HomeChi siamoContattiComunicatiPrivacyDisclaimer
 Mercoledì 20 novembre 2019
Boxhdl 250x125
Logo IdeeIdeas
Manchette Destra 250x125

Beauty/Moda Benessere Comunicazione Eventi Food/Beverage Hi-Tech Fotonotizie Media

Motori Programmi Retail Servizi Viaggi/Sport/Entertainment Digital Riflettori Puntati


 FAST NEWS

Banner Pubblicitario Alto 630x110
Programmi (101)

Con ‘Viva Raiplay!’ di Fiorello il debutto del nuovo Ott di Rai


ieri per cinque giorni dopo il tg delle venti va in onda un appuntamento quotidiano di 15’ con l'innovativo show, prologo alle puntate di 50’ che dal 13 novembre si vedranno solo sulla piattaforma Ott rinnovata della Rai. Proporrà on demand film, serie tv, documentari, intrattenimento, sport

5 novembre 2019 - È partito ieri dopo il Tg1 delle venti ‘Viva RaiPlay!’, l'appuntamento quotidiano di quindici minuti in onda su Rai1 e su RaiPlay per cinque giorni fino all'8 novembre. È l'anteprima dell'innovativo varietà di 50' che si vedrà in esclusiva sulla piattaforma Ott della Rai rinnovata (www.raiplay.it) il mercoledì, giovedì e venerdì alle 20.30 dal 13 novembre.

Nella ‘multilocation' di via Asiago 10, storica sede di Rai Radio, andrà in scena una contaminazione di stili, idee e linguaggi con mattatore Fiorello e un flusso di ospiti tra grandi nomi del mondo della musica e giovani star del web: il maestro Enrico Cremonesi, Danti, gli Urban Theory, i Gemelli di Guidonia, l'attore e regista Phaim Bhuiyan, Vincenzo Mollica, il tiktoker da 7 milioni di follower Luciano Spinelli. Il programma è ideato da Rosario Fiorello e scritto con Francesco Bozzi, Pierluigi Montebelli, Federico Taddia e Andrea Boin, Enrico Nocera, Edoardo Scognamiglio. La regia è di Piergiorgio Camilli.

Con ‘Viva RaiPlay!’ prende il via la nuova piattaforma Ott della Rai, visibile su computer dal sito www.raiplay.it, da smartphone o tablet con app o collegandosi al sito, da smart tv. L'app gratuita RaiPlay è scaricabile da App Store (Apple) e Play Store (Google). RaiPlay mette a disposizione un grande archivio di intrattenimento, sport, cinema, cultura e tanto altro. Basterà registrarsi accedere a tutti i contenuti on demand, dai film alle serie tv ai documentari.

È attivo il call center al numero verde 800.93.83.62 con un tasto dedicato esclusivamente a richieste relative a RaiPlay. Per altre info: https://contactcenter.rai.it/app/scriverai.


Tim vara l'Operazione Risorgimento Digitale,
progetto di educazione digitale per l'Italia


Academy impiegherà 400 formatori in tutte le 107 province italiane per fornire a un milione di persone le competenze digitali necessarie per accedere alle grandi opportunità offerte da internet e dalle nuove tecnologie. Saranno coinvolte principalmente le persone rimaste fuori dall'economia digitale e le Pmi

29 ottobre 2019 - Per dare impulso al processo di digitalizzazione del Paese, Tim dà il via a 'Operazione Risorgimento Digitale', un progetto di educazione che raggiungerà un milione di persone con corsi di formazione in tutte le 107 province italiane. Il programma di formazione sarà condotto da Tim Academy e utilizzerà 400 formatori di Tim che offriranno oltre 20mila ore di lezioni entro la fine del 2020, coinvolgendo associazioni, centri di aggregazione e incontro territoriali, polisportive e centri anziani, per diffondere le competenze digitali necessarie per accedere alle grandi opportunità offerte da internet.

Saranno coinvolte principalmente le persone rimaste fuori dall'economia digitale che potranno imparare a navigare in rete, comunicare e usufruire dei servizi di cittadinanza digitale, come ad esempio mandare una Pec, cambiare il medico di base con lo Spid e pagare un certificato con il sistema pagoPA. Particolare attenzione verrà inoltre rivolta alla formazione per le imprese, con un focus sulle Pmi, attraverso sessioni dedicate ospitate all'interno delle sedi di Tim Academy.

L'iniziativa è stata presentata ieri, alla vigilia dell'Internet Day. "Intendiamo offrire un grande percorso di inclusione - ha detto l'amministratore delegato di Tim, Luigi Gubitosi - che ha l'obiettivo di estendere a coloro che fino ad oggi ne sono esclusi la diffusione delle competenze e delle conoscenze necessarie a usufruire delle numerose opportunità che la trasformazione digitale offrirà sempre di più nella vita quotidiana di tutti noi”. L'iniziativa ha ottenuto il patrocinio della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea e aderisce al Manifesto della Repubblica Digitale promosso dal commissario straordinario del Governo per l'attuazione dell'Agenda Digitale. Si parte l'11 novembre da Marsala.


Banijay acquisisce Endemol Shine,
nasce un colosso europeo della produzione tv


avanzerà in prima linea nella produzione e distribuzione di contenuti e diventerà proprietaria di quasi 200 società di produzione in 23 Paesi e di diritti per quasi 100.000 ore di contenuti, tra cui i reality e i talent più famosi, da Black Mirror a Big Brother, da MasterChef a Survivor e a Temptation Island. Nella proprietà del gruppo congiunto, che a fine 2019 conterà su un fatturato pro forma di 3 miliardi di euro, anche l'italiana De Agostini

28 ottobre 2019 - Banijay Group ha siglato un accordo per l'acquisizione del 100% del capitale di Endemol Shine Group, comproprietà di The Walt Disney Company e del fondo di private equity Apollo Global Management. L'acquisizione comprenderà 120 brand di produzione di Endemol Sh
ine con circa 66.000 ore di programmazione e oltre 4.300 formati registrati.

Il piccolo Banijay, gruppo di origine francese fondato nel 2008 da Stéphane Courbit e guidato dal ceo Marco Bassetti, che conta 827 milioni di euro di ricavi nel 2018 e un Ebitda di oltre 120 milioni, acquisisce un colosso (ma indebitato) da 1,8 miliardi di ricavi operativi. A deal concluso (va ora sottoposto alle varie autorizzazioni), il Gruppo Banijay sarà detenuto al 32,9% da Vivendi e al 67,1% da LDH, controllato al 51% da Courbit e in cui è presente il gruppo italiano De Agostini col 36%. I ricavi pro-forma totali del gruppo combinato dovrebbero essere di circa 3 miliardi di euro a fine 2019.

Banijay sarà in prima linea nella produzione e distribuzione di contenuti, proprietario di quasi 200 società di produzione in 23 Paesi diversi e di diritti per quasi 100.000 ore di contenuti, tra cui i reality e i talent più famosi. L'offerta del nuovo catalogo includerà titoli e format come Black Mirror, Versailles, The Millennium Trilogy, Peaky Blinders, Big Brother, MasterChef, Survivor, Temptation Island, Wife Swap, The Island.

Marco
Marco Bassetti
Bassetti, ceo di Banijay, ha dichiarato: “Endemol Shine offre un'incredibile gamma di talenti leader del settore, marchi di fama mondiale e contenuti creativi di alta qualità. La combinazione delle risorse di queste due società rafforzerà istantaneamente la nostra posizione nel mercato globale e le nostre capacità tra i generi ci definiranno ulteriormente come un fornitore di riferimento di IP di prima classe in tutto il mondo “.


Il ritorno di Raz Degan con Jägermeister in ‘True Stories’


short movie per la versione premium Manifest dell'amaro tedesco distribuito da Campari è on air su Youtube, Rai Play e Mediaset Video. È ideato, interpretato e diretto dal testimonial che, a 25 anni dall'iconico spot ‘...sono solo fatti miei’, racconta la sua storia e il suo legame col prodotto, invitando, come ha fatto lui, a perseguire sempre i propri sogni. Lungo 4 minuti, ‘True Stories’ ha tagli da 30” che preludono a una pianificazione futura in tv e nei cinema

28 otto
bre 2019
- A 25 anni dal fortunato spot che fece il successo di brand e modello in Italia (“non bevevo Jägermeister ...perché non so perché… sono solo fatti miei”) torna il binomio tra Raz Degan e l'amaro tedesco, oggi nella versione premium Manifest lanciata un anno fa da Mast-Jägermeister e distribuita da Campari. Un Degan più maturo si lega alla versione più matura, da meditazione, del prodotto che, rispetto al tradizionale, ha una gradazione alcolica più alta (38% in vol contro 35%) e contiene ulteriori elementi botanici oltre alle 56 varietà di erbe, radici, frutti e spezie della formula originale.

È lo stesso fascinoso ex modello israeliano, poi attore e oggi anche viaggiatore e documentarista, ad aver scritto, diretto e realizzato lo short movie di quattro minuti ‘True Stories’ che racconta la sua storia e il suo legame con l'amaro. Sorseggiando un bicchiere di Jägermeister Manifest, circondato da amici, Degan rivela il dietro le quinte del suo passato, spronando tutti a credere in se stessi, nelle proprie capacità e intuizioni, inseguendo i sogni per realizzarli, aderendo alla filosofia ‘Manifest Your Dream’ (“The best part about a dream is when your dream becomes a memory”). ‘True Stories’ è distribuito sulle piattaforme Youtube nel canale ufficiale di Jägermeister, Rai Play e Mediaset Video. Ha tagli da 30” che possono suggerire anche una pianificazione futura in tv e nei cinema.

I quattro minuti di narrazione contrappongono scene del presente con materiale d'archivio in cui Degan ventenne stava vivendo la fase di decollo della carriera. Le scene moderne sono state girate tra Berlino, Milano e New York, il materiale d'archivio riguarda la registrazione di avvenimenti della sua vita girati da lui stesso con una cinepresa super 16mm, e l'aiuto di una troupe. Il film, prodotto da Peace Production con regista Degan, vuole creare un dialogo e una continuità tra il personaggio di ieri e quello di oggi. Le musiche originali sono composte dai Yuval Semo.











Influencer in gara su Alpha con ‘Chef in camicia’


canale in chiaro arriva lo spin off in chiave competitiva del progetto di tre star del web, amici di infanzia milanesi, che co-producono insieme a De Agostini. La prima serie di dieci puntate, on air alle 14 la domenica, non prevede product placement o branded content, che interverranno nella seconda stagione. Alpha, nato due anni fa, cresce nella raccolta e negli ascolti, che raggiungono l'1% sul core target uomini 25-44, con peak del 3%

26 ottobre 2019 - Nuova produzione originale di De Agostini Editore che coniuga tv e mondo degli influencer. Su Alpha, il canale free to air al 59 del dtt (e al 415 di Sky) rivolto a un pubblico maschile, ogni domenica per dieci puntate alle 14 va in onda ‘Chef in Camicia’, spin off in chiave competitiva dell'omonimo progetto online di tre amici di infanzia milanesi, Nicolò, Andrea e Luca, che si sono inventati influencer della cucina. Sul canale Youtube (35.000 iscritti in soli 9 mesi), su Instagram (600.000 follower) e Facebook (un milione di iscritti) propongono piatti della tradizione ma non solo e le ricette preferite. ‘Chef in Camicia’ è una coproduzione di Alpha e della società dei tre Chef in Camicia.

Nel programma i tre chef si lanciano una sfida. Provano tre ristoranti milanesi diversi, famosi per avere l'ingrediente protagonista della puntata caratteristico del loro menù (la patata, i pomodoro, il salmone, etc) e ognuno presenta agli altri il locale di cui si fa ambassador. Parte una gara a base di commenti e degustazioni di cui sarà vincitore l'ambassador del più votato. Il pubblico di Alpha potrà interagire votando durante la messa in onda del programma attraverso le Instagram Stories dell'account ufficiale @chefincamicia e decretare anche il vincitore social della puntata, che sarà annunciato a fine episodio.

Per ora il programma non prevede branded content né product placement che potrebbero intervenire in una prossima edizione, in cui il progetto potrebbe venire esteso ad altre città. “È nostra abitudine – spiega il direttore dei canali tematici di De Agostini, Massimo Bruno – testare un nuovo prodotto e poi, a seconda dei risultati, introdurre i brand nella successiva stagione”.

Lanciato due anni fa, Alpha è in crescita sia sul fronte degli ascolti (+26% nei primi nove mesi) che su quello della raccolta pubblicitaria gestita da Sky Media. Lo share in media sul target individui è dello 0,3% che sale all'1% sul core target uomini dai 25 ai 44 anni, su cui raggiunge anche peak del 3%. In access prime time performano bene i documentari sul mondo ‘wild' e il cosiddetto filone ‘building’. “Con Chef in camicia - sottolinea Massimo Bruno - riaffermiamo la nostra vocazione alla produzioni originali di qualità alta. È un progetto che lavora congiuntamente sulla tv lineare, sul sito di Alpha, sui social di Chef in Camicia ed è fruibile anche in streaming on demand”. E persegue l'obiettivo attuale di un editore di fare buoni contenuti che si trasformino in brand e vivano su tutti i device.


Nasce Donne.it - Io Siamo, la community digitale delle donne.
Progetto di Site by Site per Obiettivo Famiglia - Federcasalinghe


community online, voluta dall'associazione di riferimento in Italia sui temi di tutela e supporto alle donne, parla di occupazione, lavoro di cura e imprenditorialità al femminile. L'agenzia Site by Site ha curato l'ideazione del concept e la creatività del progetto, oltre che lo sviluppo tecnologico. Hub Editoriale cura i contenuti

25 otto
bre 2019
- Obiettivo Famiglia – Federcasalinghe, associazione di riferimento in Italia sui temi della tutela e del supporto alle donne di ogni età ed estrazione sociale, ha scelto Site by Site, agenzia specializzata in progetti aziendali innovativi digitali, per il progetto Donne.it e relativa campagna ‘Io Siamo’. Site by Site ha curato l'ideazione del concept e la creatività del progetto, avvalendosi del contributo di Pasquale Diaferia, oltre che lo sviluppo tecnologico della piattaforma digitale (sito, blog, canali social Instagram e Facebook) che ora ospita i molti contenuti dell'associazione a sostegno delle donne italiane. Scopo principale del progetto è di sviluppare due aspetti di interesse generale del mondo femminile: culturale (uguaglianza di genere) ed economico (parità retributiva e opportunità nell'imprenditorialità).

L'intento è di creare una community di donne sempre informate su tematiche di ampio respiro che spaziano dalla responsabilità genitoriale e di cura all'interno dei nuclei familiari ai loro diritti, dall'amministrazione del bilancio familiare alla conduzione di aziende e imprese di varia natura.
Il pay off 'Io Siamo' segna il passaggio dalla singolarità di ogni donna, che nel proprio percorso di vita si trova spesso a ricoprire con difficoltà e in solitudine ruoli distinti (donna, madre, imprenditrice, casalinga) a una comunità di donne, che nel segno dell'unione, della comunicazione e della collaborazione trovano il modo di amplificare forza e tenacia.

Site by Site continuerà a collaborare con Hub Editoriale che ha in carico la gestione, la ricerca e la realizzazione dei contenuti. La redazione per il progetto Donne.it è strutturata in 45 risorse e sarà attiva nello sperimentare nuove tecniche comunicative. Produrrà articoli, videografiche 2d, animazioni 3d, infografiche, vignette ed enigmistica di qualità.


Altri cinque magazine di Mondadori per Belpietro,
nella NewCo al 75% de La Verità e al 25% di Mondadori


ha dato mandato all'a.d. Ernesto Mauri di valutare l'offerta vincolante per Confidenze, Cucina Moderna, Sale&Pepe, Starbene e Tustyle, testate che hanno registrato nel 2018 ricavi per 22,4 milioni di euro. Il gruppo editoriale di Belpietro aggiungerà i cinque magazine a La Verità e a Panorama

24 ottobre 2019 - Arnoldo Mondadori Editore ha ricevuto un'offerta vincolante da parte de La Verità di Maurizio Belpietro per l'acquisizione dei magazine Confidenze, Cucina Moderna, Sale&Pepe, Starbene e Tustyle, testate che hanno registrato nel 2018 ricavi per 22,4 milioni di euro. il consiglio di amministrazione del gruppo Mondadori ha dato mandato all'amministratore delegato Ernesto Mauri di esaminare l'operazione per portarla a compimento, coerentemente con la strategia annunciata dal gruppo di focalizzarsi sui core business Libri, Retail e i Magazine con maggiori potenzialità di sviluppo multimediale.

L'offerta valida sino al 31 dicembre prevede la costituzione di una NewCo, partecipata al 75% da parte de La Verità e al 25% da parte di Arnoldo Mondadori Editore. L'offerta prevede anche un earn-out a favore di Mondadori e meccanismi di put/call a favore dei soci.

Aggiungendo le cinque testate a La Verità e a Panorama (acquisito da Mondadori un anno fa), il gruppo editoriale di Belpietro inizia a raggiungere dimensioni consistenti. La raccolta pubblicitaria che per La Verità e Panorama è in gestione a Opq, per le cinque testate dovrebbe continuare ad essere in carico a Mediamond.


Axpo Italia lancia Pulsee, energy company full digital,
che offre servizi personalizzati e dedicati alla sostenibilità


semplice e intuitiva, consente di attivare forniture di luce e gas che più rispondono allo stile di vita dell'utente, direttamente online e in 3’, e propone servizi dedicati alla sostenibilità ambientale. Il lancio ha il supporto di una campagna di Doing pianificata da Wavemaker su digital, tv e dooh. Doppio evento ieri in Triennale col #PulseeHACK Hackathon e la Space Waste Lab Performance per la prima volta in Italia

23 ottobre 2019 - È nata Pulsee, energy company full digital, che offre libertà di scelta, semplicità di fruizione e consumi sostenibili, unendo affidabilità svizzera a creatività e capacità italiana. La lancia Axpo Italia, parte del gruppo energetico svizzero Axpo, attivo dal 1914, che oggi produce e vende energia in più di trenta paesi in Europa e in Usa. In Italia ha fatto ingresso nel 2000 e oggi è il quarto operatore sul mercato libero.

Pulsee, con tagline ‘evolvi la tua energia’, è una piattaforma semplice e intuitiva che consente di attivare forniture di luce e gas che più rispondono allo stile di vita dell'utente, direttamente online e in appena tre minuti. “Pulsee è un nuovo modello di energy company, completamente digitale, con un'offerta personalizzabile focalizzata sulle necessità delle persone in continua evoluzione”ha detto Simone Demarchi, amministratore delegato di Axpo Italia.

Pulsee è l'unico fornitore sul mercato che prevede una formula tariffaria diversificata con scelta tra sei fasce orarie in base alle necessità Per l'attivazione del servizio, direttamente da computer, tablet o smartphone, sono sufficienti il codice fiscale, una bolletta recente e il codice Iban o una carta di credito. Con l'app Pulsee, inoltre, scaricabile gratuitamente da App store e Google Play, è possibile controllare, ed eventualmente modificare, le offerte anche in mobilità, monitorare i consumi, cambiare il metodo di pagamento, visualizzare e scaricare le bollette, inviare l'autolettura e attivare nuovi servizi.

Sul fronte della salvaguardia dell'ambiente, Pulsee propone servizi dedicati, da abbinare alla fornitura in fase di attivazione o in un momento successivo, che consentono agli utenti di contribuire in maniera trasparente alla sostenibilità ambientale e alla riduzione degli sprechi. Al costo di un euro al mese è possibile, infatti, sottoscrivere servizi che certificano l'origine della propria energia garantendone la provenienza da fonti rinnovabili (le opzioni MyGreen Energy - Adotta un impianto e MyGreen Energy – Gas Certification che in fase di lancio fino al 30 novembre sono attivabili al prezzo simbolico di un centesimo), o che azzerano le emissioni per essere completamente carbon-free (servizio Zero Carbon Footprint).

“Pulsee – sottolinea il digital retail manager di Axpo Italia Carlo Occhiena - ha come valori la flessibilità, la sostenibilità, la community, la trasparenza e l'etica. Il nome ‘Pulsee’ ricorda il battito del cuore e il sentimento, ‘see’ la visione, ‘ee’ la trasformazione digitale. È tailor made perché cerca di capire cosa serve al cliente, è un lifestyle provider che offre energia a portata di mano”. Il target a cui si rivolge sono gli universitari che spesso vivono in appartamenti in condivisione visto che permette di evidenziare i consumi dei singoli, le famiglie giovani, gli innovatori di ogni età.

Il lancio di Pulsee ha il supporto di una campagna firmata da Doing e pianificata da Wavemaker (partner scelti a seguito di gara) su digital (per il 60%), tv (per il 30%), in outdoor e in digital outdoor e in piccola parte in web radio. E' partita ieri dopo una fase teaser da inizio ottobre in cui ha coinvolto il circuito BikeMi. Lo spot è prodotto da Withstand Film.

Ieri, giornata di lancio, si è tenuto inoltre un doppio un evento alla Triennale di Milano. Alle 21 Pulsee ha portato in Italia la Space Waste Lab Performance realizzata in tempo reale dall'artista Daan Roosegaarde in collaborazione con l'ESA, per affermare l'impegno verso la sostenibilità del brand. Il cielo sopra la Triennale di Milano è stato attraversato dalla luce di una moltitudine di potenti fari a Led puntati verso
l'alto a una distanza compresa tra i 200 e i 20.000 km dalla Terram mettendo in evidenza i detriti che fluttuano nello spazio sopra le nostre teste, il cosiddetto ‘space waste’, vera e propria discarica ‘invisibile’ composta da otto milioni di chilogrammi di detriti spaziali (soprattutto frammenti di satelliti fuori uso e di razzi di propulsione alla deriva).

Nel pomeriggio si è tenuto il #PulseeHACK Hackathon tra 50 tra studenti universitari, startupper e giovani talenti dei settori tech, marketing, business e comunicazione che si sono incontrati e sfidati per condividere la visione di Pulsee caratterizzata dall'apertura al cambiamento e per immaginare nuovi approcci tecnologici e digitali, immaginando il prodotto energy per eccellenza e soluzioni di urban environment, mobility e sharing con cui migliorare l'ecosistema smart city di Milano.





Nasce RadioPlayer Italia, l'app free
per lo streaming audio di tutte le radio italiane


stato firmato l'accordo tra PER - Player Editori Radio e Radioplayer Worldwide quale partner tecnologico per realizzare l'app di tutte le emittenti italiane su tutti i devices digitali. PER apre il mercato italiano a una rete di alleanze e di know-how in rapida diffusione nell'Unione Europea. L'app promette di non ‘esportare’ i dati personali degli utenti e nessuna pubblicità indebita

22 ottobre 2019 - PER - Player Editori Radio, la società costituita questa estate con l'obiettivo di attivare l'ascolto in streaming audio, attraverso un'unica app free, di tutte le emittenti italiane su tutti i devices digitali, ha scelto Radioplayer Worldwide come partner tecnologico per realizzarla. Grazie all'app free RadioPlayer Italia, a breve i 44 milioni di ascoltatori settimanali della radio avranno a disposizione un accesso più rapido, semplice e innovativo all'universo dello streaming audio e dell'offerta on demand, ai podcast, ai contenuti offline, ai video nativi delle emittenti.

Il contratto di licenza è stato firmato ieri a Milano tra PER e Radioplayer Worldwide, già partner di dieci consorzi nazionali nel mondo (Uk, Germania, Austria, Belgio, Danimarca, Irlanda, Norvegia, Svizzera, Canada e Perù). Radioplayer mette a disposizione innovazione e ricerca tecnologica, accordi con i grandi marchi dell'automotive e con i produttori di devices digitali, per sviluppare e promuovere l'interfaccia radio dei dispositivi. PER apre il mercato italiano a una rete di alleanze e di know-how in rapida diffusione nell'Unione Europea.


“Avviamo un'operazione di sistema che rafforza e tutela il bene comune radio sul web – dichiara Lorenzo Suraci, presidente di PER–. Presto i nostri ascoltatori avranno un accesso unificato a centinaia di stazioni su tutti i device: mobile, desktop, in-car e in-house”.

Nascono così il primo aggregatore IP voluto dalle emittenti italiane e un'applicazione gratuita che promette di non ‘esportare’ i dati personali degli utenti. Presto si apriranno le adesioni di tutte le radio interessate, di ogni tipo e dimensione. “Contiamo di lanciare al più presto l'app su tutta la filiera digitale: connected cars, smart speakers, smart watches, smart tv, speakers wifi, oltre a smartphone, tablet e pc – aggiunge il direttore di PER, Michele Gulinucci –. Ma i contenuti restano quelli nativi: nessuna intromissione, niente pubblicità indebita. La radio si evolve restando se stessa”.


Variety annuncia la nascita di Variety Italia


storica rivista statunitense dedicata al mondo dell'entertainment sarà pubblicata sul digitale in Italia da Web Magazine Makers, joint venture editoriale tra Luciano Bernardini de Pace e Portobello, che organizzerà anche eventi collegati. Promozione e vendita della pubblicità saranno gestite da Magazine International, la comunicazione sarà curata da Dreamers&Makers

22 ottobre 2019 - Variety, la storica rivista che racconta da 114 anni il mondo dell'entertainment, annuncia la nascita di Variety Italia, che sarà pubblicata grazie a un accordo di licenza esclusiva concessa a Web Magazine Makers, joint venture editoriale creata da Luciano Bernardini de Pace con Portobello spa, guidata da Pietro Peligra. Continua così l'espansione del brand americano con la sua seconda edizione internazionale, dopo il debutto di Variety Cina avvenuto all'inizio di quest’anno.

Variety Italia debutterà nei prossimi mesi nel mondo digitale con un sito e su tutte le piattaforme social in stretta collaborazione con la redazione americana, guidata da Claudia Eller. Le piattaforme comprenderanno anche un canale Podcast e una web tv, offrendo una corposa produzione di contenuti audio e video che andranno anche su YouTube e su altre piattaforme di distribuzione.

Variety Italia produrrà anche eventi realizzati in particolare in concomitanza con manifestazioni di prestigio a Venezia, Roma e Milano oltre che in Europa. In collaborazione con l'edizione americana, pubblicherà, inoltre, contenuti in esclusiva e in anteprima sul mondo del cinema e delle serie televisive internazionali, con un accesso privilegiato ai personaggi, alle notizie e al mondo del business.

La promozione e la vendita della pubblicità di Variety Italia saranno gestite da Magazine International, guidata dal team di Davide Da Rold, che assume la carica di publisher di Variety Italia oltre a esserlo già di Rolling Stone Italia. Le attività di comunicazione del marchio Variety sono curate da Dreamers&Makers, agenzia creativa del gruppo Portobello e di Rolling Stone Italia, che darà supporto strategico e artistico al brand.


Super!, canale free to air per kid e ragazzi,
diventa tutto di Viacom IMN Italia


dopo due anni, con l'acquisizione del restante 50%, il controllo paritetico della rete da parte di Viacom International Media Networks Italia e De Agostini, che aveva fondato il canale nel 2012. La collaborazione proseguirà con la fornitura di contenuti originali di De Agostini e terzi, tra animazione e live action. L'accordo rientra nella strategia di espansione di Viacom sul mercato italiano

21 ottobre 2019 - Viacom International Media Networks Italia ha completato l'acquisizione di Super!, canale free to air dedicato all'intrattenimento per ragazzi, col passaggio di proprietà del restante 50% di Super Broadcast (società a cui fa capo il canale) che era rimasto al fondatore De Agostini Editore. Termina quindi il controllo paritetico della rete specializzata nei bambini e ragazzi dai 4 ai 14 anni che andava avanti dal settembre 2017 (vedi news del 15 settembre 2017). Da anni la gestione pubblicitaria era curata da Viacom Advertising.

La collaborazione tra De Agostini e Viacom proseguirà, tuttavia, grazie a accordo pluriennale di fornitura di contenuti originali di De Agostini e terzi, tra animazione e live action. Super! è visibile al 47 del dtt e al 625 di Sky ed è fruibile anche sul sito www.supertv.it.

“E' un ulteriore risultato nella strategia di espansione di Viacom in Italia, mercato in c
Andrea Castellari
ui abbiamo già una solida posizione sulla piattaforma pay, con alcuni dei nostri principali brand e contenuti premium, tra cui Nickelodeon. L'acquisizione di Super! rinforza la nostra rilevanza nel mercato kids in Italia, aumentando l'esposizione delle nostre property e dei punti di contatto” ha commentato Andrea Castellari, amministratore delegato di Viacom Italia, Medio Oriente e Turchia. In Italia fanno capo al gruppo anche i canali free Paramount Network, Spike, VH1 e i canali pay Mtv, Comedy Central e Nickelodeon su su Sky. Col 100% di Super! il gruppo conta oltre 35 milioni di spettatori al mese.

In questi anni De Agostini ha saputo portare al successo il canale la
Pierfrancesco Gherardi
nciato nel 2012 in uno scenario iper affollato (vedi news del 12 marzo 2012). "Passiamo ora il testimone a Viacom, che certamente saprà valorizzare ulteriormente l'eredità del marchio Super! per concentrarci sui canali pay, sulle piattaforme digitali e sull'attività di produzione e co-produzione di contenuti come De Agostini Editore" ha dichiarato Pierfrancesco Gherardi, managing director della Divisione Digital di De Agostini Editore.


Lidl sceglie il branded entertainment di Discovery
coi prodotti protagonisti di ‘Shop, Cook & Win!’ sul Nove


sul format internazionale di Red Arrow Studios, il programma del preserale in dieci puntate prevede una sfida culinaria a sorpresa tra i clienti guidati dagli chef Rugiati e Torretta. È realizzato in sinergia tra Lidl, Discovery, YAM112003, Omd e Fuse

21 ottobre 2019 - La catena Lidl sceglie il branded entertainment per mostrare i suoi punti vendita come moderni e familiari e la qualità dell'offerta, in particolare del fresco. Da sabato 19 ottobre nel preserale va in onda sul Nove la food competition ‘Shop, Cook & Win! La sfida dei carrelli’, serie di dieci puntate da 45’ girate in cinque diversi punti vendita della catena, in cui gli chef Simone Rugiati e Matteo Torretta reclutano clienti col carrello pieno e li portano direttamente in cucina per realizzare insieme dei piatti gourmet con tutto quanto (di commestibile) hanno acquistato, dal vitello alle caramelle. È una sfida culinaria tra il team Rugiati e il team Torretta con le portate giudicate dalla giuria composta da Valerio Visintin, critico gastronomico del Corriere della Sera solito a presentarsi in incognito (mascherato), Anna Buffa, ideatrice del progetto ‘Fornelli a spillo’, e Lorenzo Sandano, giovane critico gastronomico. Il cliente del team vincitore ottiene un buono di 500 euro da spendere nei supermercati Lidl.

Il programma è basato sul format internazionale di Red Arrow Studios ed è sta
Simone Rugiati e Matteo Torretta
to realizzato in sinergia tra Lidl, Discovery, YAM112003 (agenzia di eventi e casa di produzione) con la consulenza della centrale media Omd e di Fuse, la divisione di Branded Entertainment di Omnicom Media Group. “È un perfetto esempio di branded entertainment - commenta Alberto Rossini, branded entertainment & tv director di YAM112003 -, un programma di intrattenimento che nasce dalla collaborazione tra brand, canale televisivo e casa di produzione”. Andrea Francesco Varisco, responsabile marketing di Lidl Italia, dichiara: "Lo spettatore viene coinvolto da un format originale, divertente e appassionante dove Lidl è presente, ma in modo armonico con il contesto. La convenienza dell'offerta viene citata, ma l'attenzione è puntata sulla qualità e sulla freschezza dei prodotti. Come azienda siamo stati presenti sin dalle primissime fasi di progettazione”.

È un modo nuovo di approcciarsi ai media che vede nei branded content un'opportunità in più per Lidl che è in comunicazione tabellare tutto l'anno, con un investimento in linea con quello del 2018. Il mezzo principale pianificato è la tv seguita dal volantino, dal digital e dalla radio. Inoltre, la catena è sponsor della Figc come fornitore ufficiale di frutta e verdura. Superata da tempo la connotazione di hard discount, Lidl ora si posiziona come ‘supermercato con l'anima discount’ e conta oggi in Italia 650 punti vendita che crescono al ritmo di 40 nuovi l'anno. Ha fatturato nell'anno fiscale che si è concluso il 28 febbraio scorso 4,7 miliardi di euro.

L'operazione è stata proposta a Lidl da Discovery Brand Solutions unit di Discovery Media il cui senior director, Francesca Sorge, sottolinea: “Abbiamo interpretato il desiderio di Lidl di comunicare con un approccio distintivo, utilizzando l'intrattenimento come chiave di racconto e di coinvolgimento dei telespettatori, realizzando un programma perfettamente coerente e integrato alla linea editoriale di Nove. Il branded entertainment per Discovery è un asset consolidato e premium“. Discovery Media sta anche mettendo a punto ricerche qualitative e quantitative, affidate a istituti esterni, che diano conto dei risultati raggiunti da azioni di branded content, e dal 2020 li metterà a disposizione dei clienti.


Guest italiani e internazionali pronti
a ‘mettersi scomodi’ a IF! Italian Festival


Mentana, Linus, Nino Frassica, Massimo Recalcati, Erik Kessels e altri guru della creatività animeranno i dibattiti della tre giorni dedicata alla creatività, organizzata da Adci e UNA con main partner Google. Il tema di quest’anno ‘Mettetevi Scomodi’ sarà declinato attraverso tre percorsi tematici: scelte coraggiose, cambi di prospettiva e (dis)intermediazione. Appuntamento a Base Milano a partire dall'Adci Shortlist Party aperto a tutti il 7 novembre alle 19

18 ottobre 2019 - È iniziato il conto alla rovescia per IF! Italians Festival, sesta edizione dell'evento dedicato alla creatività, organizzato e promosso da Adci– Art Directors Club Italiano e UNA – Aziende della Comunicazione Unite insieme al main partner Google (vedi news del 19 giugno). L'apertura della tre giorni che si terrà a BASE Milano giovedì 7 novembre alle 19 con l'Adci Shortlist Party, evento gratuito e aperto al grande pubblico durante il quale sarà possibile prendere visione delle campagne finaliste agli Adci Awards, in attesa della premiazione in programma sabato 9 novembre.

Il tema di quest’anno ‘Mettetevi Scomodi’ sarà declinato attraverso gli appuntamenti di tre percorsi tematici: scelte coraggiose, cambi di prospettiva e (dis)intermediazione.

Le scelte coraggiose

Il primo percorso racconta come oggi sia necessario per i brand, in generale, e per la creatività pubblicitaria, in particolare, fare scelte coraggiose, persino scomode, allontanandosi dalle strade già battute per ritrovare rilevanza e consistenza.

Venerdì 8 novembre alle 11.30 il conduttore e scrittore Matteo Caccia, co-fondatore di brandstories, porrà l'accento sulla narrazione biografica, evidenziando il rapporto tra vulnerabilità e coraggio, inteso come abbandono del certo per l'incerto creativo, secondo l'approccio sperimentato dagli ex pubblicitari Gianni Miraglia e Stefano Rosselli, protagonisti di un panel moderato da Davide Boscacci.

Alle ore 17.30, durante l'IF! Talk Discomfort is a strategy, Luca Vergano, vp strategist di Elephant NY, racconterà come la scomodità possa essere un punto di forza e una strategia vincente, mentre sabato 9 alle 15.15 l'artista-pubblicitario Erik Kessels parlerà del nonsense come modalità ideale per catturare l'attenzione di un pubblico costantemente sollecitato da stimoli e messaggi diversi.

Cambi di prospettiva

Il secondo percorso si concentra sull'esigenza di cambiare (e, spesso, ribaltare) la propria visione per comunicare in modo efficace. Venerdì 8 Stefania Romenti (Ph. D, professore di strategic communication presso l'Università Iulm di Milano e adjunct professor alla IE Business School di Madrid) analizzerà le sfide della corporate communication, oggi chiamata a una nuova assunzione di responsabilità per conquistare la fiducia del target di riferimento. Roya Zeitoune, YouTube Culture & Trends Lead Emeas, invece, illustrerà il ruolo dominante di YouTube come fonte delle principali tendenze comunicative di oggi.

Grazie a Wavemaker è previsto un approfondimento sul social entertainment di TikTok, che trasforma per le nuove generazioni il classico ‘play in ‘create’. Il percorso tematico affronterà anche le opportunità e le criticità dei big data, l'incontro-scontro tra live communication e pubblicità classica, il branded content legato alla serialità, l'importanza di una sostenibilità che non sia solo comunicata, ma anche praticata. Inoltre, venerdì 8 alle ore 15.15 l'IF! Talk con Amelia Hartley (Head of Music, Endemol Shine Uk) e moderato da Francesco Menegat, music consultant della powerhouse di produzione Operà Music, illustrerà il caso Black Mirror: Bandersnatch, esplorando la ‘costruzione acustica’ di un universo scomodo sul piccolo schermo.

La (dis)intermediazione

Il terzo percorso di IF! Italians Festival affronta la disintermediazione come effetto della digitalizzazione, oltre che le sue ripercussioni su media e mediatori che, pur continuando a esistere, vedono modificarsi i propri ruoli e linguaggi.

Nella masterclass di venerdì 8 alle 12.15 moderata da Ludovica Federighi (Head of Fuse-Omnicom Media Group), il giornalista Enrico Mentana vestirà i panni dell'intervistato per spiegare come tra televisione, social media e mezzi digitali, percorrendo strade non battute e sperimentando linguaggi nuovi, sia un punto di riferimento nella narrazione della politica e del costume.

Lospeaker di Radio Deejay e direttore artistico di Deejay TV Linus alle ore 16 di venerdì 9 sarà il protagonista del format “10 domande scomode a...” moderato da Davide Boscacci, del Comitato Organizzatore di IF!. In particolare, Linus racconterà come lo storico brand Deejay abbia attraversato cambiamenti e nuovi scenari mantenendo un ruolo di primo piano nel panorama mediatico contemporaneo.

Il direttore creativo Javier Campopiano, Chief Creative Officer di Grey Europe, sottolineerà il ruolo cruciale di agenzie veramente creative: l'incontro è in programma per venerdì 8 alle 18.15.

Il percorso lascerà spazio anche alle nuove forme comunicative, come lo smartcasting: l'IF! Talk dedicato all'evoluzione degli assistenti vocali andrà in scena venerdì 8 alle 12.15 e vedrà coinvolti Mauro Del Rio, co-founder della società di ‘smart content for smart speakers’ SOLO, il Responsabile Partnership Google Assistant Greg Marcheteau e i giornalisti Matteo Bordone e Marina Pierri.

A seguire, la roundtable La scomodità come chiave del branded content moderata da Alessandra Lanza, direttore generale di IF!, ospiterà lo scrittore e discografico Antonio Dikele Distefano, la manager discografica di Big Picture Mgmt Paola Zukar e David Fischer, founder di Blue Joint Film e Red Joint Film. Al centro dell'incontro i linguaggi e i mezzi più adatti per parlare a una community specifica e il caso Basement Café spiegato dai protagonisti.

Per tutti gli altri appuntamenti, ad di là dei tre percorsi principali, compresi i format che hanno scritto la storia di IF! come Controcolloquio (sabato 9 ore 15.15) e la Directors’ Battle (venerdì 8 alle 19) rimandiamo al programma sul sito https://2019.italiansfestival.it/.


Cento globi in giro per Milano per riflettere sulla sostenibilità.
WePlanet, Mondadori e Mediamond in cerca di sponsor


globi, realizzati al 50% con materiale riciclato, diventeranno opere d'arte a tema inquinamento e cambiamenti climatici, per mano di cento artisti, designer, studenti, e riempiranno in primavera vie, piazze e parchi di Milano. Ogni globo sarà interattivo con l'A/R e avrà un brand o un ente mecenate, che godrà di visibilità editoriale sulle testate Mondadori Grazia, Interni, Focus, Casa Facile e Icon Design. Mediamond cura il risvolto commerciale dell'iniziativa

18 ottobre 2019 - Dal 12 aprile al 21 giugno Milano ospiterà un'installazione collettiva open air di cento opere d'arte create per sensibilizzare sul tema dell'ambiente e della sostenibilità, stimolando la coscienza critica dei cittadini. ‘Cento globi per un futuro sostenibile’ è il titolo del progetto ideato da Paolo Casserà di WePlanet e messo in atto in collaborazione col Gruppo Mondadori e la concessionaria Mediamond, a cui hanno dato il patrocinio il Comune che lo ha inserito nell'ambito di ‘Milano Plastic Free’ e la Regione Lombardia.

I cento globi, ovviamente ispirati al globo terrestre, avranno diametro di oltre 130 cm e altezza di 170 cm (con base e targa) e saranno realizzati al 50% con materiale riciclato. Diventeranno opere d'arte per mano di cento artisti, designer, studenti di accademie e scuole milanesi, che
li decoreranno avendo come tema l'inquinamento e i cambiamenti climatici. Lavoreranno in un laboratorio (‘la fabbrica dell'universo’) in zona Stazione Centrale (Sammartini angolo Tonale) messo a disposizione da Grandi Stazioni Retail, che sarà aperto al pubblico per visite e incontri. Dal 12 aprile al 21 giugno saranno collocati in piazze, vie e parchi della città, agganciando una serie di eventi come Milano Art Week, Milano Design Week, Milano Piano City, Milano Food City, Milano Arch Week, Milano Photo Week e Milano Fashion Week. Sono previste, inoltre iniziative per i bambini come il Villaggio Kids in maggio. Il 29 giugno i pezzi migliori saranno battuti all'asta da Sotheby’s Italia e il ricavato andrà a sostegno di un progetto di sostenibilità per Milano.

I globi saranno interattivi grazie all'impiego della realtà aumentata che darà informazioni sul progetto, sull'artista, sull'opera e sullo sponsor relativo. Brand ed enti che vogliono dimostrare di avere a cu
ore il tema saranno coinvolti da Mediamond che cura la parte commerciale del progetto. Il mecenate avrà nome e logo nella targa alla base del globo e avrà visibilità editoriale nelle pagine e sulle versioni digital delle testate Mondadori aderenti, che dedicheranno servizi al tema della sostenibilità, ciascuna col proprio taglio e nel proprio ambito (fashion, design, divulgazione scientifica, abitare quotidiano ed eco-sostenibilità, costruzioni). Le testate sono Grazia, Interni, Focus, Casa Facile, Icon Design. L'impegno economico parte dai 30.000 euro in su. Si immagina poi che uno sponsor sarà il primo ad essere interessato ad aggiudicarsi all'asta l'opera che ha sostenuto.

Le testate veicoleranno una campagna pubblicitaria a supporto dell'iniziativa WePlanet tra giugno e novembre. Sarà coinvolto anche IDD Magazine (i 20 ledwall del circuito Mediamond) e verrà distribuito materiale promozionale in hotel e ristoranti e altri luoghi pubblici, nel circuito museale e artistico. Non mancheranno interventi su digital e social, in particolare sul network Mediamond. Media partner sono Radio Montecarlo e TGcom24.

“WePlanet è il nuovo mecenatismo per un'alleanza tra il mondo produttivo e la sfera delle arti” sottolinea Paolo Casserà, ceo di WePlanet. “Il Gruppo Mondadori ha intrapreso da circa dieci anni un percorso di responsabilità sociale d'impresa in cui si impegna a favorire ogni giorno la diffusione della cultura e delle idee al più ampio pubblico possibile” ha dichiarato Carlo Mandelli, direttore generale Periodici Italia del Gruppo Mondadori. È il primo grande progetto misto per Mondadori che unisce impegno editoriale, istituzioni, eventi sul territorio e comunicazione, con un format che appare ripetibile e che potrebbe fare da apripista.


Valencenter si riposiziona e dà il via
alla campagna #valeperché con Acqua Group


fa da porta verso un mondo di contenuti e da aggregatore per una community che frequenta non solo per lo shopping ma anche per i servizi offerti. La campagna durerà tutto l'anno in affissione, stampa, digital e social. Valecenter è di proprietà della società di gestione Multi Italy, che conta in Italia 8 centri commerciali e 5 factory outlet. Negli ultimi due anni ha investito in comunicazione 10 milioni

17 ottobre 2019 - Multi Italy, società di gestione di centri commerciali, ha dato il via al riposizionamento di Valecenter di Marcon (Venezia), acquisito nel 2015, affidando la strategia di comunicazione ad Acqua Group. Dall'idea che l'andare a fare shopping possa essere ‘pretesto’ per fare qualcosa di più, che diventa esperienza e rientra anche nella sfera emozionale, è nato l'hashtag #valeperché che fa da ‘porta’ verso un mondo di contenuti e da aggregatore per una community fidelizzata che frequenta non solo per lo shopping ma anche per i molteplici servizi offerti. Oltre a diventare elemento caratterizzante del centro stesso.

La campagna in affissione, stampa, digital e social parte da qui, dall'hashtag come incipit che viene completato a seconda dei protagonisti degli annunci, tipo #valeperché… “mi sento sempre al centro” (una ragazza sorridente). I soggetti sono 3 (ragazza, coppia, due amiche che vanno al cinema del complesso) oltre alla declinazione eventi, a partire dal natalizio. C'è l'intenzione anche di ampliare il target che ora ha come core la famiglia. “È un campagna di rottura rispetto a quelle classiche molto colorate del settore – spiega il direttore creativo esecutivo di Acqua Group Francesco Guerrera –. I protagonisti non sono in posa, hanno atteggiamenti spontanei e sono ripresi in bianco e nero. E il messaggio funziona bene su tutti i touchpoint”.

