musica su quattro schermi di dimensioni cinematografiche in cui si racconterà la progettualità di Leonardo e l'industriosità delle botteghe e delle officine rinascimentali in relazione al saper fare e al progettare delle imprese del design contemporaneo. Ideata da Davide Rampello e progettata dall'architetto Alessandro Colombo, DE-SIGNO occuperà uno spazio quadrangolare di 400 metri quadri e sarà caratterizzata da una scenografia monumentale dominata da due portali alti 6 metri e larghi 3, realizzati interamente a mano in legno da maestri scultori e pittori e ispirati a disegni e studi originali del Bramante.


Sanremo analisi conclusiva. Baglioni non bissa il record, media
di 9.8 milioni (-10%) e 49.4% di share (-2,9 punti) sulle 5 serate


di Publicis Media sul complesso della manifestazione, emerge come la seconda conduzione di Baglioni non abbia migliorato i risultati della prima. La finalissima ha registrato 10.6 milioni contro i 12 del 2018, da cui trend in calo anche per la pubblicità. Si evidenziano risultati contrastanti su due target molto ricercati. I giovani 15-24 anni crescono di 1.8 punti in share rispetto al 2018 e la media finale è del 54.9%. Viceversa, la share sulle donne 25-54 è calata di oltre 5 punti

12 febbraio 2019 - Sabato 9 febbraio è calato il sipario sulla 69esima edizione del Festival di Sanremo. I telespettatori sintonizzati su Rai 1 per vedere la finalissima, che ha decretato la vittoria di Mahmood con la canzone Soldi, sono stati 10.6 milioni con una media di share del 56.5%. L'ultima performance di Baglioni non ha quindi superato quella dello scorso anno che ha registrato in media 12 milioni di persone: un calo del 12%.

La prima parte della finale (dalle 21.26 alle 23.51) è stata seguita da 12.1 milioni con il 53.1% di share, perdendo rispetto all'edizione precedente meno di un punto percentuale. La seconda (dalle 23.54 all'1.34) ha invece ottenuto 8.4 milioni e il 65,2% di share con una diminuzione di quasi 4 punti percentuali rispetto al 2018. Il picco di ascolto con 13.3 milioni di telespettatori è stato registrato alle 22.10 grazie all'esibizione di Eros Ramazzotti e all'arrivo sul palco di Loredana Bertè con la sua Cosa ti aspetti da me. All'1.26 la comunicazione dei tre vincitori ha invece decretato il dato più alto in termini di share, arrivando a toccare il 73.7%.

Analizzando i dati complessivi della manifestazione, emerge come Baglioni non sia riuscito a migliorare i suoi risultati e chiude quindi la sua seconda conduzione con una media di 9.8 milioni di spettatori e il 49.4% di share. Rispetto
al Festival del 2018, caratterizzato da ascolti record, l'audience è scesa del 10% e la share di 2.9 punti. Se in valori assoluti i 9.8 milioni di spettatori rappresentano il secondo peggior risultato dell'ultima decade, dopo Fazio nel 2014, la share è senz’altro positiva e nello stesso arco temporale soltanto le tre edizioni precedenti hanno chiuso con una media migliore (Conti e lo stesso Baglioni).

Il profilo dei telespettatori non si è discostato molto da quello della 68esima edizione. Si evidenziano tuttavia risultati contrastanti su due target molto ricercati, i giovani 15-24 anni e le donne 25-54: i primi crescono di 1.8 punti in share rispetto al 2018 e la media finale è del 54.9% (il miglior risultato da almeno 15 anni). Viceversa la share sulle donne 25-54 è calata di oltre 5 punti.

I dati degli ascolti dell'ultima serata si riflettono anche sul fronte pubblicitario mostrando un trend in calo.

Passando all'analisi social, i tre canali ufficiali del Festival hanno registrato durante la manifestazione quasi 1.5 milioni di interazioni. Il picco più alto è stato rilevato, come lo scorso anno, in occasione della serata conclusiva ma, rispetto al 2018, è stato registrato un calo di circa l'11% delle interazioni durante la finale. Tra i canali ufficiali della kermesse, Instagram è quello che cresce maggiormente con oltre 67mila nuovi follower e più di 370mila interazioni. I dati relativi a tasso di coinvolgimento e nuovi fan rispecchiano i primi due posti del podio finale, occupati dal profilo ufficiale di Mahmood e di Ultimo che ottiene la leadership anche in relazione al totale interazioni: oltre 3 milioni di interazioni durante la kermesse. Risultati interessanti anche per la pagina ufficiale Facebook del Festival che ha registrato 60mila nuovi fan durante le cinque giornate, con due picchi significativi in corrispondenza delle serate di apertura e chiusura.


Sanremo 1ª. Share sotto il 50%, 2.5 punti in meno
del 2018. Ma aumenta l'ascolto tra i Millennial


prima serata del Festival 2019 ha un po' deluso le aspettative. Non c'è stato record, quattro ore e mezza di trasmissione, senza peak di eccezionale appeal a parte l'esibizione di Bocelli and son, hanno prodotto una media di 10,1 milioni di telespettatori e una share del 49.5%. Il calo è quasi di 2.5 punti di share rispetto al 2018 e del 13% quanto ad audience. In Rai si felicitano della crescita della presenze giovani. L'analisi di Publicis Media Italy




7 febbraio 2019 - La prima serata del Festival di Sanremo ha totalizzato 10,1 milioni di telespettatori e una share del 49.5%. Il calo è quasi di 2.5 punti di share rispetto al 2018 e del 13% quanto ad audience. Publicis Media Italy, che ha analizzato i trend della prima serata, attribuisce il calo in parte a un bacino televisivo ridotto (-4.5%), in parte alla mancanza del traino di Fiorello che aprì la prima puntata del 2018 con una performance di 18 minuti. Seppur in calo – fa notare tuttavia Publicis Media - rimane un ottimo risultato, il quarto migliore degli ultimi undici anni (2009) e pari a quello del Conti-bis nel 2016, che aveva raggiunto 11 milioni di telespettatori e il 49,5% di share.

La prima parte del programma (dalle 21.16 alle 23.56) è stata vista da una media di 12.2 milioni di spettatori pari al 49.4% di share, con una diminuzione di 2 punti percentuali rispetto all'edizione 2018. La seconda parte (dalle 00.01 all'1.14) ha conquistato invece 5.1 milioni con il 50.1% perdendo rispetto allo scorso anno oltre 4 punti. Il momento più seguito è stato appunto il duetto di Andrea Bocelli col figlio Matteo alle 21.46 sulle note di Fall on me, performance che ha conquistato 15.7 milioni di spettatori. Un altro momento che trovato il plauso del pubblico è stata la gag ‘Queen - Sister Act - Mary Poppins’ messa in scena da Favino, nei panni di Freddy Mercury, da Virginia Raffaele, nelle vesti di Mary Poppins, e dal corpo di ballo del Festival che ha messo in pista le suore di Sister Act.

Analizzando il profilo dei telespettatori, nel confronto con la scorsa edizione, si nota un leggero aumento del pubblico maschile e una perdita di audience trasversale in tutte le fasce di età, eccetto tra i giovani 20-24 anni. Se infatti il Festival si dimostra essere un programma apprezzato soprattutto dal pubblico over 45, si registra una crescita di ascolto tra i millennial del 13%, pur rappresentando questi ultimi solo il 3.3% del totale ascolto. Un aumento probabilmente legato all'esibizione di giovani cantanti e cantautori provenienti dai talent e dalla presenza del nuovo genere Trap. Ben distribuita la CSE con affinità positiva sulle due fasce medio-alta, alta. E proprio sulla crescita degli ascoltatori giovanissimi ha puntato l'accento Teresa De Santis, direttore di Rai 1: “Sulle ragazze di età fra i 15 e i 24 anni, lo share ha raggiunto punte del 71%, con una media del 62.7%. E stiamo parlando di un pubblico che non va sulla tv generalista. È cresciuta la fruizione su Rai Play, con 567mila contatti, il 14% in più rispetto al 2018”.

Tornando all'analisi di Publicis Media, è stata messa in rilievo anche l'interazione coi canali social ufficiali di Sanremo1: la pagina di Facebook @festivaldisanremo, sanremorai su Instagram e @SanremoRai per Twitter. Anche per il mondo social si è registrata una parten
za soft con un generale incremento di follower per tutti gli account ufficiali ma con una performance leggermente inferiore rispetto a quanto ottenuto nel 2018. Il profilo Facebook del Festival ha registrano una crescita di fan, oltre 16.000, nella giornata antecedente la prima serata e il post ufficiale che ha avuto più interazioni è quello dedicato ad Andrea e Matteo Bocelli.

Sulla pagina 'sanremorai', l'account ufficiale di Instagram, gli utenti hanno commentano le performance dei cantanti e la conduzione del trio Baglioni, Bisio, Raffaele decretando 'La ragazza col cuore di latta" di Irama, ex concorrente di Amici di Maria De Filippi, il contenuto più apprezzato. Positiva la crescita di fan (+1.000). Aumento di follower anche per la pagina ufficiale Twitter di Sanremo, con un incremento di 2.900 utenti, dove l'# più utilizzato è stato sanremo2019.

Tra gli argomenti più discussi dagli utenti di Twitter, al di là dell'account ufficiale della kermesse, rilevante è il giudizio del pubblico sulle scelte stilistiche di Claudio Bisio. Mentre, per quanto riguarda i cantanti in gara, diversi utenti, vip e non, hanno apprezzato la performance di Giorgia e le sue doti vocali.



Parte Sanremo 2019. L'88% degli italiani dichiara a GroupM
che lo vedrà. Rai Pubblicità annuncia il record raccolta, 28 milioni


performance si deve all'apporto di Tim, sponsor esclusivo per il terzo anno, e ai buoni risultati di vendita dei break, con listini aumentati del 5%. Tim sarà sul palco con la voce di Mina e il nuovo spot dedicato al 50° anniversario dello sbarco sulla Luna e al primo collegamento internet. Per il 39% dei rispondenti alla ricerca della Unit Research & Insight di GroupM il terzetto Baglioni-Bisio-Raffaele è il migliore degli ultimi anni

5 febbraio 2019 - Al via questa sera la 69ª edizione del Festival Sanremo, con la direzione artistica per il secondo anno consecutivo di Claudio Baglioni, questa volta affiancato come conduttori da Claudio Bisio e Virginia Raffaele. L'obiettivo è di mantenere se non di superare la performance d'audience dello scorso anno, quando il Festival registrò una share media del 52,3% e un'audience media di 10,9 milioni di spettatori, la più alta degli ultimi anni, catturando anche i più giovani.

Intanto la Rai Pubblicità può annunciare già un primo record: più di 28 milioni di ricavi pubblicitari, 3 in più dello scorso anno, già oltre alla crescita del 5% che era nell'obiettivo della concessionaria. La performance si deve alla sponsorizzazione di Tim, sponsor esclusivo per il terzo anno, e ai buoni risultati di vendita dei break, con listini aumentati del 5%.

Tim sarà di nuovo sul palco col premio TimMusic, quest’anno aperto anche ai non clienti, e con ‘la voce’ di Mina, testimonial degli spot. Quello speciale che accompagnerà i telespettatori durante le cinque serate televisive avrà come temi centrali il 50° anniversario dello sbarco sulla Luna e
il primo collegamento internet, un racconto al cui interno Tim cerca gli ‘straordinari sognatori’ che vorranno mettersi in gioco in un'iniziativa televisiva verso mete inesplorate, oltre i confini dell'immaginazione. Sabato sera arriverà sul palco anche il ballerino Sven Otten. La comunicazione è ideata dalla divisione brand strategy media & multimedia entertainment diretta da Luca Josi in collaborazione con Havas Milan e Havas Media. Ci sarà di nuovo la Tim Data Room per seguire il Festival e raccontare l'evento attraverso le conversazioni generate dalla rete. Tim ha anche acceso a Sanremo le prime antenne per la nuova rete 5G, sperimentabile al TimMusic Studio al Forte Santa Tecla e a Casa Siae in piazza Cristoforo Colombo.

Come gli italiani si preparino ad accogliere nelle loro case Sanremo69 lo ha sondato la Unit Research & Insight di GroupM, partendo alla considerazione che sempre di più gli eventi live possono essere oggi interpretati come un nuovo media contemporaneo. Il progetto di ricerca si è sviluppato in 3 fasi indagando sull'interesse della popolazione a guardare il Festival e relative motivazioni, sui rituali e sulle abitudini legate alla visione di un evento che invade le case degli italiani e su quale spazio possano avere le marche all'interno di questo rituale.

La prima fase di ricerca Cawi ha coinvolto 500 italiani di 15 e più anni, scoprendo che l'88% guarderà la nuova edizione del Festival, senza differenza di età o di generazioni, che il 58% ne consiglia la visione (lo fanno anche i teenager), che i Millennial lo guarderanno in tv e a casa di amici, la GenX (35-54) in tv, mentre Baby Boomers (55-70) e la Gen0 (70+) replicheranno un rituale che fa parte della loro storia.

E ancora. Il 39% dei rispondenti considera il terzetto Baglioni-Bisio-Raffaele il migliore degli ultimi anni. Per tutti il Festival è sinonimo di italianità e tradizione, è sinonimo di costume e condivisione. Tra i teenager (90%) spicca l'interesse per l'innovativa direzione artistica orientata alla musica emergente italiana.




Debutterà a Torino in giugno l'Italian Tech Week


prima edizione dell'evento coinvolgerà protagonisti italiani ed europei del mondo della tecnologia, della cultura e dell'innovazione. Prevede su 4 giorni 15 eventi, tra convegni e seminari, occasioni di fund raising per start up, esposizione di tecnologie d'avanguardia, dibattiti aperti al pubblico e incontri coi protagonisti della scena mondiale dell'imprenditoria tech. Il programma è aperto a ulteriori contributi

19 dicembre 2018 - Si svolgerà a Torino dal 25 al 28 giugno la prima edizione di ‘Italian Tech week’, evento che con cadenza annuale riunirà le eccellenze italiane ed europee che guardano al futuro del business e della società. La Camera di Commercio di Torino, il Club degli Investitori, la Compagnia di Sanpaolo, Ogr, il Politecnico di Torino, Sei e l'Università di Torino daranno vita a un programma di iniziative che coinvolgerà protagonisti italiani ed europei del mondo della tecnologia, della cultura e dell'innovazione quali Baker Hughes-GE, CLN, Collège des Ingénieurs, Enel, FabLab Torino, FCA, Fondazione Agnelli, Google, Iren, Istituto Italiano di Tecnologia, Magneti Marelli, Netval, Share Festival, Snam, Talent Garden, Toolbox, UniCredit e altri.

L'edizione zero dell'Italian Tech Week, per cui è stato chiesto il patrocinio del Ministero dello Sviluppo e del Comune di Torino, includerà più di 15 eventi, tra convegni e seminari per studenti e per professionisti, occasioni di fund raising per le start up, esposizione di tecnologie d'avanguardia, dibattiti aperti al pubblico e incontri con i protagonisti della scena mondiale dell'imprenditoria tech. L'evento è rivolto a studenti, imprenditori, insegnanti, gestori di fondi di venture capital, manager, esperti, investitori, professionisti, business angel, startupper e in generale tutti coloro che sono interessati alle tecnologie e alle loro applicazioni.

Il programma della Italian Tech Week è tuttora aperto al contributo di altre istituzioni e aziende e verrà reso noto nelle prime settimane del nuovo anno. Il sito www.italiantechweek.org è in fase di costruzione.


CannesLions annuncia i presidenti di giuria dell'edizione 2019


27 i professionisti chiamati a guidare le giurie che assegneranno i premi al prossimo Festival Internazionale della Creatività, che si terrà dal 17 al 21 giugno 2019. Le entries saranno possibili dal 17 gennaio

10 dicembre 2018 - Cannes Lions International Festival of Creativity ha annunciato i 27 presidenti di giuria della prossima 66a edizione del Festival, che si terrà dal 17 al 21 giugno 2019. Ricordiamo che, dopo il ripensamento della formula nel 2018 con la riduzione dei giorni della manifestazione e l'inserimento della novità dei nove Awards Track sotto cui raggruppare le categorie di premio, l'edizione 2019 ha inserito gli Entertainment Lions for Sport e i Creative Strategy Lions mentre i Product Design Lions sono stati eliminati e assorbiti nei Design Lions e negli Innovation Lions (vedi news del 5 novembre). Le novità riflettono - sostiene l'organizzazione - l'evoluzione della creatività nell'industry della comunicazione. Le iscrizioni al Festival saranno possibili dal 17 gennaio.

Ecco i presidenti di giuria di CannesLions 2019.

COMMUNICATION TRACK- Mette al centro la grande idea creativa, che dà vita a campagne e storytelling brillanti.
Film Lions - Margaret Johnson, Chief Creative Officer, Goodby Silverstein & Partners, Usa
Radio & Audio Lions - Jose Miguel Sokoloff, Global President, MullenLowe Group Creative
Outdoor Lions - John Patroulis, Worldwide Chief Creative Officer, Grey, Global
Print & Publishing Lions - Olivier Altmann, Co-Founder, CEO & Chief Creative Officer, Altmann + Pacreau, France
Design Lions - Richard Ting, Global Chief Experience Officer & US Chief Creative Officer, R/GA, Global
Mobile Lions - Ari Weiss, Chief Creative Officer, DDB Worldwide, North America
Titanium Lions - David Lubars, Chief Creative Officer Worldwide, Chairman North America, BBDO, Global

CRAFT TRACK - Si concentra sull'abilità, il talento e l'estro necessari a fornire idee meravigliosamente eseguite e realizzate.
Industry Craft Lions - Trevor Robinson OBE, Founder & Executive Creative Director, Quiet Storm, UK
Digital Craft Lions - Rei Inamoto, Founding Partner, Inamoto & Co, USA
Film Craft Lions - Rebecca Skinner, Managing Director / Executive Producer, Superprime Films, USA

ENTERTAINMENT TRACK - Celebra la creatività che va oltre la comunicazione di marca per creare un autentico intrattenimento che coinvolga i consumatori e impatti sulla cultura.
Entertainment Lions - Scott Donaton, Global Chief Creative & Content Officer, Digitas, Global
Entertainment Lions for Music - Paulette Long OBE, Music Consultant / Board Director, Paulette Long, UK
Entertainment Lions for Sport - Steve Stoute, Founder & CEO, Translation Enterprises, USA

EXPERIENCE TRACK - Mette al centro la capacità di un marchio di creare esperienze immersive di valore e coinvolgenti per i consumatori.
Brand Experience & Activation Lions - Jaime Mandelbaum, Chief Creative Officer, VMLY&R, Europe
Creative eCommerce Lions - Daniel Bonner, Global Chief Creative Officer, Wunderman, Global

GOOD TRACK - Va oltre ai propositi commerciali di un marchio per utilizzare comunicazioni creative che incidano sulla cultura, creino cambiamenti, abbiano un impatto positivo sulla società.
Sustainable Development Goals Lions - David Droga, Founder and Creative Chairman, Droga5, Global
Glass: The Lion for Change - Jaime Robinson, Chief Creative Officer, Joan Creative, Global

HEALTH TRACK - Celebra la creatività nella comunicazione di marca di un settore in cui conta l'innovazione e che ha regole stringenti, vista l'influenza sulla vita delle persone.
Pharma Lions - Robin Shapiro, Global President, TBWAWorldHealth, Global
Health & Wellness Lions - Shaheed Peera, Executive Creative Director, Publicis LifeBrands, Publicis Resolute and Real Science, Global

IMPACT TRACK - Celebra l'efficacia della creatività a le tecniche utilizzate per misurare i risultati della comunicazione di marca.
Creative Effectiveness Lions - John Seifert, Worldwide Chief Executive, Ogilvy, Global

INNOVATION TRACK - Pone l'attenzione sulla trasformazione indotta dalle tecnologie e sulla creatività data-driven, che ridefinisce il rapporto tra marca e consumatore.
Innovation Lions - Bill Yom, Global Creative Director, Cheil Worldwide, South Korea

REACH TRACK - Riconosce gli insight, la strategia e la pianificazione che consente ai marchi di coinvolgere efficacemente i consumatori, su vasta scala, e di attirare l'attenzione.
Creative Strategy Lions - Tracey Follows, Founder, Futuremade, Global
Creative Data Lions - Yasuharu Sasaki, Head of Digital Creative and Executive Creative Director, Dentsu Inc., Japan
Social & Influencer Lions - PJ Pereira, Co-founder & Creative Chairman, Pereira O'Dell, Global
PR Lions - Michelle Hutton, Managing Director, Global Clients, Edelman, Global
Direct Lions - Nicky Bullard, Chairwoman & Chief Creative Officer, MRM McCann, UK
Media Lions - Karen Blackett OBE, WPP UK Country Manager & MediaCom Chairwoman UK & Ireland, WPP, UK.

Le iscrizioni dei lavori al 66° Cannes Lions International Festival of Creativity saranno possibili dal 17 gennaio. Info su https://www.canneslions.com.


Ikea vince il 21° Premio Assorel con la campagna PR
‘#PerUnaGiustaCasa’. Premio alla carriera a Paolo Gentiloni


le campagne in gara all'edizione 2018, riorganizzata nelle tre sezioni Eccellenza in Pr, Tecniche di Pr e Tecnologia, Best in. Il premio Miglior idea creativa Pr è andato a INC – Istituto Nazionale per la Comunicazione con ‘Fuori dalle rotte - Off the Beaten Track’ per Birra Ichnusa – Heineken Italia. Dodici i premi di categoria

4 dicembre 2018 - Con ‘#PerUnaGiustaCasa’ quale migliore campagna di comunicazione Pr, Ikea Italia ha vinto il 1° Premio assoluto alla 21ª edizione del Premio Assorel, assegnato dall'associazione imprese di comunicazione e relazioni pubbliche ieri sera a Milano, in partnership con L'Eco della Stampa e col patrocinio di Confindustria Intellect. La campagna di Ikea, creata in collaborazione con Telefono Donna per la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne del 25 novembre, ora è iscritta direttamente in shortlist agli Icco Awards, grazie all'accordo tra Assorel e l'associazione internazionale Icco.

L'edizione 2018 del premio, a cui erano iscritte 24 campagne, è stata completamente rinnovata con la riorganizzazione nelle tre sezioni Eccellenza in Pr, Tecniche di Pr e Tecnologia, Best in. Novità 2018 è anche il Premio miglior idea creativa Pr, assegnato alla campagna che ha nell'idea creativa l'elemento di svolta per il successo del progetto. Ad aggiudicarselo è stata INC – Istituto Nazionale per la Comunicazione con la campagna ‘Fuori dalle rotte - Off the Beaten Track’ firmata per Birra Ichnusa–Heineken Italia.

Il 12° premio alla carriera è stato assegnato a Paolo Gentiloni, già presidente del Consiglio, “per aver interpretato il proprio ruolo nei diversi ambiti istituzionali con mediazione e uno stile di comunicazione consono al prestigio delle Istituzioni, finalizzato a raggiungere l'equilibrio per rappresentare il punto più alto dell'interesse generale e del bene comune”. Lo ha scelto un Comitato d'Onore di cui hanno fatto parte Gianni Letta (premio Assorel alla carriera 2007), Stefano Lucchini (chief institutional affairs and external communication officer Intesa Sanpaolo), Antonella Mansi (vice presidente Confindustria), Lorenzo Sassoli de Bianchi (presidente Upa) e Gianmario Verona (rettore Università Bocconi). Gentiloni si aggiunge a Urbano Cairo (2017) e, andando a ritroso negli anni, a Laura Boldrini, Giuseppe Sala, Fabio Fazio, Piero Angela, Ferruccio de Bortoli, Luca Cordero di Montezemolo, Umberto Veronesi, Emma Bonino, Gianni Letta, Joaquìn Navarro-Valls.

Nella serata di premiazione si è anche esaltata la funzione sociale della comunicazione, con il sostegno di Assorel #AssorelFor al progetto Dynamo Camp Onlus, associazione che offre programmi di terapia ricreativa rivolti a bambini e ragazzi, dai 6 ai 17 anni, affetti da patologie gravi o croniche.


PREMI DI CATEGORIA

Sezione Eccellenza in P.R.

1) Premio Comunicazione Corporate & Reputation Management
FACILE.it – ‘From flop… to TOP’

2) Premio Comunicazione Economia Circolare
Mailander - Tenute SalvaTerra – ‘Giornata SalvaTerra – Disegnare il futuro del vino’

3) Premio Comunicazione di Prodotto / Marketing
FACILE.it – ‘Matrimonio … assicurato’

4) Premio Comunicazione Interna
Omnicom Public Relations Group - Nuovo Istituto Italiano d'Arti Grafiche ARTI-GROUP – ‘Portiamo la stampa nel futuro’

5) Premio Comunicazione Sociale - Corporate Social Responsibility
Generali Italia - Welfare Index PMI – ‘3 anni di progetto per un impatto sociale positivo’

6) Premio Comunicazione Sociale – Cause Related Marketing
IKEA Italia – ‘#PerUnaGiustaCasa’

Sezione Tecniche di PR e Tecnologia

7) Premio Miglior Mobile & App
Deveyes Group - Hollister SpA – FONDAZIONE ISTUD – ‘APP ColorÈ

8) Premio Miglior uso del Testimonial/Influencer
Generali Italia – ‘Semplice come’

9) Premio Miglior uso di TV- Radio – Internet – Media Relations
INC – Istituto Nazionale per la Comunicazione – Birra Ichnusa – Heineken Italia – ‘Fuori dalle rotte - Off the Beaten Track’

Sezione Best-In

10) Premio Comunicazione No profit
Network Comunicazione – Vox Diritti – ‘La mappa dell'intolleranza’

11) Premio Live Communication
Edelman – SOBI – ‘RareMenti- Talk d'autore sulla rarità’

12) Premio per l'innovazione nella misurazione risultati
FACILE.it – ‘From flop… to TOP’


La qualità tema del 22° World Television Day.
Lo spot di Ebu, Act ed egta sulle tv di tutto il mondo


la riflessione è sulla qualità dei programmi con cui la tv intrattiene, ispira e informa gli spettatori su ogni piattaforma. Gli editori televisivi di tutto il mondo hanno investito in contenuti originali e nuovi format 140 miliardi di dollari nel 2017, più di qualsiasi somma spesa dagli Ott. Lo spot che racconta l'evoluzione del mezzo è trasmesso anche su reti Rai e Mediaset

21 novembre 2018 - Si celebra oggi la 22ª Giornata Mondiale della Televisione, istituita dalle Nazione Unite il 21 novembre, giorno in cui nel 1996 si svolse a New York il primo World Television Forum tra i rappresentanti delle maggiori televisioni mondiali. Da allora ogni anno viene celebrata per promuovere e ribadire l'importanza e la centralità della tv. Il tema di quest'anno è la qualità, qualità dei programmi televisivi che si riflette nella capacità del mezzo di intrattenere, ispirare e informare gli spettatori su ogni piattaforma.

Solo lo scorso anno, nell'Unione Europea sono stati prodotti, secondo l'Osservatorio Europeo dell'Audiovisivo, 920 diversi titoli di fiction televisiva, che corrispondono ad oltre 16.400 episodi.
Un indicatore dell'ottimo stato di salute della tv sono gli investimenti degli editori televisivi di tutto il mondo in contenuti originali e nuovi format: 140 miliardi di dollari nel 2017, con gli Usa che valgono da soli ben 61 miliardi (fonte IHS Markit/Egta). Più di qualsiasi somma spesa dalle piattaforme Ott nel mondo. Gli investimenti più significativi in Europa arrivano da Uk (8,6 miliardi di euro), Germania (8 miliardi), Francia (5,5 miliardi) e Italia (4,4 miliardi). Inoltre, i dati raccolti in oltre 24 paesi da The Global TV Group sottolineano che la tv si conferma ancora il più efficace mezzo pubblicitario sul mercato.

Come ogni anno Ebu (European Broadcasting Union), Act (Association of Commercial Television in Europe) ed egta, l'Associazione europea delle concessionarie di pubblicità radiotelevisive, hanno promosso la produzione di un videoclip da 30 secondi che racconta l'evoluzione della televisione. Lo spot è trasmesso a livello globale non solo sulle reti tv tradizionali ma anche online, attraverso i siti internet dei broadcaster internazionali. Lo trasmettono anche le reti Rai e Mediaset.

La Rai partecipa alla celebrazione parlando del World Tv Day e dell'importanza della tv oggi su Rai1 in Uno Mattina e su Rai2 nei I Fatti Vostri. La trasmissione Stracult di domani alle 23,30 avrà uno spazio dedicato. Il programma Tv Talk ne ha parlato nella puntata del 17 novembre su Rai3 e oggi lo fa attraverso i social. Tutte le testate giornalistiche nazionali daranno il giusto rilievo alla ricorrenza. Spazio anche sui canali specializzati, come Rai Premium nella rubrica Brava!, in Rai Storia e sui canali per i ragazzi. Rai Cultura Web e Social propone uno speciale con le tappe più significative della storia della tv.

Anche Mediaset con Publitalia si unisce alle celebrazioni. Mediaset ricorda che nel 2017 ha realizzato 321 programmi televisivi con oltre 18.000 ore di prodotto originale, 7.600 ore di news e 6.600 di sport. Quanto agli ultimi Mondiali di Calcio in Russia, secondo GlobalWebIndex, sono stati seguiti da 3,4 miliardi di persone e tra questi, 297 milioni di telespettatori li hanno seguito in Italia sulle reti gratuite di Mediaset. Il sistema all news multimediale TgCom24 ha registrato 9,7 miliardi di pagine viste nel 2017. Nell'ultimo decennio, infine, Mediaset ha investito oltre 20 miliardi di euro in prodotto originale.





Con il 1° Vanity Fair Stories, Vanity Fair
si apre al business dei grandi eventi


manifestazione dedicata al racconto di storie di ospiti nazionali e internazionali, alla fiction tv e ai film e alla musica sarà all'Anteo nel weekend del 24 e 25 novembre. Nelle intenzioni di Condè Nast, si ripeterà i prossimi anni ed eventualmente anche in altre città. Dagli eventi il gruppo editoriale ottiene il 10% dei ricavi

20 novembre 2018 - Si avvicina ‘Vanity Fair Stories’, il primo grande evento organizzato da Vanity Fair Italia, con un fitto programma che si svolgerà all'Anteo di Milano nel week end del 24 e 25 novembre (vedi news del 31 ottobre), aperto gratuitamente alla città. Al centro ci saranno il racconto di storie personali di cantanti, attori, registi, sceneggiatori, scrittori nazionali e internazionali, protagonisti di talk e workshop, e anche i racconti per la tv e il cinema, con proiezioni di anteprime di fiction e di prime visioni di film. Non mancheranno la musica coi concerti e i talk dei cantanti, in partnership con la concomitante Milano Music Week. E non mancheranno gli Awards, che saranno assegnati nella serata di sabato 24, presentata da Alessandro Cattelan e trasmessa in diretta streaming sul profilo Facebook e sul sito di Vanity Fair. Tra i premiati, ci sarà il regista e sceneggiatore Paolo Sorrentino. Il tutto free per il pubblico, in primis i lettori, che potranno prenotarsi su vanityfair.it/stories. Hashtag ufficiale #vanityfairstories.

Del resto Vanity Fair ha nel dna la vocazione al racconto e l'attenzione per i nuovi linguaggi. Stories infatti prende proprio ispirazione dal format di Instagram che ha riscosso un grande successo negli ultimi tempi.

Con la prima ed
izione di questo grande evento, che Condè Nast intende ripetere i prossimi anni ed eventualmente anche esportare in altre città, Vanity Fair apre concretamente il capitolo eventi nel suo business plan. Finora c'erano stati solo interventi minori al Salone del Mobile di Milano, alla Mostra del Cinema di Venezia e al Festival del Cinema di Roma. I ricavi arrivano dal sostegno di un ampio parterre di sponsor e fornitori tecnici, che saranno parte attiva nella manifestazione. Il main partner Škoda, ad esempio, presenterà il nuovo suv sportivo KodiaQ RS in prima assoluta per l'Italia e metterà a disposizione una flotta di KodiaQ per gli spostamenti degli ospiti. Rtl 102.5, che è radio partner, dedicherà collegamenti, interviste, pillole social, coinvolgendo anche il canale 36 del dtt e il 750 di Sky Hd. Guerlain regalerà Make-up personalizzati mentre Laboratoires Filorga Paris farà trattamenti con le sue specialità cosmetiche.

Con Vanity Fair Stories, i ricavi da eventi per Vanity Fair crescono del 50%. Nel complesso delle attività di Condè Nast gli eventi sono arrivati a costituire il 10% dei ricavi, grazie a una crescita del 20%. Pure in crescita sono i ricavi dalle attività sul digitale che pesano per il 20% mentre il 70% restante arriva da raccolta pubblicitaria e attività editoriale.

Vanity Fair Stories ha il supporto di una campagna sui mezzi di Condè Nast, sui siti editoriali di grandi quotidiani e in outdoor a Milano su schermi digitali Urban Vision e sulla GoTv. La creatività è curata internamente dalla content experience unit. La produzione è di Without.




Publicis con ‘Deisel - Go With The Fake’
vince il Grand Prix degli Adci Awards 2018


chiusura di IF! Italians Festival, la campagna, già pluripremiata a CannesLions 2018, ha vinto il massimo riconoscimento tra i premi assegnati dall'Adci alla creatività e alla qualità nella comunicazione pubblicitaria in Italia. E Publicis e Diesel sono state anche nominate agenzia e cliente dell'anno.

12 novembre 2018 - Publicis con Diesel e la campagna ‘Deisel – Go With The Fake’, già pluripremiata a Cannes, ha vinto il Grand Prix degli Adci Awards 2018, assegnati in chiusura di IF! Italians Festival, l'evento dedicato alla creatività che si è tenuto a Milano presso Base dall'8 al 10 novembre. La campagna vincitrice del massimo riconoscimento è un esempio tipico della comunicazione disruptive adottata dal brand, capace perfino di mettere in gioco il logo, diventato Deisel sui capi tarocchi messi in vendita in una bancarella temporanea in Canal Street, per attirare l'attenzione sul problema della contraffazione durante la New York Fashion Week. Publicis e Diesel sono state anche nominate rispettivamente agenzia e cliente dell'anno, riconoscimenti assegnati per la prima volta.

Gli Adci Awards, nati per premiare la creatività e la
qualità nella comunicazione pubblicitaria in Italia, e insieme documentare l'evoluzione dei linguaggi, degli stili e dell'utilizzo dei mezzi di comunicazione, sono stati assegnati dalle giurie di categoria presiedute da Roberto Battaglia (vedi news del 30 ottobre). Le giurie sono diventate quest’anno dodici per l'inserimento della categoria Media e l'ampliamento della categoria Pr.

I vincitori hanno ricevuto il tradizionale ‘cono’ ma fatto con nuova materia: è stato realizzato in Marwoolus, materiale innovativo e sostenibile creato dal designer italiano Marco Guazzini.

Hall of fame
Armando Roncaglia

Grand Prix
Agenzia: Publicis
Cliente: Diesel
Campagna: Deisel – Go With The Fake

Equal
Agenzia: DDB
Cliente: Ikea
Campagna: The Room

Menzione Speciale Equal
Fondazione Accademia di Comunicazione
Cliente: Adidas
Campagna: Invisible Player

Menzione Speciale Equal
Agenzia: DLVBBDO
Cliente: Moleskine Foundation
Campagna: WikiAfrica Education

Best Use of YouTube
Agenzia: GTB Roma
Cliente: Ford Italia
Campagna: Ford EcoSport – La vita è là fuori. E tu?

Agenzia: Alkemy spa
Cliente: FC Internazionale Milano
Campagna: Inter Bells

7Days brief
Don't skip of
Alberto Santoro - Junior Art Director | Havas PR
Andrea Memmo - Junior Copywriter | Wunderman
Video: https://www.youtube.com/watch?V=cje5qltzazy

Cliente dell'anno
Diesel

Agenzia dell'anno
Publicis






Al via FilmMaker Festival, il cinema documentario
e di ricerca è di nuovo protagonista a Milano


in programma dal 16 al 24 novembre, in due differenti location, la rassegna di 82 titoli, di cui 16 in anteprima assoluta e 11 in anteprima italiana. Sette le sezioni: Concorso Internazionale, Concorso Prospettive, Fuori concorso, Carta Bianca a Luca Guadagnino, Fuori formato, Filmmaker Moderns, FilmMaker Off

12 novembre 2018 - Si tiene dal 16 al 24 novembre a Milano l'edizione 2018 di FilmMaker Festival, presso lo Spazio Oberdan e l'Arcobaleno Film Center. Come sempre, il centro d'attenzione è il cinema documentario e, più in generale, di ricerca, il che fa da quasi quarant’anni della manifestazione un punto di riferimento per chi vuole scoprire e sostenere nuovi autori, nuove forme cinematografiche, nuove relazioni col pubblico.

Sette le sezioni in cui si articola il programma: Concorso Internazionale, Concorso Prospettive, Fuori concorso, Carta Bianca a Luca Guadagnino, Fuori formato, Filmmaker Moderns, FilmMaker Off. Si aggiungono i film di apertura e chiusura, per un totale di 82 titoli, di cui 16 in anteprima assoluta e 11 in anteprima italiana. L'apertura del festival è affidata a Monrovia, Indiana, il nuovo film di uno dei maggiori cineasti contemporanei, Frederick Wiseman, già vincitore dell'edizione 2015 di FilmMaker, mentre la chiusura, sabato 24 novembre, in linea con la tradizione di dedicare l'ultima proiezione del festival all'opera di un autore italiano, avrà per protagonista Chaco di Daniele Incalcaterra e Fausta Quattrini.

Il 21 e 22 novembre allo Spazio Oberdan si tiene anche la quarta edizione dell'evento b-t-b ‘Milano Industry Days’ promosso da Milano Film Network (MID by MFN): una due giorni di pitching e networking professionali per il mondo del cinema e dell'audiovisivo italiano (www.milanofilmnetwork.it).

FilmMaker è sostenuto da Comune di Milano, Regione Lombardia, MiBAC con la collaborazione di Fondazione Cariplo, Forum Austriaco di Cultura, Goethe-Institut Mailand, Institut français Milano. Il biglietto d'ingresso costa 7,50 euro, l'abbonamento intero 30 euro e quello ridotto 25. Info sul sito dedicato: www.filmmakerfest.com.




CannesLions 2019, prime manovre. Debutteranno i Creative Strategy Lions e gli Entertainment for Sport


categoria Product Design Lions viene assorbita nei Design Lions e negli Innovation Lions. Verranno nominati nove ambassador per i nove Track. Da metà dicembre sarà aperta The Call for Stage Content

5 novembre 2018 - The Cannes Lions International Festival of Creativity lancia ufficialmente l'edizione 2019, che si terrà dal 17 al 21 giugno. Sono previsti due nuovi premi: i Creative Strategy Lions e gli Entertainment Lions for Sport.

Il primo rientra nel Track Reach e intende celebrare l'idea dietro all'idea, ovvero in che modo la strategia di pianificazione possa ridefinire un marchio, reinventare il business, influenzare i consumatori, ampliare la cultura del brand. Il secondo, nell'ambito dell'Entertainment Track, celebrerà la creatività che sfrutta il potere galvanizzante dello sport e degli eSports a favore dei brand. Nel contempo, viene eliminata la categoria Product Design Lions assorbita nei Design Lions e negli Innovation Lions. Verranno poi nominati dei Track Ambassador, scelti tra i presidenti delle giurie del 2019, che avranno il ruolo di ‘campioni’ dei nove Track: Craft, Communication, Experience, Reach, Impact, Good, Innovation, Health ed Entertainment.

Sono stati inoltre annunciati i dettagli del programma dei contenuti, con sessioni che operano nell'ambito delle nove tracce. Ci saranno case studies, Q&A e dibattiti e verranno trattati, tra i temi, ‘The Impact of Creativity’, ‘Equality, Diversity and Inclusion', ‘Industry Transformation', ‘Digital Transformation', ‘Creative Strategy’, ‘Multi-touchpoint Storytelling, Craft and Brand Experience’, ‘Trust, Ethics and Transparency’. The Call for Stage Content sarà aperta da metà dicembre per accogliere idee e inviti da chiunque e ovunque. Non ci sono costi per parlare sul palco e le proposte di successo verranno scelte in base alla forza dell'idea e a quanto originale, unica e inaspettata sia. Altre info su www.canneslions.com.


Dodici giurie per gli Adci Awards 2018.
Presidente del premio, Roberto Battaglia


giurie dei premi per la creatività, assegnati dall'Art Directors Club Italiano, passano da dieci a dodici, grazie all'inserimento della categoria Media e all'ampliamento della categoria Pr. Ci saranno un riconoscimento per l'Agenzia dell'anno e uno per il Cliente dell'anno. Ogni giuria è composta da un presidente, sei creativi soci Adci, un comunicatore non socio e un cliente. La cerimonia di consegna sarà in chiusura di IF! Italian Festival

30 otto
Roberto Battaglia
bre 2018
- Sono state annunciate le giurie che assegneranno, sotto la presidenza di Roberto Battaglia, gli Adci Awards, il riconoscimento promosso dall'Art Directors Club Italiano per premiare la creatività e la qualità nella comunicazione pubblicitaria in Italia, e che sono anche indicatori dell'evoluzione di linguaggi, stili e utilizzo dei mezzi di comunicazione. Saranno assegnati in chiusura di IF! Italian Festival, il festival della creatività che si terrà a Milano nella quinta edizione presso Base, dall'8 al 10 novembre, organizzato da Assocom e Adci con Google main sponsor.

Per l'edizione 2018, le giurie degli Adci Awards passano da dieci a dodici, grazie all'inserimento della categoria Media e all'ampliamento della categoria Pr. Verranno inoltre assegnati tra i premi speciali il riconoscimento all'Agenzia dell'anno e al Cliente dell'anno.

Ogni giuria è composta, oltre che dal relativo presidente, da sei professionis
Vicky Gitto
ti soci di Adci rappresentativi delle diverse discipline, da un professionista esterno proveniente da realtà del mondo della comunicazione e da un cliente.

“Le giurie sono composte dai più grandi talenti italiani, creativi e professionisti che si sono distinti con lavori made in Italy’ e anche a livello internazionale. Sarà una grande edizione per gli Adci Awards sempre nel segno dei valori fondanti il premio: qualità creativa, rilevanza e innovazione” dichiara Vicky Gitto, presidente dell'Adci.

Di seguito le Giurie:

Giuria Integrated
Presidente: Selmi Barissever (ECD - LeoBurnett)
Luca Iannucci (DC - Serviceplan)
Francesco Poletti (EDC – VMLY&R)
Serena Di Bruno (DC - Grey)
Andrea Stanich (EDC - Bcube)
Chiara Monticelli (DC - Havas)
Livio Basoli (EDC - Dude)
Esterno: Chicco Mazzini (Executive Producer - Movie Magic)
Cliente: Giuliana Mantovano (Marketing Director - The Kraft Heinz Company)

Giuria Stampa/Outdoor
Presidente: Giovanni Porro (ECD - Havas)
Marco Venturelli (ECD - Publicis)
Lorenzo Crespi (ECD – LeoBurnett)
Giuseppe Mastromatteo (ECD - Ogilvy)
Vincenzo Gasbarro (ECD - MCSaatchi)
Ilaria Cormio (DC - Bcube)
Domenico Montemurro, (DC – Doing)
Esterno: Pierpaolo Ferrari (Fotografo – Visual Artist)
Cliente: Elena Koumentakis (Head of Corporate Reputation and Advertising Creative Development)

Giuria Radio/Copywriting
Presidente: Stefania Siani (ECD - DLVBBDO
Francesco Taddeucci (Creative Partner - Humans)
Cristiano Nardò (CD - Leo Burnett)
Bruno Vohwinkel (CD - Havas)
Antonio Di Battista (CD - JWT)
Matteo Grandese (CD - MC Saatchi)
Isabella Bernardi (CD - Libera Professionista)
Esterno: Ilaria Bernardini De Pace (scrittrice)
Cliente: Tiziana Bernabè (Brand Manager - Just Eat)

Giuria Film/Branded Content
Presidente: Federica Ariagno (Founder, Creative Partner - AUGE HEADQUARTER)
Nicoletta Zanterino (CD - Leo Burnett)
Aureliano Fontana (CD - Havas)
Luca Fanfani (Socio - Mercurio Cinematografica)
Michela Grasso (CD - Ferrero Pubbliregia)
Nicola Cellemme (Direttore Creativo Associato - Armando Testa)
Gibbo Oneto (CD - Gibbo&Lori)
Esterno: Francesco Lucchetta (General Manager - Mediacom)
Cliente: Davide De Carolis (Head of Brands & Communication - Adecco Group)

Giuria Industry Craft/Film Craft
Presidente Luca Cinquepalmi (ECD - PUBLICIS)
Laura Trovalusci (CD - Havas Worldwide Milano)
Ada Bonvini (Executive Producer - The Family)
Karim Bartoletti (Executive Producer - Indiana Production)
Francesco Guerrera (Partner & Creative Director - Le Balene)
Francesco Fallisi (Co-founder & Creative Director - Lateral)
Erick Loi (Executive Creative Director - Independent Ideas)
Esterno: Riccardo Bagnoli (advertising photographer)
Cliente: Massimiliano Fugini (Brand, Digital, Corporate Marketing & Media Relation - Ariston Thermo Group)

Giuria Design
Presidente: Franz Degano (Designer, Creative Director - Quintolancio)
Federico Pepe (Le Dictateur)
Massimo Verrone (Group Creative Director - FCB)
Nicola Saccoccia (Art director - HAVAS)
Emanuele Basso (Founder & Creative Director - The 6th)
Martina Mannocchi (Art Director & Graphic Designer - TBWA)
Davide Mosconi (Creative Partner - Auge Design)
Esterno: Corrado Musmeci (CEO - FONTEGRAFICA)
Cliente: TBA

Giuria Promo&Activation
Presidente: Gabriele Caeti (ECD - DDB)
Marco Panareo (CD – VMLY&R)
Carla Leveratto (Creative Partnerships Manager– Google)
Arturo Vittorioso (ECD - Synapsy)
Cristina Baccelli (Head of Creative Shop Instagram & Specialist Facebook)
Federico Ghiso (VP & ECD - Alkemy)
Giordano Curreri (Client Creative Director - Ogilvy)
Esterno: Marco Mandolesi (Direttore Creativo - Mediamond)
Cliente: Sabrina Ippoliti (Marketing - Netflix)

Giuria Digital 1
Presidente: Raffaella Bertini (Craft & Development Producer - Uprising)
Lavinia Francia (Client Creative Director - Ogilvy)
Milos Obradovic (ECD – Akqa)
Tommaso Mezzavilla (EDCD - Robilant Associati)
Hana Kovacevic (ACD - Doing)
Flavio Fabbri (Digital Chief Creative Officer - Armando Testa)
Hugo Gallardo (Group EDC - TBWA)
Esterno: Matteo Caliandro (Direttore Creativo - Studio Gusto)
Cliente: Matteo Piuri (Digital & Customer Experience Director - Nexi)

Giuria Digital 2
Presidente: Ginevra Capece (Global Creative Strategist - FB and Instagram)
Marianna Ghirlanda (CEO - DLVBBDO)
Massimiliano Maria Longo (Senior Creative Partner - yourDIGITAL)
Stefano Zanoni (CD - The Embassy)
Ottavio Nava (Co-Founder & CEO, Italy and Spain - We Are Social)
Sara Bottani (Senior Copywriter - Havas)
Vincenzo Piscopo (Head of Branded Content - CiaoPeople & The jackal)
Esterno: Roberta La Selva (General Manager - Vice Media)
Cliente: Giulia Chantal Lisot (Senior Media Strategy & Planning Specialist Director YOOX NET-A-PORTER GROUP)

Giuria Studenti
Presidente: Lorenzo Picchiotti (ECD - DUDE)
Paola Morabito (CD - Bcube)
Lorenzo Branchi (Senior Creative - JWT)
Giulio Frittaion (Head of Art - Fab / La Fabbrica Creativa)
Fabio Pedroni (Digital Creative Director - Leagas Delaney)
Giacomo Zanni (Video Specialist- Google)
Luciano Marchetti (ECD - H48)
Esterno: Massimo Capucci (Head of Planning - M&C Saatchi Milan)
Cliente: Natalie Piccolo (Communication Specialist - Widiba)

Giuria Direct/Media
Presidente: Nicola Lampugnani (Brand & Creative Senior Director - Discovery)
Davide Boscacci (ECD - Publicis)
Alessandro Sciarpelletti (Creative Director - We Are Social)
Silvia Messa (Creative Director - YAM)
Angela Pastore (Founder & Creative Director - Antville)
Ludovica Federighi (Head of Branded Content Marketing - Fuse)
Jack Blanga (Creative Director - TBWA)
Esterno: Max Cremonini (Managing Director - Content & Creativity Lead - Accenture)
Cliente: Alessandro Corbetta (Eni)

Giuria PR
Presidente: Alessandro Sabini (CCO & Global Creative Director - McCann)
Alessandro Orlandi (CD - Saatchi & Saatchi)
Marco Gucciardi (ECD- Changeee & Brand Portal)
Federica Facchini (Creative - Herezie)
Valentina Amenta (Deputy Creative Director - DlvBbdo)
Luca Cortesini (ECD - DDB)
Nicola Rovetta (CCO - MullenLowe)
Cliente: Francesca Dell'Antoglietta (Retail Marketing Director - Levi’s)


Le tante facce dell'intelligenza umana al centro
di IF! Italian Festival, al via l'8 novembre. Ricchissimo il programma


di mondi diversi contribuiranno ad approfondire il tema della Human Intelligence in tecnologia, creatività, arte e musica, facendo dell'evento internazionale un'edizione molto sfaccettata. Tra questi, Daniel Padgett design lead di Google Search e Google Assistant, Nick Law cco di Publicis Gorupe, Vittorio Sgarbi con l'anteprima dello spettacolo su Leonardo da Vinci, Alice Siracusano a.d. di Luz, The Jackal, Maccio Capatonda, Fabio Rovazzi. Ampio spazio alla formazione. La tre giorni sarà presso Base Milano

26 ottobre 2018 - Mancano pochi giorni all'inizio di IF! Italians Festival, l'evento internazionale dedicato alla creatività, organizzato e promosso da Adci e Assocom in partnership con Google e col patrocinio del Comune di Milano. Si terrà dall'8 al 10 novembre presso Base Milano (via Bergognone 34). L'edizione di quest’anno, la quinta, si conferma molto ricca e sfaccettata grazie ai contributi di personalità di mondi diversi che approfondiranno il tema della Human Intelligence ovvero della straordinaria risorsa che rende l'essere umano così incredibile (vedi news del 7 giugno).

Si parte dall'intelligenza ingegnosa col main partner Google, che aiuterà a capire come la tecnologia in tutte le sue declinazioni possa essere un utile strumento al servizio della creatività, grazie a diversi momenti di approfondimento che spaziano da YouTube al machine learning, fino al ruolo che l'Intelligenza Artificiale ricopre oggi. A parlare di questo nella giornata di apertura del Festival sarà proprio Daniel Padgett, design lead per Google Search e Google Assistant, l'uomo che ha creato la grammatica per l'assistente vocale cambiando definitivamente la relazione tra uomo e macchina. Sempre in chiave IA da segnalare la divertente conversazione tra l'assistente vocale di Google e il creator di YouTube Guglielmo Scilla fino al contributo di Vincenzo Riili, director marketing dell'azienda. Google supporterà anche l'intelligenza giovanile con un contest dedicato agli under 28 che premierà il miglior '7 Day Brief Competition': 7 giorni per creare un contenuto davvero non ‘skippabile’.

Si prosegue con l'intelligenza critica con la redazione di Wired che mostrerà come riconoscere e smascherare le fake news per arrivare a quella strategica, che rende possibile trasformare un hater in una leva di marketing per un brand, come racconterà Mary Sarnataro de Le Iene.

La città di Milano, che a partire dai prog
etti di marketing territoriale si sta trasformando in un brand vincente in tutto il mondo, racconterà un progetto di intelligenza progettuale.

Non potrà mancare l'intelligenza creativa: Nick Law (chief creative officer Publicis Groupe and president Publicis Communications), Gordon Bowen (founder & global chairman McGarryBowen), Ferdinando Verderi (founder e creative director di Johannes Leonardo) e molti altri esponenti di spicco della creatività nostrana e internazionale si interrogheranno e spiegheranno cosa significa essere un creativo oggi, un delicato equilibrio tra pensiero e innovazione tecnologica.

L'intelligenza ironica sarà, invece, raccontata dai The Jackal, in grado di catturare l'attenzione del distratto utente di YouTube, e dal nuovo format ‘Le 10 domande comode comode’ con Sergio Spaccavento, Maccio Capatonda e il musicista Chris Costa.

L'intelligenza femminile è troppo complessa per rientrare in una singola etichetta, ma il personaggio del mese di Freeda sicuramente incarna l'intelligenza coraggiosa, con Ilaria Naef, la prima atleta italiana di WCMX (Wheelchair Motocross) che parlerà della sua straordinaria esperienza. Verrà raccontato inoltre, insieme ad Alice Siracusano, a.d. di Luz, società attiva nella produzione e distribuzione di contenuti editoriali, e Gianna Martinengo, ideatrice di Women&Technologies, come l'intelligenza emotiva, tipica femminile, sia essenziale per istruire l'Intelligenza Artificiale.

Arte e musica sono da sempre manifestazione di intelligenza: i Mokamusic racconteranno come le sette note nascondano un'intelligenza sociale che smuove le coscienze e aggrega le persone. L'artista catanese Loredana Longo mostrerà come l'intelligenza verbale può legarsi a quella visiva.

Si parlerà con Nielsen e i suoi ospiti anche di intelligenza visiva e di come rappresentare graficamente i Big Data in modo creativo e trasparente.

L'intelligenza connettiva del social network più popolare al mondo sarà raccontata da Caitlin Ryan di Facebook, mentre Netflix, Spotify, Dazn e Google mostreranno come l'intelligenza sia in grado di superare le sfide più impegnative.

L'intelligenza narrativa troverà il suo protagonista in Fabio Rovazzi, qui nelle vesti di autore, regista e comunicatore prima che di cantante.

Non mancherà un intervento incentrato su colui che ha incarnato ogni tipo di intelligenza, ovvero Leonardo di cui ricorreranno i 500 anni dalla morte il prossimo anno, e che sarà raccontato da Vittorio Sgarbi in un'anteprima del suo spettacolo in programma al Teatro Manzoni dal 19 al 24 marzo 2019. Facendo leva sul concetto di stupidità per imparare attraverso gli errori, l'ex direttore editoriale di BuzzFeed UK Tom Phillips mostrerà insieme ai ceo di We Are Social le situazioni stupide che hanno fatto la storia.

Non meno importante il percorso dedicato alla formazione il cui programma integrale è disponibile al link https://2018.italiansfestival.it/workshop/. Il programma completo di IF! Italians Festival è consultabile invece al link https://2018.italiansfestival.it/programma/. É possibile acquistare i biglietti in prevendita su https://2018.italiansfestival.it e anche presso la biglietteria di Base Milano nei giorni dell'evento.
I Partner e l'Organigramma …>>



Parte la campagna creativa per il 5° IF! Italians Festival.
Battaglia, Willwoosh, Ayane e la Vecchioni i primi testimonial


supporter, rappresentanti della creatività italiana legati in vario modo a IF!, esprimono il loro personale pensiero sul tema 'Human Intelligence' al centro della quinta edizione dell'evento, in programma a Base Milano dall'8 al 10 novembre. Altri se ne aggiungeranno man mano. La campagna su stampa e online è firmata da Francesco Guerrera e Nicola Lampugnani

21 sett
Willwoosh
embre 2018
- IF! Italians Festival presenta la prima fase della campagna pubblicitaria per promuovere l'evento, sempre più internazionale, dedicato alla creatività, in prog
Malika Ayane
ramma a Base Milano dall'8 al 10 novembre. Sarà la quinta edizione, organizzata da Adci e AssoCom e con Google main sponsor, a tema quest’anno ‘Human Intelligence’ (vedi news del 7 giugno).

La ca
Francesca Vecchioni
mpagna, che evolverà col coinvolgimento di ulteriori testimonial, nasce dall'idea di far raccontare ad alcune menti creative contemporanee la loro personale idea di creatività. Ogni scatto propone un visual che li ritrae, in bianco e nero, circondati dal loro pensiero. È un format che vede il ritorno al ritratto tradizionale con una scrittura a mano della citazione per sottolineare l'importanza di un approccio basato sulla manualità, senza mai dimenticare il progresso.

I supporter, rappresentanti della creatività italiana legati in vario modo a IF!, esprimono il loro personale pensiero sul tema Human Intelligence. Saranno svelati man mano sui social e i visual della campagna saranno esposti a Base nei giorni dell'evento. I primi quattro sono Roberto Battaglia, quest'anno presidente delle giurie degli Adci Awards; Guglielmo Scilla, in arte Willwoosh, uno di primi youtuber italiani; la cantautrice Malika Ayane e Francesca Vecchioni, fondatrice e presidente dell'associazione Diversity.

La campagna è stata ideata da Francesco Guerrera, direttore creativo de Le Balene e direttore artistico di Acqua su Marte, e da Nicola Lampugnani, vp di Adci e brand & creative senior director di Discovery Italia, nonché tra gli organizzatori di IF! Lo shooting fotografico è stato realizzato da LSD e la tecnica calligrafica utilizzata è stata prodotta con l'ausilio di Procreate. La campagna sarà on air da fine settembre su stampa e online di settore.


Assocom e Upa importano in Italia gli Effie Awards,
premio all'efficacia della comunicazione


assegnato nell'autunno 2019 il premio per le campagne di comunicazione che hanno raggiunto i migliori risultati secondo obiettivi ben definiti e dichiarati. Il 15 ottobre ci sarà una giornata di formazione dedicata ad aziende, agenzie e centri media, che potranno iscrivere le campagne già da novembre. La prima giuria sarà presieduta da Alberto Coperchini, global media vp del Gruppo Barilla

19 settembre 2018 - Arrivano anche in Italia gli Effie Awards, grazie all'impegno congiunto di Upa e AssoCom. Il riconoscimento è riservato alle campagne di comunicazione che hanno raggiunto i migliori risultati di performance nel loro ambito, in base a obiettivi ben definiti e dichiarati. Sarà assegnato per la prima volta nell'autunno 2019.

“Siamo certi che la misurazione dell'efficacia sia una leva sempre più strategica nell'ideazione delle campagne di comunicazione e che già dalla fase di gara possa fare davvero la differenza. Riteniamo però che sia necessario realizzare attività di formazione su questo tema, per sensibilizzare tutto il comparto. L'obiettivo che ci siamo prefissi, e che rispecchia la mission internazionale, è di dare vita a un forum sull'efficacia della comunicazione per creare un dibattito sul tema” ha dichiarato Emanuele Nenna, presidente di Assocom. Lorenzo Sassoli de Bianchi, presidente
di Upa, ha aggiunto: “L'obiettivo degli Effie Awards, oltre che premiare le idee che fanno strada, è di educare il sistema all'utilizzo di un metodo operativo che fissi chiari obiettivi e che riesca a misurare con precisione i risultati raggiunti, aiutando aziende e agenzie a prendere le decisioni più appropriate”.

L'apertura del bando e delle iscrizioni è prevista per novembre 2018. Aziende, agenzie e centri media potranno iscrivere iniziative di comunicazione che abbiano un percorso ottimale di costruzione e sviluppo della strategia, obiettivi precisi dichiarati e costantemente monitorati, e misurazione dei risultati e dal loro successo o meno. I criteri con cui saranno giudicate le campagne rispecchieranno gli standard internazionali poiché tutti i vincitori delle edizioni locali dei premi Effie entrano a far parte del ranking globale, l'Effie Index mondiale. La giuria, composta da rappresentanti di agenzie, aziende, media e istituzioni accademiche, avrà ogni anno un presidente diverso. Per la prima edizione è stato scelto Alberto Coperchini, global media vice president del Gruppo Barilla, che ha già preso parte, in rappresentanza dell'Italia, alla Giuria Effie Europe.

In previsione del percorso che porterà all'evento, e per sottolineare l'importanza del dialogo sul tema dell'efficacia, Upa e AssoCom hanno organizzato per il 15 ottobre una giornata di formazione strategica rivolta ad aziende e agenziem che possa portare a campagne di comunicazione realizzate per obiettivi e di cui sia poi possibile valutare i risultati.


Ab InBev Italia lancia #bevicomesecifosseundomani, campagna
per il bere responsabile con STO Magazine e Publicis Consultants


il Global Beer Responsible Day 2018 la sede italiana del produttore globale di birra ha varato un'iniziativa con protagonista Antonio Dikele Distefano, scrittore, discografico e responsabile della rivista musicale. Il concept è di coinvolgere i giovani nella costruzione di una nuova idea di divertimento con fulcro la musica. Il 5 ottobre concerto a ingresso gratuito al Dude di Milano

17 settembre 2018 - La nuova campagna di comunicazione, promossa dal produttore di birra AB InBev Anheuser Bush Italia (Budweiser, Leffe e Corona) per promuovere il bere responsabile tra i giovani, ha per testimonial Antonio Dikele Distefano, 26 anni, scrittore, attivo nel settore discografico nonché responsabile della rivista musicale STO Magazine, webzine dedicata al rap italiano. Il progetto è stato ideato e curato insieme a Publicis Consultants da lui stesso con la rivista. Sarà protagonista di due video e l'anima e la guida del concerto a ingresso gratuito che si svolgerà il 5 ottobre al Dude Club di Milano, che vedrà sul palco una line up composta da 4 tra i producer italiani più conosciuti: DJ Slait, Boss Doms, Low Kidd e Sick Luke.

Il concept di #bevicomesecifosseundomani è di coinvolgere i giovani nella costruzione di una nuova idea di divertimento con fulcro la musica. Il consumo alcolico? “Con AB InBev abbiamo scelto non di cancellarlo, ma solo di posticiparlo - ha detto il testimonial -, con l'invito a essere moderati, affinché l'esperienza della musica che piace e fa divertire sia prioritaria e possa entrare in modo diretto e forte, senza interferenze”.

La campagna #bevicomesecifosseundomani è l'iniziativa italiana del Global Beer Responsible Day 2018, la giornata dedicata al bere responsabile che AB InBev promuove da alcuni anni nei paesi dove è operativa. La giornata cade il secondo venerdì di settembre ed è parte della strategia adottata per raggiungere entro il 2025 gli obiettivi globali di smart drinking di AB InBev.

Spiega Massimiliano Colognesi, corporate affairs manager di AB InBev Italia: “La campagna è un invito esplicito a vivere la vitalità e il piacere della musica e della birra conservando però attenzione, consapevolezza, rispetto per sé e per gli altri. Già lo scorso anno siamo entrati in alcune scuole superiori e condiviso con gli studenti le nostra ‘10 idee per bere birra’, vademecum di consigli per bere in modo responsabile costruito in collaborazione con il sociologo Claudio Cippitelli”. Le '10 idee per bere birra' parlano di birra, ma anche di rispetto verso le relazioni interpersonali e di consapevolezza da applicare alle quantità, alla scelta del momento, alle relazioni umane, alla cura del sentimento verso gli altri, ma anche di dati concreti come la rilevanza calorica e l'importanza del connubio birra/cibo: in totale controtendenza rispetto alla cultura del binge drinking.




Torna a Milano la rassegna ‘le vie del cinema’, 40 film
d'eccellenza in anteprima da Venezia e da Locarno


film che si sono distinti alla 75ª Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica della Biennale di Venezia e al 71° Locarno Festival saranno proiettati dal 19 al 27 settembre in 13 sale milanesi. Nove giorni di cinema d'autore, in lingua originale con sottotitoli italiani, con incontri e dibattiti. La manifestazione rientra nella Milano Movie Week

17 settembre 2018 - Milano a tutto cinema. Appuntamento molto atteso a Milano - e che quest'anno rientra nella prima Milano Movie Week, la manifestazione in corso dal 14 al 21 settembre con l'obiettivo di promuovere il mondo del cinema e dell'audiovisivo – è la rassegna le vie del cinema (19-27 settembre), promossa da Agis lombarda col patrocinio del Comune di Milano e la collaborazione di MYmovies.it e de Il Corriere della Sera. È dedicata alle anteprime dalla 75ª Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica della Biennale di Venezia e dal 71° Locarno Festival cui si affiancano il Primo Premio del 36° Bergamo Film Meeting oltre ai Premi del Pubblico della 54ª Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro e del 32° Festival Mix, per un totale di 40 lungometraggi, tutti in lingua originale con sottotitoli italiani. Saranno nove giorni di cinema d'autore con 13 sale coinvolte e proiezioni dalle 11 fino a sera inoltrata, arricchite da incontri con autori, giornalisti e critici.

Oggi alle 18 al Cinema Palestrina ci sarà in anticipo la tradizionale presentazione pubblica del programma, a cura di Paolo Mereghetti e Bruno Fornara. A seguire, alle 20.30, la proiezione di Arrivederci Saigon di Wilma Labate (Venezia 75 sezione Sconfini) alla presenza della regista e con dibattito al termine del film

Dei 40 film in programma 30 vendono dalla Mostra di Venezia (9 dal Concorso Internazionale, 9 dal Fuori Concorso, 4 da Orizzonti, 2 da Sconfini, 2 dalla Settimana Internazionale della Critica, 4 dalle Giornate degli Autori). Tra questi citiamo At Eternity's Gate di Julian Schnabel (Coppa Volpi Miglior Attore a Willem Dafoe), The Nightingale di Jennifer Kent (Premio Speciale della Giuria e Premio Marcello Mastroianni a Baykali Ganambarr), Sunset di László Nemes (Premio Fipresci). Sette sono i film dal Locarno Festival vincitori dei riconoscimenti principali, tra cui A Land Imagined di Yeo Siew Hua, vincitore del Pardo d'Oro, e BlacKkKlansman di Spike Lee Premio del pubblico UBS nonché Grand Prix del 71 Festival di Cannes. Sempre dalla Mostra di Venezia, c'è l'imperdibile The Other Side of the Wind, il film di Orson Welles completato a più di trent'anni dalla sua morte, nella seconda proiezione pubblica dopo l'evento speciale al Lido.

Un biglietto intero costa 8 euro, con la Cinecard a 30 euro si hanno 6 ingressi e con quella a 48 euro se ne hanno 12. La vendita è su leviedelcinema.lombardiaspettacolo.com e presso Colosseo Multisala, Anteo Palazzo del Cinema e Arcobaleno Filmcenter. Le altre sale coinvolte sono Ariosto spazioCinema, Arlecchino, Beltrade, Centrale, Citylife Anteo, Ducale Multisala, Eliseo Multisala, Mexico, Orfeo Multisala, Palestrina.
Per saperne di più sul programma …>>



Editoriale Domus organizza a Milano
‘Street Show Quattroruote. Un miglio di passione’


Buenos Aires a Milano diventa il 16 settembre il primo Salone a cielo aperto dedicato al mondo dei motori e della mobilità. Hanno aderito all'iniziativa 40 partner di cui 21 case d'auto

11 settembre 2018 - Domenica 16 settembre a Milano, dalle 9 alle 21, corso Buenos Aires diventerà il primo Salone a cielo aperto su motori e mobilità. Il corso sarà chiuso al traffico e dedicato a ‘Street Show Quattroruote. Un miglio di passione’, organizzato dal mensile Quattroruote col Patrocinio del Comune di Milano e del Municipio 3, di Confcommercio e di Ascobaires.

L'evento metterà in campo le ultime novità in tema di auto e moto (area Motor District), i modelli che hanno fatto la storia (area Heritage), le supercar e le edizioni limitate (area Sport&Luxury) per oltre 150 esemplari. Ci saranno un'area Kids e il concorso di eleganza indetto da Ruoteclassiche con Eni ed è prevista la presenza di performer e gruppi musicali.

Hanno aderito all'iniziativa, a cui tutte collaborano tutte le testate motoristiche di Editoriale Domus, 40 partner di cui 21 case auto. Sono partner a2a, Aci Club Storico, Ariel Car, ASI, Audi, Bmw, Bmw Motorrad, Champion, Edison, Enei, Exide batteries, Ford, Iveco Milano Industrial, Jaguar, Jeep, Kia, Land Rover, Lexus, Ma-Fra, Mahindra, Mercedes-Benz, Mini, Mitsubishi Motors, Moto Morini, Nissan, Officine ‘a posto’ Rhiag, Peugeot, Renault, Romeo Ferraris, Seat, Snam, SsangYong, Suzuki, Toyota, Volkswagen, Volvo, Yamaha. Sono artner Tecnici: Lego Italia, BrianzaLUG e BRICKONI, BumbleBee (da dicembre al cinema), Polistil Italia, distributori ufficiali Italia di BBurago e Polistil. Radio partner è Rtl 102.5.

Altre info su http://streetshow.quattroruote.it. Hastag dell'evento: #StreetShow4R.


Con Agreenment, Volvo Car Italia coinvolge
i giovani designer sul tema dell'ambiente


Italia ha ideato il contest che ha coinvolto gli studenti del POLI.design in una reinterpretazione della nuova Volvo V60 come auto amica dell'ambiente. L'esecuzione vincitrice è ora esposta al Volvo Studio Milano fino a novembre

7 settembre 2018 - Grey Italia ha ideato per Volvo Car Italia un progetto rivolto ai giovani che ha sottolineato l'impegno del gruppo automobilistico svedese nella difesa del pianeta e nelle tecnologie applicate all'auto rispettose dell'ambiente. Dal 2019 tutte le nuove Volvo saranno anche elettriche: full o ibride. Il progetto, che ha visto il il coinvolgimento degli studenti del POLI.design, si rifà alla filosofia di Omtanke (“prendersi cura”) e si intitola ‘The Agreenment. Il patto tra Volvo e l'ambiente’.

Grey ha identificato nella Moss Art la tecnica più efficace per veicolare il legame di Volvo con la natura. Gli studenti del Master di Laboratoriominiera in Art Direction & Copywriting hanno ricevuto un brief per la reinterpretazione della nuova Volvo V60 come auto amica dell'ambiente. L'idea vincitrice è risultata quella della studentessa Federica Croce che, partendo dal concetto di carbon footprint, ha accomunato il rapporto tra le auto Volvo e la natura a quello degli animali che attraversano il loro ambiente lasciando solo impronte che non ne alterano l'equilibrio. La V60, espressione della più moderna tecnologia, è stata rivestita di un prodotto naturale come il muschio, su cui gli animali sono passati come su qualcosa di naturale.

La V60 con l'esecuzione vincitrice resta ora esposta al Volvo Studio Milano, nella zona di Porta Nuova, visibile al pubblico fino al prossimo novembre. L'operazione ha previsto una fase teaser sui social e una di recall con post e contenuti video sul making off dell'istallazione. Produzione di H+.




‘We are all in the same boat’, Marina Abramovich
realizza per IllyCaffé il manifesto di Barcolana50


manifesto per la cinquantesima edizione a Trieste della regata velica più grande del mondo è anche un appello a fare squadra per salvaguardare il pianeta. Tra il 5 e il 14 ottobre sono previsti trecento eventi, in mare e a terra, e le BarcolanaExperience, offerte turistiche di promozione del territorio. Le Generali sono main sponsor

4 luglio 2018 - illycaffè, da sempre legata al mondo dell'arte e della creatività, realizza il manifesto della Barcolana di Trieste, la grande manifestazione velica che celebra quest’anno la cinquantesima edizione (5-14 ottobre). L'artista Marina Abramovich ha ideato il messaggio ‘We are all in the same boat’, giocando con un modo di dire tra i più diffusi per sostenere l'importanza di fare squadra, perché anche a bordo di barche diverse, anche quando siamo in competizione, navighiamo tutti sullo stesso pianeta, che va custodito e protetto giorno dopo giorno, lasciando da parte gli individualismi.

“Il manifesto – ha detto Andrea Illy, presidente di illycaffè - ci ha permesso di uscire dagli schemi classici della comunicazione e sensibilizzare in modo delicato il pubblico su temi importanti. Come Barcolana è nata da una piccola comunità che nel tempo si è allargata, così il suo manifesto parte da Trieste per diventare messaggio corale e universale per tutto il mondo”.

Il manifesto di Barcolana50 è stato proposto dal direttore creativo di illycaffè, Carlo Bach, realizzato a febbraio a Milano da Marina Abramovich e prodotto dall'art director di Barcolana, Matteo Bartoli (Basiq), che ha associato l'immagine proposta dall'artista all'elemento grafico che rappresenta la regata che, in occasione del cinquantesimo, evolverà in un ‘granpavese’, carosello di bandiere tipico delle celebrazioni marinare.

Trieste si prepara, infatti, ad ospitare nuovamente la regata più grande del mondo, dopo che nell'edizione 2017 ha visto sulla stessa linea di partenza 2.101 barche a vela, record mondiale per una partenza singol
a, con 25mila persone in mare e oltre 300mila a terra a godersi lo spettacolo. Verranno organizzati più di trecento eventi, in mare e a terra in dieci giorni di festa, a base di vela, sport acquatici, cultura, arte, attività sociali ed educative, tutte a tema mare, mentre la regata vera e propria si terrà la seconda domenica di ottobre, il 14. La Pattuglia Acrobatica creerà in cielo, tra Barcola e Miramare, un tricolore lungo oltre tre chilometri e le Poste italiane emetteranno un francobollo.

Main sponsor dell'evento da oltre 40 anni sono le Generali. Il gruppo assicurativo vuole diffondere la cultura dello sport tra le nuove generazioni, favorendo la condivisione di valori quali solidarietà, integrazione e partecipazione. Generali sarà a fianco di Barcolana50 presentando la seconda edizione della Generali Cup, la regata dei dipendenti del gruppo, che ha portato nel 2017 a Trieste una selezione di 50 appassionati di vela, provenienti da 13 Paesi diversi, scelti tra quasi 300 candidature giunte da tutto il mondo.

Le iscrizio
ni a Barcolana50 sono aperte e saranno possibili fino al giorno prima sul sito www.barcolana.it. Sullo stesso sito sono proposti i pacchetti turistici BarcolanaExperience, realizzati da Musement, specializzata in turismo sportivo e official travel partner di Barcolana. I pacchetti, creati con la collaborazione tecnica di Cividin Viaggi, sono acquistabili anche su www.musement.com/it/. “Barcolana Experience – ha dichiarato il presidente della Società Velica di Barcola e Grignano, Mitja Gialuz – ci permette di associare al nostro evento azioni di promozione del territorio e di incoming. Vogliamo anche promuovere Trieste e il Friuli Venezia Giulia, e creare valore per l'economia locale”.


CANNESLIONS 2018 - 5ª e ultima giornata.
Premiato l'adv coraggioso che migliora il mondo. All'Australia 3 GP con Palau Pledge e il GP For Good. Doppio GP Film per P&G e Usa


GP anche all'India per il valore sociale di un'iniziativa tra l'adv e l'innovazione di prodotto, nei Creative Effectiveness Lions, per ‘Savlon Healthy Hands Chalk Sticks’. E un GP all'UK nei 'Glass: The Lion for Change' per Bloodnormal di AmvBbdo London per Essit, contro il taboo del ciclo mestruale. Ma anche un GP all'ironia, con la strepitosa campagna di Tide per il Super Bowl

25 giugno 2018 - Doppio Grand Prix nei Film agli USA e a Procter & Gamble nella cerimonia finale di CannesLions 2018, in cui sono stati assegnati anche i Sustainable Development Goals, i Creative Effectiveness, i ‘Glass: The Lion for Change’, i Titanium e il Grand Prix for Good (oltre che i premi speciali), serie in cui l'Italia si è accaparrata solo 1 Bronzo con Ikea ‘The Room’ di Ddb Milano nella nuova categoria dei Sustainable Development Goals (vedi notizia correlata). Una volta di più si è evidenziato nelle scelte delle diverse giurie l'importanza data alla comunicazione che può migliorare la società e la vita della gente, mettendo in gioco temi sensibili, dalla parità di genere alla sostenibilità ambientale.

Come era nelle attese, un Grand Prix Film è andato campagna Tide coi soggetti ‘It’s Another Tide Ad; It’s a Tide Ad; It’s Yet Another Tide Ad; It’s Yet Another Tide Ad Again' di Saatchi & Saatchi New York. Qui siamo nell'area dell'ironia. Il format creato per il Super Bowl vede la star tv Jim Hopper apparire a sorpresa in spot famosi per rivelare che in realtà sono tutti di Tide, perché gli abiti indossati dai protagonisti sono pulitissimi. Tra gli spot ricostruiti c'è anche il mitico film Old Spice di W+K ‘The Man Your Man Could Smell Like’, vincitore del Grand Prix Film 2010, con la ricomparsa di Isaiah Mustafa a cavallo, brandente questa volta una confezione di Tide.

L'altro Grand Prix Film agli Usa e P&G è stato per ‘The Talk’ di Bbdo New York, in cui genitori di colore hanno coi figli un faticoso colloquio sui motivi per cui il Paese non tratta tutti nello stesso modo. È un film istituzionale in cui non appare alcun prodotto. Damon Jones, vp gobal communications di P&G, ha detto: “Questo GP rafforza la nostra responsabilità a promuovere cambiamenti coraggiosi nel mondo. Siamo contenti che ‘The Talk’ abbia aperto il dialogo, i cuori e la mente". In tutto i Film Lions assegnati sono stati 74.

Un altro GP che ha sottolineato il valore sociale dell'iniziativa di un brand, che è andata al di là dell'advertising, è nei Creative Effectiveness Lions (18 premi). È andato all'INDIA per ‘Savlon Healthy Hands Chalk Sticks’ di Ogilvy Mumbai, lavoro descritto dalla giuria come “an authentic cause collaboration that drove results”. Dato che, soprattutto nelle zone rurali, i bambini indiani non si lavano le mani prima dei pasti rischiando serie patologie, il gruppo indiano ITC, attivo nei beni di largo consumo, ha prodotto degli innovativi gessetti colorati che contengono del sapone. Usandoli e sciacquandosi poi le mani, i bambini di fatto se le lavano. Un'innovazione di prodotto che si è tradotta in crescita dell'awareness e in successo di vendite, poiché nel gi
BloodNormal
ro di un anno Savlon è salito al 3° posto tra i prodotti per lavare le mani. Ma che ha anche un forte valore sociale.

Sulla stessa linea il GP all'UK per Glass: The Lion for Change (11 premi). Il vincitore ‘Bloodnormal' di AmvBbdo London per gli assorbenti Libresse è un lavoro che vuole sfidare la percezione delle mestruazioni come fatto da celare, rivendicandone la normalità: il ciclo è un fatto normale ed è n
ormale mostrarlo come è. Basta liquidi blu, il sangue non deve essere un taboo.

Cuore della tendenza a creare lavori che hanno anche finalità sociali è la nuova categoria dei Sustainable Development Goals Lions, creata proprio per premiare la comunicazione capace di indurre un cambiamento positivo nella società. Il primo GP Sustainable Development Goals è andato all'AUSTRALIA per ‘Palau Pledge’ di Host/Havas Sydney per il Palau Legacy Project, in cui ai turisti per l'isola veniva chiesto di sottoscrivere im impegno a essere rispettosi dell'ambiente. ‘Palau Pledge’, già vincitore del Grand Prix Direct, si è visto assegnare anche il Grand Prix Titanium per un totale di tre massimi riconoscimenti. “Se il nostro lavoro è catturare l'attenzione e trasferirla dalla mente al cuore, ‘Palau Pledge’ è stato costruito come un mezzo incredibilmente efficace. Un lavoro davvero stimolante che avrà effetti benefici duraturi” ha affermato Colleen DeCourcy, chief creative officer di Wieden + Kennedy, presidente della giuria Titanium.

Citiamo infine anche il Grand Prix for Good, assegnato tradizionalmente a un campagna sociale o charity che non può concorrere al Grand Prix nelle 26 categorie di brand. L'ha vinto l'AUSTRALIA per Project Revoice, di Bwm Dentsu Sydney per The Als Association con una tecnologia che permette alle persone affette da SLA di parlare liberamente con la propria voce, anche quando non sono più in grado di farlo fisicamente. Le voci vengono ricostruite attraverso interviste e discorsi pre-registrati.


CANNESLIONS 2018 - 5ª e ultima giornata.
L'Italia torna da Cannes con 22 Leoni, più del 2017,
al traino di Diesel con Publicis che ne vince 13, di cui 3 ori


vinto 7 lavori, 5 agenzie e 5 advertiser, ma solo 4 brand, in 9 categorie di premio su 26. Non è molto per il complesso dell'industry nostrana, ma è un buon risultato in un'edizione in cui abbiamo iscritto un terzo di lavori in meno. Ikea The Room di Ddb sale nella giornata finale a quota 4 Leoni aggiungendo 1 bronzo nella nuova categoria dei Sustainable Development Goals. Le altre agenzie premiate sono McCann Milano col Centro Clinico Nemo, Dude con Netflixe e Auge con Mutti, le ultime due piccole e indipendenti, quindi di particolare merito

25 giugno 2018 - Buon risultato per l'Italia a CannesLions 2018. Come è andato delineandosi man mano che la manifestazione procedeva, il nostro Paese torna dal Festival con più premi dello scorso anno: 21 Leoni vinti, tra cui 3 Ori, anzi 22 visto che un lavoro risulta iscritto dalla Francia ma è italiano, contro i 20 della scorsa edizione. E tutto questo pur avendo iscritto 448 campagne contro le 660 dello scorso anno (-32%), una riduzione in linea con la semplificazione e la revisione della formula festivaliera che ha portato a una flessione, peraltro prevista, delle entries nel complesso (-21,4%).

