HomeChi siamoContattiComunicatiPrivacyDisclaimer
 Lunedì 28 settembre 2020
Boxhdl 250x125
Logo IdeeIdeas
Manchette Destra 250x125

Beauty/Moda Benessere Comunicazione Eventi Food/Beverage Hi-Tech Fotonotizie

Media Motori Programmi Retail Servizi Viaggi/Sport/Entertainment Digital Riflettori Puntati


 FAST NEWS

Banner Pubblicitario Alto 630x110
 Eventi

Consumi fermi e investimenti adv a +0,5%. Preoccupa il 2020.
Upa chiede al Governo uno shock che rimetta in moto il Paese

L'assemblea annuale dell'Upa, a tema ‘Ciò che guardi ti riguarda’, ha coniugato riflessioni e suggestioni, mettendo in campo numeri, arte, musica e assistenti virtuali. Ma è partita ritoccando all'ingiù le previsioni di Nielsen di una crescita dell'0,8% degli investimenti pubblicitari in Italia a fine 2019. Preoccupa il sistema Paese, l'incertezza del quadro politico, la piramide demografica rovesciata che incide sui tipi di consumi, ovvero spinge i servizi ma non i beni durevoli. Per far ripartire Paese e investimenti pubblicitari serve una visione di lungo periodo

4 luglio 2019 - Le dinamiche dei consumi, il trend del settore dell'advertising e dei media, i progetti realizzati e quelli in fieri sono stati al centro della conferenza stampa del presidente dell'Upa, Lorenzo Sassoli de Bianchi, che, come di consuetudine, ha preceduto ieri a Milano l'incontro annuale degli associati investitori pubblicitari al Teatro Strehler. Scenografico, l'evento ha coniugato riflessioni e suggestioni, sconfinando dai numeri all'arte e alla musica. Tema portante di Upa 2019: ‘Ciò che guardi ti riguarda’. “Riassume il momento – spiega Sassoli – in cui si trova la comunicazione, che va in due direzioni. Diamo simbolicamente voce a tutti i mezzi attraverso immagini fisse e in movimento, musica e canto e assistenti virtuali, in modo da presentare plasticamente il tema. Upa non può parlare in modo banale.”.

Si parte dai trend. Upa ritocca all'ingiù,
+0,5%, le previsioni di Nielsen di una crescita dell'0,8% degli investimenti pubblicitari in Italia a fine 2019. Nemmeno male se si pensa che a fine aprile si è registrata crescita zero e che, comunque, sarà il quinto anno di seguito con segno positivo e il tasso di crescita pur contenuto sarà superiore a quello del Pil, che resterà vicino allo zero. Anno dispari, tradizionalmente senza i grandi eventi, ma che si è giovato dell'interesse riscosso dai Mondiali femminili di calcio. “Quello che preoccupa - dice Sassoli – ormai è non tanto il 2019 ma il 2020, col possibile aumento dell'Iva e i rischi della manovra economica, mentre la classe media ha il reddito fermo al 2000”. Preoccupa il sistema Paese, coi consumi stagnanti, con l'incertezza del quadro politico, con la piramide demografica rovesciata (130 anziani ogni 100 giovani e solo il 28% della popolazione under 30). Questo influisce sui consumi: più servizi e meno beni durevoli. Gli anziani spendono poco in vestiario e in beni durevoli che hanno già. Non a caso, invece, vanno bene, e quindi investono di più in comunicazione, settori come i farmaceutici e gli assicurativi. Stagnano gli alimentari. Vanno bene i viaggi, magari se ne fa uno ma si fa.

Sul fronte dei mezzi, la tv è stabile ma ha perso quota ed è scesa sotto la soglia del 50% sugli investimenti complessivi. La tv è cambiata: sta diventando di flusso e multipiattaforma, spacchetta le trasmissioni in pillole e in serie tv che vanno in rete, dove ora vengono rilevate da Auditel (vedi news del 26 giugno). La stampa continua a flettere a due cifre e, in termini di ricavi pubblicitari, vale un terzo del periodo pre-crisi (2008), una situazione che preoccupa anche sul lato della produzione di informazione di qualità. Le piattaforme search, social e video hanno fatto registrare l'ennesimo anno di forte crescita (+9,8%) e oggi pesano per il 30% sulla raccolta pubblicitaria, seconda quota dopo la tv (45,4%). In crescita (+2% a maggio) la radio. “L'aspetto problematico - fa notare Sassoli – è che un quarto degli investimenti sul web è tecnicamente ignoto. Mentre, ad esempio, sulle tv ogni azienda può confrontare i propri investimenti con quelli dei competitor, sulle principali piattaforme digitali non è possibile conoscere né le dimensioni degli investimenti, né la loro ti
pologia”.