La campagna, in partenza, durerà per tutto l'anno su affissioni in zone limitrofe a Valecenter, su quotidiani locali, sul sito e sui social del centro stesso. Ci sarà anche uno spot che sarà trasmesso nelle sale dell'Uci Cinema che fa parte della struttura. Per gli eventi che vengono organizzati con continuità ci sarà il format pubblicitario declinato hoc.

Multi Italy, parte di Multi Corporation che gestisce oltre 110 asset in 13 Paesi Europei e in Turchia, conta in Italia 8 centri commerciali e 5 factory outlet, alcuni solo in gestione, alcuni anche di proprietà come appunto è Valecenter. Gli asset, per una superficie commerciale utile di oltre 250.000 mq, ospitano ogni anno 30 milioni di visitatori, generando un fatturato che si attesta sui 450 milioni di euro. L'obiettivo è di continuare l'espansione, attraverso nuovi mandati di gestione. In comunicazione Multi Italy ha investito negli ultimi due anni 10 milioni. I partner di comunicazione, oltre ad Acqua Group che cura anche Forum Palermo, sono Thekom di Roma per sito e social media di 6 centri, Network Propaganda in Sicilia e varie agenzie locali. Il media è curato internamente.


Havas Media vince la gara di Hyundai Motor Company
che le conferma il media in Europa, Russia e Turchia


una gara durata dieci mesi, Havas Media si è aggiudicata nuovamente l'incarico per il media planning e buying dei brand automobilistici Hyundai e Kia, che gestiva da un decennio. L'assegnazione riguarda anche l'Italia dove il budget è di circa 40 milioni di euro

17 ottobre 2019 - Si è conclusa con la riconferma di Havas Media la gara avviata dieci mesi fa da Hyundai Motor Company per la gestione del media planning e del buying in Europa, Russia e Turchia dei brand Hyundai e Kia. Havas Media era incaricata da circa un decennio. La gara è stata gestita da Innocean Worldwide, l'in-house agency globale del gruppo automobilistico coreano, dagli uffici in Corea insieme all'headquarter europeo del network.

La riassegnazione riguarda anche il mercato italiano dove l'investimento in pubblicità per i due marchi si aggira intorno ai 40 milioni di euro.

“Dopo 10 anni di partnership, parte una nuova fase di collaborazione ancora più stretta con Havas. Con questa partnership rinnovata posizioneremo i nostri clienti Hyundai e Kia come leader per nuove soluzioni di mobilità" ha dichiarato Juergen Zienicke, european group media director di Innocean. “Siamo molto orgogliosi che Innocean, Hyundai e Kia abbiano deciso di estendere una relazione decennale a seguito di un processo di revisione così approfondito. Entrambi i marchi hanno piani ambiziosi per il futuro in più aree e siamo entusiasti di poterli aiutarli a raggiungerli” ha aggiunto Peter Mears, global ceo di Havas Media. Le basi per questa nuova collaborazione inizieranno a essere stabilite nelle prossime settimane.


Publicis e Amazon firmano l'operazione
‘The Wild Store’ per Nuovo Renault Kadjar 4x4


imperdibile su Amazon per una smart tv sarà accessibile solo in un temporary shop raggiungibile con un vero test drive offroad a bordo del nuovo Suv. L'operazione parte il 17 ottobre sul sito dedicato mentre sul sito di Amazon si potrà prenotare l'esperienza offroad

16 ottobre 2019 - Renault ha lanciato Nuovo Kadjar in versione 4x4, Suv dalle prestazioni sportive e con design rinnovato che offre emozionanti performance offroad. Per dimostrarlo a un target abituato a vivere sempre connesso e ad avere tutto comodamente dal divano, Publicis Italia ha ideato ‘The Wild Store’, un temporary shop raggiungibile solo a bordo del nuovo modello, dove sarà possibile accedere a un'incredibile offerta online per un acquisto su Amazon.

All
'interno del Wild Store si potrà acquistare per soli 10 euro una Smart Tv 49’’ del valore di oltre 1.000 euro, alla condizione di raggiungere lo store dopo un vero test drive offroad a bordo di Nuovo Renault Kadjar. Cliccando sull'offerta, gli utenti saranno reindirizzati verso una video-experience che spiegherà come accedere allo sconto. Tra la scoperta dell'offerta e l'acquisto vero e proprio della Smart Tv ci sarà un viaggio su strade sterrate e sentieri di montagna.

L'operazione creata da Publicis pe
r Renault Italia in collaborazione con Amazon sarà on air in fase teaser dal 17 ottobre su www.amazonwild.renault.it. Qui sarà possibile visualizzare un video che mostra il Nuovo Kadjar impegnato in percorsi offroad e spiegherà le regole per accedere all'operazione. Su Amazon.it sarà poi possibile prenotare e vivere l'esperienza di guida offroad. La produzione del filmato è di Bedeschi Film con regia di Gigi Piola.


QN il Resto del Carlino, La Nazione e il Giorno in edicola rinnovati


grafico per i tre quotidiani della Poligrafici Editoriale, con riorganizzazione del flusso delle notizie e l'adozione di un nuovo font comune per carta e digitale. Spazio a nuove firme, inchieste, approfondimenti, dossier e consigli. La domenica arriva allegato in omaggio il magazine QN Weekend. L'offerta prevede anche la pubblicazione dei mensili tematici QN Itinerari e Salus

15 ottobre 2019 - I quotidiani della Poligrafici Editoriale QN Quotidiano Nazionale il Resto del Carlino, La Nazione e il Giorno sono oggi in edicola con grafica rinnovata che valorizza sempre di più le notizie. confermando la vocazione di giornali contemporanei e aggiornati, senza perdere l'identità e la natura di quotidiani chiari e popolari.

Poligrafici Editoriale propone da sempre un prodotto editoriale che copre tutte le esigenze dei lettori, allo stesso tempo quotidiano nazionale, regionale, locale e di nicchia. La formula fa di QN il secondo quotidiano per copie vendute in edicola su tutto il territorio nazionale e rafforza la leadership nelle aree storiche di riferimento.

Come spiega il direttore Michele Brambilla, è stato riorganizzato il flusso delle notizie: "Ogni sezione dei tre giornali avrà una coerenza c
ostruttiva e visiva con le altre, basata sulla gerarchizzazione delle notizie e sul percorso di lettura, per far sì che il lettore sappia sempre in che ‘luogo’ del giornale si trova. Questo nuovo metodo di gestione delle pagine faciliterà anche il lavoro dei giornalisti, per dare loro la possibilità di concentrarsi sulle notizie, il vero valore aggiunto del quotidiano". Per facilitare la lettura è stato adottato un carattere più moderno e contemporaneo, il Graphik, bastonato e senza grazie, come quelli che caratterizzano i device digitali: "Il nostro ‘ambiente di lettura’ diventa unico, con le medesime abitudini e caratteristiche, eliminando anacronistiche divisioni tra carta e digitale”.

Il nuovo QN darà spazio a nuove firme e proporrà immagini di forte impatto, inchieste, approfondimenti, ma anche dossier e consigli. Una novità è rappresentata da QN Weekend, settimanale dedicato a viaggi, enogastronomia, moda, motori, salute e benessere, in omaggio la domenica ai lettori. DEl sistema fanno, parte anche i mensili tematici QN Itinerari e Salus.

Il rilancio ha il supporto di una campagna di comunicazione di presentazione delle novità grafiche sui mezzi del gruppo.


Un supereroe in animazione 3D per coinvolgere i bambini
nella campagna Nice to Eat-EU di formaggio Piave Dop


Consorzio Piave Dop ha presentato in anteprima ad Anuga il progetto di comunicazione dedicato ai ragazzini delle scuole primarie e la campagna che sarà a novembre in 50 sale del circuito Uci Cinema. I bambini saranno chiamati a completare la storia tramite un concorso

15 ottobre 2019 - Il Consorzio per la Tutela Formaggio Piave Dop con Agrifor ha lanciato in anteprima mondiale alla fiera di Anuga, la maggior fiera al mondo dedicata al settore Food & Beverage, un progetto dedicato ai bambini nell'ambito della campagna Nice to Eat-EU co-finanziata dall'Unione Europea. Protagonista è Captain Piave, supereroe in animazione 3D Full HD che difende il formaggio delle Dolomiti bellunesi e tutte le produzioni a marchio di tutela DOP da abusi e contraffazioni. La campagna lo vedrà protagonista a novembre in 50 sale del circuito Uci Cinema.

La campagna parla ai bambini in età scolastica – uno dei più importanti target del progetto Nice to Eat-EU – utilizzando un linguaggio divertente con l'obiettivo di infondere nei consumatori di domani il valore dei marchi di qualità europei sul piano della sicur
ezza degli alimenti, della tracciabilità, dell'autenticità e degli aspetti nutrizionali e sanitari.

Captain Piave è impegnato a contrastare il perfido piano di Dr Fake, scienziato che tenta di riprodurre il formaggio tenendo in ostaggio in un laboratorioa la povera Mucca Bruna. Pur nutrita con le farine più raffinate e le migliori tisane rilassanti, la Mucca, lontana dai suoi pascoli, non dà il latte desiderato. Per avere il Piave Dop servono tradizione ed esperienza unite al territorio e all'antico 'saper fare' dei casari locali, oggi raccolto in un Disciplinare di produzione.

Il seguito della storia verrà ideato dai bambini stessi, attraverso il concorso organizzato da Nice to Eat-EU e rivolto agli studenti delle scuole primarie, che saranno chiamati a proporre uno storyboard del seguito delle avventure del supereroe, in difesa dei regimi di qualità dell'Ue.

Il video integrale delle avventure di Captain Piave è sul sito www.nicetoeat.eu, in italiano e in inglese, oltre che su Youtube.





NYC & Company lancia in 22 mercati la versione rinnovata
della campagna Famous Original New York City. Budget 20 mln $


attesa di registrare il record delle presenze nel 2019, l'ente del turismo di New York City realizza in-house la campagna globale che sottolinea lo spirito di accoglienza della città attraverso l'icona della Statua della Libertà. Prevede out-of-home con JC Decaux, media digitali, cambi merce e media partnership. Arriverà anche in Italia

14 ottobre 2019 - Nel 2019 New York City dovrebbe raggiungere la cifra record di 66.9 milioni di visitatori contro i 65 milioni dello scorso anno, tra cui 13.9 milioni provenienti dall'estero. In attesa di festeggiare il traguardo, NYC & Company, ente del turismo di New York City, ha lanciato la sua maggior campagna globale di marketing, versione rinnovata della ‘Famous Original New York City’. Grazie a un budget di 20 milioni di dollari, raggiungerà 22 mercati tra cui l'Italia e, per la prima volta, Irlanda e Singapore. La creatività sottolinea lo spirito di accoglienza che caratterizza la città attraverso l'icona della Statua della Libertà, proposta attraverso una soluzione grafica fresca e contemporanea realizzata in-house. A supporto della campagna, NYC & Company lancerà presto sul sito https://www.nycgo.com/ nuovi contenuti con esperienze personalizzate da vivere in città.

In ogni mercato, NYC & Company ha stretto collaborazioni con tour operator e compagnie aeree per integrare nella campagna pacchetti e offerte sui voli pensati per incentivare gli arrivi nel primo trimestre del 2020. La campagna prevede out-of-home, realizzato con il media partner globale JC Decaux, media digitali, cambi merce e media partnership con vettori aerei. Il partner e le date di lancio della campagna in Italia s
aranno noti a breve.

La campagna continua a promuovere la tagline ‘Welcomes You. Always.’ e rappresenta i partner turistici con diverse iterazioni colorate tra cui scegliere e altre immagini creative di New York ancora da svelare. Novità di quest'anno è il kit che darà la possibilità ai partner di promuovere la città in linea con ‘Famous Original New York City’. Tra gli strumenti del kit rientrano immagini dei cinque distretti, video e altre risorse creative. Partita la settimana scorsa, la campagna arriverà anche su Facebook, Instagram e Youtube. Sarà anche possibile prenotare ristoranti, hotel e attrazioni direttamente dal sito.


Investimenti pubblicitari in calo,
-0,9% in agosto e -1,3% negli otto mesi


chiudere l'anno in pareggio i quattro mesi successivi dovrebbero marciare al ritmo del +2%, ma sembra poco probabile. La tv chiude i primi otto mesi a -6,4%, perde a due cifre la stampa e flettono anche l'outdoor e il transit. Cresce invece la radio, mentre l'intero universo del web advertising, stimato da Nielsen, segna +8,4%. Tra i primi dieci settori merceologici, tra gennaio e agosto ha investito di più solo il tempo libero

11 otto
bre 2019
- Gli investimenti pubblicitari in Italia hanno chiuso agosto in negativo, a -0,9% rispetto ad agosto 2018 e la raccolta nei primi 8 mesi segna -1,3%. Se si esclude dalla raccolta web la stima Nielsen sul search, social, classified (annunci sponsorizzati) e dei cosiddetti 'Over The Top' (Ott), l'andamento nel periodo gennaio- agosto si attesterebbe a -5,9%.

“Agosto conferma il trend del 2019 registrato sino ad ora - spiega Alberto Dal Sasso, AIS managing director di Nielsen -. Come prevedibile, la tv è in recupero sul mese e migliora leggermente il trend rispetto al mese precedente. La radio, dopo il risultato di maggio già in crescita, per il secondo mese consecutivo registra +7% confermando la buona performance, mentre la stampa rimane in sofferenza". Va detto che agosto è un mese che incide in misura ridotta (all'incirca il 3%) sull'ammontare degli investimenti annui. " Per chiudere in terreno neutro la fine dell'anno- conclude Dal Sasso - i prossimi 4 mesi dovrebbero fornire una crescita intorno al 2%. Vedremo se confermeranno questo trend”.

La tv dunque è in calo ad agosto dell'1,2% e consolida i primi 8 mesi a -6,4%. In negativo anche i quotidiani, che ad agosto perdono il 14,7%, consolidando il periodo cumulato gennaio-agosto a -10,6%. Stesso andamento per i periodici, sia nel singolo mese che per i primi 8 mesi, con cali rispettivamente del 24,8% e del 15,5%. Continua l'andamento positivo della radio, che ad agosto registra un incremento del 7,5% rispetto al 2018 e porta a +2,5% la raccolta per i primi 8 mesi quest’anno.

Sulla base delle stime realizzate da Nielsen, la raccolta dell'intero universo del web advertising nei primi 8 mesi del 2019 chiude in positivo, a +8,4% (+2,2% se si considera il solo perimetro Fcp AssoInternet). Cinema e GoTv sono in crescita da gennaio ad agosto rispettivamente del 23,7% e del 5,9%. In negativo l'outdoor (-7,6%) e il transit (-7,9%).

Per quanto riguarda i settori merceologici, tra i primi 10 solo il tempo libero ha un andamento positivo (+5,3%). Per gli altri continua l'andamento negativo: telecomunicazioni (-20,2%), automobili (-10,5%) e cura persona (-12,4%) investono complessivamente circa 102 milioni di euro in meno rispetto allo stesso periodo del 2018.



Grandi Stazioni presenta Gate GoTv, 45 schermi in gestione
pubblicitaria ai departure gate degli aeroporti di Roma


Stazioni Retail ha aggiunto Gate GoTv alla gestione commerciale e pubblicitaria in esclusiva delle 14 più grandi stazioni ferroviarie italiane di 11 città, ampliando il business a quasi 2000 touchpoint pubblicitari rivolti a circa 800 milioni di viaggiatori all'anno. Dopo aver scelto Grandi Stazioni Retail per gli schermi a Fiumicino e Ciampino, ADR Aeroporti di Roma mette ora in gara la parte di business relativa alla gestione degli spazi pubblicitari per i clienti mediati dai centri media

10 ottobre 2019 - Da agosto Grandi Stazioni Retail (società controllata dal consorzio di fondi Antin-Borletti-Icamap) ha acquisito, grazie a un accordo con ADR Aeroporti di Roma, la gestione pubblicitaria di 45 schermi presenti ai departure gate degli aeroporti romani di Fiumicino e Ciampino, con un potenziale di 49 milioni di viaggiatori, costituendo il progetto Gate GoTv.

Per Grandi Stazioni si tratta di una partnership strategica che amplia il business della concessionaria al di là del perimetro di mezzi di proprietà, ovvero della gestione commerciale e pubblicitaria in esclusiva delle 14 più grandi stazioni ferroviarie italiane di 11 città, e l'ha portata a contare quasi 2000 touchpoint pubblicitari rivolti a circa 800 milioni di viaggiatori all'anno, a disposizione delle attività di comunicazione di brand sopratutto dei settori business, luxury e leisure. Grandi Stazioni conta oggi due milioni di contenuti pubblicitari generati ogni giorno e ha avuto nell'ultimo anno un incremento del 20% degli investitori. Da quando è passata sotto la nuova proprietà nel 2016 ha raddoppiato i ricavi.

Gate GoTv propone un palinsesto informativo, rubriche e appuntamenti anche in lingua inglese, che verrà arricchito dalla presenza di Sky Tg24, storico partner di Grandi Stazioni Retail, che, come dichiara il direttore De Bellis, "non è più solo un tg, ma un brand editoriale che distribuisce i contenuti su tutti gli output possibili, ampliandosi da canale all news a piattaforma di contenuti". Agli investitori Grandi Stazioni offre diverse opportunità, dai branded content legati ad eventi in città alle promozioni nei punti vendita aeroportuali, dai content che si collegano alle pagine sui social alla sponsorizzazione di rubriche come il Meteo.

Grandi Stazioni Retail è ora in gara, insieme ad altre concessionarie tra cui Clear Channel, Mediamond, MediaOne e non solo, per la gestione dei clienti mediati dai centri media di ADR Aeroporti di Roma. All'inizio dell'anno ADR ha internalizzato la vendita degli spazi pubblicitari, prima curati da Clear Channel, per quanto riguarda i clienti diretti e affidato a MediaOne quelli mediati dai centri media. Ora questa ultima parte di business è stata messa in una gara, che viene gestita dall'advisor Ebiquity. La prima selezione è in corso e l'assegnazione dovrebbe avvenire a novembre.


Accordo tra EuroDAB Italia e BBC
per la trasmissione in Italia di BBC World Service


bouquet dell'operatore di rete radiofonico nazionale che diffonde i segnali in tecnologia DAB-T si arricchisce di un mix di news di BBC che include programmi di sport, arte, spettacolo, scienza. Ci saranno anche contenuti che riguardano l'Italia che verranno veicolati in tutto il mondo. Il canale è rivolto a quel 30% di italiani che conosce l'inglese, in particolare ai giovani

10 otto
Mary Hockaday e Lorenzo Suraci
bre 2019
- Si amplia con le trasmissioni di BBC World Service il palinsesto di EuroDAB Italia, l'operatore di rete radiofonico nazionale che diffonde i segnali radiofonici in tecnologia DAB-T (Digital Audio Broadcasting). L'accordo stretto con la BBC, uno dei maggiori player internazionali, permette di ascoltare in Italia 24 ore su 24 un mix di contenuti di BBC News che include, oltre news “accurate e imparziali” fornite da una rete mondiale di esperti giornalisti, anche programmi di sport, arte, spettacolo, scienza, oltre a occasioni di dibattito. L'accordo è particolarmente significativo per la valenza internazionale e in vista dell'obbligo dell'autoradio digitale su tutte le nuove vetture in vendita dal primo gennaio 2020.

"Siamo molto orgogliosi che BBC World Service abbia scelto la rete digitale di EuroDAB per diffondere il proprio contenuto in Italia – ha detto Lorenzo Suraci, presidente di EuroDAB Italia, nonché di Rtl 102,5 –. L'accordo migliora ed estende l'offerta dei contenuti del nostro bouquet e aiuta la radio, in generale, in un mondo sempre più globale". Il servizio è rivolto a quel 30% di italiani che conosce l'inglese, in particolare ai giovani, come ha sottolineato Mary Hackaday, controller of BBC World Service: “Diamo il benvenuto agli ascoltatori italiani all'interno della nostra audience globale che si rivolge a BBC World Service per l'informazione e l'intrattenimento. BBC World Service vuole intercettare le nuove generazioni ma anche gli over. Aggiungeremo gli ascoltatori italiani ai 97 milioni che abbiamo in tutto il mondo. Proporremo anche contenuti specifici che riguardano l'Italia e li veicoleremo ovunque”.

EuroDAB Italia opera dal 2001 e, ad oggi, copre circa l'80% della popolazione Italiana. L'attuale copertura è ottimizzata per la ricezione in mobilità. L'offerta completa di EuroDab è a oggi composta da Radio Italia Solo Musica Italiana, Radio Italia Trend, Radio Padania, Zeta DAB, Radio Kiss Kiss, Radio Vaticana, RTL 102.5, Radiofreccia, RTL 102.5 Best, RTL 102.5 Bro&Sis, RTL 102.5 Romeo & Juliet, RTL 102.5 ViaRadio, BBC World Service, RTL 102.5 Doc, RTL 102.5 Rewind, Radio Monte Carlo, Virgin Radio, Subasio XL e inBlu 2000.


I brand del Food&Beverage sfruttano al meglio
i Bumper Ads, i formati da 6 secondi su Youtube


al settore Food & Beverage sette dei video pubblicitari brevi più popolari in Italia su Youtube, realizzati nel formato breve, particolarmente adatto per la fruizione da mobile. Galbani con la nuova Certosa guida la classifica per visualizzazioni e condivisioni nell'anno che si è chiuso lo scorso luglio

10 ottobre 2019 - Google presenta la prima ‘YouTube Bumper Ads Leaderboard', classifica dei 10 video da 6 secondi più popolari in Italia nell'anno che va da luglio 2018 a luglio 2019. Di questo particolare format si avvalgono soprattutto i brand del Food & Beverage, a cui appartengono 7 video della top ten, con primo assoluto il video bumper di Galbani con la nuova Certosa.

La Leaderboard è stata creata considerando il numero di visualizzazioni, condivisioni e un sondaggio di Ipsos che ha valutato quattro parametri: la simpatia, la capacità di essere ricordati o di trasmettere un'emozione e il legame con il brand.

Nei Bumper Ads, la chiave della creatività è la semplicità: i brand della Leaderboard hanno saputo usare in modo creativo i 6" per comunicare con simpatia un messaggio, un prodotto o un'emozione .Questo formato video è particolarmente adatto per la fruizione da mobile, che oggi rappresenta il 70% del tempo di visualizzazione su YouTube ed è efficace per amplificare la diffusione di una campagna pubblicitaria. La ricerca di Ipsos ha mostrato come l'interesse per il prodotto e l'intento di acquisto siano mediamente più alti per gli utenti che hanno visualizzato una sequenza di tre annunci brevi, rispetto alla singola visualizzazione del formato più lungo.

Ecco la YouTube Bumper Ads Leaderboard:

1. Nuova certosa ancora più cremosa di Galbani - La nuova certosa Galbani è diventata ancora più cremosa.

2. Grancereale Integrale di Barilla - Grancereale presenta una nuova ricetta per i suoi biscotti con il 100% di farina integrale.

3. La nostra Ricotta Fresca di Vallelata - I due ingredienti principali della Ricotta Fresca Vallelata: gusto unico e sapore fresco di latte senza conservanti.

4. Affrontare una giornata pesante di Danone - Actimel è la soluzione per sopravvivere ad una giornata pesante.

5. Listerine® Italia di Listerine - Listerine gusto delicato vi aiuta ad ottenere un sorriso perfetto.

6. Leerdammer break di Leerdammer - Il nuovo snack tascabile di Leerdammer invoglia tutti a godersi la propria pausa con gustoso formaggio e croccanti crackers.

7. La cucina è emozione - Voiello di Voiello (Agenzia Media: OMD - Agenzia Creativa: The Big Now) - Ogni ricetta di pasta racconta una storia di eccellenza. Parola dello chef Antonino Cannavacciuolo.

8. Ritorna In Movimento di GSK - Voltaren presenta il nuovo formato con un unico tappo applicatore per chi vuole “ritornare in movimento”.

9. Muu Muu Go di Cameo - Cameo presenta Muu Muu GO: la merenda golosa da godersi anche fuori casa.

10. Finish Club Piatti Pizza di Finish - Finish propone l'iscrizione al club del brand per ricevere quattro piatti da pizza esclusivi.


Netflix investe 200 milioni in Italia, vi apre una sede
e si allea con Mediaset per coprodurre 7 film in italiano


i primi cinque titoli realizzati da produttori indipendenti nazionali. Saranno su Netflix già l'anno prossimo e, dopo un anno, dimezzando i tempi classici, saranno in chiaro su Canale 5. La streaming pay tv già conta nel nostro Paese su due milioni di abbonati. E intanto il servizio Netflix approda su Sky Q

9 ottobre 2019 - Netflix, il colosso della distribuzione di contenuti audiovisivi di intrattenimento in streaming a pagamento, punta sul mercato italiano, dove già conta due milioni di abbonati, che continuano a crescere, e dove intende aprire una sede. È stato annunciato ieri un accordo con Mediaset, che parte con la coproduzione in due anni di 7 film in italiano, realizzati da produttori indipendenti nazionali. I film saranno trasmessi da Netflix già l'anno prossimo e, dopo un anno, dimezzando i tempi classici, saranno in chiaro su Canale 5.


Calcio, amore e Sud sono i temi dei primi cinque titoli annunciati. Si tratta di ‘Sotto il sole di Riccione’ sceneggiato da Vanzina e prodotto da Lucky Red; 'L'ultimo Paradiso' prodotto da Lebowski; ‘Il divin codino’ prodotto da Fabula sui 22 anni di carriera di Roberto Baggio; ‘Sulla stessa onda’ prodotto da Cinemaundici; ‘Al di là del risultato’ prodotto da Indigo Film. Come ha sottolineato Alessandro Salem, direttore generale contenuti di Mediaset, “si tratta di produzioni per raccontare storie realizzate da talenti italiani".


Alla presentazione che i due partner hanno tenuto a Roma, il ceo e fondatore di Netflix, Reed Hastings, ha annunciato che l'accordo ha anche l'obiettivo di ampliare il range delle produzioni del gruppo: "Vogliamo offrire una grande varietà di film e di serie. Il nostro investimento totale è di 200 milioni di euro in contenuti italiani in due anni e questi film con Mediaset sono parte del progetto”. I film saranno disponibili in tutto il mondo e potrebbero anche andare nelle sale cinematografiche.


Intanto, da
oggi film e serie Netflix approdano su Sky Q, grazie all'arrivo in Italia della partnership europea tra Netflix e Sky. L'offerta Intrattenimento plus unisce alle serie tv e all'intrattenimento per tutta la famiglia di Sky anche Netflix, con tutti i suoi contenuti e funzionalità. Da oggi i clienti di Sky Q potranno acquistare l'offerta in anteprima, entro dicembre Intrattenimento plus sarà anche disponibile per i nuovi clienti, contestualmente all'acquisto dell'abbonamento Sky.


Nuova programmazione e nuovi format per Sky Tg24


testata, presente in tv su satellite e dtt e sul digitale con l'online, l'app e i profili social, si rinnova con un palinsesto arricchito, 15 edizioni quotidiane del tg, cinque nuove rubriche, 3500 ore annuali di diretta dedicate all'approfondimento. Darà più attenzione agli scenari internazionali grazie alle sinergie con Sky News e i canali informativi de gruppo Comcast

23 settembre 2019 - Si rinnova Sky Tg24, il tg diretto da Giuseppe De Bellis, e si ripresenta al pubblico con un palinsesto arricchito a base di inchieste, reportage, analisi e interviste per essere più internazionale e contemporaneo, anche attraverso le sinergie con Sky News e l'area news del gruppo Comcast (Nbc News, Msnbc, Cnbc). La testata, presente in tv e sul digitale con l'online, la app e i profili social, produce 7000 ore di diretta ogni anno, di cui oltre 3500 dedicate all'approfondimento, e punterà sempre più sul racconto della realtà e dei grandi temi del nostro presente. E' su satellite (canale 100 e 500) e dtt (canale 50), sulle app di Sky Tg24, Sky Go e Now Tv. online su skytg24.it e anche sui social.

Prevede circa 15 edizioni quotidiane del tg. Tra queste, le edizioni delle 13, delle 17 e delle 20 hanno una nuova formula, in cui alle notizie di primo piano si aggiunge uno spazio di approfondimento su un tema rilevante della giornata. Il tg è caratterizzato anche da una nuova grafica che ha rivoluzionato l'aspetto degli studi, e da una nuova interattività con una selezione di contenuti on demand.

Dal lunedì al venerdì, il primo approfondimento della mattina è Buongiorno, con Moreno Marinozzi e una squadra di anchor di Sky Tg24 (dalle 6 alle 9) con una rassegna stampa completamente rinnovata. Segue fino alle 11 Start, nuovo approfondimento politico. Dalle 11,30 alle 12,30 c'è il nuovo appuntamento quotidiano Sky Tg24 Business condotto da Mariangela Pira in cui vengono approfonditi i temi della attualità economica e finanziaria, italiana e internazionale. In Timeline dalle 15 alle 17 Stefania Pinna con i suoi ospiti affronta principali temi dell'attualità. Sono
confermati l'appuntamento pomeridiano con Sky Tg24 Economia (45 minuti di analisi degli scenari economici e produttivi dalle 18,15) e quello con Sky Tg24 Mondo dalle 19,15 e con una nuova durata complessiva di 45 minuti. La giornata si conclude con Skyline, un'edizione del tg più lunga, in onda dalle 23 alle 00.30. Cinque nuove rubriche racconteranno, ognuna in un diverso giorno della settimana alle 14.15, le ultime novità su mobilità, tecnologia, viaggi, lifestyle e alimentazione: il lunedì Drive Club (motori), il martedì Menù (mondo del food), il mercoledì Globetrotter (viaggi), il giovedì Now (tecnologia e innovazione), il venerdì Flash (moda e lifestyle).

Durante il weekend dal 28 settembre partirà anche Sky Tg24 Progress condotto da Helga Cossu, in onda ogni sabato dalle 10 alle 12, che racconterà l'attualità e i temi più interessanti del dibattito pubblico globale, interpretati con il filtro dell'innovazione. Da domenica 29 prenderà invece il via Agenda, in onda dalle 10 alle 12. Confermato l'appuntamento con L'Intervista di Maria Latella il sabato alle 14.30.

Sul digitale, Sky Tg24 produrrà ogni giorno contenuti pensati appositamente per online e social, oltre a veri e propri format dedicati. Inoltre è stato da poco inaugurato Breaking news, il nuovo servizio di Sky, disponibile sulla piattaforma ‘Fluid content’, che consente di guardare la diretta di un'ultim’ora in contemporanea su un network di 200 siti.

Sky Tg24 raggiunge ogni giorno in media oltre 3,6 milioni di spettatori unici, 10 milioni a settimana, 18 milioni in un mese. Dall'inizio della rilevazione delle audience digitali da parte di Auditel lo scorso giugno, i contenuti hanno cumulato 136 milioni di Legitimate Stream, la nuova metrica che misura gli stream iniziati e visti per almeno 300 millisecondi (vedi news del 26 giugno).



Momento politico perfetto per fare
di Striscia la notizia 32ª un'edizione fulminante


‘Tempacci’ canta il Gabibbo nella nuova sigla del Tg satirico di Ricci. Ballantini farà il Conte di Montecristo bis, Graci la ministra De Micheli in versione Peppa Pig, Salvini straparlerà dal Papeete grazie a un'app in esclusiva. Nuovo inviato, Philippe Daverio spiegherà come frequentare ‘I musei aggratis’. E poi rubriche vecchie e nuove e l'annuncio di un'incursione del Gabibbo al Festival di Sanremo. Crescite record dei numeri sui social

23 settembre 2019 - Riparte questa sera su Canale 5 (e al 105 di Sky) Striscia la notizia, 31° anno e 32ª edizione, in un clima socio-politico perfetto per garantire ad Antonio Ricci materia eccellente per fare satira: “Il momento politico ci rende reattivi, pensate a quanti tapiri avremmo potuto consegnare quest'estate. In pieno conflitto di interessi abbiamo tifato per un Conte bis. E il fatto che si sia sfilato Renzi ci dà ancora più materia”. Così Ballantini farà il ‘Conte di Montecristo bis’ che si aggirerà in cerca di vendette con la lingua biforcuta e Valeria Graci sarà la ministra De Michelis in versione Peppa Pig nonché l'immancabile Greta. Altra novità è l'adozione di un'app “in esclusiva mondiale” con cui mettere in scena degli alter ego ultra veritieri di personaggi pubblici, tali da ingannare gli spettatori, a partire da un Salvini che straparla al Papeete.

Il sottotitolo di quest'anno è ‘La voce della resilienza’ e la sigla del Gabibbo si intitola ‘Tempacci’, ovvero gli attuali, con il risvolto di un sostegno alla mega-piantumazione da 60 milioni di alberi (uno per italiano) invocata contro la crisi climatica dal presidente di Slow Food e dal Vescovo di Rieti. Il Gabibbo canterà sul palco di Sanremo nella serata finale: “Se Amadeus conduce il Festival – sostiene Ricci – lo deve anche a noi. Ci deve questa ospitata”.

È prevista la solita staffetta tra i conduttori. Partono Ezio Greggio e Michelle Hunziker, proseguono dal 7 ottobre Greggio ed Enzo Iacchetti, dal 7 gennaio toccherà a Ficarra e Picone (arrivati al 25° anno di sodalizio), la finale se la giocheranno Gerry Scotti e la Hunziker. Confermate per il terzo anno le Veline Shaila Gatta e Mikaela Neaze Silva.

A fianco di inviati storici come Staffelli, Laudadio, Brumotti, Petyx e Ghione, Ricci annuncia inviati “in via di formazione”, con tale Erica a scendere per prima in campo. Inviato d'eccezione sarà Philippe Daverio con la rubrica ‘I musei aggratis’ in cui sp
iegherà come godersi le bellezze d'Italia senza pagare. E poi rubriche vecchie e nuove e un manipolo di giovanissimi consulenti in arrivo accanto all'ormai rodato quindicenne Eric.

Un'altra novità riguarda gli studi di Cologno Monzese che trasmettono Striscia da cinque anni, dopo il trasferimento da Milano 2 che Ricci aveva poco apprezzato. “Luogo di sfiga” l'aveva definito presentando l'edizione 2015. Un po' per volta li ha totalmente bonificati facendone un circo di icone del programma, tra Tapiri d'autore e una Venere botticelliana in versione Gabi
bbo. L'ultima novità è The Wall del graffitaro Lapo Fatai, un murale di 20x5 metri ispirato all'Ultima Cena col Gabibbo che, frusta in mano, cerca di addomesticare 26 tapiri che fanno acrobazie. “Saremo soddisfatti solo quando avremo collocato un Gabibbo in versione King Kong che sale lungo la torre di Mediaset con in mano un mini Pier Silvio”.

In attesa, Ricci si felicita degli eccellenti risultati d'audience sul target commerciale nella scorsa edizione e della crescita dei social approcciati da due anni: sul sito +34.9% di pagine viste e +38% di utenti, sui social +20% di fan Facebook e +108% di follower Instagram.


Tv8 spinge sulle produzioni originali e sulla brand
integration. Raccolta in crescita del 3% per Sky Media


stagione autunnale prevede quattro ore di intrattenimento italiano, a partire dalle 17,30 col nuovo format di emotainment di Enrica Bonaccorti. Il mercoledì nel post X Factor debutterà la seconda serata di storie raccontate con linguaggi nuovi dalla iena Piero Maisano. Sky Media motiva il trend di crescita con la qualità del target e la capacità di integrazione dei brand nei programmi. Da ottobre ci sarà anche un'offerta di Adressable Tv

6 sette
Remo Tebaldi e Chicco Toma
mbre 2019
- Quattro ore di produzioni originali consecutive nel (long) access prime time (17.30-21.30) e una novità assoluta in seconda serata, il mercoledì, sono i punti forti con cui Tv8, canale in chiaro del gruppo Sky al n.8 del telecomando, affronta l'autunno televisivo. A quattro anni di distanza dall'acquisizione di Mtv da Viacom e successiva trasformazione in canale generalista, l'emittente ha raggiunto molti obiettivi. È l'ottavo canale per share e il sesto sul target commerciale e conta su un target adulto (49 anni l'età media) dinamico, interessato ai consumi, bilanciato tra uomini (44%) e donne (56%): un target che ha convinto gli inserzionisti. La raccolta della concessionaria Sky Media risulta in crescita del 3% in controtendenza alla flessione del 6,3% per il mezzo tv nel complesso nel primo semestre (fonte, Nielsen).

Remo Tebaldi, senior director Sky terrestrial channels, annuncia anche audience in crescita: “Da gennaio la share dei due canali free di Sky, Tv8 e Cielo, è cresciuta del 12% raggiungendo il 3,32% e il 4% sul target commerciale. Tv8 fa in media il 2,23% (+15%) e ha registrato un peak del 2,5% in agosto. Un bel risultato se si pensa che Mtv raggiungeva lo 0,6%. Siamo la migliore delle neo generaliste”.

È da due stagioni che Tv8 ha deciso di rafforzarsi nell'access prime time “fascia difficilissima nel panorama generalista” e oggi punto di forza della rete. La stagione autunnale propone quattro ore di intrattenimento tutto italiano con un nuovo format e nuovi volti, insieme a programmi già consolidati. Alle 17.30 c'è la prima novità, il format di emotainment di Enrica Bonaccorti Ho qualcosa da dirti (dall'8 settembre tutti i giorni dal lunedì al venerdì). Segue alle 18.30 il collaudato (on air da quattro anni) Vite da copertina, in versione rinnovata e con la nuova conduzione di Elenoire Casalegno e Giovanni Ciacci. Alle 19.30 ritorna lo chef Alessandro Borghese con Cuochi d'Italia per scovare il ‘miglior cuoco regionale d'Italia’. Alle 20.30 l'appuntamento è con Enrico Papi, per il terzo anno consecutivo alla guida del game show Guess my Age – Indovina l'età che, partito lunedì scorso con le prime 10 puntate, ha fatto il 2,65% migliorando la performance del 2,43% dello scorso anno.

Poi c'è la novità assoluta della seconda serata. Dal 30 ottobre il mercoledì nel dopo X Factor per un'ora la iena Marco Maisano condurrà Piacere Maisano, un programma di storie raccolte via telefonino dell'inviato e via telecamera di un filmaker, che, col supporto di personaggi illustri, toccherà temi disparati - dalla geopolitica all'economia, dai fenomeni migratori al cambiamento climatico e all'alimentazione - attraverso una comunicazione semplice e immediata. “Sarà un'area editorialmente interessante – commenta Tebaldi – col vantaggio del traino di X Factor”. Oltre e dopo X Factor, completano l'offerta di produzioni italiane in prima tv free Masterchef e da gennaio Italia’s Got Talent. Poi c'è il grande sport con finestre di diritti free: campionati di Formula1, MotoGP e Superbike, e dal 19 settembre la fase a gironi di Uefa Europa League.

Chicco Toma, head of sales terrestrial channels, ovvero responsabile di Sky Media per i canali free (oltre a Tv8 e Cielo, anche Tg24 e Alpha), così motiva la crescita della raccolta: “Il merito sta nella qualità del target e nella nostra capacità di integrazione. Le produzioni originali facilitano e rendono naturale l'inserimento dei brand, di largo consumo e non solo. Se ne occupa la unit Brand Solutions”. La programmazione di Tv8 è studiata per proporre nel pomeriggio un target femminile, che man mano si allarga a famigliare la sera, col rientro di mariti e coi figli che finiscono di studiare, per poi essere più maschile nel week end con lo sport, che pesa per un terzo sul totale ascolti del canale. Da ottobre ci sarà anche un'offerta di Adressable Tv per cui sono stati fatti test dalla tarda primavera.


Bignardi e Travaglio sul Nove, offerta pay Ott
in ampliamento. Discovery accelera nella crescita


sul Nove si arricchisce dei volti di Bignardi, Travaglio e Petrini, l'entertainment al femminile su Real Time delle novità di Matrimonio a prima vista e di The Real Housewives di Napoli. I due canali chiave hanno trainato la crescita dell'audience del 12% in prime time del portfolio Discovery nel primo semestre. La raccolta flette del 2% ma fa meglio della media del mercato tv. In previsione una chiusura d'anno in pari

12 lugl
Giuliano Cipriani, Laura Carafoli e Alessandro Araimo
io 2019
- Daria Bignardi che arriva sul Nove con ‘L'assedio’. Il debutto su Real Time di Matrimonio a prima vista e di The Real Housewives di Napoli. Maurizio Crozza confermato per altri tre anni. Una rubrica fissa di Marco Travaglio in ‘Accordi & Disaccordi’. Un'offerta pay ott in ampliamento. Sono le novità più significative del palinsesto lineare e digitale della prossima stagione di Discovery, che ha chiuso, a livello di gruppo, il primo semestre con una crescita complessiva del 12% della share sul target individui in prime time rispetto al primo semestre 2018. Il portfolio ha totalizzato il 7% di share sul target individui (+7% rispetto al 2018) che arriva al 9% sul target commerciale 25-54.

“È una crescita costante da sei anni – ha detto Alessandro Araimo. ad. di Discovery Italia – e l'ultimo è stato il nostro miglior semestre. Ma non siamo appagati. Vogliamo accelerare sulla crescita sia organica sia attraverso partnership strategiche sia attraverso acquisizioni. Speriamo che il mercato della pubblicità ci dia una mano. Questi primi sei mesi dell'anno sono stati difficili per tutti i player”.

Conferma Giuliano Cipriani, direttore generale di Discovery Media. “La raccolta della tv ha sofferto in generale nel primo semestre (-3,7% il dato Nielsen di gennaio-maggio, ndr). Discovery chiude con una flessione più contenuta, - 2%, risultato migliore quindi della media di mercato, e puntiamo a chiudere a fine anno in pari”. È in rosso la tabellare, ma cresce del 12% l'area branded content/iniziative speciali, che pesa per il 15% sul totale fatturato, e cresce del 15% la raccolta digitale che pesa per un 3%.

Nel 2018 Discovery Media ha registrato un fatturato pubblicitario di 260 milioni con circa 600 clienti che dovrebbero arrivare a 650 quest’anno. La market share (Nielsen) del 7% coincide con l'audience share del 7% sugli individui (Auditel): “Abbiamo però un'audience share del 9% sul target commerciale 15-54 – fa notare Cipriani -, ma il mercato è lento a dare il giusto valore al fatto che siamo l'editore che più si concentra su questa fascia, che, come ha rilevato una ricerca TNS-Kantar, è più la reattiva alla pubblicità. I target più maturi, magari più abbienti, hanno abitudini di consumo più cristallizzate e mettono la ricchezza a disposizione di figli e nipoti. È a questi ultimi che i brand devono rivolgersi”. E ancora: “La qualità dei nostri contenuti ha instaurato un rapporto di fiducia e complicità col nostro pubblico. E la parola di chi ti è vicino conta di più. E questo vale anche per la comunicazione dei brand sui nostri canali”.

A trainare la crescita dello scorso semestre sono stati
Nove (+12%) e Real Time (+27%) ma hanno avuto performance positive anche Giallo (+28% nelle 24 ore), Food Network (+12% nelle 24 ore) e i canali Kids K2 e Frisbee (+19%).

Su Nove, 9° canale nazionale, la chicca è l'arrivo, dopo quattro anni dalla sua ultima esperienza televisiva, di Daria Bignardi, giornalista, autrice televisiva e scrittrice, che torna a raccontare l'Italia in diretta ne l'Assedio. Il 27 settembre parte la nuova stagione il venerdì s
Daria Bignardi
era di Fratelli di Crozza, il programma di satira politica e sociale che ha totalizzato 1.3 milioni di spettatori (oltre il 5% di share) nella scorsa stagione. Tornano anche i programmi in collaborazione con Loft Produzioni, piattaforma televisiva della società Editoriale il Fatto. Riparte a dicembre in seconda serata La Confessione con le interviste di Peter Gomez che cura anche da settembre il nuovo programma Enjoy, dove esamina e si interroga su lusso, droga e sesso. Riparte ‘Accordi & Disaccordi’ a ottobre in seconda serata, talk sull'attualità politica condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi con la novità di una rubrica fissa a cura di Marco Travaglio. Arriva anche la giornalista e conduttrice Valentina Petrini con 'Fake – La fabbrica delle notizie’, in seconda serata da ottobre.

Tra gli approfondimenti sul Nove, ci saranno un'intervista a Pietro Maso e e un'analisi sul caso dell'omicidio Vannini (Un covo di vipere). Da dicembre in prima serata arrivano le biografie di tre politici entrati nella storia del Paese: Umberto B., Silvio Forever e Craxi. Sul fronte dell'intrattenimento ci sarà ‘Il supplente’ format in cui studenti del liceo si ritrovano in classe a far lezione Luca Parmitano, Nino Frassica, Massimo Giletti, Luca e Paolo, Simona Ventura e Joe Bastianich. ‘Rubio alla ricerca del gusto’ è il titolo del nuovo format itinerante con chef Rubio, ambasciatore dello street food nel mondo.

Real Time, al decimo anno sul dtt e 1° canale nativo digitale sulle donne col 2,8% di share nelle 24 ore, lancia ‘Matrimonio a prima vista’ in cui tre esperti - la sessuologa Nada Loffredi, il sociologo Mario Abis e lo psicoterapeuta di coppia Fabrizio Quattrini - selezioneranno tre coppie di perfetti sconosciuti che si conosceranno per la prima volta il giorno del matrimonio. The real housewives di Napoli sarà la versione partenopea del franchise di NBC, con sei casalinghe esuberanti e glamour che provengono dai migliori quartieri di Napoli, tra cui Noemi Letizia. ‘Cortesie per gli ospiti' darà vita allo spin off 'Cortesie per gli ospiti B&B'.

