HomeChi siamoContattiComunicatiPrivacyDisclaimer
 Venerdì 30 settembre 2022
Boxhdl 250x125
Logo IdeeIdeas
Manchette Destra 250x125

Beauty/Moda Salute/Benessere Comunicazione Eventi Food/Beverage Hi-Tech Fotonotizie

Media Motori Programmi Retail Servizi Entertainment/Sport/Viaggi Digital Riflettori Puntati Riflettori Puntati


 FAST NEWS

 FOCUS

AssoComunicazione, ‘nella crisi, digitale e audiovisivo
driver del mercato’


In un mercato dei mezzi che chiuderà l'anno in flessione del 7% si evidenziano la crescita del 12.7% del digital adv, delle tv non tradizionali e in generale di tutti i media digitali, in particolare degli audiovisivi. Tra i mezzi più classici, arginano meglio di tutti le radio commerciali


29 giugno 2012 - I numeri sono quello che sono, il 2012 vedrà i mezzi classici chiudere in perdita del 7% - mai come ora le indicazioni dei centri media sono state omogenee -, eppure dal consueto appuntamento di metà anno di AssoComunicazione per le previsioni sull'andamento del mercato della comunicazione (‘Comunicare Domani’) arriva l'invito a guardare un po' più in positivo. Intanto -7% è già meglio del -8.2% registrato da Nielsen a fine aprile: la seconda parte dell'anno sarà in decrescita più lieve della prima anche per un rimbalzo tecnico su un autunno 2011 disastroso. "Cerchiamo tutti di sdrammatizzare - invita Eugenio Bona, presidente della Consulta Media nonché di Media Italia -, ormai siamo tutti tecnologici e convergenti e la tecnologia salverà l'umanità, come disse un guru americano. In più l'Italia sa dare il meglio di sé quando è nel disastro. Bisogna diventare etici in un mondo che non lo è, agenzie e centri media devono lavorare duro per fare rendere al massimo i budget affidati". Resta il fatto che l'investimento totale sarà a fine anno di 8.650 milioni di euro, un dato che riporta il mercato al 2003, e, senza l'apporto della novità del digitale, addirittura a quindici anni prima.

"Il calo - spiega Roberto Binaghi, presidente del Centro Studi, nonché ceo di Mindshare - sarà collegato alla contrazione della raccolta dei media tradizionali, controbilanciato solo in parte dalla crescita dei media digitali, non solo di internet, ma anche di tv sat, dtt, video ooh". Quattro, secondo Binaghi, le dinamiche che meritano attenzione. 1 - Il mercato segna -7% ma il digital adv fa + 12.7%: escludendolo si evidenzierebbe un trend ancora peggiore per i mezzi classici tradizionali. 2 - La tv perde l'8.6% ma le non incumbent (al di fuori delle ‘sette sorelle’) segnano >+8.8%, mostrando che è in atto un travaso interno al mezzo a cui gli editori farebbero bene ad adeguarsi in fretta. 3 - I mezzi digitali, e non solo internet, sono in crescita. Tv sat, dtt, video ooh e digital adv fanno nel complesso +11.2%, ma fanno ancora di più (+13.7%) i mezzi digitali audiovisivi: tv sat, dtt, video adv e video ooh. 4 - Infine, tra i mezzi tradizionali (tutti in rosso) le radio commerciali mostrano di saper arginare bene la perdita, che segnerà solo -3%.

Andando più nel dettaglio, si prevede che il digital adv crescerà del 12.7% e a fine anno peserà, con 1.309 milioni di euro attesi, per il 15% sul totale dell'investimento. Crescono sopra media (+13%) due categorie: web/display adv +e-mail (che vale il 41.6% del digital adv) e search adv +classified+directories (share del 52%), sotto media (rispettivamente +8% e +8.5%) mobile adv (share del 2.9%) e performance (3.5%). Vale la pena osservare che nella categoria web/display adv +e-mail sono compresi anche i video adv, che risultano i più dinamici e trainanti: pur con 88 milioni attesi su 545 segnano +93%. Nella categoria search adv +classified+directories è il search il leader: raccoglierà 505 milioni su 681 marciando a + 15.5%.

Per i mezzi più tradizionali è rosso generalizzato. La radio, che sta recuperando budget di spender non più in grado di accedere alla tv, perde meno della media di mercato, segnerà -6%, meno peggio del 2011 (-12%), con le commerciali a -3%, la Rai a -9% e le locali a -8,5%.

Invece la televisione, che resta il mezzo principe degli spender (concentra il 51% dell'investimento totale), perderà più della media di mercato ( -8.6%) anche perchè i due big players, Rai e Mediaset, vedranno i canali tradizionali flettere rispettivamente del 12.2% e dell'11.2% e, nonostante il buon trend di quelli digitali, chiuderanno a -10,9% e -9,6%. Cresceranno invece La7 e La7d (+7.9%), la tv satellitare (+6,4%) e la digitale (+6,6%) . In forte calo, invece, le locali (-51,9%). Continua la crisi della stampa (-11.9%) coi quotidiani a - 11.5%, con la free press, abbandonata da finanza/assicurazioni e gdo, a -43% e con i magazines a -12.6% (qui perfino l'abbigliamento inizia a disinvestire e toglie il 10% nel primo trimestre).