Ma, come nella scorsa edizione, le campagne e gli advertiser vincitori sono molti meno. Il risultato è al traino di Diesel che ben ha fatto a iscrivere direttamente i lavori, visto che Publicis non poteva per via dell'anno sabbatico dedicato da Sadoun a investire sulla piattaforma interna Marcel. Diesel con le tre campagne collegate ‘Go with the flaw’, ‘Keep the world flawed' e ‘Go with the Diesel fake’, ideate da Publicis Italy con Publicis New York, vince 13 dei 22 Leoni: 3 Ori (in Outdoor, in Brand & Experience Activation e in Direct), 3 Argenti (in Film Craft, in Brand & Experience Activation e in Direct) e 7 Bronzi (1 in Design, 1 in Brand & Experience Activation, 1 in Direct, 1 in PR e 3 in Film Craft, dove il 3° è attribuito dall'organizzazione alla Francia ma è pur sempre per la medesima campagna italiana ‘Go with the Diesel fake’).

Anche se delusa per aver mancato un'affermazione nei Film (l'Italia non ha vinto nulla in questa categoria, un tempo l'unica e tra le più pregiate), Diesel è tornata in luce sul palco della creatività internazionale con la nuova agenzia e con una comunicazione disruptive, che è arrivata a mettere in gioco il logo (Diesel/Deisel) e a fare l'elogio dell'imperfezione come punto di forza (‘Go with the flaw’ e il seguito ‘Keep the world flawed'). In particolare a eccellere con 9 dei 13 premi vinti è stata ‘Go with the fake’ con la bancarella temporanea in Canal Street per la vendita di capi Deisel, per attirare l'attenzione sul problema della contraffazione durante la New York Fashion Week.

Altri 4 Leoni hanno premiato Ikea ‘The Room’, il progetto multimediale di Ddb Milano che ha avuto il focus nella costruzione all'interno di punti vendita Ikea di Milano, Torino e Roma di una stanza chiusa, da cui provenivano i suoni di un litigio domestico che sfociava in violenza sulla donna: “'La violenza è più vicina di quanto credi. A volte c'è solo una parete tra te e lei". Ikea ‘The Room’ ha vinto 2 Argenti negli Outdoor, 1 Bronzo negli Radio & Audio e 1 Bronzo in finale con la nuova categoria dei Sustainable Development Goals, creata per premiare la comunicazione capace di indurre un cambiamento positivo nella società.

Le altre campagne vincitrici sono Netflix ‘Black Future social club’, activation ideata da Dude per l'avvio della terza stagione di Black Mirror che ha vinto 2 Argenti negli Outdoor; Mutti che ha vinto 1 Argento e 1 Bronzo nei Design con la special edition di inscatolati ideata da Auge per il Food Park FICO di Bologna e infine la campagna charity ‘The Voices of voices’ di McCann Milano per il Centro Clinico Nemo (NEuroMuscular Omnicentre) della Fondazione Serena Onlus che ha vinto 1 Bronzo nei Creative Data.

Riassumendo, hanno vinto per l'Italia 7 lavori, 5 advertiser (ma solo 4 brand) e 5 agenzie in 9 categorie di premio su un totale di 26. Messo così, il risultato dell'industry italiana di settore nel suo complesso appare non tanto brillante. Va comunque evidenziato che due agenzie indipendenti, Auge e Dude, tornano ciascuna con 2 Leoni ed è una grande performance.


CANNESLIONS 2018 - 4ª giornata.
Diesel rivince e l'Italia si prepara a superare la performance 2017.
Gitto: “Anno di transizione verso il corretto mix tra dati e creatività”


quarta giornata della kermesse festivaliera Diesel con Publicis conquista 1 oro, 1 argento e 1 bronzo nei Direct e 1 bronzo nei PR con ‘ Go with the Diesel fake’. Bronzo a McCann Milano con la campagna charity ‘The Voices of voices’ per Nemo. I risultati per l'Italia superano le previsioni, mentre il settore sta vivendo un shift epocale verso un uso più maturo delle tecnologie, in cui è la creatività a continuare a fare la differenza

22 giugno 2018 - Ancora una volta l'apprezzamento per la comunicazione di Diesel firmata da Publicis si dimostra trasversale rispetto alle categorie dei premi al Festival Internazionale della Creatività in corso a Cannes. Dopo aver vinto 8 Leoni, tra cui 2 ori, nelle categorie Film Craft, Brand & Experience Activation, Outdoor e Design, nella quarta e penultima giornata della kermesse festivaliera Diesel conquista 1 oro, 1 argento e 1 bronzo nei Direct e 1 bronzo nei PR con ‘ Go with the Diesel fake’, la messa in vendita in una bancarella temporanea in Canal Street di capi col logo tarocco Deisel, per attirare l'attenzione sul problema della contraffazione dei brand durante la New York Fashion Week.

Nella quarta giornata stati assegnati i Creative Data Lions, i Direct Lions, i PR Lions, i Social & Influencer Lions, i Media Lions, gli Innovation Lions e Product Design Lions. E l'Italia ha vinto anche 1 bronzo nei Creative Data con la campagna charity ‘The Voices of voices’ di McCann Milano per il Centro Clinico Nemo (NEuroMuscular Omnicentre) della Fondazione Serena Onlus.

L'Italia si avvia così a superare la performance dello scorso anno quando di Leoni ne abbiamo vinti 20, avendo iscritto il 32% di lavori in meno (448 contro 660 nel 2017). E questo in un anno che si sta dimostrando per il settore della creatività italiana di transizione, come racconta Vicky Gitto, presidente dell'Art Directors Club Italiano, ai margine della presentazione ufficiale alla spiaggia ‘Google’ della quinta edizione di IF! Italian Festival, evento sempre più interna
Vicky Gitto
zionale, organizzato con AssoCom e con Google main sponsor, a tema quest’anno ‘Human Intelligence’ (vedi news del 7 giugno).

C'è un grande gruppo che non avrebbe dovuto essere protagonista al Festival (Publicis che ha dirottato su Marcel gli investimenti del 2018, ndr) e che invece miete premi, grazie alle iscrizioni fatte dai brand. C'è un'altra grande holding che ha puntato sul Festival e appare in sordina quanto a risultati (Wpp, ndr). Ma soprattutto è un anno di shift epocale. “Si sta andando verso una fase più matura in cui la comunicazione adotta il corretto mix tra creatività e tecnologia – dice Gitto - . Qui a Cannes sono in evidenza ovunque le piattaforme tecnologiche, ma è la creatività che continua e continuerà a fare la differenza”. Un assestamento importante dopo l'infatuazione per i dati. Per l'Italia in più è l'anno in cui c'è stata l'uscita di tanti executive creative director dalle sedi italiane delle agenzie multinazionali mentre si fanno avanti le agenzie indipendenti (come Auge o Dude, tanto per citarne due premiate qui al Festival). Lo scenario insomma sta cambiando.


CANNESLIONS 2018 - 4ª giornata.
Grand Prix tra tecnologia e sostenibilità


Colombia vince il Product Design con Kingo e quello GP Innovation con My Line, tecnologie che risolvono problemi di emarginazione energetica e informativa. Nei PR l'UK bissa il successo nei Design con un secondo GP per Trash Isles, l'isola di plastica nell'Oceano che si fa nazione. L'Irlanda vince nei Creative Data con un grande esempio di storytelling creativo basato sui dati, ricostruendo il discorso mancato di JFK a Dallas. Nei Direct il GP è per l'Australia con Palau Pledge, eco-impegno nel turismo su larga scala

22 giug
My Line
no 2018
- Nella quarta giornata del Festival stati assegnati i Creative Data Lions, i Direct Lions, i PR Lions, i Social & Influencer Lions, i Media Lions, gli Innovation Lions e Product Design Lions. Ed è emersa la grande attenzione per tecnologie e iniziative che puntano alla risoluzione di problemi quanto mai attuali e molto sentiti, come l'emarginazione energetica e quella informativa, la sostenibilità ambientale, l'uso dei social per migliorare la vita.

Nei Creative Data Lions (26 premi) il Grand Prix è approdato in IRLANDA con ‘JFK Unsilenced' di Rothco | Accenture Interactive Dublino per The Tim
JFK Unsilenced
es/News UK & Ireland
in cui è stato reso possibile l'ascolto online, in radio, via podcast (e anche letto sul giornale) del discorso che il presidente John Kennedy avrebbe dovuto tenere a Dallas se quel tragico giorno del novembre 1963 non fosse stato assassinato. È stato un grande esempio di storytelling creativo basato sui dati, visto che il discorso è stato creato utilizzando 831 speech del presidente di varia qualità e audio per farne uno nuovo. La reach è stata di un miliardo di impression in 59 Paesi e le testate competitor l'hanno ripreso.

Nei Direct Lions (76 premi) il Grand Prix è stato assegnato all'AUSTRALIA per ‘Palau Pledge’ di Host/Havas, per Palau Legacy Project in cui ai turisti per l'isola veniva chiesto un impegno con tanto di visto sul passaporto a essere rispettosi dell'ambiente: il primo eco-impegno su larga scala del turismo, come ha dichiarato la presidente della giuria Susan Credle, global chief creative officer di Fcb.

Nei PR Lions (89 Premi) vince il Grand Prix un'altra campagna di stampo ecologista, dell'UK, già vincitrice del Grand Prix Design: ‘Trash Isles’ di AmvBbdo London per Plastic Oceans / Ladbible che ha l'obiettivo di sensibilizzare sulle isole di rifiuti di plastica che si sono formate nel Nord Pacifico considerandole una vera a propria nuova nazione, con tanto di francobolli e richiesta di ammissione all'Onu, per indurre le altre nazioni a risolvere il problema.

Il primo Grand Prix in assoluto dei Social & Influencer Lions (67 Premi), cate
Nothing Beats a Londoner
goria creata quest'anno, è stato vinto dall'UK con ‘Nothing Beats a Londoner’ di Wieden+Kennedy Londra per Nike. Girato su pellicola da 16mm ha mostrato come i bambini londinesi siano capaci di superare ogni scoglio, dai genitori oppressivi al maltempo, coinvolgendoli attraverso i social a iscriversi a eventi sportivi gratuiti in tutta la città, per trascorrere le vacanze scolastiche attive. I bambini hanno fatto a gara a mostrarsi forti. Star dello sport e dello spettacolo sono stati testimonial del modello di vita londinese. “Il modo in cui è stato costruito questo lavoro dimostra davvero come si può creare una cultura" ha detto il presidente di giuria Mark D'Arcy, vp chief creative officer di Facebook Creative Shop.

Nei Media Lions (85 Premi) il Grand Prix è stato assegnato all'UK con ‘Tesco’s Food Love Stories’ di MediaCom Londra / BBH Londra che ha fatto leva sull'attrazione per il cibo di qualità per elevare la reputazione del food venduto da Tesco, utilizzando diversi media (Ooh, radio e mezzi audiovisivi sono stati al centro del piano), l'instore e i dati forniti da Facebook e Google sui consumatori.

Negli Innovation Lions (6 Premi) il Grand Prix è stato vinto dalla COLOMBIA con ‘My Line’ di Mullenlowe SSP3 di Bogotá per il Ministero della Communicazione e della Tecnologia. In diverse zone remote della Colombia gli abitanti non hanno accesso a internet e non usano gli smartphone. MY Line Powered By Google porta la potenza di Google Assistant a chiunque abbia accesso a una linea telefonica fissa tradizionale: chiamando in un qualsiasi momento il numero 6000913 si ottiene una risposta a ogni quesito. E così il 99,3% della popolazione del Paese ha potuto avere accesso alle informazioni di Google.

Infine nei Product Design Lions (13 Premi) il Grand Prix è stato vinto ancora dalla COLOMBIA con 'Kingo' di Ogilvy Colombia Bogotá / Kingo Energy di Guatemala City / Ogilvy Guatemala. Kingo è una tecnologia in grado di fornire energia elettrica prepagata a basso prezzo ovunque, senza necessi
Kingo
tà di connessione a internet, così da farla arrivare alle popolazioni più emarginate: un pionere nella lotta contro la povertà energetica, in grado di creare la maggior base di utenti di energia pulita nella storia. Distribuisce attraverso una piattaforma basata su cloud detta Ant e gli utenti pagano solo l'energia di cui hanno bisogno, per mese, settimana, giorno o ora, come comprare una candela. Daì progetto pilota in 450 abitazioni nel 2015, Kingo è arrivata a servire 60.000 abitazioni nel 2018 e punta a raggiungere 100 milioni di utenti entro il 2035.


CANNESLIONS 2018 - 3ª giornata.
Diesel con Publicis continua la corsa a Cannes.
Vince 3 Leoni nei Film Craft e 3 nei Brand & Experience Activation


conferma di essere tornata alla ribalta della creatività internazionale con la nuova agenzia Publicis e aggiunge al carniere per l'Italia 1 argento e 2 bronzi nei Film Craft e 1 oro, 1 argento e 1 bronzo nei Brand & Experience Activation. Sette le categorie premiate nella terza giornata del Festival, con gli Usa che si accaparrano 5 degli 8 Grand Prix assegnati

21 giug
Aeronaut VR
no 2018
- Nella terza giornata del Festival Internazionale della Creatività, Diesel è stata di nuovo centro d'attenzione e ‘campione di incassi’ per l'Italia. Sono stati assegnati gli Entertainment Lions, gli Entertainment Lions for Music, i Creative eCommerce Lions, i Brand & Experience Activation Lions, gli Industry Craft Lions, i Digital Craft Lions e i Film Craft Lions.

L'Italia ha vinto 1 argento e 2 bronzi nei Film Craft e 1 oro, 1 argento e 1 bronzo nei Brand & Experience Activation, tutti con Diesel. Dopo l'oro negli Outdoor e il bronzo nei Design, Diesel conferma di essere tornata alla ribalta della creatività internazionale con la nuova agenzia Publicis (i lavori sono firmati congiuntamente da Publicis Milano e da Publicis New York) e per l'intelligenza mostrata nell'aver adottato una comunicazione disruptive, che arriva a mettere in gioco perfino il logo (Diesel/Deisel) e a fare l'elogio dell'imperfezione contro la bellezza standardizzata, facendo delle imperfezioni un punto di forza (Go with the flaw).

Per la precisione, Diesel e Publicis vincono nei
Diesel
Film Craft 1 argento e 1 bronzo con la prima campagna Go with the flaw (vedi Videonotizia del 7 settembre 2017) che, per inciso, a Eurobest 2017 aveva conquistato il Grand Prix Film Craft, e 1 bronzo col seguito ‘Keep the world flawed' (vedi News del 23 gennaio). In Brand & Experience Activation, Diesel fa una tripletta: vince 1 oro, 1 argento e 1 bronzo per ‘Go with the fake’ con la vendita nella bancarella a tempo in Canal Street di capi col logo tarocco Deisel a prezzi stracciati, per portare l'attenzione sul problema della contraffazione durante la New York Fashion Week. E la corsa del brand non sembra essere finita, visto che Diesel appare anche in ulteriori shortlist.

Nelle altre cinque categorie premiate ieri l'Italia è stata assente. Ed ecco i Grand Prix
Ali
,
dove gli USA hanno fatto man bassa, conquistandone 5 su 8 assegnati in 7 categorie.

Nei Film Craft (86 premi) il Grand Prix è andato alla SPAGNA con ‘Hope’ di Blur Producciones, Madrid / SRA. Rushmore, Madrid for International Comitee of the Red Cross. Film toccante e di alto valore sociale, che mostra quanto uccida la speranza di vita di gente inerme il distruggere ospedali e presidi medici in territori devastati dai conflitti.

Nei Digital Craft (27 premi) vincono gli USA con VR The Aeronaut di Isobar per Viacom col video musicale in realtà virtuale creato per una traccia del cantante degli Smashing Pumpkins Billy Corgan.

Negli Industry Craft Lions (47 premi) hanno vinto gli USA con ‘Ali’ di Ogilvy Chicago per Kiwi Shoe Polish di SC Johnson con un annuncio a pagina intera, tutto body copy, con visual le scarpe da
XBOX
boxe di Muhammad Ali. Headline: ‘If these shoes could talk, they’d never stop talking’.

Per i Creative eCommerce (16 premi) vince l'UK con ‘XBox Design Lab Originals: The Fanchise Model' di McCann London per Microsoft, in cui i consumatori diventano imprenditori personalizzando le console e avendo parte dei profitti.

Negli Entertainment (48 Premi) vince l'OLANDA con ‘Evert_45’ di N=5 Amsterdam per KPN.

Negli Entertainment Lions for Music (16 premi) i Grand Prix assegnati sono stati 2, entrambi vinti dagli USA (del resto in questa sezione i riconoscimenti sono andati solo a lavori targati Usa e Germania). Uno l'ha vinto Jay- Z ‘Smile’ di Smuggler New York / Roc Nation New York con un corto che racconta la storia della madre del cantante, l'altro è andato a ‘Welcome Home’ di TbwaMedia Arts Lab Los Angeles per Apple’s Homepod.

Infine per Brand Experience & Activation (71 premi) vincono ancora una volta gli USA con ‘Today at Apple’ by Apple Inc., Cupertino for Apple Inc. che mostra i programmi stimolanti a cui si può accedere giornalmente negli Apple Store, utilizzando i device del brand.





CANNESLIONS 2018 - 2ª giornata.
Nove Leoni per l'Italia tra Design, Radio&Audio e Outdoor. Brillano
Diesel con Publicis, Mutti con Auge, Ikea con Ddb e Netflix con Dude


seconda giornata del Festival arrivano 1 Oro, 2 Argenti e 2 Bronzi negli Outdoor Lions, 1 Bronzo nei Radio&Audio, 1 Argento e 2 Bronzi nei Design. E già si delineano i nostri cavalli vincenti attraverso le categorie. ‘Go with the fake Diesel/Deisel' prende 1 Oro negli Outdoor e 1 Bronzo nei Design, Ikea ‘The Room’ riceve 2 Bronzi negli Outdoor e 1 Bronzo in Radio&Audio. Niente da fare in Print & Publishing e in Mobile

20 giugno 2018 - I primi premi per l'Italia arrivano nella seconda giornata del 65° Festival Internazionale della Creatività in corso a Cannes, in cui sono stati assegnati i Mobile, i Design, i Print&Publishing, i Radio&Audio e gli Outdoor Lions.

Proprio da quest’ultima categoria arrivano le maggiori soddisfazioni: 1 Oro, 2 Argenti e 2 Bronzi su 30 lavori iscritti. L'oro è per ‘Go with the fake Diesel', progetto congiunto di Publicis Milan e Publicis New York. In reazione alla piaga della contraffazione, Die
sel ha inventato il logo tarocco Deisel e aperto a New York un temporary store a Canal Street durante la New York Fashion Week, in cui si vendevano i capi del falso brand a prezzi stracciati. La limited edition è diventata subito oggetto del desiderio. ‘Go with the fake Diesel' ha vinto anche 1 Bronzo nei Design Lions. In questa categoria, che vedeva 14 entries dall'Italia, si è affermata con un 1 Argento e 1 Bronzo anche Mutti, con la special edition di pomodori in scatola ideata da Auge di Firenze per la presenza al Food Park FICO di Bologna.

Tornando agli Outdoor, i 2 Argenti sono andati a Netflix ‘Black Future social club’, activation ideata da Dude per l'avvio della terza stagione di Black Mirror. Infine 2 Bronzi sono stati vinti da Ikea ‘The Room’, il progetto di Ddb Milano contro la violenza sulle donne. Il progetto, complesso e multimediale, ha avuto come fu
lcro la delimitazione all'interno di punti vendita Ikea di Milano, Torino e Roma di una stanza chiusa, da cui provenivano i suoni di un litigio domestico che sfociava in violenza sulla donna (nella giornata dedicata contro). All'esterno la scritta: 'La violenza è più vicina di quanto credi. A volte c'è solo una parete tra te e lei". Ikea ‘The Room’ ha vinto anche 1 Bronzo nella categoria Radio & Audio, unico premio per l'Italia su 10 lavori iscritti in questa categoria.

E veniamo ai Grand Prix.

Tra i Print & Publishing se lo aggiudica il BRASI
LE
con ‘Tagwords’ di Africa São Paulo per Ab Inbev Brazil, che mette in scena il legame storico tra il brand di birra e la musica. mostrando pezzi di repertorio in cui grandi artisti, da Mike Jagger a Jimi Hendrix, hanno in mano una lattina, reperiti dal pubblico su Google.

In Outdoor ne vengono assegnati 2. Uno va al CANADA per la campagna McDonald's di Cossette Toronto nei soggetti ‘Next Exit’, ‘Just Missed Us’, ‘On Your Left’, ‘On Your Right’ . L'altro è per gli USA con ‘The Daily Show Presents: The Donald J. Trump Presidential Twitter Library’ by Comedy Central, New York / 23 Stories per Condé Nast New York con l'esposizione dei Twitter incorniciati del presidente.

In the Radio & Audio vince il SUD AFRICA col coro femminile ‘Soccer Song for Change’
di Ogilvy Cape Town per Ab-Inbev Africa contro la violenza sulle donne.

In Design il Grand Prix va all'UK con ‘Trash Isles’ di AmvBbdo London per Plastic Oceans / Ladbible che ha l'obiettivo di creare un movimento di opinione perché la prima Trash Island, presente come una nazione in più in pieno Pacifico (per cui sono stati stampati francobolli e perfino chiesta l'ammissione all'Onu) sia anche l'ultima. Lo promuove Ladbible Group che fornisce notizie, intrattenimento e community a un pubblico giovane globale.

In Mobile, vince il BRASILE con l'app di facial recognition ‘Corruption Detector’ di Grey Brazil, “pietra miliare nell'uso dei device mobile” (vedi notizia correlata).


CANNESLIONS 2018 - 2ª giornata.
GP Mobile al Brasile con l'app di facial recognition Corruption Detector.
Fabbri: “statement verso un futuro user centric del mobile”


Brazil ha vinto con l'app per l'associazione Reclame Aqui che, applicata all'immagine dei politici, mostra fedina penale e altre informazioni che ne attestano o meno l'integrità. Un progetto che nasce per il mobile e che dà la parola alla gente, suggerendo questo futuro per l'uso del mobile, ormai first screen nella fruizione mediatica. Assegnati 43 premi, nessuno all'Italia

20 giugno 2018 - Il Grand Prix Mobile è stato vinto dal Brasile con ‘Corruption Detector’, un'app che utilizza una facial recognition tecnology, ideata da Grey Brazil São Paulo per Reclame Aqui, un'associazione che affianca le persone che hanno fondati motivi di fare reclami, raccogliendoli su sito e rivista, sul genere delle nostre associazioni per i consumatori. In un Paese, il Brasile, che ha uno dei più alti tassi di corruzione, l'app applicata all'immagine dei candidati durante le campagne per le elezioni, che appaiano in video, su poster, dal vivo o su giornali, permette la visione della fedina penale e di altre informazioni che ne attestino o meno l'integrità.

Grande idea e grande esecuzione ma non solo. “Tutti gli ori sono potenziali Grand Prix – ci racconta il giurato italiano Flavio Fabbri, digital chief creative officer di Armando Testa – ma questo lavoro ha in più il pregio di essere uno ‘statement’, una pietra miliare. È un progetto che nasce per il mobile, che dà il ‘potere’ alla gente utilizzando l'esposizione mediatica dei candidati per poterli sott
Flavio Fabbri
oporre a giudizio. Che suggerisce il futuro dell'utilizzo dei device mobile: di dare sempre più la parola agli utenti”.

Fabbri parla di un livello molto alto dei lavori premiati (9 Ori, 12 Argenti e 21 Bronzi per un totale di 43 Leoni) con tantissime nuove soluzioni e connessioni ma tra elementi già esistenti. Con ‘Corruption Detector’ si fa un passo avanti verso il futuro. Quello che è emerso, inoltre, in Giuria è che il mobile non è più, come si usava pensare, un second screen dopo la tv, ma è sempre più first screen nella fruizione mediatica quotidiana.

Nella categoria, l'Italia, che aveva iscritto 8 lavori, ne ha avuto uno solo promosso in shortlist (Feel the view per Ecosport Ford Motor Company di GTB Roma) ma che lì si è arenato.


CANNESLIONS 2018 - 1a giornata.
Al via CannesLions nuovo corso. Entries 32.372, -21%,
di cui 448 dall'Italia, -32%. Flessioni legate alla ‘semplificazione’


un'edizione di svolta, su 5 giorni con 26 categorie di premi, aggiornate secondo l'evoluzione dell'industry della comunicazione. Sul calo di iscrizioni pesano l'astensione di PublicisGroupe e il taglio di categorie e di 120 sotto categorie, mentre aumentano le iscrizioni da parte di advertiser e media owner. Dall'Italia un terzo di iscrizioni in meno. Tra le novità 2018, la piattaforma The Work e The CMO Growth Council

18 giugno 2018 - Anno di svolta per il Festival Internazionale della Creatività di Cannes che inizia oggi, dopo la cura dimagrante che Ascential Events ha dovuto imporre all'evento, contro il rischio di defezione da parte dei grandi network della comunicazione, che alla fine dell'edizione 2017 avevano definito il Festival pletorico e confusionario, non più vocato alla celebrazione dell'eccellenza creativa, ma spostato eccessivamente sul profitto e sui big della tecnologia. Il risultato, atteso, è la netta riduzione del numero delle entries. Sono 32.372 provenienti da 90 Paesi contro 41.170 del 2017, per un calo vistoso del 21,4%.

L'organizzazione, tuttavia, fa notare che le entries dello scorso anno sarebbero 32.753 a ‘perimetro costante’ (riparametrando in base alle novità) e indicato come causa della flessione l'assenza di iscrizioni da parte di Publicis Groupe, che nell'ultimo anno ha concentrato gli investimenti nell'implementazione della piattaforma di comunicazione interna Marcel (impatto -8%), nonché del taglio di alcune categorie e di molte sotto categorie (impatto - 13%). Va detto, comunque, che Publicis Groupe non è assente da CannesLions 2018: molti clienti hanno iscritto lavori (ne risultano in gara 399) e professionisti del network partecipano a giurie o sono presenti ospiti dei clienti. E lo stesso ceo e chairman Arthur Sadoun presenterà domani su invito di CannesLions la piattaforma Marcel.

Ricordiamo le principali novità del nuovo corso: il Festival si è condensato da 8 a 5 giorni (dal 18 al 22 giugno); categorie, contenuti, panel e workshop sono stati strutturati su nove ‘core track’ per dare meglio la misura dell'evoluzione dell'industry della comunicazione; ogni lavoro è iscritto a un massimo di 6 categorie di premio; sono stati eliminati i Cyber Lions, gli Integrated Lions e i Promo Lions mentre sono stati istituiti i Brand Experience & Activation, i Creative e-commerce e i Social & Influencer Lions; sono state eliminate 120 sub-categorie di assegnazione di Leoni; le categorie Craft per Print, Outdoor e Design vengono giudicate da una Industry Craft Jury dedicata; i lavori Charity e di NGO sono presentati a parte alla giuria rispetto ai lavori per le marche; i sub festival Lions Innovation e Lions Entertainment sono tornati a tenersi al Palais 2 e i Lions Innovation durano per tutti e cinque i giorni; sono cambiati i criteri di assegnazione dei premi speciali Holding of the year, Agency of the year, Network of the year.

Philip Thomas, ceo di Ascential Events ha commentato: “L'anno scorso abbiamo preso la decisione di ‘resettare’ CannesLions. Sapevamo che si sarebbe tradotto in un numero minore di entries, ma è la giusta decisione per guardare al futuro della manifestazione”.

Qualche record comunque c'è. Sono aumentate dell'84% rispetto all'anno scorso le iscrizioni da parte degli advertiser, il che conferma, secondo il managing director Jose Papa, che “i marketing leader hanno compreso quanto incida la creatività su business e Roi”. E anche gli editori hanno accresciuto il numero di iscrizioni: +59%. Le due nuove categorie Creative eCommerce e The Sustainable Development Goals hanno portato insieme 1.166 entries, mentre le tre categorie rivisitate - Social & Influencer, Industry Craft e Brand Experience & Activation - ne hanno apportate 6.082. Altre 898 arrivano dal nuovo Sustainable Development Goals Lions mentre ‘Glass: The Lion for Change’ al quarto anno ne conta 218. L'organizzazione del Festival devolverà i ricavi di questa categoria a progetti di charity.

Le categorie in cui si possono vincere Leoni sono 26. Ecco le rispettive iscrizioni: 2.335 in Brand Experience & Activation, 525 in Creative Data, 169 in Creative Effectiveness, 268 in Creative eCommerce, 1.248 in Design, 728 in Digital Craft, 2.480 in Direct, 1.255 in Entertainment, 2.158 in Film, 2.519 in Film Craft, 218 in Glass: The Lion for Change, 1.482 in Health & Wellness, 1.720 in Industry Craft, 193 in Innovation, 2.294 in Media, 911 in Mobile, 481 in Music, 2.628 in Outdoor, 376 in Pharma, 2.111 in PR, 1.440 in Print & Publishing, 343 in Product Design, 1.111Radio, 2.027in Social & Influencer, 898 in Sustainable Development Goals, 154 in Titanium Lions. Per un totale, come si è detto, di 32.372.

Anche la partecipazione italiana risente della semplificazione. Le campagne italiane in corsa sono 448 contro le 660 iscritte lo scorso anno (quando portammo via 20 Leoni), quasi un terzo in meno ovvero -32% (anche se riparametrando le entries 2017 in base alle novità, CannesLions le pesa in 441 quindi addirittura meno di quest’anno). Ecco le iscrizioni categoria per categoria: 47 in Brand Experience & Activation, 10 in Creative Data, nessuna in Creative Effectiveness, 3 in Creative eCommerce, 14 in Design, 11 in Digital Craft, 41 in Direct, 26 in Entertainment, 33 in Film, 25 Film Craft, 2 in Glass: The Lion for Change, 23 in Health & Wellness, 18 in Industry Craft, 2 in Innovation, 29 in Media, 8 in Mobile, 6 in Music, 30 in Outdoor, 4 in Pharma, 49 in PR, 11 in Print & Publishing, 4 in Product Design, 10 in Radio, 27 in Social & Influencer, 14 in Sustainable Development Goals, 1 in Titanium Lions.

Le categorie in cui abbiamo giurati italiani sono 8: Stefania Siani di Dlv Bbdo è nella Giuria per i Film, Elisabeth Leriche di Renault Italy per i PR, Francesco Bozza di Fcb Milan per Brand Experience, Flavio Fabbri di Armando Testa per i Mobile, Chiara Tescari di Omd per i Media, Cristiana Boccassini di Publicis per Industry Craft, Gina Ridenti di Tbwa/Italy per Direct e Raffaella Citterio per Product Design.

Tra le novità 2018 va segnalato The Work, piattaforma digitale con accesso su abbonamento che fornisce al settore delle comunicazione creativa globale un database studiato per aiutare a migliorare il business. Contiene 200.000 lavori creativi, playlist e approfondimenti sul lavoro di singoli marchi e agenzie, di intuitiva consultazione. The Work viene ufficialmente lanciato domani al Festival e offrirà aggiornamenti in tempo reale su shortlist e vincitori. Nasce inoltre The CMO Growth Council che si riunisce quest’anno per la prima volta: un comitato globale di chief marketing officer che esaminerà i problemi più attuali e fisserà le linee del futuro del marketing.
I numeri del Festival …>>



Enegan sponsorizza un giro del mondo in barca solitaria
per recuperare la plastica e denunciare il marine litter


di Ivan Dimov rientra nel progetto di divulgazione green ‘Salviamo il pianeta’ promosso dal trader di luce, gas e telecomunicazioni. Il navigatore bulgaro recupererà la plastica trovata in mare facendone isole galleggianti da segnalare con boe per il successivo recupero e lo smaltimento sulla terraferma. Verranno prelevati anche campioni di acqua per l'Istituto Oceanografico di Trieste. Il viaggio di 28.000 miglia si può seguire sulla pagina Facebook di Salviamo il Pianeta

14 giugno 2018 - Un giro del mondo in barca in solitaria per aumentare l'attenzione sull'inquinamento dei mari. È l'impresa in cui si sta cimentando il navigatore bulgaro Ivan Dimov, un viaggio che rientra nel progetto ‘Salviamo il pianeta’ di Enegan, trader di luce, gas e telecomunicazioni, impegnato in prima linea sui temi ambientali. ‘Salviamo il pianeta’ (https://salviamoilpianeta.it/) è un portale di buone azioni e sensibilizzazione al rispetto per l'ambiente e l'ecosostenibilità, di cui è ambassador lo stesso Dimov, insieme al fotografo ed esploratore Luca Bracali. Vi vengono inserite notizie e reportage dai luoghi più fragili e incontaminati della terra, per sensibilizzare sui rischi per il pianeta da comportamenti poco ecosostenibili.

Dimov è partito il 10 giugno da La Rochelle, nel nord della Francia, con una barca di 5,9 metri per affrontare un viaggio che toccherà Capo di Buona Speranza, Capo Leeuwin e Capo Horn, senza mai attraccare e percorrendo 28.000 miglia totali. Ha con sé delle boe per segnalare la plastica trovata in mare di cui farà isole galleggianti per il recupero da parte di altre navi e lo smaltimento sulla terraferma. Verranno raccolti e catalogati anche campioni di acqua che al rientro verranno consegnati all'Istituto Oceanografico di Trieste.

“Questa iniziativa, caratterizzata da una forte connotazione green – ha detto Andrea Guarducci, presidente di Enegan - ci permetterà di raggiungere la coscienza delle persone in modo diretto, il tutto veicolato dalla spettacolarità del progetto stesso. In questo modo proseguirà il nostro cammino di divulgazione del green, che parte dai progetti nelle scuole avviati due anni fa fino ad arrivare a Salviamo il pianeta”.

È possibile seguire il viaggio di Ivan Dimov sulla pagina Facebook ufficiale https://www.facebook.com/SalviamoilPianeta.it/.


Leo Burnett Ww presenta le Cannes Predictions, 20 campagne
destinate a vincere, interpreti dei trend creativi dell'anno


Burnett ha pubblicato la 31esima selezione delle campagne dell'anno potenziali vincitrici di Leoni a CannesLions, secondo le scelte dei direttori creativi del network, che tradizionalmente ci prendono nell'85% dei casi. La selezione mette in luce le nuove tendenze della creatività globale

13 giugno 2018 - In vista del 65° Festival Internazionale della Creatività di Cannes (18-22 giugno), Leo Burnett Worldwide ha pubblicato la 31esima edizione delle Cannes Predictions, indicando le 20 campagne potenziali vincitrici di Leoni, secondo le scelte dei direttori creativi del network. Le Leo Burnett Cannes Predictions annuali hanno raggiunto nelle scorse edizioni l'85% di precisione nell'individuare le campagne vincitrici. La lista è curata da Mark Tutssel, executive chairman & global chief creative officer di Leo Burnett Ww, che sarà a Cannes presidente di giuria per i Sustainable Development Goals Lions.

Tra le venti campagne selezionate si evidenziano cinque tendenze chiave della creatività globale.

Episodi che hanno dell'epico, trend che non passa mai di moda. Ne fanno parte i film ‘Nothing Beats a Londoner’ di Nike e ‘It’s a Tide Ad' per Tide (P&G), che sono in corsa per i Film Lions. Il primo, girato su pellicola da 16mm per catturare l'essenza di Londra, ha messo in campo oltre 250 residenti in città tra cui star, atleti e celebrità. Il secondo, pianificato quest’anno al Super Bowl dove è diventato trend topic, mette in scena una dozzina di parodie di pubblicità trasformate ironicamente in #TideAd.

Human Storytelling. Il racconto di storie e di momenti significativi della vita sono molto presenti nella selezione di quest’anno. Ad esempio i rapporti tra bambini e genitori, come in ‘Mum’s Birthday’ di Cadbury’s dove una ragazzina vorrebbe comprare della cioccolata per la mamma ma ha solo il variopinto contenuto nelle tasche, che il negoziante fa gentilmente bastare. In ‘The Talk’ genitori di colore attraverso i secoli hanno coi figli un faticoso colloquio sui motivi per cui il Paese non tratta tutti nello stesso modo: il film istituzionale non mostra alcun prodotto.

Visual Spettacolari. Colori caleidoscopici, fascino, vivacità si fondono in comunicazioni gioiose, con produzione eccezionali e art direction ed esecuzioni impeccabili. Ne è esempio ‘Clown' per Audi, in cui un gruppo di buontemponi semina il caos sulla strada in vari modi, mettendo a rischio chi è al volante, ma la tecnologia di Audi si dimostra ‘Clown proof’. In 'Welcome Home’, il suono espansivo dell'altoparlante HomePod di Apple è base della spettacolare performance del cantautore e ballerino FKA Twigs, diretto da Spike Jonze. Tornando a casa dopo una giornata triste, una ragazza cita una canzone e l'interno della casa diventa il mondo delle meraviglie (film girato con pochi effetti CGI).

Topical & Tactical. Agili e flessibili, i marchi stanno tenendo il passo cogliendo opportunità tattiche in tempo reale da fatti di cronaca, sociali e culturali. Ne sono esempi ‘Now or Never’ per Orange che coglie l'eccitazione in Egitto per la partecipazione della Nazionale ai Mondiali e Scary Clown Night per Burger King che sfrutta la paura collettiva verso i clown. Hanno trasformato problemi in vantaggi KFC con una campagna di comunicazione in caso di crisi (FCK) per il pollo che scarseggiava in Uk, così come Downtown Records che ha fatto dell'andamento a singhiozzo di Facebook Live un video ipnotico per la indie band The Academic in ‘Live Looper’.


Spontaneità e personalizzazione, grazie anche all'uso di tecnologie d'avanguardia. ‘Snaptivity App’ di Snaptivity ha utilizzato una telecamera con AI, posizionata negli stadi, per offrire agli appassionati foto uniche nel loro genere, catturate nei momenti chiave delle partite di calcio. In Nuova Zelanda, Pedigree ha creato il device mobile ‘Pedigree SelfieSTIX’ che contiene un snack per cani che ne cattura l'attenzione per ottenere un selfie perfetto. In ‘Prescribed to Death’, il National Safety Council mostra le immagini in 3D delle 22mila persone morte per overdose di farmaci negli Usa incise su pillole.


Eco la lista completa dei Top 20 Cannes Contenders:

1. P&G Tide “It’s a Tide Ad” // P&G (USA)
2. Nike “Breaking2” // Wieden + Kennedy (Portland USA)
3. Orange Telecom “Now or Never” // FP7/CAI (Cairo, Egypt)
4. KFC “FCK” // Mother (London, UK)
5. Palau Legacy Project “Palau Pledge” // Host/Havas (Sydney, Australia)
6. National Safety Council “Prescribed to Death” // Energy BBDO (Chicago, USA)
7. EDEKA “The Most German Supermarket” // Jung von Matt (Hamburg, Germany)
8. Downtown Records “Live Looper” // BBDO (New York, USA)
9. Audi “Clowns” // Audi (UK)
10. The Times “JFK - Unsilenced” // Rothco - Accenture Interactive (Dublin, Ireland)
11. Mars Wrigley Confectionary - Skittles “Exclusive the Rainbow” // DDB (Chicago, USA)
12. Cadbury “Mum’s Birthday” // VCCP (London, UK)
13. IKEA “The Human Catalogue” // IKEA (Singapore, Singapore)
14. Snaptivity “Snaptivity App” // R/GA (London, UK)
15. Apple HomePod “Welcome Home” // TBWA/Media Arts Lab (Los Angeles, USA)
16. Burger King “Scary Clown Night” // LOLA MullenLowe (Madrid, Spain)
17. LADBible & Plastic Oceans “Trash Isles” // AMV BBDO (London, UK)
18. Mars NZ - Pedigree “Pedigree SelfieSTIX” // Colenso BBDO (Auckland, New Zealand)
19. P&G “The Talk” // BBDO (New York, USA)
20. Nike “Nothing Beats a Londoner” // Wieden + Kennedy (London, UK)


Coi Mondiali ricavi extra per 2,4 miliardi di $ per il mercato
pubblicitario globale 2018. In Italia si investirà l'1% in più


le stime di Zenith, i Mondiali di calcio in Russia traineranno il mercato pubblicitario mondiale contribuendo alla crescita degli investimenti del 10%. Tv e social media saranno al centro della comunicazione legata all'evento, capace anche di catalizzare l'interesse del target giovane. Saranno 3,5 miliardi le persone che seguiranno le partite in diretta in oltre 200 Paesi, altri le vedranno in differita, e ci sarà traffico aggiuntivo sui siti di news, sport e sui motori di ricerca

11 giugno 2018 - I Mondiali di calcio in Russia traineranno il mercato pubblicitario globale del 2018, con un ricavo complessivo extra di 2,4 miliardi di dollari. La previsione è stata stilata dal centro media Zenith (Publicis Groupe) tenendo conto sia dell'apporto degli investimenti extra legati all'evento sportivo, sia della riduzione della spesa pubblicitaria da parte delle aziende non interessate a dedicare budget ai Mondiali. “Ogni quattro anni la Coppa del Mondo influisce positivamente sul mercato pubblicitario globale e quest’anno contribuirà alla crescita degli investimenti del 10%” ha dichiarato Jonathan Barnard, responsabile degli Advertising Forecasts di Zenith. Per l'Italia la crescita degli investimenti extra legati all'evento sportivo si stima dell'ordine dell'1%.

I Mondiali di calcio si confermano una grande opportunità per il settore della pubblicità grazie a un'audience attesa di circa 3,5 miliardi di persone che seguiranno le partite in diretta in oltre 200 Paesi, assicurando ampia copertura agli investitori pubblicitari in un periodo che per l'emisfero settentrionale corrisponde all'estate, fisiologicamente caratterizzata da basse audience televisive. A ciò si aggiunge la capacità dell'evento di catalizzare davanti alla tv il target dei giovani, abituato a trascorrere la maggioranza del tempo fuori casa e che è più attratto dal consumo di altri media come il mobile. >
Il 40% del pubblico potenziale non seguirà le partite in diretta a causa della differenza di fuso orario e attuerà modalità di visione alternativa, ad esempio in differita oppure fruendo di contenuti in pillola sui social media. Questi ultimi assumeranno un ruolo importante anche nelle conversazioni e nei commenti pre e post-partita, momenti in cui i brand concentreranno la propria attività di comunicazione. In generale, i Mondiali genereranno traffico aggiuntivo sui siti di news, sport e sui motori di ricerca, trainando tutto il comparto della pubblicità online. Si ipotizza che anche la stampa quotidiana e l'Out of Home beneficeranno dell'onda positiva alimentata dall'evento.

In Russia i ricavi pubblicitari legati ai Mondiali raggiungeranno quota 64 milioni di dollari, pari al 2.1% della spesa pubblicitaria locale nel 2018, ma sarà la Cina il Paese che mostrerà l'incremento più significativo degli investimenti in pubblicità con 835 milioni di dollari raccolti dall'evento, pari all'1% dell'intero mercato pubblicitario nazionale. Sul mercato cinese sono pochi i brand con partnership consolidate con Fifa World Cup, ma quest’anno, nonostante non gareggi la nazionale cinese, gli inserzionisti hanno deciso investire sull'evento in modo significativo.

Negli Stati Uniti il valore degli investimenti pubblicitari legati ai Mondiali sarà di circa 400 milioni di dollari, pari allo 0.2% della spesa pubblicitaria annuale. La mancata qualificazione della squadra americana, per la prima volta in oltre tre decenni, unita a un fuso orario sfavorevole alle trasmissioni, ridimensionerà l'attenzione del pubblico statunitense.


AssoCom e Adci, con Google main sponsor, annunciano
il 5° IF! Italians Festival, a tema ‘Human Intelligence’


quinta edizione della tre giorni internazionale dedicata alla creatività si terrà dall'8 al 10 novembre al BASE di Milano, puntando l'attenzione sulla straordinaria singolarità dell'ingegno umano. Marianna Ghirlanda, head of creative partnerships di Google Italy, entra nel comitato organizzatore guidato da Alessandra Lanza

7 giugno 2018 - Per la quinta edizione, IF! Italians Festival, la tre giorni internazionale dedicata alla creatività, cambia location. Si svolgerà dall'8 al 10 novembre al BASE Milano di via Bergognone 34, organizzato come sempre da Adci e AssoCom con Google come main partner. Coinvolgendo aziende, agenzie e studi creativi e di comunicazione, centri media, case di produzione, editori, associazioni e scuole di formazione, il Festival celebrerà nuovamente il valore della creatività e delle idee, centrando quest’anno l'attenzione sulla straordinaria singolarità dell'ingegno umano.

Il tema di quest’anno è, infatti, ‘Human Intelligence’, un omaggio al cervello dell'uomo capace di “immagazzinare fino a un 1 milione di gigabyte e non solo di archiviare, gestire e interpretare ma anche di combinare in modo originale elementi distinti e apparentemente incongruenti, per dare forma al più unico dei patrimoni: l'idea”. Il tema verrà trattato in talk, speech e tavole rotonde, con ospiti italiani e internazionali. Ci saranno anche workshop e corsi di formazione a pagamento il 9 e il 10 novembre.

Il comitato organizzatore è formato da Alessandra Lanza (direttore esecutivo di IF!), Emanuele Nenna (presidente di AssoCom e ceo di The Big Now), Nicola Lampugnani (vice presidente dell'Adci e brand & creative senior director di Discovery Italia), i consiglieri di AssoCom Davide Boscacci (executive creative director di Publicis Milano) e Stefano Capraro (founder & ceo di Ideal), oltre alla new entry Marianna Ghirlanda, head of creative partnerships di Google Italy.

In occasione della 65ma edizione di CannesLions, si terrà nella mattinata di giovedì 21 giugno la preview ufficiale della nuova edizione di IF! Italians Festival (presso la Google Beach di Cannes). Seguiranno altre presentazioni a Roma, Torino e Milano. Sul sito www.italiansfestival.it sono già disponibili 100 Super Early Bird Pass che consentono di acquistare il 3 DaysPass al prezzo di 40 euro, oltre ai diritti di prevendita.


CannesLions annuncia i membri delle Giurie 2018.
Sono in 413 da 50 nazioni e quasi per metà donne


un mix di professionalità per dar voce a tutto l'ecosistema della comunicazione di marca, quindi agenzie creative, brand, media owner, società di produzione. Per la prima volta ci sono giurati da Georgia, Nigeria, Kenya e Sri Lanka. Gli italiani sono otto. Le categorie dei premi sono state riviste seguendo l'evoluzione dell'industry creativa

22 maggio 2018 - CannesLions, il Festival Internazionale della Creatività, ha annunciato i 413 membri delle Giurie della prossima edizione, che si terrà nella 65esima edizione dal 18 al 22 giugno. I ‘garanti della creatività’ provengono da 50 Nazioni e per la prima volta anche da Georgia, Nigeria, Kenya e Sri Lanka. Il 46% sono donne. Nel gruppo dei 413 c'è un mix di professionalità a rappresentare tutto l'ecosistema della comunicazione di marca: agenzie creative, brand, media owner e società di produzione.

Molte le novità introdotte dallo scorso anno, con riduzione del numero delle categorie di premiazione. Ci sono però anche premi di nuova concezione, per meglio riflettere i cambiamenti dell'industry creativa: Creative eCommerce Lions, Brand Experience & Activation Lions, Social & influencer Lions, Sustainable Development Goals Lions e Industry Craft Lions. Le cerimonie di premiazione si terranno tutte le sere.

Tra i 413 ci sono 8 giurati italiani. Sette sono già stati resi noti dall'Adci (vedi news del 9 maggio): Stefania Siani di Dlv Bbdo, per i Film; Elisabeth Leriche di Renault Italy per i PR, Francesco Bozza di Fcb Milan per Brand Experience; Flavio Fabbri di Armando Testa per Mobile; Chiara Tescari di Omd per Media; Cristiana Boccassini di Publicis per Industry Craft e Gina Ridenti di Tbwa/Italy per Direct. A questi si è aggiunta Raffaella Citterio di Interbrand per Product Design.

Ed ecco tutti i membri delle Giurie 2018


Brand Experience & Activation Lions

Rob Reilly, Global Creative Chairman, McCann Worldgroup, Global – Jury President

Guillermo Tragant, Founder and Chief Creative Officer, Furia, Argentina

Geert Verdonck , Creative Director, TBWABelgium, Belgium

Fernando Guntovitch, Founder/CEO, The Group, Brazil

Nuala Byles, EVP, Executive Creative Director, Geometry, Canada

Martin Vinacur, President and Executive Creative Director, AldeA Santiago, Chile

Vivian Yong, Executive Creative Director, Wieden+Kennedy, China

Radouane Hadj Moussa, Chief Creative Officer, DDB Prague, Czech Republic

Juan Manuel Koenig, Chief Creative Officer, Koenig Communications, Ecuador

Souen Le Van, Creative Director, Buzzman, France

Giorgi Avaliani, Creative Director, Leavingstone, Georgia

Sandra Loibl, Executive Creative Director, Serviceplan, Germany

Josh Mullens, Global EP & Head of Projects, Will O'Rourke Experiential, Global

Beatrice Remy, Managing Director, LORE, Hong Kong

Levente Kovacs, Chief Creative Officer, White Rabbit Budapest, Hungary

Brijesh Jacob, Chief Creative Technologist, DDBMudra Group, India

Shani Gershi, VP Creative, Freelance, Israel

Francesco Bozza, Chief Creative Officer, FCB, Italy

Satoshi Otsuka, Communication Architect/Digital Creative, ADK, Japan

Marialejandra Urbina, Director of Planning and Strategy, MullenLowe Group, LATAM

Yasmina Baz, Regional Creative Director, Leo Burnett, Lebanon

Alexis Ospina, Chief Creative Officer, Y&R, Mexico

Emily Beautrais, Creative Director, Clemenger BBDO, New Zealand

Lanre Adisa, Managing Director & Chief Creative Officer, Noah's Ark, Nigeria

Ester Hjellum, Senior Art Director and Partner, Try, Norway

Juan Pablo Peschiera, Creative Director, Publicis, Peru

Agnieszka Klimczak, Creative Director, J. Walter Thompson, Poland

Pedro Pires, Founder Partner, Solid Dogma, Portugal

Johanna Santiago, Creative Director, J. Walter Thompson, Puerto Rico

Irina Pencea, Co-Founder and Managing Partner, Jazz, Romania

Daniele Pancetti, Executive Creative Director, FCB Moscow, Russia

Primus Nair, Executive Creative Director, BBDO Singapore, Singapore

Matt Ross, Executive Creative Director, King James, South Africa

Victoria Sunmie Lhie, Director of Experience Strategy, Cheil Worldwide, South Korea

Gil Blancafort, CEO and Founder, Yslandia, Spain

Linnea Lofjord, Head of Brand Design, NordDDB, Sweden

Dennis Lueck, Chief Creative Officer, Jung von Matt/Limmat, Switzerland

Satit Jantawiwat, Chief Creative Officer, Cheil, Thailand

Darre Van Dijk, Chief Creative Officer, TBWANeboko, The Netherlands

Lize Karaboga, Managing Partner, Ultra, Turkey

Juliana Paracencio, Regional Creative Director, Memac Ogilvy & Mather Dubai, UAE

Vicki Maguire, Joint Chief Creative Officer, Grey Global, UK

Shirin Majid, Executive Creative Director, Cake, UK

Tiffany Rolfe, Chief Creative Officer and Partner, Co:collective, USA

Menno Kluin, Chief Creative Officer, 360i, USA



Creative Data Lions

Marc Maleh, Global Director, Havas, Global – Jury President

Kim Bartkowski, Creative Director, Associate Partner, IBM iX, Australia

Alex Cheng, Vice President, Baidu and Chief Technology Officer, Baidu Search, China

Paola Aldaz, VP Marketing, Mastercard, Colombia

Chloe Hawking, Chief Digital Director, OMG, EMEA

Kim O'Brien, Director, Data Science & Analytics, Publicis.Sapient, Global

Ryota Mochizuki, Managing Director, Accenture Interactive, Japan

Bas Korsten, Creative Partner, J. Walter Thompson Amsterdam, The Netherlands

Sebastian Tomich, SVP, Global Head of Advertising & Marketing Solutions, The New York Times, USA

Amy Avery, Chief Intelligence Officer, Droga5, USA


Creative eCommerce Lions

Nick Law, Global Chief Creative Officer, Publicis Groupe and President of Publicis Communications, Global – Jury President

Cheelip Ong, Group Chief Creative Officer, 180.ai, Asia

Andrea Siqueira, Executive Creative Director, Isobar, Brazil

Dan Burdett, Senior Director of Marketing Innovation and Head of EMEA Marketing Lab, eBay, EMEA

Minah Kim, Director of User Experience, Cheil Worldwide, Global

Daniel Bonner, Global Chief Creative Officer, Wunderman, Global

Gemma Spence, Head of eCommerce, PHD Media Global Business, Global

Eric Jannon, VP Executive Creative Director, R/GA New York, USA



Creative Effectiveness Lions

Fernando Machado, Global Chief Marketing Officer, Burger King, Global – Jury President

Paula Lindenberg, Vice President Marketing, AB-Inbev, Brazil

Harjot Singh, Chief Strategy Officer, McCann Worldgroup, EMEA

Jonny Bauer, Global Chief Strategy Officer, Droga5, Global

Michael Houston, Worldwide CEO, Grey Group, Global

Anuraag Trikha, Global Director, Marketing Communications, Heineken, Global

Kristina Duncan, VP Global Marketing Communications Barbie, Mattel, Global

Brent Nelsen, Chief Strategy Officer, Leo Burnett, North America

Jeeyoung Park, SVP, Corporate Communications & Head of Brand Marketing, Hanwha Group, South Korea

Crystal Rix, Chief Strategy Officer, BBDO New York, USA



Design Lions

Johnny Tan, Executive Creative Director, 72andSunny, APAC – Jury President

Dominic Hofstede, Executive Creative Director, Maud Melbourne, Australia

Giovanni Vannucchi, Partner, Oz Estratégia+Design, Brazil

Vanessa Eckstein, Creative Director/Founder, Blok Design, Canada

Julia Deshayes, Art Director, TBWAParis, France

Katrin Oeding, CEO & Creative Director, Studio Oeding, Germany

Thomas Holst Sørensen, Creative Director, Global Design Innovation, LEGO, Global

Greg Quinton, Chief Creative Officer, Superunion, Global

Connie Birdsall, Sr. Partner and Global Creative Director, Lippincott, Global

Lulu Raghavan, Managing Director, Landor, India

Yuri Uenishi, Art Director, Dentsu Inc., Japan

Leonid Feigin, Creative Director, DDVB, Russia

Carola Gerlach, Former Creative Director, FutureBrand, Singapore

Vumile Mavumengwana, Designer, Creative Director, VM DSGN, South Africa

Ali Rez, Regional Creative Director - Middle East and Pakistan, BBDO, UAE



Digital Craft Lions

Jean Lin, Global CEO, Isobar, Global – Jury President

Saulo Rodrigues, Executive Creative Director, Visual Design, R/GA, Brazil

Sanne Drogtrop, Head of Integrated Production, Wieden+Kennedy Shanghai, China

Madison Wharton, Global Chief Production Officer, Kirshenbaum Bond Senegal & Partners, Global

Cathrine Movold, Service Designer and Digital Product Strategist, Catalyst Business Design, Norway

Jeroen van der Meer, Executive Creative Director, MediaMonks, The Netherlands

Karen Boswell, Head of Innovations, adamandeveDDB, UK

Steve Jelley, Managing Director, Hammerhead VR, UK

Jennifer McBride, Director of Digital & Innovation, J. Walter Thompson, USA

Resh Sidhu, Creative Director, AKQA, USA


Direct Lions

Susan Credle, Global Chief Creative Officer, FCB, Global – Jury President

Sergio Pollaccia, Chief Creative Officer/CEO, AMEN, Argentina

Jim Ingram, Founder & Chief Creative Tinker, Thinkerbell, Australia

Sophie De Plecker, Creative Director, Leo Burnett, Belgium

Paulo Coelho, Co-President & Chief Creative Officer, DM9DDB, Brazil

Barbara Williams, Executive Creative Director, Track DDB & Tribal Worldwide, Canada

Francisco Cavada, Executive Creative Director, Y&R Santiago, Chile

Daniel Bermudez, Founder & Chief Creative Officer, FANTÁSTICA / BOMBAI, Colombia

Klara Palmer, Group Creative Director, McCann Prague, Czech Republic

Michael Robert, Chief Creative Officer/Co-Founder, ROBERT/BOISEN & Like-minded, Denmark

Luis Campoverde, General Creative Director, Véritas DDB & Tribal Worldwide, Ecuador

Gaëtan du Peloux, Creative Director, Marcel Paris, France

Felix Fenz, Executive Creative Director, Grabarz & Partner, Germany

Gerrit Zinke, Managing Director and Partner, thjnk Hamburg, Germany

Carol Lam, President & Chief Creative Officer, Leo Burnett, Greater China

Prateek Bhardwaj, National Creative Director, McCann Worldgroup, India

Gina Ridenti, Group Executive Creative Director, TBWA, Italy
Shota Hatanaka, Integrated Campaign Director, Hakuhodo Kettle, Japan

Paola Mounla, Creative Director, J. Walter Thompson, Lebanon

Rocío Cuadra, Vice President Creative, Only If, Mexico

Lisa Fedyszyn, Group Creative Director, Ogilvy & Mather, New Zealand

Alexander Gjersøe, Creative Director & Partner, SMFB Oslo, Norway

Juan Carlos Gomez De La Torre, President, Chief Creative Officer, Circus Grey, Peru

Tomás Froes, Founder & Owner, MSTF Partners, Portugal

Sebastian Olar, Co-Creative Director, MAINSTAGE THE AGENCY, Romania

Polina Maguire, Creative Director, Havas, Russia

Lizi Hamer, Regional Creative Director, Octagon, Singapore

Neo Segola, Creative Director, FCB, South Africa

Kiyoung Kim, Executive Creative Director, Innocean Worldwide, South Korea

Anthony Chelvanathan, Group Creative Director, Leo Burnett, Sri Lanka

Karin Frisell, Senior Creative, Forsman & Bodenfors, Sweden

Sandra Genge, Managing Partner, Creative Strategy, FOUR Werbeagentur AG, Switzerland

Subun Khow, Chief Creative Officer, Dentsu One (Bangkok), Thailand

Kalle Hellzen, Executive Creative Director, 180 Kingsday, The Netherlands

Can Faga, Executive Creative Director, Publicis Istanbul, Turkey

Kapil Bhimekar, Associate Creative Director, Y&R Dubai, UAE

Victoria Fox, CEO, LIDA, UK

Katrina Encanto, Creative Director, MullenLowe London, UK

Corinna Falusi, Chief Creative Officer & Partner, Mother NY, USA

Alfonso Marian, Co-Chief Creative Officer, Ogilvy & Mather, USA

Chacho Puebla, Chief Creative Officer & Friend, MullenLowe, Western Europe & LATAM


Entertainment Lions

Debbi Vandeven, Global Chief Creative Officer, VML, Global – Jury President

Claudia Cristovao, Head of Brand Studio, Google, APAC

Lisa Buchan, Director, Lisa Buchan Consultancy, EMEA

Alexandre Tan, VP Advertising & Brand Partnerships, Gameloft, France

Nils Rottsahl, Head of Edelman.ergo STUDIOS & Executive Producer, Edelman.ergo, Germany

Alexandra Ouzilleau, Global Head of Entertainment Partnerships, Havas Group, Global

Andre Llewellyn, Global Brand Strategy, Instagram, Global

Rafael Lazarini, Senior Vice President, Head of Business Development, Live Nation Entertainment, LATAM

Walid Kanaan, Chief Creative Officer, TBWARAAD, MENA

Reed Collins, Chief Creative Officer, Ogilvy & Mather, North Asia

Miguel Bemfica, Chief Creative Officer, MRM McCann, Spain

Alice Chou, Chief Creative Officer, Dentsu Inc., Taiwan

Bas Verhart, Founder, THNK School of Creative Leadership and DFFRNT Media, The Netherlands

Luke Southern, Managing Director, DRUM, UK

Jez Nelson, CEO & Chief Creative Officer, Somethin' Else, UK

Kristin Greene, Co-Founder/Principal, Flashpoint PR, USA

Elizabeth Lindsey, Managing Partner, Wasserman, USA

Ari Halper, Chief Creative Officer, FCB New York, USA

Rebecca Skinner, Managing Director / Executive Producer, Superprime Films, USA

Amy Emmerich, Chief Content Officer, Refinery29, USA



Film Lions

Luiz Sanches, Chief Creative Officer, Almap/BBDO, Brazil – Jury President

Laura Visco, Creative Director, 72andSunny Amsterdam, Argentina

Jen Speirs, Deputy Executive Creative Director, BMF, Australia

Laura Esteves, Creative Director, Y&R, Brazil

Helen Pak, Chief Creative Officer, Grey Group Canada and President, Grey Toronto, Canada

Thomas Hoffmann, Creative Director and Owner, & Co., Denmark

Steffen Bärenfänger, Executive Creative Director, Mackevision, Germany

Fred Levron, Worldwide Creative Partner, FCB, Global

Senthil Kumar, Chief Creative Officer, J. Walter Thompson, India

Stefania Siani, Executive Creative Director, DLV BBDO, Italy

Takayuki Niizawa, Senior Creative Director, TBWAHakuhodo, Japan

Ariel Soto, VP & Chief Creative Officer, BBDO, Mexico

Koh Hwee Peng, Creative Partner, Blak Labs, Singapore

George Low, Creative Director, TBWAHuntLascaris JHB , South Africa

Isahac Oliver, Executive Creative Director, &Rosàs, Spain

Gustav Egerstedt, Executive Creative Director, Saatchi & Saatchi, Sweden

Asawin Phanichwatana, Executive Creative Director, GREYnJ UNITED, Thailand

Jessica Kersten, Co-Founder & Creative Director, Cloudfactory, The Netherlands

Valentine Freeman, Creative Director and Filmmaker, Other Animals, Inc., USA

Sally-Ann Dale, Chief Creation Officer, Droga5, USA



Film Craft Lions

Diane McArter, Founder & President, Furlined, Global – Jury President

Colin Renshaw, VFX Supervisor, Company Director, Alt.vfx, Australia

Alberto Lopes, Partner & Executive Producer, Vetor Zero, Brazil

Vibeke Nannerup, Founder & CEO, Liquidminds, Denmark

Dushan Drakalski, Chief Creative Officer, Y&R Productions, Europe

Masato Kosukegawa, Creative Director, Shiseido, Japan

Nick Bailey, Chairman, Independent, The Netherlands

James Bland, Partner, Blink, UK

Diane Jackson, Chief Production Officer, DDB Chicago, USA

Oliver Fuselier, Managing Partner, Tool of North America, USA

Gayle McCormick, Executive Producer, Ogilvy & Mather, USA



Glass: The Lion for Change

Madonna Badger, Founder/Chief Creative Officer, Badger & Winters, USA – Jury President

Tea Uglow, Creative Director, Google, APAC

Rupen Desai, Vice Chairman for Asia-Pacific, Middle East & Africa, Edelman, APACMEA

Judy John, CEO, Canada & Chief Creative Officer, North America, Leo Burnett

Jean Batthany, VP, Creative, Walt Disney Parks & Resorts, Global

Deidre Smalls-Landau, EVP, Global Chief Cross-Cultural Officer, UM and EVP, Managing Director of IDENTITY, Global

Charlotte Beers, Speaker, Author, Former CEO, Ogilvy & Mather, Global

Toyin Ojora Saraki, Philanthropist, Founder-President, Wellbeing Foundation Africa, Nigeria

David Guerrero, Creative Chairman, BBDO Guerrero, The Philippines

Rafael Rizuto, Chief Creative Officer – Founder, TBD, USA



Health & Wellness Lions

R.John Fidelino, Executive Creative Director, InterbrandHealth, Global – Jury President

Carol Ong, President, Bebebalm, Asia

Cherie Davies, Creative Director, Sudler & Hennessey, Australia

Bruno Abner Rebelo, Creative Director, McCann Health, Brazil

Andre Hansen, Creative Director, Anthill Agency, Denmark

Orla Burke, Partner, EMEA Healthcare co-Lead, FleishmanHillard, EMEA

Tom Richards, Chief Creative Office, Havas Lynx, Europe

Alok Gadkar, General Manager & Executive Creative Director, The Classic Partnership, UAE

Melissa de Lusignan, Group Creative Director, The Hive Group, UK

Stephanie Berman, Former Partner & Chief Creative Officer, The Bloc, USA

Collette Douaihy, EVP, Executive Creative Director, Digitas Health, USA



Industry Craft Lions

Yang Yeo, Creative Kaiju , Hakuhodo Inc., APAC – Jury President

Alessandra Sadock, Creative Director, Artplan, Brazil

Kaz Tsuburaku, Chief Creative Officer, Dentsu Shanghai, China

Tereza Sverakova, Chief Creative Officer, Y&R Prague, Czech Republic

Abbie Walsh, Group Director, Fjord, EALA

Cristiana Boccassini, Chief Creative Officer, Publicis Italy, Italy

Osborne Macharia, Owner & Photographer, K63 Studio, Kenya

Oskar Lübeck, Founder & Executive Creative Director, Bold, Sweden

Susan Young, EVP, Executive Creative Director, McCann New York, USA

Alvar Suñol, Co-President & Chief Creative Officer, ALMA DDB, USA



Innovation Lions

Tor Myhren, VP Marketing Communications, Apple, Global – Jury President

Eco Moliterno, Chief Creative Officer, Accenture Interactive, Brazil

Bessie Lee, Founder & CEO, Withinlink, China

Frederic Josue, Director of 18 (Havas X) and Global Executive Advisor, Havas, Global

Tessa Conrad, Global Director of Operations, TBWA & DAN Worldwide, Global

Perry Nightingale, Executive Creative Technologist, Grey Global, Global

Eran Gefen, Founder, Gefen Team - Innovation Agency, Israel

Johan Pihl, Creative Director, Great Works, Sweden

Thecla Schaeffer, Chief Marketing Officer, G-Star, The Netherlands

Tracey Follows, Head of Strategy, Wired Consulting, WIRED, UK



Media Lions

Tim Castree, Global CEO, Wavemaker, Global – Jury President

Martin Guirado, President, IPG Mediabrands, Argentina

Fiona Johnston, CEO, UM, Australia

Sophie Van Laer, Strategy Director, Initiative, Belgium

Cesar Toledo, Media VP, Tribal Worldwide, Brazil

Alain Desormiers, CEO, PHD and Touché!, Canada

Amrita Randhawa, CEO Asia Pacific & Executive Chair, Mindshare, China

Javier Urbaneja, Chief Creative Officer, Havas Tribu, Costa Rica

Stine Halberg, CEO, Publicis Media, Denmark

Hernando Eslava, Chief Executive Media Agencies, Peña Defilló Group, Dominican Republic

Neil Hurman, Chief Advisory Officer, OMD, EMEA

Chris Skinner, President, UM, EMEA

Andreas Bahr, Founder and Member of the Board, Fluent AG, Europe

Severine Six, CEO, All Response Media, France

Tino Krause, CEO, Mediacom, Germany

Greg James, Global Chief Strategy Officer, Havas Media Group, Global

Izzy Hedges, EVP, International Media, Vizeum, Global

Nigel Conway, Head of Global Media, Nestle, Global

Rajni Menon, CEO, Carat, India

Ran Bar- On, CEO & Partner, Mediacom, Israel

Chiara Tescari, Managing Partner, OMD, Italy

Sanshiro Shimada, General Manager, Hakuhodo DY Media Partners, Japan

Lina Rivero, Strategy & Innovation Director, Havas, LATAM

Ravi Rao, CEO, Mindshare, MENA

Marta Ruiz-Cuevas, CEO, Publicis Media, Mexico

Nigel Douglas, CEO, OMD, New Zealand

Marie-Louise Alvær, Managing Director, PHD, Norway

Patrick Van Ginhoven, CEO, OMG, Peru

Dana Bulat, General Manager, United Media Services, Romania

Natalia Kiryanova, CEO, Wavemaker, Russia

Wayne Bishop, Managing Director, PHD, South Africa

Ester Garcia Cosin, General Manager, Havas Media Group, Spain

Niclas Fröberg, Chairman & Founder, Tre Kronor Media, Sweden

Nannette Passberg, Account Director, Carat, Switzerland

Pathamawan Sathaporn, Managing Director, Mindshare, Thailand

Danielle Pak, Head of Comms & Digital Strategy, Wieden+Kennedy Amsterdam, The Netherlands

Tolga Uner, CEO, Mediacom, Turkey

Amy Armstrong, CEO, Initiative, USA

Diana Bojaj, EVP, Managing Partner, Global Connections Planning, UM/J3 , USA

Kendra Hatcher King, VP, Strategy and Consulting, South Region Lead, SapientRazorfish, USA


Mobile Lions

Jay Morgan, Innovations Director, The Monkeys, Australia – Jury President

Fabio Simoes, Executive Creative Director & Digital Creative Director, FCB , Brazil

Fura Johannesdottir, VP Executive Creative Director, Publicis.Sapient, EMEA

Aurélie de Villeneuve, Executive Creative Director, 5emeGauche Herezie Group, France

Oliver Drost, Chief Creative Officer, deepblue networks, Germany

Andrew Keller, Global Creative Director, Facebook Creative Shop, Global

Flavio Fabbri, Digital Chief Creative Officer, Armando Testa Group, Italy

Kyoko Yonezawa, Creative Technologist, Dentsu Inc., Japan

Harsh Kapadia, Executive Creative Director, VML, UK

Ari Weiss, Chief Creative Officer NA, DDB Worldwide, USA



Entertainment Lions for Music

Lori Feldman, EVP Strategic Marketing, Warner Bros. Records, USA – Jury President

Kito Siqueira, Music & Sound Producer, Satellite Audio, Brazil

Jeannette Perez, President of Global Synch & Brand Partnerships, Kobalt | AWAL, Global

Jackie Jantos, Vice President, Brand & Creative, Spotify, Global

Leo Premutico, Co-Founder & Chief Creative Officer, Johannes Leonardo, Global

Sander van Maarschalkerweerd, Founding Partner & CEO, Sizzer Group, The Netherlands

Mike O'Keefe, VP 4th Floor Creative, Sony Music , UK

Jocelyn Brown, Executive Producer, Squeak E Clean Productions, USA

Joel Simon, CEO & Chief Creative Officer, JSM Music, USA



Outdoor Lions

Chris Garbutt, Chief Creative Officer, TBWA, Global – Jury President

Mariana Borga, Creative Director, J. Walter Thompson, Brazil

Stephan Vogel, Chief Creative Officer, Ogilvy & Mather, EMEA

Jean-François Sacco, Chief Creative Officer & Co-Founder, Rosapark, France

Jayanta Jenkins, Global Group Creative Director, Twitter, Global

Pallavi Chakravarti, Executive Creative Director, Taproot Dentsu, India

Daniel Kee, Executive Creative Director, MullenLowe, Singapore

Damisa Ongsiriwattana, Co-Founder/ Executive Creative Director, SOUR Bangkok, Thailand

Erica Hoholick, President, phenomenom, USA



Pharma Lions

Rich Levy, Chief Creative Officer, FCB Health, Global – Jury President

Shefali Srinivas, VP, Health Lead, Asia Pacific, WE Communications, APAC

Patrick Ackmann, Executive Creative Director, WEFRA, Germany

Oliver Caporn, Worldwide Creative Director and Executive Director, CDM London, Global

Renata Florio, Executive Creative Director, Ogilvy Health and Wellness, Global

Lyndon Louis, Senior Creative Director, Havas Live Sorento, India

Paola Figueroa, Creative VP, Made, Mexico

John Scott, Creative Director, Ward6, Singapore

Victoria McGee, Associate Creative Director, Langland, UK

Carolyn O'Neill, Chief Creative Officer, Centron NY, USA



PR Lions

Stuart Smith, Global CEO, Ogilvy PR, Global – Jury President

Cassandra Cheong, Founder, Accenzvision, APAC

Damian Martinez Lahitou, CEO, Feedback PR, Argentina

Aden Ridgeway, Partner, Cox Inall Ridgeway, Australia

Patricia Bartuira, Director, FleishmanHillard, Brazil

Mia Pearson, CEO, MSL, Canada

Darren Burns, President, China, and Chair, Creativity & Innovation, Asia Pacific, Weber Shandwick

Andres Ortiz, Senior Partner, Dattis, Colombia

Anders Sigsgaard-Rasmussen, Head of Insight, Radius Kommunication, Denmark

Arnaud Pochebonne, General Manager, Weber Shandwick, France

Mirko Kaminski, CEO, achtung!, Germany

Lesley Sillaman, Senior Vice President, Havas PR, Global

Cecile Nathan-Tilloy, Managing Director - Global Client Relationship, Edelman Intelligence, Global

Alan VanderMolen, President International, WE Communications, Global

Valerie Pinto, CEO, Weber Shandwick, India

Ishteyaque Amjad, Public Affairs & Communications, Coca-Cola, India & South West Asia

Elisabeth Leriche, Advertising, Digital & CRM Manager, Renault, Italy

Tetsuji Hirose, Executive Officer, Dentsu Inc., Japan

Adriana Valladares, CEO, Burson Marsteller, Mexico

Gina McKinnon, General Manager, Fuse, New Zealand

Sindre Beyer, Head of PR and Content Marketing, Try, Norway

Agnieszka BaciÅ?ska, CEO, Walk PR, Poland

José Franco, Founder & CEO, Corpcom, Portugal

Andreea Grigorean, PR Officer, Publicis, Romania

Alexander Chernov, Board Member, SVP, Skolkovo Foundation, Russia

Ee Rong Chong, Group Managing Director, Ogilvy, Singapore

Michelle Tham, Managing Director, Hill+Knowlton Strategies, Singapore and Malaysia

Higinio Martínez, CEO, Omnicom PR Group, Spain and Portugal

Mattias Ronge, Chairman, Creative Strategist, Edelman Deportivo, Sweden

David Schärer, Partner, Rod Kommunikation, Switzerland

Sorada Sonprasit, CEO, Brilliant & Million, Thailand

Wendeline Sassen, Strategy Director, Havas Lemz, The Netherlands

Ann Maes, Head of Influence, Ogilvy Amsterdam and Managing Director, Ogilvy Public Relations, The Netherlands and Belgium

Gizem Kececi, Director of Corporate Communications, Siemens, Turkey

Alex Malouf, Corporate Communications Manager, Arabian Peninsula, Procter & Gamble, UAE

Candace Kuss, Director of Social Media, Hill+Knowlton Strategies, UK

Ruth Yearley, Partner, Director of Insight and Strategy, Ketchum PR, UK

Denise Kaufmann, Partner, Director Client Development, North America, Ketchum, USA

Jaclyn Ruelle, SVP, Group Account Director, MullenLowe PR, USA

Tonya Veasey, President & CEO, OCGPR, USA



Print & Publishing Lions

Kate Stanners, Chairwoman & Global Chief Creative Officer, Saatchi & Saatchi, Global – Jury President

Rodolfo Sampaio, Creative Partner, Moma Propaganda, Brazil

Jaime Mandelbaum, Chief Creative Officer, Y&R, Europe

Diego Medvedocky, Chief Creative Officer, Grey Group, LATAM

Marta Lluciá, Executive Creative Director, McCann Worldgroup, Spain

Livio Dainese, Chief Creative Officer & Co-CEO, Wirz BBDO, Switzerland

Leigh Reyes, President & Chief Creative Officer, MullenLowe, The Philippines

Rosie Arnold, Creative Partner & Head of Art, AMV BBDO, UK

Justine Armour, Executive Creative Director, 72andSunny NYC, USA



Product Design Lions

Asif Khan, Architect, Asif Khan Ltd, Global – Jury President

Christiane Bausback, Managing Director + Head of Design, N+P Industrial Design, Germany

Jeremy Lindley, Global Design Director, Diageo, Global

Darshan Gandhi , Head of Design, Godrej Consumer Products, India

Raffaella Citterio, Head of Experience, Interbrand, Italy

Naoki Ono, Copywriter/Product Designer, Hakuhodo, Japan

Per Ivar Selvaag, Principal, Montaag, Norway

Alex Hulme, Director, Map Project Office, UK

Victoria Slaker, VP, Industrial Design, Ammunition, USA

Rei Inamoto, Founding Partner, Inamoto & Co, USA



Radio & Audio Lions

Jo McCrostie, Creative Director, Global, UK – Jury President

Alvaro Rodrigues, Chief Creative Officer & CEO, Fullpack, Brazil

Jenny Smith, President / Creative Director, Ray, Canada

Matthias Storath, MD, Executive Creative Director, Heimat, Germany

Kerry Keenan, Co-Founder & Chief Creative Officer, Never The Less, Global

Toby Talbot, Chief Creative Officer, Saatchi & Saatchi, New Zealand

Hugo Delgado, General Director, Grupo RPP, Peru

Molefi Thulo, Creative Director, Ogilvy JHB, South Africa

Blanca Gomara, Executive Creative Director, Dimensión, Spain

Jill Kershaw, CEO, Executive Creative Director, Sound & Fury, USA



Sustainable Development Goals Lions

Mark Tutssel, Executive Chairman and Chief Creative Officer, Leo Burnett Worldwide, Global – Jury President

Akae Wang, Executive Creative Director, Tencent, China

Jean-Charles Caboche, Managing Director, BETC, France

Maher Nasser, Director of the Outreach Division (Judging in Personal Capacity), United Nations, Global

Claudia Romo Edelman, Chair, We Are All Human Foundation and Co-Host, Global GoalsCast, Global

Kash Sree, Executive Creative Director, gyro, Global

Ariana Stolarz, Global Chief Strategy Officer, MRM//McCann, Global

Eduardo Maruri, President & CEO, Grey Latam, President & CCO Maruri Grey, LATAM

Gustavo Lauria, Chief Creative Officer & Co-Founder, We Believers, USA

Tina Allan, EVP Director of Data Solutions, BBDO New York, USA



Social & Influencer Lions

Mark D'Arcy, VP, Chief Creative Officer, Facebook, Global – Jury President

Mônica Salgado, Journalist, Influencer, TV Presenter, Mônica Salgado, Brazil

Lennie Stern, Head of Creative and Entertainment Strategies, BETC, France

Ralf Osteroth, Senior VP Marketing & Sales, Studio71, Germany

Eric Edge, Head of Global Marketing Communications, Pinterest, Global

Anthony Svirskis, CEO, TRIBE, Global

Noriaki Onoe, Creative Director, Dentsu Inc., Japan

Gerard Crichlow, Head of Cultural Strategy, AMVBBDO, UK

Michelle Franzoia, Executive Creative Director, Edelman, USA

Catherine Patterson, Director Experiential NA, Y&R, USA



Titanium Lions

Colleen DeCourcy, Chief Creative Officer, Wieden+Kennedy, Global – Jury President

Eugene Cheong, Chief Creative Officer, Ogilvy & Mather, Asia Pacific

James McGrath, Creative Chairman, Clemenger BBDO, Australia

Jason Xenopoulos, Global Chief Vision Officer & Chief Creative Officer, VML, EMEA

Caitlin Ryan, Regional Creative Director, Facebook and Instagram, EMEA

PJ Pereira, Creative Chairman & Co-Founder, Pereira O’Dell, Global

Fred Raillard, FFounder, Creative CEO, FF, Global

Susan Bonds, Co-Founder & CEO, 42 Entertainment, Global

Gail Heimann, President , Weber Shandwick, USA

Duncan Marshall, Founding Partner, Droga5, USA.


Jeep lancia il contest europeo per rock band #Rockfueled


official sponsor del tour dei Rolling Stones, riafferma il suo impegno sulla scena della musica rock lanciando un contest per band emergenti, che si esibiranno in inediti a bordo di un Suv Compass. I brani postati sui social di Jeep saranno votati online. La band vincitrice sarà special guest al Camp Jeep 2018 in Austria

22 maggio 2018 - Jeep lancia il progetto musicale europeo #Rockfueled, ideato dall'agenzia Noisey (della rete Vice), un contest per rock band collegato al tour 2018 dei Rolling Stones, di cui il marchio è official sponsor. Sei rock band emergenti, provenienti dalle nazioni in cui si svolgeranno i 14 concerti del tour ‘Stones - No Filter’, si esibiranno in un brano originale a bordo del Suv compatto Compass, l'ultima nata in casa Jeep, che unisce le capacità off-road del marchio con tecnologie intuitive per la connettività e la sicurezza.

Le performance si terranno in luoghi caratteristici di Londra, la città d'origine dei Rolling Stones. Saranno riprese in sei video che, con cadenza settimanale, saranno diffusi sui canali social di Jeep. I membri del Jeep Owners Group votando online decreteranno la band vincitrice, che si esibirà come special guest sul palco del Camp Jeep 2018 in Austria, il più importante evento per gli appassionati del marchio Jeep in programma dal 13 al 15 luglio sul Red Bull Ring.

Al contest partecipano Slydigs (Uk), Free Money (Uk), Odd Couple (Germania), The Midnight Revolution (Francia), Manon Meurt (Repubblica Ceca) e L.Stadt (Polonia). Qui sotto la prima clip, degli Slydigs.





Focus sulle ‘contaminazioni’ al Wired Next Fest 2018, il festival che racconta l'impatto della tecnologia sulla società


festival dell'innovazione, alla sesta edizione, si terrà a Milano dal 25 al 27 maggio, e a Firenze a settembre, con un ricchissimo programma di interviste, panel, keynote, workshop, performance artistiche e musicali e la presenza di 175 speaker, tra cui nomi di rilevanza internazionale. Ingresso gratuito, grazie all'adesione di 30 sponsor che hanno portato il fatturato da sponsorizzazioni a crescere di oltre il 15%

16 maggio 2018 - Torna dal 25 al 27 maggio ai Giardini Indro Montanelli di Milano, per poi replicare a Firenze il 29 e 30 settembre, il Wired Next Fest, sesta edizione del festival dell'innovazione che racconterà quanto la tecnologia e la scienza impattino sulle nostre vite, sulla contemporaneità. Esperti, imprenditori, opinion leader e scienziati di caratura internazionale affronteranno temi di scienza, tecnologia, business, ricerca, innovazione sociale e molto altro ancora, nel corso di interviste, panel, keynote, workshop, laboratori, exhibit, performance artistiche e musicali.

