HomeChi siamoContattiComunicatiPrivacyDisclaimer
 Giovedì 23 maggio 2024
Boxhdl 250x125
Logo IdeeIdeas
Manchette Destra 250x125

Beauty/Moda Salute/Benessere Comunicazione Eventi Largo Consumo Hi-Tech FotoNotizie

Media Motori Programmi Retail Servizi Entertainment/Sport/Turismo MarTech Riflettori Puntati Riflettori Puntati


 FAST NEWS

 FOCUS

Trenta agenzie di rp si propongono all'Anticorruzione
per contribuire a bonificare le gare pubbliche


Per la maggior parte associate ad Assocom/Pr Hub, le agenzie hanno firmato una lettera rivolta al Presidente dell'Autorità Anticorruzione, Raffaele Cantone, offrendo collaborazione tecnica. Un estremo 'atto di amore e responsabilità’ prima di rassegnarsi a non partecipare più a gare pubbliche

25 maggio 2017 - Trenta agenzie di rp, per la maggior parte associate ad Assocom/Pr Hub, hanno inviato una lettera al presidente dell'Autorità Anticorruzione, Raffaele Cantone, per offrire la loro collaborazione tecnica per bonificare gli appalti pubblici in materia di comunicazione.

Le aziende firmatarie individuano almeno 4 fattori che rendono assolutamente critica la situazione e inducono un numero sempre maggiore di aziende a non partecipare più a bandi pubblici per la sfiducia e per la disillusione.

In primo luogo la complessità della normativa sugli appalti che mal si attaglia alla specificità di un settore in cui consulenza e servizi, creatività ed esecuzione si mischiano in un unicum difficilmente scomponibile.

Inoltre, vi è l'oggettiva difficoltà per alcuni componenti le stazioni appaltanti di comprendere il mondo della comunicazione e le veloci e radicali trasformazioni che lo stanno attraversando, per cui si assiste a bandi confusi o assolutamente fuori registro.

A questo va aggiunto il comportamento reiterato di alcuni operatori che fanno del ribasso non un'occasione per mettere in luce la loro capacità organizzativa e industriale ma uno strumento per falsare inequivocabilmente i risultati (ci sono stati in questi ultimi mesi numerosi ribassi di molto superiori al 50%).

Altri ben individuati operatori, poi, giungono a promettere prestazioni professionali molto superiori a quelle che verosimilmente si potrebbero offrire come corrispettivo del budget messo a gara. “Se poi quanto promesso viene effettivamente fornito non ci è dato sapere - scrivono le firmatarie nella lettera - anche perché spesso la capacità di valutare gli stati di avanzamento o è scarsa o è resa meno efficace grazie a pressioni e a consuetudini che lei meglio di noi conosce e combatte”.

“In questo modo – continua la lettera - ci troviamo ad assistere, senza quasi aver più voglia di reagire, a comportamenti, purtroppo mai sanzionati dalle stazioni appaltanti, che inquinano la gara o agendo sul prezzo eccessivamente ribassato o agendo sulle sproporzionate specifiche tecniche promesse nel progetto presentato”.

Il risultato è che in entrambi i casi il corretto esito della gara ne risulti falsato.

Se a questo si aggiunge la pratica delle gare convocate ad horas, le gare bandite durante i periodi di ferie, le gare sottosoglia reiterate per più volte, i contratti quadro che blindano la presenza di un fornitore per anni, senza garantire il giusto e necessario ricambio, il quadro è veramente sconfortante.

A fronte di questa situazione, le agenzie firmatarie, per il profondo rispetto per le istituzioni e la speranza della loro capacità di cambiare, emendando gli errori degli amministratori e sanzionando i comportamenti scorretti, offrono all'Autorità Garante il loro concreto contributo, “quasi fosse un estremo atto di amore”.

"Mettiamo a disposizione - prosegue la lettera - la nostra competenza e la nostra professionalità per valutare non tanto gli esiti di gara, cosa che non ci competerebbe di certo, ma per valutare come il lavoro venga effettivamente svolto dall'aggiudicatario. Per verificare cioè, non in punta di diritto, ma professionalmente e secondo i più affermati standard di valutazione, se ad esempio, a fronte di un ribasso dell'80%, il vincitore abbia effettivamente fornito il servizio e di quale qualità questo sia stato. E se le promesse contenute nel progetto vincitore siano state poi tradotte in azioni concrete e con quali risultati".

“Noi crediamo - hanno dichiarato Andrea Cornelli e Camillo Ricci, che hanno guidato il gruppo di lavoro sulle gare di Assocom/PR Hub - che la comunicazione pubblica sia uno strumento importante per la crescita della coscienza democratica del nostro Paese. Senza una buona comunicazione pubblica, infatti, viene meno la possibilità dei cittadini di essere informati e di valutare compiutamente le politiche pubbliche ed è la stessa democrazia a indebolirsi. Se poi i budget di comunicazione pubblica vengono assegnati in modo non trasparente ne risente il corretto e libero svolgimento del mercato e con esso la par condicio tra le aziende che ne fanno parte”. 