Per l'esterna la previsione è di -14%, con tutti i formati ‘classici’ in perdita netta, anche quelli più di qualità ma fanno eccezione i più innovativi come i video ooh (+8.6%). Nonostante la digitalizzazione 3D e il rilascio del software per la pianificazione, il cinema pesa solo per lo 0.4% sul totale e perderà a fine anno ben il 25% della raccolta.

Sintetizzando al massimo lo scenario, le parole d'ordine appaiono digitale dentro e fuori la tv e audiovisivo: "Chi ha saputo innovare in questo senso - fa notare Binaghi - è stato premiato. Attenzione però, i protagonisti del mondo internet non sono italiani e non sono editori, si pensi a Google e Facebook. È necessaria una maggior velocità per uscire dal guado in cui si è messa l'editoria italiana. I centri media spingono molto in direzione del digitale, i clienti sono interessati, ma c'è più domanda che offerta".

Anche da Massimo Costa, presidente da pochi mesi di AssoComunicazione e ceo di Young & Rubicam, arriva l'invito a smettere di piangersi addosso: "Il nostro comparto appartiene al Paese e come il Paese dobbiamo diventare europei, abbandonare provincialismi e giochi di cortile". Poi, un po' a sorpresa, arriva anche l'annuncio della necessità di un ripensamento sul ruolo dell'associazione, o meglio di una rifondazione. Cancellato il congresso di ottobre, Costa darà il via a un roadshow per l'Italia per incontrate la base - gli associati sul loro territorio - e comprenderne le necessità, coinvolgendo anche i presidenti di altre associazioni. Sul tappeto temi come la riscrizione delle regole del gioco, la digitalizzazione, l'occupazione. "Questa associazione - ha concluso il presidente - deve essere di nuovo rilevante per il Terziario, altrimenti perde ragione di esistere".

Valeria Scrivani

Dentsu Creative racconta sui social con taglio
neorealistico la collezione F/W ‘22-'23 di Isaia
<
Dentsu Creative ha ideato, realizzato e prodotto shooting per raccontare sui social media la collezione autunno/inverno ‘22-'23 di Isaia, azienda sartoriale di sportswear e accessori fondata nel 1957 a Casalnuovo di Napoli. Il racconto è stato concepito per creare contenuti dinamici e coinvolgenti in linea col mood della collezione, ispirandosi a un'interpretazione neorealistica dello storico quartiere napoletano Rione Sanità. L'approccio dello shooting è cinematografico, gli scatti sono sul lungomare, nelle strade di Rione Sanità, sul palcoscenico del Nuovo Teatro Sanità. I contenuti sono visibili sulla pagina Facebook e nel feed di Instagram di Isaia, insieme alle stories e ai reels, consolidando la strategia di comunicazione adottata dal brand che fonde tradizione e attualità. (29 settembre 2022)
  FAST NEWS<< <
‘Make your Mark’. I dipendenti di VMLY&R si dedicano oggi a lavori utili alle comunità locali. In Italia, nell’Oasi di Vanzago col WWF. Come è diventata tradizione, il network VMLY&R dà oggi 29 settembre in tutto il mondo la possibilità ai suoi 13.000 dipendenti di dedicarsi a progetti di volontariato, supportando organizzazioni no profit
 
Stefano Lieto chief revenue officer in A-Tono. Dopo undici anni, in cui è stato imprenditore e manager in aziende come Mondadori e Contactlab, Stefano Lieto rientra in A-Tono col nuovo ruolo di chief revenue officer
 
Havas Media vince la gara media di Gruppo Hera. Havas Media è stata incaricata a seguito di una gara della pianificazione del Gruppo Hera, multiutility italiana attiva nei settori ambiente, energia e idrico
 
Daniela Pozzessere responsabile marketing di RDS. RDS 100% Grandi Successi ha nominato responsabile marketing Daniela Pozzessere, professionista con lunga esperienza nel mondo dei media e dell'enterteinment
 
Imperial Tobacco Italia affida a Ogilvy Italia le Pr e le digital Pr per il lancio di Pulze. A seguito di una gara, Imperial Tobacco Italia ha affidato a Ogilvy Italia le attività Pr e digital Pr per il lancio e la comunicazione a lungo termine di Pulze, dispositivo heated tobacco di nuova generazione
 
Lars Silberbauer chief marketing officer di HMD Global - Nokia. HMD Global, la casa dei telefoni Nokia, ha nominato Lars Silberbauer chief marketing officer col compito di guidare le attività di marketing di smartphone, telefoni, tablet e accessori del brand, nonché i servizi consumer ed enterprise di HMD Global
 