Il tema portante dell'edizione 2018 sono le Contaminazioni: tra digitale e analogico, tra macchine e esseri umani, tra contenuti e nuove piattaforme media, in uno scambio a doppio senso. Contaminazioni che impongono nuovi paradigmi nelle governance, nei consumi, negli stili di vita
Filippo Del Corno, Cristina Tajani, Federico Ferrazza e Annalisa Procopio
. Non mancherà anche uno sguardo al passato, ai grandi innovatori della storia come Leonardo. “Prima il web, poi i dispositivi mobili connessi alla rete e ora la tecnologia blockchain e le intelligenze artificiali stanno contribuendo a costruire ponti tra parti della nostra società mai entrate in contatto prima – ha detto Federico Ferrazza, direttore di Wired Italia -. Siamo in un mondo dalle continue contaminazioni. Di fronte a questo profondo cambiamento che riguarda ogni aspetto della vita non possiamo ragionare con schemi vecchi. C'è l'urgenza di ripensare il sistema operativo del pianeta”.

Il programma è fittissimo e l'elenco dei relatori altrettanto. Giusto per darne idea, sono previsti 175 speaker, 15 live musicali, 14 exhibit, 1 Wired School, 1 FuoriFestival, 1 Cloud Conference sulla blockchain, 1 hackaton, la presenza di 5 robot (che combatteranno anche tra loro). Tra gi speaker più attesi, citiamo l'attivista politica Chelsea Manning (Wikileaks), il biografo dei grandi innovatori Walter Isaacson, l'esperta mondiale di intelligenza artificiale Kate Crawford, l'avvocato fondatrice della Mozilla Foundation Mitchell Baker, Orit Kopel tra le massime esperte di fake news e co-fondatrice di WikiTribune. A rappresentare l'economia reale arriveranno Pasquale Frega a.d. di Novartis Farma, Claudio Raimondi head of digital and AI di Vodafone, Cristina Cancer head of talent attraction and Academic Partnership. Nei concerti si esibiranno, tra gli altri, Jungle, Calibro 35, Robin Schulz, Gemitaiz. Altri musicisti come i Negramaro e i Måneskin saranno protagonisti di talk show. Tra fenomeni del web, compariranno i The Jackal, The Pills e Le Coliche. Undici anni dopo, gli autori e il cast di Boris torneranno al Wired Next Fest per raccontare la serie cult di cui tutti i fan attendono da tempo la prossima stagione. (Info su nextfest.wired.it).

Organizzato col patrocino e l'interesse civico del Comune di Milano e prodotto da Piano B, il festival è a ingresso libero e gratuito, grazie alla presenza degli sponsor, che quest’anno sono ben 30 in esclusività merceologica (contro 25 nel 2017), così da portare il fatturato da sponsorizzazioni a crescere di oltre il 15%. I principali sono Audi, Huawei, Bnl, Ibm, Nastro Azzurro, Reale Mutua, Sky, Vodafone Italia, Rai Radio 2, Airc. Nel complesso, la sponsorizzazione degli eventi pesa per il 40% sul totale della raccolta del sistema Wired, che comprende anche il magazine cartaceo, che esce quattro volte l'anno (a marzo, maggio, settembre e a fine novembre in corrispondenza appunto di grandi eventi) e apporta alla raccolta il 20%, e il digitale (sito, copia digitale e social) da cui arriva un altro 40%. Il sito wired.it conta 6 milioni di utenti unici , mentre i canali social hanno 1,5 milioni di follower. Le copie digitali degli ultimi quattro numeri di Wired magazine hanno avuto 170mila download.

E proprio in occasione del prossimo WFN esce il nuovo numero di Wired cartaceo, dedicato anch’esso alle contaminazioni. In cover appare Michela, la prima influencer digitale, truccata da una maker artist in stile Björk.

Per saperne di più..>>




Nel Bilancio 2017 Pirelli racconta la sua trasformazione digitale
e quella di 5 artigiani 4.0 con illustrazioni di Emiliano Ponzi


titolo ‘Data meets passion', il Report annuale mantiene la tradizione dell'azienda di raccontare il bilancio al di là dei numeri, ricorrendo all'arte e alla letteratura. L'artista ha dato vita ad ambienti 3D e video immersivi ricostruendo il mondo di cinque artigiani che hanno colto nella trasformazione digitale la chiave per far crescere l'attività. Gli scrittori Mohsin Hamid, Tom McCarthy e Ted Chiang hanno raccontato i cambiamenti imposti dal digitale nella società e nelle persone. Il progetto creativo si deve a Le Balene

16 maggio 2018 - Nel Bilancio Integrato 2017, Pirelli affianca il racconto della digital transformation in atto in azienda a quello di cinque storie di artigiani 4.0, che hanno colto nella trasformazione digitale la chiave per far crescere la propria attività. Con titolo ‘Data meets passion', il Bilancio Integrato 2017 mantiene la tradizione della società di raccontare il bilancio al di là dei numeri ricorrendo all'arte e alla letteratura, grazie ai contributi artistici e culturali dell'artista Emiliano Ponzi e dei tre scrittori Mohsin Hamid, Tom McCarthy e Ted Chiang che raccontano i cambiamenti portati dal digitale nella società e nelle persone. Il progetto creativo si deve a Le Balene.

In Pirelli l'innovazione digitale ha indotto a grandi
Emiliano Ponzi
cambiamenti organizzativi, di processo e culturali, portando il gruppo a offrire ai consumatori non solo prodotti, ma anche servizi innovativi, come Connesso nel 2017 e Cyber Car nel 2018. Fanno da controcanto le storie dei 5 artigiani 4.0. 3Bee ha sviluppato un'arnia ‘Hive-Tech’ che permette, attraverso sensori, di monitorare l'intero ciclo produttivo dell'alveare anche da remoto. Alter Ego grazie a un software 3D produce tavole da surf ecosostenibili su misura. Demeter.life con la tecnologia blockchain ha instaurato un rapporto diretto tra consumatori e agricoltori di tutto il mondo per migliorare le colture sostenibili. Tappezzerie Druetta con la progettazione 3D e la virtual room mette a disposizione oggetti di design tailor-made. Differenthood, piattaforma online, permette di creare, a partire da cinquemila tessuti e con oltre un miliardo di combinazioni possibili, capi d'abbigliamento unici e 100% made in Italy, che poi si possono condividere con la community, guadag
nandoci quando gli altri utenti li acquistano.

Le ‘imprese’ 4.0 di questi giovani imprenditori sono state illustrate dall'artista Emiliano Ponzi (autore di copertine di prestigiose pubblicazioni internazionali) con una una tecnica innovativa per dipingere la realtà virtuale, utilizzando Tilt Brush di Google. Ha dato vita ad ambienti 3D e video immersivi a 360° ricostruendo il mondo dei cinque artigiani e di come hanno cambiato il loro pezzo di mondo.




Costa Crociere celebra i 70 anni con la mostra
‘Oliviero Toscani. Ladro di Felicitಒ a Genova


6 luglio al 14 ottobre a Palazzo Ducale saranno esposte 100 fotografie ‘rubate’ da Toscani nel corso di una crociera ai Caraibi sulla Costa Pacifica. Una selezione di 10 foto è esposta in anteprima a bordo delle navi Costa. Canon Italia è digital imaging partner

14 maggio 2018 - Per i 70 anni di Costa Crociere, il 6 luglio debutterà a Palazzo Ducale a Genova per restare esposta fino al 14 ottobre una mostra di scatti di Oliviero Toscani ispirata al tema della felicità. Il titolo della mostra è ‘Oliviero Toscani. Ladro di Felicitಒ, perché si tratta di oltre 100 fotografie ‘rubate’ da Toscani a bordo di Costa Pacifica, nel corso di una crociera di una settimana ai Caraibi, partita lo scorso 31 marzo, giorno esatto del compleanno di Costa. Canon Italia è digital imaging partner.

A ingresso gratuito, la mostra è curata da Flavio Arensi, con un allestimento di Peter Bottazzi che offrirà un'esperienza coinvolgente ed immersiva. Il catalogo, edito da Mondadori Electa, ha la prefazione di Philippe Daverio. Una selezione di 10 foto viene esposta in anteprima a bordo delle navi Costa, stampate su tele di grandi dimensioni che fluttuano nell'atrio di ogni nave, creando un allestimento verticale di gran
de impatto visivo.

A Palazzo Ducale ci saranno anche foto realizzate dagli ospiti di Costa Pacifica che hanno partecipato a bordo una serie di workshop tematici condotti da Toscani e dai suoi collaboratori col contributo di un docente di Canon Academy. Per mettere in pratica le lezioni teoriche con sessioni di fotografia sul campo sono state messe a disposizione degli ospiti 50 macchine fotografiche della gamma EOS.


Sette i giurati italiani a CannesLions 2018, scelti dall'Adci


Director Club Italiano, che da quest’anno è rappresentante in Italia di CannesLions, ha indicato Stefania Siani di Dlv Bbdo per i Film Lions, Elisabeth Leriche di Renault Italy per i PR, Francesco Bozza di Fcb Milan per i Brand Experience, Flavio Fabbri di A.Testa per i Mobile, Chiara Tescari di Omd per i Media, Cristiana Boccassini di Publicis per gli Industry Craft e Gina Ridenti di Tbwa/Italy per i Direct

9 maggio 2018 - L'Art Director Club Italiano, l'associazione culturale che dal 1985 riunisce i migliori professionisti pubblicitari, annuncia i giurati italiani che faranno parte di sette giurie alla 65a edizione del Festival internazionale della creatività di Cannes, in programma dal 18 al 22 giugno. La scelta dei giurati italiani al Festival appartiene da questa edizione all'Adci che ha sostituito nel ruolo di rappresentante in Italia dei CannesLions Rai Pubblicità.

I giurati italiani 2018 sono:

Stefania Siani, executive creative director di Dlv Bbdo, per la categoria FILM

Elisabeth Leriche, advertising & Crm manager di Renault Italy, per la categoria PR

Francesco Bozza, chief creative officer di Fcb Milan, per la categoria Brand Experience

Flavio Fabbri, digital chief creative officer di Armando Testa, per la categoria Mobile

Chiara Tescari, managing partner di Omd, per la categoria Media

Cristiana Boccassini, executive creative director di Publicis, per la categoria Industry Craft

Gina Ridenti, group executive creative director di Tbwa/Italy. per la categoria Direct. (MO)

Stefania Siani, Elisabeth Leriche, Francesco Bozza, Flavio Fabbri, Chiara Tescari, Cristiana Boccassini, Gina Ridenti



Parte da Bologna la ‘Food Innovation global mission'
per individuare innovatori e innovazione dell'industry alimentare


ricercatori del Future Food Institute visiteranno dodici food tech hub nel mondo per promuovere un approccio più sostenibile e consapevole all'alimentazione, sviluppare nuove tecnologie e innovazioni nel settore, far conoscere le eccellenze italiane e sostenere le imprese italiane del food. Supportano l'iniziativa Barilla, Tetra Pak, Camsta, Coop e i partner tecnici Arte Facta, 24 bottles, Ecoalf

26 aprile 2018 - Prenderà il via il 12 maggio da Bologna la seconda edizione della ‘Food innovation global mission', iniziativa del Future Food Institute di Bologna, organizzazione no-profit italiana per la ricerca, la promozione e la formazione per l'innovazione nel settore agroalimentare. Vedrà coinvolta la delegazione del ‘Food Innovation Program’, il Master internazionale di secondo livello sulla Food Innovation organizzato dall'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia (Unimore), dal Future Food Institute di Bologna (FFI) e dall'Institute For the Future di Palo Alto (IFTF).

Sedici studenti-ricercatori di 12 città e 10 nazionalità ìandranno in tour per due mesi in 12 food tech hub del mondo - Amsterdam, Madrid, Valencia, Berlino, Toronto, New York, San Francisco, Tokyo, Hong Kong, Shanghai, Mumbai e Bangkok - per incontrare aziende, startup, makers, scienziati, rappresentanti istituzionali. Visiteranno Fablab, Università, centri di ricerca, cluster scientifici e tecnologici, per promuovere un approccio più sostenibile e consapevole all'alimentazione, sviluppare nuove tecnologie e innovazioni nel settore alimentare, rafforzare il collegamento tra mondo della formazione, mondo della ricerca/innovazione, mondo makers e mondo delle imprese, formare giovani talenti che possano diventare i ‘future food leader’.

Quattro le tematiche al centro della ricerca: sostenibilità ed economia circolare, futuro delle proteine, innovazione agricola in contesti rurali
ed urbani sempre più smart, il futuro dei food service. Ogni ricerca darà vita a una pubblicazione di approfondimento sul tema e a una collana di documentari. Il tour servirà anche a far conoscere le eccellenze della cultura alimentare italiana a livello globale e sostenere le imprese italiane del food. In ogni tappa la delegazione incontrerà il mondo della ricerca attraverso la partnership con università internazionali, ma anche con la comunità di aziende e foodies rappresentativi del made in Italy nel mondo, grazie anche alla collaborazione con ‘I Love Italian Food', la più grande community internazionale dedicata al cibo 100% italiano.

La missione sarà animata dalla campagna ‘Future Food 4 Climate Change’, che vedrà protagonisti advocates e influencer e avrà per testimonial l'attivista e imprenditore americano Marc Buckley, fondatore in Germania di una delle più famose industrie di healthy beverage completamente sostenibili e coordinatore del Climate Reality Project di Al Gore per Austria e Germania.

Supportano il Program e la Food Innovation Global Mission grandi aziende del settore agroalimentare attive nella produzione, nel packaging, nella ristorazione collettiva, tra cui Barilla, Tetra Pak, Camsta - La Ristorazione Italiana, Coop. Partner tecnici sono Arte Facta, 24 bottles, Ecoalf. Corporate partner del Food Innovation Program sono anche Cir, Gruppo Martinez, Amadori, You Can Group e Cantine Riunite.

I risultati della missione verranno presentati durante l'edizione 2018 di Maker Faire di Roma (12-14 ottobre).


Guerrilla marketing a Roma. In volo i palloncini della Siae
che compie 136 anni nella Giornata mondiale del diritto d'autore


a Roma, con personaggi della cultura e dello spettacolo, per ricordare che il diritto d'autore fa vivere chi ci fa sognare. Il palloncino è stato scelto come simbolo di spensieratezza e creatività, ma anche di fragilità, così come il diritto d'autore può essere messo a rischio dagli ‘spilli’ di chi non riconosce il lavoro autoriale

24 aprile 2018 - A Roma ieri mattina, Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore, migliaia di palloncini, ecologici e biodegradabili, sono stati liberati nel cielo dell'Eur dal palazzo della direzione generale della Siae. La Società italiana degli autori ed editori ha scelto di celebrare così l'evento che coincide con la propria data di nascita 136 anni fa: fu fondata a Milano il 23 aprile 1882.

“Abbiamo scelto il palloncino come simbolo perché vola alto, come le emozioni – ha detto Filippo Sugar, presidente della Siae. - È un oggetto semplice eppure capace di evocare la spensieratezza e la creatività. Ma anche un simbolo di fragilità, perché basta uno spillo per renderlo un involucro privo di vita. Così il diritto d'autore, che tutela tutti coloro che ogni giorno ci regalano emozioni, è messo a rischio dagli ‘spilli’ di chi non riconosce il lavoro degli autori”.

C'è
; il rischio che si affermi il paradosso per cui corrispondendo meno diritti agli autori e agli editori si otterrebbe un aumento della produzione culturale. Rappresentanti di tutte le generazioni della creatività italiana hanno voluto ricordare che il diritto d'autore fa vivere chi ci fa sognare. Hanno ricordato l'importanza della creatività con la loro presenza premi Oscar come Ennio Morricone e Nicola Piovani, autori che hanno fatto la storia della canzone italiana come Mogol, e tanti autori e artisti, da Luca Barbarossa a Dori Ghezzi, da Paolo Fresu a Paolo Damiani, da Mario Lavezzi a Riccardo Sinigallia, Franco Mussida, Piero Cassano, in rappresentanza degli oltre ottantacinquemila associati Siae.

Fotografo ufficiale dell'evento è stato Massimo Sestini, vincitore del World Press Photo 2015.


Il Salone del Mobile.Milano chiude i battenti
con record di presenze, +26% rispetto al 2017


molto positivo, sia in termini di affluenza sia di qualità delle relazioni commerciali, per la 57a edizione. Sono state 434.509 le presenze, in 6 giorni, provenienti da 188 paesi e 1.841 gli espositori. Il progetto ‘Living Nature. La natura dell'abitare’ in piazza Duomo resta aperto fino al 25 aprile e, a conclusione della mostra-installazione, il verde delle quattro stagioni verrà donato alla città. Visitabile fino al 28 la mostra House in Motion di Interni nelle due location dell'Università Statale e dell'Orto Botanico

23 aprile 2018 - Si è concluso ieri il Salone del Mobile 2018, 57a edizione, che ha registrato affluenza e business in crescita rispetto alle edizioni precedenti. Milano ha confermato la forza attrattiva e la capacità di coinvolgimento e di emozione: 434.509 presenze, in 6 giorni, provenienti da 188 paesi, con un incremento del 17% rispetto all'edizione 2016, che proponeva le medesime biennali dedicate alla cucina e al bagno, e del 26% rispetto a quella 2017.

Il Salone del Mobile si è dimostrato non solo un'attività espositiva, ma anche una rappresentazione di come la cultura di impresa e la capacità di lavorare in squadra di un settore e del suo tessuto creativo e produttivo possano produrre eccellenza. “Il successo della manifestazione e la qualità degli operatori venuti a questa edizione che ci hanno confermato che il Salone del Mobile è il punto di riferimento di tutto il mondo” ha detto il presidente del Salone Claudio Luti. Il settore è un pilastro del made in Italy che da solo vale il 5% del Pil.
Gli espositori sono stati 1.841, di cui il 27% da 33 paesi, suddivisi tra Salone Internazionale del Mobile, Salone Internazionale del Complemento d'Arredo, EuroCucina e Salone Internazionale del Bagno, a cui si sommano i 650 designer under 35 del SaloneSatellite.

Successo anche per il progetto ‘Living Nature. La natura dell'abitare’, sviluppato insieme allo studio internazionale di design e innovazione Carlo Ratti Associati (CRA), in scena fino al 25 aprile, in piazza del Duomo davanti a Palazzo Reale, come ideale proseguimento del Salone in città: un laboratorio che combina design, ingegneria e botanica e che ha registrato una media di oltre 2.000 visitator
i al giorno. A conclusione della mostra-installazione, il Salone del Mobile.Milano donerà alla Città tutto il verde delle quattro stagioni: ventitré specie di alberi ad alto fusto (dalla betulla dell'Himalaya al melo da fiore giapponese all'ontano nero e alla parrozia) fino alle composizioni da orto con piante e flora tipiche. Restano inoltre aperti ancora per qualche giorno alcuni eventi del FuoriSalone, come la mostra House in Motion di Interni all'Università Statale e all'Orto Botanico di Brera fino al 28 aprile (vedi news del 16 aprile).

Il Salone del Mobile Milano Award, premio dedicato a quanto di meglio il mondo dell'arredo e del design ha presentato in questa edizione è andato a CC-Tapis, Magis e Sanwa. A Maurizio Riva di Riva 1920 è stato assegnato il Premio Speciale della Giuria mentre al Sindaco di Milano è stato consegnato il Premio del Presidente per l'attenzione e la collaborazione prestata alla manifestazione. La prossima edizione del Salone sarà dal 9 al 14 aprile 2019.


Compie 20 anni la mostra-evento di Interni
per il FuoriSalone, tema ‘House in motion’


in tre location cittadine, propone installazioni e design islands, micro-architetture e macro-oggetti, realizzati da grandi protagonisti italiani del progetto, designer e architetti internazionali, che interpretano i temi dell'abitare e della mobilità. Main sponsor, Audi ed Eni Luce e Gas. Il sistema Interni affianca la mostra con quattro pubblicazioni cartacee per 625.000 copie e con Interni online. Promuove ‘House In Motion' una campagna di street advertising

16 aprile 2018 - Si intitola ‘House In Motion' la mostra-evento che come ogni anno da vent'anni (1998-2018) è ideata e organizzata in occasione della Design Week Milanese dal mensile Interni. Patrocinata dal Comune di Milano, si terrà dal 16 al 28 aprile in tre location: nei Cortili dell'Università degli Studi di Milano, all'Orto Botanico di Brera e all'Audi City Lab di Corso Venezia 11 (fino al 22).

Il magazine del Gruppo Mondadori ha chiamato grandi protagonisti italiani del progetto, designer e architetti internazionali a cimentarsi sul tema in collaborazione con aziende, multinazionali, start-up e istituzioni. Il risultato è una rassegna di installazioni (18), design islands (14), micro-architetture e macro-oggetti, tutti site-specific, che compongono un mosaico di stili e visioni futuribili. I progetti interpretano i temi dell'abitare e della mobilità che, nell'epoca attuale, si contaminano e si influenzano, generando nuovi stili di vita.

Due sono i co-producer di ‘House In Motion': Audi-Gruppo Volkswagen ed Eni Gas e Luce, la nuova società di Eni per il retail di gas, luce e soluzioni energetiche. Ciascuno presenta un'installazione di grande impatto, firmata da architetti di profilo internazionale e in sedi dedicate: Mad Architects con Audi presso l'Audi City Lab all'ex Seminario Arcivescovile di Corso Venezia 11, mentre Eni gas e luce con i ragazzi della SOS-School of Sustainability e Mario Cucinella Architects presso l'Orto Botanico di Brera.

La musica di R101, radio ufficiale della mostra evento, animerà la serata di venerdì 20 aprile con un music show, mentre domenica 22, a chiusura della prima settimana della mostra e del FuoriSalone, andrà in scena un concerto del pianista jazz Danilo Rea.

Ad aprile il sistema integrato di comunicazione di Interni si moltiplica. Sono quattro le pubblicazioni cartacee per una tiratura totale di oltre 625.000 copie: Interni (55.000 copie ), Interni Panorama (200.000 copie), la free press Interni King Size (120.000 copie) e la Guida FuoriSalone ( 250.0
00), disponibile anche come app free, che propone una lettura ragionata di oltre 400 eventi. Un pool il cui fatturato pubblicitario è in crescita quest'anno dell' 8,5%. Poi ci sono la mostra evento ‘House In Motion' e Interni online (sito web, app e social). Infine la Guida Zee Milano (solo in versione digitale) propone una selezione dei nuovi itinerari e degli spazi fashion nella città: dal design allo shopping, dai department store ai ristoranti fino agli hotel.

‘House In Motion' è promossa con una campagna di street advertising che comprende striscioni in 15 locations nel centro di Milano, 1.000 bandiere per circa 500 eventi, 10 retro bus shuttle, oltre a totem, edicole vestite, floorgraphic, station domination (Rho e Cadorna), vetrine e ledwall (Megastore Mondadori di Piazza del Duomo e Rizzoli Store di Galleria Vittorio Emanuele). (M.O.)

Le principali istallazioni …>>



Torna a Milano Convivio, mostra-mercato
di fashion a favore dell'Anlaids


benefico biennale. promosso da grandi stilisti insieme a Vogue, ha per scopo la raccolta fondi attraverso la vendita a metà prezzo di oggetti donati da aziende alto di gamma. L'edizione 2018 è supportata da una campagna di EGO of White, Red & Green

5 aprile 2018 - Dal 6 al 10 giugno si terrà a Milano la quattordicesima edizione di Convivio, mostra-mercato benefica biennale promossa dal mondo della moda a sostegno dell'Anlaids (Associazione Nazionale per la lotta contro l'Aids). Saranno quattro giorni di shopping solidale per una raccolta fondi: stilisti e aziende di design, accessori, gioielli, profumi e cosmesi, calzature, viaggi e turismo, enogastronomia di alta gamma, editoria e video donano i loro prodotti che, durante la manifestazione, saranno venduti metà prezzo.

L'evento si trasferisce negli spazi di The Mall Big Spaces nel quartiere di Porta Nuova con un allestimento, firmato da Massimiliano Locatelli/CLS, che prevede la costruzione di una struttura ‘Convivio & more’ pensata per far convivere gli spazi dello shopping con aree dedicate ad accogliere il Charity Gala Dinner del 5 giugno e un palinsesto di eventi nei giorni successivi. La campagna Convivio 2018 su web, social, stampa e attraverso gadget sarà curata anche quest’anno dall'agenzia EGO of White, Red & Green insieme a Vogue Italia. Claim: “Convivio: L'antivirus - Lo Shopping che previene l'Aids”. Sul sito web di Convivio sarà possibile fare shopping online, aprendo la vendita a tutto il mondo.

Convivio è nato nel 1992 da un'idea di Gianni Versace, insieme a Gianfranco Ferrè, Giorgio Armani e Valentino, ed è stato sempre sostenuto da Franca Sozzani e oggi da Emanuele Farneti con Vogue Italia. È l'evento più importante che permette di sostenere le attività di Anlaids a favore della ricerca sull'Aids e al sostegno delle persone sieropositive e delle loro famiglie.


Rcs Sport presenta The Color Run powered by Skittles,
sesta fun race italiana. Tema 2018, ‘Heroes’


divertente corsa non competitiva in cui si parte vestiti di bianco e si arriva tutti colorati sarà tra giugno e settembre a Genova, Riccione, Lignano e Milano. In 5 anni ha colorato 17 città e visto correre 364.150 persone. Le caramelle alla frutta che Mars sta lanciando in Italia sono presenting partner. Top sponsor è Flying Tiger Copenaghen. Skipper, Heineken, Noberasco, Sanbenedetto con Aquavitamin e Virgin Active sono official supporter. Rds è radio partner, La Gazzetta dello Sport media partner. Iscrizioni già aperte

22 marz
o 2018
- Torna con quattro appuntamenti tra giugno e settembre The Color Run, la divertente corsa non competitiva di 5 km in cui si parte vestiti di bianco e si arriva colorati dalla testa ai piedi, grazie a polveri e schiume colorate che vengono spruzzate in vari momenti del percorso. Nata negli Usa nel 2012, è in Italia dal 2013, organizzata da Rcs Sport - Rcs Active Team. Questa sesta edizione italiana diventa ‘The Color Run powered by Skittles’, prendendo il nome dal presenting sponsor Skittles, le nuova referenza di caramelle alla frutta della Mars in lancio in Italia.

La fun race parte il 9 giugno da Genova, il 14 luglio sarà a Riccione, il 28 a Lignano Sabbiadoro e il 15 settembre a Milano, dove il gran finale si svolgerà per il secondo anno consecutivo al Parco Experience nell'area ex Expo. Il tema di quest’anno in tutto il mondo è ‘Hero’ in onore dell'’eroe nascosto in ognuno di noi’. I partecipanti potranno arrivare vestiti da ‘eroi’ ma anche correre da ‘eroi quotidiani’.

Novità 2018 è il coinvolgimento di Rds 100% Grandi Successi come radio partner: “Rds da sempre si lega ai grandi eventi – ha detto Massimiliano Montefusco, general manager della radio -. Scandiremo il ritmo del tour, attraverso animazione, divertimento
e buona musica, offerti a tutti i color runner. La nostra emittente è anche una piattaforma crossmediale che strizza l'occhio ai Millennials, target prevalente dei partecipanti a questa fun race”. The Color Run infatti è marcia giovane (il 63% dei partecipanti nell'ultima edizione aveva tra i 14 e i 34 anni), a prevalenza femminile (il 64%), ma, in quanto non competitiva, è comunque adatta a tutti, ed è di molto appeal per le famiglie. L'edizione 2017 in sei tappe ha avuto sulla pagina Facebook 185.000 fans, 15.000.000 impression e una reach media giornaliera di 60.000 utenti. In 5 anni The Color Run ha colorato 17 città e visto correre 364.150 persone.

Oltre a Mars Italia con Skittles presenting sponsor, gli altri partner sono Flying Tiger Copenaghen top sponsor; Skipper, Heineken, Noberasco, Sanbenedetto con Aquavitamin official supporter e Virgin Active official supporter a Genova e a Milano. Media partner è La Gazzetta dello Sport. Fondazione Marco Simoncelli è charity partner 2018.

Da ieri sono possibili le iscrizioni sul sito thecolorrun.it e sulle relative pagine social. (V.S.)





Tv Sorrisi e Canzoni rilancia i Telegatti.
Armando Testa incaricata della comunicazione


assegnati in un evento a Milano in ottobre, dopo dieci anni di assenza, i premi per spettacoli e star, promossi dal settimanale della Mondadori sulla base alle scelte della giuria dei lettori. Armando Testa curerà anche le operazioni crossmediali e creerà contenuti speciali che coinvolgeranno fino all'evento anche il target giovane. La giuria sarà allargata grazie ai social

13 marzo 2018 - Dopo dieci anni tornano i Telegatti, le statuette che premiano gli spettacoli e i divi della tv, assegnate da Tv Sorrisi e Canzoni. La serata di premiazione sarà a Milano a metà ottobre. Lo ha annunciato il settimanale di spettacolo del Gruppo Mondadori presentando a Tempo di Libri - Fiera internazionale dell'editoria a Milano il volume ‘Il Telegatto. Storia del premio più amato dalle star’. In 280 pagine, ricco di foto e aneddoti, il libro è curato da Rosanna Mani, dal 1968 a Tv Sorrisi e Canzoni e condirettore per venticinque anni. È stata la vera e propria anima del Telegatto e produttore degli spettacoli La notte dei Telegatti e Vota la Voce.

Nato nel 1971, il Telegatto è parte della storia dello spettacolo italiano. La sua caratteristica principale è di essere sempre stato un premio deciso da una giuria popolare, quella dei lettori di Tv Sorrisi e Canzoni. Lettori e star chiedevano di far rinascere il premio: “In questo decennio - ha dichiarato il direttore del magazine Aldo Vitali - molte cose sono cambiate nella nostra tv, nelle nostre abitudini e nel nostro pubblico, che oggi è ancora più esteso grazie al web e ai social. Naturalmente la venticinquesima edizione dei Telegatti terrà conto anche di questo”.

La comu
nicazione del Telegatto 2018 è stata affidata a Armando Testa che curerà anche le operazioni crossmediali. La direzione creativa sarà di Jacopo Morini affiancato dal nuovo team dedicato a operazioni speciali e branded content. “Avremo l'opportunità – ha detto Morini - di rilanciare un premio trasportandolo in una realtà totalmente nuova rispetto a 10 anni fa. L'unicità dell'evento era data dalla giuria esclusivamente popolare dei lettori, oggi possiamo creare un ecosistema digitale che ci permetterà di allargare esponenzialmente questa giuria grazie ai social e prevediamo la creazione di contenuti speciali che ci accompagneranno fino alla data dell'evento coinvolgendo anche un target più giovane”. Radio 105 sarà radio ufficiale. Charity partner sarà la Lega del Filo d'Oro che assiste persone sordo-cieche e pluriminorate psicosensoriali.


Per i 30 anni, Donna Moderna lancia ‘Donne come noi’,
progetto di promozione dell'empowerment femminile


progetto prevede un libro edito da Sperling & Kupfer sulle storie di cento italiane che hanno fatto qualcosa di importante, uno spettacolo teatrale itinerante e un programma di formazione presso i Mondadori Store di 12 città. Spettacolo e formazione sono offerti gratuitamente grazie al sostegno de L'Oréal Paris

6 marzo 2018 - Per i trent'anni, il settimanale femminile Donna Moderna di Gruppo Mondadori lancia con partner L'Oréal Paris il progetto di empowerment femminile Donne come noi (#donnecomenoi) con l'obiettivo di spingere le donne a desiderare in grande. La call to action prevede un libro per dare ispirazione, uno spettacolo teatrale per toccare le corde dell'emozione, un percorso di formazione per fornire competenze concrete.

Il libro si intitola ‘Donne come noi’ ed è stato scritto dalla redazione di Donna Moderna per Sperling & Kupfer: 34 giornalisti raccontano 100 storie di italiane contemporanee che con tenacia, competenza e coraggio hanno fatto qualcosa di importante: dalla pugile Irma Testa alla fisica Fabiola Gianotti, dalla restauratrice dell'Ultima cena Pinin Brambilla Barcilon alla manager dei rapper Paola Zukar. Per 10 settimane dall'8 marzo alcune di queste storie saranno raccontate su R101 nella fascia di Isabella Eleodori, il giovedì alle 10.30. Ed è già in progetto una seconda edizione in cui raccogliere le storie che il magazine invita le lettrici a raccontare inviandole a storie.donnecomenoi@mondadori.it.

‘Donne come
noi’ è anche il titolo dello spettacolo prodotto da Donna Moderna in collaborazione con il Teatro Franco Parenti, che girerà l'Italia a partire dal 17 aprile. Cinque artiste interpreteranno alcune delle protagoniste del libro, ma anche le giornaliste che le hanno incontrate, le sorelle, le amiche, le insegnanti, con un sottofondo di pianoforte, violoncello e fisarmonica.

Infine, il percorso di formazione. Lavorare in team, gestire il tempo, riprogrammare la carriera, pensare fuori dagli schemi, imparare a raccontarsi: sono alcune delle competenze che verranno fornite nel corso ideato da Donna Moderna e offerto gratuitamente nei Mondadori Store di 17 città italiane, da Genova il 13 marzo a Salerno il 26 maggio (calendario su eventi.mondadoristore.it), e dove sarà anche presentato il libro. Il team di formatori sarà affiancato da professionisti dal mondo delle aziende che interverranno con testimonianze.

Partner del progetto è L'Oréal Paris che da sempre sostiene l'autostima femminile (si pensi al al claim ‘Perché tu vali’) e che offre gratuitamente gli eventi di formazione e lo spettacolo. A sostegno dell'iniziativa c'è una campagna su stampa, web e social.




Festival di Sanremo, 4 serate su 5 sopra il 51%
di share. L'analisi conclusiva di Publicis Media


serata finale ci sono stati 10.9 milioni di spettatori e un impressionante 52.3% di share, miglior risultato dal 2005. Solo la seconda serata ha ottenuto un risultato di audience inferiore al 2017, unica scesa sotto i 10 milioni. Rispetto all'edizione 2016, si è registrato un lieve calo di affinità tra i cluster più giovani (20-44 anni), bilanciato però da una crescita complessiva di 2.6 punti di share sugli adulti 25-54 anni. Nella serata di chiusura si è registrato anche il picco più alto di interazioni

13 febb
raio 2018
- Publicis Media Italy ha analizzato sera per sera i risultati del Festival di Sanremo che si è concluso sabato 10 febbraio con la vittoria della coppia formata da Ermal Meta e Fabrizio Moro, segnando uno share del 52.3%, miglior risultato dal 2005 . Ecco i principali highlights;

Televisione

• Claudio Baglioni ha chiuso il suo primo Festival con ascolti record: 10.9 milioni di spettatori e un impressionante 52.3% di share, miglior risultato dal 2005 che ha rappresentato una crescita rispetto al 2017 di 1.6 punti di share.

• Soltanto la seconda serata, senza nuove canzoni in gara da presentare, ha ottenuto un risultato di audience inferiore al 2017 ed è l'unica ad essere scesa sotto i 10 milioni. Nel complesso gli ascolti della 68ª edizione sono cresciuti dell'1% rispetto alla precedente. In termini di spettatori medi è il miglior risultato dal 2013.

• Quattro serate su cinque hanno superato il 51% di share. Ha fatto eccezione la seconda con un comunque positivo 47.7%. La finale ha avuto un picco del 58.3% di share, soltanto 0.1 punti al di sotto di quella del 2017.

• Il profilo non si è discostato molto da quello dell'ultimo Festival targato Conti. Un lieve calo di affinità tra i cluster più giovani (20-44 anni) è stato bilanciato da una crescita complessiva di 2.6 punti di share sugli adulti 25-54 anni. L'elevato profilo socio-economico del Festival è un'ulteriore testimonianza di come Baglioni abbia vinto la sua “lotta contro la mediocrità”

Social

• Sanremo registra il picco più alto di interazioni in occasione della serata di chiusura, dato superiore ai numeri verificatisi nell'edizione del 2017. La pagina Facebook ha raccolto nel corso dell'edizione circa 100mila nuovi fan, dato in costante progressione nel corso delle serate.

• Il fenomeno in netta ascesa nel corso dell'ultima serata è stato quello delle condivisioni, di particolare successo il post con un contenuto video relativo al toccante monologo di Pierfrancesco Favino.

• Anche su Twitter il Festival chiude con numeri record, anche in comparazione con l'anno precedente: il numero di interazioni dell'ultima serata è stato di molto superiore sia rispetto alle altre quattro che rispetto al 2017. È sempre il monologo di Favino ad avere il risultato più alto in termini di retweet.

Il Report finale di Publicis Media Italy …>>



Gli italiani hanno speso 4,5 miliardi nel 2017 per spettacoli
e intrattenimento fuori casa. Crescono le sponsorizzazioni


l'Osservatorio dello Spettacolo Siae, gli italiani hanno speso di più rispetto al 2016 anche se la crescita è stata frenata dalla crisi del cinema. Nel 2017 spettacolo e intrattenimento hanno attirato maggiori investimenti da privati sotto forma di sponsorizzazioni e pubblicità, con un volume d’affari cresciuto del 4,5%

12 febbraio 2018 - Nel 2017 gli italiani hanno speso quasi 4,5 miliardi di euro (4.451.622.007 euro) per il tempo libero passato al cinema, a teatro, ai concerti e ad altri tipi di spettacolo, più dell'anno precedente. Lo ha reso noto, durante il Festival di Sanremo, l'Osservatorio dello Spettacolo Siae, che ha svolto rilevazioni censuarie (non a campione) quindi solo indicative di tendenze nel mondo dell'entertainment. Gli spettatori hanno speso di più rispetto al 2016 non solo al botteghino (biglietti e abbonamenti, +1,5%), ma anche nei servizi accessori offerti dagli organizzatori. Nel 2017, inoltre, lo spettacolo e l'intrattenimento hanno attirato maggiori investimenti da privati sotto forma di sponsorizzazioni e pubblicità, con un volume d’affari cresciuto del 4,5%. Sono diminuiti invece gli eventi organizzati, con una contrazione dell'offerta di oltre tre punti percentuali, e una flessione degli ingressi del 4,5%.

L'attività cinematografica è quella che lo scorso anno ha f
renato la crescita dello spettacolo. Tutti gli indicatori sono in territorio negativo: spettacoli -3,1%; ingressi -13,1%; spesa al botteghino -11,6%; spesa del pubblico -9,3%; volume d’affari -9,2%. Nessuna pellicola inoltre ha ripetuto l'exploit nel 2016 di Quo Vado di Checco Zalone che ha sfiorato i 10 milioni di spettatori. Il film più visto nel 2017 è stato La bella e la bestia con 3.380.133 ingressi.

Andamento complessivamente positivo invece per gli altri comparti. Pur con una contrazione dell'offerta di eventi (il numero degli spettacoli è sceso di circa il 3%), il pubblico ha risposto bene, sia in termini di numerosità (ingressi +2,7%) che di esborso (spesa al botteghino +6,5% e spesa del pubblico +5,3%). Il volume d’affari, inoltre, ha fatto registrare +6,6%.

In particolare, per quanto riguarda la mu
sica
, il 2017 è stato caratterizzato da una buona stagione concertistica, sicuramente rafforzata dal grande evento di Vasco Rossi del 1° luglio a Modena, che ha visto la presenza record di 225.173 spettatori. Anche l'intera attività concertistica, che comprende musica classica, leggera e jazz, ha fatto rilevare un trend positivo per quasi tutti gli indicatori. Leggera diminuzione, invece, per l'attività teatrale nel complesso, che comprende teatro, lirica, balletto, rivista e commedia musicale.

In crescita nel 2017 le cifre dell'attività sportiva, con un balzo in avanti degli ingressi (+8,7%), della spesa per i biglietti e per gli abbonamenti (spesa al botteghino +18,4%), oltre che per i servizi accessori (spesa del pubblico +17,6%). Aumenti a due cifre anche per il volume d'affari, cresciuto del 13,3% mentre il numero di spettacoli si riduce dell'1,5%.

Proprio i tre settori dello spettacolo più seguiti - sport, lirica, concerti di musica leggera - sono stati, secondo le rilevazioni dell'Osservatorio dello Spettacolo Siae, i più colpiti dal fenomeno del secondary ticketing.


Sanremo prima serata, analisi di un record a cura di Publicis Media


boom col 52.1% di share, meglio dell'ottima prima serata dello scorso anno e miglior partenza dal 2005. La prima serata è stata seguita da 11.6 milioni di spettatori, il 2% in più rispetto al 2017 nonostante un bacino leggermente inferiore (-0.7%) nella fascia oraria di messa in onda. Buona performance sui canali social, sia in termini di follower che di interazioni

8 febbrai
o 2018
- Del successo della prima serata del Festival di Sanremo si è parlato tantissimo su media e social. Publicis Media Italy ha analizzato risultati, confrontandoli con le performance delle passate edizioni. Ecco i principali highlights:

Televisione
• Esordio boom per il Festival targato Baglioni: la prima serata ha scacciato tutti i dubbi raggiungendo il 52.1% di share, superando anche i risultati già ottimi di Conti dello scorso anno. È il secondo Festival consecutivo che supera all'esordio il 50% di share e la miglior partenza dal 2005.
• La serata è stata seguita da 11.6 milioni di spettatori, il 2% in più rispetto al 2017 nonostante un bacino leggermente inferiore (-0.7%) nella fascia oraria di messa in onda. Il picco di audience lo ha raggiunto Fiorello alle 21.58 che, dopo aver aperto il Festival, è tornato sul palco per sostituire Laura Pausini e ha duettato con Baglioni di fronte a 17.2 milioni di spettatori.

Social
• Il primo appuntamento con la 68esima edizione del Festival ha raggiunto nel complesso una buona performance sui canali social, sia in termini di follower che di interazioni.
• La pagina Facebook ha registrato nella giornata di esordio oltre 609mila fan e ben 120mila Like, con un trend di crescita della fan base - che conta ormai un cospicuo numero di iscritti - meno significativo rispetto all'anno precedente. L'analisi delle keyword mostra tra le parole più menzionate ‘Fiorello’ prima di ‘Baglioni’.
• Risultati interessanti anche per Twitter con oltre 6.000 nuovi follower durante la prima giornata (+16% vs 2017). L'analisi delle keyword mostra tra le parole più menzionate ‘rairadio’, ‘raiplay’, ‘raiuno’, ‘raiofficialnews’, evidenziando come la fruizione e l'interesse per l'evento stiano diventando sempre più multipiattaforma.
Il Report di Publicis Media sulla prima serata …>>



Nasce a Trento il Festival dello sport, evento di Gazzetta Sport/Rcs
e di Trentino Marketing. Tema della prima edizione, il ‘record’


eventi gratuiti, tra interviste ai campioni, dibattiti tra grandi protagonisti, workshop e ‘camp’ di pratica sportiva, si terranno in quindici location di Trento tra l'11 e il 14 ottobre, mettendo a diretto contatto i campioni con la gente. Rcs Pubblicità propone diversi format di sponsorship ad aziende di attrezzature sportive, abbigliamento tecnico e casual, turismo, alimentazione, salute, tecnologia. Gli eventi contano già per una quota tra il 5% e il 10% nel fatturato della concessionaria

1 febbraio 2018 - Nasce da Trentino Marketing e da la Gazzetta dello Sport (Rcs Mg) l'idea di fare un grande Festival dedicato a sport, sportivi e appassionati, che metta a diretto contatto i grandi campioni con la gente. Il primo Festival dello Sport sarà un evento nazionale e internazionale, che racconterà di un mondo tanto seguito e tanto amato tre l'11 e il 14 ottobre a Trento, col patrocinio del Coni e del Comitato italiano paralimpico.

La prima edizione avrà come tema il ‘record’, il sogno di ogni sportivo e di ogni squadra. Racconterà come raggiungerlo, batterlo o anche solo uguagliarlo, attraverso allenamenti e strategie, ma anche grazie a psicologia, alimentazione, salute, materiali, business e ricerca. Il record sarà il leitmotiv di interviste ai campioni, incontri, workshop, letteratura sportiva, in base a un palinsesto, che dopo la cerimonia di apertura dell'11 sera, occuperà tre giornate con 60 eventi gratuiti in 15 location, tra cui 5 piazze e diversi palazzi messi a disposizione dalla Provincia Autonoma di Trento. Condurranno firme de la Gazzetta, editorialisti e inviati. Partecipe
Ugo Rossi, presidente Provincia Trento;
Andrea Monti, direttore Gazzetta dello Sport;
Urbano Cairo, presidente di Rcs Mg
ranno atleti e atlete, olimpici e paralimpici, dal campione di motociclismo Giacomo De Agostini (75 anni, 190 GP e 163 podi, ultimo italiano ad aver vinto su moto italiana) a Martina Caironi (28 anni, detentrice del primato del mondo nei 100 metri tra donne con una gamba amputata sopra il ginocchio). E poi allenatori, coach, personaggi istituzionali, tecnici, esperti e appassionati di sport.

I format degli incontri saranno: ‘Uno contro Uno’, grandi interviste con i campioni; Tribune, dibattiti a più voci tra grandi protagonisti; Conversazioni su importanti imprese sportive; Workshop ovvero veri e propri laboratori su grandi tematiche. Non mancherà lo sport praticato nei Camp, dove imparare da coach e allenatori di grande livello. In piazza Duomo sarà allestita una grande Libreria dove consultare e acquistare libri dedicati allo sport.

Rcs Pubblicità, capitanata da Raimondo Zanaboni (che è anche a.d. di Rcs Sport), sta già proponendo il Festival ai clienti, che potranno aderire a diversi format di sponsorship, pensati per la visibilità non solo di aziende di attrezzature sportive o di abbigliamento tecnico, ma anche del turismo, dell'alimentazione, del casual e del fashion, della salute, della tecnologia. L'evento sarà promosso da una campagna di comunicazione articolata, che sarà veicolata su mezzi di Rcs Mg, in particolare su tutto il sistema Gazzetta dello Sport. Gli eventi stanno diventando sempre più importanti per il business della concessionaria di Rcs MediaGroup: già pesano per una quota compresa tra il 5% e il 10% sul fatturato complessivo, che è cresciuto nel 2017 dello 0,6% (sopra la media del mercato di riferimento).


Casta Diva lancia Blue Note Off, il jazz in luoghi unconventional


progetto di Blue Note Milano, gestito da Casta Diva, è di offrire al grande pubblico l'opportunità di ascoltare artisti di fama internazionale e giovani talenti in vari luoghi della città. Si parte con Sisal Wincity che ospita 14 concerti

25 gennaio 2018 - Si chiama Blue Note Off il progetto di Blue Note Milano (parte di Casta Diva Group) di portare il jazz in location unconventional e offrire al grande pubblico l'opportunità di ascoltare artisti di fama internazionale e giovani talenti in vari luoghi della città. Sisal Wincity di piazza Diaz a Milano ha colto per primo l'opportunità e ospiterà 14 concerti dal 5 febbraio al 28 maggio che vedrà protagonisti, tra gli altri, Ragonese Bros, Naim, ‘Lands Project’ Decorato e Costantini, Pat Rich, Lady Dillinger.

Il progetto Blue Note Off estende l'iniziativa di JazzMi con cui Casta Diva Group, la società di comunicazione che gestisce il Blue Note, ha portato il jazz in banca, nei teatri, in biblioteca e nelle librerie. Per Sisal Wincity, dopo le partnership con Harlem, Globetrotters Italian Tour, Milano City Marathon, Milano Film Festival, Interni – Salone Internazionale del Mobile, l'accordo con il Blue Note rappresenta un ulteriore passo del progetto di offrire ai milanesi uno spazio dove la dimensione del gioco sposa, oltre alla ristorazione, anche l'intrattenimento e la socializzazione.




E.ON celebra a Milano la ‘Giornata contro gli sprechi’


linea col concept #odiamoglisprechi che guida la comunicazione, E.ON ha creato all'UniCredit Pavillion un percorso immersivo aperto a tutti sulla necessità di salvaguardare il pianeta risparmiando energia e risorse. E ha annunciato l'iniziativa Energy4Greencon AzzeroCO2 per fornire servizi e soluzioni green a Pmi e clienti industriali. In obiettivo, l'aumento del 5% entro il 2019 del parco clienti in Italia, attualmente a quota 770.000

14 dicembre 2017 - Liberare il pianeta dagli sprechi dipende dalla consapevolezza: è il messaggio inviato dall'operatore energetico E.ON con l'evento ‘Giornata contro gli sprechi’ che si è tenuto ieri a Milano. Esattamente un anno prima E.ON aveva mostrato ai milanesi i guasti dello spreco di energia col #Palazzoghiacciato in largo La Foppa, un'attività di ambient marketing spettacolare firmata da M&C Saatchi (vedi news del 13 dicembre 2016), all'insegna di #odiamoglisprechi, concept della campagna televisiva.

Quest'anno ha fatto di più: ha creato nell'UniCredit Pavillion un percorso immersivo sul tema, una mostra emozionale con installazioni interattive e strumenti di edutainment, aperta a tutti, anche alle scuole, mostrando anche progetti e strategie su mobilità, smart home ed energia solare e sulla compensazione delle emissioni inquinanti. A completamento dell'esposizione, si sono tenuti eventi, conferenze e, in chiusura, uno spettacolo con Enrico Bertolino

È stato anche lanciato il progetto E.ON Energy4Green in collaborazione con
AzzeroCO2, iniziativa che consente a E.ON di fornire a piccole e medie imprese e ai clienti industriali un programma di riduzione e compensazione della CO2, inclusi servizi ‘green' come CarbonFootprint, WaterFootprint, Modello ISO 50001, progetti di compensazione e di comunicazione verde. Inoltre E.ON ha comunicato i risultati sul progetto di rimboschimento ‘I Boschi E.ON’, anch'esso nato dalla partnership con AzzeroCO2: 60.000 alberi sono stati piantati su una superficie totale di 61 ettari, distribuiti in 18 aree d'Italia, per un totale di oltre 40.000 tonnellate di CO2 compensate.

Gruppo energetico internazionale a capitale privato, in Italia E.ON conta 770.000 clienti cui fornisce energia e gas e ha in obiettivo di accrescere il parco clienti di circa il 5% entro il 2019. Attualmente ha una quota di mercato del 4% in volume. Sul fronte della comunicazione, verrà portato avanti il concept #odiamoglisprechi che vorrebbe diventare un vero e proprio movimento d'opinione. In primavera ci sarà la ripresa della campagna per il lancio dell'offerta E.ON ClimaSmart (vedi Videonotizia dell'11 ottobre) ideata da M&C Saatchi, confermato come partner di comunicazione insieme a Starcom per il media.


Edelman vince il 20° Premio Assorel con la campagna PR
per Biogen ‘Io non sclero’. Premio alla carriera a Urbano Cairo


non sclero - Storie di progetti e sogni che non si fermano con la sclerosi multipla’ vince il primo premio assoluto ed è in shortlist all'Icco Award. Il presidente e ceo di Rcs Mg entra nella Hall of Fame. Assegnati 10 premi di categoria e 4 premi speciali

14 dicembre 2017 - Con la campagna di comunicazione PR per Biogen ‘Io non sclero - Storie di progetti e sogni che non si fermano con la sclerosi multipla’, Edelman Italia ha vinto la 20ª edizione del Premio Assorel, assegnato ieri sera a Milano. La campagna è ora in shortlist all'Icco Award, a cui è stata iscritta d'ufficio, grazie alla nuova partnership siglata tra Assorel e l'associazione internazionale.

Il Premio Assorel alla carriera (undicesima edizione) è andato a Urbano Cairo, presidente e a.d. di Rcs MediaGroup per “le iniziative e i successi conseguiti nel mondo dell'editoria e dei media in anni di grandi trasformazioni e complessità”. Cairo si aggiunge quindi nella Hall of Fame a Laura Boldrini, Giuseppe Sala, Fabio Fazio, Piero Angela, Ferruccio de Bortoli, Luca Cordero di Montezemolo, Umberto Veronesi, Emma Bonino, Gianni Letta, Joaquìn Navarro-Valls.

L'edizione 2017 si è arricchita delle nuove categorie Public Affairs & Lobbying e Comunicazione agli stakeholders del bilancio di sostenibilità, arrivando così a 10 Categorie, accanto a 4 Premi Speciali e 29 campagne iscritte.

La serata dedicata al premio è stata anche occasione quest'anno per accendere i riflettori su due nuove iniziative: esaltare la funzione sociale della comunicazione col sostegno di #AssorelFor al progetto 1 Matita per 1 Albero dell'organizzazione No Profit Maisha Marefu Onlus; presentare con Carola Salvato (Havas Life) la nascita del capitolo italiano di Global Women in Public Relations (GWPR), organizzazione indipendente sui temi del management femminile nelle PR.

I quattro Premi Speciali:

Premio per l'innovazione nella misurazione risultati, in collaborazione con L'Eco della Stampa, a Cohn & Wolfe per la campagna ‘Levante The Maserati of SUVs Global Launch Social Media & Digital Content’ per Maserati;

Premio Social & Media Relations a Inc - Istituto Nazionale per la Comunicazione per la campagna ‘#Carbonara Day’ per AIDEPI - Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane;

Premio Content creation a Edelman per la campagna ‘Io non sclero – Storie di progetti che non si fermano con la sclerosi multipla’ per Biogen;
Premio Live Communication ad Andrea Polo per la campagna ‘Mitzi e i suoi ragazzi’ per la Scuola di teatro Mitzi Amoroso e I Sempre Vivi Onlus.

I dieci Premi di Categoria:
1.Premio Comunicazione Corporate & Reputation Management
FACILE.it – ‘Facile per la scuola’

2. Premio Comunicazione della e per la Pubblica Amministrazione
MAILANDER- COMUNE DI SALUZZO – ‘VéloViso’

3. Premio Comunicazione di Prodotto / Marketing
INC - Istituto Nazionale per la Comunicazione
AIDEPI - Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane – ‘#Carbonara Day’

4. Premio Comunicazione Public Affairs & Lobbying
HOMINA – CONAD – ‘Liberalizziamoci’

5. Premio Comunicazione Interna
NETWORK COMUNICAZIONE - VODAFONE ITALIA –‘Un passo avanti’

6. Premio Comunicazione per la valorizzazione del patrimonio artistico e territoriale
MAILANDER - Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba – ‘86° Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba’

7. Premio Comunicazione Finanziaria
ASSOGESTIONI SERVIZI – ‘#TwittaIlRisparmio’

8. Premio Comunicazione Sociale - Corporate Social Responsibility
EDELMAN – BIOGEN – ‘IO NON SCLERO
Storie di progetti e sogni che non si fermano con la sclerosi multipla’

9. Premio Comunicazione Sociale – Cause Related Marketing
INC – Istituto Nazionale per la Comunicazione
UNHCR (ALTO COMMISSARIATO ONU PER I RIFUGIATI) – ‘Mettiamocelo in testa’

10. Premio Comunicazione agli stakeholders del bilancio di sostenibilità
INC – Istituto Nazionale per la Comunicazione
BARILLA GROUP – ‘Buono per Te, buono per il pianeta’ - Presentazione del Bilancio di Sostenibilità 2017 del Gruppo Barilla

Nell'ambito del Premio Comunicazione Sociale – Cause Related Marketing è stata attribuita una Menzione Speciale a SOLUZIONE GROUP per la campagna ‘Una donazione a Km 0 accende la tua comunità’ firmata per Anfass Trentino Onlus.


Publicis Milan vince il Grand Prix Film Craft a Eurobest 2017
con ‘Go With The Flaw' per Diesel. Per l'Italia altri 9 premi


30° Festival della creatività europea la campagna per Diesel vince anche 2 argenti nei Film Craft e uno nei Film, e Publicis Italy consegue il titolo di Country Agency of the Year per l'Italia, riconoscimento assegnato da quest’anno. Premiate anche McCann Worldgroup, Ddb Italia, Gruppo Roncaglia, Havas Milan e Verba

4 dicembre 2017 - Sono 10 i premi vinti dall'Italia alla trentesima edizione di Eurobest, il festival della creatività europea organizzato come CannesLions da Ascential Event, che si è tenuto a Londra dal 28 al 30 novembre. Ancora una volta l'agenzia italiana più in vista è stata Publicis Italy Milan che ha attenuto il Grand Prix Film Craft con la campagna ‘Go With The Flaw ‘ per Diesel, vincitrice anche di 3 argenti: 2 nei Film Craft e uno nei Film. La campagna globale confuta l'idea di perfezione come la rappresentano media e social e contro questo ‘flow’ esalta il ‘flaw’, l'imperfezione che distingue, invitando a trovare il coraggio di sfoggiare con orgoglio difetti ed errori. Il video è prodotto da Division Paris con regia di Francois Rousselet.

Publicis Italy Milan consegue così il The Country Agency of the Year Awards per l'Italia, riconoscimento assegnato da quest'anno all'agenzia che ha raggiunto il maggior punteggio tra quelle della propria nazione. Anche a Eurobest
2016 che si era tenuto Roma (edizione più fortunata per i nostri colori) Publicis Italy aveva brillato ottenendo 16 premi sui 24 vinti dall'Italia (vedi news del 5 dicembre 2016).

Gli altri sei premi per l'Italia (2 argenti e 4 bronzi) sono stati per McCann Worldgroup, Ddb Italia, Gruppo Roncaglia, Havas Milan e Verba. Nei Film, un argento va al ‘Catalogue’ Ikea, il progetto di Ddb Italia del catalogo 2018 che si maschera da rivista insulsa per non farsi rubare. Nell'Healthcare un argento va a ‘My Voice’ di McCann Worldgroup per Fondazione Serena Onlus e Centro Clinico Nemo. Per gli Entertainment vince un bronzo Audi ‘Trust Race’ di Verba. Nei Mobile un bronzo va al progetto ‘4Matic Adaptive Book’ per Mercedes-Benz di Gruppo Roncaglia. In Promo & Activation vince un bronzo il progetto della birra a brand Responsibly di McCann Worldgroup per Ubrew, già vincitore di 3 Leoni all'ultimo CannesLions. Infine, ‘La storia del mausoleo di Augusto’, realizzato da Havas Milan per Fondazione Tim, rivince un bronzo nei Digital Craft, come già aveva fatto a CannesLions 2017.

Ed ecco tutti i principali riconoscimenti assegnati, ricordando che quest’anno era assente tutto il gruppo Wpp (vedi news del 3 ottobre), che aveva messo in discussione il prestigio di vincere a Eurobest, onda lunga delle polemiche che hanno accompagnato l'ultima edizione di CannesLions. Il malcontento dei grandi network dovrebbe essere rientrato ora che Ascential Event ha annunciato un prossimo Festival di Cannes semplificato, meno costoso, solo su 5 giorni (vedi news del 14 novembre).

Creative Data: No Grand Prix awarded, 2 Gold, 2 Silver and 5 Bronze

Creative Effectiveness: 1 Grand Prix ‘Man On The Moon' for John Lewis by adam&eveDDB, London, UK, 2 Creative Effectiveness Awards

Design: 1 Grand Prix ‘They Call Us Leeuwinnen' for Nike by Wieden+Kennedy Amsterdam, The Netherlands, 3 Gold, 6 Silver and 12 Bronze

Digital Craft: 1 Grand Prix , ‘A World with No Heroes’ for Ubisoft by DDB Paris / Ubisoft, Paris, France, 2 Gold, 4 Silver and 6 Bronze

Direct: No Grand Prix awarded, 4 Gold, 8 Silver and 13 Bronze

Entertainment: 1 Grand Prix ‘All That We Share’ for TV2 by &Co., Copenhagen, Denmark, 3 Gold, 5 Silver and 9 Bronze

Film: 1 Grand Prix ‘Buster The Boxer’ for John Lewis by adam&eveDDB, London, UK, 3 Gold, 9 Silver and 16 Bronze

Film Craft: 1 Grand Prix ‘Go With The Flaw ‘ for Diesel by Diesel Breganze / Publicis Italy, Milan, Italy, 5 Gold, 10 Silver and 17 Bronze

Glass -The Award for Change: No Grand Prix Awarded, 2 Glass Awards

Healthcare: 1 Grand Prix ‘Get The Flow’ for Vodafone by DDB & Tribal Amsterdam, The Netherlands, 2 Gold, 5 Silver and 5 Bronze

Innovation: 1 Grand Prix ‘KPN Safe Lock’ for KPN by N=5, Amsterdam, The Netherlands and 2 Innovation Awards

Integrated: 1 Grand Prix ‘Evert_45’ for KPN by N=5, Amsterdam, The Netherlands, 2 Gold, 1 Silver and 3 Bronze

Interactive: 1 Grand Prix ‘Retail Therapy’ for IKEA by Åkestam Holst, Stockholm, Sweden, 3 Gold, 5 Silver and 8 Bronze

Media: 1 Grand Prix ‘Sweden on Airbnb’ for VisitSweden by Forsman & Bodenfors, Gothenburg, Sweden, 3 Gold, 8 Silver and 11 Bronze

Mobile: 1 Grand Prix ‘Official Gorillaz App’ for Gorillaz by B-Reel, London, UK, 2 Gold, 3 Silver and 4 Bronze

Outdoor: 1 Grand Prix ‘Magenta Unleashed’ for Deutsche Telekom by Saatchi & Saatchi, London, UK, 2 Gold, 4 Silver and 11 Bronze

PR: 1 Grand Prix ‘All That We Share’ for TV2 by &Co., Copenhagen, Denmark, 4 Gold, 9 Silver and 10 Bronze

Print & Outdoor Craft: 1 Grand Prix ‘Tapestry’ for Tourism Ireland by Tourism Ireland, Redmonds Hill / Publicis London, Ireland, 2 Gold, 3 Silver and 3 Bronze

Print & Publishing: 1 Grand Prix ‘Trump’ for Der Tagesspiegel by Scholz & Friends, Berlin, Germany, 2 Gold, 3 Silver and 2 Bronze

Promo & Activation: 1 Grand Prix ‘Edeka Vielfalt’ for Edeka by Jung von Matt, Hamburg, Germany, 6 Gold, 9 Silver and 19 Bronze

Radio & Audio: No Grand Prix, 1 Gold, 3 Silver and 3 Bronze

The Grand Prix for Good: Åkestam Holst, Stockholm / Great Works, Stockholm, Sweden for ‘The Humanium Metal Initiative’ for IM

Network of the Year: 1- DDB Worldwide, 2- McCann Worldgroup; 3- Havas

Agency of the Year: 1 - adam&eveDDB UK; 2 - BETC Paris, France; 3 - &Co. Copenhagen, Denmark in third.

Independent Agency of the Year: 1 - Grabarz & Partners, Hamburg, Germany; 2 - Jung von Matt, Hamburg, Germany; 3 - N=5, Amsterdam, The Netherlands

Media Network of the Year: 1- Mec; 2 – Vizeum; 3 - UM

Golden Palm: 1- Make Me Pulse, France; 2 - &Co. Productions, Denmark; 3 - New Land, Sweden in third.

The Country Agency of the Year Awards:
Belgium: DDB Brussels
Denmark: &Co., Copenhagen
France: BETC, Paris
Germany: Jung von Matt, Hamburg
Italy: Publicis Italy, Milan
Norway: TRY, Oslo
Russia: Good, Moscow
Spain: The Cyranos//McCann, Barcelona
Sweden: Forsman & Bodenfors, Gothenburg
The Netherlands: N=5, Amsterdam
United Kingdom: adamandeveDDB, London.


Con ‘Make it Yours’ Eurosport annuncia l'esperienza
visiva personalizzabile per i Giochi olimpici 2018


spot della campagna illustrano i primi Giochi olimpici full digital su Eurosport, all'insegna del remake di ‘I Want It All' dei Queen. L'inno, registrato negli storici AIR Studios di Londra, sarà protagonista di tutti gli elementi della brand identity dei Giochi sul canale di Discovery

28 novembre 2017 - È un remake in chiave moderna del classico dei Queen ‘I Want It All' l'inno ufficiale di Eurosport (gruppo Discovery) per i Giochi olimpici invernali di Pyeongchang 2018. La versione contemporanea del brano è eseguita dalla London Symphony Orchestra, è stata sviluppata da La Plage Records, prodotta insieme ai compositori Chris Elliott e Sylvain Morizet e col percussionista Nicolas Montazaud e infine mixata da Alan Meyerson. “Reinterpretando un brano classico di una band storica che aveva già lasciato un'impronta nello sport - ha detto Antonio Ruiz, vice president of marketing di Eurosport - abbiamo sviluppato un inno che esalta davvero il fatto che permetteremo ai fan di guardare in modo personalizzato tutte le competizioni di Pyeongchang 2018. Sappiamo che gli appassionati vogliono tutto (‘Want it All') ed Eurosport offrirà proprio questo: ogni minuto, ogni atleta, ogni disciplina, sul dispositivo che preferiscono”.

Con Pyeongchang 2018 Eurosport offrirà i primi Giochi olimpici full digital in Europa, con copertura live e on-demand su tutti gli schermi in 48 mercati (vedi news del 9 gennaio). Il servizio interattivo Eurosport Player permetterà di guardare ogni minuto di ogni atleta e di ogni disciplina - online, su mobile, tablet o tv connessi – con oltre 4000 ore di copertura, 100 eventi e 900 ore di live.

L'inno, registrato negli storici AIR Studios di Londra con l'approvazione del chitarrista dei Queen Brian May, sarà protagonista di tutti gli elementi della brand identity dei Giochi olimpici invernali di Eurosport, a partire dalla campagna ‘Make it Yours’ lanciata anch'essa ieri. Gli spot illustrano i Giochi olimpici full digital sul canale che danno la possibilità di personalizzare l'esperienza visiva. Il primo brand-spot della campagna è stato trasmesso ieri con 11 versioni personalizzate create per i mercati chiave europei, che andranno in onda sui diversi canali del portfolio di Discovery.




Il cinema documentario e di ricerca torna protagonista
a Milano con Filmmaker International Film Festival


in programma dal 1° al 10 dicembre in tre differenti location la rassegna di 103 titoli, di cui 21 in anteprima assoluta e 20 in anteprima italiana, divisi nelle nove sezioni Concorso Internazionale, Prospettive, Fuori concorso, Sogni e Incubi, Rivoluzioni, Omaggio a Francesco Ballo, Filmmaker Moderns, Fuori formato e Prospettiva Grifi. La casa di profumi francese Olibere promuove il contest ‘Fragrances in Motion Award’. Torna anche l'evento b-t-b Milano Industry Days

27 nove
mbre 2017
- È stato presentato il programma di Filmmaker International Film Festival, la manifestazione dedicata da quasi quarant’anni al cinema documentario e, più in generale, di ricerca, punto di riferimento per chi vuole scoprire e sostenere nuovi autori, nuove forme cinematografiche, nuove relazioni col pubblico. Si svolgerà dal 1° al 10 dicembre presso lo Spazio Oberdan, l'Arcobaleno Film Center e la Casa del Pane, col sostegno del Comune di Milano, di Regione Lombardia, Mibact, Fondazione Cariplo, Forum Austriaco di Cultura, Goethe-Institut Mailand, Centro Ceco di Milano, Institut français Milano, Confcommercio Milano, Start.Srl, Le Rosse.

Nove le sezioni in cui si articola il programma: Concorso Internazionale, Prospettive, Fuori concorso, Sogni e Incubi, Rivoluzioni, Omaggio a Francesco Ballo, Filmmaker Moderns, Fuori formato e Prospettiva Grifi. A questi si aggiungono i film di apertura e chiusura, per un totale di 103 titoli, di cui 21 in anteprima assoluta e 20 in anteprima italiana.

L'apertura il 1° dicembre sarà alle 21.30 all'Arcobaleno con L'Atélier, il nuovo film di Laurent Cantet, presentato al Certain Regard dell'ultimo Festival di Cannes e in uscita l'anno prossimo in Italia, distribuito da Teodora Film. La chiusura sarà, come è tradizione, per il film di un autore italiano: Bruno Oliviero con ‘Nato a Casal di Principe’.

Il Concorso internazionale propone 11 film, senza distinzioni di formato, genere o durata, firmati tanto da giovani autori quanto da nomi di primo piano del panorama cinematografico internazionale, mentre le proposte Fuori concorso sono otto, tra cui le opere di due autrici italiane: Lara Fremder con Santa Fe e Monica Stambrini con Lady Oscar e il film evento dell'ultima stagione A fabrica de nada di Pedro Pinho. La sezione Prospettive vuole essere un laboratorio di idee, un momento d'incontro e di scontro tra visioni e punti di vista desiderosi di mettersi in gioco. Con 15 titoli (quasi tutti in prima assoluta) si prova a mappare quanto si muove nel cinema indipendente italiano under 35. Anche qui dei fuori concorso, tre: L'ultima popstar, sulla visita del Papa a Monza con la moltitudine smisurata di persone di 153 diversi Paesi disposta a tutto pur di essere presente all'avvenimento; La Convocazione di Enrico Maisto sulla figura del giudice popolare e De l'autre côté des montagnes di Fatima Bianchi.

Nel decennale della scomparsa, la Retrospettiva di Filmmaker 2017 sarà dedicata ad Alberto Grifi, con in più la pubblicazione di una monografia, una tavola rotonda e una serie di testimonianze. Tra gli ospiti dell'edizione 2017, ci sarà il maestro del cinema francese Alain Cavalier, 86 anni, che ha scelto da tempo di ridurre al minimo gli ingombri della ‘macchina cinema’, abbattendo i costi di produzione e aderendo in pieno alle novità introdotte dalla tecnologia digitale: verranno presentati I Six Portraits XL in anteprima italiana. Ci sarà anche un omaggio a Francesco Ballo, docente di Storia del Cinema e del Video all'Accademia di Belle Arti di Brera, studioso e filmmaker.

Per il ciclo ‘Sogni/Incubi’, Filmmaker torna a ospitare le opere di Lucien Castaing-Taylor e Véréna Paravel proponendo i due film che i registi hanno realizzato nel 2017: Caniba (Premio speciale della Giuria Orizzonti all'ultima Mostra di Venezia) centrato sul cannibalismo nell'esistenza umana, attraverso il caso del giapponese Issei Sagawa, che ha scritto romanzi, manga, è stato protagonista di documentari e film porno ed ha perfino lavorato come critico gastronomico. E poi ‘Somniloques’, quelli del musicista newyorchese Dion McGregor (caso clinico), in grado di raccontare, in tempo reale, mentre dormiva, i suoi stessi sogni.

Inaugurata l'anno scorso, si rinnova per Fuori Formato la collaborazione con l'Austrian Film Museum. Ritorna anche per la seconda edizione il contest ‘Fragrances in Motion Award’, ideato dalla casa di profumi francese Olibere, nelle due categorie Amatori e Professionisti, che invita a reinterpretare le essenze e lasciarsi guidare dall'olfatto per attivare gli altri: i registi partecipanti ricevono una collezione di sette fragranze e devono cercarne una interpretazione nelle immagini.

I biglietti per una singola proiezione costano 7.50 euro, l'abbonamento intero 30 euro e quello ridotto 25. Info su: www.filmmakerfest.com.

Infine, con la
mission di stimolare la fase iniziale di un progetto perché si passi dall'idea alla realizzazione, il 4 e il 5 dicembre allo Spazio Oberdan si tiene anche la terza edizione dell'evento b-t-b ‘Milano Industry Days’ (MID) promosso da Milano Film Network (MFN), una due giorni di pitching e networking professionali per il mondo del cinema e dell'audiovisivo italiano. MFN presenta a un pubblico di professionisti del cinema e dell'audiovisivo 10 progetti di film in sviluppo finalisti del workshop In Progress e 5 copie lavoro di lungometraggi selezionati per L'Atélier, fondo di sostegno ai film italiani in post produzione. Info su www.milanofilmnetwork.it.


Salvatore Ferragamo crea il bosco urbano il Parco delle Idee


occasione della Giornata nazionale degli alberi 2017, il brand fashion toscano ha avviato la piantumazione di duecento esemplari di piante autoctone all'interno del Polo Scientifico di Sesto Fiorentino, in collaborazione con LifeGate e in partnership tecnica con Carbonsink

22 novembre 2017 - Oltre che World Tv Day, ieri 21 novembre è stata la Giornata nazionale degli alberi, una festa promossa da Legambiente col sostegno del Ministero dell'Ambiente, FederlegnoArredo, Assocarta, Conlegno e Afi (Associazione forestale italiana). Una giornata per piantare nuovi alberi e restituire alle comunità spazi verdi dopo gli incendi boschivi. Ci sono state tante piantumazioni simboliche in aree protette e in territori colpiti dagli incendi.

Il brand fashion toscano Salvatore Ferragamo ha inaugurato, in collaborazione con LifeGate e in partnership tecnica con Carbonsink, il Parco delle Idee, un progetto per la creazione e la manutenzione di un bosco urbano composto da circa duecento esemplari di piante autoctone, all'interno del Polo Scientifico di Sesto Fiorentino. Il progetto porterà un miglioramento della qualità dell'aria, la possibilità di fruire di una nuova area verde che contribuirà a valorizzare la biodiversità locale e a migliorare il paesaggio urbano, l'opportunità per le scuole di realizzare attività ludico-didattiche nel campo della biologia, dell'ecologia e della conservazione della natura.

Per la realizzazione, LifeGate si avvale della partnership tecnica di Carbonsink, spin-off accademica dell'Università degli Studi di Firenze specializzata nello sviluppo di strategie di mitigazione del cambiamento climatico e nella compensazione delle emissioni di Co2. I dipendenti di Ferragamo hanno partecipato volontariamente per una giornata alle operazioni di messa a dimora delle piante.


Si celebra il World Television Day. Tema 2017, la fiducia.
Lo spot di Ebu, Act ed egta trasmesso dalle tv di tutto il mondo


edizione della giornata celebrativa proclamata dall'Onu per riaffermare l'importanza della tv nello sviluppo economico e sociale del pianeta. L'European Broadcasting Union, l'Association of Commercial Television in Europe e l'associazione europea delle concessionarie radiotv hanno realizzato un video da 30” sul suo ruolo nel fornire contenuti attendibili. i livelli di fiducia nei media tradizionali stanno aumentando in tutta Europa mentre è in discussione la veridicità di ciò che passa online

21 novembre 2017 - Oggi è il ‘World Television Day’, ventunesima edizione della giornata celebrativa proclamata dalle Nazioni Unite per riaffermare l'importanza del piccolo schermo nello sviluppo economico e sociale del pianeta. Il tema scelto quest’anno è l'affidabilità. Ebu (European Broadcasting Union), Act (Association of Commercial Television in Europe) ed egta, l'associazione europea delle concessionarie di pubblicità radiotelevisive, hanno prodotto un video da 30 secondi che enfatizza il ruolo della tv nel fornire contenuti attendibili in tutto il mondo, mantenendo gli spettatori aggiornati su ciò che accade nel proprio Paese e all'estero.

Lo spot viene trasmesso da emittenti televisive d’Europa, Asia, Canada e Usa, tra cui Rai e Mediaset. I telespettatori sono invitati a far conoscere il loro legame affettivo con la tv utilizzando gli hashtag #WeloveTV e #WorldTVDay sui social per tutta la giornata. Del World Tv Day e dell'importanza della tv si parla oggi in varie trasmissioni su reti Rai.

Responsabilità editoriale, qualità dei contenuti, trasparenza, una cornice normativa certa e una corretta misurazione dell'audience sono tra gli elementi che rendono la televisione un fornitore di contenuti affidabili e un ambiente sicuro per le comunicazioni commerciali. Studi recenti rilevano che i livelli di fiducia nei media tradizionali stanno aumentando in tutta Europa mentre le persone mettono in discussione la veridicità di ciò che vedono e leggono online. In 23 di 33 paesi in cui sono state condotte interviste, le persone dichiarano che tendono a fidarsi della tv e in 11 Paesi la tv è addirittura considerata il mezzo più affidabile (fonte: EBU basato su Eurobarometer 86, EBU Media Intelligence Service, Trust in Media, 2017). I tradizionali mezzi di comunicazione radiotelevisivi godono di una reputazione maggiore rispetto a quella di social media e testate giornalistiche esclusivamente online, soprattutto per il maggior grado di approfondimento che sono in grado di offrire.
In Italia, la tv si conferma il principale strumento d’informazione: i tg sono la fonte di notizie preferita dalla popolazione (48%), seguiti dai siti di news (25%) e dai quotidiani (8%). Altre info su www.worldtelevisionday.tv.




Torna a Milano il Photo Vogue Festival


festival internazionale della fotografia di moda è da oggi al 19 novembre a spazio BASE con le due collettive 'Fashion & Politics in Vogue Italia' e 'PhotoVogue/Visions'. A Palazzo Reale fino al 17 dicembre si tiene la monografica ‘Paolo Roversi – Storie’. Sono sponsor Audi, Huawei, Martini, Mediolanum Farmaceutici e Natuzzi Italia

16 novembre 2017 - Dopo l'edizione inaugurale del 2016 torna a Milano dal 16 al 19 novembre il Photo Vogue Festival, primo festival internazionale della fotografia di moda legato a un magazine. Due le sedi principali. Grazie al patrocinio del Comune di Milano e la sponsorizzazione di Mediolanum Farmaceutici, Palazzo Reale ospita dal 16 novembre al 17 dicembre ‘Paolo Roversi – Storie’, una monografica del maestro della fotografia di moda, famoso per la ricerca della luce e per l'uso della polaroid di grande formato.

A BASE Milano, Vogue Italia organizza, invece, col sostegno di Audi, Huawei, Martini, Mediolanum Farmaceutici e Natuzzi Italia, due collettive. 'Fashion & Politics in Vogue Italia' propone controverse storie su catastrofi ambientali, sulla violenza, sulla diversità, sull'ossessione per la chirurgia plastica, con immagini di Steven Meisel, David Lachapelle, Bruce Weber, Tim Walker, Peter Lindbergh, Miles Alridge, Mert & Marcus, Ethan James Green e Ellen Von Unwert. 'PhotoVogue/Visions' è una mostra di scatti di 18 fotografi, risultato di uno scouting tra le autocandidature presentate sulla piattaforma di Vogue.it dedicata alla promozione di talenti della fotografia.

Sempre a BASE Milano il programma del Photo Vogue Festival prevede una serie di talk con esperti del panorama fotografico mondiale, proiezioni e la presenza di curatori, editori e photo editor. a disposizione di fotografi selezionati, che avranno la possibilità di sottoporre il proprio portfolio al loro esame, il 18 novembre dalle ore 11 alle ore 13.

Il party di chiusura del 19 novembre presso BASE Milano con Dj set è sostenuto da Audi. È previsto anche un ricco programma di eventi collaterali.




Un Festival di Cannes semplificato, meno costoso, solo su 5 giorni.
L'organizzazione accontenta le holding e si rifocalizza sulla creatività


entra in una nuova fase della sua storia. Cambiano i criteri di assegnazione dei premi speciali, 120 sub-categorie vengono eliminate, i lavori Charity saranno giudicati a parte. Ogni lavoro potrà essere iscritto al massimo in sei categorie. Vengono eliminati i Cyber Lions, gli Integrated Lions e i Promo Lions. Nasce la Industry Craft Jury. Il Festival uscirà dal Palais e i lavori iscritti e quelli vincenti si vedranno su schermi in giro per Cannes. Ingressi gratuiti per 650 Young Lions delegate e altre facilitazioni. E Publicis Groupe annuncia che nel 2019 sarà di nuovo in gara

14 novembre 2017 - Ascential Event, proprietaria del brand CannesLions, è corso ai ripari ed ha annunciato a partire dalla prossima 65-esima edizione un Festival internazionale della creatività in versione semplificata. Troppi i segnali di malcontento da parte delle grandi holding della comunicazione, che avevano definito il Festival pletorico e confusionario, non più vocato alla celebrazione dell'eccellenza creativa, ma spostato eccessivamente sul profitto, con vere protagoniste le società tecnologiche. Già Arthur Sadoun, ceo di Publicis Groupe, aveva annunciato proprio durante l'edizione 2017 l'astensione da ogni premio l'anno successivo, per dedicare ogni sforzo economico all'implementazione della piattaforma di Intelligenza Artificiale ‘Marcel'. A ruota, Martin Sorrell di Wpp e John Wren di Omnicom avevano invitato a rivedere il modello. Un mese fa, il gruppo Wpp ha annunciato che non avrebbe iscritto campagne ad Eurobest e che stava valutando se partecipare o meno al prossimo CannesLions Festival, chiedendo che le categorie venissero ridotte, ci fosse una rifocalizzazione sulla creatività e che il Festival fosse più breve. Qualche preoccupazione l'ha avuta anche la città di Cannes, di fronte a richieste di spostare la kermesse in città meno costose come Londra o Berlino.

Un advisory committee di tutte le controparti era stato chiamato da Ascential a “dare forma al futuro dell'event
o, in modo che continuasse a rispondere ai bisogni dell'industry pubblicitaria”. Ci sono stati diversi abboccamenti. E ieri c'è stato l'annuncio. Il 65° CannesLions durerà solo cinque giorni, da lunedì 18 a venerdì 22 giugno 2018. Ci sarà maggior focalizzazione sui singoli Leoni, i delegati avranno un programma di maggior qualità e sfrutteranno meglio il tempo che passeranno a Cannes.

Ecco le novità organizzative principali:
- Le categorie saranno strutturate su nove ‘core track’ per dare meglio la misura dell'evoluzione dell'industry della comunicazione.
- A questi nove filoni saranno ispirati contenuti, panel e workshops.
- I criteri di assegnazione dei premi speciali Holding Company of the Year, Agency of the Year, Network of the Year saranno modificati per dare una misura più rispondente della qualità del lavoro.
- Ben 120 sub-categorie di assegnazione di Leoni saranno eliminate.
- I lavori Charity e di NGO saranno presentati a parte alla giuria rispetto ai lavori per le marche, primo passo per creare una separazione.
- Ciascun lavoro potrà essere iscritto a un massimo di sei categorie di premio.
- I sub festival Lions Innovation e Lions Entertainment torneranno a tenersi al Palais 2 e i Lions Innovation dureranno per tutti e cinque i giorni.

Ed ecco i cambiamenti relativi ai Leoni:
- Vengono eliminati i Cyber Lions, gli Integrated Lions e i Promo Lions.
- Vengono istituiti i Brand Experience & Activation, i Creative e-commerce e i Social & Influencer Lions
- Le categorie Craft per Print, Outdoor e Design saranno tolte dai rispettivi Leoni per essere giudicate da una Industry Craft Jury dedicata.