Quanto alle attività di Upa per gli associati, Sassoli ha citato il data lake Nessie per la gestione dei big data al servizio del marketing e della comunicazione (vedi Focus del 21 giugno); la creazione di una blockchain mirata alla trasparenza della filiera, in particolare del programmatic (vedi Focus del 7 febbraio); theKPI.pro, la guida online per le strategie di comunicazione aperta a tutte le aziende associate e agli operatori della pubblicità; la dashboard degli investimenti pubblicitari, che raccoglie le informazioni sugli investimenti dal 1962, ed è consultabile da tutti; il Libro bianco sulla Comunicazione digitale, già ampliato con specifiche sulla Brand Safety (vedi news del 30 maggio 2018), che evolverà verso gli standard della viewability e della ‘targetability’; la Upadvertisingraffiti, playlist in collaborazione con l'associazione Civita delle campagne che hanno esaltato l'arte, la cultura e il paesaggio nel nostro Paese.

Tra le novità in arrivo, Upa annuncia la prima edizione del Premio Effie Italia, promosso insieme a UNA, destinato alle campagne che hanno registrato la migliore efficacia rispetto a ben definiti KPI.

Sassoli ha poi ribadito l'impegno di Upa nella formazione delle nuove competenze della comunicazione, annunciando il prossimo Master in data science. E tra le positività del momento non ha mancato di citare la vittoria nell'assegnazione a Milano e Cortina delle Olimpiadi Invernali 2026: “Milano, che ritengo oggi la città più dinamica in Europa, se ne gioverà riallacciandosi a quanto di buono e grande è stato fatto con l'Expo. Le Olimpiadi saranno un volano per consumi, economia e investimenti pubblicitari. Ma adesso chiediamo al Governo uno shock per rimettere in moto il Paese. Non si può più ragionare con la testa di ieri”. Se ne riparlerà a UPA 2020, la data è già fissata: appuntamento allo Strehler il 1° luglio.

Patagonia sportwear produce il docu-film
Public Trust in difesa delle public lands in Usa
<
Nuovo capitolo dell'impegno ambientalista di Patagonia, azienda californiana di abbigliamento outdoor. Il regista David Garrett Byars firma il docufilm Public Trust in difesa delle public lands e dei paesaggi naturali degli Stati Uniti contro le speculazioni. Produce Patagonia Films, con Robert Redford e il fondatore di Patagonia Yvon Chouinard quali produttori esecutivi. Il docu-film punta l'attenzione sulla lotta tra avidità e conservazione naturale, evidenziando tre conflitti in corso: il taglio del Bears Ears National Monument in Utah, la potenziale distruzione del Boundary Waters Wilderness nel Minnesota e la vendita di uno degli ultimi luoghi selvaggi d'America, l'Arctic National Wildlife Refuge. Public Trust getta nuova luce sull'argomento proprio prima delle elezioni politiche americane. La première internazionale di Public Trust si è tenuta il 25 settembre su YouTube dove è ora disponibile on demand con sottotitoli in italiano (https://www.youtube.com/watch?v=OGjnIG7puzY) così come sul sito Patagonia. Nel video il trailer.(28 settembre 2020)
  FAST NEWS<< <
Linkedin rinnova la grafica, inserisce nuove emoji e aggiorna la funzione ricerca. Linkedin ha annunciato aggiornamenti per migliorare la user experience degli utenti, che saranno disponibili per tutti nei prossimi mesi
 
CrowdFundMe torna on air con The Van. Torna on air sui canali Sky con un nuovo spot 'CrowdFundMe', progetto di equity crowdfunding che sostiene le start up e le Pmi innovative, supporta gli investitori e gli imprenditori e si fa garante del buon esito dei progetti proposti
 
Nuova brand identity per Banca Widiba. A sei anni dalla nascita e a un anno dalla ridefinizione del concetto di banca come ecosistema finanziario, Banca Widiba cambia brand identity presentandosi con logo, immagine coordinata e sito nuovi e facendo restyling degli uffici
 