L'offerta Ott prevede Dplay che propone lo streaming dei canali e contenuti on demand con la possibilità di vederli su tutti i device (2 milioni gli utenti unici al mese) e Dplay Plus, offerta a pagamento (3,99 euro al mese) con cui è possibile accedere al live streaming di Discovery Channel e Discovery Science, a ‘box sets’ dedicati ai titoli cult, a esclusive mondiali, ad anteprime accessibili solo agli abbonati, con la possibilità di vedere i programmi senza pubblicità. Si aggiunge la ricca offerta sportiva di Eurosport e di Eurosport Player in attesa dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020, che si potranno seguire completamente solo su quest’ultimo. Completal'offerta Ott GolfTv.


Licia Colò, la serie Chernobyl, Giletti anche in prime time,
nuovo sito e nuova app tra le novità del palinsesto de La7


i contratti ai volti chiave della rete e confermati i programmi di punta e la vocazione all'informazione, a fronte del buon trend degli ascolti, arrivati in media al 3,9% nella giornata e al 5,1% in prime, e alla raccolta che segna +6,2% nei primi cinque mesi, in controtendenza al mercato televisivo a -3,7%. Giletti firma per altri due anni ed esce dai confini di Non è l'Arena, si chiude il capitolo Miss Italia, il nuovo format ‘Eden un pianeta da salvare’ della Colò si alternerà ad Atlantide di Purgatori il mercoledì in prime time

11 luglio 2019 - L'arrivo di Licia Colò col nuovo format ‘Eden un pianeta da salvare’ nel prime time del mercoledì da gennaio. La prima tv in chiaro di Chernobyl, la fortunata serie di Hbo uscita in Italia solo su Sky. Una serata-evento col docufilm in arrivo da Netflix ‘Our Godfather’ sulla storia di Tommaso Buscetta, preceduta e poi commentata da un Bersaglio Mobile di Enrico Mentana. L'esclusiva in chiaro delle prossime 2 stagioni di Grey’s Anatomy. E poi sito e app rinnovati. Sono d'appeal ma si contano sulle dita di una mano le reali novità del palinsesto de La7 presentato ieri a Milano da Urbano Cairo, alla sua settima conferenza annuale come patron della rete “rilevata nel 2012 quando perdeva 100 milioni l'anno da anni e ora coi conti a posto, anzi con un piccolissimo ma significativo utile nel 2018: 400.000 euro”.

Poche e oculate le novità e qu
indi tante conferme per una formula, quella di rete di informazione e approfondimento, che ha portato ad audience in crescendo e che, fa notare Cairo, “ha contribuito a rendere popolari temi che erano di élite, acculturando una parte della popolazione”. E qui si riaprirebbe, per inciso, il capitolo di una mission da servizio pubblico, suffragata da ben 3.621 ore di informazione prodotte (circa 13 ore ogni giorno) e oltre 90 nella settimana media (il 54% dell'offerta complessiva). Pensate di aver diritto quindi a una parte del canone? ha chiesto un giornalista: “Sarebbe giusto riconoscerci un piccolo contributo, anche simbolico. Ma è stata rinnovata la convenzione con la Rai per dieci anni. Ne riparleremo.... nella conferenza del 2027”.

Il panorama televisivo è cambiato. “Nel 2010 le tre reti Rai e le tre Mediaset – fa notare Cairo – monopolizzavano l'81% delle audience, ora fanno il 55% e La7 è passata dal 3 al 3,9% nell'intera giornata ovvero è cresciuta del 30%. In parallelo è cresciuta la nostra raccolta segnando +8,5% nel 2018 e +6,2% nei primi cinque mesi di quest’anno”. Si tratta di 150 milioni nel 2018 e di 75 nei primi cinque mesi del 2019, ed è una buona performance dal momento che gli investimenti sulla tv segnano -3.7% nel complesso nei primi cinque mesi (dato Nielsen, vedi news). La7 conta 691 clienti (nel 2018) di cui 101 in esclusiva e 180 esclusive di prodotto, tant’è che gli spazi pubblicitari sono perfino insufficienti.

Col 3,97% nell'intera giornata (tra metà settembre e metà giugno) La7 è arrivata ad essere sesta rete assoluta davanti a Retequattro (3,96%). Quanto al prime time, La 7 viaggia in media sul 5,1% di share, che ne fa quinta rete al pari di Italia 1 e davanti a Retequattro (4,31%). “In 9 puntate su 10 Propaganda Live ha battuto Crozza – si felicita Cairo – e DiMartedì ha battuto Carta Bianca in 35 confronti su 36”. Si aggiunge il contributo di La7d, canale femminile giovane che fa lo 0,5% di share medio.

Confermati quindi tutti i volti della rete, da Enrico Mentana coi Tg, le Maratone, i Bersaglio Mobile a Lilli Gruber con Otto e Mezzo nell'access, da Giovanni Floris con diMartedì a Corrado Formigli con Piazza Pulita il giovedì (contratto rinnovato fino al 2025), da Andrea Purgatori con Atlantide il mercoledì in alternata alla Colò a Diego Bianchi ‘Zoro’ con Propaganda Live il venerdì che ha portato alla rete un target più giovane (contratto rinnovato per 3 anni). È stato rinnovato per due anni anche il contratto a Giletti che oltre a Non è l'Arena la domenica farà speciali in prime time e sta mettendo a punto un ulteriore progetto. Non ci sarà, invece, Miss Italia (“per noi Miss Italia finisce qui” scherza Cairo parafrasando la classica formula della trasmissione).

Tra le novità, come si è detto, c'è la nuova offerta digital, con www.la7.it rinnovato per offrire una nuova modalità di visione, sia da desktop che da mobile, dei programmi La7 e La7d in diretta streaming e on demand. La7 ha acquisito i diritti di catch-up di Grey’s Anatomy: gli episodi della nuova stagione saranno visibili per tutta la settimana anche on demand. Da quest’anno, inoltre, la diretta streaming e tutta la programmazione della rete sarà disponibile anche su smartphone con la nuova app La7. Tra settembre e giugno i browser unici del sito sono stati 26 milioni e il sito ha contribuito per circa 2,5 milioni di euro alla raccolta, in gestione a Rcs Pubblicità.


La Rai cambia passo e diventa produttore
di contenuti digitali con RaiPlay canale autonomo


una delle novità annunciate alla presentazione dei palinsesti autunnali. Il 4 novembre Fiorello debutta sulla piattaforma RaiPlay rinnovata in 18 show live preceduti da 5 asset su Rai 1 e 6 puntate su Radio Rai. Rai Fiction annuncia 15 titoli nuovi tra autunno e primavera, oltre alle nuove serie dei gioielli di famiglia. Rai 2 sperimenta nuove formule di intrattenimento con ‘Maledetti amici miei’, mentre l'arrivo di Fabio Fazio apporterà internazionalità e apertura verso l'esterno. Su Rai3 innovazione e sorrisi, e due serate con Filippo Timi one man show. Per la radio sta per concretizzarsi il progetto Player Editori Radio per avere entro dicembre l'App per l'ascolto digitale in auto. Rai Pubblicità annuncia trend positivo con luglio

10 luglio 2019 - "La Rai vuole cambiare passo" ha annunciato l'amministratore delegato Fabrizio Salini, introducendo la presentazione-fiume dei palinsesti autunnali 2019 insieme a direttori di rete e di comparto, all'insegna delle parole chiave inclusiva, sociale, vicina, contemporanea, digitale, innovativa, viva, connessa. "Non sempre siamo stati capaci di comunicare il servizio pubblico per quello che è e per quello che fa – ha proseguito Salini -. Dobbiamo cambiare passo anche in questo. Il nostro è un cambio anche culturale. E' il passaggio da essere broadcaster lineare a media company produttore e distributore di contenuti anche digitali per intercettare i nuovi tipi di fruizione".

E proprio su questo fronte è stata annunciato il progetto della trasformazione di RaiPlay che diventa da autunno un canale autonomo, non solo "la nostra storia" ovvero un contenitore di programmi e sketch attinti dall'immenso ser
batoio delle Teche Rai usufruibile in streaming, ma "il nostro futuro": un canale con proprio palinsesto on demand, sempre free, con fiction e offerta dedicata ma anche laboratorio di nuovi format. Il 4 novembre debutta un progetto "unico a livello mondiale" (Salini) con protagonista Fiorello in 18 show live preceduti da 5 asset su Rai 1 e 6 puntate su Radio Rai e incursioni varie sulle altre reti. Altri inediti tagliati per la nuova piattaforma dovrebbero essere una sorta di Superquark+ con Piero Angela e 30 interviste con Fabio Fazio. Dal 2020 ci sarà un titolo esclusivo ogni giorno.

Fiorello sarà anche per 12 puntate nei week end tra il 16 novembre e il 22 dicembre su Radio 2. L'ha annunciato il direttore di Radio Rai, Roberto Sergio, che ha anche rivelato che sta per concretizzarsi il progetto PER-Player Editori Radio. Il 23 luglio verrà costituito, promosso da Rai e aperto a tutti gli editori radiofonici nazionali e locali (che trasmettono in FM e/o in DAB+), per avere entro dicembre l'App che farà da porta di accesso unica per l'ascolto digitale delle radio italiane in auto.

Tornando ai palinsesti, uno dei pezzi forte sarà naturalmente la fiction che vede la Rai "iscritta nella Major League della produzione internazionale": così ha detto Eleonora Andreatta, direttore di Rai Fiction, che ha rivendicato un attivo di 500 ore prodotte di cui 250 per il prime time. Si è lavorato sui 'gioielli di famiglia'con le nuove serie delle fiction patrimonio Rai, tipo Don Matteo 12 e Un passo dal cielo 5, ma anche sull'innovazione con 15 titoli nuovi tra autunno e primavera. "Investiamo sui talenti e sui giovani, perché la Rai vuole aiutarli a crescere” ha detto Andreatta. Ci saranno la nuova edizione della serie evento I Medici e il secondo capitolo de L'Amica geniale, poi per il 'poliziesco d'autore' la terza stagione di Rocco Schiavone che passa da Rai 2 a Rai 1 e il debutto sempre su Rai 1 di Imma Tataranno - Sostituto procuratore, destinata a diventare una nuova star.

Tra le non molte novità di Rai1, il direttore Teresa De Santis ha puntato l'accento su 'Una vita da cantare", programma condotto dal 16 novembre da Enrico Ruggeri e dedicato alla stagione d'oro del cantautorato italiano anni 70 e 80. Poi c'è l'arrivo in prime time di Mara Venier (confermata a Domenica In) con lo show 'La Porta dei Sogni'. Gigi D'Alessio e la Incontrada condurranno 'Vent'anni che siamo italiani'. Ferma la Clerici relegata per ora solo alla Festa di Natale Telethon, c'è invece l'arrivo nel day time della Cuccarini che condurrà ‘La vita in diretta’ con Alberto Matano e che prepara per primavera un programma sperimentale in prime time.

Rai2, diretta da Carlo Freccero, apre a settembre con una serata evento con Renzo Arbore dedicata a Renato Carosone. Un serata sarà poi dedicata a sperimentare nuove formule di intrattenimento con ‘Maledetti amici miei’, con Giovanni Veronesi, Rocco Papaleo, Sergio Rubini, Alessandro Haber che saranno 'aiutati' da Max Tortora e Margherita Buy a rivelare aspetti sconosciuti della loro vita. Tra gli eventi in prime ci saranno serate omaggio per Paolo Villaggio e Gianni Boncompagni, e anche una serata sulla strage di piazza Fontana per i 50 anni. E poi si realizzerà il chiacchierato passaggio da Rai 1 di Fabio Fazio e compagnia di giro con ‘Che tempo che farà’ e ‘Che tempo che fa'. “Arrivo utile per Rai 2 perché apporta alla rete elementi che le mancano, l'internazionalità e l'apertura verso l'esterno" dice Freccero.

Tra le novità di Rai 3, dove, come dice il direttore di rete Stefano Coletta,si fa innovazione e si dà anche modo di sorridere, si annunciano il ritorno della Dandini con il programma di satira Assemblea Generale nel 2020 e due serate con Filippo Timi che fa l'one man show in Skianto. Ci sarà il ritorno in tv di Raffaella Carrà con 'A raccontare comincia tu' su quattro serate, un programma molto legato alla formula dell'intervista alias alla 'narrativa confessionale'.

Sul fronte de
lla raccolta pubblicitaria, Rai Pubblicità, che conta su 13 reti televisive, 12 emittenti radio, 5 portali e 600 sale cinematografiche, annuncia che il consolidato dei primi sette mesi del 2019 entra con luglio in territorio positivo, pur in un anno particolarmente difficile per il mercato. Rai Pubblicità definisce, in una nota, premiante la strategia Total Video, perché l'attivo è generato anche dalla crescita del digital di quasi il 20%, di quella delle iniziative speciali del 15% e del cinema di oltre il 40%. "Rai Pubblicità è parte del servizio pubblico, il che ci pone su un altro livello rispetto al mercato. Inclusività, visibilità e qualità sono le nostre parole chiave - ha dichiarato l'a.d. Gian Paolo Tagliavia –. La nostra leadership si basa sull'alta copertura, mentre i limiti di affollamento sono a vantaggio dell'impaginazione pubblicitaria e quindi della visibilità delle nostre inserzioni. Copertura e attenzione sono la nostra garanzia verso il mercato".
Per saperne di più sui palinsesti di Rai1, Rai2, Rai3 e Rai4 …>>

Per saperne di più sui palinsesti delle altre reti …>>

Per saperne di più su Rai Fiction …>>

Per saperne di più sui palinsesti di Radio Rai …>>



Arriva su Canale 5 il giovedí ‘All together Now’,
più game show musicale che talent


in Italia il format di Remarkable Television prodotto da Endemol Shine Italy, col muro umano di cento giurati, più o meno noti, che incombe sui concorrenti. Conduce Michelle Hunziker mentre J-Ax fa il presidente della variopinta giuria. Wind e Henkel sono protagonisti delle telepromozioni, Nintendo e Po Up Caffè dei branded content

15 maggio 2019 - Parte domani in prima serata su Canale 5 ‘All Together Now’, più game show musicale che talent show, in 6 puntate, prodotto da Endemol Shine Italy. Il format, creato da Remarkable Television, partito all'inizio del 2018 sulla rete inglese BBC One, in poco più di un anno si è affermato come il più venduto nel mondo nel minor periodo di tempo. Conduce Michelle Hunziker, mentre J-Ax fa il presidente di una giuria di 100 personaggi incasellati in un ‘Muro Umano’ di 8,5 metri che incombe sui concorrenti. Ne fanno parte cantanti, volti e professionisti di varia notorietà del mondo della musica e dello spettacolo, a cui si aggiungeranno gli ospiti importanti della puntata che si esibiranno anche in performance. Giusto per fare qualche nome, ci saranno tra gli uni e gli altri Iva Zanicchi, Albano, Mietta, Renato Zero, Le Donatella, Silvia Mezzanotte, Nek, i Boomdabash. In ogni puntata ci sarà qualche turnover tra i giudici.

Gli oltre cinquanta concorrenti cantanti, amatori e anche semiprofessionisti, alcuni reduci da altri talent, sono stati selezionati da Roberto Cenci, direttore artistico e regista. Chi riuscirà far alzare e cantare un certo numero di giudici del Muro riceverà un punteggio pari appunto al loro numero (quindi da 0 a 100) e potrà proseguire nella gara. Alla semifinale arriveranno 20 concorrenti e alla finalissima 10, più gli eventuali concorrenti che hanno ottenuto il consenso unanime del Muro, cioè un punteggio di 100. Si sfideranno uno contro uno fino alla vittoria finale che decreterà il vincitore assoluto, che si aggiudi
cherà un premio di 50mila euro.

All Together Now’ sarà anche seguibile in streaming su Mediaset Play (sito, app, smart tv abilitate) e relativi social. Media partner è Radio 101. L'hashtag ufficiale del programma è #AllTogetherNow.

Tra i brand che si sono legati al programma ci sono Wind e Henkel protagonisti di telepromozioni. Attività di branded content riguardano invece Nintendo e Pop Caffè che allieterà la pausa dei giurati nella Break Out Area. L'attività di product olacement è stata sviluppata da Rti, dal team di Publitalia Branded Entertainment (divisione della Direzione Innovation) e dalla casa di produzione Endemol Shine.




Genny Savastano cambia vita e lascia ai fan i suoi oggetti feticcio


Saatchi firma la campagna social di lancio della quarta stagione di Gomorra su Sky Atlantic, in partenza il 29 marzo. Gli appassionati della serie potranno accaparrarsi gli oggetti se sapranno esprimere la motivazione più convincente inviando un vocale al telefono del protagonista

21 marzo 2019 - In vista della partenza su Sky Atlantic il 29 marzo della quarta stagione di Gomorra, M&C Saatchi ha ideato una campagna social legata al nuovo progetto di vita di Genny Savastano, dopo il sacrificio di Ciro che si è fatto uccidere per salvarlo alla fine della terza serie. Per proteggere la sua famiglia, Genny vuole cambiare radicalmente vita, reinventandosi imprenditore. E per farlo dovrà anche sbarazzarsi di alcune feticci del suo passato.

Nella campagna social, Genny invita quindi i fan più accaniti della serie ad accaparrarsi alcuni dei suoi oggetti più cari: il ritratto di famiglia, la tigre dorata, la giacca di pelle e la collana in metallo. Oggetti che non hanno prezzo, e infatti non li vende, ma li lascerà alle 4 persone che avranno dimostrato di meritarseli di più.

Su una landing page dedicata, oltre ai 4 oggetti, gli utenti scoprono il numero di telefono per rivolgersi a Genny. Per ricevere l'oggetto preferito dovranno mandargli un vocale con una motivazione davvero convincente. La produzione è di Utopia.


Al via su Sky Uno B Heroes, docu-serie sul mondo delle start up


15 puntate racconta un percorso di mentorship che è insieme un viaggio nell'innovazione imprenditoriale e un contest che designerà la miglior start up d'Italia, la migliore B2B e quella col più alto impatto sociale. Main sponsor, Intesa Sanpaolo

20 marzo 2019 - È alla seconda edizione B Heroes, percorso di mentorship ideato da Fabio Cannavale, founder e ceo di lastminute.com group, con main sponsor Intesa Sanpaolo. Venti start up selezionate in vari step (dalle 650 candidate sul sito) hanno avuto accesso a un programma di accelerazione e ora si contendono l'investimento principale di 500mila euro per diventare una realtà industriale concreta.

B Heroes è anche un programma televisivo, una docu-serie che prende il via su Sky Uno il 25 marzo per raccontare il mondo dell'innovazione e le storie, i sogni e le aspirazioni delle migliori startup italiane, in 15 puntate prodotte da YAM112003, dal lunedì al venerdì alle 18.50 (con replica il giorno successivo alle 12.20). Le 5 puntate infrasettimanali andranno, inoltre, in onda, una dopo l'altra, ogni venerdì, dalle 23.45, e ogni sabato dalle 9.

“Con B Heroes – spiega Cannavale – mettiamo le startup in contatto diretto con importanti imprese del loro settore, in un percorso di accelerazione durante il quale potranno verificare sul campo se l'idea alla base del business funziona davvero e se il team è quello giusto per realizzarla”.

Dopo 10 puntate di approfondimento e 4 di
accelerazione a cui approderanno in otto, ci sarà la finale il 12 aprile in cui decreteranno la vincitrice in veste di giudici Silvia Candiani, a.d. di Microsoft Italia, Laurent Foata, managing director di Ardian Growth, e Dina Ravera, executive manager, board Member & Business Angel. Set dell'ultima puntata sarà il grattacielo di Intesa Sanpaolo di Torino.

Le 8 startup che accedono alla fase di accelerazione avranno il sostegno di supercoach (imprenditori e mentor) e di 4 grandi aziende, ciascuna attiva nel settore di business sotto cui sono raggruppate a 5 a 5 le 20 concorrenti: A2A per la categoria ‘Sviluppo sostenibile’, l'IRCCS Ospedale San Raffaele (Gruppo San Donato) per ‘Salute e benessere’, Jakala per la categoria ‘Tradizione e innovazione’, Sketchin - Bip Group per ‘Trasformazione digitale’. Le proposte di business delle startup sono le più svariate, e vanno oltre all'ambito puramente digitale. Si va dall'elettrocardiografo per smartphone al management di atleti professionisti di giochi elettronici, dallo scooter-sharing elettrico eco-sostenibile all'organizzazione floreale e festosa di funeral party.

Intesa Sanpaolo sostiene per il secondo anno come main sponsor il progetto, a testimonianza dell'impegno a dare impulso a percorsi di innovazione e di eccellenza e alla vocazione di accompagnare ‘nuovi’ imprenditori in un percorso di crescita, anche con servizi finanziari dedicati.

Nutrito l'elenco degli altri partner. Boost Heroes, la società di partecipazioni promossa da Cannavale, metterà a disposizione i 500mila euro per la migliore startup. La piattaforma di innovazione Gellify elargirà i 200mila per la migliore startup B2B. Impact Hub ne darà 100mila a quella col più alto impatto sociale. Altre società forniranno servizi come marketing plan, business plan, consulenza su aspetti legali e tecnologici e sull'impatto sociale. Citiamo, tra i tanti, Amazon Web Service, Contact Lab, Facebook, Google, Cariplo Factory quale open innovation center, McKinsey quale kowledge partner, Sole 24 Ore e Rds quali media partner.





Nuovi canali e riorganizzazione dell'offerta di Sky Cinema


a Sky Cinema Uno vocato ai blockbuster, arrivano Sky Cinema Due coi film di qualità, sei canali di genere e Sky Cinema Collection che proporrà grandi rassegne, a partire da ‘Woman' dall'8 marzo. Ci saranno in esclusiva i film di Universal in prima visione. Accompagna le novità uno spot, realizzato da Sky Creative Promotion & Production, con la voce di Pierfrancesco Favino

6 marzo 2019 - Sky Cinema si rinnova sotto la tagline 'Lo ami, lo vivi' e ristruttura l'offerta, che prevede, tra l'altro, l'arrivo dei film distribuiti in Italia da Universal con diverse prime visioni. Accompagna la novità un spot, realizzato da Sky Creative Promotion & Production, con la voce di Pierfrancesco Favino che guida i telespettatori in un viaggio attraverso le tantissime prime visioni in arrivo su Sky, titoli in grado di accontentare i gusti e le passioni di tutti. E' una dichiarazione d'amore per il cinema: 'Niente e nessuno mi fa sentire come mi fai sentire tu'. Sul canale 301 si conferma Sky Cinema Uno, punto di riferimento per i blockbuster hollywoodiani, i grandi film per la famiglia, le commedie italiane, i campioni al box office. La grande novità è rappresentata da Sky Cinema Due (canale 302) dove troveranno spazio le prime visioni di qualità e le pietre miliari che hanno fatto la storia del cinema come i film premiati agli Oscar e ai grandi festival internazionali, le pellicole indipendenti, i documentari, i film di culto e i classici.

Sul canale 303 si accende invece Sky Cinema Collection, il canale dedicato alle rassegne e alle collezioni tematiche, con le saghe più popolari, i cicli legati alle festività e alle ricorrenze, le filmografie delle star e dei registi più celebri, i film vincitori di premi internazionali. Si parte dall'8 marzo con la rassegna Women dedicata alle donne.

Nella nuova struttura di Sky Cinema sono presenti anche sei canali di genere per dare la possibilità a tutti di scegliere il film preferito: Sky Cinema Family al 304, con le pellicole per tutta la famiglia; al 305 Sky Cinema Action col cinema d'azione in tutte le sue declinazioni (supereroi, avventura, fantasy, fantascienza); al 306 nasce Sky Cinema Suspense, per gli amanti del brivido e delle forti emozioni con thriller, crime, horror e noir; al 307 ancora una novità, Sky Cinema Romance, con film romantici e sentimental; al 308 troviamo Sky Cinema Drama, dedicato alle storie di ieri e di oggi; al 309 c'è Sky Cinema Comedy, il canale delle commedie con il meglio delle produzioni italiane e internazionali. Sui canali 310 e 311 sono disponibili Sky Cinema Uno +24 e Sky Cinema Due +24, per offrire un'ulteriore scelta.

A completare l'offerta di Sky Cinema, sono inoltre già disponibili i canali Premium Cinema, visibili via satellite e fibra, con Sky Cinema e Sky Hd. L'ampio catalogo cinematografico è disponibile on demand. I canali Sky Cinema sono inoltre visibili in mobilità su Sky Go e in streaming su Now Tv.




Per saperne di più..>>




Rai Fiction presenta ‘ Io sono Mia’, film-evento
sulla vita di Mia Martini, nei cinema e poi su Rai Uno


biopic segue l'iter dello sfruttamento multipiattaforma, col debutto in quasi 300 sale distribuito da Nexo Digital e poi con l'on air in prime time su Rai Uno dopo il Festival di Sanremo. Racconta di una voce e di una personalità uniche e di una vita tormentata, ricca di grandi successi pubblici, di forti emozioni private e di crisi esistenziali. E di una maldicenza distruttiva non diversa dal tema tanto attuale della violenza sulle donne

11 gennaio 2019 - Rai presenta, a un anno di distanza da ‘Fabrizio de André Principe Libero’, un altro film-evento, il biopic su Mia Martini ‘Io sono Mia’, che replica l'iter dello sfruttamento multipiattaforma. Il debutto è in quasi 300 sale cinematografiche distribuito da Nexo Digital il 14. 15 e 16 gennaio, poi sarà in prime time su Rai Uno dopo il Festival di Sanremo. È una produzione di Eliseo Fiction in collaborazione con Rai Fiction, su sceneggiatura di Monica Rametta e con regia di Riccardo Donna.

Ne è protagonista Serena Rossi che ha saputo immedesimarsi nella parte in modo totale e commovente, e che canta dal vivo i pezzi. Nel cast, tra gli altri, Maurizio Lastrico nella parte immaginaria del fotografo Andrea con cui la protagonista ha una storia d'amore tormentata, che in realtà parafrasa quella reale con Ivano Fossati che non ha voluto essere nominato nella fiction. Non ha voluto apparirvi nemmeno Renato Zero, il grande amico degli inizi. Dajama Roncione è la sorella Loredana Bertè mentre Lucia Mascini interpreta la giornalista Sandra e Mina Torresi la grande amica Alba.

Una voce
unica, una carattere testardo, impetuoso e insieme fragile, una vita di grandi successi pubblici e forti emozioni private, di crisi esistenziali e decisioni difficili prese d'impulso. Il film parte dai flash sull'adolescenza col difficile rapporto col padre, per passare agli esordi a Roma e alla consacrazione nel 1972 con ‘Piccolo Uomo’ che vince il Festivalbar, seguito da ‘Minuetto’ scritto per lei da Franco Califano (Edoardo Pesce). Nel 1974 è cantante dell'anno per la critica europea e i dischi iniziano a essere venduti all'estero.

Tanto, fin troppo successo. Il mondo della musica e dello spettacolo la isola diffondendo la maligna diceria che porti sfortuna, una maldicenza distruttiva a cui Mia Martini reagirà abbandonando per anni le scene. Il film chiude sul grande ritorno al Festival di Sanremo nel 1989 con ‘Almeno tu nell'universo’ che le fruttò il premio della critica. Morirà sei anni dopo.

"È un altro ritratto di quei personaggi dello spettacolo-costume italiano - ha spiegato Eleonora Andreatta, direttore di Rai Fiction - che il servizio pubblico sceglie di raccontare perché fanno parte della nostra memoria condivisa e sono in grado di parlare anche all'oggi”. E ancora: “Io sono Mia per Rai Fiction è un progetto e una sfida, quella di raccontare una ritratto femminile potente, un destino luminoso e tragico, ma anche di toccare il tema della violenza sulle donne visto sotto un profilo diverso dal solito, quello subdolo della maldicenza, una forma terribile di esclusione e di ingiustizia”.




Bolle torna su Rai 1 in ‘Danza con me’, show d'arte e ironia,
ballo classico e contemporaneo, e passo a due col robot


grande show di Roberto Bolle, diventato ormai un format, aprirà il prime time del nuovo anno, condotto da Pif e Valeria Solarino. Protagonista, direttore artistico e ideatore, Bolle danzerà e interagirà con personaggi dello spettacolo e star del balletto e perfino con una braccio meccanico ad uso industriale di oltre una tonnellata e mezza di peso. Il programma è scritto come un film, con tanto di storyboard, e realizzato in 6 settimane di riprese negli spazi ex fieristici del Portello di Milano

19 dicembre 2018 - Sarà di nuovo ‘Danza con me’, il grande show di Roberto Bolle non solo protagonista, ma anche direttore artistico e ideatore, a inaugurare il prime time di Rai 1 il 1° gennaio 2019. Prodotto dalla rete con Ballandi Multimedia e Artedanza, unirà l'arte con l'ironia, la tradizione con la tecnologia, la danza classica con il tango, la street dance, lo swing e perfino col can can in una riedizione di Moulin Rouge, alzando ulteriormente l'asticella di questo nuovo format televisivo.

Centrale sarà l'elemento narrativo coi testi di Stefano Massini, scrittore e drammaturgo, affidati a Bolle e ai suoi ospiti narratori, in primis Pif che terrà le fila del programma insieme a Valeria Solarino. Il programma è stato scritto come un vero e proprio film, con tanto di storyboard, e realizzato in 6 settimane di riprese negli spazi ex fieristici del Portello di Milano, dove è stato creato uno studio di oltre 1200 mq di superficie e un palco principale di 300 mq. “La parola chiave della produzione – ha detto il vice direttore di Rai 1 Claudio Fasulo - è la precisione”.

Interag
iranno con Bolle ospiti come Stefano Accorsi, Fabio De Luigi, Luca e Paolo, Ilenia Pastorelli, Cesare Cremonini e i 'Moschettieri del Re’ al secolo Pierfrancesco Favino, Valerio Mastandrea, Sergio Rubini e Rocco Papaleo. Danzeranno con Bolle i ‘Friends’, star del balletto giunti da ogni angolo del globo, tra cui i primi ballerini Alessandra Ferri, Polina Semionova (Teatro di Berlino), Melissa Hamilton (Royal Ballet di Londra), Elisa Badenes (Balletto di Stoccarda), Nicoletta Manni e Virna Toppi (Teatro alla Scala), Alexander Riabko (Balletto di Amburgo).

Tra i pezzi
inediti, ci sarà un tributo a Niccolò Paganini, che diventerà un omaggio a Genova con intervento di Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu, e il passo a due di Bolle con un braccio meccanico di oltre una tonnellata e mezza di peso, normalmente utilizzato nell'industria, e che nell'interazione con l'Étoile avrà movenze antropomorfe.

Il pubblico potrà seguire il programma anche attraverso una serie di contenuti extra per i social, una sorta dl Libretto di Sala virtuale nel quale trovare curiosità e informazioni sulla danza rappresentata. Già lo scorso anno l'hashtag #danzaconme si era imposto come programma più discusso sui social nella settimana dal 1° al 7 gennaio. Nell'edizione 2018, Danza Con Me ha sfiorato i cinque milioni di spettatori.





Rai Fiction presenta ‘La compagnia del cigno’, romanzo
di formazione epico con co-protagonista Milano


e diretta da Ivan Cotroneo e prodotta da Indigo Film, la nuova serie di Rai 1, in onda dal 7 gennaio per sei prime serate, racconta la storia di sette studenti di musica al Conservatorio Giuseppe Verdi, che scoprono il valore di fare gruppo e aiutarsi a crescere nello studio e nella vita. La musica classica è raccontata come parte del presente. La sigla di Mika entra nella colonna sonora distribuita da Universal Music, mentre Rai Libri dedica alla serie una collana di 8 volumi

18 dicembre 2018 - C'era anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala - nel giorno in cui la città è apparsa in cima alla classifica per vivibilità del Sole 24 Ore - a presentare la nuova serie tv di Rai 1 ‘La compagnia del cigno’, che andrà in onda per sei prime serate il 7 e l'8 gennaio e nei lunedì a seguire. C'era il sindaco, perché è la prima fiction Rai in cui Milano è co-protagonista, a partire dal Conservatorio Giuseppe Verdi dove si sviluppa la storia di sette studenti di musica, dai 15 ai 18 anni, che scoprono il valore di fare gruppo e di darsi reciprocamente la forza per superare gli ostacoli e crescere nello studio e nella vita.

“Finora Milano – ha detto il direttore di Rai Fiction Eleonora Andreatta – non era stata ancora protagonista del nostro racconto, che mette in luce le diversità come ricchezza del Paese. Milano è per noi una capitale internazionale, città dalle molte opportunità. Vi abbiamo ambientato questo romanzo di formazione epico, che è anche una storia di valori e disciplina, dove la musica classica è raccontata come parte del presente, attraverso un lavoro musicale complesso”. C'è anche la contaminazione con la musica di oggi, con la sigla creata e interpretata da Mika.

‘La compagnia del cigno’ è diretta da Ivan Cotroneo, che è anche sceneggiatore insieme a Monica Rametta ed è prodotta da Indigo Film con Rai Fiction. I sette ragazzi sono tutti musicisti nella vita e provengono da diversi Conservatori d'Italia. Solo due hanno già avuto esp
erienze recitative, gli altri sono alla prima prova. Nella serie si trovano alle prese con un direttore d'orchestra durissimo, che pretende da tutti il massimo, il maestro Marioni, che chiamano non a caso ‘ il bastardo’. È un uomo tormentato e solo, certissimo di fare col pugno di ferro il bene degli allievi: chi non regge è meglio rinunci subito. Lo interpreta con passione Alessio Boni. Nel cast ci sono anche Anna Valle, Alessandro Roia, Carlotta Natoli, Francesca Cavallin, Stefano Dionisi, Giorgio Pasotti, Marco Bocci, Rocco Tanica, Claudia Potenza e Giovanna Mezzogiorno.

Il progetto coinvolge, oltre al Conservatorio Verdi, anche l'orchestra della Rai e la Youth Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma. Con la messa in onda, Rai Libri porta in libreria dal 15 gennaio una collana di otto libri, sette dedicati singolarmente ai sette ragazzi protagonisti con curiosità e aneddoti e una copertina-manifesto, e l'ottavo che tira le fila della storia collettiva. Saranno in libreria dal 15 gennaio. ‘Sound of an Orchestra’, la sigla inedita composta e cantata da Mika, entra a far parte dell'intera colonna sonora distribuita da Universal Music.


Record di ascolti, di voti e di interazioni
sui social per la finale-evento di X Factor 12


finale del talent show targato Sky, edizione 2018 ‘dei rapper’, ha collezionato una sequenza di record. È stata la più vista di sempre, il secondo programma più visto della serata in assoluto e il primo nazionale tra il pubblico 15-54 e quello 4-19 anni. Su Sky Uno/+1 Hd, Tv8 e Cielo ha totalizzato una share complessiva del 13%

17 dicembre 2018 - Tutto secondo le previsioni. Anastasio, dato per favorito, ha vinto la dodicesima edizione di X Factor e la finalissima del 13 dicembre ha collezionato la prevista sequenza di record. “Quando hai capito che avresti vinto?” “Ai casting” risponde sornione il 21e-nne rapper di Meta di Sorrento, quasi laureando in scienze agrarie e forestali e imperturbabile davanti a domande scomode. Il suo inedito ‘La fine del mondo’ era già singolo d'oro prima della finale.

È stata l'edizione dei rapper, tre nei primi tre posti: Anastasio ha sfornato un testo via l'altro (“il rap è comunicazione”), Naomi lo è diventata in corso d'opera, la piccola Luna ha rappato traboccando energia (“è il genere più praticato”). Hanno fatto così una performance in controtendenza arrivando quarti i raffinati Bowland, con le loro sonorità esotiche e sensuali.

È stata
la finale più vista di sempre del talent show targato Sky e prodotto da Fremantle, il secondo programma più visto della serata in assoluto e il primo nazionale tra il pubblico di fascia 15-54 anni (share 20,4%) e quello 4-19 anni (29,5%). Su Sky Uno/+1 Hd, Tv8 e Cielo la finale hanno totalizzato 2.824.484 spettatori medi, con una share complessiva del 13%. Alla proclamazione del vincitore la share ha raggiunto il peak del 20,8%. Sky Uno e Tv8 sono stati rispettivamente il 3° e il 4° canale nazionale sul totale individui. Record anche per i voti: gli 11,4 milioni arrivati per la finale hanno portato il totale per l'intera edizione a oltre 48 milioni complessivi. Ergo, l'edizione 2018 è stata la più votata del talent show (+45% rispetto al 2017).

Sui social network, la finale è stato il programma tv più commentato della giornata e anche della stagione televisiva. Per la quarta settimana consecutiva #XF12 è entrato anche nella classifica dei trending topic mondiali.


Finale ipertecnologica per XFactor 2018
in diretta da Assago, un successo annunciato


finale sarà in diretta su Sky Uno e in chiaro su Tv8. I quattro finalisti calcheranno un palco-monstre di 800 mq, sovrastato da un led di 350 mq alto fino a 17 metri e illuminato da 750 teste mobili, ripresi da 19 telecamere. Sarà anche il primo show in Europa a sperimentare il 5G con Vodafone. Ospiti, Marco Mengoni, Muse, Thegiornalisti e Ghali. Intanto si è aperto il toto giudici per l'edizione 2019

13 dicembre 2018 - Gran finale questa sera in diretta dal Mediolanum Forum di Assago di X Factor 2018 “il luogo dove nascono i talenti”. Sarà visibile su Sky Uno, Now tv e anche in chiaro su Tv8 dalle 21.15, dopo l'AnteFactor delle 20.25, e sarà in diretta radiofonica sul Rtl 102.5. I 4 finalisti sui 12 arrivati ai live - Anastasio, i Bowland, Luna e Naomi – si affannano come da copione a dichiararsi appagati dall'essere giunti fin lì e aver scoperto o confermato vocazioni. Il favorito è Anastasio, ma l'ampliamento del pubblico votante alla platea free potrebbe cambiare i giochi, come fu l'anno scorso per Licitra che superò a sorpresa i favoritissimi Maneskin. Ma niente di grave, la storia dei Maneskin e anche di Nigiotti è lì a dimostrare che il successo se deve arriva ugualmente.

Il direttore artistico Simone Ferrari ha fatto le cose in grande e ipertecnologiche. I quattro finalisti calcheranno un palco-monstre di 800 mq, sovrastato da un led di 350 mq alto fino a 17 metri e illuminato da 750 teste mobili, ripresi da 19 telecamere. Sarà anche il primo show in Europa a sperimentare il 5G con
Vodafone. Il main sponsor Intesa Sanpaolo coinvolgerà in diretta il pubblico del Forum regalando braccialetti Led XME Conto per farne protagonisti di uno spettacolo interattivo di luci.

I quattro finalisti duetteranno con Marco Mengoni, ospite come i Muse, Thegiornalisti e Ghali. I primi tre superstiti presenteranno il loro Best of, gli ultimi due finalisti si scontreranno sull'inedito. Per inciso, gli inediti hanno già totalizzato su Spotify a ieri 16 milioni di streaming.

Nils Hartmann, direttore produzione originali di Sky, si compiace che X Factor targato Sky abbia “felicemente superato la possibile crisi del settimo anno”. Ha dalla sua dati da successo: media per l'intera edizione di oltre 3 milioni e 400mila spettatori nei 7 giorni (pay+free) che arrivano a 2 milioni e 727mila col consumo in differita, live da 1 milione e 262mila il giovedì sera in media su Sky Uno, essere X Factor il giovedì tra i 3 programmi più visti dal core target 4-19 anni. In attesa dello scontato boom della finale, la semifinale del 6 dicembre passa agli annali come la più vista di sempre su Sky. Sui social X Factor 2018 è stato il programma più commentato della stagione televisiva in corso. I voti hanno raggiunto fino alla semifinale il record di 47 milioni. Hartmann sottolinea anche le buone azioni, all'insegna di "la musica unisce", ovvero l'impegno sociale dei concorrenti a favore degli Oceani da salvare e
Alessandro Cattelan
di Save The Children. Questa sera ci sarà anche un momento di riflessione sulla tragedia di Corinaldo.

Da gennaio la macchina organizzativa si metterà in moto per l'edizione 2019. Si è aperto il toto-giudici. Agnelli e Fedez hanno annunciato l'addio, pare verosimile che mancherà anche il ‘lodorroico’ Guenzi, non si è espressa per ora la Maionchi. Conferma certa invece per Alessadro Cattelan alla conduzione: “Ho firmato l'anno scorso per due edizioni. Per ora”.


Un lungo Natale sulle tv di De Agostini Editore


speciale tra dicembre e gennaio su DeAKids, DeAJunior, Super! e Alpha, con produzioni originali, serie e musica. Su DeAKids il maestro Beppe Vessicchio fa la guest star in ‘Monstershop’ e arriva 'New School 2'. Sul maschile Alpha il comandante di voli di linea Roberto Ripamonti conduce ‘Destinazione Pesca. Su Super! arriva in chiaro la serie argentina ‘Kally’s Mashup’. Il gruppo chiuderà il 2018 con ricavi complessivi tra attività televisive, raccolta e attività sul digitale compresi tra i 26 e i 27 milioni di euro

5 dicem
Placido Gugliandolo, Matteo Cremona, Beppe Vessichio, Celeste Gugliandolo, Marco Falatti
bre 2018
- Il lungo Natale delle tv del gruppo De Agostini Editore - DeAKids, DeAJunior, Super! e Alpha - è già iniziato con una programmazione dedicata a base di serie, produzioni originali e tanta musica. La grande notizia è il coinvolgimento su DeAKids, il canale per ragazzi in esclusiva su Sky (al 601), di un'icona della musica pop italiana, il maestro Beppe Vessicchio, che con una buona dose di autoironia fa la guest star in ‘Monstershop’ ovvero nel negozio dei mostri, spin off de ‘L'officina dei Mostri’, girato in collaborazione con l'Antoniano di Bologna. Andrà in onda dal 15 dicembre tutti i giorni alle 17.45. Vessicchio firma e dirige ovviamente la sigla del programma.

Semp
re su DeAKids ha debuttato il 3 dicembre, per andare on air ogni pomeriggio alle 18, la seconda stagione di ‘New School', prima sitcom originale del canale, ambientata nella McGaffin Middle school, dove tutti ambiscono a raggiungere il WC, alias il Wall of Celebrities. La prima stagione invece tornerà on air free su Super! dal 21 dicembre. Torna su DeAKids anche Missione Cuccioli, dal 14 gennaio, anticipata dalla puntata speciale ‘Cani incredibili' del 1° gennaio alle 10.35.

Il Natale per i ragazzi continua anche su DeAJunior, il canale prescolare di edutainment al 623 di Sky, coi videoclip delle canzoni dello ‘Zecchino d'Oro 2018’ e le puntate di serie come ‘Masha e Orso’. Ci sarà anche ‘Hey Duggee’, serie animata della Bbc vincitrice ai BAFTA Awards 2018.

Per i due canali kids in esclusiva sulla piattaforma Sky e in gestione pubblicitaria a Prs, le audience nel 2018 sono risultate stabili, con una quota nel 2018 del 13% sul bouquet kids di Sky.

Aria di Natale anche su Super!, canale in joint venture tra De Agostini Editore e Viacom International Media Networks, al 47 del digitale terrestre e 625 di Sky, in gestione quanto a raccolta a Viacom Pubblicità. Tra le novità c'è l'arrivo in chiaro, dopo essere stato su DeAKids, della serie argentina ‘Kally’s Mashup’ con anteprima in onda il 21 dicembre alle ore 19.05 e l'on air continuativo da febbraio 2019. Ci saranno l'animazione con una puntata speciale natalizia della serie ‘Miracolous - le storie di Ladybug e Chat Noir’ dal 21 dicembre e Le Avventure di Kid Danger. Sul fronte degli ascolti, Super! è diventato il primo canale commerciale sul target 4-14 anni con una share del 6,59%. Ogni giorno mediamente su Super! si sintonizza circa 1 milione di bambini tra 4 e i 14 anni.

Infine, è previsto un palinses
to particolare per le vacanze natalizie anche su Alpha il canale per un pubblico maschile dai 24 ai 44 anni, in onda dal 1° ottobre 2017 al 59 del dtt e da un paio di mesi anche al 415 di Sky col passaggio della gestione pubblicitaria da Viacom a Sky Media. Proporrà una novità sul fishing col comandante di voli di linea - e pescatore - Roberto Ripamonti in ‘Destinazione Pesca’, ambientato in Italia, in onda dal 16 dicembre alle 23. Poi ci saranno le serie di Bbc come Life Below Zero e in prima tv assoluta ‘La vita segreta dei cani’. Nel corso del 2018 Alpha ha avuto una media di ascolto dello 0,22% con peak dello 0.4% e anche dello 0,8% sul core target. Il canale ha mostrato capacità di fidelizzare i suoi contatti con permanenze di visione di circa 30 minuti in media.

Con le attività televisive, la raccolta e le attività sul digitale De Agostini Editore otterrà nel 2018 ricavi tra i 26 e i 27 milioni di euro, in crescita sul 2017 per l'arrivo di Alpha ma stabili a parità di perimetro.

Per quanto riguarda l'area digital, la raccolta pubblicitaria è stabile. Supertv.it registra 225.000 browser unici e 4,5 milioni di page views mensili, posizionandosi al secondo posto tra i siti kids tv in Italia dopo Disney (fonte Comscore). Il network DeAbyDay, a target femminile, gestito pubblicitariamente da Manzoni, è tra i top 5 siti femminili italiani, con un'audience mensile di circa 6 milioni di browser unici e di 12,5 milioni di pagine viste. Il gruppo punta all'espansione con l'ingresso di nuovi siti, come è avvenuto l'anno scorso con l'arrivo di cure.naturali.it.