Auge firma la campagna multi soggetto della catena di healthy food Erbert. Erbert, catena italiana dedicata alla sana alimentazione, ha dato il via a una campagna di comunicazione multi soggetto per incrementare il drive-to-store, la brand awareness e portare il brand di healthy food letteralmente ‘sulla bocca di tutti’
 
Hub09 per la comunicazione digital della vodka Moskovskaya. Il Gruppo Velier, distributore di liquori e distillati, ha affidato a Hub09 Brand People la campagna digital della vodka Moskovskaya
 
Alessandro Zanchetton general manager per l'Italia di Ankorstore. Ankorstore, piattaforma b2b che aiuta negozi e brand indipendenti a crescere sul mercato internazionale, ha nominato Alessandro Zanchetton general manager per l'Italia
 
Il servizio streaming Paramount+ approda su Sky. Prende avvio anche in Italia la partnership pluriennale siglata a livello europeo tra il Gruppo Sky e Paramount legata alla distribuzione del servizio streaming Paramount+
 
SiNSAY sceglie Spada Media Group per il lancio in Italia. SiNSAY, brand di moda e interior design polacco, è arrivato in Italia e ha scelto l'agenzia di comunicazione milanese Spada Media Group per la gestione della comunicazione
 
Stefania Mauri head of marketing & innovation di Fiorucci. Lo storico produttore italiano di salumi Fiorucci, ora parte del gruppo Sigma Alimentos, annuncia l'ingresso di Stefania Mauri con la carica di head of marketing & innovation
 
In novantanove si aggiudicano in tre minuti su Instagram la ‘Borsa del Cavolo’ di Esselunga. Esselunga ha lanciato su Instagram il concorso-lampo esclusivamente rivolto alla community del social con in palio la ‘Borsa del Cavolo’, pensata per gli utenti più attenti e veloci
 
DigitalMind fa rebranding e diventa DMIND. La multichannel communication agency DigitalMind, specializzata nei settori fashion, food, design e travel, presenta il rebranding a partire dal nome che cambia in DMIND
 
Eggers incaricata del lancio in comunicazione de L'Eau de Parfum di Salimbeni. L'atelier romano Salimbeni Profumi ha affidato a Eggers la campagna di comunicazione per il lancio di Eau de Parfum - Elisir Di Bergamotto
 



A Streetvox la concessione in esclusiva
di impianti Dooh di BSUrban Adv a Milano
<<<
Accordo pluriennale tra Streetvox e BSUrban Adv, operante nel settore dell'outdoor di grande formato e del digital outdoor, per la commercializzazione in esclusiva di una serie di posizioni di medio formato digitale a Milano di proprietà di BS. Il team di vendita farà capo a Cristiano Brau, sales director di Streetvox. La posizione top di questo circuito è la coppia di schermi posizionati sulla facciata dell'ex Teatro Smeraldo in piazza 25 Aprile, oggi sede di Eataly. Si tratta di due schermi a led di ultima generazione con effetto 3D a consumi energetici contenuti collocati in posizione dominante e ben visibili da tutta la piazza. Completano il circuito 4 schemi digitali collocati in Alzaia Naviglio Grande, Piazza 24 Maggio, Garibaldi-La Foppa e Montenapoleone. (28 settembre 2022)

 

SULLO SCHERMO
<<<
GLI STATI UNITI CONTRO BILLIE HOLIDAY / Drammatico
È ispirato alla storia di un'icona del jazz e del soul negli anni delle discriminazioni razziali il film ‘Gli Stati Uniti contro Billie Holiday’, diretto da Lee Daniels e scritto dal Premio Pulitzer Suzan-Lori Parks. La cantante Andra Day si è aggiudicata il Golden Globe come migliore attrice protagonista di un film drammatico. Al suo fianco, l'attore Trevante Rhodes (Moonlight). Distribuisce in Italia Bim Film. Dura 130’
Negli anni 40 l'Fbi perseguitò in tutti i modi la cantante di colore Billie Holiday, che riscuoteva ovunque successo ma aveva la colpa di sostenere il movimento per i diritti civili e di avere in repertorio la ballata ‘Strange fruit’, in cui denunciava i linciaggi dei neri. La fragile Holiday assumeva eroina e fu facile farne un capro espiatorio nella battaglia contro la droga. Vittima del Governo, dei federali, dei suoi amori e in parte anche di se stessa, Billie Holiday morì a 44 anni di cirrosi. Il film pecca  di qualche lungaggine ma ha un àtout nella bravura come interprete e cantante della Day.  


IdeeIdeas Innovazione Marketing Comunicazione - Via Melchiorre Gioia, 66 20125 Milano - Tel. +39.388.9368151
Direttore responsabile: Valeria Scrivani - Registrazione presso il tribunale di Milano nº 220 dell'11.05.2012
Copyright ©2012 IdeeIdeas - Tutti i diritti riservati