Andare al Festival costerà meno. Grazie ad accordi con la città di Cannes ci saranno facilitazioni, con free Wi-Fi lungo la Croisette, prezzi negli hotel fermi dallo scorso anno, menu a prezzo fisso in una cinquantina di ristoranti. Verrà offerto un pass gratuito a un Young Lions delegate per ogni struttura che ha iscritto almeno 15 lavori nel 2017, per un totale di oltre 650 ingressi gratuiti all'edizione 2018, per favorire l'approccio al Festival da parte della nuova generazione di creativi.

I lavori iscritti e quelli vincitori saranno visibili fuori dal Palais. Durante i cinque giorni del Festival, la città di Cannes ospiterà l'esposizione dei migliori lavori creativi in schermi posizionati nelle spiagge e in giro per la città in modo da dare più risalto e accrescere e condividere con tutti la Festival experience. I premiati saranno, inoltre, visibili sulle maggiori piattaforme, oltre che sul sito CanneLions.

E subito è arrivato un apprezzamento per le novità da parte di Publicis Groupe, che ha collaborato per sei mesi a fianco dell'organizzazione per migliorare la formula. L'holding guidata da Sadoun annuncia fin da ora che sarà di nuovo in gara al Festival a partire dall'edizione 2019. Nel 2018 sarà invece impegnata a promuovere insieme a Les Echos a Parigi ‘Viva Tech’, evento globale dedicato all'innovazione e alla tecnologia.



Ritorna la Campagna Nazionale della Qualità,
promossa in Italia dal Gruppo Galgano


IdeeIdeas fa parte delle cento aziende che aderiscono alla campagna nazionale ‘IoNoi’, promotrici di una qualità ‘sostenibile’ nei progetti, nei processi produttivi, nel rapporto coi clienti, nella comunicazione. Convegni a Genova, Milano e Roma, con sponsor Ansaldo Energia e Toyota Motor Italia. Il manifesto della qualità va on air per un mese in una maxi affissione all'aeroporto di Milano Linate, su quotidiani nazionali, su magazine cartacei e sul web. La Giornata Mondiale della Qualità si celebra in tutto il mondo il secondo giovedì di novembre

7 novembre 2017 - Riparte la Campagna Nazionale della Qualità, promossa in Italia dal Gruppo Galgano, con l'obiettivo di ricordare a tutti gli attori del contesto economico e sociale l'importanza della qualità, nei prodotti e nei servizi, nel pubblico e nel privato, per lo sviluppo del Paese, oltre al suo valore etico.

Il claim della campagna è ‘IoNoi’, a indicare che tutti sono chiamati ad adottare la qualità, dal 1989, quando nacque la ‘Giornata Mondiale della Qualità’, voluta dalle tre associazioni mondiali Sq, Juse, Eoq (American Society for Quality, Japanese Union of Scientistis and Engineers, European Organisation for Quality). La si celebra il secondo giovedì di novembre, quest'anno il 9.

Galgano ha programmato una serie di convegni: il 21 novembre a Genova sul tema ‘Quality 4.0’, in collaborazione con Ansaldo Energia; il 28 novembre a Milano con tema ‘Qualità e Innovazione Organizzativa’; il 5 dicembre a Roma con tema ’L'eccellenza al servizio del cliente’ in collaborazione con Toyota Motor Italia; il 12 dicembre a Milano con tema ‘Eccellenza operativa, programmi di successo”. (Prenotazione obbligatoria a relazioni.esterne@galganogroup.it )

Alla campagna aderiscono un centinaio di aziende italiane di diversi settori e dimensioni, tra cui IdeeIdeas, con l'obiettivo di unirsi a un movimento che promuove un cambiamento epocale, già in corso, sul fronte di nuovi paradigmi produttivi, organizzativi, comunicativi e socio-culturali orientati a una qualità sostenibile, intesa come ‘cura’ delle cose, delle persone, del tempo e dello spazio. Il manifesto della qualità va on air per un mese in una maxi affissione all'aeroporto di Milano Linate, su alcuni quotidiani nazionali, su molti magazine cartacei e sul web. Le aziende italiane aderenti alla Campagna Nazionale Qualità vi compaiono.

Realizzare e comunicare qualità oggi significa creare e comunicare valore. La qualità è una risposta significativa al bisogno di etica, è una forza pervasiva che deve coinvolgere tutta l'azienda e deve essere comunicata dentro e fuori le imprese, grazie alle nuove reti sociali che offrono nuove forme di condivisione e modificano l'economia della conoscenza. La Campagna Nazionale Qualità della Galgano risponde a un richiamo internazionale di ampio respiro e riunisce intorno a un valore di carattere sociale un gruppo di sensibilità aziendali.



Il ‘World Press Photo 2017’ a Torino, festival con sponsor
Lancia-FCA. Vincitore assoluto, Burhan Ozbilici di AP


esposizione al Mastio della Cittadella fino al 26 novembre le 150 immagini vincitrici dell'edizione 2017 del maggior concorso di fotogiornalismo al mondo, un viaggio per immagini tra gli avvenimenti più rilevanti pubblicati su testate internazionali. Erano in gara 80mila foto, scattate da 5034 fotografi. Il primo premio assoluto è stato per ‘An Assassination in Turkey - Mevlüt Mert Altinta’. A contorno, un calendario di incontri con ospiti internazionali

6 novem
bre 2017
- Il Mastio della Cittadella di Torino ha riaperto al pubblico per esporre fino a domenica 26 novembre le 150 immagini vincitrici del più prestigioso concorso di fotogiornalismo al mondo, il ‘World Press Photo’. Gli scatti, selezionati da una giuria internazionale presieduta da Stuart Franklin, sono arrivati a Torino grazie all'organizzazione di Cime, al patrocinio del Comune di Torino e della Regione Piemonte e al sostegno del Lancia Ypsilon, brand del Gruppo FCA che ha deciso di investire nel progetto “animata dall'attitudine alla sperimentazione creativa e all'esplorazione di nuovi territori di comunicazione”.

Ogni anno, migliaia di fotoreporter delle maggiori testate editoriali internazionali come National Geographic, BBC, CNN, Le Monde, Time, The Guardian, El Pais si contendono il titolo nelle diverse categorie del concorso di fotogiornalismo: Contemporary Issues, Environment, General News, Long-Term Projects, N
ature, People, Sports, Spot News. L'obiettivo è di aggiudicarsi un posto in questa mostra. Per l'edizione 2017 erano in gara 80mila foto, scattate da 5034 fotografi. L'esposizione rappresenta, dunque, un viaggio per immagini tra gli avvenimenti più rilevanti del nostro tempo, pubblicati su testate internazionali.

Il vincitore assoluto dell'edizione 2017 è Burhan Ozbilici di Associated Press con ‘An Assassination in Turkey - Mevlüt Mert Altinta’, scatto che ritrae un poliziotto subito dopo aver sparato all'ambasciatore russo in Turchia Andrey Karlov, ad Ankara il 19 dicembre 2016, durante l'inaugurazione di una mostra. Ozbilici è stato ospite d'eccezione all'inaugurazione del 3 novembre al Mastio della Cittadella e ha tenuto una public lecture il 4.

Tra i vincitori del World Pres
s Photo 2017 ci sono anche quattro italiani: Antonio Gibotta, secondo premio Daily life con lo scatto ‘Infarinati’, Francesco Comello terzo premio Daily life con ‘Isola della salvezza', Alessio Romenzi terzo premio per la sezione General news con ‘Non prendiamo prigionieri’ e Giovanni Capriotti vincitore del primo premio per la categoria Sport sezione ‘Storie’.

Il Mastio della Cittadella è in corso Galileo Ferraris angolo via Cernaia. La mostra è aperta dal lunedì al mercoledì dalle 10 alle 20 e dal giovedì alla domenica dalle 10 alle 22. Il biglietto intero costa 8.50 euro. L'esposizione un è vero e proprio festival che prevede anche incontri con fotoreporter internazionali, reading e presentazioni di libri.


Con Milano Digital Week porte aperte sui migliori progetti
e sulle idee più innovative della Milano digitale


aperta la ‘call for proposal' per essere tra i protagonisti della manifestazione, che sarà realizzata da Cariplo Factory con Iab e Hublab, dal 15 e al 18 marzo, per mettere in luce come il digitale stia trasformando il modo di vivere di Milano. Una chiamata per aziende, istituzioni, università, startup, centri di ricerca, associazioni a raccontarsi e ad aprirsi ai cittadini. Una mappa interattiva, in mostra presso Base, racconterà come la città cambia giorno dopo giorno

30 ottobre 2017 - Quattro giorni ‘a porte aperte’ dedicati alla produzione e alla diffusione di conoscenza e innovazione attraverso il digitale. Sarà questa la Milano Digital Week, evento che vuole essere una chiamata per aziende, istituzioni, università, startup, centri di ricerca, associazioni a raccontarsi e ad aprirsi ai cittadini, per far conoscere i tanti volti della Milano digitale. Questa prima edizione si terrà da 15 al 18 marzo 2018 ed è già aperta la call for proposal per partecipare.

L'iniziativa è promossa attraverso avviso pubblico dal Comune di Milano - Assessorato alla Trasformazione Digitale e Servizi Civici ed è realizzata da Cariplo Factory, in collaborazione con Iab e Hublab. Tra i sostenitori ci sono anche Adci, AssoCom, Assorel, Ferpi, Fedoweb, Netcomm.

Attraverso talk, mostre, seminari, eventi, performance, workshop, laboratori, verranno presentati gli esempi virtuosi di trasformazione digitale in atto nella città nei più diversi settori, da quello scientifico e tecnologico alla cultura, dalla comunicazione alla finanza, dal food al design, fino a tutti i nuovi ambiti di innovazione resi possibile dal digitale. Milano Digital Week sarà anche l'occasione per creare una mappa interattiva del digitale a Milano, in mostra presso Base tra il 15 e il 18 marzo, per delineare il quadro d’insieme degli attori attivi sul territorio.

Le candidature a partecipare con un proprio progetto, sia ideato appositamente per la manifestazione, sia già attivo ma non noto al pubblico, possono essere presentate entro il 31 gennaio sul sito www.milanodigitalweek.com. Per informazioni: info@milanodigitalweek.com.


In viaggio verso la sostenibilità con Fondazione Pubblicità Progresso


ruolo della comunicazione per coinvolgere le persone e promuovere scelte di vita e di consumo responsabili è al centro dell'edizione 2017 del Festival della Comunicazione Sociale. Una serie di appuntamenti coinvolge in ottobre e novembre diverse città e università italiane, con evento finale alla Triennale di Milano il 28 novembre

16 ottobre 2017 - La seconda edizione del Festival della Comunicazione Sociale, promosso da Pubblicità Progresso, è dedicata alla sostenibilità, tema fondamentale per il futuro di tutti, che viene affrontato da diversi punti di vista, con un focus sul ruolo della comunicazione per coinvolgere le persone e promuovere scelte di vita e di consumo responsabili. Con titolo ‘In viaggio verso la sostenibilità’, ha per protagonisti operatori del settore, organizzazioni non profit, imprese, responsabili della pubblica amministrazione, studenti, docenti e cittadini, coinvolti in eventi, seminari, incontri, rassegne video, visite guidate.

Si tratta di una serie di appuntamenti, di cui molti a Milano, che rientrano in un viaggio partito il 12 ottobre con un evento presso Sky a Milano (‘Sky Academy, un caso di studio’) per concludersi il 28 novembre, presso la Triennale , passando per Bologna, Gorizia, Cologno Monzese, Torino, Roma, San Marino, Genova. Vengono coinvolte diverse università, tra cui Tor Vergata a Roma, l'Università di Bologna, lo Iulm, la Cattolica e il Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Milano (dove saranno presentate le migliori case history di campagna sociali da tutto il mondo). L'evento finale alla Triennale si svolgerà dalle 9.30 alle 16.30 con la sessione del mattino dedicata a esperti, istituzioni e imprese e quella pomeridiana rivolta agli studenti.




Adci Awards 2017. GP agli studenti di Accademia di Comunicazione
e GP No Profit a ‘Chat Yourself’ di Y&R. Pozzetto nell'Hall of Fame


studenti hanno vinto col progetto sviluppato per Linkedin, mentre Y&R Milan ha ricevuto un'ulteriore conferma col chatbot per Messenger in aiuto ai malati d'Alzheimer, già pluripremiato a Cannes. La prima edizione del premio speciale Equal per la parità di genere e contro la violenza sulle donne è stato vinto da Indesit e Jwt con l'iniziativa @DoItTogheter. I premi sono stati assegnati in chiusura del 4° IF! Italians Festival, il festival italiano dedicato alla creatività

4 ottobre 2017 - La campagna ‘Chat Yourself’ di Young & Rubicam Milano ha vinto il Grand Prix No Profit agli Adci Awards 2017, assegnati sabato scorso in chiusura della quarta edizione di IF! Italians Festival, il festival italiano della creatività promosso da Adci e AssoCom in partnership con Google. ‘Chat Yourself’ per Italia Longeva (il network dedicato all'invecchiamento creato dal Ministero della Salute, dalla Regione Marche e dall'Irccs Inrca) è il chatbot per Facebook Messenger che dà supporto ai malati di Alzheimer nelle deficienze cognitive iniziali. Aveva già conquistato sei Leoni all'ultimo Festival internazionale della creatività di Cannes, ovvero 1 Oro, 1 Argento e 2 Bronzi nei Mobile, 1 Bronzo nei Pharma e 1 Bronzo nei Creative Data (vedi news del 26 giugno).

Sul podio dei Grand Prix sono saliti anche gli studenti dell'Accademia di Comunicazione con il progetto sviluppato per Linkedin. “Un lavoro straordinario, perfetto in ogni dettaglio, completo, maturo, pertinente e umano - ha commentato il presidente degli Adci Awards Andrea Stillacci (fondatore e presidente di Herezie Group) -. Un lavoro che quest'anno ha saputo mettere gli studenti al centro della nostra attenzione e della nostra ammirazione”.

Indesit con la campagna @DoItTogheter, realizzata da J. Walter Thompson (vedi news del 27 aprile), ha vinto la prima edizione del Premio Speciale Equal nato per sensibilizzare non solo i creativi ma anche le aziende sul tema della violenza sulle donne. È il riconoscimento per una comunicazione che promuova l'immagine di una donna coerente con i tempi in cui viviamo, attraverso l'utilizzo di una creatività mai lesiva della sua dignità e che superi definitivamente gli stereotipi di genere. Con la call to action @DoItTogheter, Indesit ha promosso la parità di genere e la collaborazione in famiglia nelle faccende di casa.

L'Hall of Fame, il riconoscimento dell'Adci destinato a un personaggio che si sia distinto per un significativo contributo sociale al Paese è andato a Renato Pozzetto. “Quest'anno il tema centrale di IF! è stato ‘sovvertire’ - ha detto Vicky Gitto, presidente dell'Adci -. Quando pensiamo a ‘sovvertire’ ci viene in mente qualcosa di rivoluzionario, in grado di ribaltare la realtà e Renato, nella sua carriera, ha rivoluzionato con ironia rappresentando importanti cambiamenti sociali. Con ‘Il ragazzo di campagna’ ha raccontato il trasferimento, il cambiamento e le sensazioni di giovani, che da un piccolo paese arrivavano a una grande metropoli. Con ‘Grandi Magazzini’ ha interpretato le sensazioni delle persone all'arrivo dei centri commerciali che allora ribaltavano le modalità di acquisto e con ‘Nessuno è perfetto’ ha trattato da pioniere ma con leggerezza la tematica transgender, tabù per il tempo, e ancora oggi di grandissima attualità”.
Tutti i premi assegnati …>>



‘Back to facts’, le fake news al centro del dibattito
al 69° Prix Italia. In concorso 222 programmi


tema della realtà contro le false notizie è il leitmotiv della quattro giorni, promossa da Rai, che si tiene a Milano al Palazzo dei Giureconsulti con dibattiti, workshop, anteprime Rai e anche momenti di spettacolo. Ingressi gratuiti fino a esaurimento previa prenotazione. I lavori per tv, radio e web in concorso provengono da 31 Paesi di cinque continenti

28 settembre 2017 - Parte oggi a Milano, presso il Palazzo Giureconsulti, l'edizione 2017 di Prix Italia, il premio internazionale di programmi tv, radio e web promosso dalla Rai, a cui quest'anno partecipano in 222 da 31 Paesi di cinque continenti: 101 nelle categorie tv, 94 in quelle radio e 27 per il web. Il 69° Prix Italia sarà anche il luogo dell'approfondimento sui temi dell'informazione, proponendo - anche in streaming al sito www.prixitalia.rai.it - incontri pubblici, dibattiti e workshop, con l'intervento di protagonisti del mondo della comunicazione, per continuare nella mission di “interrogare e interrogarsi sui grandi temi del nostro tempo e sull'evoluzione dei suoi linguaggi”.

Al centro del dibattito c'è quest’anno il tema, quanto mai attuale, delle fake news: ‘Back to facts. La realtà contro le false notizie' è il titolo dell'evento. Come ha detto il presidente della Rai, Monica Maggioni, “nell'epoca di quello straordinario strumento che è il digitale, vanno ripensati i meccanismi di produzione delle notizie e la possibilità di verificarle”. Secondo il segretario generale di Prix Italia, Karina Laterza, inoltre, “le fake news rimettono al centro il ruolo dell'editoria e dei grandi editori, perché dimostrano che occorrono filtri e responsabilità”. Verrà così dato spazio anche alle strategie messe in atto dagli editori contro le fake news.

Durante la quattro giorni (28 settembre – 1° ottobre) ci saranno, oltre agli workshop, anche programmazione di anteprime Rai e momenti di spettacolo, come il concerto questa sera di Renzo Arbore al Teatro dal Verme (già tutto esaurito) che farà seguito alla presentazione dei palinsesti di Radio Rai. Gli eventi sono a ingresso gratuito, con prenotazione obbligatoria all'indirizzo email prixitalia.eventi@rai.it.
Per conoscere il programma dettagliato …>>



Entra nel vivo il 4° IF! Italian Festival.
Souldesigner e Swarm Lab ne sono partner attivi


il secondo anno consecutivo Souldesigner Hybrid Design Studio con la sua Hackademy e Lab Swarm sono partner ufficiali del Festival. Organizzano un workshop e una tavola rotonda, lanceranno un programma di formazione in collaborazione con Assocom e firmano anche la web app del Festival. Il fondatore di Souldesigner, Samuele Franzini, è regista della serata di apertura, della Director's Battle e dell'evento di chiusura con la premiazione degli Adci Awards

27 settembre 2017 - Dopo le due giornate di ieri e di oggi dedicate alla formazione, entrerà nel vivo domani IF! Italian Festival, il maggior evento dedicato alla creatività italiana, presso il Teatro Franco Parenti di Milano, organizzato e promosso dall'Art Directors Club Italiano e da Assocom in partnership con Google, con tema #sovvertire (Programma su https://www.italiansfestival.it/). E per il secondo anno consecutivo Souldesigner Hybrid Design Studio con la sua Hackademy e Lab Swarm ne sono partner ufficiali. Il fondatore di Souldesigner Samuele Franzini ricopre un ruolo ufficiale nell'organigramma della manifestazione in qualità di regista della serata di apertura (domani, giovedì 28, alle 19), della Director's Battle venerdì 29 (col pubblico che decreterà il vincitore con l'applausometro) e di quella di chiusura sabato
30 con la premiazione degli Adci Awards.

Continua, inoltre, la collaborazione tra Souldesigner Hybrid Design Studio e Sky Arte Hd, che lancia durante il festival ‘ArtQuake - L'arte salvata’, un nuovo programma promosso sul Led Wall del foyer attraverso una video installazione a cura di Souldesigner.

IF! è inoltre il momento di lancio del programma di formazione ‘Progettare l'interazione con il brand’ promosso da Souldesigner e Swarm in collaborazione con Assocom: un ciclo di 5 incontri settimanali (dal 15 novembre) con esperti e professionisti, per sperimentare come i linguaggi della creatività digitale e dell'interazione tramite tecnologie possono diventare il cuore della strategia di comunicazione del brand.

Particolarmente ricca e in linea con il tema #sovvertire anche la la proposta di contenuti che Souldesigner e Swarm, nelle vesti di cultural partner, proporranno al pubblico, tra cui venerdì mattina il workshop teorico e pratico su Interaction Design e Design Thinking, dal titolo ‘Beyond Viral, Designing Innovative and Effective Digital Physical Experiences’, alla scoperta delle migliori soluzioni interattive per le strategie di comunicazione e di business dei brand. E poi, sabato 30 settembre, (dalle 17 alle 17, 45) ci sarà la tavola rotonda ‘Art e Digital Design per progettare l'interazione con il brand’.

Souldesigner e Swarm saranno anche presenti nel foyer del Teatro con una postazione dedicata, dove sperimentare, tra l'altro, la video installazione interattiva Digital Soul. Infine, Souldesigner lancia la web app del festival attraverso cui accedere a informazioni e interagire in modo attivo dal proprio cellulare con alcuni dei momenti salienti della tre giorni.


Torna Bottiglie Aperte e progetta di fare sistema
con altri eventi dedicati al vino per dar vita alla Milano Wine Week


sesta edizione della manifestazione b-to-b dedicata al vino made in Italy si terrà a Milano al Palazzo delle Stelline l'8 e il 9 ottobre con degustazioni, convegni e incontri. Verranno assegnati anche premi, tra cui il Wine Style Award per l'impegno in comunicazione e marketing dei produttori. Dal 9 al 15 si terrà invece la Vendemmia di via Montenapoleone nel Quadrilatero della moda, che poi si sposterà a Roma e a Shangai

25 settembre 2017 - Torna l'8 e il 9 ottobre a Milano ‘Bottiglie Aperte’ presso il Palazzo delle Stelline, manifestazione alla sesta edizione, dedicata al vino made in Italy, con una proposta a base di degustazioni (Masterclass con degustazioni verticali e orizzontali), convegni e appuntamenti per wine lover, esperti del settore, produttori e distributori. Il format ha l'obiettivo principale di mettere in contatto cantine e produttori - oltre 100 le aziende presenti - con operatori dell'Ho.re.ca e del retail. È ideato e diretto da Federico Gordini, comunicatore del food e ideatore di eventi enogastronomici milanesi come Milano Food Week, che lancia la proposta di dar vita a una Milano Wine Week, facendo sistema con altri format milanesi come la Vendemmia di via Montenapoleone, che parte praticamente in concomitanza (9-15 ottobre) nel Quadrilatero della Moda. L'idea sarebbe di creare un grande evento di sistema in cui Bottiglie Aperte sarebbe la manifestazione b-t-b.

Il 6° Bottiglie Aperte prevede i
ncontri e workshop, tra cui il convegno di apertura sull'impatto negativo del cambiamento climatico sulla viticoltura e il vino. Altri saranno centrati sugli approcci generazionali degli imprenditori del settore e sulle relazioni tra vino e finanza (‘Wine&Finance’), in cui si valuteranno i motivi per cui i fondi di investimento trascurano in Italia il settore vinicolo a differenza di altri Paesi. Due gli workshop: ‘La seconda vita degli imprenditori’ e ‘Imprese 2.0’.

Ci saranno, come nelle precedenti edizioni, gli Awards, tra cui il premio Wine Style Award per gli sforzi di comunicazione e marketing dei produttori (in giuria anche docenti di master legati alla comunicazione del food&beverage), che prevede quatto declinazioni: per la Miglior Presenza Fieristica, per la Miglior Comunicazione Social, per il Miglior Sito Web e, infine, per il Miglior Packaging.

L'organizzazione di Bottiglie Aperte è da quest’anno in collaborazione con ABS Wine & Spirits (gruppo Aliante Business Solution). C’è anche il risvolto charity: i ricavato delle Masterclass sarà destinato alla ricostruzione di una casa famiglia per i minori disabili che frequentano l'Istituto Alberghiero di Amatrice. Altre info su: www.bottiglieaperte.it.

A seguire si tiene la Vendemmia di via Montenapoleone. L'evento, ideato e promosso da MonteNapoleone District e realizzato in collaborazione con il Comitato Gra
ndi Cru d’Italia, tornerà a legare per l'ottava edizione lo shopping nelle boutique con le degustazioni e gli eventi. Ristoranti del centro offriranno a prezzi speciali il menu de La Vendemmia mentre gli hotel di lusso organizzeranno attività e offriranno pacchetti Five Star Luxury Hotels. Anche qui ci sarà il risvolto charity, con l'asta benefica ‘Italian Master’ di Christie’s che si terrà giovedì 12 ottobre a Palazzo Bovara, a favore della Onlus Dynamo Camp (camp di terapia ricreativa in Italia per bambini e ragazzi affetti da patologie neurologiche).

Il binomio vino e boutique di moda terrà banco fino al 15 ottobre, poi, per la prima voltal'evento si sposterà dal 16 al 22 ottobre a Roma, promosso e organizzato insieme alle Associazioni di Piazza di Spagna e Via Condotti e Confcommercio. Prevederà anche una serie di visite guidate ai palazzi storici usualmente chiusi al pubblico associati a Dimore Storiche. Il format sarà successivamente replicato per la prima volta anche a Shanghai. Altre info su www.montenapoleone.luxury/it/la-vendemmia.html.


Un'idea al volo scritta su un Kleenex, a IF!
anche un contest creativo su brief impossibili


Directors Club Italiano e l'agenzia Ideal invitano a mettersi alla prova durante il Festival creativo più importante d'Italia, che apre i battenti martedì 26 al Teatro Franco Parenti di Milano. Esposizione delle idee e premiazioni al corner Kleenex

22 sett
embre 2017
- A IF! Italian Festival si potrà partecipare a un singolare test creativo, ideato in Adci, che vedrà protagonisti i Kleenex nella veste di foglietti pro memoria, come spesso accade nella realtà. IF! si svolgerà su cinque giornate (di cui le prime due di pre-opening dedicate alla formazione) dal 26 settembre al 30 settembre al Teatro Franco Parenti di Milano, organizzato e promosso dall'Art Directors Club Italiano e da Assocom in partnership con Google. Tema portante di questa edizione: ‘sovvertire’. (Programma su https://www.italiansfestival.it/).

Su idea dei soci Adci Gianguido Saveri e Francesco Mollo, l'agenzia Ideal ha sviluppato il contest ‘Quando c'è un'idea, passami un Kleenex’. I partecipanti al Festival che vorranno cimentarsi nel contest dovranno scegliere uno dei temi proposti e rappresentare la propria idea, necessariamente sintetica, su un Kleenex, trovando una proposta originale in risposta a brief impossibili tipo ‘wow effect, unconventional proposal e low budget, great visibility’. Al Festival ci sarà un corner Kleenex con un wall dove appendere i foglietti con le idee.

Venerdì 29 e sabato 30 settembre si potrà dare la propria risposta creativa e alle 17 di sabato una giuria composta da soci Adci e da un manager del brand Kleenex selezionerà la shortlist e le tre idee vincitrici. Alle 20 al corner Kleenex verranno proclamati i campioni in ‘risposta a brief impossibili'.


Nasce a Milano ‘Palazzo Litta Cultura’, progetto del Mibact
con MoscaPartners per una nuova offerta culturale per la città


e privato in partnership per offrire opportunità culturali interdisciplinari, dall'arte al design, dalla fotografia al cinema, dal teatro alla danza. L'agenzia vincitrice del bando ha chiamato a collaborare Mia Photo Fair Projects, esterni, Ponderosa Music&Arts. Il logo si deve a Studio Fragile. Il palinsesto è all'insegna del claim ’Un'offerta culturale indisciplinata’

21 settembre 2017 - Pubblico e privato, secondo un modello possibile dal 2016, si uniscono per offrire alla città di Milano un nuovo spazio dove fruire di opportunità culturali che spaziano tra arte, design, fotografia, cinema, musica, poesia, teatro e danza. Il luogo è Palazzo Litta, una della più belle dimore barocche della città, dove in ottobre prenderà il via ‘Palazzo Litta Cultura’, progetto ideato dal Mibact per la Lombardia insieme a MoscaPartners, vincitrice del bando pubblico relativo, e con il patrocinio del Comune di Milano. L'idea è anche di aggregare su Palazzo Litta le numerose forze creative e culturali già attive in città.

MoscaPartners, agenzia di progettazione e realizzazione di manifestazioni internazionali di design e cultura, ha chiamato a collaborare tre specialisti nei settori del cinema, della fotografia e della musica: esterni, Mia Photo Fair Projects e Ponderosa Music&Arts. Insieme stanno costruendo un palinsesto all'insegna del claim ’Un'offerta culturale indisciplinata’, nel senso che tutte le discipline saranno presenti senza che nessuna prevalga sull'altra, un programma che coinvolgerà le diverse arti in un progetto corale.

Il s
enso di apertura verso l'esterno si rispecchia nel marchio di Palazzo Litta Cultura, concepito da Studio Fragile di Mario Trimarchi e Frida Doveil: un'identità che, attraverso un reticolo di quadrati colorati, descrive e connette tra loro gli apporti culturali alla base del progetto.

L'allestimento delle mostre è a cura dello studio aMDL - architetto Michele De Lucchi ed è ordinato in elementi modulari. L'incontro tra le varie forme dell'arte e dello spettacolo è la chiave di volta della programmazione degli eventi. Si parte in ottobre portando a Milano uno scorcio del Giappone, con la mostra The Yokohama Project 1867-2017 e col concerto della compositrice e percussionista Midori Takada che si esibirà il 3 ottobre, a inaugurare la stagione 2017.




Il Registro celebra i trent'anni del dominio .it, oltre 3 milioni gli iscritti


dei nomi a dominio .it, attiva da dicembre 1987, ha superato i 3 milioni tra imprese e persone iscritte. L'anniversario viene festeggiato con una serie di incontri, partendo da domenica 8 ottobre a Pisa nell'ambito dell'Internet Festival con ‘30 anni di .it‘, per continuare a Roma il 26 ottobre per la finale della competizione per startup .itCup Registro e infine a Milano il 24 novembre con un grande evento celebrativo

19 settembre 2017 - Sono passati 30 anni da quando lo IANA (Internet Assigned Numbers Authority) delegò nel dicembre 1987 il Cnr di Pisa a gestire il Registro, l'anagrafe dei nomi a dominio .it. Oggi sono oltre tre milioni (il tremilionesimo è stato registrato nel dicembre 2016) i nomi italiani assegnati a persone fisiche e imprese, cominciando dai grandi brand pionieri come Enel, Ferrari, La Rinascente, Buffetti, Acqua di Parma che aprirono il sito e iniziarono la loro storia digitale tra la fine degli anni ottanta e i primi anni novanta.

Per festeggiare l'anniversario, il Registro varia una serie di appuntamenti dedicati alla storia digitale di .it, partendo con quelli ospitati all'interno dell'Internet Festival (in programma a Pisa dal 5 all'8 ottobre), tra cui l'evento clou (domenica 8 dalle 16 alle 18), organizzato in collaborazione con Startupitalia, che porterà sul palco le storie di aziende e di protagonisti del web che hanno scelto .it per caratterizzare la propria identità.

A Roma il 26 ottobre ci sarà la finale di .itCup Registro, la competizione per startup Ict del Cnr, che mette in palio la possibilità di volare in Silicon Valley per un'esperienza di formazione imprenditoriale presso la Startup School di Mind The Bridge. Si contenderanno l'opportunità 6 startup selezionate tra le 100 che si sono candidate.

Infine a Milano, il 24 novembre (dalle 11 alle 16), ci sarà l'evento celebrativo ‘30 anni di .it’ (presso La Pelota) che ripercorrerà le tappe del percorso di Registro .it che “fin dalla nascita – come sottolinea il direttore Domenico Laforenza - si è reso parte attiva di un processo di diffusione partecipato e condiviso della cultura della rete, ispirato alla libera competizione degli attori, all'uso consapevole, alla neutralità, e nel quale trovano ampia rappresentanza le comunità globali di internet“. Tra gli appuntamenti della giornata, citiamo l'analisi ‘Il futuro dei nomi a dominio’ e l'incontro ‘L'Italia digitale: politiche e buone pratiche per l'Agenda digitale italiana’. Ci sarà spazio per le imprese e per le scuole.


Torna a Milano dal 5 all'8 ottobre il Festival internazionale
del documentario ‘Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà’


l'UniCredit Pavilion e la nuova sede della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, il Festival proporrà a ingresso free anteprime, incontri, eventi, masterclass, premiazioni. Presenterà 12 titoli selezionati per il concorso Storie dal mondo contemporaneo, 10 titoli internazionali in anteprima italiana e 10 fuori concorso. Quindici i progetti work in progress in cerca di finanziamento

18 settembre 2017 - Torna dal 5 all'8 ottobre a Milano il ‘Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà’, appuntamento col cinema del reale, aperto gratuitamente al pubblico. Giunto alla terza edizione, prevede anteprime, incontri, eventi, masterclass, premiazioni.

Madrina sarà la scrittrice pakistana Fatima Bhutto, mentre ospite d’onore sarà il documentarista e regista Leonardo Di Costanzo che terrà la masterclass ‘Dal film documentario al cinema del reale’, in programma domenica 8 ottobre. Verrà insignito del Premio Visioni dal Mondo - Cinema della Realtà 2017 e sarà celebrato anche con una retrospettiva quasi integrale delle sue opere.

Numerose le novità di questa edizione, a iniziare dalla collaborazione con la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli che metta disposizione la nuova sede in viale Pasubio 5 a Milano, che si aggiunge ai luoghi del Festival (principale quella dell'UniCredit Pavilion). Vi verranno presentati in anteprima alcuni documentari per la Sezione Panorama Internazionale che tratteranno di temi di attualità come immigrazione, violenza domestica, disturbi alimentari, guerre, ambiente, scienza e innovazione, cybersecurity, Brexit.


Il Festival è organizzato da UniCredit Pavilion e dalla società di produzione FrankieShowbiz, con la direzione artistica di Fabrizio Grosoli. Presenta oltre 30 film documentari, con 12 titoli selezionati per il concorso Storie dal mondo contemporaneo su più di 200 film iscritti, che concorreranno al Premio UniCredit Pavilion di 5.000 euro e al Riconoscimento Rai Cinema, che prevede l'acquisizione dei diritti televisivi per le reti Rai. Ci saranno poi 10 titoli internazionali pluripremiati in anteprima italiana e 10 titoli fuori concorso di produzione cinematografica italiana contemporanea.

È confermata la sezione dedicata a
ll'Industry ‘Visioni Incontra’, a inviti, che presenterà 15 progetti work in progress in cerca di finanziamento finale, pre-acquisto o distribuzione. Prevede l'incontro fra progetti work in progress di documentaristi italiani e i professionisti del settore (editor televisivi, circuiti cinema, piattaforme, acquisition manager, sales agent, produttori, distributori, direttori di festival). I 15 progetti concorreranno inoltre al premio ‘Visioni Incontra Migliore Progetto Documentario’, offerto da FrankieShowbiz, del valore di 2.500 euro.

La manifestzione ha il patrocinio della Regione Lombardia, del Comune di Milano, di 100autori, Associazione dell'autorialità cinetelevisiva. Main media partner è Rai con Rai News24, Rai Cultura, Rai Cinema. Ha il sostegno finanziario di Siae. Collaborano Istituto Luce-Cinecittà, Doc/it - Associazione Documentaristi Italiani, Lombardia Film Commission, Hot Docs, MyMovies.it. Radio media partner è Radio Popolare. Sono coinvolte facoltà e scuole di cinema milanesi.




Ritorna Milano Film Festival


il 28 settembre e l'8 ottobre, presso Base, Mudec e Cinema Ducale, MMF 2017 proporrà proiezioni, anteprime italiane, rassegne, incontri, mostre, serate musicali, eventi speciali. Tra questi, il Concorso lungometraggi, il Concorso cortometraggi, la video installazione multischermo ‘Noi’ sulla rivolte studentesche tra il ’67 e il ’77 a Milano, visibile a ingresso free

13 settembre 2017 - Si terrà da giovedì 28 settembre a domenica 8 ottobre MMF 2017 - Milano Film Festival, promosso dal Comune di Milano – Assessorato alla Cultura e realizzato in collaborazione con il partner storico Gruppo CAP e il nuovo Fastweb Digital Academy. La sede è nel distretto Tortona, tra Base Milano, Mudec e Cinema Ducale, dove verranno proposte proiezioni, anteprime italiane, rassegne, incontri, mostre, serate musicali, eventi speciali.

Cuore dell'evento sarà il Concorso lungometraggi: otto opere prime e seconde e in anteprima italiana, girate da registi provenienti da tutto il mondo. Il concorso cortometraggi, invece, prevede 41 film brevi girati da registi esclusivamente under 40. Tra le novità di quest’anno, anche due mostre a ingresso gratuito presso Base: la video installazione multischermo ‘Noi’ sulla rivolte studentesche tra il ’67 e il ’77 a Milano e l'esposizione ‘Enrico Appetito per Michelangelo Antonioni sui set 1959-1964’.

Confermati gli storici appuntamenti del Festival: Colpe di Stato (documentario politico); Audiovisiva (eventi tra musica, arte e nuove tecnologie); Debut (appuntamenti per chi vuole entrare nel cinema): la storica maratona di animazione; VideoEspanso (video musicali) e il Milano Film Festivalino per i piccoli.

Si rinnova l'occasione ‘Adotta un regista’ di ospitare i registi che arrivano in città a presentare i propri film: mettendo a disposizione letti, divani o soppalchi a giovani autori si ottengono accessi gratuiti a tutti gli eventi del festival (scrivere a iocisono@milanofilmfestival.it). Altre info su www.milanofilmfestival.it.


Ballo, social, fornelli. Miss Italia va oltre
alla bellezza e testa formati tv nuovi su La7


racconto di Miss Italia televisivo è partito domenica 3 in prime time, prosegue con le tre puntate pomeridiane di ‘Miss Italia Chef’ per arrivare al clou della finale di sabato 9 in diretta da Jesolo. Tra le novità, il sodalizio con Venezia con l'adesione alla campagna d#EnjoyRespectVenezia e un reportage affidato al fotogiornalista Gabriele Micalizzi su luoghi e lagune, miss e momenti. Le miss curvy da quest’anno saranno ‘very normal size’

6 sette
Patrizia Mirigliani, Francesco Facchinetti e
Rachele Risaliti, miss Italia 2016
mbre 2017
- Evolve Miss Italia adottando nuovi valori, cercando consensi tra i giovani attraverso i social e sperimentando spin off televisivi. Il sodalizio confermato con La7 per il quinto anno consecutivo vede il concorso comparire sulla rete (e su La7d) in più momenti e con formule alternative alla gara tradizionale.

Il momento clou resta ovviamente la finale di sabato 9 settembre, in diretta da Jesolo, con conduzione per il secondo anno di Francesco Facchinetti, che sarà aperta, invece che dalla classica sfilata, dalle ragazze impegnate a ballare e cantare sulle note di La La Land in atmosfere anni 50 (quasi una prova showgirl). Ma il racconto di Miss Italia televisivo è partito già domenica 3 con ‘Gli esami’ (in sostanza le selezioni che hanno portato da 210 aspiranti a 30 concorrenti) e che in prime time ha fatto un onorevole 2,52% (con peak di 2,8%). Proseguirà oggi, domani e venerdì alle 14.20 con le tre puntate di ‘Miss Italia Chef’ da La Casa di Miss Italia, un talent cooking show per trovare la migliore ai fornelli e anche per sfatare il mito, come ha detto Patrizia Mirigliani della Miren (la società che da 78 anni organizza il concorso), che l'eccellenza in cucina sia prerogativa maschile : “Riporteremo la bellezza in cucina”.

Le ragazze dovranno mostrare abilità coi social. Ci sarà per la prima volta una fascia di Miss Social, assegnata da una giuria ad hoc, composta da star della rete come il duo comico iPantellas, la fashion blogger Chiara Nasti, l'attrice Angelica Massera e l'influencer Giulia Valentina. Nella giuria artistica, quella che taglierà speranze e assegnerà insieme al pubblico televisivo il più ambito riconoscimento, ci saranno invece Christian De Sica, Gabriel Garko, Nino Frassica, Manuela Arcuri e Francesca Chillemi.

Un'altra novità a cui Mirigliani tiene molto è il sodalizio in nome della bellezza e del rispetto con Venezia, città metropolitana di cui Jesolo fa parte, che ha ospitato nel centro storico la presentazione delle 30 finaliste e che sarà ‘ospitata’ al Pala Arrex durante la finale. Miss Italia ha aderito e sarà parte attiva nella campagna di sensibilizzazione #EnjoyRespectVenezia attivata dalla città per orientare i visitatori a rispettare ambiente e bellezze artistiche. E ha incaricato il fotogiornalista Gabriele Micalizzi, celebre per i reportage in zone di guerra, di farne uno su luoghi e lagune, su miss e momenti, da cui nascerà il Calendario 2018 di Miss Italia.

E ancora. Le miss curvy da quest’anno saranno ‘very normal size’. Ci saranno due miss di colore e una di origine ucraina. Si conferma l'impegno nella battaglia contro la violenza alle donne con la presenza di Gessica Notaro, miss Romagna 2007 sfregiata dal fidanzato con l'acido, e contro la violenza di genere. In particolare, uno dei top sponsor, Equilibra, promuoverà il progetto ‘A scuola di rispetto’ coinvolgendo Piemonte, Toscana, Calabria, Campania e Lazio con un piano gratuito di 14 ore di docenza per ogni scuola. Gli altri top sponsor, per inciso, sono Rocchetta, Miluna,
Patrizia Mirigliani e Marco Ghigliani
Alpitour, Dermal Institute, Tricologica, Joseph Rilkoff, Interflora, Fria, Giadamarina mentre sono sponsor Caffè Motta, Optima, Babyliss, Del Monte, Daygum White, Freddy.

Obiettivi d’audience? Ovviamente di fare meglio dello scorso anno, quando, come ha ricordato l'amministratore delegato di La7 Marco Ghigliani, si è registrata per la finale una crescita del 20% rispetto al 2015 col 7% di share media e un milione di telespettatori su La7 e La7d in contemporanea: “È stato il terzo programma più visto della serata e il 1° nell'ultima parte. Inoltre la composizione del pubblico è stata più giovane rispetto agli ultimi anni e ha avuto più seguito su social e sito”. Il rinnovo del contratto con Miren, quadriennale all'inizio e poi annuale, pare scontato anche per il 2018.


La ‘Vogue Fashion's Night Out’ si trasforma in ‘Vogue for Milano’


organizzato dal magazine col patrocinio del Comune di Milano evidenzierà il legame con la città, capitale della moda made in Italy, e metterà l'accento sull'italianità. In programma il 17 settembre in fascia oraria 17-22 estensibile, prevede mostre fotografiche, fashion talk experience nelle boutique, proiezioni cinematografiche, party e un grande concerto dal vivo. Sponsor Audi, Martini, Nivea e Qvc

20 luglio 2017 - La ‘Vogue Fashion's Night Out’ nell'era della direzione Farneti si trasforma in ‘Vogue for Milano’, per evidenziare il legame con la città, capitale della moda made in Italy, a cui dedica non più solo la sera ma l'intera giornata. La manifestazione, organizzata dal magazine di Condè Nast Italia col patrocinio del Comune di Milano, metterà l'accento sull'italianità, in sintonia col nuovo corso impresso dal direttore Emanuele Farneti, e l'italianità sarà anche il tema portante del numero di settembre.

L'evento per appassionati di fashion e shopping si svolgerà il 17 settembre, dalle 17 alle 22, ma la chiusura potrebbe essere ritardata e la festa potrebbe arrivare a coprire l'intera giornata. Prevede mostre fotografiche, fashion talk experience nelle boutique, proiezioni cinematografiche, party e un grande concerto dal vivo in piazza Duomo. Come negli altri anni, i brand aderenti metteranno in vendita oggetti in edizione limitata, il cui ricavato sarà devoluto alla realizzazione di un'opera di valore sociale, scelta dal Comune con Vogue Italia: quest'anno i f
Emanuele Farneti con l'assessore Cristina Tajani
ondi serviranno alla copertura della pedana del Mercato Comunale di Lorenteggio, progettata da Renzo Piano, che potrà così ospitare spettacoli e attività sociali ed essere utilizzata anche d'inverno.

All'iniziativa aderiranno centinaia di negozi, boutique e griffe nelle zone del centro e del quadrilatero della moda, da via Montenapoleone a Corso Genova, dal quartiere di Brera a quello di Porta Nuova. Sponsor/partner dell'edizione 2017 sono Audi con Audi Q2 e gli #untaggablejourney, Martini cocktail ufficiale, Nivea con deo Nivea Invisible for Black and White e la piattafoma di shopping Qvc con La Qvc Next/The Fashion Edition. Rmc sarà radio ufficiale. Altre info su http://www.vogue.it/vfno2017. Hashtag ufficiale: #VFNO2017.
Per saperne di più sul programma …>>



AssoCom sui trend del mercato adv, +1,6% nel 2017 e +2.5%
nel 2018, al traino del digital. Focus sull'evoluzione dei social


il digital cresce sopra media conquistando quote a scapito degli altri mezzi, che rallentano il passo come tv e radio o retrocedono come la stampa. Già nel 2018 il digital supererà i due miliardi di fatturato pubblicitario e peserà per il 26,6% sul totale. E il mobile supererà la stampa. A ‘Comunicare Domani’ si è delineato il futuro del mercato della comunicazione commerciale, anche alla luce della trasformazione dei social media

30 giugno 2017 - L'anno scorso era stata annunciata per il 2017 una crescita del mercato pubblicitario del 2,7%. Un po’ troppo ottimista. A ‘Comunicare Domani’, l'evento annuale di AssoCom sui trend del mercato pubblicitario, Guido Surci, presidente del Cent
Guido Surci
ro Studi (nonché chief strategy & innovation officer di Havas Media Group), ha indicato un trend più rallentato, +1,6%, che farà chiudere l'anno col totale mercato sotto i 7.500 miliardi, rimandando al 2018 un più consistente aumento del 2,5%. Grande protagonista della crescita è il digital che allora supererà i 2 miliardi di euro di fatturato pubblicitario.

Le previsioni di mercato sono state, come sempre, il pezzo forte dell'evento che, in questa edizione, ha messo al centro dell'attenzione il ruolo dei s
Emanuele Nenna
ocial network e le implicazioni evolutive sulla comunicazione commerciale, oltre che sulla vita delle persone. “Parliamo di ‘post social' - ha introdotto Emanuele Nenna, presidente di AssoCom - perché in un convegno che si intitola Comunicare Domani dobbiamo e vogliamo parlare di futuro. Non perché crediamo che dopo il social non ci sarà più il social. Ma perché siamo convinti che dopo questa clamorosa ondata di social il mondo non sarà più lo stesso. E siamo curiosi di immaginare come potrebbe essere”.

Ne hanno parlato un pool di accademici, marketing manager e specialisti della comunicazione. Tra questi, citiamo l'intervento di Sylvain Querné, marketing communications director di Facebook in Italia, che ha sottolineato come Facebook, arrivato a contare 2 miliardi di utenti giornalieri nel mondo, si stia focalizzando sulla costruzione di community e quanto sia cambiato negli ultimi tre anni, spostandosi dalla prevalenza di testi al consumo estremo di video, che vengono percepiti 60.000 volte più in fretta dei testi e che avranno sempre più peso. Ha ricordato come mondi virtuali e reali si siano ormai già fusi e come non abbia più senso distinguere tra online e offline. E ha indicato come parola chiave per valorizzare l'esperienza della comunicazione commerciale sui social la rilevanza per l'utente, capace di far ottenere migliori risultati alle aziende inserzioniste.

Importante la rilevanza ma anche la relazione. Second Davide Boscacci, group creative director di Leo Burnett, per un buon risultato è fondamentale la relazione tra marca e utente, e questo vale anche sui social, che sono mezzi di relazioni forti ma non ancora utilizzati al meglio delle potenzialità. Per instaurare una relazione col consumatore bisogna essere nel giusto contesto (per raggiungere la generazione Z meglio Snapchat che Facebook), parlare lo stesso linguaggio, saper ascoltare il target da raggiungere (attraverso indagini, valutando il sentiment, esaminando i dati), proporre argomenti per lui interessanti (la rilevanza), e accettare il confronto (in ogni relazione, anche tra marca e consumatore, c'è un momento di crisi e bisogna saperla gestire).

Tornando ai trend del mercato pubblicitario, si evidenzia come i mezzi tradizionali stiamo cedendo quote al digitale. Nel 2017 gli investimenti televisivi, come da alcuni anni, crescono sotto la media di mercato (+1,4% contro +1,6%), quelli nella carta stampata continuano a re
trocedere (-6%) e si stanno appannando anche le performance del settore radiofonico (+0,8%). L'outdoor cresce quasi in media (+1,5%) ma il cinema è quasi in stallo (+0.6 %).

Il digital invece cresce, del 7,6% nel 2017, e crescerà dell'8,2% nel 2018. A quel punto, supererà i 2 miliardi di euro e deterrà una quota del 26,6% sugli investimenti complessivi in comunicazione (era il 23,8% nel 2016 e il 25,5% quest'anno), quota così ripartita: 8.3% ai video, 9.7% al display, 8,6% al search. Il mobile già nel 2018 farà segnare un incremento del 18,8%, andando a superare la carta stampata in termini di puro investimento. Infine, il programmatic crescerà del 30% nel 2018.

“Da qualche anno – ha detto Surci - il merc
ato degli investimenti pubblicitari fa segnare tassi di crescita molto contenuti, legati alla lenta crescita economica del paese. Ma non dobbiamo sottovalutare la capacità che ha l'innovazione nel catalizzare nuove risorse: un'innovazione strutturale, come nel caso dell'affissione che investe in impianti digitali, o un'innovazione di metodi che rendono la comunicazione più performante, come nel caso del mobile. Questo non vuol dire che il mercato debba necessariamente crescere subito, ma se il settore riuscirà a tenere il focus sull'innovazione, potrà contare su una spinta più decisa nei prossimi anni".

Per saperne di più..>>




Aspettando IF! Italian Festival #sovvertire. Al via a Milano
la mostra fotografica Urban Resistances dedicata ai Black Panthers


già oltre 40 i partner e circa 30 gli ospiti italiani e internazionali che hanno confermato la partecipazione all'evento che si terrà nella quarta edizione, dal 26 al 30 settembre, al Teatro Franco Parenti di Milano, organizzato e promosso dall'Adci e da Assocom in partnership con Google. Ci saranno un focus particolare sulla formazione e uno, già attivo, sull'arte contemporanea, con la mostra esposta per due settimane all'Elita Bar di Via Corsico 5, realizzata col partner culturale C41 Magazine

29 giugno 2017 - Si delineano i contenuti della quarta edizione di IF! Italian Festival che si terrà dal 26 al 30 settembre al Teatro Franco Parenti di Milano, organizzato e promosso dall'Art Directors Club Italiano e da Assocom in partnership con Google (vedi news del 23 maggio). Come già annunciato, il tema portante di quest'anno è ‘sovvertire’, ovvero rovesciare la visuale di cinema, moda, letteratura, musica, arti grafiche e visive, per elaborare nuove connessioni e imprimere nuova potenza relazionale ai brand, ai loro prodotti e servizi. Il format rinnovato prevede un giorno in più rispetto al 2016, con i primi due dedicati alla formazione, sviluppata su due focus: Digital & Tech e Arts & Craft.

Il Comitato Organizzatore sta lavorando a circa 30 contenuti formativi, lecture, masterclass, workshop e laboratory che saranno in palinsesto nelle 5 giornate, alcuni organizzati e promossi grazie alle partnership internazionali con la Berlin School of Creative Lead
da sinistra: Capraro Lampugnani Nenna Marazzini Lanza
ership, The One Club for Creativity di New York e con l'israeliana Mindscape.

I primi due appuntamenti pay, entrambi appartenenti al ciclo IF! Lecture ‘Arts & Craft’, avranno per ‘docenti’ Rocco Tanica e Walter Fontana in ‘Come scrivere una canzone (non necessariamente bella) ’ e ‘Far ridere per vivere’ (info e acquisto ticket su http://www.italiansfestival.it/shop/ ).

Hanno confermato la partecipazione il conduttore e autore radiofonico e televisivo Nicola Savino, la designer spagnola Patricia Urquiola (in coppia con Federico Pepe, artista e direttore creativo esecutivo di DlvBbdo), il designer francese Sam Baron (creative director di Fabrica), l'imprenditore Marco Boglione (BasicNet), Michelangelo Tagliaferri (Accademia di Comunicazione), Paolo Troilo (artista, pittore ed ex pubblicitario) e l'ex pornodivo Franco Trentalance in coppia con Serg
io Spaccavento (executive creative director di Conversion) (vedi www.italiansfestival.it/guest).

La presenza di Google a IF! avrà il duplice valore di ispirare verso le ultime tendenze tecnologiche, sempre più alla base delle strategie comunicative, e offrire strumenti pratici sull'uso delle proprie piattaforme DoubleClick e YouTube. Oltre a speaker come Ben Jones (Google creative director), Shuvo Saha (director Google Digital Academy) e Pedro Pina (global client partner Google), tra le attività in programma sono già confermati i workshop tematici e il premio Best Use of YouTube nell'ambito degli Adci Awards.

In chiusura ci sarà l'assegnazione degli Adci Awards, nello Show di premiazione del 30 settembre, la cui regia è affidata quest'anno a Samuele Franzini, fondatore di Souldesigner Creative Technology Boutique e SWARM Hybrid Design Lab & Hackademy.

IF! Italians Festival celebra, quest'anno, anche l'arte promuovendo, in collaborazione con C41 Magazine, partner culturale del festival, l'inedita mostra fotografica, inaugurata ieri, 'Urban Resistances', un progetto nato dalla collaborazione del giovane fotografo Maurizio Annese e della sociologa Beatrice Zani. Attraverso un percorso di 10 scatti fotografici, viene raccontata la storia dei Black Panthers, una squadra di calcio che partecipa al campionato Uisp, nata due anni fa dall'incontro degli attivisti di centri sociali e di alcuni ragazzi appena arrivati in Italia da paesi africani. La mostra rimarrà aperta al pubblico presso l'Elita Bar di Via Corsico 5 per due settimane.

Fino al 12 luglio sono acquistabili dal sito di IF! anche gli Early Bird Tickets, a 39 euro (+ prevendita), per l'accesso all'evento dal 28 al 30 settembre (esclusi i corsi di formazione a pagamento).

Il Festival si può seguire su:
sito web: www.italiansfestival.it
Facebook: www.facebook.com/IFItaliansFestival
Twitter: twitter.com/IFItaliansFest (hashtag ufficiale #ItaliansFestival)
Instagram: https://instagram.com/italiansfestival
YouTube: https://www.youtube.com/italiansfestival


L'Italia torna da Cannes con 20 Leoni, 9 lavori e 7 agenzie vincenti.
In finale anche 1 oro nei Film, con ‘Jackie’ Heineken di Publicis Italy


2017 - La campagna ‘When You Drive, Never Drink’, che conferma l'impegno del gruppo birrario verso un consumo responsabile, vince 1 oro e 1 argento nella categoria un tempo più ambita. L'Italia si afferma anche nei Digital Craft con 1 Bronzo ad Havas Milan per la piattaforma digitale sulla Storia del Mausoleo di Augusto e del suo restauro conservativo ad opera di Fondazione Tim. Il totale dei premi vinti sale così a 20. Il Festival si chiude con un quarto Grand Prix, nei Titanium, a ‘Fearless Girl’ di McCann New York per SSGA, che si conferma la star di questa edizione. Paese più in vista, gli Usa

26 giugno 2017 - In chiusura del Festival arriva un secondo oro per l'Italia, nei Film, con Jackie di Publicis Italy che conferma l'impegno di Heineken verso un consumo responsabile. Prodotto da Anorak Berlin/Independent London, ha per protagonista Jackie Stewart, un pioniere della sicurezza in pista e una leggenda della F1, che ha sempre seguito, dentro e fuori la pista, una regola ben precisa: rifiutare di bere prima di guidare, in qualsiasi situazione (vedi news del 5 settembre 2016). ‘When You Drive, Never Drink’ in versione ridotta da 1’6” vince anche 1 Argento nella categoria Film.

Nelle ultime due tornate di premi, l'Italia si afferma anche nei Digital Craft con 1 Bronzo ad Havas Milan per la piattaforma che racconta, anche in 3D, la Storia del Mausoleo di Augusto e del suo restauro
conservativo ad opera di Fondazione Tim, in corso a Roma. Oltre al sito dedicato, la recinzione del cantiere è un'installazione permanente ad alta tecnologia che fa vivere al pubblico un'esperienza immersiva nel racconto (vedi news del 3 maggio).

Si chiude così con un risultato di soddisfazione la partecipazione dell'Italia al 64° Festival Internazionale della Creatività. I leoni sono stati 20, molto meglio del 2016 (8) e del 2015 (10). A voler puntualizzare, poi, ci sarebbero da mettere nel conto anche 4 premi attribuiti a Francia e Uk, visto che fa fede la nazionalità dell'entrant (che paga l'iscrizione), ma vi hanno lavorato in Publicis Italy.

Due i Leoni d'oro, nei Mobile e nei Film (non succedeva da cinque anni), 4 gli Argenti, 14 i Bronzi. Sei Leoni spettano a Y&R Milan, ovvero 1 Oro, 1 Argento e 2 Bronzi nei Mobile, 1 Bronzo nei Pharma e 1 Bronzo nei Creative Data, tutti conquistati con la stessa campagna: ‘Chat Yourself’ per Italia Longeva, il chatbot per Messenger che dà supporto ai malati di Alzheimer nelle deficienze cognitive iniziali. Cinque Leoni li ha vinti Publicis Italy che conferma il felice sodalizio con Heineken che le ha fruttato successi anche nelle altre edizioni del Festival, e con cui ora conquista 1 Oro e 1 Argento nei Film (vedi sopra) e 2 Bronzi negli Outdoor, uno per ‘Guardian Fan’ e uno per ‘Final Hashtag’. Il 3° Bronzo Publicis lo ha preso nei PR con Local Heroes per Comune e Pro-Loco di Fucecchio.

Tre Leoni li ha vinti McCann WorldGroup Milano, ovvero 1 Argento e 1 Bronzo nei Promo & Activation e 1 Bronzo nei Direct, tutti grazie all'idea della birra a brand Responsibly per Ubrew.

Due Leoni per ciascuna sono andati a Leo Burnett Milano (2 Bronzi negli Outdoor per Moleskine), a We Are Social (1 Argento e 1 Bronzo negli Entertainment Lions con ‘Parla come el patrón’ per Netflix) e ad Havas Milan (1 Bronzo nei Cyber con ‘Forgetting Auschwitz, Remembering Auschwitz’ e il Bronzo Digital Craft sopra descritto). Conclude il gruppo della agenzie italiane vincenti StvDdb Italia che si aggiuica 1 Bronzo nei PR con ‘GrandMather Tested Goodness’ per Kinder Colazione Ferrero.
 
Riassumendo: 20 Leoni, 9 campagne premiate nelle varie declinazioni, 7 agenzie vincenti. Balza all'occhio che i successi al Festival si ottengono se il lavoro vale, ma anche se si è disposti a investire, e parecchio, nell'iscrivere le campagne in tante categorie e subcategorie. Certo è un problema generale, e forse davvero il modello festivaliero, così sfacciatamente 'money oriented’, ha bisogno di un cambio di rotta (vedi news collegata).

Che dire ancora del Festival? Che la campagna iper vincente è stata Fearless Girl di McCann New York per il gruppo finanziario State Street Global Advisors, che ha totalizzato ben 4 Grand Prix aggiungendo al Grand Prix PR, al Grand Prix Glass e a uno dei due GP Outdoor anche quello Titanium. Per la Festa della Donna davanti alla statua bronzea del toro di Wall Street, sede della borsa newyorchese, è comparsa quella di una bambina coi pugni sui fianchi (fearless girl) per pubblicizzare She Etf, un fondo di investimento dedicato alle società con management al femminile. Il presidente della Giuria Titanium, Tham Khai Meng, l'ha definito un progetto disruptive, irriverente e fuori dagli schemi.
 
E ancora. Che nei Film, un tempo il premio più prestigioso (ora le categorie sono 24, il doppio di dieci anni fa), il Grand Prix è andato a ‘We are the superhumans’ per Channel 4, in cui si rende omaggio senza compiacimenti lacrimevoli, anzi con allegria, alla verve, alla tenacia, al coraggio degli atleti con disabilità. Il film è stato girato per le Paralimpiadi di Londra 2016, ideato dall'agenzia interna 4Creative e prodotto da Blink Productions. Che il Grand Prix Integrated è stato vinto da ‘Boost Your Voice’ di 180LA Santa Monica per Boost Mobile (vincitore anche del Grand Prix Promo & Activation) con la catena di negozi che ha contribuito alla partecipazione al voto dei cittadini americani alle ultime presidenziali ospitando nei punti vendita dei seggi elettorali, dando la possibilità alle persone, soprattutto nelle aree rurali dove i seggi erano ridotti, di scegliere il proprio futuro attraverso il voto. Tre Grand Prix importanti che riconducono tutti allo stesso Paese, gli Usa, che si confermano Paese leader con 435 Leoni conquistati. Seguono, a grande distanza, l'Uk con 131 e l'Australia con 113. (VS)
 







Per saperne di più sugli ultimi premi assegnati …>>



Rethink the Festival. CannesLions, a rischio defezioni
da parte dei network, crea il comitato degli ‘entrants’


2017 – C'è malcontento tra i network. Sorrel di Wpp e Wren di Omnicom ritengono che il Festival abbia distolto il focus dalla creatività e che dovrebbe rivedere un modello troppo orientato a tecnologia e profitto. Publicis Groupe annuncia che non parteciperà l'anno prossimo per concentrare gli investimenti sull'implementazione della piattaforma ‘Marcel’. CannesLions corre ai ripari, annunciando un advisory committee di grandi advertiser, network e sponsor, chiamato a dar forma al futuro dell'evento, perché continui a rispondere ai bisogni dell'industry pubblicitaria

26 giugno 2017 - Troppa tecnologia, troppi premi, troppa confusione, troppo ‘money oriented’. Il Festival Internazionale della Creatività sembra non avere più come ‘core’ la celebrazione dell'eccellenza creativa, l'obiettivo si è spostato eccessivamente sul profitto e i veri protagonisti sembrano essere ormai le società tecnologiche. Una critica, o forse solo una lamentela, arrivata però da voci autorevoli.
 
La bomba è scoppiata con la dichiarazione di Arthur Sadoun, nuovo presidente e ceo di Publicis Groupe, che ha annunciato che nel 2018 l'holding non parteciperà a CannesLions né ad alcun altro Festival nel mondo. La spese di marketing, che solo per CanneLions tra iscrizioni dei lavori (in più categorie e subcategorie), tempi dedicati in patria a presentarli al meglio, presenza dei delegati del gruppo a Cannes supera abbondantemente i dieci milioni di euro, saranno tagliate per dedicare ogni sforzo economico all'implementazione di ‘Marcel’, piattaforma di Intelligenza Artificiale che terrà in contatto continuo tutti i team di Publicis nel mondo per individuare le più efficaci e immediate soluzioni di comunicazione e marketing a vantaggio dei clienti.
 
Fin qui una decisione strategica, rispettabile, da parte del gruppo. Più critico è stato il ceo di Wpp, Martin Sorrel, in uno scambio di opinioni con John Wren, ceo di Omnicom Group. I due si sono trovati concordi sul fatto che il Festival abbia distolto il “focus dalla creatività” e che dovrebbe rivedere il modello. E anche che sarebbe il caso di trasferire la kermesse in altra location (meno esosa e distraente) tipo Londra, New York o Berlino. Possibilità che appare, tuttavia, molto remota. Lungi, in ogni caso, da Sorrel l'idea di boicottare il Festival.
 
Come scrive Campaign, i boss dei sei maggiori gruppi pubblicitari mondiali avevano già discusso un anno fa privatamente dell'opportunità di ripensare il Festival, quando, su invito del segretario dell'Onu Ban Ki–Moon, si erano dichiarati pronti a mettere a disposizione tutte le capacità dell'industria della comunicazione per dare un aiuto ad affrontare i problemi più urgenti del mondo (vedi news del 27 giugno 2016 ).

Gli organizzatori hanno preso atto e si sono affrettati ad annunciare la creazione di un advisory committee che aiuti a “dare forma al futuro dell'evento, in modo che continui a rispondere ai bisogni dell'industry pubblicitaria”. Sono chiamati a farne parte i maggiori advertiser, gli sponsor, i network di agenzie, il sindaco di Cannes: una piattaforma di ‘stakeholder’ che condivideranno punti di vista e raccomandazioni per migliorare la CannesLions experience.

Hanno già dato la disponibilità a partecipare grandi clienti come Marc Pritchard, chief brand officer di Procter & Gamble; Keith Weed, chief marketing and communications officer di Unilever; Fernando Machado, head of brand marketing di Burger King; Fiona Carter, chief brand officer di AT&T e Jan Derck van Karnebeek, chief commercial officer di Heineken. Altri membri saranno annunciati a breve e ci sarà subito un primo incontro. Philip Thomas, ceo di Ascential Event proprietaria del brand CannesLions, ha dichiarato: “La cosa che ci unisce tutti è che crediamo nella forza e nel potere della creatività nel mondo e questo è il cuore di quanto facciamo. Condivideremo le raccomandazioni del committee con la comunità creativa globale”. L'operazione Rethink the Festival pare avviata. 


We are social con ‘Parla come el patrón’ per Netflix vince 1 Argento e 1 Bronzo negli Entertainment Lions


2017 - Doppia affermazione per la campagna di promozione della seconda serie di Narcos su Netflix, gia vincitrice in patria del Grand Prix agli Adci Awards 2016. Niente da fare per l'Italia, invece, nelle categorie Entertainment for Music, Design, Media e Product Design. I Grand Prix sono andati a Spagna (Entertainment), Usa (Entertainment for Music, Media), Tailandia (Design) e Colombia (Product Design)

22 giugno 2017 - Solo una doppia affermazione con la stessa campagna per l'Italia nella quinta giornata del Festival Internazionale della Creatività in corso a Cannes, dedicata alla premiazione dei lavori di eccellenza nelle categorie Entertainment Lions, Entertainment Lions for Music, Design, Media e Product Design Lions. Categorie che non ci sono state propizie, visto che siamo approdati solo in tre Shortlist - 3 presenze in Design, 8 in Media e 5 in Entertainment - e premiati solo in quest'ultima. La campagna di promozione della seconda serie di Narcos su Netflix, a titolo ‘Parla come el patrón’, ha preso 1 Argento nella subcategoria ‘Excellence in brand integration into an existing experience’ e 1 Bronzo in ‘Excellence in partnership in a brand experience’. L'idea di We are social di una lezione gratuita in stile Babbel per imparare a parlare come Pablo Escobar aveva, peraltro, già ricevuto il massimo riconoscimento in patria, il Grand Prix Adci Awards 2016 lo scorso autunno.
 
Negli Entertainment Lions, definiti dall'organizzazione, premio per la creatività che ‘trasforma il contenuto in cultura’ sono stati assegnati 78 Leoni su 1793 entries: 12 Gold, 22 Silver e 43 Bronze. Il Grand Prix è stato assegnato alla Spagna con ‘Beyond Money’ di MRM/McCann Madrid per Santander Bank, definito dal presidente della giuria PJ Pereira (co-founder & cco di Pereira & O'Dell) “a perfect example of how a brand can make a statement, but also conquer and earn precious consumer time”.
 
Negli Entertainment Lions for Music, che celebrano l'apporto della parte musicale ai contenuti e anche i contenuti musicali originali, su 511 entries sono stati assegnati 33 Leoni: 5 Gold, 11 Silver e 16 Bronze. Il Grand Prix è stato assegnato agli Usa con ‘Original is Never Finished’ di Johannes Leonardo New York per le adidas Originals. La giuria l'ha scelto per aver rivisitato una hit classica, My Way di Frank Sinatra, attraverso il sound di artisti di nuova generazione: qualcosa del passato è stato sapientemente reinventato per creare un significato nuovo e attivare connessioni coi consumatori di oggi.
 
Nei Design Lions, che celebrano il ruolo del design nella definizione del brand o come
chiave comunicativa dei messaggi, si sono contati 2780 entries e 112 Leoni assegnati: 20 Gold, 33 Silver e 58 Bronze. Il Grand Prix è andato alla Tailandia con ‘The Unusual Football Field’ del costruttore AP Thailand Public Co. Ltd, ideato dallo stesso con l'agenzia digitale CJ Worx. Hanno creato in una zona densamente popolata di Bangkok insoliti campi da calcio, sfruttando gli scampoli di spazio reperibili, con l'obiettivo di promuovere i contatti sociali nella comunità, attraverso la pratica di una sport da tutti molto amato. Un progetto di design “intelligente, semplice, propositivo, utile”(Sandra Planeta, fondatore e creative director di Planeta DesignSvezia, presidente di giuria).
 
Nei Media Lions su 2949 entries i Leoni assegnati sono stati 95: 9 Gold, 28 Silver e 57 Bronze. Grand Prix per gli Usa con ‘Innovating Saving’ di R/GA New York per la startup di e-commerce jet.com grazie a una “strategia di comunicazione altamente sostenibile”. Come l'idea di agganciarsi al clamore del Super Bowls senza pagare le esorbitanti tariffe delle inserzioni durante l'evento tv, utilizzando parole chiave in un annuncio online. La giuria ha scelto il lavoro per via della “capacità di individuare una strategia guidata dal risparmio, usando i social e intuizioni capaci di produrre risultati commerciali da grande marchio”. Per inciso, Jet.com è stata acquistata da Walmart lo scorso anno per 3.3 miliardi di dollari.

Infine i Product Design
Lions
, riservati a lavori in cui design è modulato sulla funzione del prodotto, coniugando forma e business. Su 435 entries sono arrivati 22 Leoni: 4 Gold, 6 Silver e 11 Bronze. Il Grand Prix è stato assegnato alla Colombia con ‘Payphone Bank’ di Grey Bogotá per TigoUNE. Tredicimila telefonici pubblici sono stati trasformati in terminali bancari per permettere alle popolazioni più povere di avere dei micro-conti di risparmio ed evitare di tenere denaro in casa in aree ad elevatissimo rischio di furti. 


Gruppo Mondadori celebra i 110 anni con una nuova
illuminazione permanente del Palazzo di Niemeyer a Segrate


artistica luminosa renderà ancora più suggestivo e visibile da lontano l'edificio iconico dell'architettura contemporanea, di proprietà delle Generali e sede del gruppo editoriale dal 1975. Nell'opera artistica, realizzata dal maestro della luce Mario Nanni, confluiscono luce, cinema, musica ed editoria. L'inaugurazione nel giorno del solstizio d'estate è stata trasmessa in diretta sulla pagina Facebook del gruppo. Realizzata una nuova edizione del libro ‘Oscar Niemeyer. Il Palazzo Mondadori’

22 giugno 2017 - Gruppo Mondadori ha scelto il giorno del solstizio d'estate, con la notte più corta dell'anno, per celebrare i 110 anni della sua storia, inaugurando il restauro artistico permanente dell'illuminazione di Palazzo Mondadori a Segrate. Edificio iconico dell'architettura contemporanea, è stato realizzato tra il 1968 e il 1975 da Oscar Niemeyer grazie all'investimento illuminato del Gruppo Generali, che ne è tuttora proprietario. Costruito sull'acqua e sulla terra, con pilastri solidi e forti per il corpo sospeso delle aree di lavoro, è sede della gruppo editoriale dal 1975.

“Il Gruppo Mondadori si è dato una nuova solidità focalizzandosi sulle attività core legate ai libri e ai magazine, tradizionali e sul digitale - ha detto l'a.d. Ernesto Mauri -. Abbiamo innovato ma non dimentichiamo le radici. Vedo un'analogia con l'edificio di Niemeyer in cui abbiamo il privilegio di lavorare. Ogni giorno stupisce per la sua modernità visionaria, fatta di solidi elementi architettonici tradizionali in armonia con forme di straordinaria creatività. Un'architettura che si offre sempre nuova al nostro sguardo, al tempo stesso storia e, con questo nuovo intervento, sempre più futuro”.

Nell'opera permanente, realizzata dal maestro della luce Mario Nanni, che ha lavorato sul concept del tempo e della luce naturale, confluiscono luce, cinema, musica ed editoria, creando una suggestione visibile da lontano. Dal crepuscolo i 23 pilastri della facciata più uno, il ventiquattresimo elemento verticale che completa la ritmica composizione dell'edificio, si illumineranno di volta in volta per uno spettacolo di 24 minuti, seguito da una pausa di 6. Poi il ciclo si ripeterà fino a mezzanotte. L'evento di inaugurazione, riservato a dipendenti e collaboratori del Gruppo, con la poesia di luce ‘Sospeso, leggero ma non troppo’, è stato ripreso in diretta sulla pagina Facebook del Gruppo Mondadori.

Per il 110° anniversario e la nuova illu
minazione, è stato anche realizzata una nuova edizione del libro ‘Oscar Niemeyer. Il Palazzo Mondadori’ di Roberto Dulio (Electa) del 2007, con documenti, schizzi originali e inediti di Niemeyer, elaborati di progetto, fotografie del cantiere e dell'edificio concluso. Francesco Dal Co, direttore di Casabella, l'ha presentato ricordando come il Palazzo Mondadori sia figlio di Itamaraty, il Ministero degli Esteri completato da Niemeyer a Brasilia nel 1964: “Se Niemeyer compì a Milano un exploit soltanto sfiorato a Brasilia, ciò si deve anche alle industrie che produssero i materiali speciali usati per la costruzione e agli ingegneri italiani che ne calcolarono la statica». 


Altri 7 Leoni per l'Italia. Cinque, tra cui l'oro, a Y&R nei Mobile
per ‘Chat Yourself’. Bronzo a Havas in Cyber e a McCann in Direct


2017 - Premiati i lavori di eccellenza nelle categorie Creative Data, Innovation, Cyber, Direct e Mobile. Conferma per Y&R Italia col chatbot per Messenger di Italia Longeva che, già bronzo nei Pharma, vince 1 Oro, 1 Argento e 2 Bronzi nei Mobile e 1 Bronzo nei Creative Data. Massimo premio Innovation al Giappone. Triplo Grand Prix nei Cyber 

21 giugno 2017 - L'Italia marcia spedita al 64° Festival Internazionale della Creatività in corso a Cannes. Ieri, giornata dedicata alla premiazione dei lavori di eccellenza nelle categorie Creative Data, Innovation, Cyber, Direct e Mobile, ha conquistato altri 7 Leoni, tra cui 1 Oro e 1 Argento. Merito soprattutto della campagna ‘Chat Yourself’ di Y&R per Italia Longeva, il chatbot su Messenger che dà supporto ai malati di Alzheimer nelle deficienze cognitive iniziali. Già bronzo nei Pharma Lions, ha ottenuto in quattro subcategorie dei Mobile Lions 1 Oro, 1 Argento e 2 Bronzi e 1 ulteriore Bronzo tra i Creative Data Lions, il premio per l'uso
creativo dei dati.

Un altro Bronzo è arrivato all'Italia nei Direct Lions, per il progetto della birra a brand Responsibly, quella che tutte le birre invitano a bere (“drink responsibly”), ideato per Ubrew da McCann Worldgroup Milano (già argento e bronzo nei Promo & Activation). Infine il settimo leone, 1 Bronzo, è stato assegnato nei Cyber a ‘Forgetting Auschwitz, Remembering Auschwitz’, lavoro di Havas Milan per l'associazione Figli della Shoah e Fondazione CDED. 

Nei Creative Data Lions su 690 entries sono stati assegnati 38 Leoni: 5 Gold, 11 Silver e 21 Bronze. Il Grand Prix è andato a ‘Care Counts’ di DigitasLBi Chicago per Whirlpool, lodato come lavoro eccellente e grande esempio di “brand che ha portato lo story-telling nello story-doing” (Eric Salama, ceo di Kantar, presidente della giuria). Whirpool è sceso al fianco degli studenti americani più poveri costretti ad andare a scuola con abiti poco puliti, venendo emarginati, e ha creato una rete di lavatrici connesse che raccoglievano dati sui lavaggi mettendo in evidenza la correlazione coi suc
cessi scolastici. 

Nei Cyber Lions su 2893 entries sono stati assegnati 110 Leoni: 19 Gold, 33 Silver e 55 Bronze. I Grands Prix sono stati tre: ‘Åland Index/Baltic Sea Projects’ di RBK Communication Stoccolma per The Bank of Åland (nell'immagine); ‘Meet Graham’ di Clemenger Bbdo Melbourne ‘per Transport Accident Commission Victoria (già Grand Prix Health & Wellness) e l'originale ’Did you Mean Mailchimp?‘ di Droga5 New York e Mailchimp Atlanta. La chiave di scelta è stata nella tecnologia che sposta in avanti il pensiero, così l'ha sintetizzata il presidente dei giuria Colleen DeCourcy, global cco di Wieden + Kennedy.

Nei Direct Lions su 2719 entries, sono stati assegnati 76 Leoni: 13 Gold, 21 Silver e 41 Bronze. Grand Prix a ‘Google Home of the Whopper’ di David Miami per Burger King, definito “eccezionale, scandaloso, semplicemente incredibile” da Ted Lim, cco di Dentsu Brand Agencies APAC, presidente della giuria.

Negli Innovation Lions ci sono state 298 entries e 12 Leoni assegnati: 2 Gold, 4 Silver e 5 Bronze. Grand Prix per ‘The Humanium Metal Initiative’ di Åkestam Holst Stoccolma / Great Works Stoccolma for IM Swedish Development Partner, lodato dalla presidente di giuria Susan Lyne, president e managing partner di BBG Ventures, per essersi dimostrato innovativo in tutto, dal concept al business model, nel supportare comunità povere vittime della violenza delle armi. Humanium Metal è un metallo ricavato da armi sequestrate, riciclabile in ambiti industriali.

Nei Mobile Lions s
u 1297 entries i Leoni sono stati 68: 8 Gold, 24 Silver e 35 Bronze. Il Grand Prix è andato a ‘The Family Way’ di Dentsu Y&R Tokyo per Recruit Lifestyle Co., un test per l'infertilità maschile fattibile via smartphone, in totale rispetto della privacy, considerato dal presidente di giuria Andy Hood, head of Emerging Technologies di AKQA, un grande esempio di quello che devono essere i lavori vincenti di questa categoria: la tecnologia che ha un impatto diretto sulla vita delle persone. 

Questa sera verranno assegnati i Leoni nelle categorie Design, Product Design, Media, Entertainment, Entertainment for Music. Per la cronaca, l'Italia è in tre Shortlist: in quella Design con 3 lavori, in quella Media con 8 e in quella Entertainment con 5. 


Campus Party per la prima volta in Italia, al MiCo
l'evento internazionale su talento e innovazione


talenti dai 18 ai 28 anni, ma anche università, aziende, istituzioni e community, saranno coinvolti dal 20 al 23 luglio in eventi di business, coding, creativity, entertainment, technologies, science. Saranno 4 giornate con oltre 400 ore di contenuti. Main partner è Visa, Gold partner è A2A Smart City

21 giugno 2017 - Approda in Italia Campus Party, l'evento internazionale sul talento e sull'innovazione che coinvolge giovani talenti dai 18 ai 28 anni (i ‘campuseros’, previsti in 2000) in eventi di business, coding, creativity, entertainment, technologies, science. Il format, nato nel 1997 in Spagna, oggi conta 61 edizioni organizzate in 11 Paesi e quest'anno amplia il raggio, oltre all'Italia, a Portogallo, Sud Africa, Singapore e Brasile. #CPIT1 sarà alla Fiera Milano Congressi (MiCo) dal 20 al 23 luglio, rivolto non solo ai giovani talenti, ma anche a community, università, aziende, istituzioni che potranno esporre soluzioni e progetti.
 
Saranno 4 giorni, 24 ore su 24, con oltre 400 ore di contenuti: speech e workshop con relatori di spicco del panorama nazionale ed internazionale, fra cui Federico Faggin (fisico, inventore del Microchip, del Touchpad e del Touchscreen), Roberto Saviano (scrittore), Neil Harbisson e Moon Ribas (primi cyborg al mondo), Chance Glasco (co-fondatore di Doghead Simulations, ex co-fondatore di Infinity Ward - Call of Duty), Anna Frosi (ingegnere spaziale) e CPHack, esclusivo format per gli hackathon e le call for ideas di Campus Party. Non mancherà, inoltre, la possibilità di provare le nuove tecnologie in un'area dedicata tra droni, robot, VR, simulatori.
 
Main partner è Visa, Gold partner è A2A Smart City. Partner Game Arena è ProGaming Italia. Partner Onlus è OKAPIA Onlus. Carrier Ufficiale è Trenitalia. Media partner sono: Corriere della Sera, IgpDecaux, SilverMusic radio, iPressLIVE, Donnavventura, Games Village, Il Positivismo, Lega Nerd, Milano All News, Orgoglio Nerd, The Games Machine, VRGamer. Sono partner: Amadeus, Boxoffice Toscana, Chiesi Farmaceutici, Cisco, Fastweb, LocalEyes, Lutech, Mindtek, NearIt, Protocube Reply, PwC, Qwant, Sergio Dompè, Smartive, TPS, 4 innovation - Trevisan & Cuonzo I Partner tecnici, infine, sono Clever Cloud, Elettronica Open Source, Marina Militare. 


L'Italia conquista 3 Bronzi Outdoor, 2 PR, 1 Argento e 1 Bronzo P&A.
McCann New York con ‘Fearless Girl’ vince 3 Grand Prix


2017 - Premiate Publicis Italy, Leo Burnett Italy, McCann Ww Milano, StvDdb. Mazzone, giurato nei PR: “È emersa con forza la tendenza della sinergia operativa tra creativi e professionisti di pr”. Picci, giurato nei P&A: “È l'Activation l'elemento caratterizzante, che muove i consumatori e li coinvolge ad attivarne altri, che ne fa dei sostenitori del brand”. Agli Usa prenditutto vanno il Grand Prix P&A, quello Print & Publishing, il GP Glass, il GP PR e i due GP Outdoor

20 giugno 2017 - Seconda tornata di premiazioni al 64° Festival Internazionale della creatività di Cannes. Ieri notte è stata la celebrazione dei lavori di eccellenza in PR, Outdoor, Glass, Print & Publishing, Promo & Activation.
 