XFactor 2018 approda ai live


40.000 aspiranti i concorrenti si sono ridotti a 12 che si giocheranno la vittoria del talent su 8 serate, con finalissima il 13 dicembre. Lodo Guenzi de Lo Stato Sociale eredita i 3 Gruppi scelti da Asia Argento, giudice ‘uscente’. Il nuovo direttore artistico Simone Ferrari prepara spettacolari coreografie ispirate ai grandi show internazionali, con un palco che prevede 10 set up che si alternano mischiando linguaggi e forme. Ripartono Strafactor, XFactor Daily e XFactor Weekly. I concorrenti terranno il contatto con pubblico e fan utilizzando i propri profili Instagram

23 ottobre 2018 - Entra nel vivo approdando ai live XFactor 2018, edizione travagliata per via del caso Asia Argento ma comunque “lo show musicale più bello di sempre” (Nils Hartmann, direttore produzione originali di Sky). Da 40.000 aspiranti i concorrenti si sono ridotti a 12 (21 persone visto che 3 sono gruppi): 5 che hanno presentato inediti alle audition (XFactor apre sempre più ai cantautori), 5 su 21 già laureati, 9 iscritti all'Università e 4 alle Superiori, 7 single e 14 fidanzati, tutti molto sportivi. Si giocheranno la grande chance di vincere il talent su 8 serate, alle 21.15 il giovedì in diretta e in esclusiva su Sky Uno (canale 108), su Sky on demand e sul digitale terrestre al 311 e all'11. Finalissima al Mediolanum Foru
m di Assago il 13 dicembre.

Sollevata l'Argento dall'incarico di giudice “senza moralismi né accuse, solo per non distogliere l'attenzione dai concorrenti e comunque di comune accordo” (sempre Hartmann), a Fedez per gli Over, a Mara Maionchi per gli Under uomini e a Manuel Agnelli per le Under Donne, si è affiancato Lodo Guenzi de Lo Stato Sociale per i Gruppi, ereditando i 3 concorrenti selezionati da Asia: “Avrei fatto anch’io le stesse scelte”.

Le 7 puntate di selezioni hanno ottenuto un ascolto medio ogni giovedì di 1 milione e 220mila spettatori e, ogni giovedì, X Factor è stato il programma d'intrattenimento più commentato sui social. Il nuovo direttore artistico Simone Ferrari, 31 anni e da 5 nella BWS di Marco Balich, realizzerà nuove spettacolari coreografie ispirandosi ai grandi show internazionali, con un palco di 800 mq che prevede 10 set up che si alternano mischiando linguaggi e forme grazie a sofisticate tecnologie. Tra gli ospiti, torneranno i Måneskin e Enrico Nigiotti con la Nannini. Poi ci saranno la pop star Rita Ora, Sting per la prima volta in un talent show italiano, Shaggy, i Subsonica, Jonas Blue, Liam Payne e altre star internazionali nella finalissima.

Anche Strafactor riparte il 25 ottobre con Elio, Pupo e la Dark Polo Gang che salirà anche sul palco come ospite, mentre il 19 ottobre è partito XFactor Daily condotto dal duo pop Benji&Fede. Ci sarà anche XFactor Weekly, che oltre a ripercorrere i momenti salienti del
I concorrenti
la settimana, mostrerà il primo concerto live dell'eliminato, in onda dal 27 ottobre il sabato alle 19.40 su Sky Uno.

Sul fronte digital spicca la novità dell'uso di Instagram da parte dei concorrenti, che con i loro profili potranno tenere aperto il dialogo con pubblico e fan. Si vota da casa attraverso il sito, Twitter, l'app XF 2018, lo smartwatch e il decoder Sky.

Main sponsor di questa dodicesima edizione è Intesa Sanpaolo, al terzo anno nel ruolo. Official & technical partner sono Old Wild West, Swatch, Opel, Amazon, Mac Cosmetic, Lindt, Marlù Gioielli, Coca-Cola, Wella, Yamaha Music Europe e Warner Bros Entertainment Italia. Rtl 102.5 è media partner, Spotify è official streaming music e infine Rolling Stone è official press reporter.


Striscia quest'anno è voce dell'inconsistenza,
specchio dei tempi. Vissuti a ritmo di algoritmo


Tg satirico di Antonio Ricci torna con la 31-esima edizione lunedì 24 alle 20.35 su Canale 5, ripreso al 105 di Sky, con tutta la ciurma confermata e conduttori rodati. Ballantini farà il presidente del Consiglio e la Graci la sorella della Isoardi. Assoldato tra gli inviati il 14-enne Eric Barbizzi in veste di consulente scientifico per l'ambiente

21 settembre 2018 - Un anno fa alla conferenza per l'avvio della 30ª edizione, Antonio Ricci annunciava che Striscia la Notizia avrebbe smesso di snobbare i social (“Potremmo essere una vera fabbrica di contenuti per i social”). E così ha aperto la conferenza della 31ª edizione sciorinando dati in crescendo: aumento del 47% delle visite sul sito, dell'88% dei fan su Facebook, del 188% su Instagram, oltre che del 5% degli ascolti su Canale 5. Per inciso, quest'anno Striscia potrà fare ascolti anche su Sky, al 105, grazie all'accordo che riporta i canali Mediaset free sulla pay tv dopo 3 anni.

Non tantissime le altre novità. Il Tg satirico, forte di essere la trasmissione di intrattenimento più longeva della tv (già nel 2011 era entrata nel Guinness dei primati per il maggior numero di puntate), riparte lunedì 24 settembre confermando in pratica tutta la ciurma, a partire dalla Veline al debutto lo scorso anno: Shaila Gatta la mora e Mikaela Neaze Silva la coloured coi ricci tinti di biondo. I conduttori sono rodati: dal 24 settembre al 13 ottobre ci saranno Ezio Greggio e Michelle Hunziker, poi fino al 5 gennaio Greggio farà coppia con Enzo Iacchetti. Dal 7 gennaio al 13 aprile toccherà a Ficarra e Picone, dal 15 aprile all'8 giugno tornerà la Hunziker accanto a Gerry Scotti. Tra gli inviati, viene assoldato dopo il test di maggio il 14-enne Eric Barbizzi in veste di consulente scientifico per l'ambiente.

Nuovo come è tradizione il sottotito
lo, la voce dell'inconsistenza, che, secondo Ricci, definisce molto bene il momento socio-politico in cui viviamo, e di cui la querelle sulla ricostruzione del ponte di Genova è un simbolo: “Ho visto recentemente il progetto presentato sul blog di Beppe Grillo. Penso che abbia fatto uno scherzo all'amico Renzo Piano, perché il ponte che ha fatto vedere mi sembra una roba orribile, praticamente un ‘biscione bis’: un'enorme costruzione impattante che per 1,2 km attraverserebbe il Polcevera. Abbiamo a Genova un architetto molto serio, Renzo Piano, che lavora con i migliori tecnici di tutto il mondo. Penso che, senza perdere tempo, la cosa più importante sia dare il lavoro a lui e farlo presto”.

Nuovo il Governo, nuovi i personaggi da sbeffeggiare (“far satira su Gentiloni era dura”): Ballantini partirà dal Presidente del Consiglio (“di cui mi sfugge il nome”) mentre Valeria Graci farà la sorella de
lla Isoardi.

Confermati il consueto spirito dissacratore e la mission di combattere le ingiustizie sociali e la ciarlataneria e stare dalla parte dei più deboli. Praticamente certa la ripresa dei tormentoni sui ‘pacchi’ e sui ritardi dell'inizio del prime time di Rai, nonché sui testi per così dire naif di Baglioni. La sigla questa volta mette l'accento sugli algoritmi che ci salverebbero la vita. Titolo: ‘Algoritmo ritmo’.


La7 ha fatto ascolti record e conferma la squadra.
Sotto osservazione i siti, “devono rendere di più”


autunnale di conferme quanto a conduttori e linea editoriale per La7, che ha registrato incrementi d'ascolto a doppia cifra e a maggio è stata terza rete nazionale nel prime time. Rivedremo Floris confermato per cinque anni, Giletti per un anno, Formigli, Zoro e la Gruber. E naturalmente Mentana. Cairo punta alla valorizzazione dei siti web. La raccolta per ora non premia la crescita degli ascolti e aumenta solo del 2,2%

13 luglio 2018 - Palinsesto autunno-inverno di conferme per La7, sia sul fronte dei conduttori (“le migliori firme del giornalismo italiano”) sia su quello della linea editoriale basata sull'informazione, dopo una “stagione strepitosa” in cui l'audience ha segnato il “record da quando la rete esiste, ovvero dal 2001”. Così Urbano Cairo ha introdotto la presentazione annuale dei palinsesti delle rete acquisita cinque anni fa, quando perdeva 100 milioni l'anno ma che già dal 2014 ha cominciato ad avere bilanci in attivo, senza che siano stati “intaccati autorevolezza e qualità”.

La direzione di Andrea Salerno ha portato ‘una certa idea di tv’ (la tagline coniata l'anno scorso) felicemente a regime
Andrea Salerno
e La7 ha registrato incrementi d'ascolto a doppia cifra, arrivando in maggio a essere stabilmente la terza rete nazionale in prime time, col 6,27% di share. Tra il 12 novembre 2017 e il 17 giugno 2018 La7 ha realizzato il 3,85% di share nel totale giornata (+24% rispetto al periodo omologo di un anno prima) e il 5,1% (+37%) con quasi 1,3 milioni di spettatori medi in prime time, conquistando il 6° posto assoluto in davanti a Rete4. Guardando solo al 1° semestre 2018, nel totale giornata la share è stata del 3,9% (+33% rispetto al primo semestre 2017) e del 5,1% in prime time (+46%). Quanto a La7d, si conferma lo 0,5% di share e il grande appeal presso un pubblico femminile giovane.

A tanta performance sul fronte delle audience non ne è corrisposta altrettanta sul fronte della raccolta pubblicitaria: da gennaio a maggio la crescita è stata solo del 2,2% (per un totale di circa 70 milioni). “C'è uno sfalsamento temporale – spiega Cairo – il classico ritardo da parte del mercato a recepire la crescita degli ascolti e tradurli in maggiori investimenti”. Giugno ha sofferto dell'effetto Mondiali che ha convogliato gli investimenti su Mediaset, ma ora la concessionaria guidata da Umberto Fornara ha davanti il secondo semestre per monetizzare i buoni ascolti del primo. I listini stanno per essere ritoccati all'insù in linea con la crescita delle audience.

Un settore che Cairo intende valorizzare sono
Urbano Cairo
le properties digitali, anche sul fronte di quelle di Rcs, tutte in concessione a Rcs Pubblicità (subentrata per La7.it e TgLa7.it a Websystem). La7 è in crescita sulle piattaforme digitali ed è leader sui social network per l'area Talk & News. Ma Cairo vuole di più: “In aprile il New York Times ha registrato online 94 milioni di utenti unici, la Cbs 68 milioni e la Cnn 122 milioni. Poi vedo i dati di Corriere.it e La7.it e mi rendo conto che si deve migliorare. Corriere.it ha 2,5 milioni di utenti unici al giorno, 9,2 milioni a settimana, La7.it ha solo 120mila utenti unici. Ci sono ampi margini. Dobbiamo lavorarci”.

Tra i personaggi della nuova stagione in prima linea c'è Mentana col suo TgLa7, gli approfondimenti di ‘Bersaglio mobile’ e le famose ‘Maratone’ tra cui si segnala il caso record della #maratonamentana nella notte dell'election day che ha raggiunto il 14,3%. Mentana ha recentemente annunciato con un post su Facebook l'intenzione di aprire un giornale online redatto da giovani contrattualizzati, dando il suo apporto contro il precariato e la disoccupazione nel settore. Lo farà con Cairo? “Mi ha detto: tu sei il mio editore, qualunque iniziativa la farò con te”.

Pilastro dell'access quotidiano sarà ancora Otto e Mezzo di Lilli Gruber (6,44% di share medio nella stagione e 6,88% nel primo semestre). In prime time si riaccendono tutti i programmi. Ritorna diMartedì (media primo semestre 7,9% con punte del 14%) di Giovanni Floris con cui è stato rinnovato il contratto per cinque anni, così come era stato fatto con la Gruber un anno prima. “Potendo faccio ormai sempre contratti quinquennali” dice Cairo che ne ha già uno pronto anche per Massimo Giletti, entrato in squadra un anno fa e che per ora ha rinnovato solo per un altro anno. ‘Non è l'Arena’ è stato campione d'ascolti con il 7,2% di share nel primo semestre e peak del 13,5%, triplicando l'audience del prime time della domenica.

Al mercoledì in prime torna ‘Atlantide – Storie di Uomini e di Mondi’ condotto da Andrea Purgatori, dedicato alla divulgazione storica e culturale legata all'attualità. Il giovedì è di Corrado Formigli col suo Piazzapulita. Al venerdì torna una delle rivelazioni della stagione, Propaganda Live di Diego Bianchi in arte ‘Zoro’ insieme a Makkox. Il lunedì è dedicato alle grandi serie come Grey’s Anatomy. Il prime del sabato, dopo la serie Barnaby, è ancora in definizione.

Personaggi nuovi? La Gabanelli non sarebbe per ora intenzionata. Tutto è in alto mare, ma non si dispera, con Corrado Guzzanti, di cui era stata annunciata un anno fa una cartolina satirica giornaliera di 5 minuti da lunedì al venerdì, ma mai realizzata. Per Miss Italia sono ancora da definire i dettagli. Vera novità concreta in arrivo, le otto puntate costruite su misura per David Parenzo, che saranno trasmesse in prime time: “ci stiamo lavorando”.

Per saperne di più..>>




Leader di ascolti e in via di recupero sulla raccolta, la Rai presenta
i palinsesti d'autunno all'insegna di ‘Il futuro è già in programma’


uno slogan ma il vero senso dell'offerta della Rai” ha detto il dg Mario Orfeo. Tornano la Venier, la Dandini e Insinna, Baglioni fa replay a Sanremo, la Clerici rifà Portobello tale e quale, Fabio Fazio vince la scommessa del prime time di domenica e lunedì. Arrivano tre serie-evento, prime coproduzioni internazionali di Rai Fiction, e torna dopo sei anni la Champions. Rai Pubblicità punta alla brand integration con progetti crossmediali

28 giugno 2018 - Mega presentazione ieri a Milano dei palinsesti Rai da settembre a dicembre, e anche oltre, con mattatore Mario Orfeo, direttore generale in scadenza, a cui l'anno di gestione ha dato parecchie soddisfazioni (“sapevo che sarebbe durato solo un anno, sono a disposizione dell'azienda”). Il 2017 si è chiuso in positivo e anche per il 2018 è prevista la chiusura in attivo, con recupero della flessione del 3% sofferta dalla raccolta nel primo semestre (l'assenza dei Mondiali ha pesato). La Rai comunque è stata leader di ascolti (ha superato M
Mario Orfei
ediaset di 4,7 punti di share nell'all time e di 6,2 punti nel prime), ha fatto ancora “più delle reti analoghe europee”, con punte record grazie a Sanremo e alle nuove puntate di Montalbano. E questo “senza mai aver deviato dal fare servizio pubblico, che significa veicolare valori sociali e civili condivisibili e anche essere veicolo di cultura”.

Titolo della presentazione: Il futuro è già in programma. “Non un slogan – sottolinea il direttore generale – ma il vero senso dell'offerta della Rai per il prossimo autunno". Che si presenta davvero ricca, con molte conferme delle anticipazioni girate negli scorsi giorni. Baglioni concede il bis come direttore artistico a Sanremo 2019. Mara Venier torna alla conduzione di Do
Claudio Baglioni
menica In e la Parodi slitta alle 17.35 per condurre ‘La prima volta’. Flavio Insinna, nonostante le polemiche, va a condurre l'Eredità nel preserale di Rai Uno (“raccomandato solo dalla sua professionalità”). La Clerici rifà Portobello (tale e quale, con tanto di Pappagallo) e la Isoardi le succede alla
Fabio Fazio
Prova del Cuoco. Bianca Guaccero conduce Detto Fatto nel pomeriggio su Radio Due. Sui Rai 3 c'è il ritorno di Serena Dandini con Stati generali.

Quanto a Fabio Fazio, mantiene la postazione della prima serata di domenica e lunedì su Rai Uno, grazie agli ottimi ascolti (“rifarei domani questa scelta tanto contestata – dice Orfeo –. I risultati ci hanno dato ragione. Una puntata di ‘Che tempo che fa’ costa 410mila euro, un terzo di una puntata di una fiction”). Anzi lo schema ora si ripete: Alberto Angela trasmigra da Rai 3 al sabato sera di Rai Uno con 'Ulisse'. E Rai 3 si metterà a “sperimentare nuovi linguaggi”. E Benigni e Fiorello? Torneranno Giletti e Floris? Per i primi due è un forse, per Giletti e Floris è un no (“I palinsesti sono chiu
Antonella Clerici
si e impacchettati” dice tassativo Orfeo).

Non mancheranno le grandi serate-evento: con Bocelli, con Baglioni e con Bolle in prime time il 1° gennaio. E tantissima fiction, con le nuove stagioni delle collaudate a lunga serialità e con novità come ‘Nero a metà’ con Amendola, ‘La compagnia del cigno’ scritta e diretta da Cotroneo, ‘L'Aquila – Grandi speranze’ nelle aree del terremoto. Su Rai 3 andrà in onda ‘I topi’ con soggetto e sceneggiatura di Antonio Albanese. Il clou arriverà con le tre serie-evento con cui la Rai fa ingresso nella coproduzione internazionale: ‘Lorenzo il Magnifico’, seguito de ‘I Medici’ ripartendo da vent’anni dopo, ‘L'amica geniale’ prima serie Hbo-Rai Fiction e ‘Il nome della rosa’.

Sul fronte dello sport, chiusi i Mondiali, il calcio in chiaro tornerà da agosto sulla Rai con la Nazionale, la Super Coppa Europea e Italiana, la Coppa Italia. Viene messa in grande evidenza l'esclusiva dei diritti free to air delle partite delle squadre italiane in Champions League 2019: la Champions torna sulla Rai dopo sei anni.

Rai Pubblicità, come si è detto, conta di chiudere l'anno in attivo, grazie anche alle nuove strategie e alla nuova organizzazione focalizzate a una mag
Antonio Marano
giore integrazione dei brand con i contenuti editoriali. “Puntiamo a un aumento dei progetti di comunicazione centrati sulla brand integration e sulle iniziative speciali – ha detto Antonio Marano, presidente e a.d. di Rai Pubblicità - Azioni che hanno già portato a un incremento del 6% del costo per Grp sul target 25-54 anni, a fronte di una flessione del 2% del totale mercato. La nostra redditività è aumentata del 5%”.

Rai Pubblicità ha suddiviso il marketing in due strutture, una legata ai contenuti dell'editore e l'altra dedicata allo sviluppo delle offerte commerciali. Inoltre, sono state create delle unit creative, che offrono format personalizzati per valorizzare l'integrazione dei brand con i contenuti Rai, insieme ad altre divisioni che sviluppano progetti di branded content e product placement. Rai Pubblicità ha anche deciso di allargare il core business con attività below the line, come gli eventi sul territorio, sempre più presenti all'interno della proposta commerciale. Marano ha infine sottolineato il valore dell'esperienza crossmediale che fa del contenuto Rai un evento che 'esplode' su tutti i touch point, dai media ai social al territorio. Il modello di brand integration consente di aumentare notevolmente il ricordo dei brand e la reputazione.
Per saperne di più sul palinsesto delle generaliste …>>

Per saperne di più sul palinsesto delle tematiche …>>



Canale 5 punta sulle produzioni. Arriva ‘Vuoi scommettere?’,
game show con Hunziker e figlia per la prima volta insieme


format, ispirato allo storico e pluri-esportato programma tedesco ‘Wetten, Dass…?’, vede in ogni puntata cimentarsi in sfide ai limiti del possibile sette concorrenti, abbinati ciascuno a un personaggio famoso che scommette sulla riuscita dell'impresa, rischiando una penitenza. La Ramazzotti fa l'inviata speciale in esterna. Cinque le puntate iniziali aumentabili in base al successo. Che in Germania veleggia sul 40% di share

4 maggio 2018 - Parte giovedì 17 maggio, in prima serata su Canale 5, ‘Vuoi scommettere?’, game show prodotto da Magnolia (Gruppo Banijay) e condotto dal Teatro 5 di Cinecittà da Michelle Hunziker, per la prima volta insieme alla figlia Aurora Ramazzotti nel ruolo di inviata. Il format si ispira allo storico programma tedesco ‘Wetten, Dass…?’, partito nel 1981 e condotto dal 2009 al 2011 proprio da Michelle al fianco del navigato Thomas Gottschalk. Programma di grande successo, che in Germania fa il 40% e che è stato esportato anche in Spagna, Francia, Olanda, Grecia, Polonia, Belgio, Olanda, Stati Uniti e Cina.

Lo sarà anche in Italia? Le iniziali 5 puntate potrebbero aumentare in virtù dell'audience raggiunta, ma l'obiettivo di share non viene dichiarato dal direttore di rete, Giancarlo Scheri, che invece sottolinea: “Puntiamo molto su questo grande show che rispecchia quello che il palinsesto di Canale 5 vuole offrire ai suoi spettatori: 5 o anche 6 serate di nostre produzioni costruite sulle loro esigenze e aspettative”.

La formula italiana vede in ogni puntata sette concorrenti tra il talentuoso e il bizzarro cimentarsi in sfide divertenti, curiose, ai limiti del possibile, che chiedono forza, tenacia e precisione. Tanto per intenderci, nella prima puntata si scommetterà sulla capacità di riconoscere dall'abbaio la razza di un cane e sul consumo di un inte
ro pasto camminando in verticale sulle mani. A ogni concorrente viene abbinato un personaggio famoso che scommette sulla riuscita dell'impresa e che viene sottoposto a una penitenza divertente se perde. Alla fine è il pubblico in studio a decretare il vincitore. Gli ospiti del debutto sono Maria De Filippi, Silvia Toffanin, Antonino Cannavacciuolo, Alberto Tomba, Nek, Ricky Tognazzi e Andrea Pucci.

Lo show prevede anche una prova in esterna seguita e commentata da Aurora Ramazzotti. Poi c'è il momento ‘Tutti contro Michelle’ in cui la conduttrice si mette alla prova scommettendo con gli ospiti di portare a termine un'impresa, con penitenza incombente. Non solo. La Hunziker parlerà anche di Doppia Difesa, la sua iniziativa contro il femminicidio e in difesa delle donne vittime di abusi, facendo col pubblico una scommessa di valore sociale: si recherà dai quattro principali leader politici per far sottoscrivere l'impegno a sostenere in Parlamento la proposta di legge ‘Codice Rosso’ con cui dare priorità assoluta alle denunce di violenza sulle donne, contro le morti annunciate. Per ora ha sottoscritto Salvini, il prossimo contattato sarà Martina.

Va da sé, con tanta carne al fuoco, che la trasmissione si prospetti di lunghezza impegnativa: 3 ore e mezza, prima e seconda serata insieme. Vivrà anche sui social, con profili già attivi da settimane, e sul web. Anche il pubblico potrà scommettere sulla riuscita delle prove attraverso Facebook, Instagram e Twitter.


Il Saturday Night Live sbarca su Tv8 con Bisio capocomico


programma a base di musica live e satira sociale, su format del cult della Nbc, vuole intercettare un pubblico giovane adulto che il sabato sera cerca divertimento. Sei puntate da 80’ propongono sketch in studio e in esterna, con un cast fisso di 7 comici e un turn over di attori, cantanti, sportivi, youtuber. Tra gli appuntamenti fissi, il Tg di satira ‘Weekend Update’ e la mini serie ‘Sguburra’

9 aprile 2018 - TV 8 punta a intercettare il sabato sera un pubblico ‘giovane adulto’ che ha voglia semplicemente di divertirsi, a cui offre un'alternativa, a base di musica live e satira sociale, alle corazzate ‘Amici’ e ‘Ballando con le stelle’. Riporta in Italia in versione inedita il ‘Saturday Night Live’ (SNL), show cult on air da 42 anni su Nbc negli Usa, incubatore di attori e star della musica. Alla guida del programma prodotto da FTM Entertainment c'è un volto della rete, l'attore Claudio Bisio, già mattatore di Italia’s Got Talent e di The Comedians. Qui fa da capocomico a un cast fisso di 7: Francesco Arienzo, Alessandro Betti, Mirko Darar, Annagaia Marchioro, Mary Sarnataro, I Trejolie e Marta Zoboli.

In 80 minuti e per sei puntate a partire da
sabato 7 aprile, lo show propone musica live della Tom’s Family, capitanata da Rocco Tanica, e sketch in studio e in esterna, che prendono in giro vizi e virtù della nostra società, strizzando l'occhio alla cronaca e all'attualità. La trasmissione è un libero (quasi) adattamento del format di Nbc, libero a cominciare dalla presenza del conduttore che nella versione Usa non è previsto fisso. Del resto, in 42 anni anche lo show originale si è più volte modificato.

In ognuna delle sei puntate, si alterneranno sul palco di SNL molti ospiti, che si lasceranno coinvolgere da Bisio e compagnia negli sketch del programma, da Alessandro Cattelan a Paola Cortellesi, da Sabrina Ferilli a Vanessa Incontrada, da Frank Matano a Rocco Papaleo. Non mancheranno gli sportivi, come Federica Pe
llegrini e Gianluca Vialli. A rappresentare la musica ci saranno, tra gli altri, Alex Britti, Elio e le Storie Tese, Fabri Fibra, Gigi D'Alessio, Emma Marrone, Max Gazzé, Giorgia, Alvaro Soler, The Kolors e tanti altri.

Tra gli appuntamenti fissi, ci sono il Tg di satira ‘Weekend Update’ condotto da Bisio (e nella prima puntata da Enrico Mentana). Grazie alla collaborazione con il Terzo Segreto di Satira, ci sono sei episodi di Gaffeman, ovvero le (dis)avventure di Bisio nei panni di Gaffeman. E ancora, sei episodi di Storie di inspiegabili insuccessi e la serie Sguburra, mini sketch sui rischi delle incomprensioni linguistiche tra la criminalità romana di Mafia Capitale (Suburra) capitanata da Ricky Memphis e la camorra napoletana di Gomorra capitana da Fortunato Cerlino alias Pietro Savastano.

“TV8 si è creata il suo spazio tra le
Antonella D'Errico
generaliste rivolgendosi a un pubblico di fascia 15/54 - dice Antonella d'Errico, senior director Sky Italia terrestrial channels -. Con SNL Italia proponiamo ora un'alternativa ai due talent del sabato sera, dando spazio a divertimento e relax, senza pretese di fatiche intellettuali, pensando a un core target 35/54”. Ma SNL Italia intercetterà anche i più giovani attraverso sito e social del canale, dove il programma vivrà in pillole. Su TV8, poi, viene replicato la stessa notte del sabato dopo la F1 e la domenica in seconda serata sempre dopo la F1. (V.S.)





Emotainment su Real Time. Al via ‘Hello Goodby’,
storie di chi parte o arriva a Milano Malpensa


show del venerdì in seconda serata in cinque puntate è prodotto da DueB per Discovery Italia su format della Warner. Fa parte delle cinque nuove produzioni di Real Time per questo primo semestre, tutte con leitmotiv l'emozione coniugata all'intrattenimento. La rete registra sul totale anno uno share dell'1,5% nelle 24 ore

5 aprile 2018 - Dal ‘non luogo’ per eccellenza, l'aeroporto, Paolo Trincia conduce dal 6 aprile per cinque venerdì, alle 22,40 su Real Time (canale del gruppo Discovery Italia al 31 del dtt, oltre che al 131 e al 132 di Sky), ‘Hello Goodbye’, format della Warner prodotto in Italia da DueB di Luna Berlusconi per Discovery Italia, dedicato alle storie di chi parte o arriva. Dal set di Milano Malpensa, Trincia ascolta e raccoglie emozioni, gioie, paure, speranze di chi aspetta, di chi cerca fortuna all'estero, di persone che si raggiungono o si dividono per sempre, di genitori che salutano figli in partenza per un altro continente, di emigrati che tornano, di partenti dispiaciuti. E tante storie di amore e passione.

Le storie raccontate in cinque
episodi di 60” saranno oltre 50. Tra le più curiose, quella di due spose in arrivo dal Sudan già vestite e truccate per la cerimonia; quella di una squadra di ginnastica che si allena ai gate; quella di coppie di ballerini che ingannano il tempo d'attesa con un giro di valzer; qu
Pablo Trincia
ella un'orchestra in partenza per la Cina. La regia è di Francesco Di Giorgio.

Su DPlaycom, il servizio Ott di Discovery Italia, sarà possibile vedere tutte le puntate di prima serata e del daytime sempre e ovunque, attraverso differenti device e in modalità gratuita on demand. Il lancio del programma ha il supporto di annunci sui canali del gruppo Discovery, oltre ad aver goduto di un'attività unconventional su schermi digital di IgpDecaux a Milano Malpensa, con l'invito agli accompagnatori ad andare all'area check-in del Terminal 1 per lasciare un video messaggio di saluto ai partenti (vedi Fotonotizia del 15 marzo).

Hello Goodbye è una delle cinque nuove produzioni di Real Time per questo primo semestre, tutte all'insegna dell'emotainment, in linea con la vocazione di rete che ha come core target le donne dai 15 ai 54 anni (fascia su cui è settima rete nazionale). A gennaio è partito Love Dilemma, a febbraio Cake Star con Katia Follesa e Damiano Carrara, il 30 marzo lo show in day time ‘Da qui a un anno ‘su format di ITV e produzione di Magnolia (vedi Fotonotizia del 23 marzo). A maggio partirà la 'Clinica per rinascere' dall'Obesity Center di Caserta. Il primo e l'ultimo sono format originali, gli altri sono format internazionali adattati per il canale. Nel primo trimestre di quest’anno gli ascolti di Real Time in prime time sono cresciuti del 14% e lo share è dell'1,2%. Sul totale anno la rete ha registrato uno share dell'1,5% nelle 24 ore. (V.S.)


Discovery accende in Italia Motor Trend,
canale free per gli amanti delle due e quattro ruote


nuovo canale amplia il portfolio free del gruppo Discovery con contenuti originali e inediti per l'Italia, raccontando tutto il mondo che gravita intorno al tema motori. Le trasmissioni partiranno il 29 aprile al 56 del dtt e al 418 di Sky, oltre che su Tivusat e Vodafone Tv, Avrà anche declinazione verticale oltre lo schermo televisivo e sarà su Dplay

20 marzo 2018 - Discovery annuncia il lancio in Italia il 29 aprile di Motor Trend, al canale 56 del digitale terrestre, nuovo canale free to air che racconta la passione per i motori, su 2 o 4 ruote, sempre più comune anche presso il pubblico femminile. Trasmetterà 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni l'anno e sarà visibile anche sulla piattaforma Sky al canale 418, su Tivusat al canale 56 e su Vodafone Tv,

Motor Trend amplia il portfolio free del gruppo Discovery con contenuti originali, inediti per l'Italia. Laura Carafoli, svp chief content officer di Discovery Southern Europe ha dichiarato:“La nostra offerta in Italia continua a evolvere e crescere. Il portfolio si arricchisce di un brand già molto conosciuto all'estero che potrà diventare anche in Italia il punto di riferimento per tutti gli appassionati di motori, con forte vocazione digital”. La raccolta pubblicitaria sarà affidata a Discovery Media, concessionaria del gruppo guidata da Giuliano Cipriani.

Motor Trend racconterà tutto il mondo dei motori, non solo di auto e moto, ma di qualsiasi veicolo dotato di motore in grado di generare passione ed emozioni. Racconterà anche la strada, regno dell'avventura e professioni dure come quelle dei camionisti, dei trasportatori, della polizia stradale. Ampio spazio sarà dedicato anche all'ingegneria, svelando i segreti dei mezzi a motore e le loro infinite possibilità di trasformazione. Non mancherà anche uno sguardo divertente con clip show e programmi di intrattenimento a tema. Il palinsesto ospiterà tutti i titoli motoring più amati dal pubblico italiano come Fast n' Loud, Affari a 4 ruote, Officine da Incubo, American Chopper, Meccanici allo Sbando, Diesel Brothers, Car Crash Tv.

Motor Trend avrà anche una declinazione verticale oltre lo schermo televisivo, per sviluppare sinergie d'offerta con il mondo digitale e direct-to-consumer: sarà su Dplay, il servizio gratuito Ott del gruppo e sui social.

Negli Usa Motor Trend accoglie video globali di contenuti automotive e di sport motoristici premium ed è entrato a far parte del portfolio Discovery dopo la joint venture siglata lo scorso agosto a livello globale con TEN (The Enthusiast Network). (M.O.)


Torna The Voice of Italy in versione snella e crossmediale


talent musicale, in otto puntate, vive su Rai 2, Radio 2 e sulle property digitali Rai, e offre ai main sponsor Huawei, Volkswagen e Wind Tre una visibilità a 360°, anche sul territorio, col tour della poltrona dei coach. Conduce Costantino della Gherardesca, mentre sulle poltrone girevoli siederanno J-Ax,Francesco Renga, Cristina Scabbia e Al Bano. Golia Active Plus è sponsor su digital e social. L'obiettivo per Rai 2 è di superare di molto la media di rete del 6%

19 marzo 2018 - Ritorna su Rai 2 giovedì 22 marzo, dopo un stagione di sospensione per gli ascolti sotto obiettivo dell'edizione 2016, il talent musicale The Voice of Italy in versione rinnovata e snellita. Il ritorno è stato molto voluto dal direttore di Rai 2 Andrea Fabiano, che punta a fare un risultato superiore alla media di rete (6%) e anche da Rai Pubblicità, che vede nel programmazione crossmediale del talent, che vive anche su Radio 2, RaiPlay, Cinema, RaiPlay Radio, un modo di offrire visibilità a 360° agli sponsor.

Il 5° The Voice of Italy prevede solo 8 puntate, meno lunghe del passato, divise tra 4 Blind Auditions ovvero le audizioni a coach girati per far emergere solo la voce (vi partecipano 100 concorrenti), 2 Knockout a cui approderanno in 48 divisi in quattro squadre, una Battle a cui parteciperanno in 16 e la finale del 10 maggio in diretta con 4 concorrenti a contendersi il titolo e il contratto discografico con la Universal Music Italia. Conduce l'ironico Costantino della Gherardesca, mentre sulle poltrone girevoli siederanno il veterano J-Ax, rapper e discografico, e tre coach esordienti: Francesco Renga rappresentante del pop-rock italiano, Cristina Scabbia voce della banda hard rock metal Lacuna Coil e il maggior rappresentante del genere nazional-popolare italiano Al Bano.

Novità anche nella formula dei giudizi. Durante le Blind Auditions ci sarà il ‘Blocca coach’ ovvero la possibilità per ciascun coach di escludere un collega nella scelta di un talento (esercitabile una sola volta in tutte le Blind). Nei Knockout viene introdotta la poltrona del ripescando: ogni coach può decidere di cambiare un talento che ha salvato per salvarne un altro. Nella Battle è introdotto il ‘Sing Off’, uno spareggio all'interno di ogni team sul brano che i talenti hanno presentato alle Blind Auditions. I 4 vincitori dei Sing Off si sfideranno nella finale, dove decideranno i voti del pubblico.

Main sponsor del programma sono Huawei, Volkswagen e Wind Tre. Il primo, mobile partner, offrirà il supporto tecnologico per ascoltare e vivere la musica. T-Roc, il primo crossover compatto della Volkswagen, è automotive partner del programma. Wind Tre conferma la vicinanza al mondo della musica. Ai tre main sponsor si aggiunge Golia Active Plus, quale sponsor ‘digital e social' per cui sono previste attività e c
reazione di contenuti sui canali digitali di Rai.

I tre main sponsor sono già stati coinvolti in un evento sul territorio centrato sull'icona della poltrona: una, con dettagli decorativi che ne riportano i loghi, è apparsa a Sanremo per il Festival e poi in marzo a Milano in Piazza Gae Aulenti, alla festa per i clienti di Rai Pubblicità alle Officine del Volo, alla manifestazione Tempo dei libri e alle Colonne di San Lorenzo, dove sabato 17 è stato proiettato su una facciata un video mapping dedicato al tour e agli sponsor. La poltrona riapparirà in Piazza Tre Torri - City Life il 14 e il 15 aprile. La gente è stata coinvolta, con l'invito a farsi un selfie sulla poltrona, un'opportunità che mira in particolare ai giovani, che sono quelli che poi rilanciano sui social il programma.

Il progetto visibilità sul territorio è novità della gestione di Antonio Marano, che nel post Piscopo ha assunto anche la carica di a.d. accanto a quella di presidente. Come spiega il direttore comunicazione di Rai Pubblicità, Marina Ceravolo, la concessionaria vuole essere presente e portare la promozione dei clienti negli eventi Rai. Così avverrà anche al Premio Donatello per il cinema, mentre al Giro d’Italia Rai Pubblicità avrà un proprio truck dedicato ai clienti.

Tornando a The Voice, i main sponsor godranno di una copertura mediale integrale su tutte le piattaforme. Le 8 puntate su Rai 2 saranno precedute da un placement/anteprima di 10’ per tutti e tre e, nel corso del programma, usciranno con spot da 60’’. Su Radio 2 andrà in contemporanea The Voice of Radio 2, mentre altri programmi racconteranno sviluppi e aggiornamenti e ospiteranno i coach a rotazione e i talent finalisti. Sono previsti la brandizzazione adv di tutti i contenuti digital proposti su RaiPlay, la valorizzazione native delle clip daily di Rai 2, la realizzazione di clip per gli sponsor e la pubblicazione all'interno dello speciale The Voice, un social storytelling brandizzato sul profilo di The Voice legato al placement tv. Non manca il cinema. Nelle sale del circuito Rai Pubblicità andranno in onda clip di 90’’ di ‘best of’ della settimana, con sponsor in apertura o chiusura e promo-reminder della puntata.


Chiuso un Masterchef se ne fa un altro. A una settimana
dalla finale con share 4,1%, parte la versione Celebrity


sono già aperte le selezioni per l'ottava edizione di MasterChef Italia, il 15 marzo torna su Sky Uno Hd ‘Celebrity MasterChef Italia’, versione per vip alla seconda edizione, che vedrà in gara ai fornelli 12 personaggi del mondo dello sport, dello spettacolo, del giornalismo. Media partner è Rtl 102.5. Intanto il 19 marzo esce il libro del nuovo Masterchef italiano, Simone Scipioni

12 marzo 2018 - Giovedì 8 si è conclusa la settima edizione del talent cooking show su Sky Uno Hd, prodotto da Endemol Shine Italy, con la vittoria di Simone Scipioni, solido 21enne marchigiano che è aggiudicato il titolo nella finale a due contro l'emotiva 23enne Kateryna di origine ucraine. Oltre a ricevere 100.000 euro in gettoni d’oro, Simone potrà pubblicare il suo libro di ricette originali edito da Baldini & Castoldi, nelle librerie dal 19 marzo con titolo ‘Il mio paese. La mia cucina tra terra e mare’. Al terzo posto si è piazzato Alberto Menini, 23enne micologo di Torton
a.

La finale è stata seguita da 1 milione e 71mila spettatori medi, con una share media del 4,1%, mentre sui social è stato il programma tv più commentato dell'intera giornata (sport escluso) con 283.100 interazioni su Facebook, Instagram e Twitter (fonte: Nielsen). Complessivamente per l'intera edizione, ogni settimana sono stati 2 milioni 112mila gli spettatori medi nei sette giorni.

E mentre sono già aperte le selezioni per candidarsi all'ottava stagione di MasterChef Italia (form su masterchef.sky.it/casting), il 15 marzo tornerà in onda, sempre su Sky Uno Hd, Celebrity MasterChef Italia, versione per vip alla
seconda edizione. In otto episodi su 4 serate si contenderanno, con le stesse prove del programma principale, il titolo di Celebrity MasterChef 2018 dodici personaggi del mondo dello sport, dello spettacolo, del giornalismo : la scrittrice, sceneggiatrice e giornalista Barbara Alberti, l'ex calciatore ora dirigente sportivo Lorenzo Amoruso, l'attrice e cantante Serena Autieri, la showgirl Laura Barriales, la ‘zia d'Italia’ Orietta Berti, l'attore Davide Devenuto, la campionessa olimpica Margherita Granbassi, l'astronauta Umberto Guidoni, il campione di rugby Andrea Lo Cicero, il volto di Sky Sport Valerio ‘Fayna’ Spinella, la cantante Anna Tatangelo e l'arbitro, ora imprenditore, Daniele Tombolini.

I giudici si riducono a tre, ci saranno Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo, mentre mancherà Antonia Klugmann. In palio per il vincitore ci sono 100mila euro da destinare in beneficienza. Media partner di Celebrity MasterChef è Rtl 102.5.


Sanremo prima serata, analisi di un record a cura di Publicis Media


boom col 52.1% di share, meglio dell'ottima prima serata dello scorso anno e miglior partenza dal 2005. La prima serata è stata seguita da 11.6 milioni di spettatori, il 2% in più rispetto al 2017 nonostante un bacino leggermente inferiore (-0.7%) nella fascia oraria di messa in onda. Buona performance sui canali social, sia in termini di follower che di interazioni

8 febbrai
o 2018
- Del successo della prima serata del Festival di Sanremo si è parlato tantissimo su media e social. Publicis Media Italy ha analizzato risultati, confrontandoli con le performance delle passate edizioni. Ecco i principali highlights:

Televisione
• Esordio boom per il Festival targato Baglioni: la prima serata ha scacciato tutti i dubbi raggiungendo il 52.1% di share, superando anche i risultati già ottimi di Conti dello scorso anno. È il secondo Festival consecutivo che supera all'esordio il 50% di share e la miglior partenza dal 2005.
• La serata è stata seguita da 11.6 milioni di spettatori, il 2% in più rispetto al 2017 nonostante un bacino leggermente inferiore (-0.7%) nella fascia oraria di messa in onda. Il picco di audience lo ha raggiunto Fiorello alle 21.58 che, dopo aver aperto il Festival, è tornato sul palco per sostituire Laura Pausini e ha duettato con Baglioni di fronte a 17.2 milioni di spettatori.

Social
• Il primo appuntamento con la 68esima edizione del Festival ha raggiunto nel complesso una buona performance sui canali social, sia in termini di follower che di interazioni.
• La pagina Facebook ha registrato nella giornata di esordio oltre 609mila fan e ben 120mila Like, con un trend di crescita della fan base - che conta ormai un cospicuo numero di iscritti - meno significativo rispetto all'anno precedente. L'analisi delle keyword mostra tra le parole più menzionate ‘Fiorello’ prima di ‘Baglioni’.
• Risultati interessanti anche per Twitter con oltre 6.000 nuovi follower durante la prima giornata (+16% vs 2017). L'analisi delle keyword mostra tra le parole più menzionate ‘rairadio’, ‘raiplay’, ‘raiuno’, ‘raiofficialnews’, evidenziando come la fruizione e l'interesse per l'evento stiano diventando sempre più multipiattaforma.
Il Report di Publicis Media sulla prima serata …>>



Al via con Eurosport l'esperienza immersiva fully digital
dei Giochi Olimpici Invernali PyeongChang 2018


previste oltre 900 ore di live action, quattrocento ore di diretta sui canali Eurosport 1 e 2, oltre 4000 ore di copertura di tutte le discipline live. Coinvolte tutte le properties digitali, tra cui la piattaforma streaming a pagamento Eurosport Player. Con Tim, official mobile broadcaster dei Giochi, verrà lanciato un canale esclusivamente dedicato ai clienti mobile, mentre la Rai trasmetterà 100 ore in chiaro grazie ai diritti comprati da Discovery. Siglata partnership col Coni, Eurosport sarà media partner di Italia Team e Casa Italia

7 febbraio 2018 - Parte venerdì 9 febbraio l'avventura olimpica di Eurosport (gruppo Discovery), che ha annunciato per i Giochi Olimpici Invernali PyeongChang 2018, di cui ha i diritti multimediali esclusivi per 48 Paesi (vedi news del 9 gennaio 2017), un'edizione ‘fully digital', in grado far vivere allo spettatore un'esperienza totalmente immersiva, grazie al coinvolgimento tutti gli schermi e tutti i device disponibili. Per l'Italia, Eurosport Italia mette in campo un canale interamente dedicato agli atleti italiani e alle principali competizioni, lo studio da Milano, le dirette da PyeongChang e da Casa Italia, news, magazine, approfondimenti e curiosità. Talenti come Giorgio Rocca, Elisa Di Francisca, Karen Putzer, Gabriella Paruzzi e tanti altri ogni giorno si alterneranno in studio.

Sono previste oltre 900 ore di live action, quattroc
da sinistra Andrea Daverio, Alessandro Araimo, Ettore Miraglia, Giorgio Rocca, Elisa Di Francisca, Alessandro Acton, Luigi Ecuba
ento ore di diretta sui canali Eurosport 1 e 2 (on air su Mediaset Premium), oltre 4000 ore di copertura di tutte le discipline live. Sul fronte digital, la porta di accesso è https://it.eurosport.com/olimpiadi/ oltre alla piattaforma streaming a pagamento Eurosport Player, che già conta oltre 100.000 abbonati. Grazie a Eurosport Cube, poi, ci sarà uno studio virtuale in realtà aumentata per far conoscere a tutti gli appassionati ogni segreto delle singole discipline e di tutti i fuoriclasse presenti in Corea. Talent come Bode Miller, Kjetil Andre Aamodt, Lasse Kjus e molti altri porteranno i fan dentro l'azione.