Per questo le agenzie firmatarie hanno chiesto un incontro urgente al Presidente dell'Autorità “per verificare come potrebbe svolgersi l'auspicata collaborazione a supporto della sua indispensabile azione”.


Il Milanese Imbruttito in vacanza si connette
con ‘Eolo Quando Vuoi Max’. Firma Rascal
<
Germano Lanzoni alias Il Milanese Imbruttito è protagonista della nuova campagna di Eolo, operatore di telecomunicazioni con tecnologia FWA (Fixed Wireless Access), che promuove l'offerta ‘Eolo Quando Vuoi Max’ per l'utilizzo della rete, in grado di arrivare fino ai 300 Mbps in download anche nelle seconde case al lago, al mare o in montagna. L'offerta consiste in un prodotto ricaricabile con una banda minima garantita, che permette il funzionamento tutto l'anno dei dispositivi di domotica (come teleriscaldamento o allarme). Nei periodi di maggior utilizzo si passa invece a una formula a consumo. Due i soggetti realizzati in due location differenti, al mare e al lago (nel video): Il Milanese Imbruttito perde la connessione mentre sta guardando un film e una partita. A salvare la serata ci pensano i vicini di casa, che grazie ad Eolo hanno una connessione a prova di streaming. La campagna è su Netflix e Prime Video e sui social Meta, TikTok e YouTube. La versione audio va su radio nazionali e su Spotify. A partire da giugno si potranno vedere e ascoltare gli spot su Rai Play e su Radio Rai, durante i Campionati Europei di calcio. La creatività si deve all'agenzia Rascal, la pianificazione a Media Club. (22 maggio 2024)

Warning: mysqli_fetch_array() expects parameter 1 to be mysqli_result, bool given in D:\inetpub\webs\ideeideasit\Box_fisso.php on line 145

Warning: mysqli_num_rows() expects parameter 1 to be mysqli_result, bool given in D:\inetpub\webs\ideeideasit\Box_fisso.php on line 147
  FAST NEWS<< <



Di Filmmaster il live show della Turkish
Airlines EuroLeague Final Four Berlin
<<<
Per il quinto anno consecutivo la content experience agency Filmmaster ideerà e produrrà i live show per la Turkish Airlines EuroLeague Final Four Berlin, quest'anno ospitata nella Uber Arena (Berlino, 24-26 maggio). La maggior competizione europea per club di pallacanestro ha coinvolto 18 team di cui in final four sono arrivati Real Madrid, Panathinaikos AKTOR Athens, Olympiakos Piraneus, Fenerbahçe Beko Istanbul. Racconta il direttore creativo Adriano Martella: “Due i concetti principali su cui ci siamo concentrati in questi 4-5 mesi: molto più entertainment che branding, più divertimento e coinvolgimento, con un'attenzione non più solamente concentrata nella fase finale, ma equamente distribuita tra tutti i game. Il nostro sforzo è di ricreare scenograficamente una forma iconica, luminosa e cinetica, facilmente divulgabile e coinvolgente, per un grande spettacolo che faccia ballare e cantare tutti”. (Nell'immagine una ripresa dell'edizione 2023) (23 maggio 2024)

 

SULLO SCHERMO
<<<
I DANNATI / Drammatico
Presentato al Festival di Cannes nella sezione ‘Un certain regard’, è nelle sale ‘I Dannati’ (‘The Damned’), diretto da Roberto Minervini, nato nelle Marche ma che vive e lavora negli Stati Uniti, e che è anche autore del soggetto e della sceneggiatura. Nel cast, René W. Solomon, Noah Carlson, Jeremiah Knupp, Timothy Carlson, Cuyler Ballenger. La produzione coinvolge Italia, Usa e Belgio: producono Okta Film e Pulpa Film con Rai Cinema con Michigan Films e BeTv. Distribuisce in Italia Lucky Red. Dura 89'.
Guerra di Secessione, inverno 1862. L'esercito degli Stati Uniti invia a ovest un manipolo di volontari col compito di perlustrare e presidiare le terre inesplorate. Devono resistere per almeno due settimane in attesa dei rinforzi. Isolati nella neve, nel silenzio delle vette del Montana, col nemico che non si vede ma incombe, nemmeno si sa bene chi sia (magari i cercatori d'oro), tra cavalli, carri, fucili, barbe incolte e giubbe blu: la missione travolge uomini più o meno giovani, più o meno esperti di armi e di cose di guerra, più o meno motivati. Come spiega il regista Minervini, è un film di finzione, storico, in costume, ma che non sacrifica il realismo, l'immediatezza, l'intimità. Un racconto estensibile a ogni guerra.  Valutazione:   ****


IdeeIdeas Innovazione Marketing Comunicazione - Via Melchiorre Gioia, 66 20125 Milano - Tel. +39.388.9368151
Direttore responsabile: Valeria Scrivani - Registrazione presso il tribunale di Milano nº 220 dell'11.05.2012
Copyright ©2012 IdeeIdeas - Tutti i diritti riservati