L'Italia concorreva con 9 lavori in shortlist Outdoor, 7 in quella Promo & Activation e 4 in quella PR. Ha conquistato 3 bronzi nell'Outdoor: 1 per Moleskine di Leo Burnett Italy (soggetti Spiderman e Hulk), 1 per Heineken ‘Guardian Fan’ e 1 per Heineken ‘Final Hashtag’ entrambi di Publicis Italy. Si aggiungono nei Promo & Activation 1 argento e 1 bronzo con la stessa campagna ‘Ubrew - The Responsibly Beer’ di McCann Worldgroup Milano (per le sub categorie Guerrilla Marketing & Stunts e Food & Drinks), con la davvero originale idea di creare la birra a brand Responsibly, quella che tutte le birre invitano a bere (“drink responsibly”). Infine sono arrivati 2 bronzi nei PR Lions con ‘GrandMather Tested Goodness’ per Kinder Colazione Ferrero di StvDdb e con ‘Local Heroes’ per il Comune di Fucecchio di Publicis Italy.

Due campagne, queste ultime, che sono sì piaciute ma percepite come espressione di una realtà molto locale, dell'italianità come viene vista all'estero. Non a caso Local Heroes, progetto per sostituire gli attuali nomi delle vie con i nomi di persone, ancora in vita, che hanno avuto un ruolo importante nella storia recente della comunità di Fucecchio (vedi Videonotizia del 31 maggio), ha vinto nella categoria Territories, Marketing & Communication. In generale, nelle PR è emersa con forza la nuova tend
enza della sinergia operativa tra creativi e professionisti di PR: “In giuria PR erano rappresentate diverse professionalità, il che ha reso l'esperienza molto formativa - racconta il giurato italiano Gianfranco Mazzone, managing director di Burson-Marsteller –. All'estero esiste già la figura del creativo per le PR e spesso nel mio gruppo lavoriamo a fianco a fianco noi di B-M con i colleghi dell'agenzia creativa Y&R. Un modo per rispondere alle esigenze dei clienti che chiedono supporto al business attraverso varie leve di comunicazione”.
 
Il Grand Prix PR è andato a ‘Fearless Girl’ di McCann New York per la società di investimenti State Street Global Advisors, a cui è stato assegnato anche il Grand Prix Glass e uno dei due Grand Prix Outdoor. Per la Festa della Donna davanti alla statua bronzea del toro di Wall Street, sede della borsa newyorchese, è comparsa quella di una bambina coi pugni sui fianchi (fearless girl): un invito da parte di SSGA alle aziende ad affidare cariche importanti alle donne. “È stato premiato – continua Mazzone – per il concreto impatto sulla reputazione e sul business del cliente, perché ha saputo far leva su un mix di creatività e di supporto al business e perché ha messo in campo un tema sociale di grande attualità”. La presidente di giuria PR Karen van Bergen, ceo di Omnicom PR Group, ha parlato di un perfetto esempio di “fare bene facendo del bene”. Su 2208 entries nei PR sono stati assegnati 17 Gold, 32 Silver e 50 Bronze Lions.
 
Negli Outdoor (20 Gold, 30 Silver, 58 Bronze su 4716 entries) è stato assegnato un secondo Grand Prix a Twitter San Francisco per la campagna in dieci soggetti ‘Cannabis’, ‘Gloria Steinem & Dorothy Pitman Hughes’,‘Guns’, ‘Muhammad Ali’, ‘P
utin’, ‘Sonogram’, ‘Prince’, ‘Saturday Night Live’, ‘Hands Up’, ‘Eyes: Hillary Clinton & Donald Trump’. Il presidente di giuria, Bruno Bertelli, global chief creative officer di Publicis, l'ha indicata come “una bellissima campagna, semplice e ingaggiante”.
 
In Print & Publishing (14 Gold, 31 Silver, 43 Bronze) il Grand Prix è stato vinto dagli Usa con la campagna in tre soggetti per Burger King ‘Oregon’, ‘Pensylvannia’, ‘Aviano’ di David Miami. In Glass: The Lion for Change sono stati assegnati 2 Gold, 3 Silver e 5 Bronze Lions su 203 entries.
 
In Promo & Activation (15 Gold, 37 Silver, 49 Bronze) il Grand Prix è andato a ‘Boost Your Voice’, di 180LA Santa Monica, per Boost Mobile. La catena di negozi ha contribuito alla partecipazione al voto dei cittadini americani alle ultime presidenziali ospitando nei punti vendita dei seggi elettorali. Il presidente di Giuria P&A Stéphane Xiberras, president & ceo di Betc (Francia), ha spiegato che la campagna non solo ha avuto un'alta audience ma l'ha
coinvolta nel processo democratico, dando la possibilità alle persone, soprattutto nelle aree rurali dove i seggi erano ridotti, di scegliere il proprio futuro attraverso il voto.
 
Lo stesso Xiberras aveva puntato sulla qualità dell'Activation per individuare le campagne da premiare. Lo racconta il giurato italiano nei P&A, Michele Picci, direttore creativo di Dlv Bbdo: “È l'Activation l'elemento caratterizzante, soprattutto in questa epoca di lavori cross mediali che hanno tutti in fondo la finalità di promuovere un brand o un prodotto. L'Activation è un ‘Promo Plus’, è ciò che muove i consumatori e li coinvolge ad attivarne altri e ne fa dei sostenitori del brand”. La campagna italiana ‘Ubrew - The Responsibly Beer’ è stato un bell'esempio: “È piaciuta molto l'idea del naming, il tono di voce ironico, il modo di comunicarlo. Ottima Activation della Giuria”. 




Gli italiani Marchi e Santoni vincono il Young Lions Health.
GP Health all'Australia, Bronzo all'Italia nei Pharma


due giovani art vincono la competizione con la campagna multicanale ‘Not available in your country’ per il World Pneumonia Day. Va all'Australia il Grand Prix Health & Wellness con ‘Meet Graham’ di Clemenger Bbdo Melbourne, mentre non viene assegnato il GP Pharma. L'Italia vince un bronzo con Chat Yourself di Y&R ed entra nelle shortlist PR con 4 lavori, Outdoor con 9 lavori, Promo&Activation con 7, Cyber Lions con 4

19 giugno 2017 - Primi premi assegnati al Festival, partito con il subfestival dedicato alla comunicazione di salute e farmaci. E l'Italia non resta delusa. Registriamo un primo successo con i giovani concorrenti al Young Lions Health Award 2017. Lo hanno vinto gli art Giulia Marchi e Giovanni Santoni di Sudler International Milan (Wpp Health & Wellness) con la campagna ‘Not available in your country’. Lanciata in partnership con Unicef e la Caixa Banking Foundation, la competizione prevedeva la creazione di una campagna multicanale per ottenere fondi per combattere le polmonite infantile, da lanciare nel World Pneumonia Day del 12 novembre.
 
Marchi e Santoni sono stati emotivamente coinvolti dal brief che evidenziava come a molti bambini fossero precluse medicine e guarigione solo perché nati nel posto ‘sbagliato’. Da qui l'idea ‘Not available in your country’ con i contenuti popolari online sul tema bloccati nel giorno dedicato a combattere la malattia. 
 
Su 2245 entries negli Health & Wellness, sono stati assegnati 65 Leoni: 14 Gold, 20 Silver e 30 Bronze. Il Grand Prix è andato all’Australia con 'Meet Graham' di Clemenger Bbdo Melbourne per  Transport Accident Commission Victoria. Su 590 entries nei Pharma Lions sono stati assegnati 25 Lions (6 Gold, 9 Silver e 10 Bronze) ma non è stato assegnato il Grand Prix.  
 
Ai Pharma Lions l'Italia vince un bronzo con Chat Yourself di Y&R per Italia Longeva, il chatbot su Messenger che dà un supporto ai malati di Alzheimer, almeno nelle prime fasi della malattia, ricordando semplici ma importanti nozioni che sfuggono, come il nome dei familiari, il percorso per tornare a casa, l'ora della medicina. La campagna, creata dal Ministero della Salute, dalla Regione Marche e dall’Irccs Inrca, era iscritta nella categoria 'Creative Data: Use of Real-Time Data'.
 
Questa sera verranno assegnati i Glass Lions (27 in Shortlist, nessun italiano), i PR Lions (228 in Shortlist di cui 4 italiani), gli Outdoor Lions (488 di cui 9 lavori italiani), i Promo&Activation (321 di cui 7 italiani) e i Print & Publishing Lions (397, nessun italiano). Sono già note anche la Shortlist dei Cyber Lions che conta 260 ingressi tra cui 4 dall’Italia e quella degli Innovation Lions che conta 35 entries (nessun italiano), premi che verranno assegnati domani sera. 



Calano del 4,5% le iscrizioni a CannesLions, ma crescono quelle
fatte dai clienti. Dall'Italia 660 entries, il 10,7% in meno del 2016


41.170 i lavori in lizza al 64° Festival Internazionale della Creatività, in 24 differenti categorie di premio. Crescono le entries ai Lions Health, ai Glass e ai Creative Effectiveness, diminuiscono quelle a categorie tradizionali come Outdoor e Print & Publishing. Avanzano per numero di lavori inviati UAE, Latam e Cina, retrocedono Uk ed Europa Occidentale in genere. L'Italia non sfugge al trend

19 giugno 2017 - È in corso da sabato 17 a Cannes il 64° Festival Internazionale della Creatività, con 41.170 lavori iscritti in 24 differenti categorie di premio. Nel complesso le iscrizioni risultano in calo del 4,5% rispetto allo scorso anno quando furono 43.101 ma pur sempre superiori a quelle del 2015 (40.133). L'organizzazione sottolinea come fatto significativo la tendenza delle iscrizioni direttamente fatte dai clienti inserzionisti, in crescita del 69%, così come l'aumento delle iscrizioni nei Creative Effectiveness Lions, l'unico premio globale che lega l'eccellenza creativa ai risultati di business (+59% sul 2016).
 
Sono in crescita (+9%) anche le iscrizioni al subfestival Lions Health (Health & Wellness e Pharma), giunto al quarto anno, che ha visto già assegnati i premi ieri (vedi notizia collegata).
 
Crescono anche le iscrizioni nei Glass Lions-The Lion for Change (+31%) categoria nata nel 2015 per contrastare gli stereotipi di genere in comunicazione e con finalità charity. In calo invece quelle di categorie classiche come Outdoor e Print & Publishing. Ma anche categorie nuove come Digital Craft e Entertainment Lion for Music, lanciate l'anno scorso, hanno registrato un calo di entries, secondo l'organizzazione per un assestamento fisiologico dopo l'interesse suscitato dalla novità.
 
Si fanno avanti aumentando le iscrizioni Paesi ‘nuovi’ come gli Emirati, la Cina e alcuni dell'America Latina, come il Brasile che dopo quattro anni di regressi ritorna grande player del festival con 3020 entries. Fanno invece un passo indietro Uk e Europa Occidentale in genere.
 
In linea l'Italia, in corsa con 660 lavori, meno dei 739 del 2016 (-10,7%) ma più del 2015 quando partecipammo con 576. 


Andrea Stillacci presidente degli Adci Awards 2017


è professionista italiano di visione internazionale, fondatore nel 2010 a Parigi del gruppo Herezie, oggi il primo gruppo indipendente in Francia. Faranno a lui riferimento le dieci giurie di categoria, formate ciascuna da un presidente e al massimo da otto professionisti. I premi verranno assegnati il 30 settembre a Milano in chiusura di IF! Italian Festival

16 giugno 2017 - Andrea Stillacci, fondatore e presidente di Herezie Group, presiederà gli Adci Award 2017, il riconoscimento per la creatività e la qualità nella comunicazione pubblicitaria in Italia assegnati dall'Art Directors Club Italiano.

Dopo 12 anni di carriera in Italia, Stillacci nel 2002 approda in Jwt Londra come global creative director per Unilever. Nel 2004 è in Francia come vice presidente e direttore creativo di Jwt Parigi e nel 2006 è presidente e direttore creativo di Grey Parigi. Nel 2010 fonda l'agenzia al 100% indipendente Herezie. Quasi 7 anni dopo Herezie diventa il gruppo indipendente n.1 in Francia con 140 persone e clienti quali Amazon, Henkel, Unilever, Barilla, Toyota, Coca Cola. “Stillacci è uno dei professionisti che meglio può rappresentare ed esprimere l'Italia e l'italianità, unite a professionalità, esperienza e visione dal respiro internazionale” ha dichiarato Vicky Gitto, presidente dell'Adci.

Ogni giuria sarà composta, oltre che dal presidente, da non più di otto professionisti rappresentativi delle diverse professionalità e realtà del mondo della comunicazione in Italia. I vincitori saranno premiati nel corso della serata finale di IF! Italians Festival, il festival italiano della creatività, il 30 settembre al Teatro Franco Parenti di Milano.

Di seguito l'elenco completo dei 10 presidenti di Giuria degli Adci Awards 2017.



The Gunn Report sfida a individuare i Film Lions
e i Film Craft Lions del 64° Festival di Cannes


ogni anno, The Gunn Report ha selezionato 20 lavori creativi eccellenti, tali da ambire a un leone se non al Grand Prix. E ora invita tutti a fare i propri pronostici, indicando per ciascun video se prenderà o meno un leone e di quale livello. Un contest che è momento di divertimento e insieme occasione di informazione e riflessione professionale. I nomi dei dieci partecipanti più capaci saranno pubblicati sul sito

7 giugno 2017 - Torna in vista del Festival Internazionale della Creatività di Cannes, che aprirà i battenti il 17 giugno, il contest proposto da The Gunn Report (‘the global index of creative excellence in advertising’). The Gunn Report 2017 ha individuato quelli che ritiene essere i 20 migliori lavori creativi in video dell'anno, tali da conquistare un leone o il Grand Prix nelle categorie Film o Film Craft. E ora invita tutti a prendere visione e a dare i propri voti. Per ogni campagna si può indicare: nessun premio (quindi The Gunn si è sbagliato), bronzo, argento, oro. Per un lavoro si può anche indicare il Grand Prix. Ricordiamo che l'anno scorso nei Film ci furono 2.801 entries e 70 Leoni assegnati e nei Film Craft 2.317 entries e 71 Leoni assegnati.

Tutti possono partecipare e, visto che si tratta non solo di un momento di divertimento ma anche di un'occasione di informazione e riflessione professionale, The Gunn invita a proporre l'opportunità ad amici e colleghi. Si può votare fino a mercoledì 21, dato che i Film Craft Lions saranno assegnati venerdì 23 e i Film Lions il 24. 

I nomi dei dieci partecipanti che avranno raggiunto il maggior punteggio (No Lion 20 punti, Bronzo 20, Argento 30, Oro 50, Grand Prix 100) saranno annunciati sul sito di The Gunn nella settimana dopo il Festival. Si partecipa su https://www.gunnreport.com/cannes-sweepstakes/

Ed ecco l'elenco dei video candidati al successo (per inciso nessuno è italiano):
1.Samsung ‘Ostrich’ - Usa
2.Volkswagen ‘Laughing Horses’ - Germany
3.Coca-Cola ‘The Line-up Song’ - Egypt
4.Adidas ‘Odds’ - India
5.Kenzo World ‘My Mutant Brain’ - France
6.Sandy Hook Promise ‘Evan’ - Usa
7.McDonald's ‘Madness’ - Uk
8.Ikea ‘My Son’ - France
9.Nike ‘Da Da Ding’ - India
10.Maltesers ‘New Boyfriend’ - Uk
11.Audi ‘Duel’ - Usa
12.Sony Gravity Daze 2 ‘Gravity Cat’ - Japan
13.Monoprix ‘Label of Love’ - France
14.Movistar ‘Love Story’ - Mexico
15.Verena Sure ‘Capture’ - Thailand
16.Sickkids Foundation ‘Sickkids vs Undeniable’ - Canada
17.H&M ‘Come Together’ - Uk
18.Momondo ‘DNA Journey’ . Denmark
19.Donate Life ‘The World's Biggest Asshole’ - Usa
20.Channel 4 Paralympics ‘We're the Superhumans’ – Uk


Milano cerca sponsor per il Christmas Lights Show
e AssoCom rilancia l'iniziativa presso agenzie e brand


Comune vuole posizionare Milano come metà d'appeal per le festività natalizie, con un progetto di installazioni luminose, proiezioni e giochi di luce di alto livello artistico e a basso impatto ambientale che decoreranno zone centrali, semicentrali e periferiche, dando risalto a monumenti e architetture, su modello dei Light Festival internazionali. Per gli sponsor, visibilità del marchio e libertà di attività promozionali. In programma una campagna di comunicazione collettiva e premi

5 giugno 2017 - AssoCom si affianca al Comune di Milano per dare visibilità presso agenzie e brand delle opportunità offerte dall'iniziativa Christmas Lights Show che debutterà col prossimo Natale. Il Comune vuole posizionare Milano a livello internazionale come metà d'appeal in occasione delle festività natalizie, con un progetto di installazioni luminose, proiezioni e giochi di luce di alto livello artistico e a basso impatto ambientale che, dal 6 dicembre al 7 gennaio, decoreranno zone centrali, semicentrali e periferiche, dando risalto a monumenti, facciate e architetture. 

L'iniziativa è a costo zero per il Comune che offre spazi e monumenti agli sponsor che dovranno farsi carico di progettare, installare, mantenere, sorvegliare e infine rimuovere l'installazione e altri manufatti. In cambio avranno la possibilità di avere un totem per l'esposizione del marchio e di fare attività promozionali e anche vendit
e in loco. Il piano di comunicazione a supporto sarà concordato con l'amministrazione.

Già dai primi di aprile il Comune ha attivato il bando per la ricerca degli sponsor, che resterà aperto fino al 26 giugno. Sono disponibili 11 lotti che riguardano la concessione di una zona centrale in abbinamento con una periferica (ad esempio piazza Fontana con piazza Greco, piazza Castello con piazzale Corvetto, piazza Scala con Piazzetta Capuana a Quarto Oggiaro, etc. ) e altri 8 lotti che riguardano una zona semicentrale.

Per i lotti in abbinata la Sportello Unico Eventi del Comune di Milano stima un costo per lo sponsor di circa 270.000 euro, per gli altri singoli di 150.000, fermo restando che la cifra potrà lievitare se verranno messi in campo l'architetto di grido o la soluzione tecnologica avveniristica. Un esempio di quello che si potrebbe fare l'h
a offerto, alla presentazione di AssoCom presso l'Auditorium di Leo Burnett a Milano, Samuele Franzini di Souldesigner attraverso una panoramica di Light Festival nel mondo, da Amsterdam a Berlino, da Lione a Torino, da Singapore a Sydney con utilizzo di laser, video proiezioni, fibre ottiche, sistemi fotovoltaici, microturbine.

Il Comune sosterrà gli sponsor con una campagna di comunicazione che sarà curata dalla Direzione Comunicazione, oltre ad attivare conferenze stampa, sito, manifesti, opuscoli. L'iniziativa è all'edizione zero e farà da apripista a ulteriori sviluppi. Ma già è in programma la premiazione delle migliori installazioni, che saranno individuate da una giuria di esperti di cui farà parte anche un creativo di fama internazionale. 


Il bando …>>



Bracco celebra per i 90 anni ‘The Beauty of Imaging’ in Triennale
con direzione artistica di Marco Balich insieme a FeelRouge WS


alla diagnostica per immagini, la mostra fonde arte e scienza in chiave edutainment per mostrare la bellezza del corpo umano dall'interno. Intanto Balich annuncia progetti di espansione in Asia, il raddoppio del fatturato di gruppo a 100 milioni nel 2017 e il debutto dopo l'estate di un'altra società, tutta italiana. Si chiamerà Artainment Worldwide Shows e spettacolarizzerà l'arte creando un contatto diretto col pubblico

31 maggio 2017 - Un percorso che mette in mostra, tra lo scenografico e il divulgativo, una delle dieci scoperte più importanti nella storia della medicina, la diagnostica per immagini, con cui guardare dentro al corpo per salvare vite umane. Alla disciplina è dedicata la mostra ‘The Beauty of Imaging’ alla Triennale di Milano, promossa dal Gruppo Bracco per i 90 anni: un'esposizione che fonde arte e scienza per mostrare la bellezza del corpo umano dall'interno, ovvero – come afferma Florian Boje di GiòForma che ne ha curato il design e il progetto di allestimento – “la bellezza che inizia un millimetro sotto la pelle”. 
 
Per presentare al pubblico una disciplina medica ancora poco nota, e fare divulgazione presso i giovani, Diana Bracco ha rinnovato il sodalizio dei tempi dell'Expo con Marco Balich, chairman di Worldwide Shows Corporation, che ha curato la supervisione artistica, mentre la direzione dei contenuti si deve a Mauro Belloni. Il racconto parte dal primo trattato sul magnetismo di William Gilbert e arriva alle più avanzate tecniche di medicina nucleare passando per gli esperimenti di Roentgen e di Marie Curie. Una storia in cui il Gruppo Bracco, che ha una divisione Imaging specificatamente dedicata, gioca un forte ruolo: “Oggi una procedura a raggi X su tre nel mondo è fatta con prodotti Bracco - ha detto Diana Bracco - un dato di grande soddisfazione per un'impresa familiare e, credo, per l'intero Paese”.
 
Il percorso espositivo ha la forma di
un viaggio ludico e appassionante dentro e fuori il corpo, attraverso totem interattivi, video a doppio schermo sovrapposto, visioni di forte impatto, il tutto in chiave edutainment. Campeggiano su tutto tre giganti dell'immaginario artistico, 'visibili' questa volta dall'interno: il portatore di lancia di Policleto e la Venere di Botticelli affiancati all'ingresso e un Bronzo di Riace sullo sfondo.
 
Nel progetto Balich ha messo in campo FeelRouge Worldwide Shows, la società del gruppo WSCorp dedicata agli eventi corporate e incentive (vedi news del 21 gennaio 2016). Le altre società del gruppo sono BWS vocata ai grandi eventi globali, Punk for Business, HQ Worldwide Shows di Dubai, acquisita lo scorso dicembre, e BWS Mea, fondata a Dubai per realizzare grandi eventi negli Emirates. Acquisizione e apertura che indicano il forte interesse del gruppo di espandersi in Asia, tanto da progettare anche l'
apertura di una sede a Guangzhou o a Hong Kong nel 2018. BWS è anche in gara per la cerimonia di apertura di Tokyo 2020 e per l'Expo Dubai 2020. Balich annuncia, inoltre, per l'autunno il debutto di Artainment Worldwide Shows che “farà molto scalpore” spettacolarizzando l'arte italiana e creando un contatto diretto col pubblico. Il business del gruppo nel 2017 arriverà a raddoppiare il fatturato 2016, superando i 100 milioni di euro. 


Wired Next Fest dedica la 5ª edizione milanese al tema dell'Identità


dedicato alla cultura dell'innovazione torna ai Giardini Montanelli, al Museo di Storia Naturale e al Planetario dal 26 al 28 maggio, con un ricco parterre di ospiti, workshop, esperienze di tecnologie avveniristiche e due momenti musicali. La prima giornata è dedicata all'Intelligenza Artificiale. Ventiquattro i partner che fanno pesare l'evento per un terzo sul business annuale del brand Wired. Si replica a Firenze il 30 settembre e il 1° ottobre, con tema portante ‘Confini’

23 maggio 2017 - Wired Italia annuncia per il 26, 27 e 28 maggio il ritorno a Milano del Wired Next Fest, quinta edizione dell'evento dedicato alla cultura dell'innovazione, patrocinato dal Comune di Milano. Una tre giorni tra i Giardini Indro Montanelli, il Museo Civico di Storia Naturale e il Planetario a base di performance artistiche, workshop, attività per i bambini, esperienze di tecnologie avveniristiche, tutte aperte gratuitamente al pubblico.

Tema portante dell'edizione 2017 è l'identità: identità degli individui, delle aziende, dei governi che, grazie all'innovazione tecnologica, sta vivendo un processo di radicale trasformazione. “Le identità sono molteplici e mutevoli, le aziende devono cambiarle costantemente per adattarle all'innovazione e alle trasformazioni dei mercati – ha detto Federico Ferrazza, direttore di Wired Italia -. Intelligenze artificiali, genetica, social media e altre innovazioni ridefiniscono ogni giorno i nostri tratti, quelli dei leader politici e delle aziende. Cambiamenti che ci impongono la domanda: chi siamo davvero? Per questo abbiamo dedicato il Wired Next Fest al
tema dell'identità”.

‘Chi siamo davvero?’ è anche il titolo in cover al numero di Wired Italia in uscita il 26 maggio. Il cartaceo condivide con l'evento quali inserzionisti gran parte dei partner. Wired Next Fest ne conta 24 di differenti categorie merceologiche, che sviluppano un terzo del business annuale del brand Wired. I principali sono: Audi (con cui verrà sviluppata la prima giornata dedicata all'intelligenza artificiale), Bnl Gruppo BNP Paribas, Enel, FS Italiane, Huawei, Nastro Azzurro, Sky Italia, Vodafone Italia, Regione Lombardia, TAG Heuer. Rds è radio ufficiale. L'organizzazione si deve a Piano B.

Ricchissimo il parterre degli ospiti, tra cui, solo per citarne alcuni, Buzz Aldrin, il secondo uomo ad aver camminato sulla Luna; le Pussy Riot; Abdalaziz Alhamza, portavoce di un collettivo di citizen journalist di Raqqa anti Isis; Mario Bellini, designer del primo personal computer al mondo, la P101 di Olivetti; Gabriele Mainetti, regista de Lo chiamavano Jeeg Robot; Gabriella Coleman, antropologa digitale; Mikko Hypponen, tra i massimi esperti mondiali di sicurezza informatica e privacy; Nino Frassica e Macio Capatonda. Non mancherà la musica col concerto inaugurale del 26 maggio di Max Gazzè e quello di sabato 27 maggio con la band norvegese Röyksopp,
 
“Il Wired Next Fest – ha dichiarato Stefania Vismara, direttore della divisione GQ, L'Uomo Vogue, Wired, AD, Condé Nast Traveller e quindi responsabile dello sviluppo del business di Wired - è l'evento di maggior successo all'interno di Condé Nast International in termini di presenze e di business”. L'anno scorso sono state 190.00 le presenze alle edizioni di Milano e Firenze. Anche quest'anno ci sarà l'edizione fiorentina, si terrà dal 30 settembre al 1° ottobre con tema portante ‘Confini’.




Torna a settembre IF! Italian Festival. Parola chiave, #sovvertire


terrà al Teatro Franco Parenti a Milano a fine settembre la quarta edizione del Festival della creatività, organizzato e promosso da Adci e Assocom con main sponsor Google. Verrà anticipato da due giornate dedicate alla formazione e chiuderà con l'assegnazione degli Adci Award. Il tema portante è il rovesciamento delle visuali comuni, nel cinema, nella moda, nella letteratura, nella musica, nelle arti grafiche e visive

23 maggio 2017 - ‘Sovvertire’ è il tema portante della quarta edizione di IF! Italian Festival, il maggior appuntamento italiano con la creatività internazionale, che si terrà al Teatro Franco Parenti di Milano dal 26 al 30 settembre. Sovvertire, ovvero rovesciare la visuale di cinema, moda, letteratura, musica, arti grafiche e visive, per elaborare nuove connessioni e imprimere nuova potenza relazionale ai brand, ai loro prodotti e servizi. Come nelle passate edizioni, IF! Italians Festival è organizzato e promosso dall'Art Directors Club Italiano e Assocom in partnership con Google.
 
Tra le novità, c'è l'estensione del format dell'evento a 5 giorni (uno in più rispetto al 2016) con le prime due giornate
interamente dedicate alla formazione: martedì 26 con un focus specifico sul digitale e mercoledì 27 sulle arti applicate. Nel Comitato organizzatore, inoltre, fa ingresso Stefano Capraro che va ad affiancare Emanuele Nenna, Nicola Lampugnani, Alessandra Lanza e Davide Boscacci. Tra i collaboratori si segnala la new entry di Marco Mancuso, critico, curatore e direttore di Digicult, quale consulente sui contenuti di cultura digitale del programma. Si confermano le presenze del creativo Francesco Guerrera, responsabile dell'immagine coordinata di IF!, e del giornalista e project manager culturale Dino Lupelli di Elita, responsabile del programma entertainment. L'ufficio stampa è affidato a un team di Pr Hub, che si conferma partner dell'evento.
 
In chiusura ci sarà l'assegnazione degli Adci Awards. L'IF! Shortlist party con l'esposizione della shortlist dei lavori in concorso sarà giovedì 28, mentre il 30 settembre si svolgerà lo show di premiazione che chiuderà la cinque giorni milanese.
 
Per il quarto anno consecutivo, Google sponsorizza l'evento. Sono già confermati i workshop sulle piattaforme Google, il premio ‘Best Use of YouTube’ all'interno degli Adci Awards e una rassegna delle migliori campagne pubblicitarie 2017 su YouTube.




Boccassini, Mazzone, Pasqualotto, Picci in giuria
a CannesLions 2017. Bertelli presiede la giuria Outdoor


i professionisti italiani che siederanno in giuria. Oltre a Bertelli presidente di quella Outdoor, Cristiana Boccassini di Publicis sarà membro della giuria Direct, Gianfranco Mazzone di B-M della giuria PR, Graziana Pasqualotto di Omd di quella Media e Michele Picci di DlvBbdo Italy di quella Promo & Activation. Le giurie sono 23, i giurati nel complesso 390 provenienti da 50 Paesi. Il 43% sono donne e si tratta di un vero record per il Festival

8 maggio 2017 - Sono cinque i professionisti italiani che faranno parte delle giurie che assegneranno i premi al prossimo Cannes Lions International Festival of Creativity, che si terrà dal 17 al 24 giugno. Una rappresentanza abbastanza esigua, visto che le giurie sono 23.
 
Cristiana Boccassini, executive creative director di Publicis, sarà membro della giuria che assegnerà i Direct Lions. Gianfranco Mazzone, managing director di Burson-Marsteller sarà nella giuria PR. Graziana Pasqualotto, managing director di Omd, farà parte della giuria Media. Michele Picci, creative director di DlvBbdo Italy, sarà in quella che assegnerà i Promo & Activation. Infine, come già annunciato (vedi news del 30 gennaio), Bruno Bertelli, global chief creative officer di Publicis, sarà presidente della giuria che assegnerà gli Outdoor Lions.
 
L'organizzazione del Festival ha completato gli elenchi dei giurati. Si tratta di 390 professionisti provenienti da 50 Paesi, gruppo di cui per la prima volta fanno parte anche la Repubblica Dominicana e il Vietnam. Il 43% dei giurati sono donne ed è un record nella storia del Festival: il numero delle donne nelle giurie è raddoppiato negli ultimi cinque anni, passando dal 21% del 2012 al 43% della prossima edizione.

Tutti i giurati della 64ª CannesLions Festival …>>



Il Consorzio porta il Prosciutto di San Daniele in tour
per l'Italia e apre il primo concept store a Bologna


tradizionale manifestazione di giugno ‘Aria di San Daniele. La Festa’ diventa anche itinerante, con un truck che farà cinque tappe da Nord a Sud tra maggio e ottobre. Brand partner sono Berkel, Paulaner, Goccia di Carnia, Montasio Dop. Il Consorzio del Prosciutto di San Daniele Dop investe mezzo milione di euro nel tour, che prevede a supporto campagne locali in stampa e affissioni, ideate da Robilant. Il concept store sarà all'interno di F.I.CO Eataly World

5 maggio 2017 - Il Consorzio del Prosciutto di San Daniele, che unisce 31 produttori di 2.800.000 prosciutti l'anno, per la prima volta dà il via a un'attività di marketing territoriale, collegata alla storica manifestazione ‘Aria di San Daniele. La Festa’, che si terrà nella 33ª edizione, dal 23 al 25 giugno, a San Daniele del Friuli (Udine). Una due giorni di sapori, eventi, cultura, musica, spettacoli, sport e attività ludiche per famiglie e bambini, realizzata in collaborazione con la Regione Friuli Venezia Giulia e il Comune. Un'area sarà dedicata specificatamente ai produttori. Inoltre, produttori, esercenti e ristoratori si uniranno con le amministrazioni per sostenere la promozione turistica del territorio. 
 
La grande novità è che ‘Aria di San Daniele. La Festa’ ha una versione
itinerante, realizzata da 2Night. Un truck da maggio a ottobre attraversa la penisola in 5 tappe regionali dove porta l'atmosfera della cittadina friulana e fa conoscere l'eccellenza del prodotto con un aperitivo di qualità. Vi ha un ruolo anche Berkel, brand di affettatrici, coltelli e accessori per il taglio: il San Daniele viene affettato al momento, con taglio a mano o sottilissimo con taglio a macchina. Altri partner del tour sono l'Ersa (Agenzia Regionale per lo sviluppo rurale); Paulaner, la birra di Monaco di Baviera; Goccia di Carnia, l'acqua minerale naturale del Friuli Venezia Giulia; il Formaggio Montasio Dop.
 
Il truck di ‘Aria di San Daniele. La Festa’ è giàa Milano davanti a Eataly, sarà a Verona a giugno, poi a San Daniele del Friuli nell'ultimo weekend di giugno per la Festa tradizionale, a Firenze a luglio, a Roma in settembre e infine a Bari a ottobre. Il tour coinvolgerà locali delle città con un cale
ndario di oltre 50 appuntamenti. Alla fine dei cinque mesi verrà aperto a Bologna il primo concept store del Consorzio all'interno di F.I.CO (Fabbrica Italiana Contadina) Eataly Word che, annunciato da Oscar Farinetti durante l'Expo quale maggior centro al mondo per la celebrazione della bellezza dell'agro-alimentare italiano, aprirà i battenti appunto a ottobre. 
 
Forte di un trend di vendita in crescita in valore del 3.5% a fronte di un mercato di riferimento (salumi) a +1% se non in stallo, il Consorzio investe per il tour 500mila euro, di cui centomila serviranno per pianificare localmente, tappa per tappa, stampa e affissioni a supporto. La creatività è di Robilant Associati, che ha anche curato il concept del tour. Ufficio stampa e pr sono in carico a Connexia mentre Mozart gestisce la presenza sui social. Il media è curato internamente. 




Musica e solidarietà, i Dire Straits Legacy
in concerto a Milano per Telethon


al sostegno finanziario di Sea - Aeroporti di Milano, di Associazione NoiSea e di Tempor, la concept band sarà il 28 maggio al Teatro Arcimboldi e il ricavato del concerto interamente devoluto alla ricerca sulle malattie genetiche rare. L'evento è sostenuto anche da We4show, Ristorante Terraferma, TicketOne e Insport

26 aprile 2017 - Evento speciale a Milano il 28 maggio all'insegna della musica e della solidarietà. Grazie al sostegno finanziario di Sea - Aeroporti di Milano, di Associazione NoiSea e di Tempor (agenzia per il lavoro), il tour mondiale dei miti del rock DSL Dire Straits Legacy farà tappa al Teatro Arcimboldi e il ricavato del concerto sarà interamente devoluto alla Fondazione Telethon. L'evento ha il patrocinio del Comune di Milano e Fitel, ed è sostenuto anche da We4show (a new concept for the show), l'agenzia di live entertainment che gestisce il gruppo in tutto il mondo, dal Ristorante Terraferma, da TicketOne su cui sono in vendita i biglietti e da Insport.
 
I DSL Dire Straits Legacy sono l'evoluzione dei Dire Straits, mito del rock anni settanta e ottanta, una concept band rinata per far riascoltare agli appassionati, in versione rinfrescata dal vivo, brani indimenticabili come ‘Romeo and Juliet’, ‘Sultans of Swing’, ‘Money for Nothing’, ‘Tunnel of Love’, ‘Walk of life’. Nei prossimi mesi, inoltre, usciranno con un proprio disco che sarà presentato in anteprima in Brasile durante il tour. Insieme alla We4Show, i DSL hanno avuto un incontro con i vertici di Telethon e hanno aderito con entusiasmo al progetto.
 
Si esibiranno per sostenere la ricerca sulle malattie rare genetiche Alan Clark (tastiere), Danny Cummings (percussioni), Mel Collins (sax) e Phil Palmer (chitarra), insieme ad altri grandi musicisti come Andrew Tracey (batteria), Mickey
Feat (bass), Marco Caviglia (voce e chitarra) e Primiano Dibiase (tastiere). Proporranno brani storici e anche qualche novità. Presenterà l'attore e regista Maurizio Colombi.
 
“La musica – è stato detto alla presentazione a Milano a cui ha partecipato lo stesso Phil Palmer – è un modo per invitare tutti a confrontarsi con un problema drammatico in modo non drammatico”.

Fondazione Telethon è una delle principali charity biomediche italiane, nata nel 1990 con la missione di arrivare alla cura delle malattie genetiche rare. Dalla nascita ha investito in ricerca oltre 475 milioni di euro, ha finanziato oltre 2.600 progetti con quasi 1.600 ricercatori coinvolti e più di 540 malattie studiate.
 
Ticketone si occupa della promozione del concerto sul digitale. Un video promo è visibile su Youtube e sui canali ufficiali del gruppo. Le relazioni pubbliche sono curate da Ultra Pr Agency di Elisabetta Galletta. Lo studio Profili di Clara Rainò gestisce web, social e profilo Twitter del gruppo musicale. Altre info sono su www.telethon.it/dsl e www.dslegacy.com.





Ricola, dietaGIFT, Neiade Milano Tours protagonisti
alla mostra mercato Flora et Decora a sant'Ambrogio


a Milano l'evento primaverile, a ingresso free, ideato e organizzato da IS.LA per supportare economicamente i lavori di restauro continuativi della basilica. Chiostri e giardini aprono ad appassionati di piante, fiori, arredi e decori per casa, giardino e terrazza. DietaGIFT parlerà di alimentazione equilibrata, Neiade organizzerà visite guidate, Ricola presenterà la nuova caramella Herb-Caramel

19 aprile 2017 - Dal 21 al 23 aprile la Basilica di sant'Ambrogio di Milano ospiterà la mostra mercato Flora et Decora, giunta alla quinta edizione primaverile e a ingresso libero (dalle 10 alle 19). Chiostri e giardini apriranno agli appassionati di piante, fiori, arredi e decori per casa, giardino e terrazza, che potranno anche scoprire gli usi delle erbe balsamiche o come adottare un'alimentazione equilibrata, grazie alla presenza di dietaGIFT. Organizza IS.LA srl che nel 2013 ha ideato l'evento per supportare economicamente i molti lavori di restauro di cui la basilica ha continuamente bisogno. Quest'anno i proventi saranno destinato al restauro della facciata della Chiesa di San Nicolao.
 
Sono attesi 100 espositori, 30 nel Flora e 70 nel Decora, e dai 15.000 ai 20.000 visitatori. Un particolare gazebo giallo (quelli tradizionali sono verdi, bianchi o marroni) ospiterà lo sponsor Ricola, che proporrà agli herb lovers le sue caramelle. Tra queste, in particolare, l’ultima arrivata, la nuova Herb-Caramel che unisce la cremosità del caramello alle tradizionali 13 erbe benefiche coltivate sulle montagne svizzere secondo i principi dell’agricoltura biologica, senza l’impiego di fitofarmaci (vedi Videonotizia del 9 gennaio). 
 
Neiade Milano Tours, specializzata in visite d'arte e cultura per il turismo, per i tre giorni di Flora et Decora organizzerà visite guidate a tema (su prenotazione) negli spazi della mostra e all'interno della basilica di sant'Ambrogio.
 
La manifestazione ha l'appoggio di Regione Lombardia, Comune di Milano ed ExpoinCittà #MilanoaPlaceToBE. Altre info su www.floraetdecora.it


Ritorna a Milano 'RadioCity' con 200 emittenti e 70 ore di diretta


la terza volta RadioCity celebra la radio in ogni forma e declinazione, dai grandi network nazionali alle webradio di quartiere, guardando al futuro del mezzo. Alla tre giorni di informazione, incontri, musica e intrattenimento saranno presenti oltre 200 radio, di cui il 10% internazionali, e i professionisti della radiofonia italiana e straniera 

19 aprile 2017 - Si terrà all'UniCredit Pavilion in piazza Gae Aulenti, da venerdì 21 a domenica 23 aprile, col patrocinio del Comune di Milano, la terza edizione di RadioCity, una tre giorni di informazione, incontri, musica e intrattenimento dedicata al mondo delle radio. Ne saranno presenti oltre 200 , di cui il 10% internazionali.
 
Sarà anche l'occasione per incontrare gli operatori del settore, i professionisti della radiofonia italiana e straniera e il grande pubblico che segue le trasmissioni, i personaggi e le notizie. Sono attesi ospiti prestigiosi come il direttore artistico della radio pubblica norvegese Knut Henrik Ytre-Arne, che ha appena completato lo switch-off dell'Fm in favore del digitale, e il direttore dell'EBU (European Broadcasting Union) Graham Dixon.
 
La manifestazione aprirà i battenti il 21 aprile con l'animazione dei 4 Magic Box, temporary studios a disposizione delle radio che trasmetteranno ininterrottamente fino alla domenica sera per per oltre 70 ore di diretta. Tra le realtà che condivideranno spazi, idee e microfoni ci sono Radio1, Radio2, Radio3, Radio Capital, RDS, Radio Deejay, Radio Kiss Kiss, Radio24, RadioItaliaAnni60, RadioInBlu, Radio Fiume Ticino, Discoradio, HR2 (Croazia), Latvjas Radio (Lettonia), Radio San Marino, Radio Musica, Radio Beckwith, Radio Number One, Radio Lombardia, Radio Popolare, Radio Panda, Radiogiornale Sicilia e Share Radio.
 
Official sponsor sono Firestone e Coop, official partner Fiera Milano e DigitalRadio. Altre info su http://www.radiocitymilano.it
Per saperne di più sul programma …>>



Sky celebra tutte le forme d'arte al Festival di Sky Arte a Napoli


leitmotiv la rigenerazione, l'evento porterà in diverse location tanti protagonisti dell'arte italiana e internazionale, per una tre giorni a base di teatro, musica, arte classica e contemporanea, fotografia, street art. Il pubblico potrà anche assistere alle proiezioni delle principali produzioni originali realizzate da Sky Arte e dei grandi film d'arte prodotti da Sky. Verrà realizzata un'opera di street art che sarà lasciata alla città

11 aprile 2017 - Protagonisti della scena artistica italiana e internazionale si ritroveranno a Napoli dal 5 al 7 maggio per il primo Festival di Sky Arte (www.festivalskyarte.com), organizzato da Sky in collaborazione con Sky Academy. Saranno tre giorni di performance di teatro, musica, arte classica e contemporanea, fotografia, street art. Il pubblico potrà assistere a incontri, mostre, proiezioni, concerti e anteprime e anche partecipare alla creazione di opere d'arte che saranno lasciate alla città. Tema del Festival, organizzato in collaborazione con il Polo museale della Campania e con il patrocinio del Comune di Napoli e dell'Università degli Studi Federico II, è la 'rigenerazione’ che parte dalla creatività e delle arti.
 
Molte le location coinvolte, tra cui il Museo Pignatelli, quartier generale del Festival, e la villa comunale, lungo la Riviera di Chiaia, che ospiterà dibattiti, proiezioni di film e documentari, workshop e alcune delle attività di Sky Academy rivolte ai bambini e ai ragazzi. Il Museo Madre ospiterà l'evento inaugurale del Festival e il cinema serale all'aperto, mentre la Basilica di San Gennaro Extra Moenia e la Basilica di Santa Maria della Sanità ospiteranno pièce teatrali e il concerto di chiusura del festival con Vinicio Capossela.
 
Il Festival offrirà anche l'opportunità di assistere gratuitamente alle proiezioni delle principali produzioni originali realizzate da Sky Arte in questi quattro anni e dei grandi film d'arte prodotti da Sky.
 
Tra gli ospiti, ci saranno Manuel Agnelli, Mimmo Borrelli, Vinicio Capossela, Geppi Cucciari, Erri de Luca, Stefano di Battista, Cristina Donadio, Carlo Lucarelli, Nicky Nicolai, Mimmo Palladino, Francesco Piccolo, Oliviero Toscani e Benjamin Biolay. Durante il Festival verrà realizzata una puntata di Muro, il programma sulla street art prodotto da Level33 per Sky Arte, dedicata alla città di Napoli e un artista creerà un'opera ad hoc. I volti dei cittadini di Napoli saranno protagonisti della grande installazione di arte pubblica ‘Inside Out . A Global Art Project by JR’. 
Per saperne di più sul programma …>>



Fondazione Tim e Accademia Teatro alla Scala varano il tour Innovazione on stage, esperienza immersiva nel mondo del teatro


day tour presenterà a Milano, Torino, Bari e Palermo l'offerta formativa dell'Accademia coinvolgendo i giovani con la tecnologia Samsung Gear VR. Il debutto sarà a Milano per il FuoriSalone. Il progetto è realizzato e comunicato da Armando Testa con Testa Digitale Hub. Sulla piattaforma WithYouWeDo di Tim parte il crowfunding Talenti on Stage

29 marzo 2017 - Accademia Teatro alla Scala e Fondazione Tim promuovono il progetto Innovazione On Stage nato per rendere le professioni del mondo dello spettacolo accessibili a tutti e promuovere la cultura del cambiamento e dell'innovazione digitale. Si tratta di un Open Day Tour per far conoscere l'Accademia Teatro alla Scala e la sua offerta formativa: quattro corsi vengono raccontati grazie a un'installazione immersiva itinerante che, utilizzando la tecnologia Samsung Gear VR, coinvolgerà studenti tra i 18 e i 25 anni facendo tappa a Milano, Torino, Bari e Palermo.

Realizzazione del progetto, ideazione, materiali di comunicazione e installazione sono curati da Armando Testa, che ha creato un gruppo di lavoro dedicato guidato dal direttore creativo Jacopo Morini di Testa Digital Hub, unit d'innovazione del gruppo. Partner tecnologici sono Prodea e Curve Studio.

L'iniziativa Innovazione On Stage debutterà a Milano sabato 8 aprile nella sede dell'Accademia (via Santa Marta 18), nell'ambito del FuoriSalone.

Intanto, sulla piattaforma WithYouWeDo è al via la seconda edizione del crowfunding Talenti on Stage, a sostegno dei giovani talenti e delle professioni legate al palcoscenico. Per ogni euro versato, la Fondazione Tim riconoscerà ad Accademia Teatro alla Scala una donazione di pari importo, fino a un massimo di 200.000 euro. Con 400.000 euro complessivi si potranno erogare 171 borse di studio a giovani talenti under 30.


In 184 Paesi si è celebrata la 10ª Earth Hour
promossa dal Wwf contro i cambiamenti climatici


della Terra è scoccata il 25 marzo alle 20.30 (local time) e in tutto il mondo sono state spente le illuminazioni di monumenti, piazze, luoghi simbolici. Tante aziende, come in Italia Wind e Subito, hanno spento le luci di uffici e insegne. La community di videomaker della piattaforma di video crowd sourcing Userfarm ha realizzato 400 video dedicati all'evento, di cui 8 sono stati condivisi sui social media ufficiali dell'Earth Hour, uno al giorno a mo' di count down

27 marzo 2017 - Si è celebrata sabato la decima edizione dell'Earth Hour 2017, il movimento mondiale del Wwf contro i cambiamenti climatici e a favore di un futuro sostenibile. L'Ora della Terra è scoccata il 25 marzo alle 20.30 (local time): tutto il mondo è stato invitato a spegnere la luce per un'ora, come gesto globale e simbolico a sostegno delle nuove generazioni, e a partecipare agli eventi di sensibilizzazione organizzati dal Wwf. L'hashtag della call to action è stato #changeclimatechange.

La grande ‘ola di buio’ ha fatto il giro del mondo toccando 184 paesi. Si sono spenti monumenti, piazze e luoghi simbolici e tante aziende, come in Italia Wind e Subito, hanno spento le luci di tutti gli uffici e le insegne delle sedi.

Per il decimo anniversario dell'evento, circa 400 filmmaker di 16 Paesi hanno partecipato alla campagna di video crowd sourcing promossa dalla piattaforma globale Userfarm per la divulgazione sui social network dell'Earth Hour Day, creando una grande quantità di video, di vario genere e con varie tecniche di ripresa, tutti uniti da un unico messaggio: “Take Action For Climat
e Change”. 

Non più lunghi di 90 secondi ciascuno, avevano l'obiettivo di aumentare il numero di views e di coinvolgere la comunità mondiale. Dei 400 video ricevuti, ne sono stati approvati 34 e, di questi, 8 sono stati selezionati per essere condivisi sui social media ufficiali dell'Earth Hour. E' stato pubblicato un video al giorno a cominciare da sabato 17 marzo per l'intera settimana che ha preceduto l'evento, come una specie di count down per guidare l'awareness del progetto e coinvolgere il pubblico più giovane. 




Dinosauri a Milano, al Mudec e nelle strade, con Sole 24 Ore Cultura

Resta aperta fino al 9 luglio la mostra ‘Dinosauri. Giganti dall'Argentina’, promossa dal Comune di Milano/Cultura e da 24 Ore Cultura, col supporto di una campagna che prevede tv, stampa, web, affissioni, street advertising e guerrilla marketing. Tra i partner c'è Discovery con Focus, K2 e Frisbee, che organizza una notte al museo per under 11. Altri partner sono Fondazione Deloitte, Lavazza, Aerolineas Argentinas, La Rinascente, Trenitalia, Coop Lombardia e Canon

24 marzo 2017 - Approda a Milano, al Mudec fino al 9 luglio, la mostra itinerante ‘Dinosauri. Giganti dall'Argentina’, esposizione scientifica sull'evoluzione dei dinosauri, promossa dal Comune di Milano/Cultura e da 24 Ore Cultura (Gruppo 24 Ore) che ne è anche il produttore, e che coinvolge anche il Museo di Storia Naturale di Milano.

A sostegno della mostra sono pianificate diverse attività di comunicazione. I dinosauri compaiono ovunque, nelle affissioni statiche e dinamiche, decorano le fiancate degli autobus milanesi e sono presenti nelle stazioni di Torino, Pavia, Brescia, Bergamo, Como, Vare
se, Lecco, Cremona e Monza. Colorano la città con un'attività di street advertising, curata dall'agenzia Jungle e sviluppata con la tecnica dei green graffiti, ovvero messaggi pubblicitari rispettosi dell'ambiente: sono realizzati con mescola di yogurt e cellulosa, biocompatibile e certificata, nebulizzata grazie a particolari sprayer. Un'attività di guerrilla marleting è rivolta i più piccoli: due mascotte dinosauri si esibiscono in un breve spettacolo in giardini e luoghi pubblici a Milano per 4 weekend. Infine una campagna stampa, curata internamente, è pianificata sui mezzi del Gruppo 24 Ore e una
campagna web è sul sito del quotidiano. Completano il piano di comunicazione attività sui social. 

Tra i partner dell'iniziativa c'è Discovery Italia che manda in onda su Focus, K2 e Frisbee 150 spot dedicati alla mostra e che, il 13 aprile, organizza la prima notte al Mudec dedicata a 30 bambini dai 7 agli 11 anni non accompagnati. In contemporanea Focus proporrà una programmazione sul tema dei dinosauri. Fondazione Deloitte sostiene tutte le attività museali, Lavazza è coffee partner del museo. Sono sponsor anche le Aerolineas Argentinas, La Rinascente, Trenitalia, Coop Lombardia e Canon quale digital imaging partner. 


Ventitré agenzie di eventi lanciano il manifesto ‘Gare chiare’


agenzie fanno squadra per regolamentare il sistema degli appalti privati per gli eventi di comunicazione, chiedendo, a fronte di una complessità che li rende sempre più vicini a una fase di pre-produzione, un rimborso di partecipazione dell'1% del budget assegnato al progetto

22 marzo 2017 - Ventitré agenzie di eventi e comunicazione attive in Italia lanciano l'iniziativa ‘Gare chiare’ per mettere ordine negli appalti privati nel settore della comunicazione. Si tratta di un manifesto in cinque punti, che disciplina la partecipazione ai bandi a fronte di un rimborso dell'1% del budget assegnato al progetto in gara.

I bandi di gara per gli eventi di comunicazione sono sempre più complessi e richiedono un approfondimento tale che risulta difficile distinguerli da una vera e propria fase di pre-produzione, con il conseguente coinvolgimento di un numero sempre maggiore di professionisti. Le strutture specializzate in eventi chiedono alle aziende di comprendere la difficoltà delle agenzie nell'affrontare le gare nell'attuale scenario.

L'iniziativa ha nella semplicità il suo principale strumento di forza ed è riassunta in cinque punti.

- Riteniamo che l'1% permetta di riconoscere la fase di gara per quello che è nei fatti: una pre-produzione, cioè una parte integrante del progetto.

- Riteniamo l'1% una quota che induca le aziende a una scelta più responsabile delle agenzie in gara, basata su fattori quali portfolio, professionalità maturata, investimento su nuovi player, ma anche su un adeguato tempo e processo di valutazione.

- Riteniamo che l'1% possa essere detratto o aggiunto al budget dipendentemente dalle policy aziendali e che venga naturalmente assegnato alle sole agenzie concorrenti non aggiudicatarie.

- Riteniamo che l'1% possa attivare un circolo virtuoso di parziale rimborso dei molteplici soggetti coinvolti nella fase di progettazione, che è diventata sempre più complessa, tecnica e approfondita.

- Riteniamo l'1% il giusto approccio tra chi crede nel mondo degli eventi come territorio di professionalità, serietà, fiducia e opportunità per tutti coloro che lo avvicinano.

Le agenzie firmatarie del manifesto ‘Gare chiare’ a partire dal 22 marzo, se coinvolte in gare, chiederanno un rimborso dell'1% del budget assegnato. Ad oggi si tratta di: Access live comunication, All Communication, Alphaomega, Amarena Company, Bonsaininja studio, Connexia, Digital Events, Egg Events, Elita, Eventually, Feelrouge WS, Filmmaster Events, Ground Control, Gruppo Peroni Eventi, Louder Italy, Mad House Group, Mailander, Mediagroup 98, Palazzi, Piano B, Punk for Business, Simmetrico, Synapsy. Per info www.garechiare.it


Con #giuilrubinetto, Ogilvy Change e Legambiente
sensibilizzano i bambini a non sprecare l’acqua

Diecimila bambini in tutta Italia verranno coinvolti col gioco del braccialetto Aqualoop che insegna a chiudere l’acqua mentre ci si lava i denti, un piccolo gesto quotidiano per contribuire a risparmiare la preziosa risorsa ambientale. L'iniziativa vivrà anche su internet e sui social per raggiungere anche le famiglie

16 marzo 2017 - Per la Giornata mondiale dell’acqua (22 marzo), Ogilvy Change, Ogilvy & Mather e Legambiente lanciano #giuilrubinetto, campagna no profit  per sensibilizzare i bambini delle scuole elementari sullo spreco idrico e all’uso responsabile dell’acqua di rete. Ne coinvolgerà circa 10.000 in scuole e piazze di Agrigento, Ancona, Boiano (CB), Eboli (SA), Genova, Grosseto, Foligno, Milano, Napoli, Noci (BA), Palermo, Piove di Sacco (PD), Roma, Tolentino, Verona, Vicenza e nelle tappe di Foligno, Bologna, Vicenza, Asti e Milano del Treno Verde di Legambiente, dove sarà presente un corner. 
 
L'obiettivo è di portare i bambini ad abbandonare l’abitudine di lasciare scorrere l’acqua mentre si lavano i denti, piccolo gesto quotidiano che può contribuire a risparmiare la preziosa risorsa ambientale. Lasciare aperto il rubinetto per due minuti mentre ci si lava i denti comporta in media lo spreco di 32 litri d’acqua potabile al giorno.    
 
Ogilvy Change distribuirà un nudge (spinta gentile al cambiamento), ovvero un bracciale elastico Aqualoop e dépliant informativo sullo spreco d’acqua, scritto con un linguaggio semplice e illustrato in modo vivace e coinvolgente. I bambini saranno invitati a indossarlo e ad avvolgerlo intorno alla leva del rubinetto quando si laveranno i denti, così l’elasticità del bracciale la riabbasserà interrompendo il flusso. Con il tempo Aqualoop diventerà un promemoria del comportamento da tenere. 
 
L'iniziativa #giuilrubinetto vivrà anche su internet e sui social per approfondire gli argomenti e raggiungere anche le famiglie. Sui canali social di Legambiente Scuola e Formazione ci sarà un video sullo spreco quotidiano di acqua e sulla soluzione escogitata. Date degli eventi e altre info su www.giuilrubinetto.it. 


Il Cio incarica Publicis della campagna globale
per i Giochi Olimpici Invernali 2018 in Corea del Sud

A seguito di una gara, il Comitato Olimpico ha incaricato Publicis di realizzare la comunicazione per promuovere i Giochi che si terranno a Pyeongchang da febbraio 2018. Publicis e l'agenzia digitale controllata Poke si occuperanno della comunicazione televisiva, della digital activation e dei contenuti dell'Olympic Channel

14 marzo 2017 - Il Comitato Internazionale Olimpico (Cio) ha incaricato Publicis di realizzare la campagna globale per promuovere i Giochi Olimpici Invernali 2018 che si terranno a Pyeongchang nella Corea del Sud. Il progetto sarà coordinato da Publicis Uk col supporto di Publicis New York. L'assegnazione da parte del Cio al network di Publicis Grupe arriva a seguito a una gara. 
 
Publicis e l'agenzia digitale controllata Poke si occuperanno della comunicazione televisiva, della digital activation e dei contenuti dell'Olympic Channel per promuovere l'evento e i valori olimpici dei giochi invernali, che inizieranno nel febbraio 2018. 
 
La vice president of marketing strategy and activation del Cio, Melinda May, ha motivato la scelta di Publicis e Poke col livello di spirito
collaborativo e l'impegno mostrati dalle due agenzie e per aver compreso a fondo la mission del Cio. Nick Farnhill, ceo di Publicis Londra e Poke, ha aggiunto: “Il Cio si impegna a costruire un mondo migliore attraverso lo sport. Riteniamo che essere il loro partner per la comunicazione a livello globale per i Giochi Olimpici Invernali del 2018 sia uno dei progetti più interessanti in cui un'agenzia possa essere coinvolta”. 


Nasce MAAD!, distretto per lo sviluppo
dell'audiovisivo e dell'animazione in Italia

L'obiettivo primario è la valorizzazione e il consolidamento del comparto, partendo da Milano e dal sostegno ai giovani talenti italiani. Al via il Polo di Alta Formazione presso Cariplo Factory con tre corsi professionali alla Fastweb Digital Academy, curati da Animation Italia. In settembre si terranno i Milano Animation Days. Poi ci sarà il lancio dell'Executive Master in Animation & Visual Effects della Iulm con Animation Italia

3 marzo 2017 - Nasce MAAD! Milano/Animation&Audiovisual/District, un progetto articolato per la creazione di un distretto a supporto dello sviluppo del settore audiovisivo e dell’animazione in Italia. Nasce promosso da Cariplo Factory, Asseprim, Animation Italia, con la partnership di Fastweb Digital Academy e di Iulm e il sostegno di Fondazione Cariplo e Confcommercio Lombardia, oltre al patrocinio di Regione Lombardia e del Comune di Milano. Il nucleo del nuovo distretto è Cariplo Factory, presso Base in via Bergognone 34, luogo di produzione culturale, sperimentazione e di condivisione aperto alla città di Milano.  
 
L'obiettivo primario di MAAD! è la valorizzazione e il consolidamento del comparto dell’animazione e dell’audiovisivo italiano, attraverso il sostegno ai giovani talenti italiani, a cui dare visibilità in tutto il mondo e a cui aprire alla distanza nuove opportunità lavorative.
 
I
l primo anno di MAAD! prevede l’insediamento e l’attivazione del Polo di Alta Formazione presso Cariplo Factory con tre corsi professionali che si svolgeranno alla Fastweb Digital Academy e che sono curati da Animation Italia: sceneggiatura per l’animazione, management videogame, digital storyboarding. I corsi sono offerti gratuitamente ad allievi selezionati tra i 20 e i 40 anni e si terranno tra maggio e settembre. Le iscrizioni sono aperte (info e candidature su www.fastwebdigital.academy). 
 
Le altre attività di MAAD! per il 2017 prevedono  due momenti centrali: l’organizzazione dei Milano Animation Days (22 - 23 settembre), con l'obiettivo di valorizzare il comparto animazione e diffonderne la cultura, e il lancio dell’Executive Master in Animation & Visual Effects tenuto dall’Università Iulm attraverso la Scuola di comunicazione, in partnership con Animation Italia. Il programma per il 2018, che verrà reso noto dopo l’estate, prevede l’ampliamento dell’offerta formativa presso la Fastweb Digital Academy e l’intensificazione di iniziative e azioni per il consolidamento e la crescita del distretto, con l’allargamento a nuovi partner. 


Google presenta Future Viewing, mostra
di opere in realtà virtuale sulla sicurezza online

Dal 3 al 5 marzo a Milano sarà possibile accedere gratuitamente, con visore Google Cardboard, a un percorso espositivo formato da dieci opere realizzate con Tilt Brush, la app di Google per dipingere in 3D. Le opere sono state realizzate da artisti emergenti, nell'ambito del progetto 'Vivi Internet al sicuro', per sensibilizzare gli Italiani all’utilizzo di strumenti per la tutela della sicurezza sul web 

22 febbraio 2017 - Google annuncia Future Viewing, prima mostra temporanea di opere in realtà virtuale sul tema della sicurezza online, che si terrà dal 3 al 5 marzo a Milano (in via Vincenzo Capelli, in zona Gae Aulenti). Sarà un percorso espositivo formato da  dieci opere realizzate con Tilt Brush, la app di Google che permette di dipingere in 3D. Attraverso un visore Google Cardboard, i visitatori potranno accedere alla mostra, gratuitamente, e passeggiare virtualmente tra le opere. Inoltre, tutti potranno mettersi alla prova con Tilt Brush e realizzare un’opera che rappresenti la sicurezza online. Le migliori saranno esposte.
 
Le opere di Future Viewing sono state realizzate da un gruppo di artisti emergenti, nell'ambito del  progetto 'Vivi Internet al sicuro', realizzato da Google insieme alla Polizia Postale e delle Comunicazioni e Altroconsumo, per sensibilizzare e formare gli Italiani all’utilizzo di strumenti per la tutela della sicurezza sul web.  
 
“Abbiamo percorso oltre 2.600 km con il nostro bus, incontrando insieme ai partner migliaia di persone a Milano, Cagliari, Napoli, Bologna e Roma, dove abbiamo effettuato oltre 4.000 controlli di sicurezza degli account Google. Oggi con Future Viewing, torniamo a ricordare agli italiani quanto sia importante dedicare anche pochi minuti alla verifica delle impostazioni di privacy e sicurezza” ha dichiarato Vincenzo Riili, direttore marketing di Google in Italia.
 
Accanto al percorso espositivo, sarà possibile ricevere suggerimenti per stare sicuri online dagli esperti di Google ed effettuare un controllo sicurezza del proprio account. 


Innovazione e tecnologia avanzata condivise
con la città nella nuova sede 4.0 di Microsoft a Milano

È stata inaugurata la Microsoft House nel quartiere di Porta Volta, mega palazzo a vetrate a sei piani di cui tre aperti al pubblico, luogo di confronto per aziende e cittadini sulle opportunità offerte dal digitale. Attesi 200.000 visitatori e 10.000 professionisti nel primo anno. Smartworking, spazi dinamici, scrivanie rigorosamente non assegnate favoriscono la creatività e lo scambio di idee, all'insegna del credo aziendale nell'open innovation

16 febbraio 2017 - Un'enorme piramide a vetrate a sei piani, in viale Pasubio 21 nel quartiere di Porta Volta, a fianco di quello di Porta Nuova, è dal 30 gennaio la nuova Microsoft House milanese, ufficialmente inaugurata ieri. È il primo edificio italiano progettato dagli architetti svizzeri Herzog & De Meuron e costruita da Coima per Fondazione Feltrinelli, di cui Microsoft è inquilino, mentre per sé la Fondazione ha tenuto l'analogo palazzo accanto, aprendoci una libreria con caffè/ristoro. Materiali, sistemi e arredi sono tutti rigorosamente made in Italy.

Le parole chiave della nuova sede sono in linea con la filosofia del gruppo: ecosistema, apertura, collaborazione, flessibilità. innovazione. C'è pari proporzione tra i piani e gli spazi per i dipendenti e quelli aperti al pubblico: Microsoft House punta infatt
i alla totale integrazione con l'ambiente esterno, evidenziando la rilevanza che ha il valore dell'open innovation per l'azienda. “Microsoft House riflette la nostra mission di aiutare persone e organizzazioni a ottenere di più dal digitale. Dalle grandi aziende fino alle startup, dagli studenti fino al mondo delle NGO e ai nostri partner, Microsoft House rappresenta un luogo per innovare, collaborare, trovare idee e fare ecosistema” ha detto Carlo Purassanta, a.d. di Microsoft Italia. La nuova sede accoglierà nel 2017 oltre 200.000 visitatori, 10.000 professionisti, 4.000 studenti e 1.000 dirigenti scolastici a cui verranno messi a disposizione “tecnologie, competenze, momenti di formazione e occasioni di confronto sulle opportunità del digitale”. 

Microsoft promuove un modello di azienda innovativo, ispirato a logiche di smar
tworking, luogo di scambio di idee, con spazi dinamici per stimolare la creatività. L'edificio, con 832 vetrate, si sviluppa su sei piani fuori terra, di cui tre aperti al pubblico. L'innovazione è il leitmotiv che rende Microsoft House un edificio 4.0: reception virtuale, sistemi avanzati di video conferencing, domotica, sensori IoT. Le aree riservate a dipendenti e collaboratori - dal secondo al quinto piano a tema rispettivamente sport, natura e città - prevedono postazioni open space, flessibili, rigorosamente non assegnate, differenziate nella forma e nell'estetica secondo funzione, con spazi aperti e altri riservati, salotti e salottini, sale per video conferenze dotate di tecnologie e sensori di ultima generazione. 

A piano terra c'è lo Showroom, dedicato al grande pubblico, realizzato in collaborazione con Intel, aperto sette giorni su sette a chi voglia sperimentare le tecnologie Microsoft e le soluzioni dei suoi partner. Gli appassionati di gaming vi trovano postazioni Xbox e dispositivi Windows 10. Studenti e docenti hanno a disp
osizione la Digital Class, un ambiente multimediale dedicato al mondo Educational. Al centro c'è la zona Wi-Fi Lounge powered by Intel, per rilassarsi e collegarsi a internet. Al primo piano c'è il “meglio della tecnologia”, il Microsoft Technology Center, centro esperienziale per fare vivere ad aziende, startup e professionisti scenari d'innovazione abilitati da Microsoft e da Intel. Qui sono attesi 10.000 professionisti l'anno. All'ultimo piano, infine, c'è inatteso The Loft, un elegante appartamento con lounge e cucina per incontri informali coi clienti, con vista scenografica sulla città. 


Torna a Milano MIA Photo Fair, fiera
della fotografia d'arte. Main sponsor Lavazza e Bnl

La settima edizione, che si terrà dal 10 al 13 marzo a The Mall, vedrà partecipare 80 gallerie provenienti da 11 Paesi. Lavazza sarà presente col Calendario artistico 2017 ‘We are what we live’, Bnl assegnerà il premio Bnl Gruppo Bnp Paribas. Sponsor tecnici sono Cantine Ferrari, Ciaccio Arte, iQOS, Nexive e Kartell, mentre Eberhard & Co sosterrà un progetto dedicato alla performance. Il Comune di Milano annuncia il progetto sperimentale di una Photo Week milanese a giugno

15 febbraio 2017 - Si terrà a The Mall, nel quartiere di Porta Nuova a Milano, dal 10 al 13 marzo, la settima edizione di MIA Photo Fair, fiera dedicata alla fotografia d'arte, col patrocinio della Regione Lombardia, della Città Metropolitana di Milano e del Comune di Milano. Il format è consolidato: da un lato, le gallerie che propongono a scelta collettive o progetti monografici, dall'altro ‘Proposta MIA’, una selezione di fotografi che espongono il proprio lavoro individualmente. Le gallerie partecipanti sono 80 provenienti da 11 nazioni (il 30% sono straniere) cui si aggiungerà un'area dedicata all'editoria. A contorno, un fitto programma di talk, incontri e dibattiti. 
 
Tra le novità della 7ª edizione ci s
ono tre progetti tematici legati ad altrettante aree geografiche: focus Brasile, focus Asturie e quello sull'Ungheria. Verrà inoltre riservato particolare interesse per la performance, come ArtOnTime, un progetto itinerante promosso da Artraising, che ha l'obiettivo di finanziare e lanciare artisti nell'arte performativa con il crowdfunding. Ne è sponsor Eberhard & Co. Main sponsor dell'intera manifestazione sono, invece, Bnl Gruppo BnpParibas e Lavazza. Sponsor tecnici sono Cantine Ferrari, Ciaccio Arte, iQOS, Nexive e Kartell che cura un progetto speciale di allestimento nella lounge con pezzi della collezione Kartell goes Sottsass e con sedute e tavolini di design Philippe Starck.
 
Tra i premi che verranno assegnati, uno è firmato da Bnp Paribas, main sponsor da sei edizioni. Il premio Bnl Gruppo Bnp Paribas è dedicato ai fotografi che prendono parte alla fiera esponendo con le proprie gallerie di riferimento. Le opere finaliste verran
no pubblicate su @bnl_cultura, l'account Instagram di Bnl dedicato all'arte e alla fotografia, e l'opera vincitrice entrerà a far parte del patrimonio artistico della Banca, che a oggi conta oltre 5.000 opere. 
 
Quanto a Lavazza, il caffè ‘artistico’ rinnova la partnership alla fiera presentando il Calendario 2017 dedicato ai ‘difensori della terra’ abitanti nel Sud Est Asiatico. A tema ‘We are what we live’ è costruito con 12 coppie di fotografie affiancate, metà uomo e metà ambiente a dimostrarne la simbiosi. Il progetto, realizzato in collaborazione con Slow Food, è firmato da Armando Testa mentre gli scatti sono del francese Denis Rouvre, ‘fotografo della geografia dei volti’ (vedi news del 22 settembre 2016). 
 
Alla presentazione dell'evento espositivo ieri a Milano, Filippo dal Corno, assessore alla cultura del Comune, ha annunciato l'intenzione di varare a giugno in via sperimentale una Photo Week milanese, che farà tesoro dell'esperienza di MIA Photo Fair.
 



Nespresso e Userfarm lanciano il vertical video contest
‘Nespresso Talents 2017’ a tema You have the power to…

Filmmalkers di tutto il mondo sono invitati a realizzare un video in formato verticale 9:16, adatto alla fruizione su device mobile, che mostri come qualcuno o qualcosa abbia il potere di cambiare le situazioni e fare la differenza. I due finalisti saranno annunciati durante il Cannes Film Festival

14 febbraio 2017 - È partita la seconda edizione del vertical video contest ‘Nespresso Talents’ rivolto ai filmmakers di tutto il mondo. In partnership per il secondo anno con la piattaforma di video crowd sourcing Userfarm.com, Nespresso Talents 2017 invita a realizzare un video in formato verticale (9:16), utilizzando un linguaggio per il mobile invece del formato tradizionale per la tv e il cinema. Del resto, il 58% dei video viene visto su device mobili e sempre più contenuti sono creati per questa modalità di visione. 
 
Il Nespresso Talents 2016, con 384 video da oltre 40 Paesi, è stata la dimostrazione di una vera e propria esplosione di creatività e ha posizionato la piattaforma Userfarm tra i top player della crowd sourcing industry. L'edizione 2017 ha per tema ‘You have the power to…’: i partecipanti sono invitati a raccontare come qualcuno o qualcosa abbia il potere di cambiare le situazioni e di fare la differenza, non importa quanto questa sfida sia grande o piccola.
 
Si può partecipare fino al 7 aprile su Nespresso.com/talents. Una giuria di esperti selezionerà i 2 video finalisti da una shortlist di 15 film visionabili sul sito dal 24 aprile al 2 maggio e che il pubblico potrà votare. I filmmakers selezionati riceveranno fondi per la carriera e per un viaggio al Cannes Film Festival 2017, di cui Nespresso è official partner da dieci anni, e dove saranno annunciati i video finalisti (19-20 maggio). I due filmmakers selezionati parteciperanno a una mentoring session a Cannes con i talents representatives della Semaine de la Critique e della Berlinale. 


Bruno Bertelli presidente della giuria Outdoor a CannesLions 2017

Il global chief creative officer di Publicis Wordwide, nonché cco e ceo di Publicis Italia, fa parte dei primi sedici presidenti di giuria annunciati dall'organizzazione del Cannes Lions International Festival of Creativity per l'edizione 2017

30 gennaio 2017 - Gli organizzatori del Cannes Lions International Festival of Creativity hanno annunciato i nomi di un primo gruppo di presidenti di giuria che assegneranno i premi all'eccellenza creativa alla prossima edizione, che si terrà dal 17 al 24 giugno. Tra questi c'è anche un italiano, Bruno Bertelli, global chief creative officer di Publicis Worldwide. Bertelli è anche ceo ed executive creative director di Publicis Italia, pluripremiata a CannesLions 2016 e a Eurobest 2016 per il lavoro creativo fatto per Heineken. Anche al recente Eurobest Bertelli è stato presidente di giuria, quella per Film, Print, Print and Poster Craft. A CannesLions 2017 presiederà la giuria che assegnerà gli Outdoor Lions.&nb
Bruno Bertelli
sp;
 
Commentando la sua nomina. Bertelli ha detto: “La categoria Outdoor è cresciuta e si è evoluta diventando una delle più ampie e interessanti da giudicare, visto che comprende lavori che a livello esecutivo spaziano dal tradizionale al digitale e all'ambient”.
 
Ecco l'elenco dei presidenti annunciati. Quelli per Creative Effectiveness, Entertainment, Innovation e Health Jury saranno resi noti il mese prossimo. 
 
Cyber Lions
Colleen DeCourcy, Global Chief Creative Officer, Wieden + Kennedy, Global
 
Digital Craft Lions
Henry Cowling, Creative Director, UNIT9, UK
 
Direct Lions.
Ted Lim, Chief Creative Officer, Dentsu Brand Agencies, APAC.
 
Design Lions
Sandra Planeta, Founder & Creative Director, Planeta Design, Sweden
 
Film Lions
Pete Favat, Chief Creative Officer, Deutsch North America, USA.
 
Film Craft Lions
Robert Galluzzo, Founder/Executive Producer, FINCH, Australia.
 
Glass Lions
Wendy Clark, Chief Executive Officer, DDB Worldwide, North America, USA.
 
Media Lions
Mike Cooper, Worldwide CEO, PHD, Global.
 
Mobile Lions
Andy Hood, Head of Emerging Technologies, AKQA, UK.
 
Outdoor Lions
Bruno Bertelli, Global Chief Creative Officer, Publicis Worldwide, Global
 
Print & Publishing Lions
Fran Luckin, Chief Creative Officer, Grey Africa, South Africa publishing.
 
Promo & Activation Lions
Stéphane Xiberras, President & Chief Creative Officer, BETC, France.
 
Product Design Lions
Ruth Berktold, Owner, YES architecture, Germany..”
 
PR Lions
Karen van Bergen, Chief Executive Officer, Omnicom Public Relations Group, USA.
 
Radio Lions
Mario D'Andrea, President & Chief Creative Officer, Dentsu, Brazil
 
Titanium and Integrated Lions
Khai Meng Tham, Co-Chairman & Worldwide Chief Creative Officer, Ogilvy & Mather, Global.


Nasce Parole O_Stili, community contro i linguaggi dell'odio in rete

Il progetto di contrastare l’ostilità in rete riunisce oltre 300 tra giornalisti, manager, politici, docenti, comunicatori e influencer, capaci di raggiungere quasi 4 milioni di persone su Facebook e 4 milioni su Twitter. Il primo momento di confronto sarà un evento a Trieste il 17 e 18 febbraio con la presentazione del 'Manifesto della comunicazione non ostile'. Tra i supporter anche l'Adci

20 gennaio 2017 - L'incitamento all'odio e l'insofferenza corrono sui social. Per contrastare la crescente ostilità in rete, nasce il progetto collettivo 'Parole O_Stili' che unisce una community trasversale di oltre 300 tra giornalisti, manager, politici, docenti, comunicatori e influencer. Parole O_Stili vuol far riflettere sulla non neutralità delle parole e sull’importanza di sceglierle con cura. Il primo momento di confronto sarà  a Trieste il 17 e 18 febbraio quando, durante un evento organizzato con la Regione Friuli Venezia Giulia, sarà presentato un 'Manifesto della comunicazione non ostile', scritto a più mani dalla community per ridurre, arginare e combattere i linguaggi negativi della rete.
 
Durante la prima giornata, con la presenza della presidente della Camera Laura Boldrini, la community si confronterà su linguaggi e comportamenti digitali e sottoscriverà il Manifesto. Durante la seconda giornata, che vedrà la partecipazione di Enrico Mentana, saranno aperti al pubblico nove tavoli tematici su: social media e scritture; giornalismo e mass media; viaggi, sport e divertimento; politica e legge; business e advertising; in nome di Dio; giovani e digitale; bufale e algoritmi; bambini e social media. Ci si può iscrivere su www.paroleostili.it
 
L’hate speech, secondo un’indagine dell’Osservatorio Giovani dell’Istituto Toniolo sul tema 'Diffusione, uso, insidie dei social network', è un argomento molto sentito dai giovani italiani: 7 su 10 l’hanno sperimentato in prima persona e quasi il 90% degli intervistati ne ha un’opinione negativa. L'ideatrice del progetto, Rosy Russo, ha commentato: “La rete sta diventando il luogo privilegiato dell’incitamento all’intolleranza, all’odio, alla diffamazione. Parole O_Stili ha l’ambizione di invertire questo trend, diffondendo online il virus positivo dell’inclusione e del rispetto, grazie a una community capace di raggiungere quasi 4 milioni di persone su Facebook e 4 milioni su Twitter”. L'iniziativa ha il patrocinio, tra gli altri, di Ferpi e dell'Art Directors Club Italiano. 
 

Per saperne di più..>>




Riparte il Milano Montagna Vibram Factory, contest
di design e tecnologia dedicato allo sport in montagna

Con title sponsor Vibram, la terza edizione del concorso che promuove innovazione e ricerca si svolgerà nell'ambito del festival Milano Montagna dal 5 al 7 ottobre. È rivolto a designer, progettisti e studenti appassionati di montagna che hanno sviluppato progetti di attrezzature sportive e tecnologie per attività in ambiente sportivo outdoor

20 gennaio 2017 - È stato annunciato il Milano Montagna Vibram Factory, contest di design, ideato da Laura Agnoletto, che promuove l'innovazione tecnologica legata al mondo dello sport e della montagna. Organizzato da tre edizioni con title sponsor Vibram, player globale di progettazione, innovazione, produzione e commercializzazione di suole in gomma, si svolgerà nell'ambito di Milano Montagna, il festival della montagna realizzato in partnership col Comune di Milano alla Fabbrica del Vapore dal 5 al 7 ottobre. 
 
Il concorso si rivolge a designer, progettisti e studenti che abbiano una comune passione per la montagna e che abbiano creato o stiano sviluppando progetti di attrezzature sportive, equipaggiamenti e tecnologie per attività in ambiente sportivo outdoor, e - nell'edizione 2017- anche progetti di design di strutture e attrezzature per praticare l'allenamento outdoor in città, pensate per gli spazi pubblici cittadini. Spiega Laura Agnoletto: “Milano Montagna Vibram Factory crea l'opportunità di un incontro diretto tra i progettisti e le aziende, che ritrovano in questo incubatore le idee più innovative e le risorse più talentuose per sviluppare le invenzioni del futuro“.  
 
Esperti del settore valuteranno i singoli progetti e decreteranno i vincitori. La giuria sarà composta da Alberto Meda (presidente), Riccardo Blumer, Martino Colonna, Marc Sadler, Silvia Nani, Massimo Randone, Marco Guazzoni e Robert Fliri per Vibram.
 
Da fine febbraio sarà possibile iscriversi compilando il modulo sul www.milanomontagna.it/VibramFactory e inviandolo all'indirizzo mail vibramfactory@milanomontagna.it entro il 30 luglio, raccontando l'invenzione e allegando foto e/o rendering del progetto. Entro il 1° settembre saranno comunicati i selezionati che potranno inviare eventuali prototipi. 


Ford apre la Ford Social Home, temporary space
ipertecnologico dove commentare MasterChef Italia

Ford Italia, sponsor da tre edizioni del cooking show su Sky Uno Hd, apre a Milano uno spazio pensato per ospitare foodstar, webstar, blogger,  influencer ma anche semplici spettatori, che amano vivere MasterChef sia sul primo che sul secondo schermo e commentare le puntate sui social. Il progetto è ideato e sviluppato per da GTB Roma del gruppo Wpp

16 gennaio 2017 - Al secondo anno evolve il Ford Social Restaurant, dove, attraverso dei ‘digital dinner’ (le MasterChef Night), foodstar, webstar e influencer seguono e commentano sui social le puntate di MasterChef Italia (vedi news del 18 gennaio 2016). Ford, sponsor del cooking show arrivato alla sesta stagione su Sky Uno Hd, è presente nel programma con EcoSport official transportation car che fa da confessionale dei concorrenti eliminati. E ora fa evolvere il Ford Social Restaurant in Ford Social Home, temporary space in modalità ‘always on’ realizzato per elevare il livello di coinvolgimento degli ospiti delle MasterChef Night, aperto ogni giovedì sera allo spazio Bou-tek in via Maurizio Gonzaga 7 a Milano, dal 12 gennaio al 9 marzo. 
 