Il 9 febbraio la programmazione di Eurosport Italia debutterà con la diretta alle 11.30 su Eurosport 1 della cerimonia di apertura e l'accensione del braciere olimpico. Il 10 febbraio prenderà il via il palinsesto che accompagnerà gli spettatori per tutti i successivi 15 giorni. Tutti i giorni le competizioni saranno in diretta dall'1.30 di notte fino alle 16.00, sempre su Eurosport 1. Sulle properties digitali, dal sito internet alle pagine social Facebook e Twitter, sarà un susseguirsi di aggiornamenti, news, interviste, contenuti ad hoc.

A fianco di Eurosport nell'avventura olimpica ci sarà Tim, official mobile broadcaster dei Giochi Olimpici Invernali di PyeongChang 2018 (vedi news del 27 giugno 2017), con cui verrà lanciato un canale di news, highlights, approfondimenti esclusivamente dedicato ai clienti mobili di Tim, visibile attraverso l'app Eurosport. Inoltre, tutti i clienti TimVision potranno vedere da casa e in mobilità ogni istante dei Giochi Olimpici con la programmazione di Eurosport Player. Ci sarà anche la possibilità per gli italiani di vedere 100 ore di trasmissione in chiaro su Rai, a cui Discovery ha venduto i diritti relativi.

La partnership di Discovery Communication/ Eurosport col Cio proseguirà con le Olimpiadi estive di Tokyo 2020, poi con i Giochi olimpici invernali del 2022 e quelli estivi del 2024. Com PyeongChang 2018 parte anche la partnership con il Coni attiva fino a Tokyo 2020: Eurosport sarà media partner di Italia Team e di Casa Italia che sarà la base principale da cui trasmettere tutte le novità. La concessionaria è Discovery Media che, oltre a alla pubblicità locale, può vendere spazi paneuropei.



Rai Uno presenta il film evento sulla vita di De André,
con la novità della distribuzione in anteprima al cinema


De André. Principe Libero’, prodotto da Rai Fiction e Bibi Film Tv, debutta in oltre 300 sale cinematografiche distribuito da Nexo Digital, per poi essere trasmesso su Rai Uno diviso in due puntate dopo il Festival di Sanremo. Teodoli (Rai Uno), “un passo della mutazione del canale verso la qualità in cui entra massicciamente l'arte”. Andreatta (Rai Fiction), “la Rai cambia anche sul fronte della fiction con nuovi contenuti, nuovi format, nuovi generi”

22 gennaio 2018 - “Con ‘Fabrizio De André. Principe Libero’ Rai Uno dà inizio a un'operazione di mutazione del canale in cui l'arte entra in maniera massiccia verso una linea di programmazione di grande qualità”: così Angelo Teodoli, direttore di Rai Uno, ha presentato il film coprodotto da Rai Fiction e Bibi Film Tv sulla vita del cantautore e poeta genovese. Un progetto nuovo per la Rai sul fronte della distribuzione. Come già fa Sky per i film evento, ‘Fabrizio De André. Principe Libero’ avrà un debutto in oltre 300 sale cinematografiche il 23 e il 24 gennaio distribuito da Nexo Digital. Poi, dopo il Festival di Sanremo, sarà su Rai Uno diviso in due puntate (dura 192’) che saranno trasmesse in prime time il 13 e il 14 febbraio, “in omaggio all'arte della musica” (Teodoli). Aggiunge Eleonora Andreatta, direttore di Rai Fiction: “C’è un cambiamento in Rai sul fronte della fiction, che riguarda i contenuti, i format, i generi. Questa è una biografia diversa dalle consuete e diversa dalle solite è la distribuzione, prima al cinema e poi su Rai”. Il film è scritto da Francesca Serafini e Giordano Meacci ed è diretto da Luca Facchini.

Co-protagonista del r
acconto è la musica che ‘determina’ i fatti. Mozart a parte (grande passione del padre di De André, interpretato da Ennio Fantastichini), la colonna sonora è fatta da una quarantina di canzoni del grande Faber, in parte cantate da lui stesso, in parte da chi lo interpreta, un Luca Marinelli che si è camaleonticamente immedesimato tra voce, atteggiamenti e modo di muoversi: eterna sigaretta in mano, whisky e ciuffo sulla fronte (“ero terrorizzato all'idea di interpretare questo ruolo”).

Quarant’anni di vita: passione per la chitarra, contrasti in famiglia, l'ossessione per le donne, i primi concerti, i dubbi, il successo, le fragilità, la vita da agricoltore, il sequestro in Sardegna. Tappe tormentate scandite da canzoni: da ‘La città vecchia’ dell'adolescenza e dei vent’anni nei carugi tra perdenti e puttane a ‘Verranno a chiederti del nostro amore’ per la chiusura della storia con la prima moglie Puny Rignon (Elena Radonicich), da ‘La canzone di Marinella’ cantata da Mina quando De André capisce di poter vivere di musica a l'Hotel Supramonte del dopo sequestro, da la ‘Canzone del maggio’ con cui viene sfiorato (troppo poco) il tema della vocazione anarchica a ‘Valzer per un amore’, la prima canzone dedicata a Dori Ghezzi, la seconda moglie (Valentina Bellè). E poi ‘Amico Fragile’ e ‘Le Nuvole’, ‘Bocca di rosa’ resa rock dalla PFM, ‘Carlo Martello’ negli spettacolini giovanili con l'amico Paolo Villaggio (un incredibilmente somigliante Gianluca Gobbi) e ‘Preghiera in gennaio’ per il suicidio di Luigi Tenco (Matteo Martari), l'amico di notti in riva al mare a interrogarsi sulla vita. Una vita ‘in direzione ostinata e contraria’ di un poeta affamato di libertà.





Tornano le video inchieste di Milena Gabanelli
Al via Dataroom su corriere.it e social


giornalista condurrà dal 22 gennaio una video-striscia di data journalism pensata per web e social in cui spiegherà argomenti complessi in tre minuti, dalla ricaduta sulle imprese della contraffazione nell'e-commerce all'effetto sugli Stati della legalizzazione della marijuana. Sugli argomenti più controversi ci sarà un confronto con gli utenti in diretta Facebook

18 gennaio 2018 - Milena Gabanelli torna a condurre in video le grandi inchieste giornalistiche che l'hanno resa famosa con un progetto nuovo e inedito di ‘data journalism’. Si concretizza l'accordo di collaborazione col Corriere della Sera che era stato annunciato a novembre per sperimentare nuove frontiere del giornalismo e del data journalism e nuovi format di fruizione e di linguaggio (vedi news del 22 novembre). Parte il 22 gennaio su corriere.it e social relativi 'Dataroom', in cui la giornalista racconterà e analizzerà fatti e problematiche col suo stile inconfondibile e con rigore professionale. L'obiettivo è creare consapevolezza e individuare proposte concrete che possano aiutare a modificare i comportamenti.

Ogni video-striscia durerà circa tre minuti e sarà la sintesi di un tema complesso raccontato attraverso i numeri e i dati messi in relazione fra loro, accompagnata anche da un approfondimento scritto e illustrato. Sugli argomenti più controversi ci sarà un confronto con gli utenti in diretta Facebook.

Tra i temi delle prime puntate ci saranno gli acquisti via internet (qual è la ricaduta della contraffazione sulle imprese e sugli stipendi), la legalizzazione della marijuana (conveniente per gli Stati?), l'impatto ambientale dell'e-commerce, l'uso del contante e l'economia sommersa, gli studi per trovare lavoro domani, i danni provocati dai test nucleari e dai lanci di missili del dittatore nordcoreano Kim Jong-u (sono già in corso, ma non si vedono).

Dataroom sarà anche spunto per grandi inchieste sul quotidiano in edicola.





Torna MasterChef, gara e racconti di vita attraverso il cibo.
Tra le novità, la chef giudice e i parenti accanto ai concorrenti


grande novità della settimana edizione è l'arrivo, dopo la defezione di Cracco, di Antonia Klugmann accanto a Bastianich, Cannavacciuolo e Barbieri. La formula è il grande intrattenimento con messaggio sociale, tra racconto di storie e sensibilizzazione contro gli sprechi. Venti i brand in product placement, mentre sono media partner Rtl 102.5 e Vanity Fair. L'obiettivo d’audience è di mantenere il milione e mezzo di spettatori lasciato in dote da X Factor il giovedì in prime

20 dicembre 2017 - Staffetta tra talent show e talent cooking. Concluso in apoteosi di record X Factor, il prime time del giovedì di Sky Uno Hd ospita da domani MasterChef Italia, giunto alla settima edizione. La grande novità di quest'anno è una presenza femminile tra i giudici, ovvero l'arrivo, dopo la defezione di Cracco, della 38enne chef triestina Antonia Klugmann, titolare di un ristorante di nicchia a 15 coperti sul Collio, vocato alla cucina vegetariana (una stella Michelin). Personaggio interessante, capace di verve ma anche di rigore, appassionata e simpatica (il che non guasta), ha dimostrato di avere le physique du rôle per la posizione di giudice accanto ai consolidati Joe Bastianich, Antonino Cannavacciuolo e Bruno Barbieri (che, per inciso, sta girando con Sky ‘Quattro Hotel', programma che lo vedrà protagonista del racconto d
Antonia Klugmann
el meglio dell'hotellerie italiana).

L'altra novità è la presenza accanto agli aspiranti di familiari, dalla consorte all'intera famiglia, congrui a un format va al di là della mera gara culinaria per raccontare anche storie di vita attraverso il cibo. “Girare Masterchef – spiega Nils Hartmann, direttore delle produzioni originali di Sky - è per noi come girare una serie a puntate, come Gomorra. E proprio come per una serie iniziamo a trasmettere avendo tutto pronto il prodotto finito, senza cedere più a tentazioni di finali in diretta”. La formula è il grande intrattenimento con messaggio sociale, tra racconto di storie e sensibilizzazione contro gli sprechi. Una formula che fa di MasterChef Italia “la miglior edizione delle 50 nel globo” (Paolo Bassetti di Endemol Shine Italy che lo produce). Tra l'altro, il programma è entrato quest’anno nel Guinness World Records come format culinario più adattato al mondo.

Sono 20 i cuochi amatoriali che, usciti dalla prima selezione, si cimenteranno nella cucina di MasterChef nella gara vera e propria, a base di Mystery Box, Invention Test e Pressure Test, nei cui meccanismi sono previste innovazioni. Tra gli ospiti, ci saranno Valerio Braschi vincitore della sesta edizione; la ventunenne pastry chef Isabella Potì; Giorgio Locatelli, chef italiano con ristorante stellato a Londra; Pino Cuttaia, 2 stelle dalla Sicilia; Anthony Genovese, chef stellato de ‘Il Pagliaccio’ di Roma e il 3 stelle alto atesino Norbert Niederkofler. Per le prove in esterna il gruppo si sposterà dalle norvegesi Isole Lofoten, patria dello stoccafisso, al canton svizzero dei Grigioni, da Bologna a Vieste, da Milano a un campo scout in Abruzzo fino al ghiacciaio dello Stelvio.

Ci sarà nuovamente la striscia daily di MasterChef Magazine e, come nelle scorse stagioni, è prevista la battaglia allo spreco a base di doggy bag e di dono delle materie prime e dei cibi non utilizzati ad associazioni benefiche ed enti caritatevoli di Milano .

L'obiettivo d’audience è di mantenere il milione e mezzo di spettatori lasciato in dote per il giovedì in prime da X Factor. Del resto, nella scorsa edizione la media è stata di 1 milione e 460mila spettatori a puntata (2 milioni e 482mila nei sette giorni con la visione in differita - ogni puntata è disponibile anche su Sky on demand). Sui social MasterChef Italia si è confermato l'anno scorso uno dei programmi tv più commentati, con oltre 1 milione e 100mila interazioni su Facebook e Twitter (fonte Nielsen).

Il product placement vede un lungo elenco di brand presenti: Electrolux, Barilla, Opel, Parmalat, Soffass, Petti, San Benedetto, Parmareggio, F.lli Orsero, Ortomio, Molino Spadoni, Olio Piave, Borgo Scopeto, Ballarini, Siggi, Contadi Castaldi, Caparzo, Acetaia Fini, Eurofood, Tagliabene e Acquerello. Rtl 102.5 e Vanity Fair sono media partner del programma. Baldini&Castoldi, come sempre, curerà e pubblicherà il libro di ricette del vincitore.




Bisio e Matano coppia riluttante
in The Comedians, prima serie comica di Tv8


due interpretano se stessi alle prese con un two men show imposto dalla produzione di Sky, tra sketch e gag. Una via di mezzo tra un nocumentary e la sperimentazione di linguaggi originali innovativi. Produce Dry Media per Sky Italia con regia di Luca Lucini. On air dal 15 novembre con doppia puntata per cinque prime serate

26 otto
bre 2017
- Arriva la prima serie comica su Tv8, il canale generalista in chiaro “pop con la qualità di Sky”, come lo definisce Antonella d'Errico, senior director Sky Italia terrestrial channels. Al suo target di riferimento 15-54, su cui in ottobre è stato il sesto free to air più seguito, il canale propone da mercoledì 15 novembre alle 21.20 la serie ‘ The Comedians’, con protagonista la coppia Claudio Bisio e Frank Matano, già giudici colleghi di Italia’s Got Talent, qui nel ruolo di se stessi.

Si tratta di una produzione originale, realizzata da Dry Media, a metà tra il nocumentary (il falso documentario) e la sperimentazione di linguaggi originali innovativi, come preferisce definirla Nils Hartmann, head of movi
e channel di Sky Italia, che sottolinea la struttura narrativa cinematografica. In 10 episodi dai 25 minuti in su, in onda su 5 serate, descrive genesi e realizzazione di un ‘Claudio & Frank Show’, spettacolo a base di sketch e gag che l'inflessibile direttore di produzione di Sky impone ai due che tanto vorrebbero, invece, fare un one man show. Legati d'amicizia, ma molto diversi per carattere, lo stagionato Bisio e l'irruente Matano dovranno abbozzare.

A contorno, l'affannata producer, il capo autore e regista rimediato che nessuno apprezza, la stagista scazzata protetta dall'alto, e altra fauna caratteristica (sono stati coinvolti 60 attori e 2
50 comparse). Si aggiungono secondo puntata personaggi noti dello spettacolo e non, dal giornalista Fabio Caressa allo chef Carlo Cracco, da Diletta Leotta a Guido Meda, da Alessandro Cattelan a Bobo Vieri. Il tutto girato negli studi del palazzo di Sky alle soglie di Milano.

La serie è l'adattamento dell'omonima versione americana del 2015 con Bill Crystal e Josh Gad, a sua volta tratta dalla serie originale svedese ‘Ulveson And Herngren': adattamento perché “ci si commuove ovunque per le stesse scene, ma ogni Paese ride su situazioni diverse”. La regia è di Luca Lucini.


Discovery Italia presenta la nuova offerta ‘unlimited’,
su Nove arriva Saviano col suo primo factual


con Kings of Crime, serie di respiro internazionale, ma anche Crozza, Gomez, Volo, Cracco, Cannavacciuolo sono i volti della nuova stagione di Nove, canale che ha registrato la maggior crescita nell'ultimo anno. Real Time, pure in crescita, è quello che ha avuto il miglior risultato quanto a raccolta pubblicitaria e a breve avrà la versione digitale realtime.it. Nel complesso, i 13 canali sono arrivati al 7,2% di share e crescono nella raccolta del 10%. In attesa di vedere le prossime mosse dopo il closing del deal Scripps

8 settembre 2017 - Discovery Italia presenta la nuova stagione televisiva connotandola con la parola ‘unlimited’ che, come dice Marinella Soldi (evp president & managing director di Discovery Netywork Southern Europe) “fa parte della nostra attitudine a livello globale a sperimentare e immaginare programmi innovativi, a lanciare nuovi talenti e a superare i limiti che ci vengono frapposti”. Ancor più unlimited ora che il gruppo ha acquisito a fine luglio Scripps Networks Interactive (contenuti lifestyle su tv e internet), presente in Italia con Food Network e Fine Living: “Aspettiamo il closing nel 2018, poi sapremo come muoverci” dice Soldi.

Nell'ultimo anno Discovery Italia è cresciuta. Tredici canali del gruppo (oltre le due piattaforme ott) hanno ottenuto il 7.2% di share (e il 9.5% sul target 25-54 anni) e una crescita del 6% nelle 24 ore e del 15% nel prime time. L'ultimo acquisto, il generallista Nove (ex Deejay Tv), è il canale che ha registrato la maggior crescita (+40% nelle 24 ore e +84% in prima serata) ed ha conseguito l'1,8% di share in agosto. Il consolidato Real Time, primo nativo digitale a target femminile, che pure cresce del 5% di share sul totale giorno e del 10% in prime time, è invece canale che ha avuto il miglior risultato in termini di raccolta pubblicitaria. Si espanderà ora digitalmente con l'arrivo della nuova property realtime.it, proposta editoriale che combina tv, mobile e social coinvolgendo nuovi talent e volti storici.

“Nove – sottolinea Alessandro Araimo, evp general manager di Discovery Italia – è una sfida vinta, ottenuta senza intaccare gli ascolti del portfolio. L'audience non è migrata, lo dimostra
anche la crescita parallela di Real Time. Siamo anche stati premiati sulle piattaforme non tradizionali come DPlay”.

Come annunciato (vedi news del 4 settembre), è in arrivo su Nove la seconda stagione di Fratelli di Crozza (“che ha portato la gente a conoscere il canale”) e torna Antonino Cannavacciuolo con Cucine da Incubo, ‘O mare mio e con la novità Ci pensa Antonino, una specie di sit-com sulla sua vita privata. Ma la vera chicca è Kings of Crime, la prima serie factual di Roberto Saviano,
Antonino Cannavacciuolo
prodotta da Discovery Italia, che racconterà dal 4 ottobre in quattro puntate il dietro alle quinte della vita di alcuni grandi capi della malavita (Antonio Pelle, Paolo Di Lauro, El Chapo Guzman e Maurizio Prestieri), anche con l'intento di interessare e sensibilizzare il target giovane che, come spiega lo stesso Saviano, resta affascinato da queste figure e dagli aspetti cruenti delle loro storie, ma un po’ alla volta finisce per capire cosa c'è dietro: “Il format delle serie che durano per più puntate riesce a far comprendere certi fenomeni senza rendere il racconto noioso”. Kings of Crime è pensata con un respiro internazionale: arriverà in America Latina, Spagna, Portogallo, Francia e Germania

Il racconto del reale targato Nove sarà anche nelle interviste inedite di Peter Gomez (titolo del format L
Roberto Saviano
a Confessione): quattro puntate da 30’ condotte dal direttore de ilfattoquotidiano.it a Emilio Fede, Lele Mora, Alex Schwazer e Vittoria Schisano. Tre grandi eventi vedranno al centro Siani-De Sica, Carlo Cracco e la coppia Morandi-Rovazzi. Tra i nuovi format di Real Time, ci sarà Love Dilemma, primo scripted reality per teenagers, e Obesity Center Caserta per capire come l'obesità abbia un impatto forte sulle vite delle persone. Su Dmax arrivano Linus e Nicola Savino con Deejay Chiama Italia mentre a novembre è previsto uno speciale sulla tragedia del club brasiliano Chapecoense.

Lo sport è un altro punto di forza nell'offerta. In attesa dei Giochi Olimpici Invernali di PyeongChang 2018 a febbraio, Eurosport diventa la Casa del Basket in Italia, sport che si aggiunge a tutti gli sport invernali, al tennis, al ciclismo, al rugby, ai motori. In più c'è Eurosport Player, il servizio Ott dedicato a grandi eventi sportivi.

Sul fronte della raccolta pubblicitaria, Discovery Media, che ha chiuso il 2016 con 240 milioni di fatturato (+13% sul 2015), ha continuato a crescere nei primi 8 mesi di quest’anno al ritmo del 10% e così prevede di proseguire fino a fine anno. Le attività di brand solutions sono cresciute del 34% arrivando a pesare il 15% sul totale della raccolta, con 150 advertiser attivi nel primo semestre. La raccolta delle property digitali del gruppo pesa dal 3 al 4% sul totale fatturato, ma cresce al ritmo del 40%.

Per saperne di più..>>




Bake Off Italia è anche temporary Café mentre Crozza fa Minniti
che cambia gli slogan del Pd. Riparte il venerdi forte di Discovery


Italia rimette in pista i due programmi di punta del venerdì in prime time. È partita in simulcast su tutti i canali del dtt free del gruppo la quinta stagione del cooking show facendo l'8% di share. Il programma di Real Time è diventato un brand e viene promosso anche con l'apertura, per una settimana a Brera a Milano, del Bake Off Cafè. Dal 22 settembre su Nove tornerà, invece, Fratelli di Crozza, seconda edizione targata Discovery. Lo annuncia un'anteprima della parodia novità del ministro dell'Interno

4 settembre 2017 - È ripartito il 1° settembre ‘Bake Off Italia - Dolci in forno’, il cooking show su Real Time targato Bbc prodotto da Magnolia per Discovery Italia, e condotto da Benedetta Parodi. Andrà in onda il venerdì in prime time per 14 puntate da 90” seguite da due da 60” della versione vip (Celebrity Edition) a sostegno dell'Unicef. E Discovery Italia annuncia il “miglior debutto di sempre” visto che la prima puntata della quinta stagione, in onda in simulcast sui canali del dtt free del gruppo Discovery Italia (oltre che su Real Time anche su Nove, DMax, Giallo, Focus, K2, Frisbee), è stata vista da oltre 1.600.000 telespettatori, superando l'8% di share (+20% rispetto al primo episodio della scorsa stagione). In particolare su Real Time il programma è stato visto da oltre 800.000 telespettatori
e ha superato il 4% di share. Bake Off Italia è stato inoltre il programma più commentato della serata su Facebook e Twitter, dove l'hashtag ufficiale #bakeoffitalia è entrato al 1° posto nei trending topic italiani e al 4° di quelli mondiali.

Del resto Bake Off Italia è stato il primo programma nativo digitale a superare il milione di ascoltatori e nella scorsa stagione ha avuto un peak di 2 milioni. “Ormai è diventato un brand, con la capacità di innovare e innovarsi – ha detto Gesualdo Vercio, programming director di Real
Time -. E ora è il primo programma tv ad avere un temporary café”. Il Bake Off Cafè, che promuove sul territorio l'avvio della nuova stagione, resterà aperto dal 1° al 7 settembre a Milano nel quartiere di Brera (via Fiori Chiari angolo via Formentini). Offre prelibatezze dolci e salate e un programma di eventi e intrattenimento (info e iscrizioni su bakeoffitalia.realtime.it). Partner dell'iniziativa sono Barilla, Kenwood, Cameo, Italia Zuccheri, Opel, HP, Ifi, Bombonette.

Un'altra novità della quinta edizione è l'arrivo, accanto ai giudici storici Ernst Knam e Clelia d’Onofrio, di Damiano Carrara, pasticcere toscano che ha fatto fortuna oltreoceano con le pasticcerie Carrara Pastries, diventando anche star della tv. Poi c'è il supercasting della prima puntata: 50 aspiranti pasticceri si sono contesi i 16 posti di concorrenti ufficiali nel tendone che quest’anno è in mexico mood, in omaggio alla pittrice Frida Kahlo. Le puntate, tutte a tema, sono scandite da 3 sfide: la prova creativa, la prova tecnica e la prova WOW.

Radio Italia è per il quinto anno consecutivo radio ufficiale con iniziative che vivranno on air, sul sito radioitalia.it e sulle pagine social dell'emittente, Facebook e Twitter. Sulla radio, inoltre, è andata on air la campagna per ripresa del programma che ha coinvolto anche stampa, web, social e outdoor.

Bake Off Italia se la dovrà vedere in prime il venerdì dal 22 settembre con Fratelli di Crozza. Discovery Italia ha infatti annunciato la ripresa su Nove del programma di satira sulla ‘strettissima’ attualità politica e sociale italiana (target diversi ovviamente). L'ha fatto facendo circolare un promo con un'anteprima del nuovo personaggio interpretato da Maurizio Crozza, Marco Minniti, ministro dell'Interno, che porterà alla sinistra una serie di nuovi slogan tra cui “Se noi del Pd vogliamo vincere le elezioni, non possiamo lasciare il fascismo ai fascisti”. Fratelli di Crozza, prodotto da Itv Movie e diretto da Massimo Fusi, la scorsa stagione su Nove ha fatto una media del 4,5% di share e di oltre 1,2 milioni di telespettatori. Il programma sarà anche su Dplay, Facebook, Twitter e Instagram.





La7 nell'era di Salerno, ‘una certa idea di tv’ che evolve
con Guzzanti, Makkox e Zoro. Ma che blinda i volti forti di sempre


informazione coniugata alla satira nella nuova stagione televisiva. Si annunciano l'arrivo di Corrado Guzzanti con una cartolina satirica giornaliera di 5’ in access prime time e quello di Diego Bianchi alias Zoro con tutta la sua squadra, tra cui il fumettista Makkox che farà da traino al Tg delle 20 con una striscia che attingerà dai social. Confermati Formigli, Mentana, Floris. Per la Gruber un nuovo contratto ‘calcistico’ quinquiennale. Nanni Moretti presenterà il ciclo dei suoi film. La raccolta pubblicitaria è in lieve calo, ma maggio e giugno in ripresa fanno sperare in una chiusura in attivo

13 luglio 2017 - I risultati gli danno soddisfazione, Tv8 e Nove non hanno dato ombra: La7 e La7d hanno accresciuto la share del 5% tra la stagione 2016/2017 e quella 2015/2016, facendo il 3,7%. La7 da sola ha registrato il 3,2% nel totale giornata (+6%) e il 3,9% in prime time (+3%). E per i maggiori programmi consolidati i trend sono tutti positivi. Alla quarta presentazione di luglio dei palinsesti autunnali, Urbano Cairo, presidente di Cairo Communication, ha sfoderato al solito entusiasmo e ottimismo. La7 si appresta a tornare in campo a settembre con un nuovo direttore di rete, Andrea Salerno, che ha coniato la tagline ‘Una certa idea di Tv’ e che è l'artefice della grande novità dell'arrivo di Corrado Guzzanti, che andrà in onda dal lunedì al venerdì, dopo Otto e Mezzo della Gruber, con una cartolina satirica giornaliera di 5 minuti.

L'altra grande novità apporta
Andrea Salerno
ta da Salerno riguarda la fascia 19.30 - 20 che darà al Tg di Mentana “il giusto traino”, col fumettista Makkox (in arrivo da Gazebo al seguito di Diego Bianchi) che farà ‘Skroll', una striscia satirica sui fatti della giornata in stile ‘Blob’, con uso dei social in particolare Instagram. Bianchi (‘Zoro’) è arrivato, infatti, da Rai 3 con tutta la sua squadra e sta lavorando a un programma di prima serata tra informazione e satira, come è nella cifra stilistica della rete. La comicità pura non ha trovato il suo spazio: si chiude il capitolo di ‘Eccezionale Veramente’, programma comico di entertainement che non ha dato i risultati d'audience sperati, in particolare nella seconda stagione (le ultime puntate sono state rinviate all'attuale periodo estivo). Chiude anche la Gabbia ma La7 non chiude con Paragone, da cui – dice Cairo – stiamo attendendo nuove proposte. Così come è in in gestazione un nuovo programma per Luca Telese.

Conferme per tutti gli altri volti della rete. Centrale il ruolo di Mentana che “sa essere centometrista e maratoneta” con i suoi Tg, il format della maratona e Bersaglio Mobile. Contratto fino al 2020 per David Parenzo che Cairo ha particolarmente apprezzato nella replica notturna de ‘L'Aria che tira’ in sostituzione di Myrta Merlino (pure confermata). Quanto alla Gruber, Cairo annuncia che il contratto in scadenza a fine agosto è stato rinnovato fino al 2022 (”contratto quinquiennale come si fa coi calciatori a cui si tiene di più”). Rinnovato anche il contratto con Corrado Formigli, per tre anni, per Piazzapulita che andrà in onda in serata da decidersi. Il prime del martedì compete ovviamente a diMartedì di Giovanni Floris (non si sa se ancora con cover di Luca e Paolo), la domenica sera è di Giovanni Minoli con Faccia a Faccia a cui farà un restyling. Da collocare forse di mercoledì c'è Atlantide - Storie di Uomini e di Mondi, condotto da Andrea Purgatori, anche lui del giro Salerno. Per il pomeriggio dopo Tagadà e Cuochi e Fiamme si annuncia il ritorno di un telefilm cult come Star Trek, 79 puntate storiche rimasterizzate.

Sul fronte telefilm, ricompare il medical drama Grey’s Anatomy alla tredicesima stagione (“ha fatto ascolti strepitosi su La7d sul target donne over 25”) e c'è la conferma di Barnaby. Sul fronte film, c
Uberto Fornara e Urbano Cairo
i sarà la chicca di una serie di film di Nanni Moretti presentati volta per volta dal regista in persona. Sul fronte eventi, ci sarà di nuovo Miss Italia in diretta da Iesolo con conduzione di Francesco Facchinetti.

Sulla raccolta pubblicitaria, l'a.d. di Cairo Communication Uberto Fornara parla di un primo semestre chiuso in calo tra -1% e -2%, ma un buon maggio e un miglior giugno fanno sperare in una chiusura d'anno in attivo.

Un po’ di gossip? Cairo sconfessa tutto. Nessun dissapore con Mentana, nessuna nostalgia per Crozza, nessuno approccio con Fazio, nessuna intenzione verso Giletti. Nessuna idea di vendere: “La tv è complementare e importante in un gruppo che ha quotidiani, periodici e web”. Peccato solo che sia tardi, visto come si è evoluto lo scenario, per avere anche una radio. Nessuna deriva a sinistra con l'arrivo di Guzzanti, Zoro e il cineforum di Moretti. Cairo è tassativo: “Non siamo e non siamo mai stati di parte. Il mantra assoluto di La7 è che i conduttori e i giornalisti hanno la totale libertà di espressione nel loro modo di interpretare la realtà per aiutare lo spettatore a farsi un'idea dei fatti. La7 è polifonica”. E ancora: “Continueremo a fare la tv che sappiamo fare, autorevole e credibile. Ma con un'evoluzione che va a intercettare i cambiamenti della società”. Compito questo che spetterà a Salerno e ai suoi nuovi ‘acquisti’.


Scripps Networks Interactive lancia Food Network sul dtt
e punta allo 0,5% di share. Al via le prime 2 produzioni italiane


al 33 del digitale terrestre il canale free to air che vuol diventare il punto di riferimento nel mondo del food in Italia, con un mix di format originali locali e show internazionali. La prima produzione tricolore è ‘Italiani a Tavola’, poi arriverà la versione italiana di Chopped. Il target sono le donne 25-54 e a loro si rivolge la campagna multimediale di lancio ideata da Y&R. Francesco Denti sarà da metà giugno alla guida del business in Italia del gruppo

4 maggio 2017 - Parte lunedì 8 maggio al 33 del digitale terrestre ‘Food Network’, il secondo canale in Italia di Scripps Newtorks Interactive,  tra i maggiori produttori mondiali di contenuti lifestyle. Dopo Fine Living, dedicato da marzo 2014 al mondo della casa, del cibo, del design e dei viaggi, ora arriva la versione italiana del canale che unisce le persone attraverso la passione per il cibo, con l’obiettivo di diventare punto di riferimento nel mondo del food. “La nostra ambizione - ha dichiarato Phillip Luff, managing director Uk & Emea di
Phillip Luff
Scripps Networks Interactive  - è di diventare una fonte autorevole e di inspirazione nel mercato italiano, in grado di trasmettere conoscenza ed esperienza e intrattenere gli spettatori con  contenuti e personaggi”.
 
Food Network offrirà un mix di format originali locali e show internazionali, per 24 ore al giorno, variando tra food entertainment, cooking competition, food lifestyle e food travel. 
 
La prima produzione tricolore è ‘Italiani a Tavola’, in onda dall’8 maggio alle 20.10, ambientata nelle sale da pranzo degli italiani per scoprire segreti culinari di tutta Italia e dinamiche familiari  nei momenti conviviali. Conduce Roberta Capua, fresca vincitrice di Masterchef. Parte invece a lugli
o la versione italiana di Chopped, che vedrà in giuria gli chef Philippe Leveillé, Rosanna Marziale e Misha Sukyas, mentre alla conduzione c’è Gianmarco Tognazzi, degno erede di un padre gastronomo e buongustaio (forse non tutti sanno che Ugo fu anche direttore di una testata di food, Nuova Cucina). 
 
Le due produzioni locali accompagnano la sfilata di titoli della library internazionale, tra cui ‘A Tavola con Guy’, ‘Restaurant Impossible’,’Spie al ristorante’, ‘Ace of cakes’ per il filone  food entertainment; ‘Baking Championship’, ‘Food Network Star Kids’, ‘Chopped US’ per il filone cooking competition; ‘Pioneer Woman – Donna di Frontiera’. ‘Extra Vergine’, ‘I segreti della nonna’ per il filone food lifestyle; ‘Ching: Asia a Tavola’ o ‘Follow Donald’ per gli show food travel.   
 
Accanto al canale tv ci sono il sito  www.foodnetwork.it che propone consigli, 2.500 ricette, 50 video, e la presenza su Facebook, Instagram e You Tube, dove saranno disponibili clip e dietro le quinte. Per tutti la raccolta è affidata a Viacom International Media Networks Pubblicità & Brand Solutions che proporrà agli inserzionisti tabellare, sponsorship, product palcement. 
 
Il lancio di Food Network ha il supporto di una campagna pubblicitaria  ideata da Yo
ung &Rubicam, agenzia scelta dopo una gara, e pianificata da Mindshare su reti pay e free, sul digitale e in out of home (oltre ad azioni di below the line) con l’intento di ottenere awareness tra le donne dai 25 ai 54 anni  (core target di rete sono le 35-54enni). Dopo l’estate verranno pianificate campagne per i singoli programmi coinvolgendo anche la radio. L’obiettivo ambizioso – lo riconosce lo stesso management – è di conquistarsi una share dello 0.5% già da settembre/ottobre.  
 
A proposito di management, il ruolo di marketing & pr director di Scripps Networks Interactive in Italia è affidato a Maria Rita Montano, mentre si annuncia dal 12 giugno l’arrivo al vertice di Francesco Denti con la carica di vice presidente, content e marketing. Denti proviene da Fox dove ha lavorato per oltre 14 anni contribuendo al lancio di oltre 20 canali televisivi  in Europa, Medio Oriente e Nord Africa. 


Sanremo 2017 da record fa il 58,4% in media nella finale e il 50.7%
sulle 5 serate. La kermesse esplode anche sul web e su Rai Play

La finale di sabato 11 febbraio è stata la migliore dal 2002 e, nella seconda parte, ha registrato una quota d'ascolto che ha sfiorato il 70%. Nel complesso la share media della cinque serate è stata la migliore dal 2005. Sono stati registrati dalla TIM Data Room 507.4 mila tweet con hashtag #Sanremo2017. Il d.g. Campo Dall'Orto si felicita per essersi dimostrata la Rai una media company di servizio pubblico capace di evolvere nel rispetto della tradizione. Arrivanta a quasi 6 milioni la raccolta per l'evento, mentre nella finale tutti i break hanno avuto più audience rispetto al 2016

13 febbraio 2017 - Carlo Conti chiude alla grande il suo triennio alla conduzione del Festival di Sanremo, complice la co-conduttrice d'eccezione Maria De Filippi. La finale di sabato 11 febbraio, nonostante la lunghezza estenuante, ha raccolto risultati da record: è stata vista da una media di 12.022.000 telespettatori, facendo il 58,4% di share, ed è stata la miglior finale dal 2002. Per la precisione, la prima parte, dalle 21.14 alle 23.54, ha avuto un'audience di 13 mili
oni e 553mila spettatori pari al 54.28% di share (contro 12 milioni e 694mila di un anno fa, in cui la share fu del 48.76%). La seconda parte, dalle 23.58 all'1.45, ha avuto 9 milioni e 680mila telespettatori, pari a una share bulgara del 69.66% (contro 8 milioni e 710mila di un anno fa, ovvero il 64.99%). Nel complesso, la share media della cinque serate di Sanremo 2017 è stata del 50.7%, la migliore dal 2005.
 
Si felicitano in Rai. Il direttore generale della Rai, Antoni
Antonio Campo Dall'Orto
o Campo Dall'Orto, ringrazia tutti coloro che hanno lavorato al Festival, in primis Carlo Conti, ricordando che oltre all'eccezionale risultato d'ascolto, l'edizione 2017 è esplosa sul web e su Rai Play, con 2 milioni di persone  che hanno seguito il Festival in streaming, con 6 milioni di video scaricati da Rai Play e con 30 milioni di interazioni attraverso i social, in particolare nella fascia d'età tra i 15 e i 34 anni. Si conferma così – sostiene Dall'Orto – che la Rai è una media company di servizio pubblico capace di evolvere nel rispetto della tradizione.
 
Quanto alla raccolta nel complesso dell'evento, si sarebbero sfiorati i 26 milioni di euro lordi. Nella serata finale tutti i break hanno avuto più audience rispetto all'edizione 2016, con una punta del 16% in più per Sanremo2, il break iniziato alle 21.52, e il 15% in più per Sanremo3 delle 22.30.

Secondo i dati forniti dalla TIM Data Room, la unit di Tim  che ha analizzato i dati digital provenienti dalla rete, l'ultima puntata  è stata la serata più twittata con 507.4mila tweet con hashtag #Sanremo2017, 19.600 in più rispetto alla prima, che fino ad allora era stata la serata più seguita su twitter. Nell’ultima giornata sono stati pubblicati 590mila tweet con l’hashtag
#Sanremo2017, il 62,7% in più rispetto al giorno precedente. Sono stati  63.488 gli utenti unici che su Twitter hanno usato l’hashtag #Sanremo2017.
 
L'altro hashtag più usato è stato #IlDiarioDegliErrori, titolo del brano di Michele Bravi, il cui profilo è stato quello tra i cantanti che ha generato più interazioni, seguito da quelli del vincitore Francesco Gabbani, di Lodovica Comello, Fiorella Mannoia e Ermal Meta. Dopo la  comunicazione della vittoria, Francesco Gabbani ha ricevuto il 35,8% delle interazioni totali della serata. Il picco della puntata è stato proprio il momento della comunicazione della inattesa vittoria di 'Occidentali’s Karma',  tra le 01.40 e le 01.41, con 4.544 tweet in un minuto. La canzone di Gabbani ha vinto anche il premio TIMmusic. Quanto alle pagine Facebook dei campioni durante la puntata, hanno avuto più interazioni nell'ordine quelle di Bianca Atzei, Fiorella Mannoia, Fabrizio Moro, Ermal Meta e Clementino. 


Sanremo supera il 50% di share e 4 break su 7 migliorano gli ascolti
del 2016. A quota 537mila i tweet con l'hashtag #Sanremo2017

Il Festival di Sanremo ha registrato nella prima serata il miglior risultato degli ultimi 12 anni, con 11.4 milioni di spettatori nel minuto medio, il 2% in più rispetto all'anno scorso, nonostante un bacino televisivo in linea. Il break Sanremo 2 alle 21.57 cresce del 10%. Ottima anche la performance sui canali social. Martedì sono stati pubblicati 537mila tweet con l'hashtag #Sanremo2017, di cui il 91% durante la trasmissione

9 febbraio 2017 - Partenza record, martedì sera, per il Festival di Sanremo che ha registrato nella prima serata il miglior risultato degli ultimi 12 anni: il terzo festival consecutivo condotto da Carlo Conti ha abbattuto il muro del 50% di share, risultato che non si verificava dal 2005 con Bonolis. Conti è l'unico conduttore che in tre edizioni consecutive si è sempre migliorato.
 
Un'analisi della prima serata, messa a punto da Publicis Media, indica in 11,4 milioni i telespettatori nel minuto medio, il 2% in più rispetto all'anno scorso, nonostante un bacino televisivo in linea con quello del 2016. Il picco di ascolti è stato alle 21.40, quando 16.131.865 spettatori hanno seguito Raoul Bova introdurre Elodie.

Per i break – sempre secondo l'analisi di Publicis Media - la novità più importante riguarda l'aumento degli spazi, da 7 a 8 interruzioni pubblicitarie. Ben 4 break su 7 migliorano gli ascolti del 2016, in particolare Sanremo 2 alle 21.57, dopo lo spazio dedicato a forze dell'ordine e protezione civile, cresce del 10%, lanciato da Carlo Conti subito dopo la frecciata verso chi ha polem
izzato sul suo compenso.

La prima serata del Festival di Sanremo ha raggiunto inoltre un'ottima performance sui canali social. La pagina Facebook ha registrato nella giornata di esordio oltre 60mila nuovi fan, 20mila in più rispetto all'anno precedente (+56%). Trend positivo anche per le interazioni: oltre 274mila like+commenti+share il 31% in più rispetto al 2016. Buone anche le performance registrate su Twitter: oltre 5.000 nuovi followers durante la prima giornata (+19%). Invariate invece le interazioni (tweet e retweet) rispetto all'anno precedente.

Dalla Tim Data Room, la unit di Tim che analizza i dati digital provenienti dalla rete, risulta che martedì siano stati pubblicati 537,4 mila tweet con l'hashtag #Sanremo2017, di cui 487,8 mila, il 90,8%, durante il Festival quando sono stati superati i 69.508 utenti unici su Twitter. L'orario durante il quale sono stati pubblicati più tweet con  #Sanremo2017 è stato tra le 21,34 e le 21,35 quando Maria De Filippi si è seduta sulla scalinata dell'Ariston. L'artista della prima giornata più twittato è stata Lodovica Comello con 16.240 tra mention e retweet, mentre chi ha ottenuto più conversazioni su Twitter è stato Tiziano Ferro con 18.036 tra mention e retweet. L'artista è stato, inoltre, ricercato più di 200.000 volte su Google durante l'intera giornata. 

Per saperne di più..>>




Corepla, Comieco e Cial nella fiction
su Canale 5 che promuove la raccolta differenziata

'Amore pensaci tu' ha per protagoniste quattro famiglie non convenzionali e moderne, accomunate da un'anima green, impegnate nella quotidianità nelle loro case e così anche alle prese con la raccolta di plastica, carta e alluminio. La presenza dei tre Consorzi va al di là del tipico 'product placement' perché ne mette in luce l'attività nell’interesse sociale e collettivo

31 gennaio 2017 - Debutta su Canale 5 in febbraio la fiction che promuove il senso civico e la raccolta differenziata, in collaborazione coi Consorzi Nazionali per il Riciclo di Plastica (Corepla), Carta e Cartone (Comieco) e Alluminio (Cial). A titolo 'Amore pensaci tu', ha per protagoniste quattro famiglie non convenzionali e moderne, accomunate da un'anima green, impegnate nella loro quotidianità e riprese all'interno delle loro case. Storie in cui viene messo in luce il valore dell’attenzione all’ambiente e del senso civico, sottolineando l'importanza della raccolta differenziata.
 
La presenza dei tre Consorzi va al di là del tip
ico 'product placement' perché ne mette in luce l'attività nell’interesse sociale e collettivo. La fiction ha funzione di edutainment. Aiuta a ricordare, ad esempio, che nella raccolta differenziata della plastica vanno inserite anche le stoviglie monouso come piatti e bicchieri, che uno scontrino fiscale va buttato nell'indifferenziata e non nel contenitore della carta, che il foglio sottile va staccato dall'allumino della lattina e così via: piccoli e semplici gesti che possono fare la differenza per l'ambiente, per le nostre città e per una nuova economia circolare che permette, attraverso la raccolta e il riciclo, la produzione di nuova materia prima. 


Parte su Sky Uno Hd MasterChef alla sesta edizione,
format tra i più venduti al mondo, brand e fenomeno virale


cooking show riparte domani per 24 puntate, trasmesse in coppia per dodici giovedì, forte di numeri in crescendo, di un format longevo e dell'essere l'italiana l'edizione “migliore tra le tante al mondo”. Formula e giudici confermati, prove in esterna anche oltre confine, in Grecia e Spagna. Sono venti i brand protagonisti di un product placement congruo al racconto, mentre Rtl 102.5 è media partner. In primavera arriverà la declinazione coi vip, Celebrity MasterChef

21 dicembre 2016 - Chiuso X-Factor, il testimone della serata del giovedì in prime time su Sky Uno Hd passa a MasterChef Italia che parte domani per 24 puntate, trasmesse in coppia per dodici giovedì. Il cooking show giunge alla sesta stagione, forte dall'essere “l'edizione migliore tra le tante al mondo” (Paolo Bassetti, a.d. e presidente di Endemol Shine Italy, la casa produttrice) e dei numeri fatti la scorsa edizione, ovvero una share del 3,9% e 1 milione e 211mila spettatori in media, totalizzando con la fruizione in differita 2 milioni e 250mila spettatori medi ad episodio nei sette giorni, per non parlare dei numeri record registrati sui social nework. Aggiunge Bassetti: “Non è solo un programma televisivo, ma un brand e un fenomeno virale ed è il programma più copiato e più venduto al mondo”. Il format è longevo e, a differenza di altri talent che dopo stagioni di successo iniziano la parabola discendente, registra numeri in crescendo e va sempre meglio” (Nils Hartmann, responsabile produzioni originali di Sky).