Upa prevede la chiusura 2020 a -12% per gli investimenti pubblicitari. Upa, l'associazione dei maggiori investitori pubblicitari in Italia, rivede all'insù le previsioni di chiusura d'anno per gli investimenti in comunicazione
 
Varetto alla direzione Communications e Scrivo alla Public Affairs di Sky Italia. Tesoro Tess evp Advertising, Partnerships & Distribution. In Sky Italia Sarah Varetto, ex direttore di SkyTg24 e poi a capo di Bigger Picture, Inclusion e Internal Communications, assume il ruolo di executive vice president Communications, Inclusion & Bigger Picture
 
Marco Marini vice president external relations di Ansaldo Energia. Marco Marini è stato nominato vice president external relations di Ansaldo Energia, player della produzione di turbine e della transizione energetica
 
Best Brands Italia torna a marzo 2021 con la sesta edizione. Giunto alla sesta edizione, Best Brands Italia, il premio ideato e promosso da ServicePlan e Gfk e patrocinato da Upa, si allinea con le altre edizioni di Germania, Francia, Belgio, Cina, Russia e sposta la data da novembre a marzo 2021 (il 24)
 
La B2B Marketing Conference 2020 l’8 ottobre dal vivo a Milano. ‘Rethink The Change – Come affrontare le nuove sfide digitali del marketing B2B’ è il titolo della seconda edizione della B2B Marketing Conference 2020, organizzata da Anes - Associazione Nazionale Editoria di Settore
 
Cimiciurri riposiziona Havana Club su Facebook verso il target 18-30. A seguito di una gara Havana Club ha affidato a Cimiciurri la gestione della pagina Facebook per rinfrescare la comunicazione social e intercettare il target 18-30 anni
 



Ben Sherman vara la campagna
per la collezione FW20 di taglio mod revivalist
<<<
Per la collezione Fall Winter 2020 il marchio fashion britannico Ben Sherman si è ispirato agli ultimi anni dell'era mod revivalist, mescolando lo stile anni '60 con le radici della Ivy League. I capi basic includono blazer destrutturati, t-shirt con logo, cappotti in lana a quadri e pantaloni in flanella. L'influenza sporty retrò della collezione viene trasmessa nei maglioni da cricket con scollo a V profondo, polo e cardigan college a righe. La camicia button-down del marchio rimane una dei protagonisti della stagione. La campagna di lancio è stata realizzata con scatti del fotografo britannico Tom Craig sotto la direzione creativa di Dan May. (28 settembre 2020)

 

SULLO SCHERMO
<<<
LEONARDO / Serie evento di Rai del 2021
Nel giorno dell'anniversario della nascita di Leonardo Da Vinci, il 15 aprile, una clip ha svelato il volto interpretato da Aidan Turner nella nuova grande serie evento di Rai del 2021. Prodotta da Lux Vide con Rai Fiction, Big Light Productions in associazione con France Télévisions e RTVE, co-prodotta e distribuita nel mondo da Sony Pictures Television, la serie ‘Leonardo’ è stata creata da Frank Spotnitz e Steve Thompson e diretta da Dan Percival e Alexis Sweet. Nel cast anche Giancarlo Giannini, Matilda De Angelis, Freddie Highmore. 
La serie racconta il mistero dell'uomo oltre che del genio, attraverso una storia inedita e originale che scava in profondità in una personalità complessa ed enigmatica, rivelandone la straordinaria modernità e la profonda umanità. La prima clip dalla serie mostra Aidan Turner nei panni di Leonardo, prima come giovane apprendista poi alle prese con una delle sue maggiori opere: L'Ultima cena. Le immagini sono tratte dal girato originale e sono accompagnate dalla musica di John Paesano. Eleonora Andreatta, direttore di Rai Fiction, dichiara: “Leonardo ci offre un esemplare modello di umanità che è anche un invito alla fiducia nelle capacità degli uomini di affrontare i problemi della vita con la versatilità di chi ha saputo tenere insieme in una sintesi prodigiosa la scienza e la poesia, la tecnologia e l'arte”.  


IdeeIdeas Innovazione Marketing Comunicazione - Via Melchiorre Gioia, 66 20125 Milano - Tel. +39.388.9368151
Direttore responsabile: Valeria Scrivani - Registrazione presso il tribunale di Milano nº 220 dell'11.05.2012
Copyright ©2012 IdeeIdeas - Tutti i diritti riservati