Ford Social Home è un luogo familiare e coinvolgente, dove si ci sente come ospiti ‘a casa di amici’, per vedere insieme la puntata. Nello spazio tecnologico e interconnesso le persone possono interagire, ad esempio specchiandosi nell’Interactive Mirror (‘specchio parlante’) o sedendosi alla Smart Table (una ‘tavola ricettario’) o scattandosi foto al Selfie Wall (‘cornice digitale e connessa’). Francesco Facchinetti fa da padrone di casa, coinvolgendo i concorrenti eliminati nella puntata precedente in esibizioni di show cooking e si alterna nelle varie serate con altri personaggi dello spettacolo.
 
Per commentare il talent su Twitter, la gamma di tool tecnologici della Ford Social Home è completata dal Twitter Wall, il ‘3° schermo’ oltre al primary screen della tv e al secondary dello smartphone, aggiornato all’ultimo tweet. I tweet più originali vengono pubblicati con l’hashtag
#FordSocialHome. I fan di Ford Italia e di MasterChef Italia possono richiedere un invito per partecipare ad una delle 9 MasterChef Night, registrandosi su www.fordsocialhome.it
 
La Ford Social Home vive anche oltre alle MasterChef night. Da un lato è un contenitore media che funge da piattaforma per lanciare una serie di attività dedicate ad audience specifiche, dal tech al gaming, dal fashion al lifestyle, dall’altro è uno showroom virtuale pensato per accogliere un pubblico più ampio durante la settimana, facendo vivere ai consumatori l’experience Ford a 360°. 
 
La Ford Social Home è stato ideata e sviluppata per Ford Italia da GTB Roma, l’agenzia del gruppo Wpp che segue le attività di comunicazione, tra cui quelle digital e social, dell’Ovale Blu in Italia. La stessa GTB Roma in collaborazione con YAM112003, agenzia creativa e casa di produzione tv del Gruppo Endemol Shine, firma il lancio all’interno di MasterChef Italia dell’ident 'Il Viaggio è servito',  film girato tra i fornelli e l’abitacolo di una Ford Ecosport. 


Conti e la De Filippi ‘no profit’ condurranno il Festival di Sanremo,
con 22 big in gara. Tim sponsor unico lancerà la rete mobile 4.5G

Maria De Filippi a compenso zero, in trasferta a tempo da Mediaset, è l'àtout della terza volta di Carlo Conti alla conduzione della kermesse sanremese. Altre due novità sono i big che passano da 20 a 22, di cui 16 arriveranno alla finale, e la presenza, per la prima volta nella storia del Festival, di un unico brand per tutta la durata. La Tim Data Room analizzerà i dati provenienti dalla rete sull'evento, TIMmusic proporrà iniziative speciali e premierà il brano che risulterà più ascoltato sull'app. Rai Pubblicità prevede una raccolta di 25 milioni

12 gennaio 2017 - Inedita conduzione a due per il 67° Festival di Sanremo, in programma dal 7 all'11 febbraio prossimi al Teatro Ariston. Il direttore artistico Carlo Conti, alla sua terza edizione, verrà affiancato da Maria De Filippi, che abbandona Mediaset solo per qualche giorno per prestarsi senza compenso alla kermesse sanremese. “Per me è motivo di orgoglio partecipare al Festival più importante della musica italiana” ha detto la De Filippi, ringraziando Pier Silvio Berlusconi per averle confermato “la libertà che vivo da anni nello scegliere cosa fare e come farlo". L'inedita coppia farà tutto da sola, non dovrebbe esserci, a meno di sorprese dell'ultima ora, la tradizionale valletta impacciata ma super decorativa. Tra gli ospiti per ora ci sono le conferme di Tiziano Ferro, Giorgia, Mika, Ricky Martin e Rag'n'Bone Man, ma si sta ancora puntando a far arrivare almeno una star hollywoodiana. E ci sarebbero anche trattative in corso con Maurizio Crozza. 

Con la De Filippi, Conti ha tirato fuori dal cilindro una novità assoluta, che ha già fatto molto parlare, e che si affianca ai cambiamenti di regolamento della gara: i campioni sono 22 invece che 20, a cui si aggiungono 8 Nuove Proposte. Dei 22 big arriveranno a esibirsi nella serata finale in 16, attraverso un meccanismo che prevede anche un torneo a girone eliminatorio il giovedì a cui parteciperanno i 6 meno votati delle prime due serate. Ne saranno eliminati definitivamente 2, mentre gli altri 16 eseguiranno versioni inedite di grandi successi della canzone italiana. Il venerdì ci sarà l'eliminazione definitiva di altri 4 campioni, oltre alla proclamazione del vincitore della categoria delle Nuove Proposte.

Il Dopofestival accompagnerà tutte le serate. Ci saranno il Televoto, i voti della sala stampa, della giuria demoscopica e di quella degli esperti. Il miglior testo in gara riceverà il Premio Sergio Bardotti, la migliore musica il Premio Giancarlo Bigazzi, assegnato dai Maestri dell'Orchestra. TIMmusic, la piattaforma di Tim dedicata alla musica in streaming, premierà il brano che risulterà più ascoltato sull'app tra quelli in concorso.

Come già annunciato infatti (
vedi news del 14 dicembre 2016)
, Tim sarà sponsor unico del Festival. Sarà presente con la Tim Data Room, la unit di Tim che analizza i dati digital provenienti dalla rete. Verranno evidenziati i trend legati agli argomenti delle puntate, agli ospiti e ai conduttori, nonché le opinioni espresse dalla rete sulla kermesse. TIMmusic, con un catalogo di oltre 25 milioni di brani musicali, sarà protagonista con iniziative speciali e proporrà contenuti editoriali esclusivi nella sezione ‘Speciale Sanremo’. Ma soprattutto Tim va a Sanremo a sottolineare il suo ruolo di abilitatore tecnologico, lanciando il servizio di rete mobile 4.5G fino a 500 Mbps. 
 
Il Festival verrà trasmesso in diretta su Rai 1 e in alta definizione su Rai 1 Hd oltre che su Radio2 e avrà grande spazio sui social. Rai Pubblicità si prepara a incassare oltre 25 milioni di euro, superando i 24,3 milioni del 2016. 


Con i ‘Mercoledì Live’ la Siae promuove la musica dal vivo

L'iniziativa patrocinata dal MiBACT prevede una tariffa forfettaria agevolata per gli eventi gratuiti organizzati nei pubblici esercizi. La sperimentazione durerà sei mesi fino a giugno

9 gennaio 2017 - Sono partiti il 4 gennaio i ‘Mercoledì Live’, iniziativa promossa da Siae col patrocinio del MiBACT per sostenere la musica dal vivo in Italia e favorire le esibizioni live di cantautori e musicisti. 

“Dopo un test in Puglia, Siae allarga la sperimentazione per i primi sei mesi del 2017, con una tariffa forfettaria agevolata per gli eventi gratuiti organizzati nei pubblici esercizi, senza limitazioni di repertorio né di età per gli autori e i musicisti – ha spiegato Filippo Sugar, presidente di Siae –. L'obiettivo è di incrementare il numero di eventi di musica dal vivo, legandoli alla promozione della compilazione e riconsegna online del programma musicale, attraverso la piattaforma mioBorderò, che consente una ripartizione più rapida e analitica del diritto d'autore”. 

La semplificazione punta ad ampliare la platea di organizzatori di spettacoli in aree non professionali con capienza fino a 200 persone con ingresso gratuito del pubblico senza obbligo né maggiorazione del prezzo delle consumazioni. La tariffa forfettaria è di 25 euro più Iva con riduzione del 50% circa della tariffa media per questo tipo di intrattenimenti. Dopo i primi sei mesi di sperimentazione, Siae valuterà se estendere il progetto anche ad altri periodi.


Intesa Sanpaolo promuove Sharing Italy, festival di idee
e azioni sul futuro economico e imprenditoriale del Paese

A marzo, al grattacielo Intesa Sanpaolo a Torino, l'evento coinvolgerà pensatori, ricercatori, ospiti internazionali e imprese clienti per interpretare i cambiamenti in atto. Esplorare, sperimentare, capire, comunicare, cercare e valorizzare saranno le sei parole chiave e le sei azioni attraverso cui immaginare il domani. Obiettivo, capitalizzare la forza e la capacità competitiva delle imprese italiane. Il progetto è ideato e gestito da Filmmaster Events

13 dicembre 2016 - In marzo il Gruppo Intesa Sanpaolo darà vita all'evento Sharing Italy che coinvolgerà pensatori innovativi e imprese clienti per immaginare insieme il futuro economico e imprenditoriale dell'Italia. Sarà una due giorni di incontri, speech, lectio magistralis, dibattiti e tavoli di lavoro, a cui parteciperanno ricercatori, ospiti internazionali e imprese che si sono distinte per dinamismo e capacità nell'interpretare i cambiamenti in atto. 
 
Sei le parole chiave dell'evento da cui partire per ragionare sulle tendenze in atto e sui possibili sviluppi del business: esplorare, sperimentare, capire, comunicare, cercare e valorizzare. Le sei parole chiave rappresentano anche sei azioni per fare impresa e competere in un contesto globale caratterizzato da cambiamenti molto veloci.
 
Il brand Made in Italy
nel 2015 valeva 414 miliardi di euro e le imprese italiane hanno dato un contributo all'export europeo dell'11,1%, di cui 397 miliardi riferiti ai soli prodotti manifatturieri. Secondo un'indagine Ipsos ancora inedita, la maggioranza delle imprese sente il cambiamento ed è consapevole che per migliorare deve investire in formazione professionale e innovazione. Tuttavia, la maggior parte ha una conoscenza del tutto superficiale dell'industria 4.0, solo una su quattro ha fatto investimenti nel digitale e solo una su cinque ha cambiato in maniera significativa il suo modo di operare. “L'idea di promuovere Sharing Italy – spiega Vittorio Meloni, direttore relazioni esterne di Intesa Sanpaolo – nasce dalla constatazione che il potenziale competitivo delle aziende italiane, nonostante la difficile crisi che abbiamo alle spalle, resta elevato. Molte imprese hanno saputo rafforzarsi e startup geniali si sono affacciate sulla scena. A partire da questi casi, vogliamo leggere i grandi cambiamenti epocali che stanno caratterizzando questo momento di forte accelerazione delle dinamiche economiche e coglierne le opportunità”.
 
L'evento coinvolgerà inoltre 150 imprese del made in Italy. La sede sarà il grattacielo Intesa Sanpaolo, progettato dall'architetto Renzo Piano e aperto alla fruizione pubblica: al 31° piano c'è l'Innovation Center, punto di riferimento per startup, progetti innovativi e giovani talentuosi. Un progetto è sviluppato da Filmmaster Events, già al fianco della banca nella gestione del Padiglione a Expo Milano 2015 e agli incontri con 400 aziende. 
 
Tra gli ospiti già confermati ci sono:
Sofia Borri, general manager di Piano C, spazio di coworking per donne in maternità;
Gianluca Dettori, presidente e fondatore di Dpixel, società di venture capital che investe in digitale, software e commercio elettronico;
Raffaello D'Andrea, ingegnere, imprenditore e artista per una visione sulle nuove frontiere della tecnologia applicata alla robotica;
Ugo Parodi Giusino, fondatore della startup Mosaicoon;
Austin Kleon, scrittore di punta del New York Times, conferenziere per Pixar, Google e Tedx;
Horacio Pagani, fondatore di Pagani Automobili;
Clara Tosi Pamphili, inventrice di A.I. Artisanal Intelligence;
Flavia Trupia, consulente di comunicazione, ghostwriter, docente, presidente di PerLaRe-Associazione Per La Retorica;
Fabio Zaffagnini e Claudia Spadoni, inventori del format Rock'n 1000. 




Pandora regala a Milano l'albero di Natale, tra engagement e charity

Il brand danese di gioielli ha fatto arrivare in piazza del Duomo l'abete rosso di 28 metri, battezzato Joy, all'interno del progetto charity ‘La Gioia Del Donare’. L'inaugurazione il 7 dicembre è stata trasmessa in diretta in radiovisione da Rtl 102.5. Un'installazione ai piedi dell'albero ospita una divertente attività social, realizzata da Initiative, che ha anche pianificato la campagna digital che invita i cittadini a partecipare

12 dicembre 2016 - Illumina piazza del Duomo a Milano ‘Joy’, l'abete rosso di ventotto metri di altezza proveniente dal Comune di Mel (Belluno), decorato con palle di colore rosso e argento e 6 chilometri di luci, regalato dal brand danese di gioielli Pandora, all'interno del progetto charity ‘La Gioia Del Donare’. L'abete è stato donato alla città il 7 dicembre e Rtl 102.5 ha trasmesso in radiovisione la diretta dell'evento.
 
Alla base dell'albero c'è un'installazione natalizia trasparente, col logo Pandora e con quello istituzionale del Comune, contenente un riproduzione in scala dell'albero, vicino a cui i passanti possono farsi scattare una foto. Ai lati sono posizionati due totem con due grandi schermi, cuore dell'attività di engagement e anche del programma di charity associato al progetto, a favore dei bambini ospitati dall'Associazione CAF Onlus e da altre Case Famiglia italiane, in particolare delle piccole vittime del terremoto. 
 
Al termine delle festività natalizie, Joy sarà affidato alle mani del designer Alessandro Guerriero che, insieme alla Tam-Tam Onlus, coordina le attività del laboratorio di falegnameria della Fondazione Sacra Famiglia Onlus, che ne trarrà arredi e complementi destinati all'arredo urbano o alle scuole milanesi. 
 
Initiative (Ipg Mediabrands) ha collaborato alla pianificazione di una campagna che coinvolge il mondo digital. Su Facebook e Instagram una campagna social, grazie a post page video, event e photo AD, invita i cittadini a visitare Piazza Duomo per vedere l'albero e partecipare all'iniziativa. Fino al 15 dicembre, potranno entrare nell'installazione e raccontare in un'intervista video un pensiero che esprima la gioia del donare. I contributi entreranno a far parte di un video augurale che sarà trasmesso in tv e sul web durante le Feste.
 
Fino alla Vigilia di Natale, inoltre, chi condividerà un selfie o una foto sul proprio profilo Instagram con l'hashtag #LaGioiaDelDonare, riceverà la stampa dello scatto in un biglietto di auguri. Le foto accompagnate dall'hashtag e condivise sui social verranno raccolte su uno Social Wall di Natale creato da Pandora e riprodotte in tempo reale su uno dei due schermi i lati dell'installazione. Pandora è anche su Youtube, con una giornata di Masthead video in home page realizzato grazie al contributo dei visitatori dell'installazione. A supporto dell'iniziativa è stata coinvolta anche Cadreon, l'Ad Tech Unit di IPG Mediabrands specializzata in attività di programmatic buying, con un'attività di display adv geoprofilata. 


Al 19° Premio Assorel APCO Worldwide vince il primo premio
con ‘eBay adotta L'Aquila’. Premio alla carriera per Laura Boldrini

In un'edizione da record per iscrizioni di aziende e agenzie esterne all'associazione, ha vinto il primo premio la campagna con cui il sito di e-commerce si è messo al fianco delle imprese aquilane. Alla presidente della Camera dei Deputati è stato riconosciuto l'impegno nell'esaltare la funzione sociale della comunicazione a sostegno dei popoli in difficoltà. Quattro i premi speciali, otto quelli di categoria e tre le menzioni speciali

25 novembre 2016 - APCO Worldwide con la campagna ‘eBay adotta L'Aquila - Le imprese aquilane ripartono dal più grande sito di eCommerce in Italia' ha prevalso al Premio Assorel, che nella diciannovesima edizione ha registrato la più ampia partecipazione nel corso degli anni di aziende e agenzie esterne all'associazione italiana delle agenzie di rp. La stessa campagna ha vinto anche il premio per la Categoria Comunicazione corporate & reputation management.
 
È stato assegnato alla presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, il 10° Premio alla carriera, per “l'impegno con cui ha saputo esaltare la funzione sociale della comunicazione a sostegno dei popoli in difficoltà, riuscendo a richiamare l'attenzione dei governi del mondo su temi di estrema criticità quali diritto alla nutrizione,
difesa dei rifugiati, gestione dei flussi migratori e pari opportunità tra uomo e donna”. Un particolare riconoscimento della Giuria è andato poi a Eni, con la campagna ‘Eni e Report: il crisis management corre sul second screen’, vincitrice anche del premio per la Categoria Comunicazione crisis management.

Sono stati  consegnati quattro Premi speciali per Miglior storytelling a Edelman per la campagna ‘2015 The special year’ per Lavazza; Digital Media a Mailander - Progetti di Comunicazione per la campagna MIDO 2016 – Never Ending Wonder; Innovazione nella misurazione dei risultati (in collaborazione con L'Eco della Stampa) a iCento per la campagna ‘Diciamocelo chiaramente Ed. 2015 – quanto so di quel che ho?’ per Zurich Insurance; Miglior creatività a Cohn & Wolfe per la campagna ‘The Dilemma’ per Heineken.
 
La Giuria ha attribuito otto Premi di Categoria.

Comunicazione Corporate & reputation management: 'eBay adotta l'Aquila - Le imprese aquilane ripartono dal più grande sito di eCommerce in Italia' – APCO Worldwide per eBay in Italia.
 
Comunicazione di Prodotto/marketing: ‘It's the gossip, baby’ – Immobiliare.it.

Comunicazione crisis management: ‘Eni e Report: il crisis managent corre sul second screen’ – Eni.
 
Comunicazione interna: ‘Biogen Genetic Signatures’ – Sudler & Hennessey per Biogen Italia.

Comunicazione per la valorizzazione del patrimonio artistico, territoriale e ambientale: ‘Prima Diffusa: Giovanna d'Arco torna in città'- Edison.

Comunicazione finanziaria: Flights – Casta Diva per El Cronista Comercial.

Comunicazione corporate social responsibility: ‘STOP ALLE FALSE COOPERATIVE. Le imprese cooperative per un'economia pulita' – Mediagroup98 per Alleanza della cooperative italiane.

Comunicazione sociale e cause related marketing: ‘One Smile is enough to change our world’ – Casta Diva per EÇADEM.
 
 
Infine sono state assegnate tre Menzioni Speciali.

Comunicazione Corporate & reputation management: ‘Cantieri Aperti & Trasparenti’– Terna.

Comunicazione di Prodotto/marketing: ‘Diciamocelo chiaramente Ed.2015 – Quanto so di quel che ho?' – iCento per Zurich Insurance.

Comunicazione Sociale e cause related marketing: ‘Casa Dolce Casa’, INC – Istituto Nazionale per la Comunicazione per UNHCR (Alto Commissariato ONU per i rifugiati).


I SetteGreen Awards 2016 ai progetti
Glass to Power, The Breath e Plastic Busters

Sono stati assegnati, per la sesta volta, i riconoscimenti del magazine Sette a eccellenze italiane che lavorano per cercare soluzioni innovative nella salvaguardia dell'ambiente. Premiati il progetto che cattura la luce e la converte in energia, il tessuto che intrappola polveri sottili e smog, la soluzione concreta anti plastiche nel Mediterraneo. Sponsor sono Conai, Nespresso, Energizer e Yves Rocher Italia

24 novembre 2016 - Sette, il magazine del sabato del Corriere della sera, ha assegnato ieri alla Triennale di Milano i SetteGreen Awards 2016, sesta edizione del riconoscimento all'Italia che si impegna nell'innovazione e nella sostenibilità. Il settimanale ha fatto un lungo viaggio. attraverso le pagine, alla ricerca di laboratori e realtà di eccellenza italiane, che lavorano per cercare soluzioni innovative nella salvaguardia dell'ambiente.
 
Sono stati premia
ti, ognuno con un contributo per la ricerca del valore di 3.000 euro: 
 
- Il Dipartimento di Scienza dei Materiali dell'Università di Milano-Bicocca per Glass to Power, progetto che cattura la luce e la converte in energia con lo scopo di sviluppare e industrializzare le caratteristiche principali della tecnologia dei Concentratori solari luminescenti (LSC).
 
- Il Dipartimento di scienze e ingegneria della materia, dell'ambiente e urbanistica dell'Università Politecnica delle Marche per The Breath, un tessuto speciale che intrappola polveri sottili e smog, realizzato insieme alla startup Anemotech. Collocabile su una parete come un normale pannello o come un quadro, può essere personalizzato con stampe e diventare un oggetto di arredo o veicolare all'esterno messaggi pubblicitari (vedi news del 4 maggio).
 
- Il laboratorio del Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra
e dell'Ambiente dell'Università di Siena
per il progetto Plastic Busters, una soluzione concreta per ridurre l'inquinamento del Mediterraneo attraverso azioni di mitigazione e di rimozione delle plastiche. 
 
Sostengono il premio Conai - Consorzio Nazionale Imballaggi, official partner, che ha presentato il volume Futuro Comune, realizzato in collaborazione con Sette; Nespresso official partner col programma ‘The Positive Cup’ e i supporter Energizer, che ha creato la prima stilo al mondo prodotta con pile riciclate, e Yves Rocher Italia, fondatore della Cosmétique Végétale col programma ‘Piantiamo per il Pianeta’. Altre info su http://settegreenawards.corriere.it/2016/


Per eurobest a Roma Adci lancia il Fuorieurobest,
notte bianca della pubblicità dentro le agenzie

Le agenzie, che vorranno partecipare, dalle 19 del 1° dicembre dovranno organizzare per un'ora una battle tra due direttori creativi o due youtuber o due artisti che si sfideranno a colpi di video/case history, occupandosi di contenuti, location e accoglienza. Le candidature vanno inviate all'Adci fino al 23 dicembre e il 25 sarà reso noto il programma

22 novembre 2016 - L'Art Director Italiano chiama a raccolta le agenzie pubblicitarie di Roma per organizzare la prima notte bianca della pubblicità in occasione di eurobest, il Festival della creatività europea organizzato da Lions Festival che per la prima volta si svolge in Italia, a Roma dal 30 novembre al 2 dicembre prossimi.

L'evento ‘Adci Fuorieurobest’ si terrà a Roma il 1° dicembre a partire dalle 19 per tutta la notte, durante cui ogni agenzia dovrà organizzare per un'ora un evento speciale: una battle tra due direttori creativi o due youtuber o due artisti che si sfideranno a colpi di video/case history con l'obiettivo di conquistare più applausi dal pubblico. 

Sarà un'occasione collettiva per celebrare la creatività e far festa insieme durante un evento di portata internazionale. Il programma del Fuorieurobest sarà reso noto dal 25 novembre. Le agenzie che vorranno essere coinvolte dovranno occuparsi dei contenuti, della location e dell'accoglienza. Le candidature dovranno essere inviate a adciroma@gmail.com e info@adci.it entro e non oltre domani 23 novembre. Adci sceglierà le proposte migliori. Per info: adciroma@gmail.com e info@adci.it. 


Dove sta andando la comunicazione sul web
lo si scoprirà alla Festa della Rete a Milano

Sabato 3 dicembre all'Open Space dello Iulm si terrà l'11ª edizione dell'evento che riunisce tutto ciò che in Italia gravita attorno alle community della rete. Giornalisti, influencer, deejay, scrittori, youtuber e volti noti, da Mentana a Sabelli Fioretti, da Luca Sofri a chef Rubio e a Linus, saranno protagonisti di conferenze, dibattiti, installazioni, tavole rotonde. In chiusura l'assegnazione dei ‘MIA 16 Macchianera Internet Awards’. La locandina con la skykline di Milano è firmata da Roberto Grassilli. Tra gli sponsor, Tim, Lenovo, Inalpi, Just Eat, Tinaba, KitchenAid, Edison, Madai 

22 novembre 2016 - Giornalisti, influencer della rete, deejay, scrittori, youtubers, volti dello show-business insieme al pubblico daranno vita alla Festa della Rete, che da Rimini torna a Milano per l'undicesima edizione, che si terrà il 3 dicembre all’Open Space dello Iulm. Patrocinato dal Comune di Milano, l'evento riunisce tutto ciò che in Italia gravita attorno alle community della rete, che abbiano origine dai blog, da Facebook, da Twitter, dalle chat, dai forum e da qualsiasi altra forma sociale di comunicazione. 
 
“Abbiamo voluto creare occasioni di incontro non b-to-b ma dedicati al grande pubblic. – ha  annunciato il creatore della Festa Gianluca Neri -. Si parlerà di informazione al tempo dei social, di bitcoin, della bellezza della comunicazione in rete ma anche dei rischi e di come ci si può difendere. Abbiamo coinvolto personaggi che, ognuno con la propria esperienza, racconteranno una storia capace di far cambiare anche solo in parte la visione della vita di coloro che la ascolteranno”. 
 
Dalle 9 alle 20 sono previsti conferenze, dibattiti, installazioni, presentazioni, concerti, tavole rotonde e interviste con tema portante 'dove sta andando la comunicazione in rete'. Avrà un ruolo importante anche il food e gireranno i più originali food track che offriranno mille pasti gratis. Tra i tanti incontri, ci saranno l’intervista di Luca Sofri a Linus, che racconterà il suo rapporto con il mondo dei blog (alle 12), il dibattito sul cyberbullismo con il Generale Umberto Rapetto (alle 14.30), l’intervista ‘Unta e bisunta’ allo chef mediatico Rubio (alle 18), e poi ancora momenti di incontro con Selvaggia Lucarelli ed Enrico Mentana, che sarà intervistato dal giornalista Claudio Sabelli Fioretti e dallo youtuber Claudio Di Biagio. 
 
C
hiuderà la giornata il MIA 16 Macchianera Internet Awards, in cui verranno premiati i 39 migliori siti e personaggi della rete italiana. Sono in lizza, tra gli altri, Fedez, Fiorello, Emma Marrone e Beppe Grillo. Verranno premiati i migliori sito, community, youtuber, radio, sito letterario, sito di satira, food blogger, start up e persino hashtag. Concorreranno anche testate di informazione come La Repubblica, il Corriere della Sera e programmi tv come Masterchef ed X Factor. I premi al miglior sito e al miglior personaggio influencer sono promossi da Tim. Just Eat offrirà a tutti un’esperienza takeaway e sponsorizzerà il miglior sito di satira. Inalpi premierà il miglior food-blogger eletto dalla rete. La categoria miglior disegnatore vignettista è promossa da Lenovo, che terrà anche la kermesse #YogaBookomics con un workshop per insegnare a disegnare con il web. La categoria miglior brand online sarà promossa dal magazine Ilmondocane.it.   
 
Tim è top partner (presente da nove edizioni); Lenovo, Inalpi e Twitter sono main partner; Just Eat, Tinaba, KitchenAid, Edison sono gold partner e Madai è partner. Media partner sono Bewe, Netaddiction, Socialcom e Finest. Found! cura comunicazione e ufficio stampa. La locandina dell'evento è disegnata da Roberto Grassilli, illustratore e cartoonist che vive a Rimini, e che fu redattore del settimanale di resistenza umana Cuore oltre ad aver fondato con Gianluca Neri il portale Clarence. Rappresenta con vivace sintesi una skyline della nuova sede dell'evento, Milano. 
 
Hastag ufficiali della Festa della Rete sono #FDR16 e #MIA16. Info su www.festadellarete.it  e  www.macchianera.net
 

Per saperne di più..>>




Torna a Milano il FilmMaker International Film Festival,
dedicato al cinema di documentario e ricerca

In programma dal 25 novembre al 4 dicembre in 3 differenti location 94 film, molti in prima assoluta, divisi nelle nove sezioni Concorso Internazionale, Prospettive, Fuori concorso, Natura selvaggia, Omaggio a Ulrich Seidl, Filmmaker Moderns, Fuori formato, Filmmaker off e Retrospettiva Marie Losier. La manifestazione ha il sostegno di Comune, Regione, MiBACT, Fondazione Cariplo, Goethe Institut, Forum Austriaco di Cultura in collaborazione con la Città Metropolitana di Milano

21 novembre 2016 - Torna a Milano il FilmMaker International Film Festival, dedicato al cinema documentario, e più in generale di ricerca, in programma dal 25 novembre al 4 dicembre presso lo Spazio Oberdan, l'Arcobaleno Film Center e il Monobar di via Lecco 6. Da quasi quarant'anni è punto di riferimento per chi vuole scoprire e sostenere nuovi autori, nuove forme cinematografiche, nuove relazioni col pubblico. L'evento è sostenuto da Comune di Milano, Regione Lombardia, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Fondazione Cariplo, Goethe Institut, Forum Austriaco di Cultura con la collaborazione di Città Metropolitana di Milano.

Sono nove le sezioni in cui si articola il programma quest'anno: Concorso Internazionale, Prospettive, Fuori concorso, Natura selvaggia, Omaggio a Ulrich Seidl, Filmmaker Moderns, Fuori formato, Filmmaker off e Retrospettiva Marie Losier. A questi si aggiungono i film di apertura e chiusura, per un totale di 94 titoli, tra anteprime assolute e italiane.

L'apertura, venerdì 25 novembre alle 21 all'Arcobaleno propone uno dei ‘casi’ del cinema francese dell'ultima stagione, Nocturama di Bertrand Bonello: scritto ben prima che gli attentati del novembre 2015, il film immagina Parigi messa a ferro e fuoco da un gruppo di adolescenti. Fuori concorso c'è anche l'opera più recente di Bertrand Bonello, Sarah Winchester Opéra Fantô
;me. Il film di chiusura è, come è tradizione, di un autore italiano su cui ‘scommettere’ per il futuro: L'amatore di Maria Mauti. 
 
Il Concorso internazionale propone 12 film, senza distinzioni di formato, genere o durata, firmati tanto da giovani autori quanto da nomi di primo piano del panorama cinematografico internazionale. L'Italia è rappresentata da Upwelling di Pietro Pasquetti e Silvia Jop. Nove, invece le proposte fuori concorso.  
 
Il concorso Prospettive riservato ai lavori più promettenti dei giovani filmaker italiani propone dieci film, di cui sette del tutto inediti, accompagnati anche qui da nove proposte fuori concorso. Novità di questa edizione è Natura Selvaggia, uno spazio di indagine su una tendenza significativa del cinema contemporaneo, sempre più propenso a cercare per i suoi personaggi possibili vie di fuga esistenziali in luoghi non civilizzati ma tutt'altro che remoti. Due i titoli in programma: Ornitologo di João Pedro Rodrigues e Mata Atlantica di Nicolas Klotz ed Elisabeth Perceval. C'è poi l'omaggio a Ulrich Seidl che torna al Festival per proporre un excursus della sua carriera: dalle due rare opere degli inizi al suo ultimo lungometraggio, Safari, che, mostrando le vacanze africane della classe media austriaca e tedesca, offre una riflessione sui mai sopiti istinti coloniali europei.
 
Con Fuori Formato si inaugura la collaborazione con l'Austrian Film Museum di Vienna, tra le maggiori e più attive filmoteche internazionali che propone quattro programmi che offrono una piccola veduta su lavoro di preservazione del museo, con esempi che provengono dagli Stati Uniti e dall'Austria.
 
In Filmmaker Moderns, tra gli altri, c'è il progetto 14Reels per ‘festeggiare’ i 50 anni della pellicola Super8 (compiuti nel 2015), Sono state consegnate 14 bobine ad altrettanti registi in giro per il mondo. Agli autori è stato chiesto di impressionarle descrivendo la propria città senza vincoli di contenuto né di forma: una sola bobina muta da 15 metri da girare a 18 fotogrammi al secondo (quindi 3'20” di durata ciascuno), con un montaggio in camera. 
 
Infine citiamo la sezione Filmmaker Off che esplora i confini tra cinema e arte contemporanea con un documentario in forma di installazione firmato da Andrea Caccia. A partire dalle loro storie digitali di un gruppo di adolescenti palermitani sulla loro Caccia ha composto un ritratto di un momento della vita dove tutto è in costante incerto divenire.
 
I biglietti per una singola proiezione costano 7 euro, l'abbonamento intero 30 euro e quello ridotto 25. Info su: www.filmmakerfest.com.
Il programma …>>



Al via a Milano con Corsera la due giorni ‘Italia Digitale’

Due giorni di incontri, tavole rotonde, talk, performance tecnologiche e musica. Il quotidiano è in edicola oggi con un dorso speciale dedicato, in tiratura straordinaria di un milione di copie. I main sponsor dell'evento al Pavilion Unicredit sono Poste Italiane e Tim

7 novembre 2016 - Prende il via oggi a Milano, all'Unicredit Pavilion, all'insegna di “gli italiani sono digitali, l'Italia non ancora” la due giorni Italia Digitale, organizzata dal Corriere della Sera. Prevede tavole rotonde, workshop, laboratori per studenti, spazi per conoscere le nuove tecnologie e un hackathon di 36 ore per chi vuole provare a sviluppare le app di domani.
 
Il quotidiano esce oggi per l'occasione con un dorso speciale dedicato, a titolo ‘Italia Digitale - Il futuro è qui’, in tiratura straordinaria di un milione di copie, con distribuzione mirata i luoghi di grande passaggio a Milano, Bologna, Venezia, Torino, Firenze, Roma, Napoli e Palermo. Ne sono protagonisti la trasformazione digitale in Italia, i traguardi e gli obiettivi da raggiungere, le startup. Tra i temi trattati, la connessione, la realtà virtuale, visori e video, giovani inventori, applicazioni per il turismo e  la medicina, startup, robot, automobili del futuro, moda digitale, social, bufale e bugie, archivi, premi, sondaggi, stampanti di ultima generazione, tecnologie solidali. 
 
Alle due giornate all'Unicredit Pavilion di Milano partecipano, tra gli altri, il ministro per lo Sviluppo economico Carlo Calenda, il ministro per la Semplificazione e la pubblica amministrazione Marianna Madia, il Governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco, il sindaco di Milano Giuseppe Sala, il governatore della Lombardia Roberto Maroni. Tra gli imprenditori, Francesco Caio di Poste Italiane, Adrio Maria De Carolis di Swg, Cinzia Farisé di Trenord, Luciano Massa e Luca Leoni di Show Reel, Carlo Purassanta di Microsoft, Giuseppe Recchi di Telecom Italia, Fabio Vaccarono di Google. 
 
Italia digitale è anche creatività e festa. Sul palco ci alterneranno Francesco Facchinetti, Edoardo Leo, Frank Matano, Marco Mengoni, Flavio Parenti, Andrea Pezzi, Pif, i ragazzi de Lo stato sociale. Info su corriere.it/italia-digitale/
Il programma …>>



Con Dalì Experience a Bologna debutta il format espositivo
multimediale di con-fine Art, partecipata da Poligrafici

La nuova società tra con-fine Edizioni, Loop e l'editore di QN, il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno inaugura un format espositivo dove la multimedialità è al servizio della proposta culturale. La mostra-evento di quasi 200 opere occuperà Bologna per sei mesi, dalla sede di Palazzo Belloni messa a disposizione da Poligrafici alle vie del centro storico, creando un'esperienza culturale immersiva, diffusa, interattiva. Tra gli sponsor, Bper Banca, Visionnaire, Car-FCA, Best Union, Ty Nant, Centergross

25 ottobre 2016 - Non una mostra confinata in una sala museale, ma un'esperienza culturale immersiva, diffusa, interattiva. Così sarà la mostra-evento a Bologna dedicata al pittore catalano del surreale Salvator Dalì (Figueres 1904 – 1989): una ‘Dalì Experience’ che connoterà la città dal 25 novembre al 7 maggio 2017. La organizza con-fine Art, nuova società partecipata in parti uguali da con-fine Edizioni (arte e cultura), dal gruppo creativo Loop (progettazione di tecnologie interattive applicate all'arte e al design) e da Poligrafici Editoriale, che sosterrà la mostra con QN, il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno.

Inoltre Poligrafici mette a disposizione lo storico edificio di Palazzo Belloni (800 mq al piano terreno di via Barberia 19), di proprietà del gruppo, che da tempo voleva farne un uso civico a favore della città. Il Comune dà il patrocinio, vedendo nell'evento un'ulteriore opportunità di sviluppo turistico di Bologna quale città della cultura, che ha visto crescere negli ultimi cinque anni del 5% i turisti dall'Italia e del 20% quelli dall'estero, soprattutto dagli Usa e dall'Estremo Oriente. Bologna Welcome ha creato un'offerta turistica dedicata. 

Saranno esposte quasi 200 opere prov
enienti dalla collezione svizzera The Dalí Universe che saranno protagoniste di un percorso interattivo e multimediale. Si tratta di 22 sculture museali, 10 opere in vetro realizzate alla fine degli anni '60 in collaborazione con la cristalleria Daum di Nancy, 12 Gold objects, 139 opere grafiche tratte da 11 libri illustrati e 4 sculture monumentali che saranno posizionate in punti strategici del centro storico.

L'obiettivo è di far entrare in empatia il pubblico con l'artista attraverso un messaggio emozionale, non didascalico, dove la multimedialità e l'interazione diventano parte integrante della narrazione. Lo spettatore sarà stimolato a mettere in campo tutti i sensi per interagire con l'universo di Dalí. Le opere dialogheranno con installazioni interattive (animazioni 3d, realtà aumentata, proiezioni immersive). Saranno programmati appuntamenti ed eventi ‘surreali’, che si svolgeranno anche a sorpresa e in luoghi imprevedibili, in partnership con istituzioni e realtà locali. Ci saranno biciclettate interatt
ive, apertura alle scuole, esperienze in realtà aumentata che mostreranno collocazioni virtuali di opere in città, videoproiezioni immersive, fondali che si illumineranno al passaggio del pubblico, i mitici baffi che appariranno su autobus e treni e anche un'installazione che prenderà vita attraverso il soffio.

Con-fine Art ha creato un format espositivo dove la multimedialità è al servizio della proposta culturale che sarà esteso e replicato ad ulteriori eventi. Tra i partner di Dalì Experience, ci sono Bper Banca (main sponsor), Confcommercio, Visionnaire che ospita in parallelo 10 opere nella sede bolognese di via Farini, Best Union per la vendita esclusiva dei biglietti (14 euro quello intero), Monrif Hotel, Car -concessionaria del gruppo FCA per i marchi Alfa Romeo, Jeep e Lancia, Ty Nant ‘acqua dell'arte’, Ciicai arredo bagni e il centro commerciale Centergross. 


A Milano il 1° Walking Day per promuovere il fitwalking

Il 5 e il 6 novembre si svolgerà l'evento interamente dedicato al walking, con un percorso cittadino di 8 km adatto a ogni età, per divertirsi, stare in compagnia e mantenersi in forma senza sforzo, alla scoperta della città. Al Villaggio presso l'Arena Civica micro-iniziative dedicate a benessere e salute, workshop, training e consulti gratuiti sui temi dell'alimentazione e del movimento

19 ottobre 2016 - Si terrà il 5 e il 6 novembre a Milano la prima edizione del Walking Day, evento interamente dedicato al walking, adatto a persone di ogni età: una camminata per divertirsi, stare in compagnia e mantenersi in forma senza sforzo, alla scoperta della città. Questa prima edizione è promossa da Opes, organizzazione per l'Educazione allo Sport, e organizzata da PromoS Italia, MAP Italia - Fitwalking Italia, Scuola Italiana Nordic Walking, Rcs Active Team, Csportmarketing e Theoria.

Walking Day 2016 intende veicolare il messaggio che il fitwalking è la migliore risorsa a disposizione di tutti contro la sedentarietà e per avvicinare alla pratica motorio-sportiva. La camminata vera e propria sarò domenica 6. Il percorso di 8 km partirà dal Villaggio del Walking Day all'interno dell'Arena Civica,
poi attraverserà l'Arco della Pace, la Triennale, Piazza del Cannone e Piazza Castello per arrivare nuovamente all'Arena.  

Il Villaggio sarà aperto già dalle 10 di sabato 5 per proporre micro-iniziative dedicate a benessere e salute, workshop, training e consulti gratuiti sui temi dell'alimentazione e del movimento. L'Istituto Auxologico Italiano metterà medici a disposizione del pubblico. Presso lo stand del Nordic Walking saranno presenti istruttori della Scuola Italiana Nordic Walking che faranno lezioni dimostrative. Istruttori abilitati di Fitwalking forniranno informazioni ai neofiti e consigli a chi già pratica. 

Ci si iscrive
al sito www.walkingday.it. Una parte della quota di iscrizione di 12 euro sarà devoluta a Fondazione Banco Alimentare Onlus, charity partner della manifestazione. Gli sponsor dell'iniziativa sono 50&Più, Pellux, L'Artigiano in Fiera, Yakult, Istituto Auxologico Italiano, Bowtech. Media Partner sono MiTomorrow e Camminare. In partnership con Cities changing diabetes – CLAD. 


Un'affluenza record per il 3° IF! Italians Festival

Oltre 5.000 presenze complessive con crescita del 15% dei biglietti venduti e del 110% delle iscrizioni all'offerta formativa. Sono i dati record della terza edizione dell'evento dedicato alla creatività italiana, organizzato a Milano da Adci e Assocom/PR Hub in partnership con Google. Sul canale YouTube di IF! sono disponibili i video integrali degli interventi e le video-pillole di 1' realizzate con principali speaker italiani e internazionali

14 ottobre 2016 - IF! Italian Festival tira le somme della terza edizione che si è conclusa l'8 ottobre registrando una partecipazione record con oltre 5.000 presenze complessive per una crescita del 15% dei biglietti venduti rispetto al 2015. Le iscrizioni a master e workshop sono cresciute del 110% a dimostrazione dell'apprezzamente per i contenuti proposti. 
 
All'insegna di ‘No show, no business’, l'edizione 2016 di IF! è stata caratterizzata da un programma ancora più ricco delle precedenti edizioni con oltre 70 eventi e 125 relatori coinvolgendo grandi ospiti italiani e internazionali. Tra questi, Bruce Sterling, Marco Balich, Rocco Tanica, Fabio Volo, Chef Rubio, Davide Scabin, Umberto Contarello, Sofia Viscardi e Franco Bolelli, Ale Burset, Tiziana Martinengo, i comici Saverio Raimondo e Francesco Mandelli, Jacqueline Bourke, Rudy Zerbi, Tham Khai Meng, Platinette, Maurizio Cattelan.
 
Sono stati molto apprezzati dal pubblico i format storici come la ‘Director's Battle’ e ‘Nella Gabbia dei Leoni’ e i nuovi format come ‘Match Point’ e ‘Profit per il non profit’, così come le esclusive e inedite performance musicali di Painè & Scanner, la Maquina Parlante di Matteo Scaioli, Lone e FKJ e Marvin & Guy. La giornata conclusiva di IF! ha ospitato la premiazione degli Adci Awards 2016 (vedi news del 10 ottobre), i premi annuali assegnati dall'Art Directors Club Italiano che promuove e organizza IF! insieme ad Assocom/PR Hub con main sponsor Google.
 
Sul canale YouTube del Festival (https://www.youtube.com/italiansfestival) sono visibili i video integrali degli interventi insieme alle video-pillole di 1 minuto con tutti i protagonisti, realizzate nel backstage. 
 
Per continuare a seguire l'evento sui canali social:
Facebook: www.facebook.com/IFItaliansFestival
Twitter: twitter.com/IFItaliansFest (hashtag ufficiale #ItaliansFestival)
Instagram https://instagram.com/italiansfestival 
YouTube https://www.youtube.com/italiansfestival


Raccontare al mondo il Brasile con onestà, emozione e coraggio,
Marco Balich spiega il pensiero dietro allo show più bello del mondo


produttore esecutivo della cerimonia d'apertura delle Olimpiadi è tornato a IF! Italian Festival per spiegare come si fa la sintesi di un Paese, con sincerità, nel bene e nel male, per un risultato che sia efficace sia nello stadio che in tv. E riuscendo a mandare per la prima volta anche un messaggio ‘quasi’ politico a 3 miliardi di persone

11 ottobre 2016 - A ‘No show no business’, terza edizione di IF! Italian Festival a Milano (6-8 ottobre), c'è stato spazio anche per lo show più grande del mondo, quello della cerimonia di apertura delle recenti Olimpiadi di Rio, un evento che ha parlato a 3 miliardi di persone. Per raccontare il pensiero dietro all'evento è tornato a IF! l'ideatore e produttore esecutivo della mega cerimonia affidata a Filmmaster, Marco Balich: “Produrre per le Olimpiadi – ha esordito – è l'esperienza più bella per chi fa il mio mestiere. Si tratta di fare un esercizio di sintesi di cosa sia un Paese, per un risultato che sia efficace sia nello stadio che in tv. E siccome potevamo parlare al mondo ci siamo impegnati a dare un significato a tutto quello che facevamo con sincerità e coraggio”. 
 
La prima sfida è stata quella di raccontare il Brasile mostrando il senso del ritmo e dell'allegria, e superando tante difficoltà, tra cui la cronica disorganizzazione e la riduzione drastica del budget preventivato, arrangiandosi con quanto era disponibile, pur sapendo di avere come riferi
mento eventi grandiosi con quelli di Atene, Pechino, Londra. “Abbiamo mostrato - ha proseguito Balich - la Foresta Amazzonica e reso un tributo alla cultura indigena, alla mescolanza di razze, alla capacità di godere delle diversità. Niente Led costosi, ma un gioco di elastici molto scenografico. Poi abbiamo mostrato la foresta urbanizzata degli anni 60 da cui sono nate le favelas e le contraddizioni”. È stata individuata una personalità che avesse inventato qualcosa di speciale ed è stata presentata l'impresa di Santos Dumont, pioniere dell'aviazione, che all'inizio del secolo scorso a Parigi fu il primo al mondo a decollare autonomamente
(a differenza dei Wright catapultati), facendo la prima dimostrazione pubblica di un aeroplano. Fu anche inventore del primo orologio da polso, modello che aveva chiesto all'amico Cartier in epoca di orologi da taschino, inadatti a un pilota in volo (fu la genesi della linea Cartier Santos). 
 
“Abbiamo voluto sottolineare il senso di accoglienza – racconta ancora il creativo – portando in scena dei transgender. Con onestà abbiamo parlato di quanto c'è di bello e di quanto c'è di brutto nel Paese, della vulnerabilità e della tol
leranza come un bel messaggio da mandare al mondo. Abbiamo inviato messaggi universali, sulla sostenibilità, affrontando il problema del global warming, nonostante la riluttanza del Cio”. C'è stata l'idea degli alberelli piantati da ogni atleta in gara (“sarebbe bello farlo anche con gli spettatori nei concerti”) ed è stato creato e mostrato un logo che era segno di pace: “Per la prima volta il Cio ha permesso di inviare un messaggio quasi politico”. 
 
Una novità assoluta, in nome della sostenibilità, che potrebbe essere adottata d'ora in poi nelle Olimpiadi, è stata la sostituzione del calderone della fiamma olimpica, che consumava tonnellate di gas, con una piccola fiamma abbinata a una delle s
culture che si muovono col vento del designer Anthony Howe.
 
È andata a finire che i giapponesi hanno chiesto al team di produrre il Flag Handover, la breve cerimonia finale della consegna della fiamma olimpica da Rio a Tokyo, sede dell'edizione 2020. 
 
“Per parlare al mondo – ha concluso Balich– ci vogliono onestà, emozione e coraggio. Bisogna essere onesti, evitare manifestazioni pompose che non riflettono quello che si è, ed è questa una regola che vale anche per le convention. Bisogna metterci contenuti ed emozione, avere il coraggio di affrontare le sfide e difendere e portare avanti le proprie idee”. Balich non si smentisce, l'aveva detto anche un anno prima alla giovane platea di IF!: “I processi creativi trovano spesso ostacoli, ma i no nutrono le idee”. 


Adci Awards 2016, Grand Prix a We are social per Netflix-Narcos

IF! Italian Festival si è concluso con l'assegnazione dei premi dell'Art Directors Club Italiano. La campagna di promozione della seconda serie di Narcos su Netflix, a titolo 'Parla come el patron', ha vinto il massimo premio. Per Best Use Of Youtube sono stati premiati Wind con 'Una grande giornata' di Ogilvy & Mather e Tempo con 'Happy Tears' di Dlv Bbdo
 

10 ottobre 2016 - In chiusura della tre giorni di IF! Italian Festival, il festival della creatività italiana promosso dall'Art Directors Club Italiano e da AssoCom/PrHub con main sponsor Google, sono stati assegnati gli Adci Awards 2016. Il Grand Prix è andato all'agenzia We are Social per la campagna di promozione della seconda serie di Narcos su Netflix, a titolo 'Parla come el patron', iscritta sia nella categoria Cyber che i quella Film-Craft-Branded Content: una lezione gratuita in stile Babbel insegnava a parlare come Pablo Escobar. 
 
La giuria presieduta da Katrien Bottez ha assegnato anche i premi Best Use Of Youtube a Wind per 'Una grande giornata' di Ogilvy & Mather e a Tempo 'Happy Tears' di Dlv Bbdo. Per il 7 Days Brief è stata assegnata una menzione d’onore a Gabriele Ciregia e Giulia Brugnoli. L'artista Maurizio Cattelan è stato inserito nell'Hall of Fame dell'Adci. 
 
Come si legge sul Blog dell'Adci, il presidente dell'associazione Viki Gitto ha commentato: “Sono davvero molto orgoglioso di questa edizione degli Awards. Abbiamo visto le giurie, impegnate anche in dibattiti animati, lavorare con passione per andare a fondo dei messaggi delle campagne presentate. Abbiamo visto davvero ottimi lavori che dimostrano come il nostro Paese sia pronto per alzare l’asticella. La scelta di avere anche un cliente tra i giurati è significativa perché è sempre più importante creare un forte legame tra agenzie e cliente, in modo da lavorare in sinergia per lavori di qualità sempre crescente e in grado di raggiungere anche target internazionali. È arrivato il momento di osare, perché questa è la strada per la crescita delle realtà aziendali ed imprenditoriali e che può portare davvero all’evoluzione culturale del Paese”. 
Tutti i Premi …>>



Dodici giurati italiani al primo ‘eurobest Italy’

Annunciati i 116 membri delle giurie della prossima edizione che si terrà per la prima volta in Italia, a Roma, dal 30 novembre al 2 dicembre. Tra questi ci sono dodici professionisti italiani. Publicis Italia e Gruppo Roncaglia si aggiungono a Adci, Assocom, PR Hub e My Pr quali partner dell'evento

30 settembre 2016 - Eurobest, il festival della creatività europea organizzato da Lions Festival, ha annunciato i 116 membri delle 15 giurie che assegneranno i premi nella prossima edizione della manifestazione, che si terrà per la prima volta in Italia, a Roma, dal 30 novembre al 2 dicembre. Tra questi ci sono dodici italiani.

- Nella Entertainment Jury ci sarà Ludovica Federighi, head of branded content di Magnolia.
- Nella Design Jury ci sarà  Paola Manfroni, creative director di Marimo.
- Nella Interactive, Mobile and Digital Craft Jury ci sarà Davide Boscacci, group creative cirector di Leo Burnett Italy. 
- Nella Direct Jury siederà Carla Leveratto, creative director di Gruppo Roncaglia. 
- La Film Craft Jury sarà presieduta da Karim Bartoletti, partner/executive producer di Indiana Production.
- Bruno Bertelli, global chief creative officer di Publicis Ww e ceo di Publicis Italy, presiederà la giuria Film, Print, Print and Poster Craft.
- Della Healthcare Jury farà parte Fabio De Vecchi, executive creative director di Sudler & Hennessey Milan. 
- Nella Innovation and Creative Data Jury ci rappresenterà Alicia Matilda Lubrani, head of marketing communication di Samsung. 
- Della Media Jury farà parte Graziana Pasqualotto, managing director di Omd. 
- Vicky Gitto, chairman and chief creative officer di Y&R/VML, farà parte della Outdoor and Radio Jury. 
- Caterina Tonini, vice president di Havas PR, presiederà la PR Jury e sarà anche membro della Integrated Jury.
- Infine, nella Promo and Activation Jury ci rappresenterà Alessandro Sabini, chief creative officer di McCann Worldgroup.
 
Intanto il Festival annuncia la par
Bruno Bertelli
tnership con Publicis Italia e con Gruppo Roncaglia che assumono il ruolo di founding partners di eurobest 2016. “Organizzare eurobest nel nostro paese è un riconoscimento alla creatività ch
Armando Roncaglia
e produce e che troppo spesso noi stessi svalutiamo –  ha detto Bruno Bertelli –. È inoltre un'ottima occasione di confronto e di scuola per tutti i giovani e non che lavorano o desiderano lavorare nel nostro comparto”.

Aggiunge Armando Roncaglia, presidente di Gruppo Roncaglia: “Non potevamo non cogliere l'opportunità di confronto sul piano internazionale che ci ha offerto l'arrivo di eurobest a Roma. Valorizzare la creatività attraverso l'innovazione è la nostra mission, come sottolinea anche il nostro posizionamento ‘engage the future’ e credo sia questo il giusto approccio per poter competere a livello globale”. Sono già partner dell'edizione italiana di eurobest anche Adci, Assocom, PR Hub e My Pr.


Il 3° IF! Italians Festival aprirà con l'opening speech
dello scrittore statunitense Bruce Sterling

Lo speech avrà per titolo ‘Italy Must Lead in Technology Art’. La serata evento del 6 ottobre per l'apertura della tre giorni proseguirà con ‘The Shortlist Party’, presentazione dei lavori selezionati all'Adci Award, e la performance live di Painè Cuadrelli e Robin Rimbaud, alias Scanner. Infine, un dj-set party

22 settembre 2016 - Sarà una serata-evento, in linea col tema ‘No Show, no Business’, quella che aprirà il 6 ottobre il 3° IF! Italians Festival al Teatro Franco Parenti di Milano (6-9 ottobre). Dalle 19 la Sala Grande ospiterà l'opening speech dello scrittore statunitense Bruce Sterling dal titolo ‘Italy Must Lead in Technology Art’. Bruce Sterling sarà a IF! grazie alla partnership con la boutique creativa Souldesigner che durante la tre giorni presenterà SWARM Hybrid Design Lab, (http://www.swarmbehavior.it/) nuovo laboratorio di ricerca e formazione sulle tecnologie che mette in relazione creativi, artisti, brand e agenzie.
 
Allo speech far&agr
ave; seguito lo ‘The Shortlist Party’ per celebrare i progetti entrati in shortlist al premio Adci, con l'esposizione delle migliori campagne italiane dell'anno. Ci sarà anche la performance live dell'inedita coppia formata dal dj/produttore/sound designer milanese Painè Cuadrelli e dal londinese Robin Rimbaud, alias Scanner, tra i compositori più importanti della scena elettronica mondiale. Presenteranno una loro creazione sonora realizzata ad hoc: ‘Signals and Signs’. Infine alle 23 partirà un dj-set party curato da Elita Sound System. 

I biglietti per la partecipazione sono in vendita sul sito ufficiale http://www.italiansfestival.it. Il pass unico per le tre giornate ha un costo di 35 euro (25 per studenti e per i soci Adci e Assocom/PR Hub). Il Festival è sui principali canali social.

Facebook: www.facebook.com/IFItaliansFestival
Twitter: twitter.com/IFItaliansFest (hashtag ufficiale #ItaliansFestival)
Instagram https://instagram.com/italiansfestival 
YouTube https://www.youtube.com/italiansfestival.


IF! Italians Festival annuncia nuovi relatori

Tra i nuovi ospiti confermati alla 3ª edizione del Festival della creatività di Milano spiccano i nomi di Abigail Posner, Chef Rubio, Sofia Viscardi, The Jackal, Calciatori Brutti, Rudy Zerbi e Andrea Stillacci. L'evento è in programma al Teatro Franco Parenti dal 6 all'8 ottobre ed è parte del palinsesto del nuovo progetto Design City Milano

14 settembre 2016 - Si amplia il pool di ospiti che parteciperanno alla terza edizione di IF! 2016, il festival della creatività ideato e promosso da Adci e Assocom/Pr Hub in partnership con Google, che si svolgerà al Teatro Franco Parenti di Milano dal 6 a all' 8 ottobre con tema portante ‘No show, no business’ (vedi news del 15 giugno).
 
Spiccano i nomi della statunitense Abigail Posner, head of strategic planner di Google a livello globale; di Chef Rubio, attualm
Abigail Posner
ente cuoco ufficiale di Casa Italia alle Paraolimpiadi di Rio, che promuoverà la ‘buona cucina’ focalizzandosi proprio sugli aspetti sociali del tema; Sofia Viscardi, giovanissima star del web e autrice di ‘Succede’, caso editoriale
Rubio Credit
dell'anno, che salirà sul palco insieme allo scrittore e filosofo Franco Bolelli parlando del tema ‘No Show, no Business’; The Jackal, la celebre crew di videomaker partenopea da 10 anni protagonista su YouTube; Rudy Zerbi, condu
Sofia Viscardi
ttore televisivo e radiofonico che insieme a Valentina Fronzoni (founder & executive producer di the BigMama) sarà protagonista di un ‘trivial quiz’ sulla pubblicità; Chiara Luzzana, sound designer e compositrice di fama internazionale, ideatrice del progetto ‘The Sound of City’; Calciatori Brutti, creatori dell'omonima e seguitissima pagina Facebook diventata ormai fenomeno virale che racconta il lato ‘ignorante’ del calcio.
 
Si segnalano inoltre le conferme di Andrea Stillacci, presidente e co-fondatore di Herezie, Cristina Mollis, head of H-FARM Industry, Davide Bartolucci, founder & ceo di Shado, e di Emilio Cozzi, vicedirettore di Zero e uno dei massimi esperti in Italia di videogiochi e cultura videoludica.
 
L'edizione 2016 di IF!, che ha il patrocinio del Comune di Milano, si inserisce quest'anno nel palinsesto di Design City Milano, il nuovo progetto che dall'1 al 9 ottobre porterà in città un appuntamento con il design e l'innovazione con taglio culturale (oltre alla Settimana del Salone). Per partecipare al Festival è necessario acquistare nell'area ticket il 3 Days Pass al costo di 35 euro (25 per studenti, soci Adci e soci Assocom/PR HUB). 
 
Ecco l'elenco dei partner di IF! 2016.
 
Main Partner: Google
Institutional Partner: Comune di Milano
Content Partner: ABC Production, BPER Banca, DoubleClick, Filmmaster Productions, Indiana Production, Peperoncino Studio, Proxima, Quiet, Please!, SWARM, the BigMama, The Family. 
Cultural Partner: Berlin School of Creative Leadership, Design City Milano, Wired
Technical Partner: Acqua Panna/S.Pellegrino, Deliveroo, Elita, Fuorifase, Heineken, Kaizeen, Piano B, Sopa Design Studio, Souldesigner, STS Communication, We Are Social
Media Partner: 360com, ADC Group, Brand News, Daily Media, Engage, IdeeIdeas, Ninja Marketing, PubblicomNOW, Spot and Web, TVN Media Group, Uomini&Donne della Comunicazione, Youmark.


Torna il Festival Internazionale del Documentario
e coinvolge l'industry con ‘Visioni Incontra’

Il Pavilion UniCredit a Milano diventa la casa del documentario con la seconda edizione di ‘Visioni dal Mondo. Immagini dalla Realtà’, aperta al pubblico, con anteprime, proiezioni, incontri, masterclass, premi e la new entry del ‘pitching’. Un'occasione per il pubblico di riflettere sul mondo contemporaneo attraverso tematiche di grande attualità e un'opportunità per i documentaristi italiani di proporre a professionisti del settore 17 work in progress

13 settembre 2016 - Appuntamento col cinema ‘del reale’ a Milano, con la seconda edizione del Festival Internazionale del Documentario ‘Visioni dal Mondo. Immagini dalla Realtà’ che propone dal 5 al 9 ottobre all'UniCredit Pavilion, in Piazza Gae Aulenti, un ricco calendario aperto al pubblico di anteprime, proiezioni, incontri, masterclass. Sarà un'occasione per riflettere sul mondo contemporaneo perché darà al pubblico l'opportunità di scoprire e approfondire tematiche di grande attualità.
 
Verranno presentati oltre 30 film documentari, con 14 titoli selezionati per il concorso 'Storie dal mondo contemporaneo' su più di 200 film iscritti e 9 titoli internazionali in anteprima italiana (molti già vincitori di premi in festival internazionali) che trattano di migrazione e integrazione, web e privacy, potere dell'istruzione, coraggio delle donne, sconfitta delle minoranze, forza dirompente della fantasia. Ci saranno anche 8 titoli fuori concorso della migliore produzione cinematografica italiana contemporanea. 
 
Saranno assegnati il Premio UniCredit Pavilion (5.000 euro), il Premio UniCredit Pavilion Giovani (2.500 euro) e il Riconoscimento Rai Cinema, che prevede l'acquisizione dei diritti televisivi per le reti Rai.
 
L'edizione 2016 si arricchisce anche di una parte b-t-b rivolta agli operatori col debutto della sezione industry ‘Visioni Incontra’. Prevista il 5, il 6 e il 7 mattina in collaborazione con Lombardia Film Commission, è dedicata all'incontro fra 17 work in progress di documentaristi italiani in cerca di sostegno e le controparti professionali quali editor televisivi, circuiti cinema, piattaforme, acquisition manager, sales agent, produttori, distributori, direttori di festival.
 
Il Festival è organizzato da UniCredit Pavilion e dalla società di produzione FRANKIESHOWBIZ, con la direzione artistica di Fabrizio Grosoli e ha il patrocinio del Comune di Milano, del Ministero dello Sviluppo Economico e il supporto di 100autori (associazione dell'autorialità cinetelevisiva). Media partner è Rai con Rai News24, Rai Cultura e Rai Cinema. Altri supporter sono Istituto Luce-Cinecittà, Doc/it - Associazione Documentaristi Italiani, la Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti, Lombardia Film Commission e la Siae. Sono coinvolti istituti di formazione come Iulm e Ied e altre università.







Per saperne di più..>>




Katrien Bottez di Famous Brussels presidente degli Adci Award 2016

Per la prima volta è stato scelto un professionista non italiano per la presidenza del premio, per dare valore internazionale al maggior riconoscimento creativo del nostro Paese. Sono stati anche annunciati i dieci presidenti delle giurie di categoria. I riconoscimenti saranno assegnati a Milano nell'ambito di IF! l'8 ottobre

8 sette
Katrien Bottez
mbre 2016
- L'Art Directors Club Italiano ha annunciato il presidente del premio e i dieci presidenti delle giurie di categoria degli Adci Awards 2016, i premi di riferimento per la creatività e la qualità nella comunicazione pubblicitaria in Italia. Il presidente del premio per la prima volta non è italiano, ma un professionista di valore internazionale e per la prima volta è una donna: Katrien Bottez, executive creative director di Famous Brussels, agenzia indipendente belga. La scelta aggiunge prestigio e valore internazionale al maggior riconoscimento creativo del nostro Paese.

Oltre al presidente, siederanno in ciascuna delle dieci giurie di categoria sei direttori creativi soci Adci, un cliente e un professionista esterno, rappresentativi delle diverse realtà del mondo del marketing e della comunicazione in Italia. 

Ecco l'elenco dei 10 presidenti di giuria:
 
·   PROMO/ACTIVATION - Luca Cinquepalmi, Direttore Creativo Esecutivo Publicis Italia
·   CYBER 1 - Paolo Iabichino, Direttore Creativo Esecutivo Gruppo Ogilvy & Mather Italia
·   CYBER 2 - Ottavio Nava, Co-founder & Managing Director Italia di We Are Social
·   DIRECT/PR - Sergio Mu?ller, A-Tono
·   STUDENTI - Jack Blanga, Digital Director in TBWA\Group
·   INTEGRATED - Ginevra Capece, Creative Strategist Facebook
·   FILM/CRAFT/BRANDED CONTENT - Stefania Siani, Executive Creative Director DLVBBDO 
·   OUTDOOR/FOTOGRAFIA – Serena Di Bruno, Direttore Creativo Associato di GreyUnited 
·   STAMPA/DESIGN - Francesco Guerrera, Partner Le Balene
&
Vicky Gitto
middot;   RADIO/COPYWRITING - Lorenzo Crespi, ‎Creative Director at Havas Worldwide Milan

 “Sono certo – ha dichiarato Vicky Gitto, presidente del Club – che la scelta di Katrien Bottez, unita a quella degli altri presidenti, un mix di talenti giovani ed esperti, tutti con importanti esperienze internazionali o di leadership creativa su clienti globali, rafforzerà ulteriormente il valore della competizione!.
 
I vincitori saranno premiati nel corso della serata finale di IF! Italians Festival il prossimo 8 ottobre, al Teatro Franco Parenti di Milano (vedi news del 15 giugno).


Aperta la call for entry per gli eurobest creative awards

Le iscrizioni al premio per la creatività europea, organizzato da Lions Festivals e che quest'anno si terrà a Roma, sono possibili fino al 29 settembre attraverso il sito del festival. Sedici le categorie, tra cui le nuove Digital Craft, Creative Data e Music. Annunciati i 13 presidenti di giuria

6 settembre 2016 - È aperta ufficialmente la call for entries al premio eurobest, il festival della creatività europea organizzato da Lions Festivals che quest'anno si terrà a Roma, dal 30 novembre al 2 dicembre (vedi news del 17 marzo e del 20 maggio), in partnership con Adci, Assocom/Pr Hub e con l'agenzia My Pr che supporta l'organizzazione con attività di pr e social media in Italia. 
 
Le iscrizioni possono essere inviate i sedici categorie: Creative Effectiveness, Design, Direct, Film, Film Craft, Healthcare, Innovation, Integrated, Interactive, Media, Mobile, Outdoor, PR, Print & Publishing, Print & Outdoor Craft, Promo & Activation e Radio. Digital Craft, Creative Data e Music (sezione della categoria Entertainment) sono categorie nuove, aggiunte per rispecchiare l’evoluzione del panorama della branded communication. 
 
Sono tredici i presidenti che avranno il compito di guidare le giurie, tra cui, come già annunciato a maggio, 3 sono italiani (Karim Bartoletti, Bruno Bertelli e Caterina Tonini). Si tratta di:
 
- Nicky Bullard, Chairman & Chief Creative Officer, MRM-Meteorite, presidente della categoria Direct
- Cheyney Robinson, Chief Experience Officer, EMEA and APAC, Isobar Interactive, presidente delle categorie Mobile e Digital Craft
- Clive Rohald, Executive Creative Director, EMEA, Siegel + Gale, presidente della categoria Design;
- Verra Budimlija, Chief Strategy Officer, MEC, President per la categoria Entertainment
- Lucio Rufo, Executive Creative Director, R/GA London, presidente per Innovation e  Creative Data;
- Karim Bartoletti, Partner/Executive Producer Indiana Production, presidente per Film Craft;
- Bruno Bertelli, Global Chief Creative Officer of Publicis Worldwide, presidente per Film, Print & Publishing e Print & Outdoor Craft;
- Jaime Mandelbaum, Europe Chief Creative Officer di Y&R, presidente per Outdoor e  Radio;
- Caitlin Ryan, Executive Creative Director at Cheil, presidente per Promo & Activation;
- Anne de Schweinitz, Global Managing Director, Healthcare di Fleishman Hillard, presidente per Healthcare;
- Bertille Toledano, Presidente di BETC Paris, presidente per Creative Effectivene
ss
;
- Iain Jacob, Chief Executive Officer EMEA, Publicis Media, presidente per Media;
- Caterina Tonini, Vice Presidente di Havas PR, presidente per PR.
 
Le iscrizioni possono essere inoltrate tramite il sito www.eurobest.com fino al 29 settembre. Per informazioni è possibile contattare Fiorenza Plinio, head of awards development di Lions Festivals: fiorenzap@canneslions.com, tel. +44-2030334034. 


Sessant'anni di storia de l'Espresso e del Paese in mostra a Milano

Dopo Roma, la mostra 'La nostra storia – Ieri e oggi nelle fotografie de l'Espresso’ approda a Milano in versione ampliata e con una parte dedicata alla città ospitante. Una selezione di 450 foto del giornale, che da sempre ha scelto come segno distintivo il racconto per immagini, divise per grandi temi, mette in luce fatti e cambiamento del Paese. Fino all'11 settembre a Palazzo Reale, con ingresso gratuito grazie anche al sostegno degli sponsor Terna, Deutsche Bank, Prysmian Group, Gruppo Generali, Vespa e Atm. La promuove una campagna sui video in metro

12 luglio 2016 - Approda a Milano a Palazzo Reale in una versione ampliata, e con una parte dedicata alla nuova città ospitante, la mostra per i sessant'anni dell'Espresso, dopo i due mesi al Vittoriale di Roma iniziati proprio il 2 ottobre, il giorno in cui nel 1955 fu lanciata la testata, nata per volontà di Arrigo Benedetti e Eugenio Scalfari. Una selezione delle grandi foto dell'Espresso, che da sempre ha scelto come segno distintivo il racconto per immagini, e una scelta di cover delineano sessant'anni di storia italiana e internazionale, divisa secondi i grandi temi di cui il magazine si è occupato, dagli anni piombo al terrorismo internazionale, dall'ascesa di Berlusconi ai misteri italiani, dalle battaglie per i diritti civili ai grandi problemi dell'ambiente, dal boom economico agli anni della contestazione giovanile ed operaia, dalla caduta del muro di Berlino ai muri di oggi (ne esistono 49) fino alla sezione delle grandi firme (non solo giornalisti) tra cui appaiono nomi dell'intelligentia italiana come Sciascia, Parise e Calvino. Caso a parte quello di Camilla Cederna a cui fu affidata la rubrica ‘La Milanese’ col compito di raccontare come controcanto alla politica di Roma tutto il fermento che animava Milano

 
“Questo Paese soffre di assenza di memoria – ha detto Bruno Manfellotto, ideatore e curatore della mostra nonché direttore dell'Espresso dal 2010 al 2014 –, dimentichiamo le radici da cui sono nati gli avvenimenti. Con la scusa del compleanno, abbiamo ripercorso 60 anni di storia attraverso la fotografia. Benedetti riteneva che ben selezionata e trattata fosse il modo ideale per esaltare i dettagli”. 
 
‘La nostra storia – Ieri e oggi nelle fotografie de l'Espresso', promossa e prodotta dal Gruppo Editoriale l'Espresso, dal Comune di Milano – Cultura e da Palazzo Reale, resterà esposta fino all'11 settembre, proponendo circa 450 immagini, tra cui molte originali, scattate da maestri della fotografia e notissimi reporter, scelte dall'artistic director e photo editor Tiziana Faraoni. Completano filmati di fonte Teche Rai. L'esposizione è a ingresso gratuito anche grazie al sostegno degli sponsor Terna, Deutsche Bank, Prysmina Group, Gruppo Generali, Vespa e Atm.
Nel circuito video della metro milanese apparirà una campagna per informare sulla mostra con un filmato realizzato dal Gruppo Espresso.
 
L'inaugurazione ieri ha coinciso con l'ultimo giorno della direzione a l'Espresso, dopo due anni, di Luigi Vicinanza che resta nel gruppo editoriale per seguire nuovi progetti. Al suo posto si insedia Tommaso Cerno lasciando la direzione del Messaggero Veneto (vedi news del 6 luglio). 


Sassoli (Upa) conferma un 2016 in crescita del 3% o poco più.
“Investire sulle marche antidoto all'incertezza post Brexit”

La crescita attesa degli investimenti in comunicazione rimane tripla rispetto al trend del Pil, al traino di alimentari, distribuzione, telco ed e-commerce. Dal palco dell'Assemblea annuale, il presidente degli investitori pubblicitari ha chiesto un piano di tax credit di cento milioni per gli investimenti incrementali sulla stampa e di 400 per l'intero comparto della comunicazione. E proposto a centri media e concessionarie di creare insieme un libro bianco sugli investimenti digitali, con regole condivise per il programmatic buying

30 giugno 2016 - All'uscita dei dati Nielsen di aprile sugli investimenti pubblicitari il presidente dell'Upa Lorenzo Sassoli si era sentito di rivedere in meglio le previsioni di chiusura dell'anno e puntare a una crescita fra il 3 e il 4%. La Brexit non cambia la previsione: “Confermo +3%, anzi qualcosina in più, diciamo pi greco” scherza il presidente nella conferenza stampa che ha anticipato una scenografica assemblea annuale dell'Upa. Intitolata ‘Innuendo – La Società Eccitata’, ha visto in scena al Piccolo Teatro di Milano le marionette della Compagnia Carlo Colla & Figli, con la regia di Andrea Barbato, interloquire col presidente dando il là agli snodi del ragionamento. 

Nella più pragmatica conferenza stampa, il presidente degli investitori pubblicitari (circa 500 che pesano per il 90% sul totale della spesa in comunicazione) ha fatto notare come la crescita attesa sia tripla rispetto al trend del Pil (+1%), nonostante appunto la Brexit: “Si fatica a comprendere la magnitudo dello shock. È una tempesta imperfetta, che fa aumentare esponenzialmente l'incertezza. Tuttavia abbiamo gli anticorpi. Bisogna che ognuno continui a far bene il suo mestiere e noi imprese dobbiamo continuare a investire sulle marche che sono le ancore di salvezza contro l'incertezza”. Il danno maggiore peraltro l'Uk rischia di farlo a se stessa: “C'è stato forse anche un problema di comunicazione – dice più o meno seriamente Sassoli –, invece di un piatto ‘Remain’ contro un vocabolo forte come ‘Brexit’ avrebbero potuto usare ‘Brain-in’, un invito a metterci il cervello”. 

I settori trainanti degli investimenti sono l'alimentare, la distribuzione e le telecomunicazioni, mentre c'è un lieve rallentamento del settore auto. È entrato in gioco anche l'e-commerce che opera online ma comunica offline. Quanto ai mezzi, sono trainanti la tv che mantiene quasi la quota del 50%, la radio che è sempre più integrata con la tv e internet dove è fermo il display ma sono in netta crescita search e social. La stampa, che ha perso moltissimo negli ultimi anni, va verso la stabilizzazione recuperando con la parte digitale. 

Una richiesta che l'Upa fa al Governo è di un piano di tax credit di cento milioni per gli investimenti incrementali sulla stampa e quattrocento per l'intero comparto della comunicazione col fine di raddoppiare l'attuale propensione al consumo. La stampa, secondo il presidente dell'Upa, ha bisogno di risorse anche per continuare a usufruire di giornalisti professionali: “Il citizen journalism non li potrà mai sostituire”.

Sassoli ha toccato molti altri temi economici, fra cui, a proposito della crescita, il ruolo fondamentale che sta avendo la Bce nell'aprire una finestra di opportunità: circa 9 miliardi di titoli comprati ogni mese dalla Banca d'Italia, che liberano 6 miliardi l'anno da qui al 2020. I trenta miliardi di incentivi alle imprese li ha definiti “una massa impressionante di risorse pubbliche che non ha prodotto né investimenti né occupazione, e ha finanziato rendite di posizione e segmenti decotti”. Invece, cancellando una quarantina di leggi, si potrebbero recuperare dieci miliardi e indirizzarli verso la banda larga, asse centrale su cui far crescere i consumi, attraverso l'e-commerce e le startup, che valgono circa il 4% del Pil: “Ci potrebbero essere 30 miliardi di ulteriori ricavi per le imprese”. Quanto a possibili nuovi mercati per l'export delle imprese italiane, il presidente ha indicato l'Iran: “Un mercato enorme con un popolo evoluto che adora l'Italia e le cose italiane”.

Sul fronte dell'Auditel, Sassoli ha confermato il completamento della road map (vedi news del 29 giugno) e rilanciato l'idea dello scorso anno di una quotazione in Borsa, ad esempio per trovare le risorse per sostenere il progetto della rilevazione dei nuovi device digitali/mobili. Sulla rilevazione delle audience radiofoniche, apprezza lo sforzo compiuto dagli editori uniti nella società Tavolo Editori Radio – TER (vedi news del 14 aprile) invitando all'impiego del mix tecnologico più all'avanguardia. 

Sassoli ha poi definito il programmatic buying “una buona opportunità, che ha bisogno di più trasparenza e regole condivise”. Da qui il lancio della propos
ta ai centri media e alle concessionarie di scrivere insieme all'Upa libro bianco sugli investimenti digitali.

Un cenno anche alla Rai, che gli investitori pubblicitari si aspettano coraggiosa tanto da mescolare “teche e contemporaneità” e soprattutto che diventi finalmente una digital media company. Infine un aggiornamento su upaperlacultura.org, la piattaforma web per scegliere i progetti di sponsorizzazione culturale (vedi news del 22 ottobre 2015): funziona e contiene già un centinaio di proposte.


Torna a ottobre a Milano IF! Italians Festival,
tema della terza edizione 'No show, no business'

Si terrà dal 6 all'8 ottobre al Teatro Franco Parenti di Milano l'edizione 2016 dell'evento ideato e organizzato da Adci e AssoCom/PrHub in partnership con Google, con ospiti internazionali e un fitto programma centrato sulla promozione della cultura della creatività. Oltre ai format collaudati, proporrà le novità di ‘IF! Learning Lunch’, ‘IF! Short List Party’ con l'esposizione delle shortlist degli Adci Awards 2016, e ‘IF! From Profit to Non Profit’. Rinnovata la partnership con la Berlin School of Creative Leadership. In anteprima da questa sera presso l'agenzia Piano B la mostra fotografica ‘All That Eye Can See’ di Guido Morozzi

15 giugno 2016 - Tornerà per il terzo anno consecutivo al Teatro Franco Parenti di Milano, da giovedì 6 a sabato 8 ottobre, IF! Italians Festival, il Festival della Creatività organizzato e promosso dall'Art Directors Club Italiano e da AssoCom/PrHub in partnership con Google. Con tema ‘No show, no business’, all'insegna del valore dell'intrattenimento in comunicazione, proporrà un fitto programma messo a punto dai co-founders Emanuele Nenna (vp AssoCom/PrHub), Nicola Lampugnani (
Emanuele Nenna, Nicola Lampugnani, Davide Boscacci, Alessandra Lanza
vp Adci), Alessandra Lanza e Davide Boscacci, affiancati da Dino Lupelli di Elita (responsabile programmazione ed entertainment)- L'obiettivo è di far incontrare e aggiornare il mondo delle aziende e dei professionisti della pubblicità in Italia, ma anche intrattenere un pubblico allargato di studenti, curiosi e appassionati della creatività multidisciplinare.
 
Tra le novità di quest'anno, i format ‘IF! Learning Lunch’, incontri e conversazioni informali alla presenza di ospiti d'eccezione ed esperti di comunicazione; ‘IF! Short List Party’, il party della serata inaugurale con l'esposizione delle shortlist degli Adci Awards 2016 (che verranno assegnati sabato 8 sera) e ‘IF! From Profit to Non Profit’ che porterà il sociale all'interno del Festival. Viene rinnovata la partnership con la Berlin School of Creative Leadership che, oltre a curare una nuova Masterclass di 2 giorni (16 ore) riservata a profili di alto livello, proporrà il nuovo format ‘90’ of Creative Leadership’, cinque mini-master, di cui alcuni creati specificatamente per profili del marketing aziendale, che nei prossimi giorni debutterà al Cannes Lions Festival. 
 
Torneranno format collaudati come la ‘Director's Battle’, ‘Nella Gabbia dei Leoni’ e ‘10 domande scomode a…’. È confermato anche il Seven Day Brief, competition promossa da Adci in collaborazione con Google, che valorizza la creatività dei giovani tra i 18 e i 28 anni, premiando la migliore campagna pubblicitaria realizzata per YouTube. Avranno sette giorni di tempo per creare un video che promuove una Ong, caricarlo su www.youtube.com/italiansfestival e partecipare al concorso. 
 
Tra gli ospiti già confermati, ci sarà il pluripremiato creativo brasiliano Jamie Mandelbaum, ceo di Young&Rubicam Europe; il compositore pubblicitario e cinematografico Philip Abussi; il direttore artistico e produttore olimpico Marco Balich e la costumista Silvia Aynomino, che saranno di ritorno dalle Olimpiadi di Rio; lo stand-up comedian di Comedy Central Saverio Raimondo che sarà protagonista di uno speech sull'umorismo in coppia con Sergio Spaccavento, autore radiotelevisivo e direttore creativo esecutivo di Conversion; il sound designer, produttore musicale e dj Painè Cuadrelli e la belga Katrien Bottez, executive creative director dell'agenzia indipendente Famous, che quest'anno presiederà la giuria degli Adci Awards.
 
Intanto, questa sera ci sarà
come anteprima, presso l'agenzia Piano B (in via Sannio 26 a Milano) nuovo produttore esecutivo del Festival, la mostra fotografica ‘All That Eye Can See’ dedicata alla creatività della città di Milano. Curata dal graphic designer e art director Guido Morozzi, presenterà una raccolta di fotografie di strada che raccontano l'interazione tra le persone che si muovono attraverso la città e la creatività urbana. La mostra rimarrà aperta al pubblico presso la sede di Piano B in via Sannio 26 per due settimane, col 50% del ricavato della vendita devoluto alla onlus Emergency. 
 
Dal 16 giugno al 16 luglio sono in vendita esclusivamente sul sito ufficiale gli abbonamenti/3 Days Tickets early bird al costo di 25 euro (con un ulteriore sconto a 15 euro per i primi 100 pass acquistati). Poi il pass unico per le tre giornate del Festival avrà un costo di 35 euro (eccetto che per gli studenti, i soci Adci e AssoCom che godranno della promozione fino ad ottobre). Sarà anche possibile acquistare un ticket per la giornata singola al costo di 15 euro. L'early bird comprende anche la due giorni di Masterclass curata dalla Berlin School of Creative Leadership a un costo promozionale (che comprende anche il pass d'ingresso al Festival) di 1.000 euro fino al 16 luglio. 
 