La formula resta immutata, come gli stessi sono i giudici, il quartetto formato da Bruno Barbieri, Joe Bastianich, Antonino Cannavacciuolo e Carlo Cracco chiamati a giudicare venti cuochi amatoriali, che hanno superato le selezioni. Sono partiti in 150 a esibirsi davanti alla Stazione Centrale di Milano nella preparazione di un piatto ‘a crudo’, pronti a tu
tto pur di conquistare il mitico grembiule, simbolo dell'ingresso nella MasterClass. In 100 hanno avuto accesso ai Live Cooking, poi in 40 si sono cimentati nelle tecniche di cottura e infine sono rimasti in 20 per la vera e propria gara a base di Mystery Box, Invention Test, Prove in Esterna, Pressure Test. Tra le novità, le prove in esterna prevedono anche due uscite dai confini nazionali, in Grecia e in Spagna. Intervengono anche ospiti del mondo della gastronomia internazionale, come il tre stelle Michelin Heinz Beck, la star giapponese Masaharu Morimoto, il veterano della cucina creativa Igles Corelli, l'uruguaiano Matias Perdomo e lo chef stellato vegetariano Pietro Leemann.

La nuova edizione promette meno lacrime e più divertimento e anche più ‘cazzeggio’ tra i giudici. Le puntate sono già state registrate e l'esito è un segreto ben conservato. Si sa solo che in questa edizione “le concorrenti sono più toste e aggressive degli uomini e anche delle donne degli altri anni”.

Altissima l'attenzione al tema degli sprechi alimentari, con uso di Doggy Bag, controllo degli accessi alle dispense e anche abolizione del catering per il cast con consumo di quanto avanzato, che peraltro viene donato ad as
sociazioni benefiche ed enti caritatevoli di Milano.

Il programma vive grazie a un product placement “intelligente” ovvero la presenza di brand congrui al racconto. Si tratta di Amadori, Ballarini, Barilla - Voiello, Contaldi Castaldi, Electrolux, Eurofood, Ford, Fratelli Orsero, Maxwell & Williams, Molino Spadoni, Olio Piave, Orto Mio, Parmalat, Parmareggio, Petti, San Benedetto, Siggi, Soffas, Ubena, Acquerello. Media partner è Rtl 102.5 che ogni giovedì alle 11.50 ospiterà i giudici e i protagonisti in diretta durante ‘W l'Italia’ per commenti e anticipazioni sulle puntate. Si rinnova la partnership con la casa editrice Baldini & Castoldi che curerà e pubblicherà il libro di ricette del vincitore.

Intanto le brand extension del fortunato programma sono arrivate a quattro. In Italia dopo la declinazione ‘Junior MasterChef ’ trasmessa dal 2014, si annuncia per primavera anche quella coi Vip, la ‘Celebrity MasterChef’. Per ora non è prevista l'adozione della formula ‘MasterChef Professional' andata in onda in qualche Paese. Se ne riparlerà in futuro.





L'attualità in forma narrativa senza filtri
su Sky Atlantic HD con 'Il racconto del reale'

Un ciclo di docu-film, alcuni prodotti da Sky, altri frutto di co-produzioni, racconta la domenica in seconda serata eventi e fatti che hanno cambiato gli equilibri internazionali o sconvolto per sempre le vite di comunità e famiglie. Da 'L'Ultimo stadio' col sistema calcio fuori controllo per la violenza degli ultras a 'Disunited State of America' per l'elezione di Trump

14 novembre 2016 - E' in seconda serata la domenica  su Sky Atlantic HD, oltre che su Sky On Demand, 'Il racconto del reale', ciclo di docu-film che raccontano senza intermediazione giornalistica e senza filtri eventi e fatti che hanno cambiato gli equilibri internazionali o sconvolto per sempre le vite di comunità e famiglie.  

Tra i temi toccati, ci sono l’elezione del 45° presidente degli Stati Uniti Donald Trump tuttora in produzione ('Disunited State of America'); il boom della chirurgia estetica ('Selfie Surgery – Vorrei essere il mio avatar'); il Mediterraneo porta d’Europa per i migranti ('Come è profondo il mare'); la vita in carcere vista con gli occhi degli ergastolani ('Spes contra spem - Liberi dentro') e molti altri ancora. Non mancheranno i titoli internazionali come 'Marathon: The patriots day bombing', documentario di HBO sull’attentato durante la maratona di Boston del 15 aprile 2013. 
&nb
sp;
Il ciclo ha preso il via ieri con la giornata di sport che si è trasformata in cronaca nera, mostrando un 'sistema calcio' fuori controllo: 'L'ultimo stadio', prodotto dalla 42° Parallelo, sulla finale di Coppa Italia Fiorentina – Napoli del 3 maggio 2014 a Roma, quando fu ucciso il tifoso Ciro Esposito. 

Alcuni docu-film sono produzioni originali di Sky, altri coproduzioni. Tutti portano la firma di personalità del mondo della cultura e del giornalismo, tra cui Mauro Parissone, Ambrogio Crespi, Michele Bongiorno, Mimmo Calopresti, Luigi Prieto, Beatrice Borromeo e Bill Emmot. 


Al via su Rai2 ‘Milano-Roma. In viaggio con i Gialappa's’,
prodotto da ZeroStories per Autostrade per l'Italia

Lo storico formato del viaggio di una coppia insolita di personaggi noti torna in forma di branded content per valorizzare i servizi e gli sviluppi tecnologici di Autostrade, inserendoli nella linea narrativa. Il nuovo ciclo di 7 puntate di viaggi a due lungo quasi  600 km dell'Autostrada del Sole si apre con Giancarlo Magalli e Giulia Salemi

14 novembre 2016 - ZeroStories (ideazione e produzione di contenuti di branded entertainment per una distribuzione multipiattaforma) ha prodotto per Autostrade per l'Italia il nuovo ciclo di racconti di viaggio Milano-Roma, al via oggi alle 23.45 su Rai2. La Gialappa's Band ha il compito di selezionare e accogliere le coppie protagoniste e prendersi cura di loro durante il viaggio, ascoltando i due ospiti e interrompendoli con sollecitazioni curiose. ‘Milano-Roma. In viaggio con i Gialappa's’ è il racconto di un incontro che si crea gomito a gomito nella stessa auto, in un viaggio di quasi 600 km sull'Autostrada del Sole, di cui vengono valorizzati i servizi e gli sviluppi tecnologici inserendoli nel racconto senza snaturare la linea narrativa. 
 
L'idea di riproporre lo storico formato come branded content è stata di Francesco Delzio, direttore relazioni esterne, affari istituzionali e marketing di Atlantia e Autostrade per l'Italia. E il team di ZeroStories ha vita all'operazione in sinergia con il cliente e il broadcaster Rai. 
 
Nel corso del nuovo ciclo di 7 puntate, si scoprirà la giornata in auto di altrettante ‘strane coppie’: Giancarlo Magalli e Giulia Salemi, Diego Abatantuono e Dino Abbrescia, il Mago Forest e Elisabetta Gregoraci, Erri De Luca e Geppi Cucciari, Carlo Lucarelli e Bruno Barbieri, Costantino Della Gherardesca e Giulia Innocenzi, Giovanni Floris e Don Mauro Leonardi. Si può commentare la trasmissione sui social network con l'hashtag #MilanoRoma. 


Su Repubblica.it le ‘non fiction’ verticali

Prodotte da 42° parallelo, le webseries partono da una notizia e descrivono una realtà, ma poi l'approfondiscono e la ripercorrono col linguaggio del racconto. Sono girate in formato smartphone o anche riprese da persone qualsiasi con lo smartphone. E' già online ‘L'ultimo stadio’, in cinque episodi

9 novembre 2016 - Repubblica.it lancia le webseries verticali, prodotte da 42° parallelo (H24), delle ‘non fiction’ in quanto diverse dalla fiction perché partono da una notizia e descrivono una realtà, ma poi l'approfondiscono e la ripercorrono col linguaggio del racconto. Dette ‘verticali’ perché sono girate in un formato adatto alla visione su smartphone e spesso si tratta di immagini riprese da persone qualsiasi presenti sul luogo del fatto.
 
La prima webserie, ‘L'ultimo stadio’, online fino a venerdì, racconta gli scontri del 3 maggio 2014 intorno allo stadio Olimpico di Roma, per la finale di Coppa Italia Napoli-Fiorentina. Ciro Esposito, ferito da un colpo di pistola, morì 53 giorni dopo. Si tratta di 5 puntate che affrontano i diversi aspetti della vicenda.
 
Fra due settimane sarà la volta della non fiction ‘Com'è profondo il mare’ sul naufragio del 18 aprile 2015 in cui morirono 970 migranti. Poi, ai primi di dicembre, toccherà a ‘Papa Francesco: come Dio comanda’, a base di sequenze girate dai fedeli. 





Partono i live di X Factor sul nuovo palco scenografico
dinamico. E l'after show diventa Strafactor

Dopo le prime 6 puntate di selezioni, viste in media su Sky Uno e Sky On Demand da 1.350.000 spettatori, il 12% in più di X Factor 2015, i dodici concorrenti selezionati si confrontano in 8 puntate in diretta dalla nuova Arena, più grande e tecnologica. Ma la vera novità è l'after show condotto da Maionchi ed Elio, dove dodici ripescati tra gli esclusi delle scorse edizioni si contendono il titolo di talento ‘alternativo’. Intanto Sisal Matchpoint, che accetta scommesse in tempo reale sugli eliminati, dà principale candidato alla vittoria tra i giudici Fedez, quotandolo 2.15

27 ottobre 2016 - X Factor, il talent show musicale prodotto da FremantleMedia Italia (decima edizione italiana e sesta targata Sky), approda questa sera alla fase dei live, per 8 puntate in diretta dalla nuova X Factor Arena. Il teatro, più grande e più tecnologico delle precedenti edizioni, si trova nella zona Sud di Milano e vanta “uno dei palchi più grandi d'Europa” con uno sfondo scenografico dinamico, in continua mutazione, ispirato allo skyline di Milano e di New York. 

Ospiterà la gara tra i 12 concorrenti scelti tra 30mila aspiranti pop star guidati a gruppi di 3 dai quattro giudici Fedez (le under 25 donne), Arisa (gli under uomini), Alvaro Soler (i gruppi) e Manuel Agnelli (gli over). Tra gli ospiti italiani ed internazionali, l'arrivo sul palco di Robbie Williams, Marco Mengoni, Giorgia e Shawn Mendez. 

Nell'attesa, Sky rende noto che le prime 6 p
untate di selezioni sono state viste in media su Sky Uno e Sky On Demand da 1.350.000 spettatori medi, con una crescita del 12% rispetto ad X Factor 2015, con un peak per la seconda puntata di quasi 1.500.000 spettatori, “la più vista di sempre nella storia di X Factor targato Sky Uno”. Inoltre, le prime sei puntate hanno generato oltre 1.5 milioni di interazioni su Facebook e Twitter (fonte Nielsen Social) e ogni giovedì l'hashtag #XF10 ha raggiunto la prima posizione della classifica dei Trending Topic italiani. Record anche per il sito xfactor.sky.it: 7,3 milioni di pagine visualizzate, +40% rispetto ad X Factor 2015, con 500mila utenti unici (+25% ) e 3,5 milioni di videoviews. 
 
Palco scenografico a parte, la vera grande novità è l'after show, con lo XTraFactor che scivola nello Strafactor, una gara nella gara. Dopo i commenti di rito della puntata, partirà un tale
nt show tra 12 esclusi delle precedenti edizioni selezionati con una ripescaggio operato (tra sghignazzi) da Mara Maionchi ed Elio de Le Storie Tese, che annuncia: “da qualche pippa potrebbe nascere una rivelazione”. Maionchi ed Elio saranno affiancati da Daniela Collu in arte Stazzitta e altri giudici estemporanei: nel primo live Marco Travaglio e Jake La Furia. I 12 concorrenti si sfideranno in diretta per il titolo di talento più 'alternativo' della storia di X Factor, assegnato coi voti del pubblico da casa, tramite il sito ufficiale e la nuova app, resa quest'anno ancora più interattiva. Premio: esibirsi sul palco del Mediolanum Forum di Assago nella finalissima, che sarà in diretta anche su Tv8 e su radio DeeJay. 

Quanto all'altro spin off, X Factor Daily, in questa edizione ha anticipato di una settimana i live, partendo venerdì 21 ottobre all'indomani delle Home Visit. La vita quotidiana dei ragazzi e le prove nel loft sono raccontate per il secondo anno da Aurora Ramazzotti, il lunedì al venerdì alle 19.55
su Sky Uno Hd mentre il sabato andrà in onda alle 18.55 l'appuntamento con X Factor Weekly. 

Infiltrato di eccellenza ai live di X Factor sarà Fiorello con la sua Edicola Fiore (Canale Active di Sky Tg24, Tv8, Tv8 Hd) a cui sarà obbligato a partecipare “per ulteriore punizione” l'eliminato della puntata, portato direttamente con un viaggio notturno immediato da Milano a Roma.

Ricordiamo che main sponsor di X Factor 2016 è Intesa Sanpaolo, primo gruppo bancario a diventare partner di un talent show. Gli altri sponsor ufficiali sono Peugeot, Zadig & Voltaire, Fonzies, Max Factor e Yamaha. Radio Deejay è per il quinto anno media partner.
 
Una curiosità. Secondo Sisal Matchpoint, che da quest'anno accetta scommesse in tempo reale sugli eliminati ai live (Eliminato Sì-No), sarebbero 3 i concorrenti papabili per la vittoria finale. Ex aequo a 4.50 sono quotati l'insegnante di chitarra Andrea Biagioni selezionato da Manuel Agnelli tra gli over 25, Gaia, talento italo brasiliano della squadra under donne guidata da Fedez, e Fem, l'eclettico cantante scelto da Arisa per la categoria under uomini. Tra i giudici il principale candidato alla vittoria sarebbe Fedez dato a 2.15. 


Striscia la Notizia è più spettacolo
con la rivoluzione grafica dell'art Pappalettera

Riparte il tg satirico di Antonio Ricci con la conduzione per la prima settimana di Hunziker e Belén, cui farà seguito un turnover di co-conduzioni inedite fino alle storiche di Greggio-Iachetti e Ficarra-Picone. Confermati inviati vecchi e semi nuovi, Ballantini farà Orfini vestito da prete e Valeria Graci la mamma della Raggi, mentre il Gabibbo irride agli iper-connessi cantando Geocalizzami. La vera novità è la rivoluzione della grafica delle sigle e del look dello studio, con molto digitale e verso una maggiore spettacolarità

23 settembre 2016 - Il primo lunedì d'autunno riparte puntuale Striscia La Notizia, che in questa 29ª edizione porta a sottotitolo ‘La voce dell'impudenza’ e propone una sigla che irride agli iper-connessi, a titolo ‘Geolocalizzami’. Molto è già stato detto sull'esordio con la conduzione di una coppia inedita femminile, la veterana Michelle Hunziker alla tredicesima volta e Belén Rodríguez che sarà co-conduttrice per una settimana, anzi per soli sei giorni visto che Striscia va in onda da lunedì a sabato alle 20.45 su Canale 5. 
 
Per esigenze di gossip le due dovrebbero detestarsi, ma smentiscono. Si definiscono allegramente mamme complici ed extra-comunitarie molto fortunate, anche se pure loro hanno fatto infinite code per i documenti. Il patron, ideatore e autore Antonio Ricci ammonisce i giornalisti: “Vediamo se qualche spirito allegro intitolerà ugualmente ‘Belén cacciata dopo una settimana’. No, è tutto previsto”. Il turnover degli inizi (che non è una novità) prevede che alla Hunziker si affianchino per 2 giorni Chiambretti, un conduttore a sorpresa per uno, Luca e Paolo per 3 e poi stabile Iachetti. Greggio subentrerà a Michelle in partenza per Zelig e da fine gennaio ci saranno fino a fine stagione Ficarra e Picone.
 
Confermati tutti gli inviati storici come Dario Ballantini che farà Matteo Orfini in abito da prete, Rampello, Ghione, il tapiroforo Staffelli, Fabrizio nei panni di Vespa, Militello con ‘Striscia lo striscione’ e ‘Striscia il cartellone’, il dandy triestino Moreno Morello, l'inviato in terra sarda Cristian Cocco, l'inviata con bassotto Stefania Petyx, Capitan Ventosa e compagnia bella. Valeria Graci, già Peppa Pig, indosser
Sergio Pappalettera
à le vesti della mamma della sindaca Raggi. Confermati anche i cinque nuovi inviati della scorsa edizione e confermate per il quarto anno consecutivo le Veline Irene Cioni e Ludovica Frasca.
 
La vera novità è che il tg satirico ha cambiato aspetto con l'arrivo di Sergio Pappalettera, che ha rivoluzionato la grafica del programma e il look dello studio. Art director visual, docente di Comunicazione visiva e grafica, esperto di videoinstallazioni interattive, ha attualizzato in senso spettacolare le sigle delle rubriche, vivacizzato i connotati della trasmissione e creato interazioni grafiche digitali per gli stacchetti delle veline. Striscia sembra aver co
sì imboccato la deriva show.


Miss Italia al 4° anno su La7 con la finalissima sabato in prime.
Si chiude un ciclo e partono trattative. Mirigliani, “no ai cinesi”

L'edizione 2016, che coincide con i 70 anni da quando il concorso si chiama Miss Italia, è l'ultima del contratto quadriennale stilato con Cairo Communication dopo la rinuncia della Rai. La Miren, che da sempre lo organizza, si interroga sulle opportunità per il futuro del concorso. Intanto, si annunciano per la finalissima, condotta da Facchinetti, speed date con Roul Bova, un dietro le quinte live, una delusion room, la sfilata delle mamme delle due ultime finaliste e il ritorno del bikini

7 settembre 2016 - “Non vorrei che un altro brand italianissimo come Miss Italia dovesse finire in mano ai russi o ai cinesi”. La sorprendente dichiarazione arriva da Patrizia Mirigliani, anima della Miren che da sempre organizza il concorso, ai margini della presentazione della nuova edizione che sarà on air su La7 con due anteprime in seconda serata domani e venerdì con conduzione di Giulia Arena (vincitrice nel 2013) e con gran finale sabato 10 settembre in pr
ime time sia su La7 che su La7d, in diretta da Jesolo. 
 
L'edizione 2016, che coincide con i 70 anni da quando il concorso è stato battezzato Miss Italia, è l'ultima del contratto quadriennale stilato con Cairo Communication dopo la rinuncia della Rai. L'evento trasmigrato su La7 e rinnovato nella formula ha fatto segnare nella finale share medie del 5.3% nel 2013, del 7.2% ne 2014 e del 5.8% nel 2015. Inferiori alle aspettative, anche se Fabrizio Salini, direttore de La7, si dice convinto che quest'anno la trasmissione “farà di più” e annuncia che sono nelle intenzioni trattative con la Miren per il prosieguo del sodalizio. 
 
Resta il fatto che per la Miren non sono più i fasti di una volta. Oltre a trasmettere l'evento, il gruppo Cairo contribuisce in parte ai costi per la realizzazione del format puntando sui ricavi da raccolta pubblicitaria e telepromozioni. Alla Miren vanno gli introiti devoluti dagli sponsor, quest'anno 19 tra cui le tre new entry Infiniti-Gruppo Fassina, Alpitour e Tricologica. “La gran parte di questi introiti – prosegue Mirigliani – vanno a coprire i costi di produzione per un lavoro che impegna il nostro gruppo per tutto l'anno. È quasi una missione”. Mirigliani sta valutando insomma come muoversi per il futuro.
 
Intanto annuncia che il concept dell'imminente edizione è l'unicità e che i modelli femminili sono più vicini alla gente, contro gli stereotipi. Non a caso da qualche anno il concorso ammette le curvy fino alla taglia 46 e si è aperto alle iniziative sociali come quella della pubblicazione del libro ‘Scriviamo un'altra storia’, insieme allo sponsor Equilibra (presente per il secondo anno al concorso), libro in cui si tratta del fenomeno della violenza sulle donne. Il libro è stato presentato al Salone di Torino e il ricavato delle vendite sarò devoluto a cinque associazioni anti-violenza.
 
Per la serata finale, affidata quest'anno alla conduzione di un effervescente Francesco Facchinetti, sono in progetto molte novità per le 40 finaliste (su 220 aspiranti). Tra queste, gli speed date con Roul Bova, un dietro le quinte live, incursioni nella ‘delusion room’ delle eliminate, lo ‘snap’ per raccontarsi in 7 secondi, interviste condotte da Gianluigi Paragone in stile La Gabbia, la sfilata dell
e mamme delle due ultime rimaste a contendersi il titolo. Le ragazze appariranno vestite da sposa, da red carpet e anche in bikini, che ritorna in auge nell'anno in cui compie anche lui 70 anni. Le ragazze dovranno anche esprimersi, dato che “anche la voce fa parte della bellezza di una donna“ (Facchinetti). Il concorso assumerà così sempre più lo stile di un talent show e, per inciso, ospiterà vincitori di talent canori come Lorenzo Fragola e Alessio Bernabei. Del resto, come ha affermato la Mirigliani, “Miss Italia è il talent più vecchio della storia della tv”. 


Al via su Italia 1 ‘BlindSpot’, la serie crime fenomeno in Usa

Da martedì 10 con una doppia puntata a sera, per un totale di dieci appuntamenti, va in onda la serie che ha raggiunto 15 milioni e 200mila spettatori in Usa e vinto il Critics Choice Award. Un crime sorprendente e pieno di ritmo, come annuncia il direttore di Italia 1 Laura Casarotto, con cui la rete punta al 15% di share in prime time sul target elettivo giovane e giovane adulto

5 maggio 2016 - Parte su Italia 1 martedì 10 con una doppia puntata a sera, per un totale di dieci appuntamenti, la serie fenomeno in Usa ‘BlindSpot’, che ha avuto laggiù 15 milioni e 200mila spettatori e vinto il Critics Choice Award, e di cui è già in produzione la seconda stagione. “Un crime sorprendente e pieno di ritmo – così lo ha presentato il direttore di rete Laura Casarotto – , con forte componente action, dove i cattivi cambiano in continuazione, così come le location, dove niente è come sembra, insomma dove c'è da divertirsi”. Una serie con cui la rete generalista a vocazione giovane di Mediaset conta di portare l'audience della serata dal 10-12% anche al 15% sul target giovane e
giovane adulto. 
 
Un assaggio della storia i milanesi l'hanno avuto con l'azione di guerrilla marketing in Corso Vittorio Emanuele che ricostruiva la scena che dà inizio alla serie in Times Square: l'uscita da un borsone abbandonato di una donna nuda, completamente coperta da 200 tatuaggi e priva di memoria (vedi Fotonotizia del 18 aprile). Gli inquirenti la chiamano Jane Doe, appellativo dato in Usa a chi perde coscienza della propria identità, e ben presto capiscono che ogni tatuaggio nasconde un mistero da risolvere. La donna, interpretata dall'attrice Jaimie Alexander, conosce lingue inusuali come certi idiomi cinesi, padroneggia le arti marziali, ha mira perfetta anche sotto pressione. Il suo Dna corrisponde a quello di Taylor Shaw, la vicina di casa del detective Weller quando erano bambini, scomparsa 25 anni prima e creduta morta. Anche il nome di Weller compare tra i tattoo che, puntata do
po puntata, si rivelano casi da risolvere come in un puzzle. E tra gli sceneggiatori c’è in effetti anche un esperto di puzzle del NewYorkTimes. La serie è ideata e prodotta da Martin Gero e Greg Berlanti. 
 
Oltre all'attività di guerrilla marketing, la serie è stata annunciata da una campagna sulle reti Mediaset, in outdoor con mega affissioni e nella metro, sul digital e in radio. BlindSpot ha un sito dedicato (www.blindspot.italia1.com) mentre l'hashtag è #blindspotitalia1. 
 
Altri lanci di nuovi programmi seguiranno a ruota su Italia 1. Il 12 maggio prenderà il via ‘Flight 616’, dating adventure show condotto da Paola Barale, mentre nella seconda metà del mese partirà la terza edizione di Top Dj, talent per aspiranti Dj. 


Evolve il sistema all news di Mediaset,
TgCom24 è sito, tv, mobile e anche radio

Il direttore Paolo Liguori, in carica da novembre, ha rinnovato il ‘sistema’ col restyling del sito all'insegna di ordine, leggerezza, facilità di navigazione e profilazione. Ha varato una nuova app e nuovi format per il canale tv che nascono dai programmi dell'informazione Mediaset, con più live e inchieste e news raccontate dalla radio. La raccolta pubblicitaria per canale e sito è stata di 20 milioni di euro. Ora si punta sul mobile

5 aprile 2016 - Sotto la direzione dallo scorso novembre di Paolo Liguori, si è aperta una nuova pagina per TgCom24 sia come canale tv che come sito web, dando vita all'evoluzione del sistema all news di Mediaset. È online da ieri il nuovo sito, c'è una nuova app e nuovi sono i format che nascono dai programmi dell'informazione Mediaset.
 
Nato 15 anni fa come TgCom, il sito ha aggiunto negli anni un ‘24’ al nome (‘sempre sulla notizia’), ha mutato aspetto, inserito nuove sezioni e dato più spazio ai video. Il mobile è diventato sempre più importante tanto che oggi da lì arriva il 50% del traffico. Al web, al mobile e al canale tv (al 51 e al 111 del dtt) il sistema affianca ora anche anche le radio. 
 
TgCom24 è un si
stema integrato all news, totalmente free, seguito da oltre 26,3 milioni di utenti al mese (8,8 milioni solo su mobile) che ricopre nel complesso del sistema multimediale il terzo posto nel ranking dei principali siti d'informazione italiani, dopo Repubblica.it e Corriere.it. Le breaking news raggiungono quasi 10 milioni di ascoltatori radiofonici al giorno su 14 frequenze tra cui Radio Italia, R101, KissKiss, Radio Norba, Radio Subasio, Radio Number One, in 5 momenti di massimo ascolto (alle ore 8, 9, 12, 18, 19).
 
L'idea alla base della programmazione del canale tv, che in quanto all news non può ovviamente contare su grandi numeri (la share media giornaliera è dello 0.40% con peak dello 0.55% nei momenti di eventi forti di attualità), è di rivolgersi valorizzandoli a pubblici di nicchia. Tra le novità c'è ‘Il Giallo della settimana’, spin off di ‘Quarto Grado’ con la cronaca nera condotta da Remo Croci e, tra gli opinionisti, Raffaele Sollecito che, visto l'iter giudiziario che l'ha coinvolto, è “da considerarsi un esperto di sistema giudiziario” (Liguori). Poi c'è ‘Italiani brava gente’ dove l'attualità è raccontata da Marcello Vinonuovo sui temi tratti dalla trasmissione ‘Dalla vostra parte’. ‘Le buone notizie della radio’ ovvero le news raccontate dalla radio per la televisione è un programma in collaborazione con Radio 101. 
 
Nella programmazione serale, che si è ampliata di un'ora, dalle 21.30 alle 22.30, debutta ‘Prima Serata’, format dedicato a due grandi temi: nella prima mezz'ora si parla di immigrazione, terrorismo ed economia, nella seconda di ‘Stelle e Strisce’ con le principali notizie dagli Usa anche in vista delle elezioni.
 
Il restyling del sito (fino ad ieri 1,3 milioni gli utenti unici al giorno) è stato improntato alle parole chiave ordine (più ordinato, più asciutto, più facile, gerarchia della notizia), leggerezza (più bianchi), facilità di navigazione (migliorata, in più eliminazione dei click a vuoto), profilazione (l'azienda vuole conoscere i propri utenti
per fornire loro contenuti adeguati). La grafica è responsive e permette maggior leggibilità. Registrandosi al sito si possono selezionare contenuti da vedere in un secondo momento, mentre selezionando una notizia si può ricevere una notifica ogni volta che ci sarà uno sviluppo. È prevista anche l'aggregazione tematica delle notizie con possibilità di approfondire temi importanti anche con news dei giorni precedenti. 
 
Anche sull'app TgCom24 (5 milioni i download), come per il sito, si può seguire la notizia e fruire dell'aggregazione tematica. Inoltre c'è il servizio 12 ore in 3 minuti: due punti ora nell'arco delle dodici ore segnalati da una notifica con il digest della giornata, ovvero le le 7-8 notizie principali 
 
Sul fronte della raccolta pubblicitaria, nel 2015 il sito (gestito da Mediamond) e il canale (gestito da Publitalia) hanno fatturato circa 10 milioni di euro ciascuno (più il sito del canale) e per il 2016 ci si aspetta un risultato analogo. Liguori punta molto sul mobile che se per ora pesa per il 10% sulla raccolta del sito (comunque già il doppio della media di mercato) si pensa possa fare ancora meglio. 


La7 va a caccia del target giovane con Eccezionale Veramente,
talent dedicato alla comicità, prodotto da Colorado Film

Il format, tutto italiano, prevede dodici puntate, collocate in prime time il giovedì, in cui si esibiranno 160 comici più o meno affermati o aspiranti tali, giudicati da Diego Abatantuono, Paolo Ruffini, Selvaggia Lucarelli e da un quarto ospite giudice di serata. In palio, un contratto biennale da centomila euro presso Colorado Film. Intanto Cairo annuncia che nel 1° trimestre il fatturato pubblicitario de La7 e La7d è in crescita del 4% e che il parco periodici del gruppo presto si amplierà

16 marzo 2016 - Mantenendo fede al posizionamento di generalista con l'informazione nel dna, La7 parte alla conquista di fasce di target più giovani con l'offerta di una nuova finestra di intrattenimento. Dimenticata la cattiva esperienza dei 'Boss dei comici', chiuso nell'ottobre 2015 alla seconda puntata per scarsità di ascolti, dà il via a un nuovo talent show comico, che questa volta avrà dalla sua “qualità e innovazione, caratteristiche identitarie e riconosciute della nostra rete” come ha dichiarato l'a.d. Marco Ghigliani.
 
A garanzia del programma, il fatto che il format, tutto italiano, ha avuto gestazione e viene prodotto in Colorado Film, la struttura fondata da Maurizio Totti, Gabriele Salvatores e Diego Abatantuono, da cui il titolo 'Eccezionale Veramente'. Collocato il giovedì sera in prime, con partenza il 17 marzo, il talent in dodici puntate vede in lizza 160 comici più o meno affermati o aspiranti tali, superstiti di un casting a cui hanno partecipato in un migliaio. 
 
Avranno ciascuno la possibilità di esibirsi al più per 3 minuti (potranno essere interrotti prima) davanti ai tre giudici Diego Abatantuono, Paolo Ruffini e Selvaggia Lucarelli, accompagnati di puntata in puntata da un quarto giurato ospite, posizione che spetterà, tra gli
altri, a Renato Pozzetto (nella prima puntata), Massimo Boldi, Raul Cremona, Gabriele Salvatores, Oscar Farinetti, Gianni Rivera, Carlo Vanzina, Dario Fo. La conduzione è di Gabriele Cirilli che è anche autore del programma insieme a Federico Andreotti. “La novità – ha detto Fabrizio Salini, alla sua prima uscita come direttore della rete – sta nel fatto che qui la comicità viene dibattuta e questo sarà un motivo in più d'appeal per il pubblico. Apriamo con La7 una strada nuova”.
 
Da otto puntate per le selezioni, tre puntate di semifinale e la finalissima scaturirà il “nuovo talento della comicità italiana” ma anche “un artista a tutto tondo” che si aggiudicherà un contratto biennale da centomila euro con Colorado Film per il cinema e la tv, e potrà magari avere un ruolo nelle prossime due commedie che Totti annuncia per la prossima stagione.
 
Eccezionale Veramente vivrà anche con contenuti speciali e coi backstage su La7.it, youtube, Facebook e Twitter e sull’app per Android e iOS disponibile su AppStore e Google Play.
 
Intanto, il patron Urbano Cairo conferma che Cairo Communication chiuderà il primo trimestre del 2016 con ricavi pubblicitari in crescita del 4% per La7 e La7d, grazie in particolare a un buon febbraio, dove la crescita ha sfiorato quasi le due cifre. Va ancora meglio il trend dei periodici (il gruppo ha in portfolio 8 settimanali, 9 mensili e 3 quindicinali)  per cui la crescita della raccolta nel trimestre è del 15%, in controtendenza col mercato che ha appena preso atto, nelle rilevazioni Nielsen, di un calo del fatturato pubblicitario dei periodici a gennaio del 14.1%. E Cairo annuncia che il parco testate a breve si amplierà.


Arriva su Tv8 ‘Italia's got Talent’, programma flagship
per la rete in chiaro di Sky Italia a vocazione generalista

L'arrivo del talent show sottolinea la mission generalista e di intrattenimento del canale all'8 del telecomando, dove vivrà anche nel preserale con la striscia quotidiana TuttiGiorni's Got Talent, condotta da Rocco Tanica e Lucilla Agosti. Confermati i giudici Zilli, Littizzetto, Bisio e Matano, mentre alla conduzione debutta Lodovica Comello. Sponsor Lavazza e media partner Rds. La campagna di lancio è ideata da Humans

11 marzo 2016 - Oltre che su Sky Uno, ‘Italia's got Talent’ approda in chiaro su Tv8, la rete del digitale terrestre del gruppo Sky Italia, già Mtv8, a sottolinearne la mission di tv generalista. “Portiamo un grande talent show su Tv8 – dichiara Antonella d'Errico, direttore Sky Terrestrial Channels (quindi anche del semi generalista Cielo) –, perfetto per un canale che ha un suo linguaggio pop. Ne rispecchia il posizionamento di rete vocata all'intrat
Antonella D'Errico
tenimento nel senso più ampio”. ‘Italia's got Talent’ sarà il programma flagship di Tv8 insieme alle partite di squadre italiane dell'Europa League e alle dirette in chiaro del Moto GP, programmi chiave che hanno già dato al canale al numero 8 del telecomando risultati d'audience più che soddisfacenti, con peak, nel caso del Moto GP, fino al 10% su una media tra l'1 e il 2%. L'obiettivo è ora il raddoppio entro fine anno. 
 
La trasmissione in chiaro è la maggiore novità per la versione italiana del format ideato da Simon Cowell che riparte mercoledì 16 alle 21.15 per dieci puntate. La produzione è confermata a FremantleMedia che “non cambia modello ma continuerà a fare il miglior prodotto possibile di intrattenimento”, come afferma Nils Hartamann, head of movie channels di Sky Italia. Sono confermati i giudici Nina Zilli, Luciana Littizzetto, Claudio Bisio e Frank Matano che dovranno scegliere e mandare al televoto talentuosi (più o meno) performer di qualunque tipo, dai ballerini ai comici agli acrobati, promossi o bocciati dopo esibizioni di soli 100 sec
ondi. Come conduttrice debutta Lodovica Comello, la Francesca del serial musicale Violetta.

L'altra novità è che ‘Italia's got Talent’ vivrà anche nel preserale di Tv8 con la striscia quotidiana TuttiGiorni's Got Talent, che andrà in onda alle 19,45, condotta da Rocco Tanica e Lucilla Agosti. Si annuncia due volte a settimana anche la presenza della web star Michael Righini.

Dai 4.000 performer, tra singoli e gruppi, che si sono esibiti nelle otto puntate di audizioni saranno 14 i superstiti che si giocheranno la finalissima in diretta da Roma, dove sarà il pubblico da casa a votare ed eleggere il vincitore. In palio 100.000 euro in gettoni d'oro e la possibilità di esibirsi a Las Vegas. Il voto sarà possibile, tra l'altro, con l'app ufficiale IGT 2016 che permette di essere aggiornati sul programma e rivivere le puntate attraverso video e photogallery. Coinvolti anche Facebook, Twitter, Instagram e sito dedicato.
 
Sponsor dell'edizione è Lavazza, presente sia in TuttiGiorni's Got Talent che nelle puntate in prime con la gamma A Modo Mio, a disposizione dei giudici nelle pause e nella sala d'attesa dei concorrenti. Media partner è Radio Dimensione Suono. La campagna di lancio della nuova edizione di Italia’s got talent è curata da Humans, vincitrice della gara per la comunicazione sia di Tv8 che di Cielo. E' pianificata su maxi affissioni, stampa, digital e radio. 
 


Riparte l'Isola dei Famosi con la Ventura tra i 18 naufraghi,
una coppia relegata su zattera e Chiambretti che fa il ‘post isola’

La seconda edizione de L'Isola dei Famosi targata Canale 5 si presenta ancora più trasgressiva, pericolosa e più social. In sei saranno sull'Isla Desnuda senza veli, in due sperduti su una zattera. Confermati la Marcuzzi alla conduzione, gli opinionisti Mara Venier e Alfonso Signorini, l'inviato Alvin sia per l'Isola tv che per quella digitale. Sponsor, il brand ‘salvapiedi’ Hikkaduwa, flip flop di forma squadrata

8 marzo 2016 - Al via domani, per poi essere collocata a partire dalla seconda puntata al lunedì (nove le settimane), la seconda edizione de ‘L'Isola dei Famosi’ targata Canale 5, canale su cui è ripartita l'anno scorso in edizione “più pericolosa e trasgressiva di sempre” la versione italiana di Celebrity Survivors, dopo nove anni di trasmissioni su Rai 2 (interrotte nel 2012) con conduzione di Simona Ventura. La prima chicca è che proprio la Ventura passerà dall'altra parte e si cimenterà nella vita di stenti e prove che compete ai naufraghi del talent, che mette in palio 100.000 euro, insieme ad altre 17 per così dire celebrities (chi più, chi meno, chi assai poco). 
 
Inizieranno in 10 sull'isola principale dell'arcipelago Cayo Cochinos in Honduras, in 6 sull'Isla Desnuda dove vivranno appunto nudi a meno di ingegnarsi con foglie e rami (in ogni caso gli spettatori li vedranno coperti da strategici veli pixelati) e – se
conda chicca – in 2 su una zattera al largo dove vivranno in condizioni ancora più estreme. Top secret per ora su chi siano i 2 coraggiosi alla Cast Away.
 
I 10 di Cayo Paloma sono 5 donne (oltre alla Ventura, la cantante Marina Fiordaliso, la showgirl Claudia Galanti, l'attrice Mercedesz Henger, l'aspirante conduttrice Alessia Reato) e 5 uomini (l'attore Jonas Berami, il cantante Marco Carta, l'archeologo e giornalista Aristide Malnati, l'artista circense Stefano Orfei e l'attore Enzo Salvi). I 6 senza veli sono la showgirl Paola Caruso, l'attrice e modella Patricia Contreras, la modella spagnola Gracia De Torres, l'imprenditore Matteo Cambi, l'attore Andrea Preti e il pugile Giacobbe Fragomeni. Terza chicca è che i 10 dell'isola principale li osserveranno via video (senza veli digitali) perché saranno loro a decidere i 4 da salvare, uno per puntata, e a farli arrivare man mano da loro. 
 
Saranno, invece, come l'anno scorso i telespettatori a decretare l'eliminazione dei
concorrenti, attraverso quattro differenti canali: sms, web, Twitter e l'app Mediaset, scaricabile da www.appmediaset.it. La conduzione è confermata ad Alessia Marcuzzi e al duo formato da Alfonso Signorini in veste di giornalista cinico e da Mara Venier in veste di opinionista spiritosa e un po' pasticciona. Confermato anche l'inviat
o Alvin che lo sarà anche dell'Isola digitale e che realizzerà una serie di ‘video-selfie’ per documentare piccoli e grandi momenti della giornata. New entry, invece, quella di Piero Chiambretti che ogni martedì dal 15 marzo farà un ‘post isola’ all'interno di ‘Grand Hotel’ con collegamenti con i concorrenti in Honduras. Radio 105 è radio ufficiale del programma. La produzione è di Magnolia e la regia dello studio di Roberto Cenci.
 
Obiettivi d'audience? Sarebbe un successo eguagliare quella dello scorso anno. Giancarlo Scheri, direttore di Canale 5, ricorda la performance 2015: 25% di share medio e 5.3 milioni di spettatori con peak del 32% e di 6.5 milioni per la finale. Il product placement è presente nel kit salvavita del naufrago, con le flip-flop Hikkaduwa, prodotto eco 100% riciclabile dall'originale forma squadrata. La partnership con il brand è stata curata da Publitalia Branded Entertainment. 


I premi David di Donatello approdano su Sky

Con la 60ª edizione del 18 aprile, la cerimonia di assegnazione dei premi dedicati al cinema italiano lascia la Rai per essere prodotta da Magnolia per Sky e trasmessa su Sky Cinema e su TV8 in prima serata. Sono previsti una formula televisiva rinnovata, uno show che si ispirerà ai grandi internazionali, contenuti speciali, approfondimenti e una programmazione dedicata

29 febbraio 2016 - La cerimonia di assegnazione dei Premi David di Donatello, che si terrà il 18 aprile, sarà prodotta da Sky e trasmessa in prima serata su Sky Cinema e in chiaro su TV8 (al canale 8 del dtt), con una produzione di livello internazionale, realizzata da Magnolia. Con la 60ª edizione, il premio dedicato al cinema italiano abbandona infatti le reti Rai e per la prima volta approda su quelle di Sky con formula televisiva rinnovata e uno show che si ispirerà ai grandi internazionali.

Verranno raccontate le eccellenze e le professionalità del nostro cinema, ma anche le emozioni e la magia che porta con sé. Si tratterà di un'operazione editoriale a 360°: la cerimonia sarà preceduta, accompagnata e seguita da produzioni speciali, approfondimenti e da una programmazione dedicata allo storico premio, ripercorrendone la storia, i film, le curiosità. 

Il premio è promosso dall'Accademia del Cinema Italiano, col contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo - Direzione Generale per il Cinema e d'intesa con Roma Capitale e gli Enti Promotori Agis e Anica. Presiede l'Accademia Gian Luigi Rondi che ha raccontato come l'accordo con Sky preveda, anche “una serie di manifestazioni celebrative per fare il punto sul cinema italiano di oggi, in modo da diffonderne tutti gli aspetti creativi e produttivi e per avvicinarlo sempre più favorevolmente alle attese del pubblico”. Andrea Scrosati, executive vice president programming di Sky Italia, ha sottolineato il “nuovo importante tassello di quel percorso di partnership con il cinema italiano costruito con convinzione in questi anni”. 


Il Festival di Sanremo fa il record di share nelle 5 serate, 49.6%. Soddisfatti in Rai per il saldo positivo di 6,5 mln tra costi e ricavi

La 66ª edizione ha registrato la share più alta degli ultimi 11 anni anche se, in valore assoluto, la media d'audience nelle 5 serate è stata di di 10.746.000 spettatori contro i 10.837.000 del 2015. Ma è l'effetto della riduzione del bacino tv. La finale non fa l'exploit per la concomitanza di Juve-Napoli, Conti replicherà la direzione artistica e la conduzione nel 2017, gli Stadio vincitori rinunciano a competere all'Eurovision Contest. Boom sui social

15 febbraio 2016 - Esultano in Rai per il trend della 66ª edizione del Festival di Sanremo che si è concluso nella notte di sabato (anzi all'1 e 33 di domenica) registrando una media nelle cinque serate di 10.746.000 spettatori, pari al 49.58% share: “la share più alta degli ultimi 11 anni” ha twittato il direttore di Rai 1 Giancarlo Leone. Nel 2015 la share era stata del 48.64% ma furono 10.837.000 gli spettatori in media della cinque serate: come ha spiegato il reparto ricerche di VivaKi Italia, un valore assoluto minore contro una share più alta avrebbe come motivo la contrazione del bacino televisivo, passato da avere 23,5 milioni di spettatori nel 2015 a 22,2 milioni del 2016. 
 
È stato record di share nella cinque settimane, ma non c'è stato record per la finale. Con ogni probabilità a causa della concomitanza di Juve-Napoli su Mediaset Premium e su Sky Sport, gli ascolti dell'ultima serata sono stati di 11 milioni e 223mila telespettatori, pari al 52.5% di share, inferiori alla finale del 2015 in cui seguirono 11 milioni e 843mila spettatori, pari al 54.21% di share. La prima parte della finale è stata seguita da 12 milioni e 695mila spettatori col 48.76% di share (contro 12 milioni e 763mila e il 50.77% di share nel 2015), la seconda parte ha avuto un'audience di 8 milioni e 712mila spettatori pari al 64.89% (contro 10 milioni e 8mila e il 65.48% nel 2015).
 
Esultano comunque in Rai, anche perché la 66a edizione è costata 15,5 milioni, 500.000 euro in meno rispetto al 2015 (vedi news del 16 febbraio 2015) e i ricavi sono stati di 21 milioni netti oltre a quasi un milione ricavato dalla vendita dei biglietti. Ergo, il saldo positivo è di 6,5 milioni, mentre "fino a tre anni fa i costi superavano i ricavi” (Leone). Intanto, Carlo Conti ha già sciolto la riserva e accettato di essere conduttore e direttore artistico anche per l'edizione
2017.
 
La vittoria è andato un po' a sorpresa agli Stadio con ‘Un giorno mi dirai’, brano quasi uguale a quello scartato l'anno scorso, tanto a sorpresa che il gruppo rinuncia a partecipare, come avrebbe diritto, all'Eurovision Song Contest, dove rappresenterà l'Italia la seconda arrivata Francesca Michielin (con 'Nessun grado di separazione').
 
Altro record: è
stato il Festival più social di sempre. I dati Nielsen - Social Tv relativi alle conversazioni sul Festival avvenute su Twitter nella giornata di sabato 13 segnalano che il numero di tweet è stato di 603.500 con 71.500 autori unici. Nelle cinque giornate della gara sono stati postati 2,7 milioni di tweet in Italia relativi al Festival, visualizzati complessivamente 230 milioni di volte. L’hashtag #sanremo2016 è stato citato sabato in 415.810 tweet, il 35% in più rispetto alla finale 2015 (il confronto è con l’hashtag #sanremo2015).  Per inciso, va detto che l'altro grande evento mediatico della serata, Juventus-Napoli, ha totalizzato su Twitter quasi 100.000 commenti postati da 27.000 autori. 
 