Per seguire il Festival sui canali social.
Facebook: www.facebook.com/IFItaliansFestival
Twitter: twitter.com/IFItaliansFest (hashtag ufficiale #ItaliansFestival)
Instagram https://instagram.com/italiansfestival 
YouTube https://www.youtube.com/italiansfestival


Per i 60 anni Acqua Minerale San Benedetto si racconta
nella mostra 'Un futuro che nasce da una grande storia'

Approda a Milano al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci l'esposizione di immagini, oggetti simbolo e contributi video che documentano una storia fatta di tradizione, innovazione, cultura aziendale, espansione in ottica ecosostenibile e intuizioni di marketing e comunicazione, che ha portato il gruppo italiano a fatturare 730 milioni di euro, di cui circa 120 sviluppati all'estero. La celebra anche il libro 'Un lungo sorso di freschezza' edito da Mondadori Electa alternando documenti d’epoca a immagini di attualità

13 giugno 2016 - Dopo l'esposizione all'Università Cà Foscari di Venezia, approda a Milano presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci (fino al 19 giugno) la mostra 'Un futuro che nasce da una grande storia', che celebra i 60 anni di  Acqua Minerale San Benedetto. 
 
Immagini, oggetti simbolo dell’azienda e contributi video documentano, divisi per aree tematiche, una storia fatta di tradizione, innovazione, cultura aziendale ed espansione in ottica ecosostenibile. Al centro, il tema dell'innovazione con realizzazione di progetti all’avanguardia, grazie alla visione della famiglia Zoppas fondatrice e alla guida. Esempio chiave, l'aver compreso, prima di grandi gruppi come Coca Cola o Danone, il valore del brevetto della Continental per il fondo petaloide delle bottiglie in Pet, capace di far stare in piedi la bottiglia senza il 'tondello' e pratico per lo stoccaggio, ed esserselo accaparrato a tut
ti i costi in esclusiva, modificando i macchinari giapponesi per la produzione, per vederselo poi richiedere da tutti.
 
Una parte della mostra è dedicata alla comunicazione, a partire dai manifesti d'epoca fino al recentissimo spot  'San Benedetto, I love you' per l’Acqua Minerale e il Thè, ideato da The Beef, con protagonista Cindy Crawford, regia di Gabriele Muccino e fotografia di Marco Glaviano (vedi news del 2 maggio).
 
L'
Enrico Zoppas
evento inaugurale della mostra a Milano ha visto E
nrico Zoppas, presidente e amministratore delegato di San Benedetto, raccontare, intervistato da Nicola Porro, storia e mondo valoriale del gruppo. E' stato anche riproposto il libro 'Un lungo sorso di freschezza' edito da Mondadori Electa con testi di Luca Masia, che descrive la storia del gruppo alternando documenti d’epoca a immagini di attualità. 
 
Oggi il gruppo San Benedetto ha un fatturato consolidato di gruppo di 730 milioni di euro, di cui circa 120 sviluppati all'estero, in particolare in Spagna, Ungheria, Polonia, Messico, Santo Domingo. Controlla i brand di acque minerali San Benedetto, Acqua di Nepi, Guizza e Cutolo Rionero Fonte Atella, quelle addizionate Aquavitamin e San Benedetto Ice Formula Zero, le bibite gassate San Benedetto e Schweppes, i thé San Benedetto e Guizza, le camomille Baby Drin, lo sport drink Energade, le bibite piatte a base di succo Oasis e San Benedetto Succoso e gli aperitivi Ben’s e Schweppes. (V.S.)


Access e Gazzetta dello Sport aprono a Milano il primo
Darsena Summer Village, villaggio di sport ed entertainment

Offrirà per tre mesi sport, musica, divertimento in aree di intrattenimento ed engagement, mentre su The Cube si vedranno gli Europei e le Olimpiadi. Concept creativo, produzione e gestione si devono ad Access, unit di experiental & event marketing di GroupM, mentre La Gazzetta dello Sport firma la parte progettuale. Sponsorizzano il lancio Sky, Fiat, Mondelez International, Carlsberg, Sammontana, Paco Rabanne-Invictus

8 giugno 2016 - Resterà aperto fino al 31 agosto alla Darsena di Milano il primo Summer Village, villaggio tematico dello sport e dell'entertainment. Il concept creativo, la produzione e la gestione si devono ad Access, unit di experiental & event marketing di GroupM, che è aggiudicata il bando di gara dei Navigli Lombardi, in occasione dei grandi eventi sportivi dell’estate: gli Europei 2016 e le Olimpiadi di Rio. La Gazzetta dello Sport firma invece la parte progettuale del Villaggio. 
 
Darsena Summer Village ha aperto col sostegno di Sky, Fiat, Mondelez International, Carlsberg, Sammontana e Paco Rabanne-Invictus. Media partner è Radio Italia, social partner è 'Milanese Imbruttito'. Ci saranno sport, musica, divertimento e entertainment di grande livello integrando piattaforme social come Facebook e Twitter. A
disposizione ogni giorno del pubblico ci sono aree di intrattenimento ed engagement, un'area sport con un playground dedicato al calcetto e una lounge bar. 
 
Le partite di Euro 2016 e le Olimpiadi saranno visibili su The Cube (vedi news del 20 maggio). Venerdi 10 giugno alle 18 partirà il countdown con dj set live di Radio Italia verso la partita inaugurale di Euro 2016 e sarà distribuita la Gazzetta Tricolore (vedi news del 6 giugno). Altre nfo su www.darsenasummervillage.it


In corso la Call for entries per gli Adci Awards 2016

Dal 1985 sono i premi di riferimento per la creatività e la qualità nella comunicazione pubblicitaria in Italia. La deadline per iscrivere e inviare i lavori è il 25 settembre, ma le iscrizioni entro il 31 luglio godono di uno sconto del 30%. La premiazione avrà luogo nell'ambito di IF! Italian Festival in ottobre

3 giugno 2016 - L'Art Directors Club Italiano ha dato il via alla Call for entries per l'edizione 2016 degli Adci Awards, i premi di riferimento per la creatività e la qualità nella comunicazione pubblicitaria in Italia. Assegnati dal 1985, divisi secondo categoria, documentano nel tempo l'evoluzione dei linguaggi, degli stili e dell'uso dei mezzi di comunicazione.

La premiazione degli Adci Award avrà luogo nell'ambito di IF! Italian Festival (Milano, 6-8 ottobre). Le iscrizioni formalizzate entro il 31 luglio godranno dell'Early Bird pricing: 30% circa di sconto rispetto alle normali tariffe, che entreranno in vigore dal 1° agosto.
 
Sono iscrivibili i lavori usciti nel 2015 (non iscritti alla precedente edizione) e i lavori usciti entro il 31 agosto 2016, pagando il fee direttamente online nell'apposita area di eCommerce . È possibile acquistare le entry da subito per usufruire dello sconto e poi caricare più avanti con calma i lavori. La deadline è il 25 settembre. Info e iscrizioni su cfe.adci.it. Per ulteriori informazioni si può scrivere a cfe@adci.it. 


La Call for entries …>>



Al via AssoCom Events, incontri e confronti tra agenzie,
associate e non, ed eccellenze del territorio italiano

Concept dell'iniziativa, ideata dal consigliere AssoCom Mauro Miglioranzi, è l'incontro con una storia da cui trarre ispirazione, fortemente legata al territorio. La prima tappa è a Verona con Giovanni Rana, seguiranno Torino, Modena, Milano e Roma

30 maggio 2016 - AssoCom dà il via a Ace (AssoCom Events) per far incontrare le imprese della comunicazione con realtà d'eccellenza del territorio italiano. Prevede un programma di serate aperte alle agenzie, associate e non, su invito, per occasioni di incontro e confronto con imprenditori, artisti, scrittori sui temi della qualità della comunicazione e dell'innovazione. La prima tappa è il 1° giugno a Verona con ospite d'onore Giovanni Rana e accompagnamento musicale dei musicisti del Conservatorio della città. Partner è il Consorzio del Radicchio di Verona Igp.
 
Ideatore del progetto è il consigliere AssoCom Mauro
Mauro Miglioranzi
Miglioranzi di Cooee Italia, che ha sottolineato: “Crediamo che dalla condivisione e dalla collaborazione si possa fare di più e meglio: ecco perché stiamo realizzando con AssoCom un'occasione per potenziare la rete fra gli associati, che è uno degli obiettivi dell'associazione”. Concept dell'iniziativa è l'incontro con una storia da cui trarre ispirazione, fortemente legata al territorio in cui si tiene l'incontro.
 
La seconda tappa sarà il 7 luglio a Torino, presso la Scuola Holden, per una lezione privata di storytelling, con ospite lo scrittore e illustratore novarese Antonio Ferrara. A Modena il 30 settembre ci sarà un ‘viaggio’ nel gusto di Acetomodena, ascoltando il racconto di vita di Antonio Rigo Righetti, bassista di Ligabue. Partner sarà Piacere Modena, organizzazione a cui aderiscono tutti i consorzi di tutela e delle Dop e Igp provinciali. Il 20 ottobre a Milano Marco Balzano, vincitore del Premio Campiello 2015, parlerà del suo best seller ‘L'ultimo arrivato’ e si racconterà presso lo stabilimento Fratelli Branca Distillerie. 
 
L'ultimo appuntamento dell'anno sarà in novembre a Roma. Gli incontri saranno moderati da Lorenzo Carpanè, docente alle Università di Verona e Bolzano. Programma in dettaglio e iscrizioni su assocomevents.it


Torna e raddoppia il Wired Next Fest, con tema
portante il ‘tempo’ a Milano e la ‘bellezza’ a Firenze

Va in scena la tre giorni milanese con 150 relatori del mondo della scienza, della tecnologia, della politica, della musica, della cultura, dell'imprenditoria. Rigorosamente free, prevede incontri, performance artistiche, laboratori di stampa 3D, gare di droni, esperienze di realtà virtuale e due grandi concerti serali. Sponsor principali, con spazi e presenze attive nell'evento, sono Audi, BNL Gruppo BNP Paribas, Enel, Sky Italia e Vodafone Italia. Per la prima volta l'evento sarà anche a Firenze il 17 e 18 settembre. Attesi 130.00 partecipanti a Milano e 70.000 a Firenze. In crescita del 37% i ricavi dall'evento, parte integrante del sistema Wired con sito e bookazine 

26 maggio 2016 -  
Wired, il sistema editoriale di Condé Nast dedicato all'innovazione, firma per il quarto anno consecutivo il Wired Next Fest ai Giardini Indro Montanelli di Milano, col patrocinio del Comune, dal 27 al 29 maggio, e poi, per la prima volta, anche a Firenze il 17 e 18 settembre all'interno di Palazzo Vecchio. Rispetto alle precedenti edizioni che hanno visto un crescendo di partecipazioni da parte del pubblico a cui tutto è offerto gratuitamente (sono attesi 130.00 partecipanti a Milano e 70.000 a Firenze), ci sono tre punti di discontinuità: il raddoppio dell'evento con Firenze, la messa maggiormente al centro dei temi della tecnologia e dell'esperienza, la scelta di due temi portanti, quello del ‘tempo’ a Milano (la dimensione più stravolta dall'innovazione) e quello della ‘bellezza’ a Firenze.
 
Ne tratteranno oltre 150 relatori provenienti dal mondo della scienza, della tecnologia, della politica, della musica, della cultura, dell'imprenditoria, da Julian Assange fondatore di Wikileaks a Emma Bonino che interverrà sulla cultura dell'integrazione; da Alexandra Elbakyan, la Robin Hood della scienza, a Adam Leibsohn, cco di Giphy, il più grande database di gif animate del mondo; da Marco Savini, fondatore di Big Rock, a Guido Quaroni, vicepresidente della Pixar, e a Slava Rubin, ceo di Indiegogo. Saranno presenti anche i candidati sindaci di Milano Stefano Parisi e Giuseppe Sala, che parleranno della Milano del futuro, e il ministro Maurizio Martina (Politiche Agricole Alimentari e Forestali) che insieme a Roberto Cingolani, direttore scientifico dell'Istituto Italiano di Tecnologia, presenterà lo Human Technopole, il nuovo polo di ricerca su medicina, big data e nutrizione che sorgerà nell'area Expo. E ancora Ferruccio de Bortoli, Piergiorgio Oddifreddi, Luca Cordero di Montezemolo, Lapo Elkan, Renzo Rosso, Emis Killa, Pif e molti altri.
 
«L'evento poggia su quattro leve: ispirare, far sperimentare e coinvolgere, dare opportunità di apprendere, dare emozioni l'attraverso arte, la cultura e la musica, ma mai in modo polveroso, mostrando invece come i nuovi artisti sappiano utilizzare le tecnologie” ha detto Federico Ferrazza, direttore di Wired Italia.
 
Sono previsti convegni e co
Federico Ferrazza, Cristina Tajani e Filippo Del Corno
nferenze (centrale quella sulla mobile-only economy), performance artistiche, laboratori di stampa 3D, gare di droni, sala giochi, esperienze di realtà virtuale, workshop e attività per i bambini, oltre a due eventi live serali: il concerto dei Subsonica domani per i venti anni di musica del gruppo con la partecipazione, tra gi altri, di Daniele Silvestri, Cristina Donà, Morgan, Johnson Righeira e Claudio Coccoluto; poi sabato 28 quello di Fabri Fibra e Marracash per la prima volta insieme. 
 
Wired Next Fest ospiterà  anche la Torcia Olimpica prima delle Olimpiadi di Rio de Janeiro. Un'assoluta novità sarà l'assistente virtuale su Facebook che aiuterà a orientarsi nel programma della festa. 
 
L'evento è parte integrante del sistema editoriale Wired Italia accanto al sito e alla rivista cartacea, diventata trimestrale da autunno (oggi esce il secondo numero del 2016 dedicato in sinergia al tema del ‘tempo'), con pari peso del bookazine nei ricavi, grazie all'aumento del 37% degli introiti rispetto all'edizione 2015. Concorrono alla raccolta l'apporto dei 24 sponsor/partner e le inserzioni.
 
Lo sponsor principale, legato all'evento da un consolidato rapporto, è Audi, che parlerà di digitalizzazione, elettrificazione e guida autonoma. Altri main sponsor con spazi e presenze attive nell'evento sono BNL Gruppo BNP Paribas, Enel, Sky Italia e Vodafone Italia. Tra altri partner citiamo Fondazione Umberto Veronesi, Gruppo CAP, Mattel, Tag Heuer (official Timekeeper), GroupM – Wpp, Radio 105. L'elenco completo oltre a tutte le informazioni è su http://nextfest2016.wired.it. L'hashtag ufficiale è #WNF16. 
 
Il programma a Milano …>>



L'evento charity ‘Bocelli and Zanetti Night’ all'Area Expo e su Canale 5

Musicisti, cantanti e campioni di calcio di ieri e di oggi, da Kylie Minogue a Pelé, animano lo show all'Open Air Theatre per promuovere una raccolta fondi a favore dell'iniziativa ‘Educare per un mondo migliore’ di P.U.P.I. Onlus di Javier Zanetti e della Fondazione Andrea Bocelli. Main sponsor, Alfa Romeo

25 maggio 2016 - Riapre questa sera l'Open Air Theatre dell'Area Expo a Milano per la ‘Bocelli and Zanetti Night’, spettacolo che vedrà scendere in campo musicisti, cantanti e campioni di calcio di ieri e di oggi, da Kylie Minogue a Pelé, per l'iniziativa charity ‘Educare per un mondo migliore’, promossa attraverso la P.U.P.I. Onlus dell'ex calciatore argentino Javier Zanetti (attuale vice presidente dell'Inter) e la Fondazione Andrea Bocelli. L'obiettivo è una raccolta fondi con cui garantire una scuola a 500 bambini poveri di Buenos Aires e a 1750 di Haiti. 
 
L'evento è sostenuto dal main sponsor Alfa Romeo e sarà introdotto da un filmato con protagonisti Bocelli e la nuova Giulia Alfa Romeo. E ha il patrocinio della Regione Lombardia, che ha investito 50 milioni a sostegno della riapertura e dell'utilizzo dell'Area Expo: “E il primo grande evento dopo quello del 1° maggio - ha detto il presidente Roberto Maroni -. Poi ci saranno una parte della XXI esposizione internazionale della Triennale, concerti e molte altre iniziative per tutta l'estate. Sarà inoltre l'area del futuro con investimenti importanti per ricerche sulla genetica, la biomedicina, la genomica".
 
Lo show, condotto da Michelle Hunziker, sarà trasmesso domani sera su Canale 5. L'ingresso
oggi è gratuito per le 3.500 persone che si sono accreditate ed è stato aperto anche ad altre 7.000, vista la grande richiesta, che resteranno in piedi nella piazza antistante. La raccolta fondi verrà dal pagamento per l'ingresso nelle due tribune vip e attraverso il numero di telefono solidale 45592 (1 euro per ogni sms da device mobile Tim, Vodafone, Wind, Posta Mobile, Coop Voce, Tiscali fino al 30 maggio). Altre donazioni (da 2 a 5 euro) possono essere fatte dal fisso e accedendo alla mostra fotografica #Wehelp sul sito www.we-help.net: visionati i primi scatti, sarà possibile vedere altre foto facendo una piccola donazione.
 
Tra gli altri sponsor ci sono Pirelli, Manpower Group, Melia Milano, ArExpo e tra i media partner Rmc e Gruppo Sole 24 Ore. L'evento è organizzato da StarBiz e Master Group Sport. (V.S.)


La Gazzetta dello Sport vara il progetto
#vedotricolore in vista degli Europei

Contest a premi e iniziative sui social per accrescere l'attesa dell'evento calcistico, con main sponsor Fiat Panda e Birra Moretti. Il 10 giugno, giorno di avvio delle gare, sarà in edicola un numero speciale da conservare e consultare durante tutto l'evento

25 maggio 2016 - La Gazzetta dello Sport accresce l'attesa per gli Europei con un programma di contest a premi e iniziative social con cui coinvolgere appassionati e tifosi della Nazionale azzurra. È partita ieri la campagna di avvicinamento al 10 giugno, giorno di inizio delle gare, quando La Gazzetta sarà in edicola con un numero speciale con tiratura straordinaria, da conservare e consultare per tutta la durata dell'evento, con approfondimenti e pagine dedicate alle formazioni, ai pronostici e alle schede tecniche dei campioni e di tutte le squadre che si sfideranno.

Intanto, si può già partecipare al contest #vedotricolore su www.vedotricolore.it, in partnership con i main partner Fiat Panda e Birra Moretti, che mette in palio, con modalità instant win, un mini calcio balilla firmato Gazzetta oltre a due grandi premi finali ad estrazione: il ‘Kit Tifiamo insieme a Panda’ messo in palio da Fiat e il ‘Kit Birra e Calcio Balilla’ messo in palio da Birra Moretti Ricetta Originale (sei mesi di fornitura e un calcio balilla personalizzato). Il momento della consegna dei premi sarà registrato in un video e pubblicato su www.gazzetta.it.

Dal 1° giugno su www.vedotricolore.it e sui social della Gazzetta partirà la campagna #vedotricolore che invita i lettori e i tifosi a fotografare e condividere gli oggetti che quotidianamente riconducono alla nostra bandiera. Le foto più belle saranno pubblicate sul quotidiano. 

Official radio è Radio Italia. La campagna stampa e il contest online sono stati realizzati dall'agenzia Dgt Media. 


Bertelli, Bartoletti e Tonini presidenti di Giuria a eurobest 2016.
In dieci punti le indicazioni per presentare al meglio i lavori

Larga rappresentanza italiana nelle giurie di eurobest, che si terrà per la prima volta in Italia. Oltre a tre presidenti di giuria ci saranno altri 10 giurati italiani. Intanto, dal workshop organizzato da AssoCom e Pr Hub sono emerse le modalità per far concorrere i lavori alla competizione con maggiori speranze di successo 

20 maggio 2016 - Per la prima italiana di Eurobest, il Festival della Creatività Europea organizzato da Lions Festival che per la prima volta si svolgerà in Italia (vedi news del 17 marzo), è prevista un'ampia rappresentanza di professionisti italiani nelle Giurie: tre presidenti di giuria sono italiani e altri 10 creativi italiani faranno parte di altrettante giurie. Una scelta che vuole sottolineare il legame del Festival con l'industry locale e valorizzarne il ruolo nello scenario della creatività moderna anche a livello internazionale. 
 

Ecco i tre presidenti italiani di Giuria a Eurobest 2016:

Karim Bartoletti, Parner and Executive Producer di Indiana Production Company – Presidente di giuria della categoria Film Craft

Bruno Bertelli, Global Chief Creative Officer di Publicis Worldwide - Presidente di giuria della categoria Film and Print & P&P Craft

Caterina Tonini, Councillor and Board Member di Havas PR – Presidente di giuria della categoria PR 
 
Ed ecco gli altri giurati italiani:
 
- Davide Boscacci, Group Creative Director di Leo Burnett – giurato nella categoria Interactive, Mobile and Digital Craft 
- Fabio De Vecchi, Executive Creative Director di Sudler & Hennessey – giurato nella categoria Healthcare
- Ludovica Federighi, Head of Branded Content di Magnolia – giurata nella categoria Entertainment 
- Vicky Gitto, Chairman & Chief Creative Officer di Y&R – giurato nella categoria Outdoor & Radio 
 - Carla Leveratto, Group Creative Director di Gruppo Roncaglia – giurata nella categoria Direct 
-  Alicia Matilda Lubrani, Head of Marketing Communications di Samsung – giurata nella categoria Innovation & Creative Data 
- Paola Manfroni, Partner & Creative Director di MARIMO – giurata nella categoria Design
- Graziana Pasqualotto, Managing Director di OMD – giurata nella categoria Media 
-  Alessandro Sabini, Chief Creative Officer di McCann Worldgroup – giurato nella categoria Promo & Activation
 
Manca ad arrivare a dieci il giurato nella categoria Creative Effectiveness che verrà nominato a breve. 
 
Tra le novità dell’edizione 2016 del Festival, che si terrà dal 30 novembre al 2 dicembre a Roma, ci sono le nuove categorie Digital Craft (abilità tecnica e maestria creativa nel settore digitale), Entertainment (sostituisce la categoria del Branded Content & Entertainment), Music (sezione della categoria Entertainment), Creative Data (applicazione o interpretazione dei dati come parte integrante dell'idea creativa e della sua esecuzione). E' previsto un ricco programma di contenuti ed approfondimenti col supporto dei partner Adci, AssoCom, PR Hub e MY PR. 
 
Intanto, AssoCom e PR Hub hanno già promosso un workshop, rivolto sia alle agenzie associate che a quelle esterne, sul modo più efficace di presentare i lavori al Festival europeo. In 90 hanno ascoltato le indicazioni di Fiorenza Plinio, head of Awards & Development di eurobest, di Mark St. Andrew, senior content manager di eurobest, e di Bruno Bertelli,  vincitore di 33 Leoni a Cannes.
 
Ecco le indicazioni condensate in dieci punti: 
 
1. Siate concisi - Ricordate che avete a che fare con professionisti – i giurati - che sono perfettamente in grado di capire se un progetto è meritevole sulla base di una spiegazione concisa e coerente.

2. Semplicità & chiarezza. Talvolta meno è meglio! Molte case study non riescono a comunicare l’idea e la strategia creativa in modo comprensibile e convincente. Messa a fuoco e chiarezza sono fondamentali sia per la spiegazione scritta che per il video della campagna.

3. Siate up-front. Spiegate l'idea all’inizio della case study, in modo che la giuria possa comprendere le dimensioni della campagna ed i risultati fin da subito. Evitate l'uso inutile di parole superflue o di uno stile ridondante. Pensate al case film come ad un editorial piece. Riportate tutte le informazioni chiave all’inizio e poi ampliate l’idea.

4. Cultura & contesto. Quella di eurobest è una giuria internazionale. L’inglese non è sempre la prima lingua. Rispettate questa diversità. Le campagne che fanno riferimento a sfumature culturali o ambiti di un particolare paese richiedono spesso informazioni aggiuntive.

5. Adottate una nuova prospettiva. Voi avete creato, pianificato e portato a termine la campagna creativa, non la giuria! Cercate di guardare all’idea con gli occhi dei giurati e di adattarla ad un nuovo pubblico.

6. Raccontate una storia. Strutturate la spiegazione della campagna intorno ad una narrazione semplice e stringata ma in grado di lasciare il segno!.

7. Facilitate il lavoro della giuria. L'idea deve parlare da sé. Evitate di creare barriere per la giuria con la produzione di contenuti ridondanti e troppo elaborati. Keep it simple!

8. Selezionate le categorie con cura. Considerate con attenzione le categorie più appropriate per la vostra campagna e ricordate che devono essere pertinenti al tipo di lavoro che avete deciso di iscrivere.

9. Evitate il gergo e le iperboli. Evitate l’uso di gergo del settore e di un linguaggio troppo specifico. Non vendete, spiegate. Una case study che fa uso di un linguaggio eccessivamente tecnico e di dichiarazioni non supportate da informazioni tangibili non impressionerà certo la giuria!.

10. Focus sui risultati. Ricordate di fornire risultati significativi e misurabili. Siate onesti, aiutate la vostra case study con figure, grafici e statistiche purché siano verificabili! In alcune categorie, i risultati contano fino al 30% del voto assegnato dai giurati. Cercate di collegare i risultati agli obiettivi e alle strategie iniziali. 


‘Jump In’ claim e hashtag dell'84° Concorso Ippico
Intesa Sanpaolo ‘Piazza di Siena – Master fratelli d'Inzeo’

Tbwa\Italia con Integer cura per il terzo anno consecutivo la comunicazione dell'evento che si terrà dal 25 al 29 maggio presso Villa Borghese a Roma con Intesa Sanpaolo title sponsor. In affissione, stampa web e btl, la comunicazione capitalizza la novità dell'ingresso gratuito alle gare

19 maggio 2016 - Il gruppo Tbwa\Italia si è aggiudicato per il terzo anno consecutivo la comunicazione dell'84° Concorso Ippico Intesa Sanpaolo ‘Piazza di Siena – Master fratelli d'Inzeo’ che si terrà dal 25 al 29 maggio presso Villa Borghese a Roma. Tbwa\Italia con Integer (divisione di eventi e retail marketing del gruppo) realizza la comunicazione della manifestazione e ne ha gestito l'organizzazione con la supervisione tecnica della Federazione Italia Sport Equestri. 

Quest'anno, a differenza degli altri anni, l'accesso a Piazza di Siena è gratuito, solo l'ingresso alla tribuna e ai palchi è a pagamento. La comunicazione capitalizza l'ingresso gratuito alle gare, trasformando una scelta di marketing in una forte esortazione a partecipare, col claim 'Jump In' che accompagna il visual di un cavallo che salta l'ostacolo. Oltre alle affissioni, alle testate sportive e di settore e agli allestimenti della location, la campagna è sul web e 'Jump In' è l'hashtag di riferimento sui social della manifestazione. Il sito piazzadisiena.it è stato completamente rinnovato. 

Intesa Sanpaolo è title sponsor mentre Ford sarà presente con la nuova Edge, official transportation car. 


Smart alla Color Run 2016 con Merlo
e Access all'insegna di #flashcolor

L'agenzia di eventi Merlo ha ideato il concept di comunicazione che prevede la  creazione della community di ‘smartisti’ The Movement, che condividono un nuovo linguaggio composto da neologismi, a partire da Flashcolor, parola d'ordine per la corsa più divertente e colorata dell'anno. Access, unit di experiential media di GroupM, produce l'evento e sarà con smart nel tour presso i concessionari e al Village dove ci saranno attività di engagement e intrattenimento

6 maggio 2016 - Smart, la piccola dinamica di casa Mercedes Benz, è tra i brand protagonisti di The Color Run, la divertente corsa di 5 km non competitiva in cui si parte vestiti di bianco e si arriva colorati dalla testa ai piedi. Nata negli Usa nel 2012, si corre anche in Italia dal 2013, organizzata da Rcs Sport (thecolorrun.it). L'agenzia di eventi Merlo ha ideato e realizzato per Mercedes-Benz Italia il concept creativo e di comunicazione che accompagnerà tutti gli eventi di smart dell'anno e che prende il via proprio dalla Color Run. Access, unit di experiential media di GroupM, ha vinto la gara per la produzione dell'evento e sarà con smart nel tour presso i concessionari aderenti all'operazione e al Village della Color Run. Curerà la messa in opera e la produzione complessiva, che comprende anche la realizzazione dei video online e delle coreografie relative.
 
Il concept creativo, ideato da Merlo, nasce dalla creazione di The Movement, una community di ‘smartisti’ che condividono la passione per la vettura e un modo particolare di vedere la vita, e anche il nuovo linguaggio composto da neologismi che si sta creando su smart-themovement.it. Il sito invita il popolo degli smartisti a creare man mano una nuova lingua fatta di parole nuove “perché con smart i vecchi schemi non valgono più”. Proponendo neologismi si entra a far parte della community. 
 
La parola d'ordine per The Color Run è Flashcolor. In ogni tappa, nelle promo area dove i color runner possono ritirare i race kit, è possibile provare la gamma smart e la nuova fortwo cabrio, anche virtualmente con gli oculus. All'interno
del villaggio c'e un allestimento arancione, colore che identifica la community smart, mentre su una torre di 3 metri viene esposta la protagonista dell'evento, la nuova fortwo cabrio. I partecipanti sono coinvolti con intrattenimenti e ballo e possono esercitarsi nella treadmill dance, una sorta di danza ginnica fatta su tapis roulant, dimostrando di avere lo spirito giusto per entrare a far parte del team smart. 
 
La prima tappa è ella Color Run è stata a Torino il 30 aprile, la successiva sarà il 14 maggio a Bari, poi toccherà a Trento il 21 e il 28 a Reggio Emilia. In giugno ci saranno le tappe di Firenze il 4 e di Genova il 13. Il 23 luglio toccherà a Lignano Sabbiadoro, il 6 agosto a Rimini e il 3 settembre a Milano. 


La campagna #OFF4aDAY contro il cyber-bullismo sul palco
del Concerto del 1° maggio con Samsung e Leo Burnett

La campagna, promossa da Samsung insieme al Moige, è stata rilanciata dal palco sui social dagli artisti fotografati con le magliette col numero del servizio d'ascolto per le vittime. Al pubblico ne sono state distribuite 4.000. L'hashtag #OFF4aDAY ha ottenuto una reach di 300.000 su Facebook Samsung Italia

6 maggio 2016 - Samsung Electronics Italia ha portato sul palco del Concertone del Primo Maggio #OFF4aDAY, la campagna contro il cyber-bullismo promossa insieme al Moige e alla Polizia di Stato. Già il 19 ottobre Samsung aveva sospeso per 24 ore tutte le attività di comunicazione come gesto simbolico per sensibilizzare sul bullismo online. In occasione, invece, dell'evento di Roma, gli artisti sul palco hanno supportato la campagna condividendo sui social la loro foto con la maglietta di #OFF4aDAY, per sensibilizzare i giovani a un uso corretto della tecnologia. 
 
Sono state distribuite al pubblico 4.
000 magliette con il numero del servizio d'ascolto per le vittime di cyber-bullismo (393.300.90.90) attivato da ottobre, che ha già ricevuto oltre 1.800 richieste di aiuto. La campagna e l'evento sono ideati da Leo Burnett, agenzia di riferimento di Samsung.
 
L'hashtag #OFF4aDAY ha ottenuto una reach di 300.000 sul solo canale Facebook Samsung Italia e ha generato oltre 2 milioni di reach su Twitter con 11 milioni di impression, entrando nei top trend per tutto l'arco della manifestazione. 


Filmmaster Events e Srcom danno il via al viaggio
della Torcia Olimpica in Brasile. Concept il 'calore'

Parte oggi da Brasilia la spedizione che prevede 10.000 tedofori, 90 giorni di viaggio, 20.000 km da percorrere e oltre 250 città brasiliane da toccare. L'avventura è firmata della joint venture italo-brasiliana formata da Filmmaster Events e da Srcom, incaricata anche delle Cerimonie Olimpiche e Paralimpiche

3 maggio 2016 - Arrivata a Brasilia con un Boeing 767 della Latam (vedi Fotonotizia del 2 maggio), la Torcia Olimpica parte oggi per il lungo viaggio di 20.000 km in oltre 90 giorni, che la porterà a toccare oltre 250 città brasiliane, attraversando per la prima volta un paese sud americano, dalle grandi città alle montagne, dalle spiagge all'Amazzonia (#ReadyForTorchRelay). Alla fine farà ingresso nel Maracana Stadium il 5 agosto, giorno della Cerimonia di apertura.
 
L'avventura della Torcia è firmata della joint venture italo-brasiliana formata da Filmmaster Events e da Srcom a cui, per la prima volta nella storia dei Giochi, è stata affidato tutto il pacchetto produttivo: viaggio della Torcia, Cerimonie Olimpiche e Paralimpiche. 
 
Il concept su cui è stato costruito il percorso della torcia è il ‘calore’. Sarà un momento di forte unione tra lo sport e lo spirito libero del Brasile e sarà un viaggio all'insegna della festa tipicamente brasiliana, in grado di attirare numerosi giovani. Gli oltre 10.000 tedofori avranno l'occasione di rappresentare i valori olimpici e raccontare la storia del Paese a seconda della zona in cui correranno. Tra di loro, ci sono persone di tutte le età, locali e straniere, e numerose personalità locali e nomi di fama internazionale. 




Con Rds Breakfast Run ci si sveglia all'alba e si va di corsa per 5 km

Il nuovo format targato Rcs Active Team invita a cominciare la giornata facendo attività fisica in sei appuntamenti antelucani del venerdì, dal 10 giugno al 15 luglio, a Reggio Emilia, Milano, Trento, Torino, Verona e Padova. Radio Rds accompagnerà gli eventi con la trasmissione ‘Tutti pazzi per... Rds Breakfast Run’

29 aprile 2016 - Nasce Rds Breakfast Run, nuovo format targato Rcs Active Team, che dà (letteralmente) la sveglia al benessere, visto che propone di cominciare la giornata facendo attività fisica. Il calendario degli eventi parte con l'appuntamento alle 5,45 a Reggio Emilia il 10 giugno, poi la Breakfast Run, sempre di venerdì, proseguirà a Milano il 17, a Trento il 24 , a Torino il 1° luglio, a Verona l'8 e infine a Padova il 15. 

Il percorso è di 5 km e il ritmo non è competitivo per lasciare il tempo di conoscere, chiacchierare, assaporare le emozioni mentre si taglia un traguardo con i primi raggi del nuovo giorno. Poi c'è la colazione a cui si darà lo spazio e il peso che gli esperti consigliano. Felicina Biorci, nutrizionista del comitato scientifico di Sanis (Scuola di Nutrizione e Integrazione nello Sport), in ogni tappa fornirà consigli per una corretta alimentazione.

Radio Rds accompagnerà il risveglio degli italiani con il divertente format radiofonico ‘Tutti pazzi per... Rds Breakfast Run’ insieme a Barty Colucci, seguendo le fasi del tour con collegamenti in diretta dal percorso di ogni tappa. Rds Breakfast Run è un evento a impatto zero grazie a un allestimento essenziale. Info e iscrizioni su www.breakfastrun.it


La casa social è tutta di vetro, evento unconventional di Homepal a Roma

Performance live di due ragazzi che per 9 giorni vivranno sotto agli occhi di tutti condividendo coi passanti le loro giornate, tra lezioni di salsa e di tango, show cooking e body painting. La piattaforma per comprare, vendere e affittare online case tra privati si presenta con questo happening al grande pubblico. Hashtag #lacasaèsocial

28 aprile 2016 - È partita a Roma ‘La casa è social’, performance live ispirata al fatto che i social network hanno aperto metaforicamente le nostre case e ci fanno condividere la quotidianità. L'iniziativa si deve a Homepal, piattaforma per comprare, vendere e affittare online case tra privati senza l'intermediazione di agenzie, che si presenta con questo evento unconventional al grande pubblico.
 
Nella casa di vetro di 24 mq, posta davanti all'ingresso della Stazione Termini, accessoriata con ogni comfort e costruita in tempi record da Homepal, hanno fatto ingresso Alessandra Relmi e Lorenzo Giustarini. I due ragazzi ci abiteranno per 9 giorni fino al 4 maggio condividendo con chi passa fuori ogni momento della loro giornata, animata da un ricco calendario di appuntamenti. I due potranno interagire con i passanti, rispondere alle loro domande, fare selfie, condividere col pubblico momenti di divertimento come lo show cooking di Simone Finetti, il romagnolo di Masterchef (sabato 30 aprile dalle 17.30), lezioni di salsa (sabato alle 10.30), lezioni di tango (domenica 1° maggio alle 11.30 e lunedì 2 maggio alle 10.30), lezioni di cake design (2 maggio, pomeriggio). Il 29 aprile alle 16.30 si metteranno letteralmente a nudo per il body painting. 
 
Alessandra e Lorenzo si sono aggiudicati il web casting indetto da Homepal, che con questo happening, condiviso in rete con l'hashtag #lacasaèsocial, vuole sottolineare i suoi valori fondanti: trasparenza, semplicità, condivisione. L'evento si può seguire su lacasasocial.homepal.it


Al via dalla Triennale di Milano la mostra itinerante
‘Topolino e l'Italia’. I brand personalizzano l'icona di Disney

Topolino diventa opera d'arte legandosi alla moda, al design, al cibo, ai motori. La mostra di venti statue nasce per celebrare lo storico legame del personaggio col nostro Paese e ha finalità charity a favore di Abio Italia Onlus. Coinvolti i social con l'hastagh #ItalyLovesTopolino

26 aprile 2016 - Anche Topolino partecipa alla XXI Esposizione della Triennale Milano Design After Design. È aperta fino al 15 maggio alla Triennale ‘Topolino e l'Italia’, mostra itinerante che celebra lo storico legame del personaggio simbolo della Disney col nostro Paese. Nel giardino appaiono venti grandi statue di Topolino personalizzate creativamente da marchi italiani oltre che da Disney Italia. Dopo il 15 maggio le statue viaggeranno nelle principali città per tornare alla fine a Milano a novembre per essere battute all'asta da Sotheby's. Il ricavato and
rà ad Abio Italia Onlus per la realizzazione di spazi e sale ludiche a misura di bambino negli ospedali italiani.
 
Topolino diventa così opera d'arte legandosi alla moda, al design, al cibo, ai motori grazie a brand come Brums, Chicco/Artsana, Clementoni, Ferrarelle, Giochi Preziosi, K - Way, Kartell, Lisciani, Monnalisa, Panini, Piquadro, Unipol Sai, Salmoiraghi e Vi
gano’, Sky, San Carlo, Upim, Vespa, e l'Istituto Europeo di Design. L'iniziativa è nata per celebrare la grande storia di Topolino che s'intreccia con quella del nostro Paese nel 1930, quando nascono le storie italiane del personaggio frutto due anni prima dalla fantasia di Walt Disney. Per il settimanale hanno lavorato grandi disegnatori al fianco di studiosi, critici, esperti.
 
La mostra è documentata sul sito ufficiale eventi.disney.it/topolinoelitalia dove è possibile trovare tutte le immagini delle opere, il video di presentazione e le news di aggiornamento di tutte le fasi dell'iniziativa. Sono attivi anche la pagina Facebook (https://www.facebook.com/Topolino/) e l'account Twitter
(https://twitter.com/Disney_IT). L'hashtag è #ItalyLovesTopolino.




Con la mostra-evento Open Borders per il FuoriSalone ‘Interni’
esalta le contaminazioni. Co-producer Audi e Panasonic

L'edizione 2016 della mostra realizzata dal magazine di Mondadori è all'insegna del superamento delle barriere tra diverse discipline e coinvolge la Statale, l'Orto Botanico e, per la prima volta, anche la Torre Velasca. Partecipano progettisti di Italia, Giappone, Cina, Brasile, Russia, Gran Bretagna, Polonia. All'Audi City Lab in Torre Velasca, illuminata di rosso dal ‘genio della luce’ Ingo Maurer, Audi presenta il laboratorio di idee ‘Untaggable Future’. Radio ufficiale è R101

12 aprile 2016 - Uno degli eventi centrali degli oltre 900 in corso da oggi a Milano per la Design Week-Fuorisalone (12-17 aprile) è la mostra che ogni anno il mensile di ‘living professional’ Interni, edito da Mondadori e diretto da Gilda Bojardi, realizza nei cortili dell'Università Statale di Milano. L'edizione 2016, che coinvolge anche l'Orto Botanico di Brera e, per la prima volta, la Torre Velasca, si intitola ‘Open Borders’ e ha per concept il tenere i ‘confini aperti’, non darsi limiti concettuali, superare le barriere tra le diverse discipline, quindi aprire a contaminazioni con ambiti di ricerca diversi, come cinema e fotografia, ma anche applicare architettura e design a digitale e tecnologia. 
 
Oltre ai protagonisti dall'Italia, il magazine ha coinvolto progettisti di Giappone, Cina, Brasile, Russia, Gran Bretagna, Polonia, in collaborazione con aziende sponsor e istituzioni, in un mosaico variegato di stili e visioni. Tra questi i progettisti: MAD Architects con Ferrarelle e P.A.T.I; Massimo Iosa Ghini con Ceramiche Cerdisa; Chen XiangJing con Jinghong International Furniture; Sergei
Tchoban, Sergey Kuznetsov e Agniya Sterligova con Velko Group; Lissoni Associati con Audi; Stefano Boeri Architetti con Filiera del Legno FVG e Consorzio Innova FVG; Patricia Urquiola con Cleaf; Carlo Ratti Associati, Sebastian Cox e Laura Ellen Bacon con American Hardwood Export Council - Ahec, e molti altri ancora.
 
Tra le novità di quest'anno, l'Università Statale diventa anche una delle sedi ufficiali della XXI Triennale Internazionale di Milano. La ‘Casetta del Viandante’ a cura dell'architetto e designer Marco Ferreri, realizzata per ospitare chi percorre la via degli Abati nel piacentino, è stata infatti designata come mostra ufficiale della XXI Triennale Internazionale di Milano ‘21st Century. Design After Design’. Resterà aperta fino al 12 settembre.
 
Co-producer di ‘Open Borders’ so
no Panasonic e Audi (Gruppo Volkswagen) che all'Audi City Lab in Torre Velasca presenta ‘Untaggable Future’, laboratorio di idee su quattro temi untaggable: People, Cities, Energy, Light. Il designer e imprenditore tedesco Ingo Maurer è stato chiamato alla sfida di illuminare in modo nuovo la Torre, che ora al tramonto si tinge di rosso “per rendere più vibrante Milano dal punto di vista della luce”. Nelle vetrine alla base è esposta in anteprima la nuova Audi Q2, la ‘più #untaggable di tutte le Audi’
 
Radio ufficiale di Interni Open Borders è R101 che questa sera alle 21 animerà l'opening night col concerto di Joan Thiele e Mahmood, e a seguire con un DJ Set. La radio ha anche una postazione fissa nei giorni del FuoriSalone da cui verranno effettuati collegamenti e interviste coi prota
gonisti.
 
Interni firma anche la Guida FuoriSalone, disponibile anche come app free per device iOs e Android, che propone una lettura ragionata di oltre 400 eventi, e la Guida Zee Milano (solo in versione digitale e inclusa nell'app) con una selezione dei nuovi itinerari e degli spazi fashion nella città.
 
Patrocinata dal Comune di Milano, Open Borders resterà aperta fino al 23 aprile. Intanto Cristina Tajani, assessore alle Politiche per Lavoro, Sviluppo economico, Università e Ricerca, lancia proprio dal palco della conferenza di apertura la proposta di creare una seconda tranche nell'anno dell'evento Fuorisalone, magari a ottobre, dato che alla vastità dell'offerta culturale la settimana va decisamente stretta. 


Riparte Open Design Italia, premio e incubator
creativo per designer, stilisti, artisti e maker

Offre ai partecipanti, selezionati attraverso tre casting a Milano, Roma e Napoli, la possibilità di mostrare e vendere le proprie opere senza intermediazione, durante un evento a Vicenza. Sul sito dedicato sono candidabili prodotti nelle categorie product design, communication design, fashion design e interior design. Organizza Cna Vicenza col supporto di Centostazioni, della rivista Living e di Cna Nazionale che firmano alcuni dei premi

4 aprile 2016 - È online il bando di concorso della sesta edizione di Open Design Italia, manifestazione che permette a designer, artigiani, stilisti, artisti e maker di mostrare e vendere le proprie opere senza intermediazione. Open Design Italia funziona come incubatore di creatività e acceleratore d'impresa. Attraverso incontri b2b, formazione e workshop, incentiva il networking tra progettisti, aziende e artigiani del territorio. La manifestazione si terrà alla Basilica Palladiana di Vicenza, dal 10 al 12 giugno, organizzata da Cna (Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa) di Vicenza.
 
Si partecipa iscrivendosi al bando di concorso sul sito opendesignitalia.net e candidando prodotti (non prototipi) nelle categorie product design, communication design, fashion design e interior design. I candidati verranno scelti da un comitato selezionatore, formato da giornalisti, retailer, progettisti, aziende e dirigenti delle Cna locali, attraverso tre casting: a Milano (14-15 aprile, durante il Fuorisalone al Siam di via Santa Marta 12), a Roma (28-29 aprile) e a Napoli (5-6 maggio). Ciascun partecipante, a cui sarà messo a disposizione un servizio di coaching, dovrà presentare in poche slide il prodotto candidato e la propria idea d'impresa. La scelta avverrà in base a originalità e innovazione tipologica, funzionalità tecnica ed estetica e vendibilità. I migliori potranno partecipare all'evento di Vicenza. 
 
Durante il casting, Open Design Italia offrirà una lezione di formazione su comunicazione e marketing. Inolte a tutti i partecipanti verrà garantita visibilità attraverso i canali social di Open Design Italia e Cna Vicenza con il ‘Diario Open Design Italia’.
 
In palio per i selezionati all'evento in Basilica Palladiana ci sono: il Premio Cna Vicenza, ovvero un sostegno per l'implementazione di un prodotto (il designer verrà affiancato da un artigiano/azienda nella produzione fino a un valore massimo di tremila euro); il Premio Centostazioni con la possibilità per i vincitori di promuovere i propri progetti in alcune stazioni del network di 103 stazioni; il Premio Living con la pubblicazione del progetto vincitore sulla rivista Living e relativo sito web living.corriere.it (oltre a un abbonamento annuale gratuito alla rivista digitale); il Premio Cna Nazionale che permetterà a tre designer di partecipare a un evento internazionale. Altre info su opendesignitalia.net. 


‘La Porta del Viaggiatore’ apre sulle bellezze
del Paese nelle stazioni di Roma e Milano

Un'installazione luminosa con touch screen celebra l'arrivo al cinema della nuova produzione cinematografica di Sky 3D ‘San Pietro e le Basiliche Papali di Roma 3D’ e, in collaborazione col Touring Club Italiano, il tema del viaggio in Italia secondo Stendhal 

1 aprile 2016 - Per l'arrivo al cinema dall'11 al 13 aprile della nuova produzione cinematografica firmata Sky 3D ‘San Pietro e le Basiliche Papali di Roma 3D’ e nei giorni della #MuseumWeek, nelle stazioni di Milano e Roma ci si dà appuntamento per celebrare, in partnership col Touring Club Italiano, il tema del ‘viaggio’ attraverso le bellezze del nostro paese. Il fil rouge narrativo del film, infatti, prende spunto da brani di ‘Passeggiate Romane’ di Stendhal che nel primo Ottocento visitò le quattro basiliche papali.
 
Proprio in due luoghi simbolo del viaggio – fino al 3 aprile nella Galleria delle Carrozze alla Centrale di Milano e dal 6 all'8 nella Galleria dei taxi a Termini Roma – appare un'innovativa installazione di luce, ‘La Porta del Viaggiatore’, che celebra la bellezza del patr
imonio italiano. La piattaforma prevede anche un touch screen interattivo attraverso cui i passanti possono visualizzare la copertina di un grande taccuino da viaggio e scegliere il loro percorso ideale: spirituale, romantico, avventuroso oppure culturale. A seconda della scelta, l'installazione propone brani a tema di Stendhal e si colora della tinta ‘corrispondente’ in un gioco di luci. Attraversando la porta luminosa, il visitatore si trova immerso in una delle quattro Basiliche.
 
L'invito a tutti è di portare con sé il taccuino omaggio ricevuto dopo l'esperienza immersiva e raccontare sui social il proprio viaggio in Italia usando l'hashtag #ilmioviaggiomania. 


Nasce BASE Milano, luogo di produzione
e contaminazioni culturali aperto alla città

Dalla riqualificazione degli spazi dell'ex Ansaldo nel distretto Tortona, per volontà del Comune e col sostegno di Fondazione Cariplo, nasce un punto di riferimento per industrie creative, giovani talenti e start up. Lo gestiscono in sinergia Arci Milano, Avanzi, esterni, h+ e Make a Cube³. Attivo tutto l'anno, prevede spazio co-working, caffetteria e lounge, foresteria-residenza, aree per mostre, workshop ed eventi temporanei. Il fitto palinsesto inizia con la mostra-laboratorio Visual Making

30 marzo 2016 - Si inaugura questa sera con una grande festa aperta a tutta la città ‘BASE Milano. A place for cultural progress’, luogo di produzione culturale, sperimentazione e di condivisione che nasce dalla riqualificazione dei primi 6.000 mq (i primi due piani) degli storici spazi dell'ex acciaiera Ansaldo tra via Bergognone e via Tortona.

Lavoro effettuato in tempi record dal raggruppamento di imprese formato da Arci Milano, Avanzi, esterni, h+ e Make a Cube³, vincitore del bando del Comune di Milano e che curerà, quale ‘srl a vocazione sociale’, la gestione. BASE Milano apre all'insegna della contaminazione culturale tra arte, creatività, impresa, tecnologia e welfare. Attivo tutto l'anno, prevede uno spazio dedicato al co-working (da maggio), una caffetteria e una lounge sempre aperte, una foresteria-residenza (da giugno), aree per mostre, workshop ed eventi temporanei, laboratori. È previsto un ricco calendario di eventi, incontri, proposte di intrattenimento. Leimotiv del progetto è ‘Do It Together’. rivisitazione dell'internazionale DIY (do it yourself), con un richiamo al mond
o dell'innovazione tecnologica applicato ai mondi della cultura e della creatività.

Il 50% dell'onere finanziario è stato a carico del Comune, che, come ha spiegato Cristina Tajani, assessore alle Politiche per il lavoro, Sviluppo economico, Università e ricerca, “ha voluto staccarsi da logiche di location per creare qualcosa di duraturo nel tempo”. Il Comune punta anche a riqualificare in futuro gli altri due piani. Il restante 50% del finanziamento è stato sostenuto da Fondazione Cariplo che ha investito 800.000 euro. Il progetto architettonico è di Onsitestudio, la brand identity si deve a OutThere. Partner tecnici sono Artek, Vitra, D'Arrigo, Dyson, Farrow&Ball, Geberit, Leftover, Pixartprinting, Pozzi Ginori, Rivo interior. Media partner sono Abitare, Zero, Instagramers Milano. La produzione video si deve ad Hfilms, casa di produzione dello stesso gruppo di H+(strategie di marketing, in particolare in ambito culturale). 

BASE Milano ha sviluppato un sistema digitale d'interazione fra gli utenti e gli spazi coinvolgendo, tra gli altri, dotdotdot, che realizza la principale infrastruttura web,
TODO e AOS fornitori di tecnologie integrate. L'obiettivo è di realizzare un nuovo strumento di lavoro, utilizzo degli spazi e dialogo continuo con la città facendo leva su tecnologie avanzate ed emergenti. Il progetto vede come prima interfaccia la realizzazione del nuovo sito di BASE Milano www.base.milano.it, già online.

Il calendario dei primi tre mesi di attività è ricchissimo, a cominciare dalla mostra-laboratorio Visual Making (aperta fino al 17 aprile) sul tema della sperimentazione grafica tra digital fabrication e stampa artistica artigianale. Parte poi Book Pride, la fiera degli editori indipendenti promossa da Odei (1- 3 aprile). E per citarne solo alcuni altri, la XXI Triennale ‘21st Century. Design After Design’ (2 aprile – 12 settembre) avrà BASE Milano tra le 20 sedi ufficiali, mentre per il Fuorisalone milanese (12 - 17 aprile) BASE Milano si trasformerà nel Design Center della Tortona Design Week. 

Per saperne di più..>>




L'Acquario di Genova si rinnova per i 25 anni, Filmmaster Events
idea e realizza il nuovo format di intrattenimento esperienziale

Costa Edutainment ha dato il via a un processo di rinnovamento fondato su storytelling ed engagement. All'insegna del concept ‘L'acquario è una nave che attraversa tutti i mari del mondo’, il percorso diventa un viaggio immersivo e dal forte impatto emozionale. Per la parte tecnologica e multimediale è intervenuto ETT, gli allestimenti delle nuove scenografie sono di Costa General Display e Opera Laboratori Fiorentini. Fastweb fornisce fibra ultraveloce e WOW Fi Business

24 marzo 2016 - Per il 25° anniversario, l'Acquario di Genova, gestito da Costa Edutainment, ha dato il via a un processo di rinnovamento che durerà due anni e che si fonda su due asset fondamentali: lo storytelling per accompagna i visitatori alla scoperta degli Oceani e il loro engagement in un'esperienza immersiva e appassionante. Ieri è stato inaugurato un percorso tutto nuovo, con scenografie innovative, installazioni digital di ultima generazione, un light e sound design completamente rinnovato.
 
Il processo di rigenerazione è stato curato
Alfredo Accatino
da Filmmaster Events, sotto la direzione artistica di Alfredo Accatino, che ha creato un nuovo format di intrattenimento esperienziale, guidato dal concept ‘L'acquario è una nave che attraversa tutti i mari del mondo’. Filmmaster Events ha curato tutti gli aspetti: il percorso immersivo votato all'edutainment, le nuove installazioni, il progetto di sound & light design, le scenografie, il naming delle aree, la colonna sonora con un'ora di contributi originali. E ha anche lavorato sulla formazione del personale e sui momenti di speech e animazione rivolti al pubblico. È previsto infatti un palinsesto quotidiano di speech per un totale di 48 incontri settimanali in 6 diverse aree, attraverso cui il pubblico interagisce con lo staff che si prende cura degli animali per scoprirme segreti e curiosità.
 
La prima sala del percorso, rinominata Pianeta Blu, propone uno spettacolare video mapping immersivo che anticipa l'intero percorso con un coinvolgente storytelling. L'esperienza prosegue con le nuove scenografie nel Cilindro delle Murene, una vasca di sei metri d'altezza che viene scoperta a poco a poco, e nell'Area dei Pinguini, dove il pubblico entra virtualmente nel regno dei ghiacci e incontra anche rare creature antartiche (Acquario è l'unico in Europa a ospitare pesci del polo Sud). L'esperienza prosegue nel Padiglion
e Cetacei. Nel piano ifneriore che permette la visione subacquea dei delfini, sono stati installati due shower speak unidirezionali che consentono di ascoltare il famoso ‘fischio’. Il viaggio si conclude nella sala della Danza delle Meduse con un intervento sul sound system. Tutto il nuovo light design è stato realizzato con luci Guzzini Laserblade.
 
Nel progetto di rinnovamento dell'Acquario di Genova, il maggiore d'Europa, sono state coinvolte diverse aziende cui il gruppo Costa Edutainment è legato direttamente o indirettamente, a partire appunto da Filmmaster Events che fa parte del gruppo Italian Entertainment Network (IEN) di cui Giuseppe Costa è a.d. e di cui Costa Edutainment è socia. Per la parte tecnologica e multimediale è intervenuto ETT, di cui il gruppo è socio dal 2015. Per gli allestimenti delle nuove scenografie hanno operato Costa General Display e Opera Laboratori Fiorentini, di cui Giuseppe Costa è presidente (anch'essa parte del gruppo IEN).
 
Nuovo partner tecnologico dell'Acquario è Fastweb che fornisce connettività internet in fibra ottica a 100 Megabit al secondo (in download e in upload), e WOW FI Business, il wi-fi a elevate prestazioni basato sul cloud che attraverso modalità di marketing geolocalizzato consente all'Acquario di inviare informazioni ai visitatori. La nuova infrastruttura, inoltre, permette un numero estremamente alto di connessioni. 
Ricordiamo infine la nuova app multilingua gratuita, che permette di organizzare la visita e avere a disposizione una guida interattiva usufruibile grazie alla nuova rete wi-fi. 


Quest'anno sarà ‘Eurobest Italy’, il Festival
della creatività europea approda a Roma

Il Festival itinerante organizzato da Lions Festival si terrà per la prima volta in Italia, dal 30 novembre al 2 dicembre, col patrocinio del Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri e in partnership con Adci, AssoCom, Pr Hub e My Pr. A maggio si terrà a Milano un workshop di promozione presso la community della comunicazione italiana, invitata a sostenere l'evento. Due presidenti di giuria saranno italiani

17 marzo 2016 - Arriva per la prima volta in Italia Eurobest, il Festival della creatività europea organizzato da Lions Festivals, gli stessi del Festival internazionale della creatività di Cannes, di Dubai Lynx e di Spikes Asia: “I nostri Festival celebrano e premiano la creatività che è un driver fondamentale per il business ed è stimolo di cambiamento anche verso il buon agire” ha dichiarato il ceo Philip Thomas, presentando l'evento alla
Philip Thomas
community della comunicazione italiana. 
 
Nato nel 1988 come versione europea del Festival di Cannes, eurobest è diventato nel tempo un Festival-evento itinerante. La tre giorni si tiene circa sei mesi dopo l'evento top di Cannes in una città europea diversa e ora approda a Roma, dal 30 novembre al 2 dicembre, dopo Lisbona, Antwerp, Helsinki, Stoccolma, Amsterdam, Amburgo. La scelta è caduta su Roma perché maggiormente attrattiva per i delegati stranieri, che dovrebbero essere circa la metà dei duemila attesi (l'anno scorso a Helsinki nel complesso sono stati 1.500), pur consci che il cuore dell'industria della comunicazione italiana batte a Milano. E anche perché Roma ha risposto con entusiasmo alla proposta, mettendo a disposizione palazzi spettacolari, l'Esedra di Marco Aurelio nei Musei Capitolini e il Teatro di Roma per la cerimonia di premiazione del 2 dicembre, che concluderà una tre giorni fitta di workshop, dibattiti e interventi di protagonisti della creatività mondiale. Ha dato il patrocinio all'evento il Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
 
Perchè ‘Eurobest romana' diventi “l'evento creativo dell'anno in Italia” (Thomas) e dia il giusto risalto agli asset creativi del made in Italy, si sono schierate come partner di Lions Festivals le associazioni Adci e Assocom con Pr Hub e l'agenzia My Pr che supporterà l'organizzazione con attività di pr in Italia.
 
A maggio saranno a
nnunciati i partecipanti alle Giurie 2016 e i presidenti, di cui due saranno italiani. Adci, AssoCom e Pr Hub organizzeranno un workshop per presentare l'evento e promuovere una call to action presso le agenzie italiane. Le iscrizioni saranno possibili in Italia da maggio e per gli altri paesi da luglio con deadline in ottobre. L'anno scorso le entries sono state quasi 4.500 di cui 126 dall'Italia e 414 i premi assegnati, di cui 9 a progetti italiani. 


Poesia in metro, a teatro e in Galleria
a Milano con Corsera e La Lettura

Fondazione Corriere della Sera in collaborazione con Atm e Piccolo Teatro Grassi promuove ‘Percorsi diVersi’, giornata dedicata alla poesia per il lancio della collana di poesie in 35 volumi ‘diVersi’

14 marzo 2016 - Oggi la Fondazione Corriere della Sera con la Lettura organizza a Milano ‘Percorsi diVersi’, giornata dedicata alla poesia per l'arrivo in edicola da sabato 12 della collana di poesia in 35 volumi ‘diVersi’. In collaborazione con Atm, Lisa Capaccioli, Gilberto Giuliani e Simone Tangolo, attori diplomati alla scuola del Piccolo Teatro, daranno voce a brevi recital di un quarto d'ora nei mezzanini della metropolitana, prima della linea dei tornelli. 
 
Le stazioni toccate saranno nove. Linea gialla M3: alle 12.30 a Crocetta Neruda, alle 13.15 a Missori Whitman, alle 14 a Turati Montale. Linea rossa M1: 12.30 a Cairoli Baudelaire, 13.15 a San Babila Leopardi , 14 a Porta Venezia Borges. Linea verde M2: 12.30 a Lanza Merini, 13.15 a Moscova Dickinson, 14 a Garibaldi Achmatova.
 
Alle 18.30 ci sarà un flash mob in Galleria Vittorio Emanuele in cui i milanesi potranno portare un libro da cui leggere la poesia preferita. Alle 20.30, al Piccolo Teatro Grassi, personaggi noti proporranno i versi del cuore in una staffetta poetica colorata dalle immagini di Giulio Peranzoni. Sul palco si alterneranno Guido Catalano, Gino e Michele, Giancarlo Majorino, Salvatore Natoli, don Gino Rigoldi, Nadia Toffa e Andrea Vitali. L'ingresso è libero su prenotazione (tel. 0287387707, email: rsvp@fondazionecorriere.it). 


Dieci nuove tappe per ‘Panorama d'Italia’,
il tour che racconta le eccellenze italiane

La terza edizione del tour di iniziative ed eventi aperti a tutti, promosso dal newsmagazine di Mondadori, parte il 30 marzo da Genova per concludersi in novembre a Trapani, coinvolgendo protagonisti del mondo dell'impresa, dell'economia, della cultura, della formazione e dell'enogastronomia in 10 città. Tra le novità, la partnership con Focus con gli incontri dedicati all'esplorazione dello spazio e al clima. Tra gli sponsor, Autostrade per l'Italia, Cobat, Cruciani, Eicma, Enel, Ibm, Invitalia, Poste Italiane, Sicily by Car

10 marzo 2016 - Prende il via il 30 marzo la terza edizione di Panorama d'Italia, format ‘live&media experience’ di Panorama, che racconta l'Italia dalle piazze, con iniziative ed eventi aperti a tutti (vedi news del 10 marzo 2015 e del 6 marzo 2014). Il newsmagazine di Mondadori torna a celebrare i protagonisti del mondo dell'impresa, dell'economia, della cultura e dell'enogastronomia in 10 nuove città, da marzo a novembre, attraverso talk show, dibattiti con i protagonisti della politica nazionale, convegni, spettacoli. 
 
Per quattro giorni ogni città accoglierà un calendario di appuntamenti. Si parte da Genova (30 marzo-2 aprile) per poi fare tappa a Macerata (20-23 aprile), Perugia (11-14 maggio), Padova (8-11 giugno), Ravenna (29 giugno-2 luglio), Costiera Amalfitana (7-10 settembre), Cagliari (28 settembre-1 ottobre), a Milano per 7 giorni (16-22 ottobre) e per finire a Mantova (9-12 novembre) e Trapani (23-26 novembre).
 
Lo scorso anno sono state 4 milioni le persone raggiunte con ogni mezzo dal tour e Panorama ha dedicato alle storie 400 pagine e 160 ore di live streaming. “Lo rifaremo quest'anno – ha detto il direttore Giorgio Mulé – e, grazie alla neonata partnership con Focus, raggiungeremo oltre 9,8 milioni di contatti netti, tra carta e web”. 
 
Tra le novità ci saranno infatti in ogni tappa i due incontri di Focus, il primo dedicato all'esplorazione dello spazio con ospite fisso l'astronauta Umberto Guidoni e con la partecipazione di scienziati e astronauti dell'Asi e dell'Esa. Il secondo, in collaborazione con il Dipartimento Scienze del Sistema Terra e Tecnologie per l'Ambiente del Cnr e l'Aeronautica Militare, sarà idedicato al clima, all'ambiente e alle energie rinnovabili. Durante i due eventi i partecipanti avranno l'opportunità di vivere un'esperienza di realtà virtuale grazie all'app realizzata da Ett.
 
Si ripete anche quest'anno l'iniziativa che nel 2015 ha permesso a Panorama di regalare 3.500 libri alle scuole italiane coinvolte nel tour. Alle imprese innovative è dedicata l'iniziativa ‘90 secondi per spiccare il volo’, concorso che premierà in ogni città la migliore start up e a cui ci si candida con un video di al più 90” che Panorama pubblicherà sul suo sito. Alla formazione e al lavoro si aggiunge anche il supporto delle università, che ospiteranno di volta in volta gli incontri tra startupper, venture capitalist ed esperti di innovazione. 
 
Si rinnova anche la charity partnership con la Lega del Filo d'Oro per contribuire alla realizzazione del nuovo Centro di Osimo per i sordociechi e i pluriminorati sensoriali, in collaborazione con Cruciani, che ha realizzato un braccialetto in edizione limitata che sarà venduto nelle location delle tappe del tour e sul sito di Lega del Filo d'Oro. 
 
Gli altri partner sono Autostrade per l'Italia, Cobat, Cruciani, Eicma, Enel, Ibm, Invitalia, Poste Italiane, Sicily by Car, Università Telematica Pegaso e TgCom24 Mediaset. Tappa per tappa, inoltre, saranno attive media partnership con i principali quotidiani, tv e radio locali. Panorama d'Italia è realizzato in collaborazione con Triumph Group International per produzione esecutiva, organizzazione e logistica, mentre la piattaforma e la strategia digitale sono curate da H2H.
 
I principali incontri saranno visibili in diretta su Panoramaditalia.it, sul canale Panorama.tv. Coinvolti anche i social tra cui Twitter con l'hashtag #panoramaditalia. 
 
 


Dedicato al good food il 4° ‘Cibo a Regola d'Arte’,
una tre giorni organizzata dal Corriere della Sera

Format realizzato dalla divisione Live di NuMix Agency, la manifestazione prevede presso il Pavillion UniCredit di Milano, dall'11 al 13 marzo, masterclass, show cooking, incontri, wine and spirits experience, laboratori per adulti e bambini con chef, scrittori, registi e giornalisti. Novità, lo spazio-libreria e la prima colazione d'autore. Tra i brand presenti con attività Illy, Levissima, Alce Nero, Tim, Ilve, Domenis1898, Formaggi dalla Svizzera, Birrificio Angelo Poretti, Gruppo Zwilling

9 marzo 2016 - Sarà presso l'UniCredit Pavilion di Milano dall'11 al 13 marzo ‘Cibo a Regola d'Arte’, quarta edizione della kermesse sul buon cibo sano, organizzata dal Corriere della Sera con partner istituzionale la Regione Lombardia. A cura di Angela Frenda, food editor del Corriere, la manifestazione prevede masterclass, show cooking, incontri, wine and spirits experience, laboratori per adulti e bambini. Ricchissimo il panel degli chef presenti e anche di scrittori, registi e giornalisti per un racconto trasversale sul cibo. 
 
Tra le novità rispetto alle edizioni precedenti, due su tutte: uno spazio-libreria in collaborazione con la Rizzoli in Galleria che proporrà una selezione di oltre 200 titoli italiani e stranieri dedicati alla cucina e, la mattina di sabato e domenica, la prima colazione d'autore con le masterclass dei pastry chef Corrado Assenza e Iginio Massari. 
 
Cibo a Reg
ola d'Arte 2016 è un format realizzato dalla divisione Live di NuMix Agency, la consumer engagement agency di Rcs specializzata in soluzioni integrate di marketing. Tra i brand presenti, attivi nella varie iniziative, ci sono Illy, Levissima, Alce Nero, Tim, Ilve con cucine e grandi elettrodomestici, Domenis1898 con grappe e distillati, Formaggi dalla Svizzera, Birrificio Angelo Poretti, Gruppo Zwilling (Ballarini, Staub Zwilling). Regione Campania. Canale Nove lancerà la nuova edizione di ‘Cucine da incubo’. Info e iscrizioni su ciboaregoladarte.corriere.it


Al via a Davos il World Communication Forum,
per la prima volta interviene una delegazione italiana

Tra convegni e workshop verranno affrontati temi chiave e si condivideranno trend, strategie, pareri e nuovi strumenti. L'Italia è presente con esponenti di agenzie e di associazioni, con Pr Hub che promuove oggi una tavola rotonda sul ruolo associativo

8 marzo 2016 - Prende il via oggi a Davos in Svizzera il World Communication Forum, una tre giorni in cui esperti di comunicazione condivideranno trend, strategie, pareri e nuovi strumenti. Verranno affrontati temi chiave come il Country branding, la Comunicazione nel mondo arabo, la Comunicazione delle organizzazioni internazionali, la Formazione in comunicazione, l'industria del Turismo Globale nell'era della comunicazione, la Comunicazione digitale e la gestione delle crisi di reputazione sui social media. Si terranno workshop e convegni (info su www.forumdavos.com/programme). 

Per la prima volta ci sarà una delegazione italiana rappresentata sia da associazioni di categoria che da agenzie. Pr Hub, la piattaforma collaborativa di società di rp inserita all'interno di AssoCom, promuove oggi una tavola rotonda sul ruolo delle associazioni delle agenzie, con presenza del coordinatore
Andrea Cornelli.

Gianni Catalfamo, fondatore di cc:catalfamo, presenterà oggi i suoi ultimi libri sulle Global pr e sul mercato della comunicazione. Domani Lorenzo Brufani, ceo di Competence Communication, presenterà casi concreti e strategie di gestione di social media crisis, al convegno ‘Quantity or Quality? What is your social media top priority?’. 


Energia creativa e partecipazione alla Tortona Design Week 2016

Fittissimo il programma presentato per il Fuorisalone a Milano dal distretto dove design, moda, cultura si incontrano tutto l'anno. Parteciperanno designer famosi ed emergenti, provenienti da tutto il mondo, presentando progetti artistici originali. Le aziende proporranno installazioni surreali e multisensoriali. Main partner si riconferma Asus, gli altri sono Associazione Tortona Area Lab, BASE Milano, Magna Pars, Milano Space Makers, Superstudio Group, Tortona Locations. Giovedì 14 aprile tutte le location rimarranno aperte fino a mezzanotte

2 marzo 2016 - ‘Tortona’, il primo distretto ad essersi organizzato come circuito del Fuorisalone, ha presentato il programma della prossima edizione (12-17 aprile), forte dell'essere diventato in 15 anni un punto di riferimento per la creatività, dove design, moda, cultura si incontrano tutto l'anno. Tortona si sta trasformando in un hub di innovazione, di produzione culturale e di confronto aperto al pubblico e alla città, anche grazie alla presenza di realtà culturali. Tre quelle nuove che saranno coinvolte: l'Armani/Silos, il Mudec – Museo delle Culture e BASE Milano, progetto integrato per la cultura e la creatività che verrà inaugurato il 30 marzo negli spazi dell'ex Ansaldo. Questi ultimi saranno anche principali sedi ufficiali della XXI Triennale di Milano.

Tortona Design Week 2016 sarà un momento di grande energia creativa e partecipazione con designer, famosi ed emergenti, provenienti da tutto il mondo, in particolare da Cina, Francia, Germania, Giappone, Uk, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca e Spagna. Maarten Baas presentaNEW!NOW!HERE, un nuovo progetto artistico innovativo dove i confini del design saranno spinti fino al limite, Marcel Wanders, oltre ad essere presente con MOOOI, propone in anteprima mondiale un nuovo concept di design dedicato ai bambini. Naoto Fukasawa, architetto e industrial designer di primo piano, cura l’evento per Geoluxe. Mario Cuc
inella Architects
presenta la scuola SOS – School of Sustainability in uno spazio polifunzionale attraverso workshop, laboratori di prototipazione e lezioni di Empatia Creativa. Il duo creativo di Formafantasma partecipa con l'ideazione del concept e del progetto di allestimento per Lexus. Barovier&Toso e Paola Navone sono di nuovo insieme per un progetto visionario che esplora i tanti colori del vetro attraverso un viaggio immaginario tra culture e paesaggi diversi. Mario Bellini partecipa con il progetto realizzato per Citroën e Karim Rashid sarà nuovamente protagonista della Tortona Design Night con la performance DJ live giovedì 14 aprile, all'Hotel Magna Pars Suites Milano.

E non è tutto. Per scoprire il meglio del design cinese c'è il grande padiglione di Red Star Macalline e la mostra OO!CHINA curata da Sarpi BridgeOriental Design Week. Sarà presente anche Citizen che realizza uno spazio surreale fatto di luce danzante. Debutto in zona Tortona per Miele con l'installazione multisensoriale The Invisible Kitchen, uno sguardo futuristico sulla rivoluzione dell'intera esperienza di cottura. Archiproducts inaugura proprio qui il primo spazio di co-net-working del design Live, Work, Design, un luogo che rimarrà attivo anche dopo la Milano Design Week. Gli olandesi di Connecting the Dots si interrogano invece su ‘Culture versus Commerce’ con due esposizioni dal titolo Furnishers Market e The Alternative.

Da non perdere anche la collettiva di Designersblock, con i progetti realizzati da 60 fra designer indipendenti, emergenti e affermati. Opendot proporrà invece una mostra laboratorio intitolata Visual Making. L'esibizione di Preciosa Lighting, realizzata dallo studio viennese Vasku&Klug propone una mostra di cristalli e raffinati chandelier. Materials Village ideato da Material Connexion Italia riunisce in un solo spazio materiali, progetti e tecnologie altamente innovative. A questi si aggiungono la piattaforma comunicativa interattiva di Vauth-Sagel e il tema dell'artigianalità esplorato da OTTO PIÙ. Infine gli olandesi di Linteloo lanciano una nuova serie di mobili di ispirazione cosmopolita in collaborazione con designer internazionali. 

Tortona Design Week è un progetto di comunicazione integrata con il patrocinio del Comune di Milano, con l'obiettivo di valorizzare eventi, installazioni e progetti che si svolgono nell'area  durante il Fuorisalone. Main Partner si riconferma Asus, brand tecnologico che rinnova l'appuntamento con la kermesse internazionale del design anche con un proprio spazio espositivo. Gli altri partner dell'iniziativa sono: Associazione Tortona Area Lab, BASE Milano, Magna Pars, Milano Space Makers, Superstudio Group, Tortona Locations

Giovedì 14 aprile tutte le location rimarranno aperte fino a mezzanotte. L'Associazione Tortona Area Lab organizza durante la settimana del Fuorisalone una serie di Architours gratuiti del distretto (per informazioni e prenotazioni: info@tortonadesignweek.com). L'11 aprile l'Associazione Tortona Area Lab organizza in collaborazione con GfK Eurisko presso la sede di via Tortona 33 alle ore 11 un incontro-dibattito con il Console Generale degli Usa, l'Ambasciatore Philip T. Reeker sul valore del design italiano negli Stati Uniti. 

Gli hasthag sono #tortonadesignweek | #tdw2016 | #fuorisalone | #fuorisalone2016. Info e programma su www.tortonadesignweek.com


I premi David di Donatello approdano su Sky

Con la 60ª edizione del 18 aprile, la cerimonia di assegnazione dei premi dedicati al cinema italiano lascia la Rai per essere prodotta da Magnolia per Sky e trasmessa su Sky Cinema e su TV8 in prima serata. Sono previsti una formula televisiva rinnovata, uno show che si ispirerà ai grandi internazionali, contenuti speciali, approfondimenti e una programmazione dedicata

29 febbraio 2016 - La cerimonia di assegnazione dei Premi David di Donatello, che si terrà il 18 aprile, sarà prodotta da Sky e trasmessa in prima serata su Sky Cinema e in chiaro su TV8 (al canale 8 del dtt), con una produzione di livello internazionale, realizzata da Magnolia. Con la 60ª edizione, il premio dedicato al cinema italiano abbandona infatti le reti Rai e per la prima volta approda su quelle di Sky con formula televisiva rinnovata e uno show che si ispirerà ai grandi internazionali.

Verranno raccontate le eccellenze e le professionalità del nostro cinema, ma anche le emozioni e la magia che porta con sé. Si tratterà di un'operazione editoriale a 360°: la cerimonia sarà preceduta, accompagnata e seguita da produzioni speciali, approfondimenti e da una programmazione dedicata allo storico premio, ripercorrendone la storia, i film, le curiosità. 

Il premio è promosso dall'Accademia del Cinema Italiano, col contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo - Direzione Generale per il Cinema e d'intesa con Roma Capitale e gli Enti Promotori Agis e Anica. Presiede l'Accademia Gian Luigi Rondi che ha raccontato come l'accordo con Sky preveda, anche “una serie di manifestazioni celebrative per fare il punto sul cinema italiano di oggi, in modo da diffonderne tutti gli aspetti creativi e produttivi e per avvicinarlo sempre più favorevolmente alle attese del pubblico”. Andrea Scrosati, executive vice president programming di Sky Italia, ha sottolineato il “nuovo importante tassello di quel percorso di partnership con il cinema italiano costruito con convinzione in questi anni”. 


Giro d'Italia più social per coinvolgere i giovani
e omaggio all'Olanda sulle Maglie abbinate ai top sponsor

Presentate le Maglie del 99° Giro d'Italia, ovvero Rosa-Enel col Trofeo senza Fine, Azzurra-Banca Mediolanum, Rossa-Algida e Bianca -Eurospin con un tulipano sulla manica. L'evento di valore internazionale, organizzato da Rcs Sport, ha allargato quest'anno il pool di sponsor, fornitori tecnici e licenziatari. Forte presenza sui social con l'hastag #Giro e la novità dello streaming per catturare l'interesse dei giovani

29 gennaio 2016 - Sono state presentate a “99 giorni dal via del 99° Giro d’Italia”, in calendario dal 6 al 29 maggio partendo dall'Olanda, le maglie coi rispettivi top sponsor e la nuova madrina, la showgirl Giorgia Palmas: Rosa-Enel per il leader della Classifica Generale, Azzurra-Banca Mediolanum per il leader della Classifica del Gran Premio della Montagna, Rossa-Algida per il leader della Classifica a Punti e Bianca-Eurospin per il leader della Classifica dei Giovani. A parte Enel che si lega all'evento per la prima volta e per altri due anni, per gli altri abbinamenti si tratta di conferme: secondo anno per Algida e Eurospin e 14° per Mediolanum che ha confermato per altri 4. 
 
Le Maglie, disegnate e prodotte da Santini Maglificio Sportivo in tessuto tecnico fornito da Sitip, hanno sul colletto la scritta Giro d’Italia e il claim Fight for Pink, mentre sulla manica destra è visibile #Giro, l’hashtag ufficiale della corsa rosa sui social. La Maglia Rosa ha per caratteristica il Trofeo senza Fine stilizzato su un fianco mentre le altre tre sono caratterizzate sul fianco da un tulipano, in omaggio all'Olanda. 
 
Le quattro maglie vengono esposte per una settimana alle Librerie Rizzoli di Milano Galleria e New York oltre che nel Gelderland, sede della partenza. Alcune maglie firmate dagli ospiti d'onore e dalla madrina verranno messe all'asta e  il ricavato devoluto alla Fondazione Candido Cannavò. Le maglie - raccontano in Maglificio Santini - si vendono in tutto il mondo, solo il 35% finisce in Italia. Le maggiori richieste arrivano da Uk, Taiwan, Corea e Giappone.
 
Il Giro d’Italia, organizzato da Rcs Sport e prodotto di punta del Gruppo Rcs, ha infatti un valore e una notorietà che va ben oltre al livello nazionale. E la famiglia
degli sponsor si è allargata. Oltre ai 4 top sponsor, si sono legati al Giro numerosi altri brand tra sponsor, fornitori tecnici e licenziatari. Tra i tanti c'è il debutto di 3 Italia come sponsor di tappa e di Casa.it col format 'dell’ultimo km'. Honda è auto ufficiale.
 
Numerosi sono gli eventi sul territorio e le attività di comunicazione che precedono l'avvio del Giro. Enel, ad esempio, che debutta al Giro con la nuova brand identity (vedi news del 27 gennaio), porterà avanti il tema della sostenibilità in un tour della Maglia Rosa e del Trofeo Senza Fine che toccherà dieci città. Molta della comunicazione sarà sul digital dove è in fase Beta un sito dedicato, fortemente integrato con quello della Gazzetta dello Sport e dove i social sono portavoce del Giro tutto l'anno. Per un maggior coinvolgimento del pubblico giovane, inoltre, l'evento potrà essere seguito in streaming e ci sarà una radio a seguire la Carovana. 


Quattroruote celebra i 60 anni guardando al futuro della mobilità

In edicola dal 1956, il mensile della Domus ha accompagnato gli italiani lungo il cammino della motorizzazione di massa. Gli eventi celebrativi partono allegando al numero in edicola un volume free su passato, presente e futuro del mondo dell'auto. Il 4 febbraio eventi a tema al Pavilion Unicredit a Milano, con ingresso libero

28 gennaio 2016 - Quattroruote compie 60 anni nel 2016 e Editoriale Domus dà il via a una serie di eventi per celebrare la speciale ricorrenza. Era il febbraio del 1956 quando Gianni Mazzocchi, già editore di testate come Domus, Il Mondo e L'Europeo, portò in edicola la rivista ‘per gli automobilisti di oggi e di domani’. Da allora il mensile ha accompagnato gli italiani lungo il cammino della motorizzazione di massa, proponendo giudizi indipendenti sulle auto nuove, consigli di guida, di manutenzione e di comportamento nel nuovo mondo della mobilità.
 
Oggi Quattroruote è un sistema che comprende rivista, sito, presenza sui social, prodotti per i professionisti dell'automotive, una rete di collaborazioni internazionali e la Pista di proprietà a Vairano in cui vengono effettuate le prove auto e i corsi di guida per formazione e sicurezza. 
 
Gli eventi celebrativi si inaugurano con un volume da collezione, in regalo da oggi con il numero di febbraio della rivista. Intitolato ‘PreVisioni. Ricordare. Immaginare’, racconta in oltre duecento pagine passato, presente e futuro del mondo dell'auto. Propone una serie di interviste a personaggi dei mondi più disparati (cinema, teatro, spettacolo, letteratura, design), accomunati dall'essre nati come Quattroruote nel 1956: tra questi, Giuseppe Tornatore, Piero Chiambretti, Giancarlo De Cataldo, Gioele Dix, Gerry Scotti, Mike Robinson, Beppe Servegnini, Chris Bangle, Stefano Boeri. Chiude il fascicolo l'intervista a un'automobilista di domani, una bambina di 10 anni che ne avrà 50 nel 2056 e che racconta come sarà, secondo lei, la quattro ruote del futuro. 
 