Leggermente inferiori i dati forniti dall'Osservatorio Reputation Manager che monitora l’andamento degli hashtag su Twitter e dell’interazione sulla fan page ufficiale Festival su Facebook. L'Osservatorio ha registrato complessivamente 2.114.417 tweet inviati da 357.737 utenti unici nelle cinque giornate, con un incremento del 10% in termini di tweet e del 5% di utenti attivi rispetto alla scorsa edizione. Nella finale sono arrivati 533.915 tweet da 67.439 utenti unici. Sulla Fan Page ufficiale di Facebook nella finale 7.000 fan hanno prodotto 21.623 post e commenti totali, e risposto ai post dell’amministratore della pagina con 223.996 like. 


Meno spettatori ma più share per la prima serata
di Sanremo, effetto della riduzione del bacino tv

L'esordio del Festival martedì 9 ha registrato 11,1 milioni di spettatori in media, il 5% in meno della prima serata 2015, ma con share del  49.5% contro il 49.3%. VivaKi Italia spiega che il trend è omogeneo al passaggio del bacino televisivo da 23,5 milioni di spettatori nel 2015 a 22,2 del 2016. L'unico break che ha avuto più ascolti dell'anno scorso è Sanremo1 alle 21.07. Vivace l'attività sui social, in particolare su Twitter che ha registrato 27mila interazioni

11 febbraio 2016 - Si sono felicitati in Rai per gli 11,1 milioni di spettatori ottenuti in media dalla prima serata del Festival di Sanremo su Rai 1, pari al 49.5% di share. Evitato per Carlo Conti l'effetto 'seconda edizione col medesimo conduttore' che di solito porta a una marcata flessione, come ben sanno Pippo Baudo che perse tra il 2007 e il 2008 oltre 3 punti di share così come poco meno ne perse Fabio Fazio tra il 2013 e il 2014. 
 
Il 5% in meno in valore assoluto rispetto all’esordio del 2015 (11,8 milioni) e per contro il leggero aumento di share (49.3% l'anno scorso) sono motivati, secondo il reparto ricerche di VivaKi Italia, dalla contrazione del bacino televisivo, passato da avere 23,5 milioni di spettatori nel 2015 a 22,2 milioni del 2016. Il picco di ascolti è stato raggiunto alle 21.48 con 15.158.305 (ingresso sul palco di Gabriel Garko). Per quanto riguarda i break pubblicitari, brilla Sanremo1 (ore 21.07), che registra un incremento di ascolti del 9% ma è stato l’unico break a guadagnare audience rispetto all’anno pre
cedente. 
 
La prima serata della 66esima edizione del Festival di Sanremo – rilevano ancora in VivaKi  - è stata caratterizzata da una significa attività sul web e soprattutto sui social, con commenti e ironie da parte del pubblico a casa, ma anche con condivisioni di selfie, scatti e stati d'animo da parte dei cantanti in gara, degli ospiti della serata e di volti noti, che hanno colmato Twitter, Facebook e Instagram di contenuti social. In  particolare. ha dominato la scena Twitter con la Twitter Emoji dedicata: sono state ben 27mila le interazioni sul social network (tra tweet, retweet, menzioni e hashtag) nell’arco della giornata del 9 febbraio, con un picco registrato in corrispondenza della messa in onda della trasmissione tra le 21 e le 23.  Su Facebook le interazioni sono state 173mila tra share, like e commenti. Su Instagram sono state rilevate oltre 31mila interazioni, comprensive di like e commenti. (Fonte per i social: VivaKi su dati Socialtools).
 

Per saperne di più..>>




Al via il 66° Festival di Sanremo con l'obiettivo
di una share media del 43% e di 22 milioni di ricavi per Rai

Obiettivi d'audience prudenti per la seconda edizione targata Carlo Conti dopo l'exploit 2015 del 48.6% di share. Sulla stessa linea, invece, costi e ricavi che porteranno alla Rai 6 milioni di utili. Unicredit, Suzuki, Orogel e Tim sono i main sponsor. La kermesse invade Rai Uno e Radio 2 ma non solo. Record di 1335 giornalisti, fotografi e operatori dell'informazione italiani e stranieri accreditati

9 febbraio 2016 - Parte questa sera al Teatro Ariston di Sanremo, con l'esibizione di dieci dei venti big, la prima delle cinque serate della 66a edizione del Festival della canzone italiana, evento clou annuale dell'entertainment targato Rai. La conduzione e la direzione artistica sono state confermate a Carlo Conti, forte dell'eccellente performance della scorsa edizione, definita allora dal direttore di Rai 1 Giancarlo Leone il “Festival più visto negli ultimi 10 anni”: share media complessiva del 48.6%, ben 10 punti in più di quanto in Rai si era dichiarato in obiettivo. 

Riuscirà Conti, affiancato dalla modella Madalina Ghenea, dalla talentuosa imitatrice Virginia Raffaele e dal fascinoso Gabriel Garko, a rifare il botto? Leone dichiara prudentemente che sarebbe soddisfatto di una share media del 43%, visto che negli ultimi anni gli ascolti hanno oscillato tra il 35% e il 48%. Quanto agli introiti, nel 2015 la Rai
aveva chiuso in attivo di 6 milioni, differenza tra i 15.7 milioni di costi e i 21 milioni di ricavi pubblicitari, oltre ai 700.000 euro da incassi da vendita dei biglietti. Anche quest'anno i ricavi attesi sono di circa 22 milioni (di cui 800mila dalla vendita di biglietti) e anche i costi si aggirerebbero di nuovo sui 16 milioni, di cui 5 per la convenzione tra la Rai e il Comune di Sanremo. Quindi, l'obiettivo è di replicare un utile di 6 milioni.

I main sponsor sono Unicredit e Suzuki (conferme) affiancati dalle new entry Orogel e Tim che hanno sostituito Conad e Wind. Avranno a disposizione spazi per spot da 45” e da 10”, billboard da 4” in apertura e chiusura, product placement nell'anteprima con Conti. Rai Pubblicità stima possano raggiungere i 500 milioni di contatti. La concessionaria avrà poi ricavi da pubblicità tabellare e iniziative speciali durante Festival e Dopo Festival (ritrasmessi il giorno dopo da Rai Premium) e durante Domenica In Sanremo su Rai 1. Il prezzo top è nella finale di sabato sera, in cui 15 secondi in prima o ultima posizione dei tre break principali delle 21.15, 21.45, 22.25 sarebbero quotati oltre 234mila euro. Per non parlare degli spazi su Rai Radio 2, che è la radio ufficiale del Festival, dell'offerta nei cinema del circuito Rai Pubblicità e di quella digital su www.sanremo.rai.it e su altri siti e app nonché sui social del gruppo. L'account Twitter ufficiale è @SanremoRai.
 
La kermesse invade anche i mezzi non Rai. Rtl 102.5 e Radio Zeta l'Italiana trasmettono in diretta dalla vetrina dello store Ovs in Corso Matteotti, accanto al Teatro Ariston, con vari appuntamenti e la presenza di artisti, ospiti e protagonisti, tra cui le interviste con quelli man mano scesi dal palco. In collaborazione con EarOne, Rtl proporrà la classifica dei protagonisti radiofonici del Festival. 

Radio 24 è già partita ieri con lo Speciale Sanremo che prevede, tra l'altro, Enrico Ruggeri che dall'interno del Festival racconta agli ascoltatori il suo Sanremo. Puntate speciali de Il falco e il Gabbiano di Radio 24 saranno dedicati agli anni più significativi di Sanremo. Tv Sorrisi e Canzoni dedica iniziative e contenuti speciali sul magaz
ine, sul sito Sorrisi.com e sui social ed è presente con una video station dedicata, punto di passaggio per artisti e ospiti della kermesse. Annalisa, Lorenzo Fragola, Rocco Hunt e Valerio Scanu vi racconteranno la loro vita sanremese e le emozioni oltre il palco. I lettori sono invitati a raccontare il proprio Festival con l'hashtag #ilmiosanremo. Tre numeri di Sorrisi sono dedicati al Festival, mentre il concorso ‘Vinci Sanremo 2016’ ha regalato a 10 lettori l'opportunità di assistere dal vivo alle cinque serate della manifestazione. Sono protagonisti nelle location e negli eventi collaterali anche Eva Tremila, Vip e il neonato Mio, media partner, tra l'altro, insieme a TvShow, della prima edizione di ‘SanremOpenTheatre- Il Festival degli Eroi’, concorso per giovani talenti del canto e della musica che si svolgerà in piazza degli Eroi.

Tg e rubriche saranno dedicate, ovviamente, anche dalle reti Mediaset e da Sky, giusto per citare i media principali, visto che praticamente tutti, grandi e piccoli, sono coinvolti. In effetti, come ha comunicato l'Ansa, sono ben 1.335 i giornalisti, fotografi e operatori dell'informazione italiani e stranieri accreditati per il Festival: un record assoluto. 


Viaggio nei generi letterari con BookLovers su Sky Arte HD

Il canale dà il via il 10 novembre in prime time alla cinquantesima produzione, dedicando otto puntate ai libri e alla lettura, creando inediti abbinamenti tra generi e città. Si parte con Milano città del noir. Conduce Giorgio Porrà

4 novembre 2015 - È dedicata ai generi letterari con un taglio del tutto originale la nuova produzione, la cinquantesima in tre anni di vita, di Sky Arte HD (al 120 e al 400 di Sky). Intitolata BookLovers, prevede otto puntate di 30-35 minuti l'una, in onda il martedì in prime time con partenza il 10 novembre, che costituiranno un viaggio ideale e reale tra storie, personaggi e autori che in diverse città italiane hanno utilizzato un genere letterario in particolare. L'autore del programma è Donato Dalla Valle e la regia è di Francesco Imperato.

Si parte con Milano città del noir (basti ricordare Giorgio Scerbanenco) per proseguire con Torino ispiratrice di romanzi psicologici e poi con Roma collegata alla fantascienza. Seguono Mantova musa di grandi graphic novel, Luino per la commedia, Bologna per i romanzi di formazione, Parma per la satira e Genova per il romanzo biografico. Abbinamenti all'apparenza singolari, che renderanno ogni settimana protagonista una città e un genere, di cui verranno letti brani scelti da romanzi significativi.
 
Conduce Giorgio Porrà che incontrerà in ogni puntata due ospiti: uno scrittore capofila del genere e un personaggio trasversale alla letteratura, ovvero un attore, un musicista o un artista che col genere ha sviluppato un suo personale rapporto. Nella prima puntata per Milano ci saranno Carlo Lucarelli e Gianni Canova. A complemento, rubriche d'approfondimento con curiosità e rimandi all'attualità che metteranno in luce il legame tra letteratura, cinema, arte e musica. 

Come spiega il direttore di Sky Arte HD Roberto Pisone, ogni puntata sarà occasione per costruire una serata a tema: al genere e alla città sarà dedicato in varie declinazioni anche il seguito della programmazione. 


XFactor 9 approda ai live “più spettacolari e interattivi di sempre”

Partono le 8 puntate in diretta, con i dodici talenti selezionati, verso la finale del 10 dicembre, col viatico di risultati record delle audizioni, pari a 1.47 milioni di spettatori medi a puntata su Sky con permanenza del 76%, secondo lo Smart Panel Sky. Tools tecnologici reperiti in giro per il mondo renderanno XFactor Arena il palco delle meraviglie. Il pubblico interverrà con l'app e le funzioni XF Power e Show 360°. I Duran Duran primi ospiti speciali del debutto

21 ottobre 2015 - Partono domani sera su Sky Uno Hd, dall'XFactor Arena al quartiere Feltre di Milano, i live di XFactor 9, promettendo di essere più spettacolari che mai, grazie a tools tecnologici reperiti in giro per il mondo che renderanno il palco “delle meraviglie” oltre che molto colorato (tra albe e tramonti), e anche più  interattivi di sempre. Gongola il management annunciando “eccezionali risultati d'ascolto” delle prime 6 puntate di audizioni e selezioni in cui i giudici Elio, Fedez, Mika e Skin hanno scelto ciascuno tre talenti da far scendere in campo. Con fonte (ad Auditel congelato) lo Smart Panel Sky, si dichiarano selezioni con 1.47 milioni di spettatori medi per le prime 5 puntate su Sky, che arrivano a 4.3 milioni nei 7 giorni su Sky Uno, Mtv e Cielo, e soprattutto con una permanenza media su Sky Uno da “finale di Champions League” del 76%. 
 
I dodici prescelti sono il siciliano che vive a Londra Davide Sciortino, il 34-enne allevatore di cavalli Massimo D'Alessandro e il cantautore pop rock barese Giovanni Sada per la categoria 'Over' con coach Elio; il duo Urban Strangers, il trio Moseek e la formazione a 4 elettro-pop Landlord per i gruppi, categoria che debutta quest'anno con coach Fedez;  la calabrese – sorpresa di questa edizione - Eleonora Anania, la sedicenn
e Margherita Principi suonatrice di dulcimer e pianoforte ed Enrica Tara da Terracina, ma di origini camerunense, per la categoria Under Donne capitanata da Skin; e infine il parrucchiere originario di Timosoara Leonardo Marius Dragusin, il cantanta pop di madrelingua inglese Luca Valenti e il cantautore romano Giacomo Runco con nome d'arte Eva (ispirato alla prima peccatrice e ad Eva Kant) per la categoria Under Uomini, appannaggio di Mika. 
 
“Livello altissimo quest'anno” concordano autori e management, tale da non poter fare previsioni. Sicuri invece “otto giovedì di grande show”, grazie alla presenza di star italiane e internazionali come i Duran Duran (domani), poi 5 Seconds of summer, Justin Bieber, Giorgio Moroder, Franco Battiato, Marco Mengoni, Jess Glynne. Gran finale il 10 dicembre al Mediolanum Forum di Assago, non si sa ancora se trasmesso o meno a reti di gruppo unificate.
 
Il pubblico potrà partecipare via web e via social, ad esempio utilizzando l'app X Factor 2015 (scaricabile anche su smartwatch) che prevede, tra le altre, la funzione XF Power, per 'accendere' lo show da casa e agire su effetti speciali e dettagli, diventando parte attiva dello show, e la funzione Show 360° per godere le performance della finalissima appunto a 360°. Nasce poi su Twitter l’emoticon ufficiale di X Factor mentre la Tweetcam permetterà di scattare immagini all’interno del teatro 'in remoto' e condividerle dal proprio profilo.  
 
E mentre Alessandro Cattelan, già al quinto anno di conduzione, annuncia di aver firmato anche per il 2016 e il 2017, si conferma la chiacchierata presenza di Aurora Ramazzotti per l'XFactor Daily (Sky Uno Hd dal lunedì al venerdì alle 19.45) per raccontare la vita quotidiana dei concorrenti, tra prove ed emozioni. L'Ante Factor alle 21 sarà condotto da Alessio Viola, volto di Sky TG24, che sarà anche accanto a Mara Maionchi nell'Xtra Factor post puntata. Ospiti fissi della trasmissione saranno gli Iron Mais, stralunata band bocciata all'ultima chance da Fedez ma amatissima dal web. 
 
Gli sponsor ufficiali dell'edizione 2015 sono Enel, Wind (new entry), Fonzies, Hugo Boss Parfums, Max Factor, Mistral, Olaz, Peugeot, Samsung e Yamaha Music. Media partner è Radio Deejay, partner musicale è il servizio di musica in streaming Deezer. 


Parte l'Isola di Adamo ed Eva, prima di 5 produzioni su DeeJay Tv,
la tv di Discovery con mission essere rilevante in prime time

Il dating show in cui si cerca l'amore presentandosi senza veli, condotto da Vladimir Luxuria, inaugura la serie di format generalisti alternativi con cui la rete si rivolge a un pubblico dinamico, al 55% femminile, più giovane del classico della tv generalista, in cerca di intrattenimento nuovo

7 ottobre 2015 - Parte questa sera alle 21.15 su DeeJay Tv (al 9 del dtt, al 145 di Sky e al 9 di Tivùsat) con i due primi episodi (6 le puntate) il dating show l'‘Isola di Adamo ed Eva’, prima di cinque produzioni originali con cui Discovery Italia riposiziona nella stagione autunno-inverno l'emittente acquisita in gennaio. Discovery le ha dato la mission di essere ‘rilevante’  in prima serata, visto che gli altri canali free del gruppo, come DMax e Real Time, fanno le migliori performance in altre fasce. Il taglio è generalista alternativo: d'appeal per un pubblico dinamico, più giovane del classico pubblico da tv generalista, in cerca di un intrattenimento nuovo. Come richiesto da Discovery Media, che gestisce la raccolta pubblicitaria, Deejay tv offrirà all'utente pubblicitario un pubblico alternativo: al 55% femminile e un po' più maturo, laddove Real Time ha il 75% di donne e DMax il 65% di uomini e la fascia
di età elettiva è quella tra i 20 e i 49 anni.
 
‘L'isola di Adamo ed Eva – Alle origini dell'amore’ , condotto con taglio ironico da Vladimir Luxuria, è prodotto da Endemol Italia su format internazionale, già andato in onda in Francia, Olanda, Polonia, Danimarca, Spagna, Germania, Olanda, Finlandia, Norvegia. A Mijet, isola croata di fronte a Dubrovnik, si cerca l'amore presentandosi nudi, nel vero senso della parola, senza sovrastrutture. Un uomo e una donna si corteggiano ma poi vengono messi alla prova dall'arrivo di un nuovo/a
pretendente (in alcune puntate anche 2, per schermaglie a 4) che minerà l'armonia. Alla fine il protagonista della puntata sceglierà chi tenere con sé ma il prescelto/a potrà decidere se ricambiare o meno l'interesse. Va da sé che al 9 del telecomando, alle 21.15, il pubblico venga protetto da nudità complete con strategici siparietti pixelati. Alle 23.05 segue poi ‘L'isola di Adamo ed Eva XXX’, versione meno censurata, ma fino a un certo punto, del programma. Il dating show vive anche sui social, mentre l'hashtag per twittare durante la puntata è #lisoladiadamoedeva.
 
Discovery Italia ha saggiato quest'estate l'appeal del format mandando in onda episodi delle versioni straniere che in media hanno fatto 300.000 spettatori e l'1.4% di share. Attualmente nelle 24 ore DeeJay Tv è già all'1% di share, senza aver tolto audience alle altre reti del gruppo, e vanta una permanenza media di 35 minuti. La seconda produzione, ‘Hotel da incubo’ con lo chef Antonello Colonna, partirà domenica 25 ottobre in prime e durerà 6 puntate, per far poi spazio dal 6 dicembre al game show condotto da Costantino della Gherardesca ‘Trash or treasure’ (il nome inglese potrebbe cambiare), un format a metà strada tra Ok il prezzo è giusto e Affare Fatto. Il 5 novembre partirà in prime la fiction del giovedì ‘Tut’ sulla vita di Tutankhamon con Ben Kinsley. L'unica produzione in seconda serata sarà il docu-reality Boats (Based On A Truth Story) a base di reportage d'autore condotti da Pif, on air dal 9 novembre alle 23 per via delle tinte forti. 


Arriva su FoxLife ‘Il contadino cerca moglie’,
mix di factual, dating ed entertainment

Simona Ventura conduce dal 6 ottobre al 114 di Sky la nuova produzione originale realizzata per Fox International CI da Fremantlemedia Italia con GroupM Entertainment, adattamento del format internazionale Farmer Wants a Wife già in onda in 30 Paesi. Trenta aspiranti mogli si contenderanno 5 scapoli d'oro campagnoli, pronte ad adottarne lo stile di vita bucolico. Il programma vive anche sul web e su Radio Italia che è radio ufficiale, ed è promosso da una campagna ideata dal team creativo interno di Fox. La Ventura medita uno spin off sul ripopolare le campagne

25 settembre 2015 - Definito da Fabrizio Salini, ad di Fox International Channels Italy, il “fiore all'occhiello” della nuova stagione televisiva del gruppo, parte il 6 ottobre su FoxLife al 114 di Sky (e va anche su Fox) il martedì alle 21 la nuova produzione originale ‘Il contadino cerca moglie’ realizzata per Fox International CI da Fremantlemedia Italia in collaborazione con GroupM Entertainment. Mix di factual e di entertainment con uno spruzzo di dating (genere sparito dai teleschermi italiani da un bel po'), è l'adattamento del fortunato format internazionale Farmer Wants a Wife, partito nel 2001 in Uk e andato in onda in 30 Paesi, a cui si devono negli anni e nelle varie edizioni 72 matrimoni e la conseguente nascita di 135 rampolli.
 
Protagonisti sono 5 contadini single, proprietari delle aziende agricole in cui lavorano, diversi per età, provenienza geografica e temperamento e tutto sommato scapoli d'oro, che vanno alla ricerca di una compagna con cui condividere la vita. Lo scorso aprile in una puntata iniziale propedeutica ne erano stati presentati 8 e il ‘recruitment’ delle controparti era
proseguito con spot in onda sui Fox e Sky e annunci sui siti e sulle pagine social di FoxLife. 
 
I 5 che hanno ricevuto il maggior numero di richieste di incontro da parte di aspiranti mogli si mettono ora in gioco per 9 puntate. Ne arriveranno 6 per ciascuno, da loro scelte sulla base delle lettere inviate. Nella prima puntata (fase dating), ognuno ne dovrà selezionare 3 che andranno a cimentarsi in fattorie che, per loro fortuna, appaiono - anche per motivi scenici - ambienti bucolici da cartolina, a cui alcune aspiranti approdano incautamente con tacco dodici e abito sexy. Da 3 diventeranno 2, poi ci sarà nell'ultima puntata la scelta finale. E qui, diversamente dal format internazionale, ci potrà essere l'amara sorpresa del rifiuto della prescelta, perché come sottolinea la Ventura “l'ultima parola, come sempre nella vita, spetta alla donna”. 
 
La messa in onda di Il Contadino cerca moglie su FoxLife è preceduta e accompagnata da una serie di iniziative sui social e sul web come Piàntali, miniserie per il web in 3 episodi da 2' che racconta in maniera ironica le tragicomiche esperienze sentimentali delle donne di città. Informazioni e aggiornamenti sul programma saranno sul sito www.contadino.foxlife.it e sui profili social su Facebook, Twitter, Instagram. Hashtag dedicato è  #contadinocercamoglie. Radio ufficiale è Radio Italia con un collegamento ogni martedì col programma di Mirko Mengozzi (20 – 22), una pagina dedicata sul sito radioitalia.it e un evento ieri sera presso lo #SpazioSky alla Darsena di Milano in cui Mengozzi ha intervistato la Ventura
 
Supporta il  lancio dei nuovo programma  una campagna con claim 'Su‘FoxLife coltiviamo l'amore’, ideata e realizzata dal team creativo di Fox International Channels, e pianificata
su stampa, radio, web, canali Fox e Sky. Il promo, girato in un borgo di campagna, si ispira al musical: un gruppo di spose, capitanato dalla Ventura, sconvolge a passo di danza la tranquilla vita rurale sull'onda di ‘Honey, I'm good’ di Handy Grammer (Sony Music Entertainment). Il programma non prevede né Product Placement né Iniziative speciali ma solo classiche inserzioni.

Incantata dai luoghi frequentati per realizzare il docu-reality, Simona, col beneplacito del management di Fox, sta già sognando uno spin-off tutto dedicato alla campagna che avrebbe come tema il ripopolamento di case e borghi abbandonati e la vendita delle produzioni agricole in e-commerce.


Striscia la notizia 28-esima edizione è ‘la voce dell'invadenza’,
debutto da Cologno con la coppia Hunziker-De Filippi

La formula è collaudata e nella sostanza non cambia, ma ci saranno più turnover alla conduzione. Dopo due giorni arriverà la Venier, poi Gerry Scotti e poi de Sica. Si annunciano cinque new entry tra gli inviati e pezzi forti come Ballantini che farà il verso a Marino e alla Merkel. Si trasmette da un nuovo studio a Cologno Monzese, le veline sono confermate per il terzo anno, il Gabibbo canta la nuova sigla ‘Il Califfato della Finanza’

21 settembre 2015 - Riparte questa sera ‘Striscia la Notizia’, il tg satirico di Canale 5 che in questa 28-esima edizione si fregia del sottotitolo ‘La voce dell'invadenza’, fa cantare al Gabibbo una nuova sigla che irride al mondo della finanza (‘Il Califfato della Finanza’) e viene trasmesso da un nuovo studio a Cologno Monzese e non più da quello storico a Milano 2. “Porteremo colore e divertimento in questo luogo di sfiga - ha esordito l'autore e patron Antonio Ricci, presentando le novità del tg satirico alla stampa –, q
Maria De Filippi
ui potremmo trovare materia per mesi e mesi per i nostri servizi, da I Nuovi Mostri a Spetteguless a Fatti e Rifatti”. Intanto, nelle retrovie del nuovo studio è stato installato un piccolo museo di Striscia, con materiale che aveva fatto parte dell'installazione alla Triennale nel 2007 per il ventennale della trasmissione.
 
La formula è collaudata e nella sostanza non cambia, ma ci saranno più turnover alla conduzione e volti nuovi tra gli inviati. Il debutto vede Michelle Hunziker affiancata per due giorni da Maria De Filippi, che già si cimentò nel 2005 per una settimana e che ora dichiara: “Ricci mi ha chiamata e non potevo dire di no, Striscia la notizia è per noi di Mediaset quello che per chi lavora in Rai è
Antonio Ricci
; Sanremo”. Poi si succederanno, per due giorni ciascuno, Gerry Scotti (anche lui già rodato) e Mara Venier. Per un mese accanto a Michelle ci sarà Christian De Sica e per un altro mese Ezio Greggio. La coppia storica Ezio Greggio-Enzo Iachetti si riformerà tra dicembre e gennaio, per nemmeno due mesi per via degli impegni teatrali di Iachetti (che un po' irritano Ricci), poi per un paio di settimane ci saranno di nuovo Greggio e Hunziker e infine partirà la lunga conduzione dall'8 febbraio al 4 giugno di Ficarra e Picone. 
 
Confermate per
Christian De Sica e Michele Hunziker
il terzo anno le veline Irene e Ludovica, ma con la nuova coreografa Manuela Bertolo, ci sono 5 new entry tra gli inviati, selezionati tra coloro che hanno inviato al programma servizi dimostrativi: Eugenio il Genio (Giancarlo Macorano), Pinuccio (Alessio Giannone), Rajae Bezzaz, Chiara Squaglia e Riccardo Trombetta. Si affiancheranno al gruppone degli storici che rifaranno i loro pezzi forti, tra cui le imitazioni di Ballantini che farà il verso anche al sindaco Marino e alla Merkel. Mancheranno solo Fabio e Mingo, radiati (e anche indagati) per aver confezionato alcuni servizi bufala: “Si sono difesi sostenendo di essere attori – ha detto Ricci –, ma è per evitare di finire nel penale. Per noi è stato un episodio doloroso e inspiegabile, come persone care che si mettano ad avere comportamenti irrazionali. Penso che il pubblico abbia apprezzato il fatto che non abbiamo insabbiato ma denunciato il fatto”.
 
Ci sarà ancora la guerra ad Affari Tuoi? “E una polemica perfetta per far parlare i social – dice R
icci –. Affari tuoi è un affare per noi, però è diseducativo, elargisce cifre ingenti a chi non deve dimostrare di saper fare qualcosa. Siamo più noi servizio pubblico che loro. Comunque, abbiamo pubblici diversi, sul target commerciale 15-64 il nostro vantaggio è incolmabile”. E su Masterchef un'altra stoccata: «E' un format che impone la presenza di figuranti e di non dilettanti per portare avanti il racconto, altrimenti non ci sarebbe spettacolo. Per chi è del mestiere è facile intuire chi vincerà, lo si capisce dalla narrazione».


Torna XFactor su Sky Uno Hd all'insegna
di una XRevolution, più internazionale e più interattivo

La quinta edizione targata Sky cambia metà della giuria affiancando Elio e la pop star inglese Skin a Fedez e a Mika, porta a 6 le serate di selezione e le manda in differita anche su Mtv oltre che su Cielo e introduce le band tra i concorrenti. Confermati Cattelan alla conduzione e la Maionchi per Xtra Factor. In progetto novità interattive nelle 8 puntate live. Dieci gli sponsor ufficiali, Radio DeeJay è media partner e Deezer partner musicale

9 settembre 2015 - XRevolution, così lo presentano i promo di lancio realizzati in Sky e on air sui canali del gruppo: riparte domani sera per andare in onda ogni giovedì alle 21.10 XFactor su Sky Uno Hd (trasmigrato dal 108 al 105, vedi news collegata) ma con novità essenziali. La quinta edizione su Sky inserisce in concorso le band, prima assoluta nella storia del format nel mondo con l'auspicio di fare da battistrada, vista anche l'approvazione del guru creatore Simon Cowell. La giuria cambia per metà e diventa tutta di artisti della musica e più internazionale: via Morgan e la Cabello, al fianco di Fedez e Mika torna Elio e debutta la pop star inglese Skin degli Skunk Anansie che cercherà di farsi capire nel suo 'britalian' (però continua a studiare e medita di comprar casa a Milano) e che certamente darà un'iniezione di vitalità aggressiva al programma
. E ancora. Una serata in più per le selezioni che diventano 6 e saranno trasmesse anche su Mtv e Cielo in differita di 72 ore e novità interattive nelle 8 puntate live, riservate solo agli abbonati pay, al via il 22 ottobre. Ci sarà la finale a 3 reti congiunte? Per ora non è dato di sapere.

Tra le conferme ci sono quella di Alessandro Cattelan alla conduzione e di Mara Maionchi quale conduttrice dell'Xtra Factor, programma di commento a caldo delle puntate live, e che apparirà per la prima volta anche nelle puntate dedicate ai casting. Nessuno accenno per ora alla presenza di Aurora Ramazzotti che dovrebbe curare il daily durante i live. 

X Factor riparte dai numeri del 2014: 1,2 milioni di spettatori medi a puntata (+45% rispetto al 2013), 2 milioni di spettatori per la finalissima su Sky Uno e Cielo e uno share cumulato che ha sfiorato l'8%. Con 2,4 milioni di tweet si è confermato lo show più twittato e discusso della tv. Dati perfino sottostimati, visto che, come fa notare Andrea Scrosati, executive v.p. programming di Sky Italia, non tengono conto della fruizione non lineare: “Invece la fruizione di XFactor è multipiattaforma. Pensate a quanta parte di emozioni e di Paese si perde tenendo dell
a sola visione lineare rilevata da Auditel”. XFactor si segue anche su Sky Go e Sky On Demand (200 milioni i download negli ultimi due anni) e quest'anno sarà disponibile anche su Sky Online. Ci si aspetta di migliorare la performance? Scrosati dichiara diplomaticamente che l'obiettivo di una pay tv è di soddisfare pienamente gli abbonati e che ricerche interne hanno verificato che con XFactor e gli altri talent questo successo viene raggiunto. Non a caso è stato da poco siglato con il produttore Fremantle Media l'accordo di estensione dei diritti in esclusiva fino al 2018, così come per Italia's Got Talent.

Gli sponsor ufficiali dell'edizione 2015 sono Enel, Wind, Fonzies, Hugo Boss Parfums, Max Factor, Mistral, Olaz, Peugeot, Samsung e Yamaha Music, presenti con modalità innovative e multipiattaforma nei live, ciascuna differente dall'altra. Media partner è Radio Deejay, rapporti di collaborazione sono attivati con i principali social (Twitter, Instagram, Facebook, Pinterest), mentre per il terzo anno consecutivo partner musicale è il servizio di musica in streaming Deezer.


Seicento ore di animazioni spin off dei film di DreamWorks su DeAKids

Grazie all'output deal siglato tra DreamWorks Animation Television e De Agostini attraverso l'agente Planeta Junior, sono in partenza le prime due serie, ‘Tutti pazzi per Re Julien’ con coach Francesco Facchinetti in settembre e  ‘Le Avventure del Gatto con gli Stivali’ con coach lo youtuber Francesco Sole in  ottobre. Ventisei episodi ciascuno, che vanno ad arricchire l'offerta pay di De Agostini per ragazzi e bambini su Sky. In lancio con campagna di Yes I Am

4 settembre 2015 - De Agostini Editore trasmetterà a partire da questo mese su DeAKids (il canale pay per bambini e ragazzi visibile al 601 di Sky) 600 episodi di contenuti forniti in esclusiva in prima visione per l'Italia da DreamWorks Animation Television, legati a film di successo della casa di produzione americana fondata da David Geffen, Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg. Gli spin off arrivano grazie all'‘output deal’ siglato attraverso Planeta Junior, l'agente del gruppo Planeta e De Agostini che ha anche acquisito i diritti di licenza per l’Europa mer
idionale e centro-orientale.
 
La prima serie di 26 episodi, in anterprima il 5 settembre alle 20 e poi trasmessa dal 14 settembre dal lunedì al venerdì alle ore 19.55, è ‘Tutti Pazzi per Re Julien’ con protagonista il lemure festaiolo personaggio del
film Madagascar. A ottobre partiranno invece i 26 episodi de ‘Le Avventure del Gatto con gli Stivali’, in anteprima il 10 alle 20 e poi dal 19 ottobre dal lunedì al venerdì alle ore 19.55, incentrata sul felino spadaccino tra i protagonisti di Shrek. Due personaggi dello spettacolo italiani, Francesco Facchinetti per Re Julien e lo youtuber Francesco Sole per Il Gatto con gli Stivali, avranno il compito di accompagnare ragazzi e famiglie alla visione delle due serie animate, il primo con 5 videoclip da 6/7 minuti introduttive ai primi episodi e cantando la sigla, il secondo con 5 videoclip introduttive e altre cinque per il web, ovvero per www.supertv.it, il sito internet ufficiale di Super!, il canale in chiaro sul dtt per ragazzi di De Agostini.
 
“L'arrivo sul canale di queste serie, doppiate in italiano, arricchisce la nostra offerta sulla piattaforma Sky” dichiara Massimo Bruno, direttore dei canali televisivi di De Agostini Editore, annunciando  l'arrivo in futuro di altre serie. Per il lancio di queste prime due è on air dal 28 agosto, in previsione del back to school, una campagna ideata da Yes I Am, che prevede outdoor dinamica a Milano e Roma, maxi affissioni, radio e web oltre a promo su Super!, DeAKids e
Massimo Bruno,
direttore canali tv
De Agostini Editore
DeA Junior e operazioni di cross promotion sui canali di Sky, compreso Cielo in chiaro sul dtt. 
 
Il network kids di De Agostini vanta ascolti in crescendo e raccolta pubblicitaria “in linea con le previsioni”.  I due canali pay DeAKids e DeA Junior, in concessione a Prs, sono cresciuti  del 10% tra agosto 2015 e agosto 2014 a 550mila contatti giornalieri. Quanto al canale in chiaro Super!, in concessione a Mtv Pubblicità, la crescita è del 24% sul target 4-14 per 60mila spettatori medi al giorno e una media del 6,2% di share sui bambini. In estate ha anche registrato un peak dell' 1% di share  sul target individui. 


Per La7 d'autunno un talent comico a target giovane
e il rafforzamento del pomeriggio

All'insegna di 'fedele a se stessa ma aperta ai cambiamenti', la rete generalista di Cairo conferma 6 prime serate su 7 ma annuncia l'arrivo dell'intrattenimento con 'Il boss dei comici' e di un contenitore a target femminile da lunedì a venerdì nel primo pomeriggio. Da novembre arriva in chiaro la fiction 1992 mentre come serata evento ci sarà la terza finale di Miss Italia. Parola d'ordine, rinvigorire l'audience e la raccolta nel secondo semestre dopo un primo deludente

13 luglio 2015 - L'arrivo in autunno dell'intrattenimento in prime time col talent 'Il boss dei comici' per allargare al target giovane e un contenitore di storie di attualità, cronaca, costume nel primo pomeriggio, dal lunedì a venerdì dalle 14.30 alle 16.30, condotto da Tiziana Panell
Tiziana Panella
a
(volto di Coffee Break al mattino) per rafforzare il day time e allargare al pubblico femminile: sono i due àtout su cui La7 punta per un secondo semestre migliore del primo che ha dato qualche delusione al patron Urbano Cairo. Rispetto al 2014 l'audience nel totale giorno è scesa da 3.25% al 3.15% mentre la raccolta pubblicitaria ha performato peggio della media del mercato, con un calo non dichiarato ma stimabile intorno al 10%. 
 
Tuttavia, alla presentazione del palinsesto autunno-inverno, Cairo ha sottolineato come La7 sia stato l’unico canale generalista cresciuto dopo l'arrivo del digitale terrestre nel 2010, quasi un  punto in più laddove le tre reti Rai sono passate dal 41% al 30% attuale e quelle Mediaset dal 40% al 27%. Negli ultimi 10 anni La7 ha raddoppiato l'audience in prime time dove ha raggiunto il 4% di share, mentre La7 e La7d insieme raggiungono il 3,6% nella giornata e il 4,4% in prime time. Insomma, a due anni dall'acquisizione, Cairo non vende (“non ci penso nemmeno, far tv mi diverte”) e riafferma la formula solo con qualche correttivo, presentando la prossima stagione all'insegna di “fedele a se stessa ma aperta ai cambiamenti”-
 
Il pezzo forte resta il prime time dove le due colonne portanti sono Crozza nel Paese della Meraviglie il venerdì e Dimartedì con Giovanni Floris che, partito in sordina, nelle ultime 4/5 puntate della scorsa stagione ha registrato il martedì una distanza d'audience minima da Ballarò e concluso l'ultima con quasi il 6.5%. Il mercoledì tornerà La Gabbia con Gianluigi Paragone (giorno dove ha performato meglio che di domenica superando il 4%) mentre il sabato sarà a base di film e telefilm. Ancora da decidere per i tre giorni restanti.  Corrado Formigli con Piazzapulita potrebbe occupare il giovedì o il lunedì.  'Il boss dei comici', la nuova trasmissione di Nando Mormone (Made in Sud) con le sfide tra comici emergenti guidati da coach e giudicati da un boss (uno sarà  Alessandro Siani), potrebbe occupare il giovedì o la domenica. Il medical drama Grey's Anatomy di conseguenza andrà on a
ir la domenica o il lunedì.  
 
Tra le novità, si annuncia da novembre l'arrivo in chiaro di 1992, la serie con Stefano Accorsi su Tangentopoli andata in onda su Sky: cinque serate impegnative con doppia puntata, precedute da una presentazione da parte di Enrico Mentana e poi seguite da un dibattito. In primavera ci sarà un nuovo programma di Myrta Merlino, dopo il successo dell’Aria che tira al mattino (fascia in cui è  confermata insieme a Omnibus e a Coffee Break). 
 
Tra le serate evento, c'è il ritorno per terzo anno consecutivo della finale di Miss Italia, domenica 20 settembre, con conduzione di Simona Ventura e una giuria inedita di cui farà parte Vladimir Luxuria. L'access prime time resta appannaggio di Lilly Gruber con Otto e mezzo (“chi ha qualcosa da dire agli italiani non può non andarci” sostiene Cairo). Mancheranno, invece, tre volti della rete quali Daria Bignardi (le Invasioni Barbariche dopo 10 anni hanno registrato un calo di interesse forse anche per la lunghezza), Giulia Innocenzi per cui per ora non c'è un progetto e, come annunciato da tempo,  Michele Santoro che si è preso una 'pausa d'attesa' e forse tornerà come autore invece che come conduttore. 
 
Questo di massima il progetto, a meno di decisioni tattiche di contro-programmazione. Intanto una concorrenza generalista vicina sul canale 8 (ci sarebbe l'interesse di Sky alle frequenze di Mtv) e sul 9 (Deejay diventa generalista con Discovery) non scompone Cairo: “Se attireranno spettatori, se ne avvantaggerà anche il canale 7, arriverà maggior traffico”. Quanto al digitale, c'è l'intenzione di sviluppare la raccolta: va in questo senso l’accordo con Google per la vendita di spazi pubblicitari del canale de La7 su YouTube annunciato a giugno. Un'altra fonte di introiti sarà il Mux di 24,4 megabyte, acquisito per 31.9 milioni, di cui soli 7.2 servono per  La7 e La7d: “Potremo utilizzare i restanti 15,2 per nuovi canali nostri, aumentando la nostra share complessiva, ma potremo anche affittarli”.


Explora HD punta sul genere ‘funeral’
con la docu-fiction del venerdì ‘Morti e Stramuorti’

Il canale factual del gruppo De Agostini Editore vara la seconda produzione originale italiana mettendo in scena il business dell'estremo saluto, che assume un aspetto 'normale' fin ironico trattato alla napoletana, seguendo le attività di chi lavora nella storica impresa familiare di pompe funebri Dell'Anno. A supporto un minisito, promo sui canali Sky e un concorso che mette in palio un viaggio tra chi è arrivato 'stanco morto' all'estate

11 giugno 2015 - Forte del gradimento per la puntata test di un'ora andata in onda in dicembre nonché per la serie inglese della Bbc ‘La morte ti fa boss’ (‘Funeral Directors’), il genere 'funeral' trova maggior spazio su Explora HD, il canale factual di De Agostini Editore a target maschile, che dal 1° dicembre ha preso il posto al 415 di Sky di DeASapere Hd (vedi news del 28 novembre 2014). Il business dell'estremo saluto assume un aspetto 'normale' fin ironico trattato alla napoletana, seguendo le attività dei personaggi che lavorano nella storica impresa familiare di pompe funebri Dell'Anno, già presente in Gomorra la serie. La docu-fiction 'Morti e Stramuorti' parte domani con otto puntate di due episodi di mezz'ora, on air ogni venerdì sera alle 21: produzione originale italiana di Kimera che affronta l'ultimo tabù sul filo dell'ironia ma sempre con il rispetto che la materia richiede. 

I Dell’Anno sono dei funeral planners che pensano proprio a tutto, facendo il loro lavoro con serenità e professionalità mostrando che gli 'schiattamuorti' in fondo sono lavoratori come tutti gli altri. L’azienda è gestita da Umberto coi tre figli Francesco, Massimo e Mirko, coadiuvati da Federico (O’ Caposquadra), Lello (O’ bello), Gabriele (O’ Sciupafemmine), Aziz (O’Marocchino) e Roberto (O’Stagista). Gli episodi, resi possibili dal consenso dei parenti dei defunti, mostrano chicche come la preparazione del funerale di un commerciante di fuochi d’artificio, un funerale in gondola organizzato a Venezia, il  funerale affollatissimo di un autore di canzoni neomelodiche napoletane, escursioni al Cimitero Monumentale di Napoli per vedere le tombe di Totò e Caruso. Ma ci saranno anche momenti da tifosi allo Stadio San Paolo per le partite del Napoli e i piatti della tradizione napoletana come il casatiello, il gateau di patate e la pizza con la scarola.

Online c'è il minisito dedicato http://mortiestramuorti.exploratv.it/ con news e curiosità. Proporrà, con obiettivo la fidelizzazione alla serie, di partecipare, rispondendo a domande sui contenuti, al concorso che mette in palio una vacanza per due tra chi è arrivato all'estate 'stanco morto'. La serie è promossa anche da una campagna sui canali di Sky ideata dall'agenzia di riferimento Yes I Am. 

Explora HD continuerà a puntare sulle produzioni originali. Dopo Morti e Stramuorti, seconda produzione originale, si annuncia in arrivo dal 4 agosto ogni martedì alle 21 'The Fishing Beauty' con la modella di intimo Maria Elena Monego appassionata di pesca sportiva. Il riposizionamento di un canale – spiegano dal gruppo – presenta sempre delle difficoltà, ma già ha portato a una crescita degli ascolti dell'ordine del 50%. La gestione della raccolta è affidata a Prs. 


Rocco Tanica sperimenta su Rai2
con RazzoLaser tra satira e critica sociale

Parte questa sera in seconda serata il nuovo magazine settimanale a base di interviste surreali condotte dal tastierista di Elio e le Storie Tese con co-conduttrice Angela Rafanelli e il supporto della ‘sensitiva Clorecs’ per quelle dall'aldilà. A contorno, siparietti, qualche stupidata presa da internet e rubriche improbabili

8 giugno 2015 - Rai2 continua nella sperimentazione di nuovi linguaggi e nuovi format, soprattutto in seconda serata “la più delicata quanto a contro-programmazione”. La nuova sperimentazione è affidata a Rocco Tanica di Elio e le Storie Tese (alias Sergio Conforti) che, insieme ad Angela Rafanelli, conduce il lunedì da questa sera ‘RazzoLaser’, cinque puntate di satira, attualità, critica sociale e costume. Il tutto alla maniera di Tanica che comincia con l'annunciare: “Sarà il magazine un po' brutto di Rai2”. In che senso? “Gli standard di rete sono superiori alla media generale, noi li faremo pareggiare”.
 
Il nuovo magazine settimanale è fatto di un gruppetto di interviste surreali a personaggi noti dello spettacolo e della cultura. Questa sera ci saranno Luca Argentero e Neri Marcorè. Ma anche, grazie all'intervento della sensitiva Clorecs, il principe De Curtis ovvero Totò, Adamo (quello biblico), Steve Jobs (con uno speech ‘epocale’) e Michael Jackson (intervistato sulle faide familiari per l'eredità) per la rubrica ‘Le opinioni del sepolcro”. A contorno siparietti come il meteo e ‘stupidate’ prese da internet. Rafanelli avrà il compito di introdurre i protagonisti, commentare i fatti della settimana e coordinare le rubriche tra cui si annunciano ‘Il misterioso mondo della medicina’, il mistico ‘Razzi di luce’ e ‘un servizio al ministero delle Infrastrutture’.