Giovedì 4 febbraio, poi, presso l'Unicredit Pavilion di Piazza Gae Aulenti a Milano sarà aperta al pubblico dalle 17 alle 23 un mostra-viaggio nella mobilità di ieri, oggi e domani. Con Google Trekker, lo zaino speciale per mappare anche le strade non accessibili alle auto per raccogliere le immagini di Street View, si potrà scoprire come si realizzano le mappe stradali digitalizzate a 360°. Si potrà assistere alla proiezione dei cortometraggi del contest ‘Un giorno in automobile’ lanciato da Quattroruote con Bmw Italia, realizzati dagli studenti di Almed, Ied, Iulm e Naba. Lo Ied di Torino attiverà dei laboratori live in cui mostrerà come nascono i bozzetti dei prototipi di auto e farà vedere in anteprima quattro clay models che costituiscono la base di partenza dell'auto inedita che Quattroruote esporrà al Salone di Ginevra 2016. Sarà possibile farsi stampare gratuitamente la copertina del numero a cui si è più affezionati. Ci saranno un music wall digitale sul tema musica e auto e una mostra di 100 automobiline Tobeus, realizzate in cedro del Libano, disegnate da altrettanti designer di fama internazionale. 


Initiative progetta ‘Red Bull Can you make it?’, viaggio-sfida
con le sole lattine di Red Bull come merce di scambio

L'iniziativa è rivolta ai fan del brand e agli studenti amanti dell'on the road che possono iscriversi al singolare viaggio di una settimana in partenza il 12 aprile sul sito web dedicato. Divisi in squadre, dovranno essere capaci di barattare le lattine per ottenere cibo, trasporti, luoghi per dormire e quant'altro, oltre a superare prove nei check-points. A supporto dell'iniziativa anche una campagna social multi-device su Facebook e Instagram

19 gennaio 2016 - Red Bull lancia ai suoi fan e a tutti gli studenti universitari amanti dei viaggi on the road una sfida: partecipare divisi in team al viaggio-evento ‘Red Bull Can you make it?’, partendo da cinque starting point europei verso una meta finale, usando come unica moneta di scambio delle lattine della bevanda. Niente denaro né carte di credito e niente tele
fono cellulare, ma solo l'aiuto di Red Bull.
 
I viaggiatori dovranno essere capaci di barattare le lattine per ottenere in cambio cibo, trasporti, luogo per dormire e qualsiasi altra c
osa utile per sopravvivere durante il viaggio. Dovranno recarsi in check-points prestabiliti per sottoporsi a sfide di ogni genere, guadagnando punti in classifica e vincendo le altre lattine indispensabili per proseguire. Nei check-points, le squadre potranno anche cimentarsi con la Lista Delle Avventure, ovvero con una serie di prove per guadagnare altri punti.
 
Il viaggio inizierà il 12 aprile e durerà una settimana. Le squadre si incontreranno nella destinazione finale per condividere le esperienze vissute e ci sarà la premiazione della squadra vincitrice. 

Il progetto è stato ideato per Red Bull dalla centrale media di riferimento Initiative (gruppo Ipg Mediabrands) che ha anche studiato una campagna social multi-device su Facebook e Instagram, online fino a fine gennaio, per stimolare l'awareness dell'evento e spingere i giovani amanti dei viaggi e dell'avventura a iscriversi numerosi. Info su https://www.redbullcanyoumakeit.com/it-it/


Per il 25° del calendario Inarea una mostra
in Triennale e un tema evocativo, Renaissance

L'agenzia di design e corporate branding, fondata da Antonio Romano e Giulio Cespites 35 anni fa, celebra i 25 anni del calendario con la mostra ‘Calendarea XXV a Milano – The Silver Anniversary’. E vara un'edizione 2016 in 16.000 copie dedicata a un auspicio di rinascita per società e imprese, pubblicando anche un volume che racconta la genesi annuale di un prodotto cult, dove piccole cose di uso comune si ricompongono creativamente in oggetti nuovi e imprevedibili

25 novembre 2015 - Da venticinque anni il Calendario di Inarea porta nelle case e negli uffici di manager, uomini di impresa, professionisti, designer, giornalisti, opinion maker il suo particolarissimo modo di interpretare gli oggetti della vita quotidiana. Ogni pagina dedicata a un mese è un quadro in cui piccole cose di uso comune, quali cerniere lampo, verdure, cibi, bottoni, matite, temperini o guanti – giusto per citare alcune delle ‘materie prime’ – si trasfigurano e si ricompongono per diventare cattedrali, animali, sedie, borse, carrozzine, scarpe e via inventando, secondo il tema dell'anno. Metamorfosi inattese, geniali e anche ironiche che hanno fatto del calendario un oggetto di culto. 
 
Ora, le pagine più significative dei calendari Inarea sono esposte per due settimane, fino al 13 dicembre, alla Triennale di Milano nella mostra ‘Calendarea XXV a Milano – The Silver Anniversary’, insieme ad
Antonio Romano
alcuni degli oggetti fantasiosi che Antonio Romano, architetto, ha immaginato, costruito, fotografato per creare i suoi calendari. Il tutto corredato da video che nostrano la genesi di oggetti e pagine.
 
Il calendario è anche una sorta di catalogo della creatività di Inarea, agenzia di design e corporate branding che Romano ha fondato insieme a Giulio Cespites 35 anni fa, nel 1980, all'inizio con il nome serioso di Antonio Romano Studio, diventato poi Area (Antonio Romano e Associati) e più tardi Inarea quando, affrontando il mercato internazionale e creando l'attuale network indipendente di designer, architetti, strategist e consultant, si dovette adottare un nome che non fosse già troppo diffuso, dove ‘in’ sta per international net
work. 
 
Il 1° calendario arriva nel 1991, tirato in 1.500 copie, “andate a ruba” racconta Romano. Visto il successo, man mano la tiratura aumenta e del prossimo saranno distribuite 16.000 copie. Il tema 2016, in occasione del 25°, è ‘Renaissance’: “Rinascimento – spiega Romano - perché la turbolenza di questo periodo tanto assomiglia a quella da cui scaturì il Rinascimento italiano”. La mostra diventa così un un tributo e un auspicio per chi sa vedere, dopo una crisi economica, finanziaria e sociale, in Italia e fuori, lo spazio per una rinascita. 
 
In 35 anni Inarea ha lavorato per tantissimi brand e creato oltre 500 marchi. Nel 2014 ha fatturato 4,2 milioni di euro in Italia, dove ha due sedi (Inarea Strategic Design a Roma e Inarea Identity Architecture a Milano), ma si superano i 7 tenendo conto delle attività del network, presente in otto Paesi con un centinaio di professionisti. Chiuderà il 2015 in crescita. In occasione del 25° Inarea si è data anche un nuovo sito (www.inarea.it) e ha pubblicato il volume in italiano e inglese ‘Calendarea - venticinque anni sul muro’ che racconta per immagini la sfida creativa annale che porta alla creazione del nuovo calendario.


Al via a Milano il 35° FilmMaker Festival
dedicato al cinema documentario


programma dal 27 novembre al 6 dicembre in tre location cinematografiche 91 film, molti in prima assoluta, divisi nelle cinque sezioni Concorso Internazionale, Prospettive, Fuori Formato, Retrospettiva Daniele Incalcaterra, Eventi Speciali. La manifestazione ha il sostegno di Comune, Regione, MiBACT, Fondazione Cariplo, Spi-Cgil, Movie People, Goethe Institut, Forum Austriaco di Cultura

23 novembre 2015 - Si tiene dal 27 novembre al 6 dicembre a Milano la 35-esima edizione di FilmMaker International Film Festival, dedicato al cinema documentario, con proposte internazionali innovative, lungometraggi di finzione, sperimentazione ed esperienze di confine con l'arte contemporanea. La programmazione sarà allo Spazio Oberdan, all'Arcobaleno Film Center e alla Fabbrica del Vapore.

Cinque le sezioni per un totale di 91 film, molti in prima assoluta: Concorso Internazionale, Prospettive, Fuori Formato, Retrospettiva Daniele Incalcaterra, Eventi Speciali con omaggi, anteprime e rarità. L'inaugurazione si terrà venerdì 27 novembre alle 21 al
l'Arcobaleno Film Center con Arabian Nights del regista portoghese Miguel Gomes, in prima italiana per essere poi distribuito nelle sale da MFN-Milano Film Network. Opera in tre parti, prende lo spunto da Le mille e una notte per raccontare il Portogallo di oggi in crisi economica e sociale.

Il Concorso Internazionale propone 10 titoli, uno in prima assoluta col debutto in regia di Leandro Picarella, Triokala,un documentario del piccolo borgo all'estremo sud della Sicilia, e sette in prima italiana come l'atteso L'infinita fabbrica del Duomo di Massimo D'Anolfi e Martina Parenti, viaggio attraverso il tempo e lo spazio dove su racconta il lavoro di chi da secoli si occupa della cattedrale. Gli altri sono: Le bois dont les rêves sont faits di Claire Simon, Homeland (Iraq Year Zero) di Abbas Fahdel, Machine Gun or Typewriter? di Travis Wilkerson, The Sky Trembles and Earth is Afraid e The Two Eyes Are Not Brothers del britannico Ben Rivers , Schicht di Alex Gerbaulet, Santa Teresa Y Otras Historias di Nelson Carlo de los Santos Arias, By Our Selves di Andrew Kottig, In Jackson Heights di Frederick Wiseman.

La sezione PROSPETTIVE propone 15 film, di cui d
odici inediti, selezionati tra i lavori più promettenti dei giovani filmmaker italiani. La selezione è articolata lungo un doppio binario, uno narrativo e uno di ricerca. Un ritratto di giovane artista chiude il programma del festival domenica 6 dicembre (alle 21.30): Antonia di Ferdinando Cito Filomarino che racconta gli ultimi dieci anni di vita della poetessa Antonia Pozzi, apprezzata da T.S. Eliot, riconosciuta da Eugenio Montale come una delle più grandi voci poetiche del Novecento, che si suicidò nel 1938 a soli 26 anni, senza aver pubblicato nessuna delle sue poesie.

FUORI FORMATO, la casa della sperimentazione e vetrina per le opere più concettuali, si concentra quest'anno sulla Scuola Austriaca e sul filmmaker Johan Lurf che sarà a Milano in doppia veste: protagonista di una master class e di una retrospettiva e curatore di una sezione sull'avanguardia austriaca degli ultimi venticinque anni.

FilmMaker è sostenuto da Comune di Milano, Regione Lombardia, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Fondazione Cariplo, SPI-CGIL, Movie People, Goethe Institut, Forum Austriaco di Cultura con la collaborazione di Città Metropolitana di Milano. L'abbonamento intero costa 30 euro, la singola proiezione 7 euro. Altre info su www.filmmakerfest.com.


Per conoscere il programma dettagliato …>>



Le oltre 80 aziende partner dell'Expo hanno investito
92 milioni nel 2015 in pubblicità legate all'evento

Nielsen Expo Advertising Tracking ha misurato negli ultimi due anni gli investimenti pubblicitari con riferimenti all'esposizione universale. Da luglio 2013 si sono spesi 170 milioni e in maggio 2015 c'è stato un picco di 20. Ma il 90% delle campagne si è limitato  inserire il logo. La parte del leone è stata per la tv mentre l'outdoor è stato il mezzo che ha avuto la maggior crescita. Automobili, Alimentari e Tempo Libero sono stati i settori più attivi

19 novembre 2015 - Tra gennaio e ottobre  le oltre 80 aziende sponsor e partner di Expo hanno investito complessivamente 92 milioni di euro in pubblicità per comunicare il proprio coinvolgimento nell’Esposizione Universale, dalla semplice pubblicazione del logo a una creatività specifica per annunciare la presenza o lanciare un prodotto legato all’evento. Lo ha rilevato Expo Advertising Tracking, strumento per la misurazione quantitativa e qualitativa delle campagne delle aziende partner di Expo, lanciato da Nielsen a luglio 2013. Da allora gli investimenti sono arrivati  a 170 milioni, mentre in maggio 2015, il mese dell'avvio dell'evento, si è verificato Il picco di investimenti mensili, 20 milioni, con 36 brand partner attivi in pubblicità.

“Expo è stato sicuramente uno degli elementi di traino per la  ripresa degli investimenti pubblicitari in Ital
ia – ha dichiarato Alberto Dal Sasso, advertising information service business director di Nielsen -. Expo ha dato vigore generalmente a tutti i mezzi, ma è sull’outdoor che ha mostrato meglio che altrove la sua incidenza: in settembre, l'outdoor è cresciuto a doppia cifra rispetto a settembre 2014”.

La televisione si è confermata il mezzo con la quota più importante di budget, raccogliendo oltre l’80% degli investimenti nel periodo che va da gennaio alla fine dell’evento. Ma anche gli altri mezzi hanno avuto la loro parte: la stampa il 7% (di cui l'80% ai quotidiani), l’out of home il 5%, il web (relativamente al perimetro abitualmente rilevato da Nielsen) il 4%, la radio  l’1%. Se la tv conferma la sua migliore capacità attrattiva, allineando la quota di investimenti Expo con quella del totale investimenti pubblicitari di queste aziende nel corso dell’anno, la radio è andata in controtendenza visto che in general tra  gennaio e ottobre 2015 la sua quota di mercato è stata dell’8%: il fatto è che il  90% delle campagne dedicate riportavano solo il logo Expo, il che ha penalizzato il mezzo.  Le quote di stampa, outdoor e web relativamente alle campagne Expo rispecchiano l’andamento abituale sul mercato generale dell’advertising.

Nel 2015, l’80% delle aziende ha pianificato campagne con riferimenti a Expo per più di un mese, il 40%  per più
di sei mesi, mentre sono state 22 le aziende che hanno pianificato in un mese con riferimenti all’esposizione.  In media, le aziende hanno destinato il 25% del totale del budget della comunicazione per lanciare campagne legate all’evento. Ma la forbice è molto ampia. Le top 10 aziende partner, che coprono quasi l’80% del totale degli investimenti di quelle monitorate, hanno avuto strategie molto differenti: in quattro hanno scelto di personalizzare i messaggi con riferimenti a Expo in più del 50% degli investimenti. Altre due aziende hanno veicolato Expo solo per il 15-20% dei casi, mentre per altre quattro la quota scende attorno al 5%.

Relativamente ai settori merceologici, le aziende partner rappresentano pressoché la totalità dei comparti del mercato. I  settori più attivi sono stati Automobili, Alimentari e Tempo Libero. 

Se come si è detto, nel 90% dei casi le campagne riportavano  il solo logo Expo, gli inviti a visitare i singoli padiglioni hanno riguardato il 5%  e il 2% quelli sulle opportunità di confronto e relazione tra aziende, clienti e partner all’interno dei padiglioni. Solo l’1% di investimenti delle aziende partner ha riguardato campagne incentrate su temi chiave quali alimentazione, ambiente, innovazione o la comunicazione di prodotti ad hoc creati per l'evento. 


Col MUDO un museo a cielo aperto interattivo
di urban street art nel centro di Milano

Il Museo Urbano Diffuso Obbligatorio permette anche a chi non va per musei di familiarizzare con l'arte contemporanea, dà un'opportunità ai giovani artisti di essere visti e ha anche funzione anti degrado. Permanente, si arricchirà ed espanderà di anno in anno. È supportato da un sistema informativo digitale multilingue tramite QR. In test anche una seconda modalità avanzata di accesso ai contenuti con l'app GetCoo

16 novembre 2015 - Nasce a Milano il MUDO, Museo Urbano Diffuso Obbligatorio, dalla collaborazione tra la Zona 1 del Comune, Brerart la Settimana dell'Arte Contemporanea e l'Accademia delle Belle Arti di Brera. Parte raggruppando gli interventi già realizzati nel 2014 sui muri dei giardini comunali di via Tommaso da Cazzaniga e sede del Wwf, nei giardini comunali di Via Montello e le dieci opere d'arte realizzate nel 2015 sulle saracinesche di negozi e pubblici esercizi da parte di giovani artisti dell'Accademia di Brera, con tutor lo storico writer Gattonero, maestro della ‘cler’ ( serranda in dialetto milanese). 
 
Il Museo è ‘Obbligatorio’ perché non si può non vederlo muovendosi nei luoghi e la gente è ‘obbligata’ a familiarizzare con l'arte contemporanea. Si arricchirà ed espanderà di anno in anno, per generare ‘familiarità’ coi residenti e i visitatori di Milano, anche quelli che non vanno abitualmente ai musei. MUDO dà anche un'opportunità ai giovani artisti di essere visibili in un'area centrale primaria della città e ha anc
he funzione anti degrado e di recupero di supporti (saracinesche), sovente oggetto di vandalismo.
 
Il circuito del MUDO è supportato da un sistema di informazione digitale multilingue tramite QR posti nelle vicinanze o sulle opere stesse. Inquadrandoli con smartphone o tablet, si accede a una scheda informativa su autore, opera, mappa del network di tutte le istallazioni e ad altre utility organizzate nell’AMPS (Advanced Mobile Phone Site), sistema ottimizzato per la fruizione da dispositivi mobile. È in fase di test una seconda modalità avanzata di accesso ai contenuti, tramite l'applicazione GetCoo, costituita da un database unico per tutto il patrimonio culturale nazionale e internazionale, fruibile attraverso Api (Application Programming Interface) che permettono l'integrazione nei siti web istituzionali di mappe, itinerari, schede informative sui monumenti. Funziona mediante un'app per smartphone basata su una tecnologia proprietaria di riconoscimento fotografico: si ottengono informazioni scattando una foto a un monumento o a una opera d'arte. 


Ellis, un corto di JR con Robert de Niro per riflettere sull'emigrazione

Il cortometraggio scritto da Eric Roth, diretto dal videoartista JR e interpretato da De Niro, racconta di Ellis Island, unico passaggio per gli Stati Uniti per milioni di emigranti, attraverso la storia di un emigrato-fantasma che rimase nascosto negli edifici per anni per non essere rimandato indietro. Proiettato free in tutto in mondo in questi giorni, è la metafora di tutti i mari e i deserti attraversati da centinaia di migliaia di persone nella speranza di un futuro migliore

16 novembre 2015 - Dal 9 al 22 novembre sono previste 765 proiezioni free in tutto il mondo, dai garage di Detroit alle campagne del Messico, dai paesini di montagna alle grandi città (tra cui Milano il 15 nell'hub della Stazione Centrale e Palermo il 21 al Premio Efebo d'Oro) del cortometraggio Ellis, diretto dal videoartista e street artist parigino JR e interpretato da Robert De Niro. Il film vuol essere un'occasione per riflettere su cosa significhi emigrare. Ellis ovvero Ellis Island è il monumento indelebile su cui si basano le fondamenta degli Stati Uniti: tra il 1890 e il 1954 vi passarono  generazioni di europei che sognavano l’America o fuggivano da guerre e miserie, pari a 12 milioni di persone. 
 
Collocata tra la Statua della Libertà e la punta sud di Manhattan, Ellis Island era l’unico passaggio per il Nuovo Continente. Vi arrivarono anche i nonni di De Niro all'inizio del '900. L'attore rievoca le sue origini italiane, interpretando un emigrato-fantasma che racconta la sua storia in una fabbrica abbandonata, coperta di neve. Bloccato dai medici e marchiato con una  lettera H di gesso sulla giacca (Hill, malato), per non dover tornare indietro si nascose per anni negli uffici di Ellis Island. Avvolto in un cappotto e con in mano una vecchia valigia, De Niro si muove tra i corridoi e le sale dell'ala abbandonata dell’ospedale dell’isola-dogana mentre legge una lettera immaginaria.
 
Il corto, scritto da Eric Roth (Oscar per la miglior sceneggiatura non originale con Forrest Gump) e diretto da JR, fa di Ellis la metafora di tutti mari e i deserti che centinaia di migliaia di persone provano ad attraversare nella speranza di trovare un futuro migliore (qui sotto il trailer).




Al 2° IF! Italian Festival 4.700 presenze e molti clienti.
In 5.000 hanno seguito l'evento in live streaming

Adci e Assocom stilano un consuntivo da record della tre giorni milanese, che ha proposto oltre 60 eventi tra talk, tavole rotonde, live performance musicali e artistiche, seminari e workshop formativi. Presenti molti più clienti dello scorso anno, sia sul palco che tra il pubblico. Sul canale YouTube del Festival hanno iniziato ad essere rilasciati settimanalmente i video integrali dei principali eventi

13 novembre 2015 - Tempo di consuntivi per IF! Italian Festival, il grande evento milanese dedicato alla creatività promosso da Adci e AssoCom con main sponsor Google (vedi news del 3 novembre). Dalla serata di apertura di giovedì 5 fino a sabato 7 novembre ci sono state 4.700 presenze complessive (+20% rispetto alla prima edizione del 2014). Sono stati 3.300 gli utenti unici del Festival (+40% rispetto al 2014) e 5.000 gli utenti che hanno seguito l'evento in live streaming sul canale YouTube di IF!, su Repubblica.it e sulle diverse piattaforme messe a disposizione dai media partner (tra cui IdeeIdeas) grazie alla partnership tecnica con Kaizeen.

Sono stati proposti oltre 60 eventi tra talk, tavole rotonde, live performance musicali e artistiche, seminari e workshop formativi, si sono susseguiti sul palco 100 professionisti italiani e internazionali provenienti da Sud Africa, Brasile, Argentina, Stati Uniti, India, Uk, Belgio, Spagna e Germania. Hanno partecipato oltre 50 partner tra grandi aziende, case di produzione, scuole di formazione, media ed editori della comunicazione. Nella giornata conclusiva, IF! ha ospitato la premiazione degli Adci Awards 2015 (vedi news del 9 novembre).

"La buona notizia è che quest'anno i clienti c'erano, e molti di più dello scorso anno, sia sul palco, sia tra il pubblico – ha sottolineato Emanuele Nenna, vice presidente di AssoCom-. Se davvero agenzie e clienti torneranno a trattare la creatività come un terreno di confronto, come è avvenuto in scala ridotta nel foyer del Festival, credo che vedremo risultati concreti nel prossimo futuro".

Tra i grandi successi, c'è stato quello per l'area formativa curata da OFFF Barcelona, Scuola Holden, Filmmaster Productions e We Are Social. Undici sono stati i partecipanti della Masterclass d'eccellenza proposta per la prima volta in Italia e in esclusiva per il Festival della Creatività dalla Berlin School of Creative Leadership. "La formazione è stata un aspetto fondamentale di questa tre giorni e ha interessato non soltanto i giovani – ha detto Nicola Lampugnani, vice presidente di Adci –. Interessante è stato lo scambio che si è creato tra le figure junior e quelle senior, presenti nella stessa giuria degli AdciAwards, e a contatto diretto durante tutto il festival”.

Sul canale YouTube del Festival è partito un piano di rilascio settimanale dei video integrali dei principali eventi. Già è visibile l'inspirational talk di Marco Balich ‘La potenza degli ostacoli, i no che nutrono le idee’.




Ceres ‘Facebook Postin Pan’ di BCube e Wind ‘Papà’ di O&M
vincono ex aequo il Grand Prix agli Adci Awards

Assegnati in chiusura di IF! Italian Festival i premi annuali dell'Art Directors Club Italiano per la migliore creatività italiana, a cui hanno partecipato 800 lavori. Wind vince anche il premio ‘Best Use of YouTube’ ex aequo con ‘Italy, The Extraordinary Commonplace’ di Leo Burnett per l'Ice. Diciannove gli ori. Paola Antonelli entra nella Hall of Fame. Un ricordo speciale sul palco per Enrico Gasperini, a due giorni dalla scomparsa

9 novembre 2015 - Doppio Grand Prix agli Adci Awards 2015, i premi annuali dell'Art Directors Club Italiano per la migliore creatività italiana, assegnati sabato sera in chiusura di IF! Italian Festival. Hanno vinto ex aequo le campagna ‘Ceres Facebook Postin Pan’ firmata dall'agenzia BCube per Ceres e il corto (4'10”) emozionale ‘Papà’, ideato da Ogilvy & Mather per Wind Telecomunicazioni, diretto da Giuseppe Capotondi per Mercurio Cinemato
grafica, un piccolo pezzo di cinema che parla ai sentimenti. 
 
‘Papà’ Wind ha vinto anche il premio ‘Best Use of YouTube’ ex aequo con ‘Italy, The Extraordinary Commonplace’ realizzato da Leo Burnett per l'Ice (Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane), prodotto da Akita Film con regia di Enrico Mazzanti, che evidenzia e promuove la solidità e la potenzialità dell'economia italiana (vedi news del 22 gennaio e del 10 giugno).
 
Su ottocento lavori iscritti quest'anno, sono stati assegnati 19 ori e il premio ‘7 Days Brief’ vinto da Valeria Camin e Valentina Ceccarelli. Nel pomeriggio Adci ha anche consegnato il premio ‘Hall of Fame’ a uno dei grandi protagonisti dell'edizione 2015 di IF!: il designer e architetto Paola Antonelli, senior curator del Dipartimento di Architettura e Design e Direttore Ricerca e Sviluppo del MoMA di New York, venuta a condurre il talk 'Lo strano rapporto tra design e violenza’.
 
Prima della consegna degli Adci Awards sono sa
Enrico Gasperini
liti sul palco della Sala Grande del Teatro Franco Parenti Alessandra Lanza e Davide Boscacci del comitato organizzatore di IF! per ricordare il “papà del digital e di tante startup”, Enrico Gasperini, vero pioniere del digital in Italia, fondatore di Inferentia e poi di Digital Magics, nonché presidente di Audiweb dal 2007, scomparso nella notte di giovedì scorso a soli 53 anni.






Tutti gli Adci Awards assegnati …>>



Il tour ‘PatentiAMOci’ e l'app ‘Prendi la patente’
sensibilizzano i giovani alla guida responsabile

Il progetto, ideato da Stella di Daniele Onlus con la Polizia di Stato e il Miur e col patrocinio del Ministero della Salute e della Fondazione Pubblicità Progresso, prevede tre tappe a Roma, Milano e Bari di aggregazione e coinvolgimento per i giovani e l'app per far apprendere in modo veloce e divertente le norme del Codice Stradale. Testimonial, Ringo di Virgin Radio che è media partner. Fondazione Cariplo è sponsor. Parte del ricavato andrà a favore della Fondazione Marco Simoncelli

9 novembre 2015 - Viene presentato questa mattina a Roma (al Museo delle Auto della Polizia di Stato) l'evento con obiettivi sociali ‘PatentiAMOci’ dedicato alla sensibilizzazione a una guida responsabile, ideato e promosso dalla Stella di Daniele Onlus, in collaborazione con la Polizia di Stato e il Miur, col patrocinio dal Ministero della Salute e dalla Fondazione Pubblicità Progresso. Prevede un tour nazionale di aggregazione tra i giovani e l'app formativa e coinvolgente ‘Prendi la patente’. 
 
Tanti giovani e giovanissimi sono vittime ogni anno in Italia di incidenti stradali con conseguenze spesso mortali e le cause sono molto spesso riconducibili a un comportamento umano scorretto. Per questo è fondamentale che i ragazzi comprendano quanto sia importante il rispetto delle regole quando si è alla guida di un veicolo. Da qui nasce PatentiAMOci, progetto che si avvale dell'app ‘Prendi la patente’, certificata dall'Università La Sapienza di Roma come miglior metodo di apprendimento, grazue a un gioco ideato e studiato da Celine Benzakein appositamente per i giovani, che si può utilizzare su smartphone e tablet. Consente ai ragazzi di conoscere e apprendere in modo veloce e divertente le norme del Codice Stradale. Durante il tour PatentiAMOci l'app sarà scaricabile gratuitamente. 
 
Testimonial dell'iniziativa è il dj Ringo, direttore artistico di Virgin Radio che è media partner, che porterà la sua esperienza vissuta nei locali. Spiegherà quali metodi di prevenzione è possibile adottare in queste occasioni, tipo gli autobus che riportano i ragazzi a casa o l'amico che si astiene dal bere. La prima tappa del tour nazionale di PatentiAMOci sarà a Roma al Teatro Sala Umberto l'11 novembre, le due ulteriori tappe saranno a Milano all'Auditorium Verdi il 20 novembre e a Bari a gennaio. Parte del ricavato del progetto andrà a favore della costruzione del Centro Diurno per disabili della Fondazione Marco Simoncelli. Sponsor dell'iniziativa sono ‘Prendi la patente’ e Fondazione Cariplo. Il sito dedicato è www.prendilapatente.it.


A IF! Italians Festival oltre 60 eventi
e più di 100 ospiti italiani e internazionali

È online il programma ufficiale dell'evento dedicato alla migliore creatività italiana e internazionale, ideato e promosso da Adci e Assocom in partnership con Google, che si svolgerà a Milano dal 5 al 7 novembre. Previsti talk, tavole rotonde, live performance musicali e artistiche, seminari e workshop, format come la ‘Director's Battle’, incontri dedicati all'eccellenza creativa italiana all'estero. Tra gli ospiti, anche Paola Antonelli (MoMA), Marco Balich, direttore artistico del Padiglione Italia, Rockin’ 1000 e il disegnatore statunitense Paul Azaceta

3 novembre 2015 - È online il programma ufficiale della seconda edizione di IF! Italians Festival, evento dedicato alla creatività come elemento base e qualificante della comunicazione commerciale, pubblica e sociale, ideato e promosso da Adci e Assocom in partnership con Google (dal 5 al 7 novembre al Teatro Franco Parenti di Milano). Con tema ‘Nutrire il cervello’ proporrà 60 eventi tra talk, tavole rotonde, live performance musicali e artistiche, seminari e workshop formativi che coinvolgeranno più di 100 speaker e ospiti italiani e internazionali, grazie anche al contributo di oltre 30 aziende e scuole di formazione partner dell'evento.
 
Tra gli ospiti più attesi alla tre giorni milanese il designer e architetto Paola Antonelli, senior curator del Dipartimento di Architettura e Design e Direttore Ricerca e Sviluppo del MoMA di New York che sabato 7 alle 17.45, subito dopo l'incontro con il fotografo Oliviero Toscani, sarà protagonista in Sala Grande con un talk dal titolo ‘Lo strano rapporto tra design e violenza’. Parlerà di come ‘il design può essere un atto di violenza, un atto di distruzione creativa, un'arma a doppio taglio che ci sorprende con conseguenze previste e impreviste’.

Confermata anche la presenza dell'imprenditore e produttore Marco Balich, direttore artistico del Padiglione Italia e ideatore dell'Albero della Vita, icona mondiale di Expo 2015 e produttore esecutivo delle prossime Olimpiadi di Rio 2016, prodotte da CC2016. In programma nella Sala Grande venerdì 6 alle 12.15, il presidente della Balich Worldwide Shows sarà protagonista di un inspirational talk dal titolo ‘La potenza degli ostacoli. I no che nutrono le idee’, sugli ostacoli che hanno scatenato la creatività, dato forza alle idee, nutrito la curiosità e si sono trasformati in opportunità preziose.
 
Insieme a loro, oltre agli importanti nomi che apriranno il Festival nella serata di giovedì (Conn Bertish, Lars Bastholm, Giovanni Perosino e Malika Ayane, intervistata da Daniele Bossari di Radio Italia), uno panel di ospiti provenienti da tutto il mondo che comprende anche il disegnatore statunitense Paul Azaceta, co-creatore della serie a fumetti cult Outcast; Jacqueline Bourke, creative planning global manager di Getty Images; Pieter Claeys, ‘creative of the year 2014’ in Belgio e nuovo direttore creativo dell'agenzia Happiness Anywhere Brussels; Keith Nilsen, International head of digital and creative di Clear Channel Outdoor; e Fernando Bellotti, presidente e direttore creativo di Leo Burnett Argentina che nella serata di venerdì 7 sarà protagonista insieme al brasiliano Roberto Beto Fernandez (Group Creative Director di Bbh London) di una sfida ‘Brasile vs Argentina’ dall'alto tasso di creatività.
 
Tra i nuovi ospiti italiani che hanno aderito si segnalano, tra gli altri, i Rockin' 1000, gli autori della performance collettiva a Cesena in tributo alla band Foo Fighters che, dopo aver emozionato oltre 25 milioni di persone, hanno convinto il leader della band Dave Grohl ad aggiungere una nuova data al loro tour nella città romagnola il 3 novembre. Le quattro donne che compongono il team (Claudia Spadoni, Martina Pieri, Mariagrazia Canu e Marta Guidarelli), insieme all'ideatore del progetto Fabio Zaffagnini, saranno tra gli ospiti della giornata conclusiva del Festival sabato 7 novembre.
 
Una parte importante del Festival sarà caratterizzata da format come ‘Director's Battle’, venerdì in prima serata, una vera e propria ‘sfida tra registi italiani all'ultimo spot', che vedrà il pubblico della platea chiamato a votare la selezione migliore con applausi e voce. Protagonisti della sfida, i registi Lorenzo Fonda (aka Cerebroleso), Agostino Panini e Douglas Avery. Ci saranno anche tavole rotonde: ‘Nella Gabbia dei Leoni’ insieme a tre giurati italiani all'ultimo Festival di Cannes (Francesco Bozza, Nicola Rovetta e Sergio Spaccavento); ‘Italians so Far’ guidata da Alessandro Milan di Radio 24 che accoglierà la testimonianza di esempi di creativi nostrani di successo nei territori oltre confine (Luca Pannese e Luca Lorenzini, Matteo Maggiore, Marco Venturelli ed Enrico Tamiazzo) e ‘L'algoritmo per una canzone perfetta ovvero Morricone e le Nacchere’, un inedito incontro tra musica, immagini e prodotto con Ferdinando Arnò, Vincenzo Celli, Vicky Gitto e il critico musicale Ernesto Assante.
 
IF! Italians Festival, patrocinato dal Comune di Milano, ospiterà anche la migliore creatività made in Italy con la nuova edizione degli Adci Awards che celebrerà i vincitori nella serata conclusiva di sabato con un Gala. Per partecipare a IF! è necessario acquistare online (http://www.italiansfestival.it/shop/) o direttamente presso il Teatro Franco Parenti un pass da 15 euro valido per tutti i tre giorni della manifestazione, che consentirà l'accesso al foyer, alla Sala Grande e alla Sala del teatro dove si svolgeranno tutti gli incontri. 


Expo, la Casa dell'Identità Italiana e l'Albero della vita han fatto centro. Per la cerimonia di chiusura ideata da Alfredo Accatino share del 21.9%

Padiglione Italia tira le somme di un successo che ha registrato due milioni di visitatori mentre in 14 milioni hanno visto gli spettacoli dell'Albero della Vita, l'elemento più fotografato di Expo, diventato un'icona globale.  E poi 16mila incontri B2B, 50 business forum, 400 tavoli tematici settoriali, oltre 4mila incontri e convegni, la visita di 15 mila studenti a Vivaio Scuola, il coinvolgimento di 300 start up nel Vivaio delle Idee. Taglio tra il pop e visionario per la cerimonia finale vista su Rai 1 in diretta da 3,8 milioni di spettatori

2 novembre 2015 - Tra i tanti numeri che sono stati sciorinati negli ultimi giorni per sottolineare il successo dell'Expo, spiccano quelli che riguardano Padiglione Italia. Oltre 2 milioni di persone hanno visitato la mostra ‘La Casa dell'Identità Italiana’ e oltre 14 milioni hanno assistito agli spettacoli dell'Albero della vita, ideato da Marco Balich e realizzato da Orgoglio Brescia con il contributo di Pirelli e Coldiretti, e passeggiato tra le bellezze del Cardo alla scoperta delle esposizioni delle grandi eccellenze italiane. L’Albero è stato l'elem
Marco Balich
ento più fotografato di Expo con più di 250mila scatti su Instagram. “Con la mostra dell’Identità Italiana e l’Albero della Vita l’Italia ha davvero fatto goal – ha dichiarato Diana Bracco, commissario generale di Padiglione Italia e Presidente di Expo 2015 -. Il nostro Albero è diventato un’icona mondiale”.
 
E ancora. Sono state 266 le cariche istituzionali italiane e straniere che hanno visitato Palazzo Italia tra cui 60 capi di Stato e di Governo. Ci sono stati 16mila incontri B2B, 50 business forum, 400 tavoli tematici settoriali, 3.500 aziende italiane iscritte alla piattaforma Expo Business Matching nata per sviluppare le relazioni business con altri Paesi del mondo. Diverse sono state le missioni incoming provenienti da 6 Paesi e oltre 500 i meeting del progetto Ice ‘Expo is now’ “L'Expo ha funzionato anche come una gigantesca piattaforma per i rapporti di business - ha detto Bracco - siamo stati davvero un motore che ha ridato fiducia alla gente”.
 
Un altro grande record di Padiglione Italia sono stati gli eventi con oltre 4mila incontri e convegni o
rganizzati. Poi c'è stato Vivaio Scuola, che ha visto protagonisti a Palazzo Italia nei 184 giorni dell'esposizione 15mila studenti e duemila insegnanti di 700 scuole: un lavoro imponente che diventerà un e-book che verrà inviato a tutti gli istituti italiani. Le start up coinvolte nel Vivaio delle Idee sono state 300 e oltre 190 sono state protagoniste dei 3 appuntamenti settimanali che hanno messo in contatto i migliori progetti con investitori e business angels.  Quattro sono stati gli Opportunity Day, le giornate di incontro startup – investitori, a cui hanno partecipato 26 startup. Nello spazio Me and We - Women for Expo si sono tenuti 109 eventi dedicati alle donne. Sono state 25 le mostre allestite, di cui 24 esposizioni sui progetti che hanno vinto il bando Progetti per le donne e una mostra temporanea straordinaria ‘Moods of an Indian Wedding’.
 
Allargando lo sguardo all'intero evento, è stata confermata la previsione degli ultimi giorni di 21,5 milioni di visitatori, come ha dichiarato il commissario unico del governo per Expo Giuseppe Sala: “Comincia per noi una nuova prova, l'utilizzo del sito. Confido in una scelta saggia che coinvolga anche i giovani”. 
 
Alfredo Accatino, direttore creativo e partner di Filmmaster Events, ha firmato la creatività della grande cerimonia di Chiusura, che si è svolta all'Open Air Theater alla presenza di 5.000 persone con clou la consegna della bandiera del Bie (Bureau International des Expositions) da Milano al Dubai che ospiterà l'edizione 2020. Accatino ha voluto dare all'evento un taglio tra il
Alfredo Accatino
pop e visionario. Prodotta da Rai e trasmessa su Rai 1 in diretta, la cerimonia è stata vista tra le 18 e le 19.24 in media da 3.762.000 telespettatori (con share del 21.85%), mentre la seconda parte de La Vita In Diretta Speciale Expo ha registrato un ascolto medio di 4.134.000 spettatori, con uno share del 20.16%. Nel gran finale c'è stato un omaggio all'Italia, protagonista nel mondo di questi lunghi mesi, mentre dopo l'Inno d'Italia trasformato nell'Inno alla vita (vedi news del 4 maggio), è stato costruito un coro di quasi 1000 elementi che ha reinterpretato due celebri brani della tradizione italiana.


Con la scultura Sintesi 59 a Porta Susa, Torino
rende omaggio al visualizzatore globale Armando Testa

La mitica sfera sulla mezza sfera del Punt e Mes, alta oltre 5 metri, costruita in lamina d'acciaio e verniciata in nero semi opaco, campeggia in piazza XVIII dicembre, opera simbolica in un luogo simbolico di trasformazione e cambiamento della città. Il Comune ha individuato nella piazza il luogo ideale per il dono alla città da parte del gruppo Testa, che lancia per l'occasione un contest rivolto ai giovani creativi. In palio uno stage nella nuova agenzia di proprietà a Los Angeles

28 ottobre 2015 - Molti lo riconosceranno come il simbolo del Punt e Mes, di cui era il visual color rosso di una storica campagna pubblicitaria. Ma Armando Testa l'opera pittorica l'aveva ideata prima, nel 1959, ispirato durante un viaggio di lavoro da una bambola giapponese composta da due semisfere, vista in un negozio di New York. Aveva recuperato un precedente abbozzo pittorico e aveva battezzato il risultato Sintesi 59. Da ieri la grande sfera che sovrasta una mezza sfera è anche una scultura di oltre cinque metri, che campeggia in piazza XVIII dicembre a Torino, davanti alla vecchia stazione di Porta Susa, accanto alla nuova, al grattacielo di Intesa SanPaolo e a quello della Rai, allo sbocco dell'ottocentesca via Cernaia. “Un'opera simbolica importante per la città – ha detto all'inaugurazione il sindaco Piero Fassino – ha trovato perfetta collocazione in un luogo simbolico di trasformazione e cambia
mento della città”.
 
Il Comune di Torino ha accolto nella piazza il dono alla città da parte del gruppo Testa, con cui si rende omaggio a un torinese famoso in un tutto il mondo, genio della grafica e della pittura, le cui opere sono esposte in grandi Musei internazionali. Ma non solo. Un artista capace di esprimere la creatività in ogni possibile contesto, dalla pubblicità alla fotografia, dal cinema alla scrittura: un visualizzatore globale, così sintetizzò le sue molteplici virtù Gillo Dorfles. 
 
Sintesi 59 è alta 5,2 metri, costruita in lamina di acciaio inox da 5 cm, verniciata in nero semi opaco (anti graffiti), che riflette bene l'ambiente circostante, come ha spiegato l'architetto Benedetto Camerana a cui la famiglia Testa ha affidato la direzione artistica della scultura, realizzata da ST Facade Technology (Rivalta, Torino). “Mio padre sarebbe stupito di questo monumento” ha detto Marco Testa, presidente del gruppo. E ha raccontato, con emozione, di un uomo “che amava stupire l'occhio, sorprendere il cuore, divertire la mente e che quasi sempre ci riusciva”. Ma che era anche concreto, credeva nel talento innestato sul duro lavoro, sosteneva che fosse necessario avere i piedi ben ancorati per terra per poter tenere la testa nelle nuvole. 
 
Visualizzatore globale, Arma
ndo Testa è sempre stato legatissimo alla sua Torino dove tuttora ha il centro nevralgico il gruppo pubblicitario da lui fondato e che oggi, sotto la guida del figlio Marco, si sta espandendo anche negli Stati Uniti. Presente con partner in diversi Paesi, il gruppo A. Testa ha aperto da qualche tempo la prima agenzia totalmente di proprietà all'estero, a Los Angeles. E proprio uno stage nella nuova agenzia di Los Angeles sarà il ‘premio’ per il concorso rivolto ai giovani creativi, lanciato per il varo della scultura a Porta Susa. In palio una borsa di studio da 7.500 euro a cui si concorre inviando entro il 24 dicembre un'immagine o un video al più di 59” e un testo al più di 59 caratteri che illustrino un'idea a base di humor, fantasia e paradosso. Ingredienti che Armando Testa riteneva fondamentali per una creatività di successo. Altre info su www.armandotesta.it


Mtv lancia da Milano per gli Mtv Ema
la #EMAfreedom campaign pro rifugiati con Y&R Ny

Durante gli Mtv Ema al Mediolanum Forum di Assago, trasmessi in tutto il mondo, in piazza Duomo a Milano si sono riuniti in migliaia sotto la mega bandiera, fatta con le bandiere di tutti i Paesi, dell'immaginario Paese di Freedom, dove non ci sono frontiere, non ci sono violenze, non esistono rifugiati, ma solo cittadini. All'iniziativa, ideata da Young & Rubicam New York, si può aderire con l'hashtag #EMAfreedom

27 ottobre 2015 - Domenica notte a Milano si sono celebrati gli Mtv Ema al Mediolanum Forum di Assago. Mentre Pharrell Williams cantava ‘Freedom’ in piazza Duomo a Milano si sono riuniti migliaia di fan sotto una mega bandiera di 23 x 16 metri, quella di Freedom, Paese immaginario dove non ci sono rifugiati, ma solo cittadini, dove non c'è violenza e le famiglie possono stare unite: un luogo che non conosce frontiere, tanto grande da poter accogliere tutti.
 
Mtv ha lanciato così la campagna MtvFreedom, ideata da Y&R New York, per far sentir
e la voce dei giovani in tutto il mondo sul tema della crisi dei rifugiati. La bandiera di Freedom è costruita con le bandiere di ogni Stato a rappresenta l'unione di tutti i paesi per un obiettivo comune: mostrare al mondo che Freedom ha tanti cittadini, nessuna paura e nessun pregiudizio. Chi vuole aderire ed esprimere supporto ai rifugiati deve dichiarare "Io sono un cittadino di Freedom e mi impegno ad aiutare e accogliere i nuovi cittadini di #EMAFreedom" sui social media con l'hashtag #EMAfreedom.
 
Oltre a questa piattaforma, Mtv supporta l'Unicef (United Nations Children's Fund) per raccogliere fondi per le popolazioni rifugiate. Una pagina dedicata per donare all'Unicef è stata creata appositamente sul sito di Mtvget="_blank">freedom.mtvema.com. Donazioni sono possibili su support.unicef.org/mtv
 
Tornando agli Mtv Ema 2015, l'evento è stato trasmesso in diretta mondiale da 60 canali, da oltre 300 media digitali e, ovviamente, da tutte le piattaforme del network Mtv. In Italia è stato visibile su Mtv8, Mtv Music e Mtv Next oltre che su Sky Go e Sky Online. L'hashtag per seguire sui social Facebook, Twitter, Instagram e Vine è stato #MTVEMA. Gli sponsor sono stati Tezenis Underwear, Guitar Hero Live, Tim Young & Music e Puma.


Enel illumina di blu la Torre di Pisa per il 70° dell'Onu
e torna in comunicazione per l'offerta luce e gas EnergiaXOggi

Enel ha aderito alla campagna globale per celebrare il 70° anniversario delle Nazioni Unite, illuminando di blu la Torre di Pisa e il suo padiglione all'Expo. E lancia la nuova campagna in tv, affissione, radio e web, firmata da Saatchi & Saatchi, che gioca su temi dell’innovazione e dell’essere al passo coi tempi. Testimonial, Alessandro Cattelan

26 ottobre 2015 - Il 24 ottobre Enel ha aderito alla campagna globale per celebrare il 70° anniversario delle Nazioni Unite e ha illuminato di blu la Torre di Pisa e il suo padiglione all'Expo. Nella giornata, oltre 250 tra monumenti, chiese, templi, musei e altri siti rappresentativi in oltre di 65 paesi si sono illuminati di blu, il colore ufficiale dell'Onu. Seguendo la linea del fuso, la celebrazione globale ha avuto inizio in Nuova Zelanda per poi proseguire in Australia con l'illuminazione del teatro dell'Opera di Sydney al tramonto: da lì un'onda di colore blu Onu ha attraversato paesi e continenti con l'illuminazione progressiva dei vari siti partecipanti, dalle grandi piramidi di Giza in Egitto alla statua del Cristo Redentore di Rio, dall'Empire State Building di New York al Museo dell'Ermitagea  San Pietroburgo. Oltre alla Torre di Pisa, in Italia hanno partecipatola la Basilica di San Francesco (Assisi), Palazzo Granafei Nervegna e la Colonna Romana (Brindisi), Palazzo Marino (Milano), Palazzo Gambacorti (Pisa), la Campana dei Caduti (Rovereto), la Fontana del Nettuno (Trento), la Mole Antonelliana (Torino), l'Albero della Vita di Expo Milano 2015. Il Palazzo di Vetro a New York è stato illuminato per due notti.
 
La copertura dell'evento è stata garantita sui social media dagli hashtag #UNBlue e #UN70, e condivisa con i milioni che seguono le Nazioni Unite su Instagram, Facebook, Twitter, Weibo, Flickr e altre piattaforme. 

Oggi, poi, Enel Energia torna in comunicazione per presentare la nuova offerta luce e gas EnergiaXOggi che, oltre a fare risparmiare il 100% sulla componente energia per il primo mese, mette a disposizione dei clienti sito e app per la gestione in autonomia delle abitudini energetiche e dei contratti. La nuova campagna è firmata da Saatchi & Saatchi, agenzia storica di Enel confermata dopo gara la scorsa estate per la gestione globale dell'advertising
(vedi news del 16 luglio)
. La nuova campagna, pianificata su tv, affissione, radio e sul web in tutte le sue forme, gioca sui temi dell'innovazione e sull'essere al passo con i tempi.

Protagonista è Alessandro Cattelan, già testimonial della campagna per l'efficienza energetica (vedi news del 19 maggio 2014). Nei tre spot tv da 30” attraversa epoche diverse, dagli anni 70 a oggi, restando sempre al passo con i tempi in modo divertente e paradossale. Il percorso lo porta ai nostri giorni, dove entra nel mondo digitale di Enel Energia scegliendo l'offerta EnergiaXOggi e gestisce la sua fornitura direttamente da app o dal sito. Sono previsti anche quattro soggetti da 15” che declinano il concetto ‘Essere al passo con i tempi’ approfondendo i vantaggi dell'offerta: risparmio energetico, risparmio di gas, l'app, la possibilità di contribuire alla didattica digitale delle scuole. Per ogni contratto concluso, Enel Ener
gia devolverà 2 euro al progetto ‘Fare scuola’ di Enel Cuore. La produzione è di Think Cattleya e la regia di Bosi+Sironi. La colonna sonora è il brano ‘She Moves’ di Alle Farben, remixato da Sing Sing in versioni anni ’70, ’80 e Hip Hop anni ‘90 per adattarsi a ogni epoca e a ogni scena degli spot. 

Altri spot ad hoc per il web, prodotti da Think Cattleya con regia di Fabio Berton, mostrano in preroll e masthead la serie di buffi tutorial di ballo attraverso le decadi ‘Al passo con Cattelan’.





Il PalaComieco riparte in tour
per sensibilizzare alla raccolta differenziata

Per il 10° compleanno dell'iniziativa e per il 30° di Comieco è stata inaugurata una struttura itinerante  rinnovata, in cui il cartone riciclato è protagonista indiscusso. Nei tre grandi scatoloni che contengono il 'magico' mondo del riciclo, piccoli e grandi imparano, anche in modo ludico, cosa c’è dietro un imballaggio e i benefici di una raccolta corretta

23 ottobre 2015 - Parte da Milano, all'interno di BookCity e nel programma di Expoincittà, la decima edizione del tour che porterà PalaComieco nelle piazze italiane per sensibilizzare bambini e adulti su una corretta raccolta differenziata. Per il 10° compleanno dell'iniziativa (100 le piazze toccate e oltre 170 mila i visitatori coinvolti), e per il 30° di Comieco (Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli imballaggi a base cellulosica) è stata inaugurata una struttura itinerante completamente rinnovata, in cui il cartone riciclato è protagonista, a partire dalle pareti esterne dei padiglioni, fatte di speciali pannelli a forma di tre grandi scatoloni. tutti da esplorare. Sono di cartone anche le installazioni interne, che sposano le più moderne tecnologie e trasformano un materiale di uso comune in un supporto interattivo. 
 
All'interno bambini e ragazzi, genitori e scolaresche imparano, anche in modo ludico, cosa c’è dietro un imballaggio, i benefici di una raccolta corretta e venire a co
noscere i risultati conseguiti nel proprio territorio e il processo industriale del riciclo della carta. Si parte da Milano, città virtuosa dove la raccolta differenziata di carta e cartone è  di 63,4 kg per abitante contro una media nazionale di 52 kg, risultato ancora migliorabile. All'Expo la gestione dei rifiuti ha visto il 70% di raccolta differenziata tra i padiglioni e il riciclo di tutti i materiali tra cui carta e cartone, che rappresentano il 16% del totale.
 
L’iniziativa di Comieco a Milano, in collaborazione col Comune e con AmsaGruppo A2A, anima fino a domenica 25 ottobre Piazza del Cannone, nel cuore di Parco Sempione, dove la struttura è visitabile gratuitamente dalle 9 alle 19 .Questa mattina sono presenti il centrocampista del Milan e della nazionale Massimo Ambrosini e il detentore italiano del record imbattuto sui 3000 siepi Francesco Panetta. Sabato 24 e domenica 25 dalle 15 alle 16 è previsto un laboratorio di origami per bambini a cura della Fondazione Tangorra, sabato dalle 17 alle 18 ci sarà un reading delle frasi selezionate nell’ambito del progetto 'Io cito, tu city” con l’attrice Giulia Marziali. 
 
I prossimi appuntamenti sono a Cuneo (29 ottobre - 1 novembre), Napoli (12-15 novembre), Reggio Calabria (19-22 novembre), Lucca (26-29 novembre). 


Mercedes, Enel, Aci, Michelin e partner raccontano
il futuro a zero emissioni col tour #IoSonoElettrica

L'#eTour toccherà tra ottobre e novembre 14 città italiane per dimostrare che viaggiare a zero emissioni è un traguardo raggiunto e che è il momento di creare una cultura della mobilità elettrica. Mercedes-Benz metterà in campo la Classe B Electric Drive

14 ottobre 2015 - È partito lunedì da Roma #IoSonoElettrica, un #eTour che toccherà 14 città tra ottobre e novembre in cui Mercedes-Benz racconta un futuro con veicoli a zero emissioni insieme a Enel, Aci, Michelin, stakeholders, istituzioni, impegnati con diversi ruoli e diverse responsabilità nel comune obiettivo dello sviluppo della mobilità elettrica. Classe B Electric Drive va a incontrare gli italiani per dimostrare che viaggiare a zero emissioni è un traguardo raggiunto e che è arrivato il momento di creare una cultura della mobilità elettrica.‎ 
 
L'Automobile Club d'Italia presenterà nell'autodromo di Arese il primo protocollo di guida sicura per auto elettriche. Enel mette a dispo
sizione la sua rete di punti per illustrare a clienti, appassionati e curiosi le caratteristiche delle offerte dedicate all'auto elettrica. Michelin si impegna nello sviluppo di pneumatici a basso rotolamento amici dell'ambiente. Inoltre, le tre Classe B Electric Drive impegnate nel tour saranno tra i protagonisti al Congresso Nazionale dell'Anci (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani).
 
Dopo Roma, il viaggio attraverserà l'Italia da Bari a Trento, passando per Firenze, dove ieri una Classe B Electric Drive è entrata a far parte del parco auto del Comune. &ld
quo;Cinque anni fa, con smart e il progetto e-mobility Italy insieme a Enel siamo stati i primi a parlare di futuro elettrico per la mobilità anche in Italia. Oggi diamo inizio a una nuova fase che vede protagonista anche Mercedes con la Classe B 100% elettrica - ha dichiarato Roland Schell, presidente di Mercedes-Benz in Italia -. Già allora sottolineavamo l'importanza di fare sistema, ora proseguiamo questo viaggio al fianco di tanti partner, istituzioni e stakeholders, pronti a costruire insieme a noi una reale cultura della mobilità elettrica". 


I nuovi Earth Defenders a Milano per l'Expo,
Lavazza con A.Testa li celebra nel Calendario 2016

Una campagna su affissioni nelle stazioni di Cadorna, Rho, al palazzo di Eataly e sui ledwall all'interno di Expo sostiene il grande evento di Slow Food ‘Terra Madre Giovani – We Feed the Planet’. Le immagini fanno parte del Calendario Lavazza 2016 ‘From Father to Son’, realizzato in collaborazione con Slow Food con scatti di Joey L. e direzione artistica di A. Testa, che celebra il passaggio generazionale con i giovani agricoltori del Sud America che difendono le produzioni locali

5 ottobre 2015 - È in corso fino a domani il grande evento di Slow Food ‘Terra Madre Giovani – We Feed the Planet’ che riunisce a Milano 2.500 giovani contadini di 120 paesi del mondo. Per celebrare questa nuova generazione di Earth Defenders, Lavazza e Armando Testa hanno pianificato un'affissione multisoggetto che ripropone tre fotografie del Calendario Lavazza 2016 ‘From Father to Son’, con scatti del talentuoso fotografo canadese 26-enne Joey L. accompagnati da messaggi che testimoniano l'importanza della trasmissione del sapere tra le diverse ge
nerazioni. Le affissioni vestono le stazioni di Cadorna, Rho, il palazzo di Eataly e i ledwall all'interno di Expo (dove sono esposti tutti e 13 gli scatti del Calendario), evento a cui Lavazza partecipa come caffè ufficiale di Padiglione Italia.
 
Il Calendario Lavazza 2016 ‘From Father to Son’ è stato realizzato in collaborazione con Slow Food con foto di Joey L e la direzione artistica di Armando Testa per celebrare il passaggio generazionale con i giovani ‘Earth Defenders’, persone reali, agricoltori del Sud America che difendono le produzioni locali, dal fagiolo della Guajira al peperoncino, dal caffè alle ostriche di Cananeia. Il reportage fotografico scava nei riti e nei costumi di questi nuovi eroi della terra, promotori d
el cambiamento che molto devono agli insegnamenti dei padri ma che a loro volta sono un esempio per coraggio e tenacia alle precedenti generazioni, in un incontro tra passato e futuro che ha come obiettivo lo sviluppo sostenibile. In ossequio a un detto secondo cui la terra non si eredita dai padri ma si prende in prestito dai figli. 
 
Il Calendario 2015 era dedicato agli ‘Earth Defenders’ dell'Africa con scatti di Steve McCurry (vedi news del 23 ottobre 2014). Il nuovo progetto ‘From Father to Son’ ne è l'evoluzione e non a caso prende il via nell'anno delle celebrazioni dei 120 anni del brand, in cui è stata lanciata la grande campagna internazionale ‘Lavazza, T
Dicembre
l'albero della vita
here's More To Taste’, ideata da Young & Rubicam Italia, che racconta l'intuizione e l'intraprendenza del fondatore Luigi Lavazza (vedi news dell'8 maggio). La quarta generazione Lavazza, oggi alla guida dell'azienda, gli rende omaggio anche col tema ‘From Father to Son’ e dichiara, per bocca del vicepresidente Giuseppe Lavazza, di voler perseguire una filosofia in cui non contano solo i soldi ma la passione, l'amore, l'orgoglio di quello che si fa: “Vogliamo avere una reputazione e costruire qualcosa che ci rappresenti e rappresenti i risultati del lavoro di una vita e che andrà consegnato ai nostri discendenti”. 
 
Protagonisti degli scatti del Calendario, oltre a produttori di caffè nelle comunità in cui opera la Fondazione Lavazza, anche giovani produttori dei presìdi Slow Food. Lavazza e Slow Food invitano i cittadini a schierarsi dalla parte degli Earth Defenders, acquistando il Calendario Lavazza 2016 in edizione limitata o contribuendo sul sito calendar2016.lavazza.com al progetto Terra Madre Giovani - We Feed the Planet e allo sviluppo della Rete Giovani di Slow Food.
 
La campagna legata al Calendario e al grande evento di Slow Food prevede anche una declinazione digital con video e interviste sui social, con una pianificazione particolare su Instagram e il progetto un gruppo di sei ‘instagramer’ che seguono gli eventi di ‘Terra Madre Giovani’. Il budget messo in campo dall'azienda per la campagna è di due milioni di euro.


In arrivo a Milano l'Icco Global Summit, Assorel
‘affida’ al sindaco Pisapia la relazione introduttiva

Rappresentante per l'Italia dell'International Communications Consultancy Organisation, Assorel ha invitato il sindaco ad aprire il Summit internazionale che si tiene per la prima volta nel nostro Paese. Intanto, l'associazione italiana delle agenzie di rp amplia la base associativa con l'ingresso di Doing, dopo l'adesione di Mediagroup98

2 ottobre 2015 - Assorel, rappresentante per l’Italia oltre che socio fondatore di Icco nel 1990, si prepara all'Icco Global Summit che si terrà per prima volta in Italia, a Milano, l'8 e 9 ottobre, con titolo ‘Food for thought: a PR perspective’ (‘Le Public Relations come cibo per la mente’). Icco, International Communications Consultancy Organisation, è l'organismo che riunisce le associazioni di 31 Paesi dedicate alle relazioni pubbliche. Invitato da Assorel, aprirà i lavori del Summit il sindaco di Milano Giuliano Pisapia: una presenza istituzionale che rafforzerà il valore della scelta della città per l'importante convegno nell'anno dell'Expo.

Intanto Assorel registra l'ampliamento della base associativa con l'adesione di Doing, la digital agency nata dalla unione di Dnsee, Hagakure e Banzai Consulting, che unisce competenze di business e marketing, comunicazione e tecnologia. A Doing fanno riferime
nto quattro uffici nazionali con un team di 240 professionisti digitali e un network internazionale che offre servizi di consulenza per la comunicazione e le rp tra cui il digital consulting, il social businesse le digital pr.

“Doing porta competenze che svilupperanno ulteriormente il dibattito sull'evoluzione della professione” ha detto Alessandro Pavesi, presidente di Assorel, mentre Marco Massarotto, founder e partner di Doing, ha sottolineato come per l'agenzia “ il settore delle relazioni pubbliche sia strategico in quanto i temi della reputation, delle relazioni e della costruzione del consenso, che vedono nella rete l'arena competitiva primaria, saranno imprescindibili nei prossimi anni”.

L'ingresso di Doing fa seguito a quello, qualche giorno prima, di Mediagroup98, società nata nel 1998 con sedi a Modena, Milano e Parma, che opera nella comunicazione integrata d’impresa, nella web communication, nella progettazione e gestione di eventi. 


La carta si fa cibo nella mostra Paper food 'Mise en place'

E' stata inaugurata a Milano per la presentazione  di ‘Paper Design’, analisi sullo stato dell’arte e sulla metamorfosi di carta e cartone realizzata da Comieco con Lab MD, l'esposizione di oggetti di carta realizzati in più tecniche, a rappresentare l'alimentazione e la tavola. Un omaggio al tema dell'Expo e nel calendario di Expo in città

25 settembre 2015 - E' presso la Cascina Cuccagna a Milano fino al 30 settembre l’esposizione Paper food 'Mise en place', selezione di oggetti di carta raffiguranti cibo, raccolti nel volume L’altra faccia del macero. Gli oggetti di carta realizzati da artisti, artigiani e designer italiani in più tecniche, tra cui origami, cartapesta e cartotecnica, sono in mostra su una tavola riccamente imbandita, a rappresentare cibi come frutta, zucche e melograni, in un tripudio di colori e suggestioni visive, in omaggio anche al tema dell’alimentazione al centro dell'Expo. 
 
La mostra è stata inaugurata in occasione della presentazione di &ls
quo;Paper Design’, analisi sullo stato dell’arte e sulla metamorfosi di carta e cartone in diversi ambiti di applicazione contemporanei, realizzata da Comieco (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica) in collaborazione con il Lab MD (centro di ricerca del Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara)  coordinato dal professor Alfonso Acocella.
 
L'esposizione, che fa parte del calendario degli eventi Expo in città, si trasferirà poi presso  lo Show room Paper&People di via Friuli 32 (fino al 30 novembre), centro espositivo specializzato in carte grafiche e punto di aggregazione e riferimento dei professionisti della grafica e del design. 


Sky e Fastweb lanciano l'offerta congiunta tv, voce
e internet. E la fibra che vola fa volare il pubblico

Campagna atl, social ed eventi sono messi in campo dai due partner per comunicare  la nuova offerta in promozione Sky&Fastweb. La campagna è in tv, stampa, affissioni, radio e web, ideata da Sapient e pianificata da Mec. Comincia oggi a Milano l'evento itinerante, organizzato da US UP & Below The Line, che offre a tutti gratuitamente l'emozione del paracadutismo in caduta libera nel tunnel del vento, e che toccherà poi Roma e Bari

23 settembre 2015 - A Milano, dopo il debutto in Piazza Beccaria, dal 26 al 28 settembre in Scalo di Porta Romana in piazzale Lodi (dalle 13 alle 21), si può sperimentare l'emozione del paracadutismo in caduta libera nel tunnel del vento (vedi Fotonotizia del 17 settembre), insolita esperienza accessibile a tutti (dai 5 anni
in su), offerta da Sky e Fastweb nell'ambito della campagna per il lancio del pacchetto congiunto Sky&Fastweb. Prevede a 25 euro al mese per i primi 12 mesi internet illimitato con velocità fino a 100Mbps, chiamate nazionali verso rete fissa e mobile, modem wi-fi, Sky Tv con oltre 40 canali, My Sky Hd e My Sky Wi-fi in comodato d'uso gratuito (Sky on demand è su attivazione del cliente). 

Organizzato in collaborazione con l'agenzia US UP & Below The Line, l'evento #Quisivola parte da Milano perché è la prima città in cui Fastweb ha posato la fibra ottica nel 2000, poi si ripeterà a Roma dal 2 al 6 ottobre e a Bari dal 10 al 14. L'idea del volo è legata al posizionamento 'siamo la fibra che vola'. I partecipanti, brevemente istruiti ed equipaggiati con tuta aerodinamica, volano per qualche momento sostenuti da un flusso d’aria spinto fino a 250 km orari. Immortalati da una fotocamera, possono scegliere tra un
a maglietta o una cover per smartphone personalizzate con la foto ricordo della performance. In alcuni momenti sarà presente anche Manuel Basso, recordman e paracadutista di fama mondiale, a condividere il divertimento del volo col pubblico. 
 
Per la comunicazione della nuova offerta, i due partner si sono divisi gli impegni. Sky si accolla la campagna a-t-l, con creatività di Sapient e media gestito da Mec, che è on air dal 7 settembre fino a novembre e prevede web dal 7 e tv dal 20 settembre, radio dal 10 ottobre, affissioni e stampa dal 15 ottobre. Fastweb (che in genere riserva mediamente il 20% del budget di comunicazione agli eventi e quasi il 30% al digital) si concentra sulla comunicazione sui social in collaborazione con Isobar e sull'evento #Quisivola.


Cirio mette in mostra all'Expo 160 anni di storia
e lancia il concorso della Galleria del sapore

In mostra alla Cascina Triulza su 11 monitor perimetrali la storia del fondatore e del brand, tra aneddotica e messaggi di comunicazione, dai cartelloni di Depero e Cappiello al recente spot di Ozpetek. Conserve Italia, che ha acquisito Cirio nel 2004, vara anche un concorso collegato alla seconda edizione del format Galleria del sapore in cui la passione per la cucina incontra l'arte contemporanea

7 settembre 2015 - Sarà allestita all'Expo di Milano negli spazi della Cascina Triulza dal 17 al 30 settembre la mostra ‘Cirio - Una storia di cuore’ che celebra i 160 anni di storia del marchio alimentare rilevato nel 2004 da Conserve Italia. La mostra parte dalla storia del fondatore, l'intraprendente Francesco Cirio, nato a Nizza Monferrato nel 1836 da un commerciante di granaglie, che a soli 20 anni, nel 1856, creò a Torino il primo stabilimento Cirio, primo passo per l'avvio di un'impresa fiorente in grado di produrre ed esportare in tutto il mondo. Oggi Cirio è presente in oltre 60 paesi, dal Regno Unito al Giappone.

Su 11 monitor perimetrali, la mostra ripercorre poi la storia del brand Cirio fino ai giorni nostri, tra aneddotica e messaggi di comunicazione. Sono riprodotte opere pubblicitarie firmate da artisti quali Mauzan, Cappiello, La Monaca, Depero, SePo e Rubino, poi si arriva alle campagne promosse da Conserve Italia fino all'ultimo spot d'autore realizzato lo scorso maggio dal registra Ferzan Ozpetek. I materiali e le riproduzioni esposti provengono dall'archivio presente presso la sede di Conserve Italia e gli spazi del Museo Francesco Cirio di Castelnuovo Belbo (Asti). L'ideazione del progetto è a cura dell'agenzia di comunicazione Moville di Bologna. 
 
Cirio rilancia la vocazi
one a comunicare attraverso l'arte anche varando dal 10 settembre il concorso La Galleria del Sapore, dedicato ad appassionati di cucina e arte, che mette in palio un weekend a Torino il 28 e il 29 novembre. Prevede una notte in hotel 4 stelle con cena e colazione, un tour di Torino con le Guide Bogianen e lo scrittore Fabrizio Vespa, un workshop con l'artista Massimo Sirelli dove realizzare insieme un robottino da portare a casa, un pranzo con showcooking insieme a Giovanni Naviglia all'interno di FoodLab.

Oltre a commissionare dal primo Novecento manifesti pubblicitari a grandi illustratori come Depero e Cappiello e continuare oggi con giovani artisti, nel 2014 Cirio ha dato vita al format ‘Galleria del Sapore’ in cui la passione per la cucina incontra l'arte contemporanea, in partnership col Gambero Rosso. L'evento ha l'obiettivo di creare ‘una grande opera d'arte culinaria’ coinvolgendo un artista e giovani food blogger in sfide a colpi di creatività.

Nell'ed
Massimo Sirelli
izione 2015 l'artista scelto da Cirio è stato il giovane torinese Massimo Sirelli che ha creato con latte Cirio e vari utensili di cucina i robottini Rosetta, Ettore e Peppino. Sirelli guiderà i vincitori in un workshop di 2 ore dove mostrerà come costruire un robot. 
 
Si partecipa al concorso scegliendo al massimo tre ingredienti tra cui un pomodoro oltre a un oggetto che rievochi un ricordo e un'emozione (da spiegare in 300 caratteri al massimo), si scatta una foto e la si carica entro il 25 ottobre su www.cirio.it/concorso-galleria-del-sapore, dove si trovano anche tutte le informazioni e il regolamento. 


Le rp a confronto a Roma in ottobre, Assorel
promuove un incontro tra associate e non

L'iniziativa decisa dal direttivo dell'associazione della agenzie di rp viene incontro all'esigenza delle agenzie del comparto di confrontarsi e di poter condividere le prospettive del futuro della professione. Al centro del dibattito anche le linee guida su cui si muoverà Assorel

14 luglio 2015 - Assorel convoca un incontro a Roma, per giovedì 22 ottobre, con i soci, allargato a inviti anche ad agenzie non associate. L'iniziativa è stata decisa nell'ultimo consiglio direttivo dell'8 luglio dell'associazione guidata da Alessandro Pavesi, alla luce dell'esigenza delle agenzie del comparto di confrontarsi e poter condividere le prospettive del futuro della professione, in una fase di grande cambiamento e innovazione per chi opera nel settore.

Sarà occasione per esaminare, oltre alle linee di sviluppo e alle iniziative dell'associazione per il biennio 2016/2017, i nuovi modelli organizzativi delle agenzie di rp, il confronto professionale e generazionale tra ‘nativi digitali’ e non, la crescente integrazione tra le diverse forme di comunicazione, l'impatto del digitale e dei social media e le rinnovate esigenze in ambito formativo, variabili che si accompagnano al ruolo che Assorel può ricoprire in questo pe
Alessandro Pavesi
riodo di trasformazione e alle sue possibili convergenze con le altre associazione del settore.

Il consiglio l’8 luglio ha anche esaminato lo stato di avanzamento di diversi progetti, dal ‘18° PRemio Assorel’ alla partnership con il ‘Centro per la cultura d'impresa’, dal programma di ‘Assorel Academy’ 2015/2016 alle iniziative per le regolamentazione delle gare pubbliche e private. 


Dall'assemblea dell'Upa la proposta di quotare Auditel in Borsa
e il progetto di un portale per favorire le sponsorizzazioni culturali

Sono stati gli highligths della relazione del presidente Lorenzo Sassoli de Bianchi all'assemblea annuale, dove è stata annunciata la ripresa degli investimenti in comunicazione per una chiusura d'anno tra +1% e +2%. Quotare in Borsa l'Auditel entro il 2016 sarà un ulteriore passo verso la trasparenza e l'indipendenza. Il portale upaperlacultura.org sarà aperto alle proposte di sopraintendenze, musei, parchi archeologici per far conoscere le opportunità di investimenti culturali a potenziali investitori che potranno godere dell'art bonus fiscale governativo

2 luglio 2015 - Quotare l'Auditel in Borsa in nome della trasparenza e promuovere un portale dove il mondo della cultura possa fare conoscere i progetti alle aziende interessate a sostenerli, ricorrendo agli interessanti sgravi fiscali (art bonus del 65% per chi devolve a progetti culturali) decisi dal Governo (“il migliore incentivo fiscale in Europa per gli investimenti culturali”). Sono stati gli highligths della relazione del presidente dell'Upa, Lorenzo Sassoli de Bianchi, all'assemblea annuale 2015, capitata in una giornata di frenetiche trattative per la Grecia. E il presidente, che si preparava a dare segnali di ottimismo, non ha potuto non tenerne conto nella conferenza stampa che ha preceduto l'assemblea: “La situazione è problematica, se la Grecia uscisse dall'euro si creerebbe una situazione imprevedibile che ricadrebbe anche sul nostro Paese e si riverbererebbe sui consumi. Ma credo che ne usciremo. Per ora non ci sono motivi per non mantenere la nostra previsione di una chiusura d'anno con crescita degli investimenti pubblicitari tra l'1% e il 2%”. Le stime provengono dalle dichiarazioni degli associati (Upa ne conta oggi circa 450 che rappresentano l'85 % degli investimenti in comunicazione in Italia) e tengono conto di tutti gli investimenti, anche di quelli non rilevati da Nielsen, come search e social. Si parla di ripresa, quindi, ed è un segnale di fiducia.
 
Tuttavia il mercato pubblicitario italiano resta asfittico, rispetto, ad esempio, a quello francese dove il Pil è paragonabile al nostro ma si investe il doppio in comunicazione o rispetto a quello tedesco dove il Pil è doppio ma gli investimenti sono il triplo. “La crisi – dice Sassoli – ha fatto emergere la rigidità del nostro mercato facendo passare in secondo piano la crisi creativa”. È una crisi legata alla paura delle aziende che non vogliono rischiare, che adottano campagne che non suscitano le emozioni capaci di valorizzare la marca, che considerano la pubblicità un costo, che hanno investito in altri mercati dove c'erano maggiori prospettive di crescita. 

Il cahier des doléances prosegue con l'annoso tema dei diritti di negoziazione, da cui non si riesce a uscire per via legislativa (“la formula ideale sarebbe girarli integralmente all'azienda che poi ben remunererà il centro media”). Non mancano nemmeno opacità nelle nuove modalità di acquisto come il programmatic buying, dove servirebbe maggior chiarezza sui dati da cui è alimentato, dove si rischia di uscire insieme ai concorrenti, dove va all'asta l'invenduto ovvero uno spazio poco appetibile (“Vogliamo più controllo e più trasparenza. Non a caso le grandi aziende si stanno dotando di Data Management Platform”). Per non parlare dei ritardi della banda larga, tema in cui abbondano le parole e latitano i progetti, che ci vede al 91° posto nel mondo per diffusione (perfino retrocessi dall'89° dell'anno scorso) il che determina ritardi nello sviluppo dell'e-commerce e nell'informatizzazione della PA. Male anche la riforma della Rai, a partire dall'idea di un amministratore delegato al posto del direttore generale ma nominato dal Governo (“la politica non vuole rinunciare al controllo della Rai. È caduta nel nulla la nostra proposta di una Fondazione, di un canone giustificato da un ‘qualitel’, di togliere a una delle reti principali la pubblicità, di un cda formato da una rappresentanza articolata della società italiana”). 

Ed ecco la nuova proposta 2015, davvero dirompente: quotare in Borsa l'Auditel entro l'anno prossimo. “Dopo la riforma, da noi promossa, – ha detto Sassoli – che ha portato all'ingresso di Sky e Discovery nel cda e a un Comitato di controllo esterno, puntiamo a un ulteriore passo verso la trasparenza e l'indipendenza. Portare in Borsa Auditel significherebbe avere nuovi capitali per dare il via a nuovi metodi di ricerca. Non esiste ad oggi un sistema Audi nel mondo che sia una public company, è un'idea forte che può diventare una bandiera per il nostro sistema”. Nel frattempo Auditel sta già realizzando un record: il ‘superpanel’ di 15.600 famiglie che da giugno 2016 rileverà le audience in uno scenario di estrema frammentazione degli ascolti televisivi e di necessità per gli investitori di analisi molto dettagliate. 

L'altro grande progetto riguarda le sponsorizzazioni culturali. Sarà online entro l'anno il portale upaperlacultura.org in cui l'Upa si propone nel ruolo di ‘attrattore’ di investimenti per il patrimonio artistico italiano. Upaperlacultura.org sarà aperto alle proposte di sopraintendenze, musei, parchi archeologici, teatri per far conoscere le opportunità ai potenziali investitori: “Da nostre ricerche interne – dice Sassoli – è emerso da parte delle aziende la propensione verso questo tipo di investimenti”.

Questi i temi forti messi sul piatto dal presidente, che ha voluto per l'assemblea al Piccolo Teatro di Milano un taglio da performance teatrale. Dopo è salito sul palco Guido Barilla, presidente del gruppo Barilla, intervistato da Andrea Cabrini di Class Cnbc sulla nuova strategia di comunicazione intrapresa dal gruppo negli ultimi anni abbracciando il tema della sostenibilità (‘Good for You, Good for the Planet’) mantenendo comunque i valori forti che hanno fatto la storia del marchio. 

L'economist della London Business School Lucrezia Reichlin ha svolto una relazione sulle caratteristi
che della ripresa economica mondiale e italiana, facendo notare che è in atto una crescita positiva sì ma mediocre, con una ripresa moderata dei consumi (+1%) su cui incombe il debito pubblico dei Paesi, emergenti inclusi. Inoltre, Reichlin ha sottolineato come la crisi abbia accelerato il declino dei Paesi maturi sia per il calo demografico sia perché lo sviluppo delle nuove tecnologie ha portato innovazione nella comunicazione ma ha avuto poca influenza sulla crescita della produttività. In chiusura il Ministro per i beni culturali Dario Franceschini ha esortato gli imprenditori a investire sulla cultura, utilizzando l'opportunità dell'art bonus.


Si scalerà la Torre Allianz a CityLife nella Salomon City Trail Milano

La gara si svolgerà in luoghi cittadini generalmente inaccessibili o totalmente nuovi ed esclusivamente aperti per il passaggio dei runners. I partecipanti scaleranno anche 20 piani della Torre Allianz concorrendo al Trofeo Allianz. Previsto un percorso Hard competitivo da 23,5 km e uno Fast non competitivo da 13 km aperto a tutti. Lo sponsor Salomon promuove anche un'App free per scoprire e condividere nuovi percorsi in più di 90 città nel mondo

1 luglio 2015 - È annunciata per domenica 20 settembre la ‘Salomon City Trail Milano 2015‘, gara con partenza e arrivo all'Arena di Milano, in cui si potranno scoprire luoghi cittadini generalmente inaccessibili o anche totalmente nuovi ed esclusivamente aperti per il passaggio dei runners. Tra questi c'è il quartiere CityLife: la gara attraverserà il grande parco verde, che, con i suoi 173.000 mq di superficie e i suoi 1500 alberi, sarà a progetto ultimato il secondo della città. Il percorso ne prevede l'attraversamentoda da viale Berengario fino a viale Cassiodoro per un totale di 700 metri, per poi proseguire per via Rossetti.
 
I partecipanti dovranno anche scalare 20 piani della Torre Allianz, destinata a diventare il nuovo quartier generale a Milano delle assicurazioni Allianz Italia, progettata da Arata Isozaki con Andrea Maffei: l'edificio più alto d'Italia con i suoi 202 metri d'altezza per 50 piani sarà aperto per la competizione. Gli atleti saliranno per i 557 scalini che porteranno al 20° piano e, dopo un colpo d'occhio al panorama, scenderanno concludendo con ulteriori 12 gradini di raccordo tra la scala esterna della torre e l'area del parco. Gli atleti nella salita compiranno un'ascesa di 87 metri su un percorso all'interno della Torre di 650 metri in totale. Sulla base dei tempi parziali del percorso nella Torre verrà assegnato il Trofeo Allianz.
 
LA ‘Salomon City Trail Milano 2015’ prevede due percorsi, Hard e Fast. Hard è quello competitivo da 23,5 km (30 euro il costo di iscrizione) e Fast è quello non competitivo da 13 km, aperto a tutti (15 euro). Info su http://www.salomoncitytrailmilano.it/
 
Lo sponsor Salomon, brand di abbigliamento, calzature, zaini e accessori per attività sportive di montagna e nel trail running, invita a sperimentare nuovi modi di correre in città e a ricercare nuove emozioni, anche con l'App free per scoprire e condividere nuovi percorsi in più di 90 città nel mondo (citytrail.salomonrunning.com/it/).


A Eurosport–Discovery i diritti tv e multipiattaforma
in Europa per i Giochi Olimpici 2018-2024

Il Cio ha annunciato che tutti i diritti di trasmissione su tutte le piattaforme, tra cui tv free-to-air, pay-tv, internet, telefonia mobile, per i quattro Giochi Olimpici sono assegnati in esclusiva a Eurosport di Discovery Communications per 1.3 miliardi di euro. La copertura degli eventi supererà i 700 milioni di persone in tutta Europa

30 giugno 2015 - Inizia una partnership di lungo termine tra il maggior evento sportivo globale, i Giochi olimpici, e la media company Discovery Communications: il Cio - Comitato Olimpico Internazionale ha annunciato che tutti i diritti di trasmissione televisiva e multipiattaforma per i quattro Giochi Olimpici che si svolgeranno nel periodo 2018-2024 sono stati assegnati a Discovery con Eurosport. L'accordo riguarda i XXIII Giochi olimpici invernali di PyeongChang del 2018 e i Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo 2020, nonché i Giochi olimpici del 2022 e 2024 (città ospitanti ancora da scegliere).

Discovery ha acquisito i diritti esclusivi, per 1.3 miliardi di euro, su tutte le piattaforme, inclusa la televisione free-to-air, la pay-tv, internet e la telefonia mobile in tutte le lingue dei 50 paesi e territori del continente Europeo. Si è impegnata a trasmettere almeno 200 ore dei Giochi olimpici e 100 ore del Giochi olimpici invernali sulla televisione free-to-air durante il periodo dei Giochi. Discovery concederà in sotto-licenza una parte dei diritti in molti mercati europei.

Con una media di 10 canali in ciascun mercato e l'offerta sportiva online e Ott, Discovery ed Eurosport offriranno una copertura degli eventi di oltre 700 milioni di persone in tutta Europa. Gli introiti generati dall partnership a lungo termine saranno ridistribuiti dal Cio in tutto il movimento olimpico, a supporto dello sport in tutto il mondo. Discovery ed Eurosport inoltre si uniranno al Cio nello sviluppo di un nuovo canale olimpico in tutta Europa.
Discovery ed Eurosport avranno accesso agli emblemi olimpici e alla library video olimpica e all'archivio, così da rafforzare la posizione di Eurosport come casa paneuropea degli sport olimpici.