Gli autori sono lo stesso Tanica insieme ad Andrea Boin mentre la regia è di Caterina Pollini. Ogni puntata dura 40/45 minuti tranne quella d'entrée di questa sera che arriverà a 50.




Il crime drama Power al via su Axn Hd,
canale di Sony Pictures su Sky

Il canale a target maschile dedicato all'azione trasmette in prima visione il crime drama ambientato a New York nel mondo del lusso, della malavita, dei night-club e della droga. A settembre la seconda stagione. A supporto del lancio una campagna con pianificazione a cura di Mindshare in tv, radio e web

26 maggio 2015 - Debutta questa sera alle 21 in prima visione su Axn Hd, il canale di Sony Pictures Television a target maschile dedicato all'azione (al 122 su Sky), Power, crime drama originale di Starz Worldwide Distribution, prodotto in associazione con Cbs Television Studios. Lanciato nel 2014 in Usa, è ambientato a New York nel mondo del lusso, della malavita, dei night night-club di Manhattan e dello spaccio di droga.

Con la produzione esecutiva di Curtis ‘50 Cent’ Jackson e Courtney Kemp Agboh, racconta le vicende di James ‘Ghost’ St. Patrick, interpretato da Omari Hardwick, controverso personaggio dalla doppia vita: bella moglie, attico a Manhattan e il night-club Truth, ma coinvolto in un cartello della droga al servizio dei ricchi e potenti della città. Quanto tenterà di di trasformare il suo locale in un business di successo senza l'aiuto del denaro della droga, metterà a rischio tutta ciò a cui tiene di più. Nel crime drama hanno un ruolo la musica rap e R&B: Curtis ‘50 Cent’ Jackson, che prima che attore e produttore è un rapper, ha contribuito alla colonna sonora con ‘Big Rich Town’ che fa da sigla alla serie. 

La seconda stagione di
Power arriverà su Axn Hd a settembre. È il secondo prodotto di Starz lanciato in Italia dopo Black Sails, la serie spartiacque nell'immaginario piratesco, di cui Axn Hd ha trasmesso le prime due stagioni in prima tv assoluta e si prepara a trasmettere la terza a gennaio in contemporanea con gli Usa.

A sostegno del lancio di Power in Italia, è prevista  una campagna con pianificazione a cura di Mindshare in tv, radio e web. In tv sono in onda spot da 30” e 15” sui canali Sky, oltre ai formati speciali su Sky Sport F1 (Gran Premio di Monaco) e Moto GP (Gran Premio d'Italia). Per la radio è prevista una programmazione tabellare, oltre a citazioni e diari su Radio 105 e Radio Deejay. Sul web appaiono formati video e skin su siti come Gazzetta.it, Youtube e BestMovie.it, e display su circuiti Rcs e Smartclip. Inoltre, un piano editoriale coinvolge Facebook e Twitter per coprire le fasi teaser, lancio e ongoing, col supporto anche di video sponsored su Facebook e promoted tweets. Ogni martedì sera il pubblico di Axn potrà commentare live ogni episodio con l'hashtag #PowerITA sui profili del canale di Facebook e Twitter. 


Sky produce all'italiana, on air due nuove storie de I Delitti del BarLume

Sempre più produzioni originali per Sky. Parte su due serate su Sky Cinema Hd la seconda serie di episodi tratti dai romanzi di Marco Malvaldi, ambientati sul litorale toscano, prodotti da Palomar di Carlo Degli Esposti, con la nuova regia di Roan Johnson. In corso di produzione la terza serie, così come Gomorra3, mentre sono in scrittura ‘1993’ e la coproduzione Diabolik- La serie. Questa estate Paolo Sorrentino inizierà a girare Il papa giovane

11 maggio 2015 - Sky spinge il pedale sulle autoproduzioni originali made in Italy. Questa sera e lunedì 18 su Sky Cinema 1 Hd (nonché su Sky On Demand e Sky Online) tornano ‘I delitti del BarLume’, gialli-commedia ambientati sul litorale della provincia toscana che strizzano l'occhio ad Amici miei, capaci nei primi due episodi di fare meglio (oltre 517mila spettatori medi e 57% di permanenza per ‘Il Re dei giochi’) di grandi prime tv americane come 'Hunger Games' o ‘Prometheus’ e di blockbuster italiani come ‘Vacanze di Natale a Cortina’. 

Anche i due nuovi episodi sono tratti da altrettanti romanzi di Marco Malvaldi: La Tombola dei Troiai, racconto compreso nell'antologia Regalo di Natale, e La briscola in cinque, entrambi editi da Sellerio. Li ha realizzati la Palomar, casa di produzione di Carlo Degli Esposti (a cui si deve anche il Montalbano televisivo) con la regia di Roan Johnson, anglo-pisano che vive a Roma. Ritornano in scena il ‘barrista’ Massimo Viviani (Filippo Timi), investigatore a tempo perso con l'aiuto di quattro vecchietti ficcanaso e pasticcioni, dediti alla briscola e alla cedrata. Nel gruppetto c'è la new entry di Alessandro Benvenuti che torna dopo tanto teatro alla tv nel ruolo di Emo, l'ex suocero terribile di Massimo. Il fronte femminile è rappresentato dal commissario Vittoria Fusco (Lucia Mascino) e dall'avvenente cameriera Tiziana (Enric
a Guidi), in competizione su Massimo. Il sito ufficiale è skycinema.it/idelittidelbarlume.

Già è in corso di produzione la terza serie di episodi. Così come per Sky si sta girando Gomorra3 mentre sono in corso di scrittura '1993', seguito di '1992', poi Diabolik-La Serie, coproduzione di Sky Italia, BSkyB, SkyDE, prodotta da Cattleya con scenografie di Dante Ferretti, mentre questa estate il premio Oscar Paolo Sorrentino, alla sua prima volta con una serie televisiva, inizierà a girare The young Pope. Tutte serie, a parte I delitti del BarLume, destinate a Sky Atlantic Hd, il canale delle grandi storie. 


Arriva il poliziesco intimista. A via su Canale 5
Squadra Mobile, spin off di Distretto di polizia

La nuova serie del lunedì di Taodue diretta da Alexis Sweet mette in primo piano le storie personali di otto poliziotti, affiatati colleghi capitanati da Roberto Ardenzi alias Giorgio Tirabassi. Seguibile anche sui social, la serie rientra nel progetto di rete di avere sei serate a settimana con programmi autoprodotti tra fiction, entertainment e sport. La seconda stagione parlerà di ‘mafia Capitale’

20 aprile 2015 - Debutta in prima serata su Canale 5 questa sera ‘Squadra Mobile’, nuova serie prodotta da Taodue di Pietro Valsecchi, seguito ideale dello storico ‘Distretto di polizia’ di cui riprende alcuni elementi. Innanzitutto il protagonista Roberto Ardenzi (Giorgio Tirabassi), avanzato in carriera, e la figlia Mauretta che ora è all'Università e soffre le assenze paterne legate a un lavoro che coinvolge 24 ore su 24. 
 
Attorno un gruppo di professionisti affiatati, alle prese con problemi di vita e di lavoro. Tra questi, l'ispettore Isabella D'Amato (Valeria Bilello). poliziotta vicina alle donne e in lotta contro lo s
Daniele Liotti, Valeria Bilello, Giorgio Tirabassi
talking, Sandro Vitale (Antonio Catania) poliziotto esperto ma troppo incline all'alcol, Giacomo Polena (la new entry Pippo Crotti, per anni comico de Le Cirque du Soleil) lasciato da solo con un figlio da una moglie esasperata dalla sua avarizia, Claudio Sabatini (Daniele Liotti) che ha il ruolo del ‘cattivo’: non solo collega ma anche amico dell'integerrimo Ardenzi, in realtà delinque e uccide chi lo intralcia e Ardenzi un po' per volta si troverà a doverne scoprire con dolore il doppio gioco.
 
Tutti vengono presentati con le loro storie nella prima puntata con la trovata scenica della festa di compleanno di Ardenzi organizzata dalla figlia, dove tutti convergono così se ne dimostrano affiatamento e ruoli. La particolarità della serie è di essere un poliziesco sui generis, che mette in primo piano non i delitti e le loro risoluzioni ma le storie personali degli otto poliziotti nella bella Roma, con un taglio intimista: &l
dquo;Ho trattato la serie come se fosse un documentario sulla loro vita” ha spiegato il regista Alexis Sweet. 
 
La serie prevede 8 serate con 16 episodi da 40' ciascuno. Sarà seguibile anche sul profilo ufficiale Twitter con #SquadraMobile e sulla pagina ufficiale Facebook. È già prevista una seconda stagione, le cui riprese inizieranno a giugno e che sarà centrata sul tema quanto mai attuale di ‘mafia Capitale’.
 
La nuova produzione, come spiega il direttore di Canale 5 Giancarlo Scheri, rientra nel progetto di rete di avere sei serate a settimana con programmi autoprodotti tra fiction, entertainment e sport (grande calcio), tenendo come guida la mission da grande generalista: "Dare allo spettatore il meglio di tutti i generi. Avevamo bisogno di un nuovo prodotto seriale da mettere on air il lunedì". 


Al via ‘D-Day. I giorni decisivi’, rilettura alternativa
della seconda guerra mondiale in prime time su Rai 3

Il programma, fortemente voluto dal direttore di rete Andrea Vianello, propone il venerdì in quattro puntate momenti, snodi e aspetti poco noti del secondo conflitto mondiale. Conduce Tommaso Cerno, Fabio Toncelli sarà 'inviato nella storia' e Paolo Mieli ospite fisso, con l'apporto di storici e studiosi ma anche di commentatori non convenzionali. In chiusura di puntata anche un mockumentary delle alternative possibili

25 marz
Andrea Vianello, direttore di Rai3.
Disegno di Andrea Strizzi
o 2015
- Parte venerdì su Rai 3 la ‘scommessa’ del direttore di rete Andrea Vianello di portare in prime time un programma significativo della mission di fare servizio pubblico: 'D-Day. I giorni decisivi', una rilettura in quattro puntate di momenti, snodi e aspetti poco noti del secondo conflitto mondiale, a settant'anni dalla fine. Un tema non facile che dovrà farsi spazio tra Italia's Got Talent in chiaro su Cielo e Crozza nel Paese delle Meraviglie su La7, ma che si spera potrà attrarre un 4% di platea televisiva. Anche perché il leit motive sarà di farne un racconto non convenzionale, grazie anche all'apporto, oltre che di storici e studiosi, di commentatori all’apparenza 'eccentrici' ma capaci di proporre nuovi spunti di riflessione. 
 
 'D-Day. I giorni decisivi' è condotto in studio
Tommaso Cerno
dal direttore de il Messaggero Veneto nonché  firma de l’Espresso Tommaso Cerno ed è interamente prodotto con risorse interne Rai, in sinergia tra la struttura Cultura e Storia di Rai3 e il Centro di Produzione Tv Rai di Milano. La regia è di Igor Skofic. Ospite fisso in studio sarà Paolo Mieli mentre Fabio Toncelli sarà 'inviato nella storia' ovvero andrà fisicamente in luoghi fortemente simbolici di quanto raccontato. Emblematico, ad esempio, il caso del bunker della fine di Hitler, ora parcheggio di un condominio e di un supermercato. 
 
Si parte venerdì 27 marzo con Hitler e Mussolini e il loro appuntamento con la morte, poi toccherà a Quell’estate del ’43. La terza puntata sarà dedicata al racconto dell’Italia in guerra, la quarta alle armi segrete, vere o presunte. Saranno raccontati e scandagliati 'i giorni decisivi', i momenti di svolta in cui la St
oria prende una direzione inattesa, interpretandoli per capire anche qualcosa di più dell'attualità. Sarà messo in evidenza anche l'impatto emotivo degli eventi. Ci saranno infine anche valutazioni in stile 'sliding doors': 4 video fake di come sarebbe potuta andare se le cose avessero preso una piega diversa.


Ritorna Tangentopoli tra storia e fiction
con 1992 on air su Sky in cinque Paesi

Al via oggi in prima tv su Sky Atlantic Hd e in contemporanea su Sky Cinema 1 Hd la serie in 10 puntate che racconta le vicende che 23 anni fa sconvolsero il Paese e spazzarono via un'intera classe politica. Prodotta da Wildside, diretta da Giuseppe Gagliardi e nata un'idea di Stefano Accorsi, uno dei protagonisti, va on air in contemporanea anche in Uk, Germania, Irlanda e Austria

24 marzo 2015 - L'arresto di Mario Chiesa, presidente del Pio Albergo Trivulzio, il 17 febbraio 1992 segnò l'avvio di Tangentopoli ed è con questa scena che si apre 1992, la nuova serie di Sky Atlantic in 10 episodi, prodotta da Wildside e diretta da Giuseppe Gagliardi, distribuita internazionalmente da BetaFilm e nata da un’idea di Stefano Accorsi, che è anche tra i protagonisti. La serie, che ha aperto al Festival di Berlino 2015 la nuova sezione dedicata alle serie tv, debutta oggi in contemporanea su Sky in Italia, Uk, Germania, Irlanda e Austria.

Raccontando i cambiamenti che i fatti del 1992 causano nella vita di sei persone comuni, 1992 affronta le vicende che 23 anni fa sconvolsero il Paese e spazzarono via un'intera classe politica, ricostruendo gusti, colori, abiti, stili di vita di quegli anni e facendo interagire personaggi immaginari con veri protagonisti della cronaca di allora, come Antonio Di Pietro, Piercamillo Davigo, Ghera
rdo Colombo, Giovanni Falcone, Mario Segni, Mario Formentini, Umberto Bossi fino a Silvio Berlusconi. Fatti privati si intersecano con fatti pubblici come l'avanzata della Lega Nord, i suicidi degli imprenditori travolti dall'inchiesta, gli attentati a Falcone e a Borsellino, l'esilio di Bettino Craxi.  

L'obiettivo è stato di produrre qualcosa che non era ancora stato fatto, con un racconto diretto della storia, anche attraverso i suoi eventi più controversi. Ci sono volute 21 settimane di riprese per 109 giorni complessivi di set, un cast di 156 attori, oltre tremila comparse e quasi 100 location. Nel cast, oltre ad Accorsi, ci sono Guido Caprino, Domenico Diele, Miriam Leone, Tea Falco, Alessandro Roja. 

La serie è in onda in prima serata su Sky Atlantic Hd e in contemporanea su Sky Cinema 1 Hd. In attesa del lancio, il canale Sky Atlantic+1 è diventato Sky Atlantic 1992 fino al 24 marzo, col meglio della programmazione dell'anno: serie tv, sitcom, videoclip, film ed eventi sportivi 24 ore su 24. Per l'occasione Initiative Media ha pianificato per Red Bull un'attività di comunicazione ad hoc, riportando sul grande schermo il primo copy cartoon del brand trasmesso proprio in quell'anno: Leonardo, firmato dell'agenzia creativa Kastner & Partners.


Al via Italia's Got Talent targato Sky, talent show per famiglie

Con la trasmissione che va alla ricerca in Italia di talenti, prosegue il giovedì in prime time su Sky Uno il percorso di Sky nell'adottare i diversi linguaggi dell'entertainment. La giuria è formata da Claudio Bisio, Luciana Littizzetto, Frank Matano e Nina Zilli, alla conduzione c'è Vanessa Incontrada. Dieci le puntate di cui 7 audizioni e 3 live. Branded content per Fonzies

10 marzo 2015 - Prosegue con Italia's Got Talent il percorso di Sky nell'adottare i diversi linguaggi dell'entertainment. La nuova trasmissione che va in onda per dieci settimane su Sky Uno il giovedì in prime time è un talent show per famiglie, privo – come spiega Andrea Scrosati, executive v.p. programming di Sky Italy - delle contrapposizioni tra i giudici in competizione tra loro come in XFactor e senza le tensioni che i giudici creano nei concorrenti come in Masterchef Italia per simulare la realtà del lavoro nelle cucine di un ristorante di fama. I giudici a loro agio sono il comico e attore Claudio Bisio, l'attrice e autrice satirica Luciana Littizzetto, lo Youtuber e ‘Iena’ Frank Matano e la cantante Nina Zilli, mentre alla conduzione e al backstage coi concorrenti c'è Vanessa Incontrada che torna a lavorare a fianco di Bisio dopo sette anni di conduzione in tandem di Zelig su Canale 5. Un quintetto “esplosivo”.
 

Dopo essere stata un cavallo di battaglia di Canale 5 dal 2009 al 2013, la tra
smissione che va alla ricerca dei “talenti di cui l'Italia è piena, capaci di mettersi in gioco” (ancora Scrosati), su format di origine anglo-statunitense di Simon Cowell, torna on air rinnovato. Prodotto da FremantleMedia, prevede 7 puntate di audizioni e 3 puntate live. Due sono dedicate alle semifinali il 30 aprile e il 7 maggio a cui arriveranno in vari modi 28 concorrenti (esiste ad esempio la novità del golden buzzer, pulsante speciale che può essere utilizzato una sola volta da ciascun giudice per far passare un concorrente direttamente alle semifinali) e una alla finalissima, il 14 maggio, a cui arriveranno in 12. Saranno i top emersi da una scrematura a tappe che ha visto 15mila le candidature da cui oltre in 8.000 (molti i bambini) sono arrivati a esibirsi in fase di casting: acrobati, ballerini, cantanti, trampolieri mimi, imitatori, comici, addestratori di animali, atleti, parkour, contorsionisti, prestigiatori, beatboxer, attori, musicisti. Ne sono stati selezionati dai giudici 198. Al vincitore Sky riconoscerà un premio di 100mila euro in gettoni d'oro. 
 
Da lunedì 16 marzo ci saranno su Sky Uno HD quattro appuntamenti settimanali dal lunedì al giovedì, alle 11 e alle 17.40, con gli highlights della puntata andata in onda il giovedì precedente. È previsto anche Planet's Got Talent, le migliori performance viste su tutti i palchi delle diverse edizioni mondiali commentate da Frank Matano con l'amico Matteo. Al termine delle due semifinali e prima della serata finale andrà in onda ‘Italia's Got Veramente Talent?’, appuntamento live di 45' minuti che rivelerà i retroscena più divertenti della puntata.
 
Media partner è Rds. Il brand Fonzies sarà presente nei contenuti del programma. Diverse piattaforme digitali permetteranno al pubblico di seguire novità, aggiornamenti e fare commenti, oltre a votare nelle semifinali del 30 aprile: il sito ufficiale italiasgottalent.sky.it, la app IGT 2015, le pagine dedicate su Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest. 


La Gazzetta dello Sport completa il sistema
multimediale. Al via al 59 del dtt Gazzetta Tv

Edito da Digital Factory, il canale televisivo de La Gazzetta dello Sport completa l'integrazione tra carta, web e tv, offrendo informazione in tutta la giornata su tutti gli sport e intrattenimento di taglio sportivo. Infront Sports & Media fornirà le highlights delle principali competizioni sportive, oltre che servizi tecnici, produttivi, di post-produzione e di emissione. La raccolta pubblicitaria è affidata a Prs

24 febbraio 2015 - Come annunciato (vedi news del 17 novembre 2014 e del 30 gennaio) va in onda da giovedì 26 febbraio al 59 del digitale terrestre GazzettaTv, il canale televisivo de La Gazzetta dello Sport, con la direzione di Andrea Monti. Avrà una redazione dedicata, guidata da Claudio Arrigoni, in stretta collaborazione col quotidiano e le sue firme e con il sito Gazzetta.it. “Con il canale tv – ha detto Monti - La Gazzetta dello Sport completa il suo sistema multimediale e si pone all'avanguardia in Italia e, a livello sportivo, nel mondo. Il nuovo giornalismo troverà qui un grande laboratorio, con carta, web e televisione che dialogheranno per offrire la migliore informazione agli appassionati di sport”.
 
GazzettaTv è edita da Digital Factory, partecipata al 60% da Digicast (integralmente controllata da Rcs MediaGroup) e al 40% da DeA 59 del gruppo De Agostini, titolare dell'autorizzazione per la trasmissione sul canale. Presidente di Digital Factory è Pierfrancesco Gherardi, managing director digital De Agostini che ha dichiarato: “Crediamo che la costituzione di alleanze strategiche e commerciali sia un driver chiave per migliorare la nostra posizione competitiva”. Amministratore delegato di Digital Factory è Francesco Carione, direttore della divisione Gazzetta di Rcs MediaGroup e dell'area video di Rcs, secondo cui GazzettaTv arricchisce ulteriormente il percorso strategico di innovazione del sistema Gazzetta: “Completiamo un'annata di iniziative di successo: il nuovo sito, la app Gazzetta Gold, il rinnovamento del giornale cartaceo, il trasloco nella redazione integrata”.
 
Una partnership commerciale con Infront Sports & Media fornirà a GazzettaTv l'accesso agli highlights delle principali competizioni sportive nazionali e internazionali, oltre che servizi tecnici, produttivi, di post-produzione e di emissione. Per la supervisione artistica e le scelte scenografiche del canale, GazzettaTv si è affidata a StandByMe di Simona Ercolani, che firma la produzione esecutiva di una serie di format come Bomber (l'annata migliore di un grande calciatore del presente o del passato) e Condò Confidential (interviste a grandi personaggi non solo su temi di sport). 
 
Il palinsesto di GazzettaTv offrirà informazione in tutta la giornata, coprendo tutti gli sport. Oltre a 18 edizioni quotidiane del tg news e a 10 notiziari brevi di 90”, tutti con notizie generaliste e un'ampia panoramica sull'intero mondo dello sport, GazzettaTv offrirà analisi e approfondimenti tecnici, talk, interviste, documentari, format di intrattenimento. I commenti in diretta del campionato di Serie A saranno i protagonisti del talk della domenica Gazzetta Live. Il weekend calcistico continuerà nel lunedì con il talk Senza appello. Anche i lettori di Gazzetta.it parteciperanno al dibattito rispondendo a do
mande e sondaggi. Andrea Di Caro racconterà aspetti insoliti di quotidianità nella vita degli sportivi nell'appuntamento settimanale Fuori Campo. I campioni a modo mio. Il palinsesto offrirà anche intrattenimento, sempre a base di sport. 
 
La vendita degli spazi pubblicitari è affidata a Prs che ha già in portfolio 30 i clienti tra cui CheBanca!, Citroen, H3G, Renault, Subito.it, Kellogg's, Nissan, mentre L'Oréal, Fastweb e Cogetex hanno optato per iniziative speciali realizzate da Prs in sinergia con Rcs Communication Solutions. La campagna pubblicitaria a supporto del lancio di Gazzetta Tv è firmata da Red Cell e pianificata sui mezzi del gruppo, in radio, outdoor e tv.


Ritorna The Voice, il talent di Rai2 che punta tutto sulla voce

Niente religiosi né porporati quest'anno. Si spera  piuttosto che alla terza edizione il programma sia maturo per far emergere uno o più talent anche fuori dai confini dell'evento, magari con un po' più di impegno di Universal Music. Due le novità, il duo che giudica all'unisono formato da Facchinetti padre e figlio e le Blind-Blind Audition col candidato sotto una tenda. Product placement per Hyundai,  Morellato, Sector No Limits e Wind

24 febbraio 2015 - Un pulsante per due è la novità della terza edizione di 'The Voice of Italy', il programma a metà tra il talent e lo show musicale in partenza domani sera in prime su Rai2 (si potrà ascoltare anche su Radio2). Lo premeranno per girare all'unisono su doppia poltrona (ogni decisione sarà congiunta) Roby e Francesco Facchinetti padre e figlio (battezzati T-FACCH), che entrano al posto di Raffaella Carrà nella squadra dei coach, accanto ai rodati J-Ax (vincitore della scorsa edizione con Suor Cristina quindi “l'uomo da battere”) , Noemi e Piero Pelù. L'altra novità saranno le Blind-Blind Audition in cui nella fase iniziale qualche concorrente adatto a creare sorpresa (tipo voce di incerto genere et similia) starà sotto una tenda, non visibile nemmeno al pubblico. “Niente religiosi e niente porporati quest'anno” è stato annunciato in conferenza stampa (le Blind vanno in onda registrate e sono già concluse). Il personaggio potrebbe essere quest'anno una ragazza proveniente da una comunità 'celtica' (in realtà di Trieste) che si presenterà con tanto di druido.

Per il resto copione invariato. Alla conduzione del programma, realizzato da Rai2 in collaborazione con Talpa Italia, sono confermati Federico Russo in sala e Valentina Co
rreani quale V-Reporter, che interagirà col pubblico attraverso il sito ufficiale (rinnovato) thevoiceofitaly.rai.it e i social network del programma.

Saranno quattordici appuntamenti divisi in quattro fasi: cinque Blind Audition; due Battle (duelli tra i componenti della stessa squadra) con l’opzione Steal per cui un cantante eliminato da un coach può essere recuperato da un altro e inserito nella sua squadra; due Knock Out e i cinque Live finali.  Il vincitore si aggiudicherà il contratto con la casa discografica Universal Music. La terza edizione dovrebbe essere matura per far emergere uno o più talenti anche fuori dai confini dalla competizione come finora non è avvenuto. Secondo i coach Pelù e J-Ax qualche colpa ce l'ha appunto la Universal che ha l'esclusiva coi cantanti in gara ma poco o nulla ha fatto finora per sfruttarne le qualità. Si vedrà. 

Tra i brand presenti in product placement ci sono Hyundai, auto ufficiale dell’edizione 2015 con  Nuova i20, gioielli Morellato e gli orologi Sector Noi Limits. Per Wind ci sarà una telepromozione da 60” condotta da Russo e Correani per l'offerta All Inclusive Music. 


Lezioni d'arte tra spettacolo e poesia con Dario Fo su Rai5

Rai punta sulla cultura. Parte questa sera con 'Picasso desnudo' e poi passerà a raccontare i grandi artisti italiani il ciclo di dieci appuntamenti 'L'arte secondo Dario Fo', realizzati da Rai Cultura con regia di Felice Cappa, on air in prima serata

23 febb
Disegno di Andrea Strizzi
raio 2015
- Questa sera Picasso, e poi i grandi italiani Caravaggio, Correggio, Raffaello, Michelangelo, Leonardo, Mantegna, Giotto: sono gli artisti che rivivranno nelle lezioni d'arte, spettacolo e poesia tenute da Dario Fo per il ciclo di dieci appuntamenti 'L'arte secondo Dario Fo', realizzati da Rai Cultura con regia di Felice Cappa, on air il lunedì su Rai5 alle 21.15.

Il format prevede un'introduzione da parte del conduttore e poi un pezzo teatrale (tra cui quattro inediti in tv) girati tra il '99 (Leonardo) e il 2012 (Picasso), in cui gli è al fianco la compagna di vita personale e artistica Franca Rame (che proprio in 'Picasso desnudo' compare in video per l'ultima volta). Lezioni d'arte, col supporto di dipinti realizzati da Fo stesso come i falsi d'autore alla Picasso, che diventano, come è suo stile, lezioni di vicende politiche e sociali dell'epoca con  aneddoti di vita privata degli artisti, tra storia e ironia. Saranno spettacoli che dureranno dall'ora e mezza alle due ore e mezza, intervallate da un solo break pubblicitario (e senza sponsor).

"Riuscire a riportare Dario Fo in Rai è stato uno dei successi di questi anni - ha detto il direttore generale della Rai, Luigi Gubitosi - per troppo tempo le strade sono state separate, dobbiamo recuperare il tempo perduto”. La Rai così torna a puntare sul teatro che riporta in prima serata sperando anche di coinvolgere i giovani. L'Expo potrebbe essere la prossima occasione per Rai e Fo. Il maestro si è detto interessato, anche a entrare sul tema del cibo: “come trovarlo per miliardi di persone che soffrono la fame". 

 
La programmazione
Lunedì 23 febbraio - 'Picasso desnudo'
Lunedì 2 marzo -  'Caravaggio al tempo di Caravaggio'
Lunedì 9 marzo - 'Correggio che dipingeva a testa in giù'
Lunedì 16 marzo - 'Bello figliolo che tu se’ Raffaello'
Lunedì 23 marzo - 'Tegno nelle mani occhi e orecchi Michelangelo'
Lunedì 30 marzo - 'Discorsi su Leonardo e il Cenacolo'
Lunedì 6 aprile - 'Mantegna, il trionfo e lo sghignazzo'
Lunedì 13 aprile - 'Giotto o non Giotto. Da San Francesco al Prato di Perugia'
Lunedì 20 aprile - 'Giotto o non Giotto. Da Santa Croce a Firenze'
Lunedì 27 aprile - 'Il tempio degli uomini liberi'
 


‘Nessuno mi può giudicare’ tranne Diego dalla Palma.
Su Rete 4 con Libero Produzioni

Due donne dello spettacolo si mettono a nudo rispondendo a domande e provocazioni del conduttore e del pubblico in studio, che alla fine sceglie la più autentica e sincera. On air il sabato alle 15.30 per otto puntate, con product placement di aziende della cosmesi ma non solo, come Collistar, Specchiasol, Le Train Blue Mode, Imetec, Farmakon, Ladybird & Orly, Cantine 4 Valli

21 febbraio 2015 - Diego dalla Palma è tornato su Rete4, da esperto d'immagine ma anche dell'animo femminile, a mettere a confronto due donne dello spettacolo, che si raccontano e si mettono a nudo sulla loro vita e sul modo di essere rispondendo a domande e provocazioni del conduttore e del pubblico. A differenza infatti della precedente ‘Come si cambia Celebrity’ (vedi news del 19 settembre 2013), ‘Nessuno mi può giudicare’, on air il sabato alle 15.30 per otto puntate fino a fine marzo, viene girato in studio e gli Hair Stylist di Compagnia della bellezza valorizzano le due celebrities di turno cambiandone il look prima dell'ingresso nell'arena.
 
Intriganti gli accoppiamenti, tipo Licia Maglietta vs l'ex deputata Paola Concia o Fiordaliso vs Samantha De Grenet. L'inviata speciale Michela Coppa va in giro per l'Italia a chiedere alla gente giudizi e quesiti da porre e a fine trasmissione il pubblico in sala giudica chi è stata la più sincera e autentica. 
 
Anche ‘Nessuno mi può giudicare’ è un programma ‘a pacchetto completo’ di Libero Produzioni Televisive che l'ha scritto, prodotto, realizzato e ha anche trovato gli sponsor, che entrano con attività di product placement contestualizzate alla narrazione, in cui il conduttore connota il target (dai 30 in su) e qualifica la trasmissione. Tra le aziende sponsor ci sono soprattutto aziende cosmetiche e del benessere ma non solo: Collistar (make up), Farmakon (integratori), Imetec con Bellissima (piastra, phone e spazzola a rotazione automatica), Ladybird & Orly (manicure), Le Train Blue Mode di Forte dei Marmi (borse e accessori), Cantine 4 Valli (vini), Verattiva Specchiasol (cosmetici). Media partner è Oltre Elites, new life style & wellness magazine di Aghelos Edizioni. 


Al via su Super! ‘Egyxos’, action comedy d'animazione,
ma anche property multipiattaforma di respiro internazionale

De Agostini Publishing, DeAKids, Planeta Junior e Musicartoon si sono unite per coprodurre la serie per ragazzini sul mondo dell'antico Egitto, a partire dal successo di un prodotto Flow-Pack lanciato da De Agostini Publishing nel 2011. L'intenzione è di farne la prima di una serie di property con orizzonte worldwide che vivono anche sul web, sull'app, sui libri, nel merchandising 

18 febbraio 2015 - Il mondo degli antichi Egiziani, o meglio quello dei superuomini Egyxos in cui si combatte l'eterna battaglia tra il Bene e il Male impersonati dal faraone buono Kefer e dall'oscuro fratello Exaton. E al centro un ragazzino, Leo, che dalla normale vita quotidiana a base di fratellini dispettosi, la prima cotta per la compagna di classe e il bulletto che lo perseguita passa a scoprirsi l’ultimo discendente dei faraoni, a cui spetta il compito di salvare il regno degli Egyxos e difendere la Terra dall’invasione di Exaton: perfetto per essere il personaggio in cui si può immedesimare il target di Super!, il canale di De Agostini in chiaro al 47 del dtt e su Sky al 625, dedicato a ragazzini da 8 a 12 anni. 
 
La prima serie di 26 episodi di mezz'ora vi debutterà domenica 22 febbraio alle 10 con  'Egyxos Speciale Anteprima' (due episodi) per poi andare in onda il sabato e la domenica sempre alle 10. Ogni puntata sarà introdotta da una clip del campione mondiale di bike trial Vittorio Brumotti, molto amato dal target, che racconterà in anteprima storie e personaggi della serie.
 
Ma Egyxos è molto di più di una serie di action comedy, è un prodotto multipiattaforma con ambizioni di export (già è on air a Singapore e sta per esserlo in Spagna) a cui collaborano le diverse anime di DeAgostini con investimenti comuni. De Agostini Publishing, DeAKids, Planeta Junior (società del gruppo nell'entertainment sui target kids, teen e family e nel licensing) e Musicartoon (specialista nel cinema di animazione) si sono unite per coprodurre a partire dal successo di un prodotto Flow-Pack (bustine con dentro un action figure collezionabile) lanciato da De Agostini Publishing nel 2011. L'intenzione è di farne una property “con orizzonte worldwide”, primo di una serie di brand originali per junior (il successivo sarà Magiki per le ragazzine) sviluppati in forma editoriale. In  occasione della partenza del cartoon, De Agostini Publishing lancia il sito web www.egyxos.com e la game App ufficiale ‘Egyxos Labyrinth Run’ al prezzo di lancio di 0,99 euro. Egyxos vivrà anche nel merchandising, a cominciare dalla collaborazione con Giochi Preziosi che produrrà giocattoli in occasione del back to school. Agostini Libri commercializzerà libri dedicati.
 
 
Per il  lancio di Egyxos parte una campagna  che si svilupperà con attività teaser di guerrilla marketing ed eventi in centri commerciali di Milano e Roma, mentre sempre a Milano e Roma e anche a Napoli, Bari, Verona, Padova, Venezia è prevista una campagna dinamica, con creatività di Yes I am, su bus, tram e Metro, con budget iniziale di 350.000 euro. 

Taglio ironico per lo spot Intimissimi Uomo
di VMLY&R Italy, sulle note de ‘La mutanda’
<
In un negozio Intimissimi Uomo un cliente esce dal camerino per guardarsi allo specchio e si trova letteralmente in mutande di fronte a Diletta Leotta. Ma il momento di imbarazzo si trasforma in un'interazione divertente e inaspettata, che conferisce all'intimo maschile una nuova attitude. Succede nel nuovo spot ideato da VMLY&R Italy, prodotto da Withstand Film e diretto da Giacomo Boeri, al cui taglio smart contribuisce la musica ‘La Mutanda’ sulle note del grande classico ‘Il Pullover’ di Gianni Meccia. Perché il vero fascino sta nel non prendersi mai troppo sul serio. Lo spot è in tv e sul digital e sui social di Intimissimi e della testimonial. (19 novembre 2019)
 I MEDIA ALLA BORSA DI MILANO<< <
19.11.2019AperturaMax.Min.ChiusuraΔ %
Cairo Communication2.38002.41002.36002.37000.42
Caltagirone Editore1.07001.08501.06001.0750-0.92
Class Editori0.17900.18100.17700.18101.12
Cose Belle D'Italia0.35200.36700.34700.3590-2.97
Gedi Gruppo Editoriale0.27450.27950.27450.2745-0.54
Giglio Group2.96002.96002.91002.9400-0.34
Il Sole 24 Ore0.51400.51400.50400.5100-0.78
Italiaonline
Mediaset2.69502.70702.64602.6590-0.56
Mondadori Editore2.01002.05502.01002.04000.99
Mondo TV1.21801.23401.20801.2250-0.49
Monrif0.15550.15600.14800.15601.96
Poligrafici Editoriale0.18980.18980.18500.1850-2.22
Ray Way5.89005.92005.81005.8500-0.34
RCS Mediagroup0.89600.90500.89600.89800.22
Triboo1.38501.42501.37001.42002.16
Nostra elaborazione su dati di Borsa Italiana


  FAST NEWS<< <
Bas Korsten e Daniel Bonner global chief creative officer di Wunderman Thompson. Wunderman Thompson (gruppo Wpp) ha nominato Bas Korsten e Daniel Bonner global chief creative officer, il primo basato ad Amsterdam e il secondo a Londra, entrambi a riporto diretto di Mel Edwards, global ceo del network
 
Laura Mastellari account executive e Valeria Semplici content manager di True Company. True Company amplia il team con l'ingresso di Laura Mastellari e Valeria Semplici, rispettivamente col ruolo di account executive e di content manager
 
Anche le 9 testate di Condé Nast Italia nell'app Readly per la lettura digitale dei magazine. Readly, servizio europeo di abbonamento digitale alle riviste, disponibile in Italia dal 28 maggio, si rafforza con l'ingresso nella piattaforma dei nove magazine di Condé Nast Italia
 
Enrico Bedocchi digital & omnichannel director di Miroglio Fashion. Nell'ambito della strategia di trasformazione digitale e dello sviluppo dell'approccio omnichannel, Miroglio Fashion, società di abbigliamento femminile del Gruppo Miroglio, ha nominato Enrico Bedocchi nuovo digital & omnichannel director
 
In progetto a Torino ‘Polo297’, luogo di aggregazione per strutture della comunicazione. Nei prossimi mesi nascerà a Torino ‘Polo297’, luogo di aggregazione per realtà del settore dell'advertising aperte alla collaborazione, alla sperimentazione e alla condivisione
 
Fiorello Babbo Natale per Wind con ‘100 giga in regalo’. È partito il primo spot della campagna natalizia di Wind, con Fiorello protagonista in veste di un Babbo Natale glamour e moderno, alle prese con ‘regali improbabili’
 
Fabio Buccigrossi country manager Italia di Eset. Eset, player globale del software e dei servizi di sicurezza IT, ha nominato Fabio Buccigrossi country manager Italia
 
Minacciolo si affida ad Hangar Design Group per riposizionamento e comunicazione. Minacciolo, storica produttrice di arredi e cucine in stile moderno e country chic, si riposiziona e affida ad Hangar Design Group un progetto di comunicazione integrata per ampliare il target oltre i progettisti e gli interior designer
 
MullenLowe vince la gara per creatività e strategia digitale globali dei brand consumer health di Bayer. Il gruppo MullenLowe si è aggiudicato la creatività a livello globale della divisione consumer health del colosso farmaceutico Bayer, a seguito di una gara contro un team di Omnicom di cui faceva parte anche Adam & Eve /Ddb, che si è svolta a Mosca
 
Daniela Sciarra entra in Homina nel team grandi clienti. Daniela Sciarra, giornalista specializzata su tematiche agro-ambientali, è entrata in Homina, agenzia indipendente di comunicazione e relazioni pubbliche, per operare nel team grandi clienti
 
Sky Media lancia in Italia Reach (the) Content per spot interattivi con controllo vocale. Sky Media, la concessionaria di Sky che ha in gestione tv lineare, tv on demand e digitale, e che ha introdotto per la prima volta in Italia l'Addressable Tv con Sky AdSmart, lancia un'altra innovazione
 
BCW per le relazioni pubbliche di De Matteis Agroalimentare. BCW - Burson Cohn & Wolfe è stata incaricata della gestione delle relazioni pubbliche del produttore di pasta secca De Matteis Agroalimentare, a cominciare da pasta Armando prodotta con grano 100% italiano di filiera
 
CheBanca! testa le vetrine digitali dinamiche col progetto Digital Signage di M-Cube. CheBanca! vara il progetto Digital Signage che prevede l'installazione di monitor Led e Lcd nelle vetrine della banca, con video e contenuti dinamici al posto dei tradizionali poster cartacei
 
Arriva a Milano il musical ‘Charlie e la Fabbrica di cioccolato' con media partner Nickelodeon e TimMusic e sponsor G! come Giocare, Rinascente, MAC, Paul Mitchell. ‘Charlie e la Fabbrica di cioccolato', musical basato sul romanzo di Roald Dahl, arriva a Milano, unica città italiana a ospitare lo spettacolo che, per tutta la stagione teatrale 2019/2020, resterà alla Cattedrale della Fabbrica del Vapore trasformata in teatro
 
ESL Italia e Comicon organizzano a Roma la prima edizione di EsportFest. ESL Italia, piattaforma di competizioni e-sport, in collaborazione con Comicon-Salone Internazionale del fumetto e del gioco, annuncia la prima edizione di EsportFest, manifestazione dedicata agli e-sport e ai suoi protagonisti
 
Connexia porta a Roma il ciclo di incontri Wake Up Innovators. Dopo aver aperto uffici a Roma e acquisito la digital experience agency Ragoo la scorsa primavera, Connexia porta a Roma il ciclo di incontri Wake Up Innovators, secondo il format consolidato arrivato a Milano al 13° appuntamento
 
Stefano Di Persio responsabile dell'area di Roma per Kettido+. La digital agency milanese Kettydo+ si consolida sull'area di Roma con l'ingresso nel team di Stefano Di Persio, che ricoprirà il ruolo di responsabile dell'area
 
‘Infinity Movie Balls’. Grey e BCW per la promozione natalizia di Infinity. Grey in collaborazione con Burson Cohn & Wolfe ha ideato per Infinity, il servizio di video streaming on demand del gruppo Mediaset, ‘Infinity Movie Balls’, un'activation online che parte dal digital e arriva direttamente a casa dei vincitori, in tempo per la decorazione dell'albero di Natale
 
Economia in chiave visual a portata di smartphone con Lab24, nuova sezione del sito del Sole 24 Ore. Il Sole 24 Ore spinge l'acceleratore sui contenuti visual con Lab24, nuova sezione del sito del quotidiano che propone un'informazione economica in chiave visual per una fruizione da smartphone
 
Mondadori conferirà il ramo Periodici a una newco controllata, funzionale a opportunità strategiche e partnership. Il cda di Arnoldo Mondadori Editore, riunito per esaminare e approvare il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre, ha anche approvato il conferimento dal 1° gennaio del ramo di azienda relativo all'area Periodici a un'unica società controllata
 
PHD vince la gara per il media globale di LG Electronics. LG Electronics ha affidato il media globale a PHD (Omnicom Media Group), per un budget stimato in 800 milioni di dollari
 
Camparino in Galleria riparte con nuovo look di Landor e la nuova piattaforma digital di Ogilvy. A Milano riapre lo storico locale Camparino in Galleria con nuovo look e un'offerta di food pairing per viaggi sensoriali
 
La Stampa e i giornali del gruppo Gnn danno il via a 'L'alfabeto del futuro', tour di incontri sull'innovazione. La Stampa e i giornali del gruppo Gnn danno il via a un tour per aiutare i lettori a imparare 'L'alfabeto del futuro' ovvero le infinite innovazioni che ogni giorno ci stanno cambiando la vita
 



Young Digitals firma la campagna
internazionale ‘It's time to go Slowear’
<<<
Young Digitals firma ‘It's time to go Slowear’, campagna internazionale per il retailer ufficiale dei marchi Incotex, Zanone, Glanshirt, Montedoro e Officina Slowear, che distribuisce attraverso 30 store sui mercati europeo ed extra-europeo (Usa, Giappone, Corea del Sud) e anche via e-commerce. La campagna prevede main video, clip video e scatti fotografici declinati su diversi formati per raccontare la brand identity aziendale, in equilibrio tra design moderno, stile ed eleganza. Protagonisti dello storytelling sono gli uomini, in cammino nei quartieri di una città durante la giornata, tra quiete e frenesia, in momenti solitari e in compagnia, con un'ambientazione di taglio internazionale, che suggerisce il dinamismo della città. (20 novembre 2019)

 

SULLO SCHERMO
<<<
ASPROMONTE - LA TERRA DEGLI ULTIMI / Drammatico
Sarà nei cinema dal 21 novembre ‘Aspromonte – La terrà degli ultimi’, film diretto da Mimmo Calopresti, ispirato al romanzo ‘Via dall'Aspromonte’ di Pietro Criaco e interpretato da Valeria Bruni Tedeschi, Marcello Fonte, Francesco Colella, Marco Leonardi, Sergio Rubini. Produzione di Italian International Film (società di Lucisano Media Group) con Rai CinemaFilm. Dura 89’
Nel 1951 ad Africo, paesino calabrese arroccato sull'Aspromonte, si vive in case fatiscenti senza elettricità, senza acqua corrente, mancano il medico condotto e la scuola. Manca perfino una strada per raggiungere il paese a mare, dove sta il prefetto che continua a promettere interventi che disattende. Così, quando una partoriente muore, gli africoti, capitanati da Peppe e Cosimo, decidono di costruirsi la strada da soli. Solidarizza con loro la maestra Giulia arrivata da Como, la prima che non pensa solo ad andarsene il prima possibile. Ma tanti sono gli ostacoli, da quelli frapposti dal potente locale, Don Totò, che teme l'evoluzione alle istituzioni che solo ora intervengono, ma per bloccare la costruzione per mancanza di permessi. Tra i personaggi di questo teatrino della miseria, c'è Ciccio detto ‘il poeta’, anima contemplativa che crede nel riscatto dell'istruzione. Favola amara di una storia vera, che si chiude tra diaspora e alluvione. Valutazione:   ***


IdeeIdeas Innovazione Marketing Comunicazione - Via Melchiorre Gioia, 66 20125 Milano - Tel. +39.388.9368151
Direttore responsabile: Valeria Scrivani - Registrazione presso il tribunale di Milano nº 220 dell'11.05.2012
Copyright ©2012 IdeeIdeas - Tutti i diritti riservati